WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 17389
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 702
    [max_num_pages] => 71
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => 105ac2cf8ab834c21cfa8f95c5539988
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 17389
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (17389) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17370
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-06-18 08:36:34
                    [post_date_gmt] => 2020-06-18 06:36:34
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, cosa vi fa venire in mente la parola genere? Ognuno di voi potrebbe dare una risposta diversa vista la grande varietà di contesti in cui possiamo utilizzarla. Vediamo insieme quali sono.

Buona lettura!

Prof. Anna

La parola genere deriva dal latino gĕnus, genitivo gĕneris, dal verbo gĭgnere (generare).

Nel suo significato più ampio indica una classe di oggetti che hanno le stesse proprietà essenziali, mentre differiscono per altre non essenziali, in questo senso si avvicina al significato del termine categoria. Nella classificazione degli organismi il genere è la categoria sistematica, inferiore alla famiglia, che raggruppa più specie: animali, piante dello stesso genere, di generi diversi.

Per estensione indica insieme di persone o cose che hanno caratteristiche fondamentali comuni, è per lo più sinonimo di qualità, sorta, tipo, alcuni esempi: questo genere di vita mi ha stancato; mi piace frequentare persone di ogni genere.

Vediamo alcune espressioni legate a questi significati:

In letteratura e in musica il genere indica ciascuna delle forme di espressione, o categorie di opere, definite da un insieme determinato di caratteri di forma o di contenuto (genere drammatico, genere strumentale):

Usato specialmente al plurale può aver il significato di merce, prodotto:

Abbiamo parlato tante volte del genere grammaticale, cioè la categoria grammaticale fondata sulla distinzione tra maschile, femminile e, in alcune lingue, neutro (genere maschile, genere femminile, genere neutro).

Con riferimento alla specie umana indica l'appartenenza all'uno o all'altro sesso, specialmente con riferimento al contesto culturale o professionale dell'individuo.

In questo senso si parla di:

Negli ultimi anni sono entrate a far parte del nostro lessico parole che contengono il termine inglese gender, che ha il significato di genere in questa ultima accezione:

 
                    [post_title] => Le sfumature del "genere"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, cosa vi fa venire in mente la parola "genere"? Ognuno di voi potrebbe dare una risposta diversa vista la grande varietà di contesti in cui possiamo utilizzarla. Vediamo insieme quali sono.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => le-sfumature-del-genere
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-06-18 08:37:51
                    [post_modified_gmt] => 2020-06-18 06:37:51
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17370
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17359
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-06-11 08:22:22
                    [post_date_gmt] => 2020-06-11 06:22:22
                    [post_content] => È molto importante saper usare correttamente la punteggiatura.

Mettetevi alla prova col prossimo esercizio.

Ecco alcuni articoli per rifrescarvi le idee sull'uso della virgola, del punto, del punto e virgola e dei due punti:

                    [post_title] => Test 70 - La punteggiatura
                    [post_excerpt] => È molto importante saper usare correttamente la punteggiatura.
Mettetevi alla prova col prossimo esercizio
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-70-la-punteggiatura
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-06-11 08:24:12
                    [post_modified_gmt] => 2020-06-11 06:24:12
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17359
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17362
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-06-11 08:20:20
                    [post_date_gmt] => 2020-06-11 06:20:20
                    [post_content] => Quando usiamo qui? Quando usiamo qua? Che differenza c'è tra  e ?

Se non sapete rispondere a queste domande, vi consiglio un ripasso veloce prima di fare il test: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2020/05/28/avverbi-di-luogo/
                    [post_title] => Test 70 - Gli avverbi di luogo
                    [post_excerpt] => Quando usiamo qui? Quando usiamo qua? Che differenza c'è tra lì e là?
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-70-gli-avverbi-di-luogo
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-06-11 08:25:52
                    [post_modified_gmt] => 2020-06-11 06:25:52
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17362
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17356
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-06-11 08:17:54
                    [post_date_gmt] => 2020-06-11 06:17:54
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi ripasseremo alcuni argomenti. Siete pronti?

Buon test!
Prof. Anna

Il primo esercizio è sui modi di dire che contengono la parola buono.

Per ripassare questo argomento prima di affrontare il test, leggete questi articoli:

 
                    [post_title] => Test 70 - Modi di dire con la parola "buono"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi ripasseremo alcuni argomenti. Siete pronti?
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-70-modi-di-dire-con-la-parola-buono
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-06-18 08:51:59
                    [post_modified_gmt] => 2020-06-18 06:51:59
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17356
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17291
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-06-02 13:13:25
                    [post_date_gmt] => 2020-06-02 11:13:25
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi è il 2 giugno e in Italia si celebra la Festa della Repubblica. Ripercorriamo insieme gli avvenimenti che portarono alla nascita della Repubblica.

Buona lettura!

Prof. Anna

La storia

Il 2 e il 3 giugno del 1946 si tenne un referendum istituzionale con il quale gli italiani vennero chiamati alle urne per decidere quale forma di stato dare al paese: monarchia o repubblica?

Il referendum fu indetto al termine della seconda guerra mondiale, qualche anno dopo la caduta del fascismo. Questo referendum fu la prima votazione a suffragio universale in Italia. I risultati ufficiali furono annunciati il 18 giugno 1946, e fu quel giorno che la Corte di Cassazione proclamò ufficialmente la nascita della Repubblica Italiana: 12.718.641 italiani votarono a favore della repubblica, 10.718.502 a favore della monarchia e 1.498.136 furono le schede bianche o nulle. Lo spoglio del risultato mostrò chiaramente che l’Italia era divisa in due metà. Nel Nord Italia la repubblica vinse in quasi tutti i centri urbani principali, mentre al sud il voto fu quasi ovunque prevalente per la monarchia; a Roma i voti per la monarchia superarono di poco quelli per la repubblica. La repubblica ottenne il risultato più ampio a Trento, dove conquistò l’85 per cento dei consensi.

La cerimonia

La cerimonia ufficiale della Festa della Repubblica prevede che il presidente della Repubblica deponga una corona d’alloro sulla tomba del Milite Ignoto (il Milite Ignoto è un militare morto in una guerra il cui corpo non è stato identificato e che si pensa non potrà mai essere identificato; la sua tomba è una sepoltura simbolica che rappresenta tutti coloro che sono morti in un conflitto e che non sono mai stati identificati) all’Altare della Patria che si trova a Roma in piazza Venezia. Lungo i Fori Imperiali a Roma si svolge poi la sfilata delle forze armate (che quest’anno, a causa della pandemia, non ci sarà) con l'esibizione delle Frecce Tricolore (le Frecce Tricolori, il cui nome ufficiale è 313º Gruppo Addestramento Acrobatico, è la Pattuglia Acrobatica Nazionale dell'Aeronautica Militare Italiana, nata nel 1961 in seguito alla decisione dell'Aeronautica stessa di creare un gruppo permanente per l'addestramento all'acrobazia aerea collettiva dei suoi piloti).

La prima celebrazione della Festa della Repubblica Italiana avvenne il 2 giugno 1947, mentre nel 1948 si ebbe la prima parata militare in via dei Fori Imperiali. Per molti anni, per ragioni economiche, fu resa una "festa mobile" (si festeggiava la prima domenica di giugno), lo si decise nel 1977 a causa della crisi economica, per non perdere un giorno lavorativo. Nel 2001, su impulso dell’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, venne ristabilita la data del 2 giugno.

Per approfondire: https://www.festadellarepubblica.it/

Nel testo ci sono alcune parole il cui significato potrebbe essere poco chiaro, vediamole insieme:

Dopo aver letto il testo, prova a rispondere alle domande:

1- Cosa avvenne il 2 giugno 1946?

2- I risultati mostrarono che l'Italia era divisa in due. In che senso?

3- Cos'è il suffragio universale?

4- Quando fu celebrata per la prima volta la Festa della Repubblica?

5- Quale carica istituzionale depone una corona d'alloro sulla tomba del Milite Ignoto?

6- Perché per molti anni la Festa della Repubblica fu celebrata la prima domenica di giugno?

7- Quando venne ristabilita la data del 2 giugno?

8- Nel vostro paese d'origine c'è una festa simile? Quale?

 
                    [post_title] => La Festa della Repubblica
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi è il 2 giugno e in Italia si celebra la Festa della Repubblica. Ripercorriamo insieme gli avvenimenti che portarono alla nascita Repubblica.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-festa-della-repubblica
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-06-11 08:28:23
                    [post_modified_gmt] => 2020-06-11 06:28:23
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17291
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 9
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17274
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-05-28 09:07:48
                    [post_date_gmt] => 2020-05-28 07:07:48
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi vedremo quali sono i principali avverbi di luogo.

Buona lettura!

Prof. Anna

L'avverbio è una parte invariabile del discorso, che serve a modificare, specificare e determinare il significato della frase.

Abbiamo già parlato degli avverbi di tempo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2015/03/26/gli-avverbi-di-tempo-approfondimento/ ,

oggi vedremo quelli di luogo.

Gli avverbi di luogo specificano il luogo di un'azione, la collocazione di qualcuno o qualcosa nello spazio rispetto a chi parla o chi ascolta.

Vediamo quali sono i principali:

Attenzione!

Sopra, sotto. davanti. dietro. fuori, dentro, vicino, lontano ecc. possono avere più di una funzione:

→ sono avverbi di luogo quando modificano un verbo: vieni dentro!; mia sorella vive lontano;

→ sono preposizioni quando precedono un nome e lo collegano ad altri elementi della frase: la valigia è sotto il letto; il gatto si è nascosto dietro il mobile;

→ sono locuzioni prepositive quando si accompagnano a una preposizione: la situazione è davanti ai tuoi occhi; voglio stare vicino a te.
                    [post_title] => Avverbi di luogo
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi vedremo quali sono i principali avverbi di luogo.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => avverbi-di-luogo
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-06-02 13:17:07
                    [post_modified_gmt] => 2020-06-02 11:17:07
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17274
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17236
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-05-21 08:18:22
                    [post_date_gmt] => 2020-05-21 06:18:22
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, voi come dite? Mass media o mass midia? Summit o sammit? E qual è il motivo di questa ambiguità? Proviamo a sciogliere questi dubbi.

Buona lettura!

Prof. Anna

La parola media è un latinismo di ritorno, ovvero una parola latina che non è entrata direttamente nell’italiano, ma che è "ritornata" passando attraverso un’altra lingua, in questo caso l’inglese, per questo abbiamo due pronunce: media è la pronuncia latina e midia è la pronuncia inglese. L'inglese è la lingua che maggiormente, nel corso della sua storia, ha sfruttato il latino per il recupero e la coniazione di nuove parole.

I dubbi che riguardano i latinismi di ritorno riguardano la pronuncia e la formazione del plurale.

Quelli che sembrano causare più problemi sono:

Fonti:

https://accademiadellacrusca.it/it/consulenza/latino-o-inglese/775

https://accademiadellacrusca.it/it/consulenza/sulla-pronuncia-di-mass-media-e-summit/147

lo Zingarelli 2020, Zanichelli Editore
                    [post_title] => Mass media o mass midia? La pronuncia e il plurale dei latinismi di ritorno
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, voi come dite? Mass media o mass midia? Summit o sammit? E qual è il motivo di questa ambiguità? Proviamo a sciogliere questi dubbi.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => mass-media-o-mass-midia-la-pronuncia-e-il-plurale-dei-latinismi-di-ritorno
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-06-25 12:33:32
                    [post_modified_gmt] => 2020-06-25 10:33:32
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17236
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17148
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-05-14 09:47:09
                    [post_date_gmt] => 2020-05-14 07:47:09
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quando si usa il punto e virgola? A cosa servono i due punti? Se vi siete fatti queste domande almeno una volta, questo articolo fa al caso vostro.

Buona lettura!

Prof. Anna

Tempo fa abbiamo parlato del punto e della virgola: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/10/25/la-punteggiatura-il-punto-e-la-virgola/

Oggi vedremo come e quando si usano il punto e virgola e i due punti.

Punto e virgola

Il punto e virgola indica una pausa intermedia tra quella espressa dal punto e quella espressa dalla virgola. Il più delle volte questo segno può essere sostituito dal punto, il suo uso dipende quindi dalle scelte e dalla abitudini dei singoli scriventi.

In particolare il punto e virgola si usa:

Due punti

A differenza dei segni finora esaminati, i due punti non hanno tanto il compito di scandire il periodo in unità più piccole, quanto quello di segnalare che ciò che segue illustra, dimostra o chiarisce ciò che è stato detto nella parte precedente.

In particolare i due punti si usano:

                    [post_title] => La punteggiatura: il punto e virgola e i due punti
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quando si usa il punto e virgola? A cosa servono i due punti? Se vi siete fatti queste domande almeno una volta, questo articolo fa al caso vostro.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-punteggiatura-il-punto-e-virgola-e-i-due-punti
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-05-28 13:53:56
                    [post_modified_gmt] => 2020-05-28 11:53:56
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17148
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17089
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-05-07 10:18:40
                    [post_date_gmt] => 2020-05-07 08:18:40
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana vediamo altri modi di dire che contengono la parola buono.

Buona lettura!

Prof. Anna

Completiamo oggi la nostra lista dei modi di dire con la parola buono, cominciata qualche mese fa  (https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/11/28/modi-di-dire-con-la-parola-buono-prima-parte/ >):

Come la volta precedente, vi invito, dopo aver fatto l’esercizio, a mettervi alla prova scrivendo nei commenti alcune frasi con questi modi di dire e io le correggerò.
                    [post_title] => Modi di dire con la parola "buono" - seconda parte -
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana vediamo altri modi di dire che contengono la parola "buono".
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => modi-di-dire-con-la-parola-buono-seconda-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-05-21 08:21:42
                    [post_modified_gmt] => 2020-05-21 06:21:42
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17089
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 6
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17062
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-04-30 09:40:33
                    [post_date_gmt] => 2020-04-30 07:40:33
                    [post_content] => Conoscete la pronuncia corretta delle parole di origine greca o latina?

Mettetevi alla prova col prossimo esercizio.

Per un ripasso: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2020/04/16/accento-su-grecismi-e-latinismi/

 
                    [post_title] => Test 69 -  Accento su grecismi e latinismi
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-69-accento-su-grecismi-e-latinismi
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-04-30 09:40:33
                    [post_modified_gmt] => 2020-04-30 07:40:33
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17062
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 17370
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2020-06-18 08:36:34
            [post_date_gmt] => 2020-06-18 06:36:34
            [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, cosa vi fa venire in mente la parola genere? Ognuno di voi potrebbe dare una risposta diversa vista la grande varietà di contesti in cui possiamo utilizzarla. Vediamo insieme quali sono.

Buona lettura!

Prof. Anna

La parola genere deriva dal latino gĕnus, genitivo gĕneris, dal verbo gĭgnere (generare).

Nel suo significato più ampio indica una classe di oggetti che hanno le stesse proprietà essenziali, mentre differiscono per altre non essenziali, in questo senso si avvicina al significato del termine categoria. Nella classificazione degli organismi il genere è la categoria sistematica, inferiore alla famiglia, che raggruppa più specie: animali, piante dello stesso genere, di generi diversi.

Per estensione indica insieme di persone o cose che hanno caratteristiche fondamentali comuni, è per lo più sinonimo di qualità, sorta, tipo, alcuni esempi: questo genere di vita mi ha stancato; mi piace frequentare persone di ogni genere.

Vediamo alcune espressioni legate a questi significati:

In letteratura e in musica il genere indica ciascuna delle forme di espressione, o categorie di opere, definite da un insieme determinato di caratteri di forma o di contenuto (genere drammatico, genere strumentale):

Usato specialmente al plurale può aver il significato di merce, prodotto:

Abbiamo parlato tante volte del genere grammaticale, cioè la categoria grammaticale fondata sulla distinzione tra maschile, femminile e, in alcune lingue, neutro (genere maschile, genere femminile, genere neutro).

Con riferimento alla specie umana indica l'appartenenza all'uno o all'altro sesso, specialmente con riferimento al contesto culturale o professionale dell'individuo.

In questo senso si parla di:

Negli ultimi anni sono entrate a far parte del nostro lessico parole che contengono il termine inglese gender, che ha il significato di genere in questa ultima accezione:

 
            [post_title] => Le sfumature del "genere"
            [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, cosa vi fa venire in mente la parola "genere"? Ognuno di voi potrebbe dare una risposta diversa vista la grande varietà di contesti in cui possiamo utilizzarla. Vediamo insieme quali sono.
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => le-sfumature-del-genere
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2020-06-18 08:37:51
            [post_modified_gmt] => 2020-06-18 06:37:51
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17370
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 0
            [filter] => raw
        )

)
Archivi: Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue
In Evidenza