WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 15684
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 3
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 646
    [max_num_pages] => 65
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 1
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => cba81fe2cff84fc3ecc1a04fe6c34559
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 15684
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 3
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (15684) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 20, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15311
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-03-28 10:01:39
                    [post_date_gmt] => 2019-03-28 09:01:39
                    [post_content] => Come si forma il plurale dei nomi che finiscono in -o, in -co, -go e in -io? 

Il prossimo esercizio vi aiuterà a verificare la vostra conoscenza di questo argomento.

Se volete rinfrescarvi le idee: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2013/03/21/la-formazione-del-plurale-1-approfondimento/

 
                    [post_title] => Test di ripasso- Il plurale dei nomi in -o
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-di-ripasso-il-plurale-dei-nomi-in-o
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-03-28 10:01:39
                    [post_modified_gmt] => 2019-03-28 09:01:39
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15311
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15306
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-03-28 09:57:33
                    [post_date_gmt] => 2019-03-28 08:57:33
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, per formare il plurale di un nome è necessario conoscere alcune regole, ma ci sono anche molte eccezioni. Questa settimana potrete mettervi alla prova con una serie di esercizi su questo argomento.

Buon test!

Prof. Anna

Con il prossimo esercizio ripasseremo la formazione del plurale dei nomi in -a; in -ca, -ga; in -cia, -gia.

Per ripassare questo argomento prima di affrontare il test, potete leggere il seguente articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2013/03/21/la-formazione-del-plurale-1-approfondimento/
                    [post_title] => Test di ripasso- Il plurale dei nomi in -a
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, per formare il plurale di un nome è necessario conoscere alcune regole, ma ci sono anche molte eccezioni. Questa settimana potrete mettervi alla prova con una serie di esercizi su questo argomento.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-di-ripasso-il-plurale-dei-nomi-in-a
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-05-07 11:40:06
                    [post_modified_gmt] => 2019-05-07 09:40:06
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15306
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 1
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15250
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-03-21 10:08:01
                    [post_date_gmt] => 2019-03-21 09:08:01
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è ancora lunga la lista di verbi che possono farci sbagliare! Vediamo insieme quali sono e come si coniugano.

Buona lettura!

Prof. Anna

Per evitare dubbi ed errori nella coniugazioni dei verbi (principalmente di verbi irregolari e difettivi), proseguiamo lo studio, iniziato alcune settimane fa ( https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/02/14/coniugazione-dei-verbi-gli-errori-piu-comuni-prima-parte/ ), dei casi più significativi.

Se ci sono verbi che non conoscete, utilizzate il dizionario on line, basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una finestra, cliccando una volta su questa finestra verrà visualizzato il significato della parola.

• cuocere → il passato remoto di questo verbo è: io cossi; tu cuocesti (o cocesti), egli cosse, noi cuocemmo (o cocemmo), voi cuoceste (o coceste,) essi cossero. Per il participio passato un tempo si usava anche la forma cociuto, oggi sopravvive solo cotto;

• dare → le forme dell'indicativo presente do , dai, danno non richiedono l'accento, mentre la terza persona singolare  va sempre accentata. Nell'imperativo la forma da' ha l'apostrofo in quanto troncamento di dai (si tratta di uno dei casi di troncamento con apostrofo); questa forma può assumere, in unione con particelle pronominali, le forme dammi, dagli, dalle, dacci, danne, dammene, dagliene, daccene ecc.  Datti è l'imperativo della forma riflessiva darsi (datti una regolata); dattela è l'imperativo della forma intensiva darsela (dattela a gambe). Il passato remoto è io diedi o io detti, ma la forma più comunemente usata è la prima;

• dirimere → la coniugazione di questo verbo prevede per alcune persone due alternative, entrambe corrette:  io dirimei / dirimetti, tu dirimesti, egli dirimé / dirimette, noi dirimemmo, voi dirimeste, essi dirimerono / dirimettero. Questo verbo è difettivo del participio passato e quindi dei tempi composti;

• dovere →  è più corretto devo o debbo? devono o debbono? deva o debba? devano o debbano? Tutte queste forme sono corrette, le forme devo, devono, deva, devano sono più diffuse rispetto alle altre, mentre il congiuntivo debba è più frequente rispetto a deva;

• esigere → il passato remoto  del verbo esigere è io esigetti o esigei, tu esigesti; il participio passato è esatto, con questo valore verbale, esatto si usa solo nel linguaggio burocratico, col significato di "riscosso";

• espellere → l'indicativo presente del verbo espellere è io espello, tu espelli, egli espelle, noi espelliamo, voi espellete, essi espellono; il passato remoto io espulsi, tu espellesti, egli espulse, noi espellemmo, voi espelleste, essi espulsero; il congiuntivo presente che io espella, che tu espella, che egli espella, che noi espelliamo, che voi espelliate, che essi espellano; il participio passato è espulso;

• incutere → il passato remoto è io incussi, tu incutesti, il participio passato è incusso.

Fonti: http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/verbi-difficili
                    [post_title] => Coniugazione dei verbi: gli errori più comuni 2
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è ancora lunga la lista di verbi che possono farci sbagliare! Vediamo insieme quali sono e come si coniugano.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => coniugazione-dei-verbi-gli-errori-piu-comuni-2
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-06-06 11:43:59
                    [post_modified_gmt] => 2019-06-06 09:43:59
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15250
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 9
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15237
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-03-14 10:35:13
                    [post_date_gmt] => 2019-03-14 09:35:13
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blogla frase scissa è una costruzione usata con una certa frequenza nel parlato, è per questo che è importante sapere come si usa.

Vediamolo insieme.

Buona lettura!

Prof. Anna

PERCHÈ SI USA

Nella lingua parlata si fa spesso ricorso alle frasi segmentate, così chiamate perché sono il risultato di una trasformazione che suddivide l'informazione di un'unica frase in due parti.

Dal punto di vista comunicativo, questo tipo di costruzioni serve a concentrare l'attenzione dell'ascoltatore su un particolare elemento, isolandolo e mettendolo in evidenza rispetto al resto della frase. Al principio della frase si colloca l'informazione "nuova", che si vuole evidenziare, isolandola dall'informazione "nota", che è collocata nel secondo segmento:  è lui (informazione nuova) che mi ha portato il libro (informazione nota).

COME SI USA

La frase scissa è il risultato della suddivisione di una frase semplice in due frasi.

È possibile mettere in evidenza i diversi elementi della frase:

• il soggetto: Marco canta (frase semplice) → è Marco che canta (frase scissa);

• il complemento oggetto: Lucia vuole il gelatoè il gelato che vuole Lucia;

• un complemento indiretto: stavamo parlando di politica era di politica che stavamo parlando;

• un avverbio: ci dobbiamo vedere domani → è domani che ci dobbiamo vedere;

• una subordinata: non mi piace parlare in pubblico → è parlare in pubblico che non mi piace.

Il soggetto, il complemento oggetto, un altro complemento indiretto o anche una frase sono "estratti" dalla loro posizione e, accompagnati dal verbo essere in funzione di copula, formano una proposizione a sé (è Marco), mentre il resto della frase, introdotta da che, costituisce una seconda proposizione (che canta).

Il verbo essere della prima frase concorda con la persona e il numero del soggetto della subordinata: Giovanni e Luca saranno interrogati → sono Giovanni e Luca che saranno interrogati.

Con il pronome personale di prima e seconda persona la concordanza c'è solo se il pronome ha funzione di soggetto: tu hai ragione → sei tu che hai ragione.

Quando il pronome ha la funzione di complemento oggetto la concordanza non c'è e il verbo essere è alla terza persona singolare: stanno chiamando te  → è te che stanno chiamando.

La frase scissa ha anche una costruzione implicita, ma solo nei casi in cui l'elemento da evidenziare sia il soggetto. Il secondo elemento è introdotto dalla preposizione a e il verbo è all'infinito: Elena suonerà il violino → sarà Elena a suonare il violino; Francesca ha vinto → è Francesca ad aver vinto / è stata Francesca a vincere.

CASI PARTICOLARI

Un caso particolare è costituito dalle frasi scisse cosiddette temporali, in cui nella posizione di elemento scisso si trova un sintagma nominale che indica una durata: è un anno che non ti vedo. La frase semplice di partenza in questo caso è: non lo vedo da un anno, e la corrispondente frase scissa è: è da un anno che non lo vedo; ma la particolarità di questo costrutto è che l'espressione di tempo che contiene una preposizione (da un anno) , può perderla: è un anno che non lo vedo. Quindi una frase come: non dormo da due giorni può essere trasformata in due modi: è da due giorni che non dormo; sono due giorni che non dormo.

 

Nell'esercizio che segue troverete delle frasi semplici, partendo da queste dovrete formare la frase scissa corrispondente. L'elemento da mettere in evidenza (quello che si troverà nel primo segmento della frase) è scritto in corsivo: il gatto miagola → è il gatto che miagola. In questo esercizio le frasi scisse cominciano con la minuscola. La costruzione è esplicita a meno che non sia richiesta quella implicita. Nel caso in cui ci siano due possibilità per formare la frase scissa, sceglietene una.

 
                    [post_title] => La frase scissa
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog,  la frase scissa è una costruzione usata con una certa frequenza nel parlato, è per questo che è importante sapere come si usa. Vediamolo insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-frase-scissa
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-03-21 10:15:58
                    [post_modified_gmt] => 2019-03-21 09:15:58
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15237
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 12
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15219
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-03-07 10:46:55
                    [post_date_gmt] => 2019-03-07 09:46:55
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, magari fosse facile imparare una lingua straniera! Di sicuro non lo è, ma oggi impareremo come si usa  e cosa significa la parola magari.

Buona lettura!
Prof. Anna

È interessante sapere che la parola magari deriva dal greco makàrie che significa "o beato", vocativo di makàrios "beato", infatti in italiano spesso si usa per esprimere un forte desiderio, un auspicio, una speranza. Può avere diverse funzioni grammaticali e altrettanti significati.

Magari può avere funzione di:

• interiezione, in questo caso esprime desiderio, adesione entusiastica o rimpianto. Si può tradurre con le esclamazioni sarebbe bello!, lo spero!, me lo auguro!, in questo caso si usa da solo come risposta a una domanda per manifestare appunto un desiderio: vuoi venire con noi? Magari! (sarebbe bello!),  o un rimpianto: hai superato l'esame? Magari! (sarebbe stato bello, ma non l'ho superato); con tono meno enfatico, nel senso di sì, se possibile:  "Prenoto anche per te?” “Eh, magari"; congiunzione, in questo caso può significare:

→ volesse il cielo che, sarebbe bello che, oh se e introduce una proposizione col verbo al congiuntivo: magari potessi venire anch'io, ma devo lavorare; magari fosse vero!;anche se, quandanche e introduce una proposizione concessiva con il verbo al congiuntivo: lo farò, dovessi magari impiegarci anni (=anche se dovessi impiegarci anni); avverbio con il significato di:

→ forse, probabilmente, eventualmente, semmai: è in ritardo, magari non verrà; (forse non verrà); hai fame? Magari ti preparo qualcosa da mangiare (eventualmente ti preparo qualcosa da mangiare);

→ anche, persino, addirittura: sarebbe magari capace di negare tutto.

 
                    [post_title] => Usi e significati di "magari"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, magari fosse facile imparare una lingua straniera! Di sicuro non lo è, ma oggi impareremo come si usa  e cosa significa la parola "magari".
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => usi-e-significati-di-magari
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-05-21 09:21:54
                    [post_modified_gmt] => 2019-05-21 07:21:54
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15219
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 16
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15177
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-28 10:06:09
                    [post_date_gmt] => 2019-02-28 09:06:09
                    [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo le espressioni e i modi di dire formati con la parola fronte.

Per ripassarli, vi consiglio di leggere questo articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/02/21/a-fronte-di-fronte-sul-fronte-espressioni-con-la-parola-fronte/
                    [post_title] => Test 60- Espressioni con la parola "fronte"
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-60-espressioni-con-la-parola-fronte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-28 10:06:09
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-28 09:06:09
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15177
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 3
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15175
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-28 10:02:44
                    [post_date_gmt] => 2019-02-28 09:02:44
                    [post_content] => È sempre utile ripassare la coniugazione dei verbi, tanto più se si tratta di verbi non regolari.

Per ripassarli prima del test: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/02/14/coniugazione-dei-verbi-gli-errori-piu-comuni-prima-parte/
                    [post_title] => Test 60- Coniugazione dei verbi: gli errori più comuni 1
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-60-coniugazione-dei-verbi-gli-errori-piu-comuni-1
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-28 10:02:44
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-28 09:02:44
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15175
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15168
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-28 10:02:10
                    [post_date_gmt] => 2019-02-28 09:02:10
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, se avete ancora dei dubbi sugli argomenti trattati di recente sul blog, questa è l'occasione giusta per ripassarli.

Buon test!
Prof. Anna

Nell'esercizio che segue dovrete scegliere quale articolo usare, quale preposizione usare e se quest'ultima deve essere semplice o articolata.

Nel caso in cui l'articolo non sia necessario, bisogna scrivere nessun articolo nello spazio vuoto.

Per ripassare questo argomento prima di fare il test: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/01/31/uso-dellarticolo-davanti-alle-date-alle-ore-ai-giorni/

 

 
                    [post_title] => Test 60- Uso dell'articolo davanti alle date, alle ore, ai giorni
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, se avete ancora dei dubbi sugli argomenti trattati di recente sul blog, questa è l'occasione giusta per ripassarli.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-60-uso-dellarticolo-davanti-alle-date-alle-ore-ai-giorni
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-03-11 10:19:50
                    [post_modified_gmt] => 2019-03-11 09:19:50
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15168
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15152
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-21 10:17:05
                    [post_date_gmt] => 2019-02-21 09:17:05
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, qual è la differenza tra "a fronte", "di fronte", "sul fronte"?  Vediamo insieme il significato di queste e di altre espressioni formate con la parola fronte.

Un saluto

Prof. Anna

La parola fronte può essere sia femminile (la fronte) sia maschile (il fronte).

LA FRONTE

Il sostantivo femminile la fronte significa parte della testa tra le sopracciglia e l'attaccatura dei capelli: fronte ampia, fronte spaziosa, fronte alta, fronte bassa, fronte rugosa.

Vediamo alcune espressioni formate con questa parola:

• di fronte, di fronte a → di faccia, davanti: me lo sono trovato di fronte quando meno me lo aspettavo; davanti a: mettiti di fronte a me; in presenza di: non devi scoraggiarti di fronte a un problema;

• a fronte di → in relazione a, in rapporto a, come conseguenza di: a fronte di questa situazione sono stati presi provvedimenti definitivi;

• a fronte alta, andare a fronte alta, tenere alta la fronte →  con fierezza, non avere nulla di cui vergognarsi, avere la coscienza tranquilla,  ostentare coraggio o spavalderia (come : andare a testa alta): puoi portare il tuo cognome a fronte alta;a fronte bassa → con vergogna, rassegnazione: se ne andò a fronte bassa;

• chinare la fronte → cedere, sottomettersi, umiliarsi davanti a qualcuno: non intendo chinare la fronte davanti a nessuno;

• avere qualcosa scritto in fronte → lasciar trapelare le proprie emozioni: si vede che sei innamorato di lei, ce l'hai scritto in fronte!;

• leggere in fronte a qualcuno → indovinarne lo stato d'animo, il pensiero: gli si legge tutto in fronte, non sa nascondere nulla.

IL FRONTE

Il sostantivo maschile il fronte significa, nel linguaggio militare, la linea lungo la quale le forze belligeranti contrapposte si fronteggiano o sono a contatto: fronte occidentale; fronte orientale; andare al fronte; cambiamento di fronte. Può significare anche coalizione, alleanza di partiti o movimenti politici in vista del raggiungimento di un fine comune: fronte democratico; fronte popolare; fronte di liberazione nazionale.

Vediamo alcune espressioni formate con questa parola:

• sul fronte di → relativamente a un dato settore: nuove misure sul fronte dell'occupazione;

• su due fronti → in due diversi settori: essere impegnato su due fronti;far fronte a qualcuno /a qualcosa → fronteggiare, contrastare un avversario, tenere testa, affrontare una situazione, un impegno, un imprevisto; far fronte a una spesa: affrontarla; far fronte a un impegno: mantenerlo; far fronte a un bisogno: provvedervi con i mezzi opportuni;

• fare fronte comune → unirsi strettamente per una lotta comune, per la difesa di comuni ideali o interessi: non si può più tacere di fronte a questa ingiustizia, bisogna fare fronte comune!.
                    [post_title] => "A fronte", "di fronte", "sul fronte". Espressioni con la parola "fronte"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, qual è la differenza tra "a fronte", "di fronte", "sul fronte"?  Vediamo insieme il significato di queste e di altre espressioni formate con la parola "fronte".
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => a-fronte-di-fronte-sul-fronte-espressioni-con-la-parola-fronte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-03-11 10:20:11
                    [post_modified_gmt] => 2019-03-11 09:20:11
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15152
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15125
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-14 11:21:46
                    [post_date_gmt] => 2019-02-14 10:21:46
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quante volte capita di sbagliare la coniugazione di un verbo o avere dei dubbi al riguardo? Vediamo insieme le forme verbali che di solito fanno nascere incertezze.

Buona lettura!

Prof. Anna

Spesso sono i verbi con una coniugazione irregolare a creare problemi. Nell'apprendere una lingua si è naturalmente portati a regolarizzare ciò che non rientra nelle regole: può accadere al bambino quando apprende la lingua materna e all'adulto quando apprende una seconda lingua. Un'altra categoria di verbi che mette in difficolta è quella dei verbi difettivi, cioè quei verbi che mancano di alcuni tempi, modi e persone verbali.

Ecco alcuni verbi che possono creare difficoltà:

• accedere → è un composto del verbo cedere e quindi la sua coniugazione è come quella del verbo di partenza. Il passato prossimo è io ho acceduto, ma questo verbo è poco usato nei tempi composti.  Alcune persone del passato remoto hanno due forme, entrambe corrette: io accedei/accedetti, tu accedesti, egli accedé/accedette, noi accedemmo, voi accedeste, essi accederono/accedettero;

• aprire → qual è il passato remoto di questo verbo? Aprii o apersi? In passato le due forme venivano usate con uguale frequenza, oggi invece la forma più comune è io aprii,  egli aprì, essi aprirono; benedire → il verbo benedire è un composto del verbo dire, i composti del verbo dire (benedire, maledire, contraddire, disdire, predire, ridire) seguono la coniugazione del verbo dire, quindi io benedicevo, io benedissi. Fa eccezione la seconda persona dell'imperativo, che nel verbo dire è di', mentre nei composti è -dici: benedici, maledici;

• convenire → il passato remoto è convenne o convenì? E qual è il passato remoto dei verbi composti con il verbo venire (avvenire, contravvenire, convenire, divenire, intervenire, pervenire, prevenire, provenire, rinvenire, rivenire, sconvenire, sopravvenire, sovvenire, svenire)? Questi verbi si coniugano come venire, il verbo base. Poiché il passato remoto di venire è venni, venisti, venne, venimmo, veniste, vennero, il passato remoto di un suo composto, come convenire, sarà: convenni, convenisti, convenne, convenimmo, conveniste, convennero;

• coprire → il passato remoto è coprii o copersi? Come per il passato remoto di aprire, anticamente venivano usate tutt'e due le forme; oggi è molto più comune il tipo io coprii, egli coprì. Questo vale anche per i suoi composti: ricoprire, riscoprire e scoprire;cuocere → il passato remoto di cuocere è cossi, cuocesti, cosse, cuocemmo, coceste, cossero. Il participio passato è cotto, in passato si usava la forma cociuto.

Fonti: http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/verbi-difficili
                    [post_title] => Coniugazione dei verbi: gli errori più comuni 1
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quante volte capita di sbagliare la coniugazione di un verbo o avere dei dubbi al riguardo? Vediamo insieme le forme verbali che di solito fanno nascere incertezze.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => coniugazione-dei-verbi-gli-errori-piu-comuni-prima-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-06-06 11:42:31
                    [post_modified_gmt] => 2019-06-06 09:42:31
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15125
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 3
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 15311
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2019-03-28 10:01:39
            [post_date_gmt] => 2019-03-28 09:01:39
            [post_content] => Come si forma il plurale dei nomi che finiscono in -o, in -co, -go e in -io? 

Il prossimo esercizio vi aiuterà a verificare la vostra conoscenza di questo argomento.

Se volete rinfrescarvi le idee: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2013/03/21/la-formazione-del-plurale-1-approfondimento/

 
            [post_title] => Test di ripasso- Il plurale dei nomi in -o
            [post_excerpt] => 
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => test-di-ripasso-il-plurale-dei-nomi-in-o
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2019-03-28 10:01:39
            [post_modified_gmt] => 2019-03-28 09:01:39
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15311
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 2
            [filter] => raw
        )

)
Archivi: Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue | Pagina 3