WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 17389
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 2
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 17389
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 2
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (17389) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 10, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17060
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-04-30 09:39:59
                    [post_date_gmt] => 2020-04-30 07:39:59
                    [post_content] => Il complemento di causa e il complemento di scopo possono essere introdotti dalle stesse preposizioni. Riuscite a distinguerli? Scopritelo col prossimo esercizio.

Per ripassare entrambi i complementi: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2015/04/09/i-complementi-indiretti-il-complemento-di-fine-o-scopo/https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2020/04/02/i-complementi-indiretti-il-complemento-di-causa/

 
                    [post_title] => Test 69- Complemento di causa o di scopo?
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-69-complemento-di-causa-o-di-scopo
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-04-30 09:39:59
                    [post_modified_gmt] => 2020-04-30 07:39:59
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17060
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17056
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-04-30 09:36:45
                    [post_date_gmt] => 2020-04-30 07:36:45
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è arrivato il momento di ripassare gli ultimi argomenti di cui abbiamo parlato. Siete pronti?

Buon test

Prof. Anna

La parola pure può avere più funzioni e più significati, per ripassarli prima di affrontare il test, potete leggere questo articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2020/03/12/usi-e-significati-di-pure/

 
                    [post_title] => Test 69 - Usi e significati di "pure"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è arrivato il momento di ripassare gli ultimi argomenti di cui abbiamo parlato. Siete pronti?
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-69-usi-e-significati-di-pure
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-05-07 10:20:55
                    [post_modified_gmt] => 2020-05-07 08:20:55
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17056
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 1
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17012
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-04-23 10:23:53
                    [post_date_gmt] => 2020-04-23 08:23:53
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, tra pochi giorni è il 25 aprile e in Italia si festeggia l'anniversario della liberazione dal nazifascismo. La canzone Bella Ciao è da decenni associata alla Resistenza, ma quali sono le sue origini? E perché è diventata così popolare?

Buona lettura!

Prof. Anna

Quest'anno, a causa dell'emergenza sanitaria, molte iniziative programmate per la Festa della Liberazione saranno solo virtuali. L'Anpi  (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia) ha invitato gli italiani a tornare sui balconi alle 15 di sabato 25 aprile per cantare Bella Ciao, canzone simbolo della Resistenza, cioè l’insieme di movimenti politici e militari che si opposero al nazifascismo.

Le origini di questa canzone sono piuttosto misteriose e più antiche di quanto si possa pensare.

Canto delle mondine?

Inizialmente si era ipotizzato un legame con un canto intonato dalle mondine (operaie che lavorano stagionalmente alla mondatura del riso nelle risaie), si è poi scoperto che la versione delle mondine era stata composta dopo la guerra e che quindi non poteva essere stata d'ispirazione per la versione partigiana.

Un'antica ballata?

L'origine della versione che conosciamo oggi viene fatta risalire a un'antica ballata piemontese dal titolo Fiore di Tomba, che parla dell'abbandono del proprio amore ( https://www.youtube.com/watch?v=Tx-dwvO0kK4 ). Un'altra possibile influenza può essere stata quella di una ballata francese del Cinquecento.

Melodia Yiddish?

L'unica certezza è che la traccia più antica della melodia si ritrova in un brano inciso a New York nel 1919 in un 78 giri di un fisarmonicista tzigano con il titolo “Klezmer-Yiddish swing music” ( https://www.youtube.com/watch?v=r0KbSFYbTxA ). Il Klezmer è un genere musicale Yiddish in cui confluiscono vari elementi, tra cui la musica popolare slava, perciò l’ipotesi più probabile sull’origine della melodia sia proprio quella della canzone popolare dalmata.

I partigiani cantavano davvero Bella Ciao  durante la Resistenza?

Secondo molti studiosi non c'è alcuna fonte che attesti che Bella ciao sia stata mai cantata dai partigiani durante la guerra, sul piano documentale, non se ne ha traccia prima del 1953, momento in cui risulta comunque piuttosto diffusa. Il dibattito tra gli studiosi tuttavia è ancora aperto. Sarà il Festival di Spoleto a consacrarla. Nel 1964, il Nuovo Canzoniere Italiano la presenta al Festival dei Due Mondi come canto partigiano all’interno dello spettacolo omonimo e presenta Giovanna Daffini, una musicista ex mondina, che canta una versione di Bella ciao che descrive una giornata di lavoro delle mondine, sostenendo che è quella la versione “originale” del canto, cui durante la resistenza sarebbero state cambiate le parole adattandole alla lotta partigiana ( https://www.youtube.com/watch?v=sP-7kECZ6Ow ), ma nel maggio 1965 un tale Vasco Scansani scrive una lettera al quotidiano l'Unità e racconta che le parole di Bella Ciao delle mondine le ha scritte lui, non prima della guerra ma nel 1951 in una gara di cori fra mondariso e che la Daffini gli ha chiesto le parole.

Perché Bella Ciao è diventata simbolo della Resistenza?

Sembra quindi che Bella ciao sia diventata l’inno ufficiale della Resistenza solo molti anni dopo la fine della guerra. Qualcuno sostiene che il suo successo sia dovuto al fatto che nella canzone non ci sono riferimenti politici precisi, come in altri canti, ma abbraccerebbe tutte le “facce” della Resistenza (guerra patriottica di liberazione dall’esercito tedesco invasore; guerra civile contro la dittatura fascista; guerra di classe per l’emancipazione sociale). Molti invece ritengono che il successo di questa canzone derivi soprattutto dall'orecchiabilità del motivo, dalla facilità di memorizzazione del testo, insomma dalla sua immediata fruibilità.

Non ci resta che ascoltarla: https://www.youtube.com/watch?v=4CI3lhyNKfo

Lettura e comprensione: rispondi alle seguenti domande

1- Da dove deriva l'ipotesi che Bella Ciao fosse in origine un canto delle mondine?

2- Chi sono le mondine?

3- Questa ipotesi fu confermata?

4- Da quale regione proviene la ballata Fiore di Tomba, dalla quale si pensa derivi in parte Bella Ciao?

5- Quali informazioni si hanno sulla melodia originale?

6- In quale anno venne presentata una versione Bella Ciao all'interno di un Festiva musicale?

7- Perché, secondo gli studiosi, questa canzone è diventata così popolare? E secondo te?

8- Conosci altre canzoni che, come Bella Ciao, sono diventate un simbolo?

Per approfondire la storia della Liberazione: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2013/04/25/il-25-aprile-festa-della-liberazione/#comment-15641

 

 

Fonti: https://www.anpi.it/articoli/849/bella-ciaohttp://lanostrastoria.corriere.it/2018/07/10/la-vera-storia-di-bella-ciao-che-non-venne-mai-cantata-nella-resistenza/

 
                    [post_title] => Storia di Bella Ciao, canzone simbolo della Resistenza
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, tra pochi giorni è il 25 aprile e in Italia si festeggia l'anniversario della liberazione dal nazifascismo. La canzone Bella Ciao è da decenni associata alla Resistenza, ma quali sono le sue origini? E perché è così popolare?
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => storia-di-bella-ciao-canzone-simbolo-della-resistenza
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2020-05-18 16:28:11
                    [post_modified_gmt] => 2020-05-18 14:28:11
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17012
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 16985
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-04-16 09:35:02
                    [post_date_gmt] => 2020-04-16 07:35:02
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, a volte abbiamo dei dubbi sulla pronuncia di alcune parole: si dice mìmesi o mimèsi? Edìpo  Èdipo? Come ci si deve comportare in questi casi?

Buona lettura!

Prof. Anna

La maggior parte dei dubbi dei dubbi sulla posizione dell'accento in italiano riguardano parole dotte (di uso colto, non popolare) di origine greca, ma trasmesse a noi attraverso il latino classico, o più spesso medievale e moderno.

L'accento greco seguiva regole diverse da quello latino. Per alcune parole l'accento coincide in greco e in latino e di conseguenza in italiano non ci sono oscillazioni: Afrodìte, Agamènnone, sfintère. Altre volte (come per le parole zaffiro, Edipo, mimesi)  l'accento greco (mìmesis) contrasta con quello latino (mimésis) . Secondo il linguista Serianni (e anche secondo altri) è preferibile seguire l'accentazione latina, tuttavia esistono usi consolidati che sarebbe assurdo modificare, come ad esempio le pronunce greche Edìpo e accadèmia (e non quelle latine Èdipo e accademìa).

Si ha la pronuncia alla greca:

Ci sono parole che mettono in difficoltà la maggior parte delle persone, a causa della tendenza a far risalire l'accento verso l'inizio della parola:
PRONUNCIA ERRATA PRONUNCIA CORRETTA
alcàlino  alcalìno → è un aggettivo di relazione in -ino tratto da alcali, come sale, salino; argento, argentino
càduco cadùco 
codàrdia codardìa → appartiene alla serie dei sostantivi astratti in -ìa come allegrìa, follìa ecc.
cosmòpolita cosmopolìta 
èdile  edìle 
leccòrnia leccornìa
mòllica mollìca
rùbrica rubrìca
sàlubre salùbre
persuàdere  persuadère 
Frìuli Friùli 
  La parola utensile, invece, ha due accenti diversi a seconda del significato: si pronuncia utensìle quando ha la funzione di sostantivo e utènsile  quando viene usato come aggettivo.   Fonte: Luca Serianni, La Grammatica Italiana, 1989, UTET, Torino   [post_title] => Accento su grecismi e latinismi [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, a volte abbiamo dei dubbi sulla pronuncia di alcune parole: si dice mìmesi o mimèsi? Edìpo o Èdipo? Come ci si deve comportare in questi casi? [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => accento-su-grecismi-e-latinismi [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-04-30 09:44:12 [post_modified_gmt] => 2020-04-30 07:44:12 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=16985 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 2 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 16963 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-04-09 10:18:02 [post_date_gmt] => 2020-04-09 08:18:02 [post_content] => Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog,  alcuni costrutti ed espressioni possono avere valore concessivo, vediamoli insieme. Buona lettura! Prof. Anna Alcune settimana fa abbiamo studiato le proposizioni concessive: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2020/03/05/la-frase-complessa-le-preposizioni-concessive/ Ci sono altri modi per esprimere un valore concessivo: [post_title] => La frase complessa: altri costrutti di valore concessivo [post_excerpt] => Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, alcuni costrutti ed espressioni possono avere valore concessivo. Vediamoli insieme. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => la-frase-complessa-altri-costrutti-di-valore-concessivo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-04-16 09:38:32 [post_modified_gmt] => 2020-04-16 07:38:32 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=16963 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 2 [filter] => raw ) [5] => WP_Post Object ( [ID] => 16942 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-04-02 10:10:50 [post_date_gmt] => 2020-04-02 08:10:50 [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, il complemento di causa può essere introdotto da elementi che conferiscono sfumature diverse alla frase. Vediamoli insieme. Buona lettura! Prof. Anna Sono triste per la sconfitta Diventò rosso dalla vergogna. Carlo è a letto con l'influenza Queste frasi contengono tutte un complemento di causa, introdotto da diversi elementi. Il complemento di causa indica la ragione, il motivo per cui si verifica l'effetto espresso nel predicato. Può essere introdotta da: Nel prossimo esercizio dovrete distinguere tra il complemento di causa e il complemento di fine, che sono spesso introdotti dalle stesse preposizioni. Per ripassare il complemento di fine potete leggere questo articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2015/04/09/i-complementi-indiretti-il-complemento-di-fine-o-scopo/ [post_title] => I complementi indiretti: il complemento di causa [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, il complemento di causa può essere introdotto da elementi che conferiscono sfumature diverse alla frase. Vediamoli insieme. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => i-complementi-indiretti-il-complemento-di-causa [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-04-09 10:24:08 [post_modified_gmt] => 2020-04-09 08:24:08 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=16942 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw ) [6] => WP_Post Object ( [ID] => 16850 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-03-26 11:09:20 [post_date_gmt] => 2020-03-26 10:09:20 [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, in queste ultime settimane abbiamo imparato a conoscere parole legate alla malattia e al virus, ad esempio epidemia, pandemia, quarantena, focolaio. Ce ne sono altre però che si riferiscono ai rapporti tra le persone e a un nuovo modo di relazionarsi. Queste parole sono altrettanto potenti. Vediamole insieme. Buona lettura! Prof. Anna La maggior parte dei provvedimenti che sono stati presi per evitare il contagio riguardano il nostro modo di relazionarci con gli altri: siamo stati invitati a limitare i rapporti e, giocoforza, siamo spinti a trovare nuove modalità per rimanere in contatto con i nostri cari e i nostri amici. Nelle ultime settimane i giornali, la radio e la tv usano parole che riguardano le relazioni umane. Quali sono? Approfondiamo insieme il loro significato e i loro usi. La prima parola è proprio relazione che in primo luogo significa: Sfumature di significato Che differenza c'è tra le parole relazione; rapporto; ragguaglio; resoconto? Un'ampia esposizione, scritta od orale, con cui si riferisce ad altri su un determinato argomento si chiama relazione. Rapporto ha lo stesso significato, ma è utilizzato soprattutto in riferimento a fatti o situazioni che comportano mancanze oppure costituiscono incidenti; trova per questo uso frequente in contesti militari. Ragguaglio è invece un'informazione precisa e dettagliata volta ad aggiornare altre persone su un argomento o una situazione. Un suo sinonimo è resoconto, che tuttavia rimanda al concetto di rendiconto, di relazione consuntiva. In questi giorni la maggior parte delle nostre relazioni si svolgono a distanza: E stiamo vivendo in isolamentoparola che indica: Sfumature di significato Che differenza c'è tra le parole emarginazione; segregazione; isolamento? Emarginazione è la condizione propria di chi vive ai margini della società, cioè non partecipa alla vita sociale, ne viene escluso; questa condizione è in genere associata all'estrema povertà o alla devianza. La segregazione è la conseguenza di un atto coercitivo del potere che esclude dal godimento di diritti una parte della popolazione in base a dei pregiudizi di ordine sociale, religioso o razziale. Isolamento è lo stato di chi per sua libera decisione vive appartato, partecipando molto limitatamente alla vita della collettività, indipendentemente da condizioni sociali o economiche particolari. È necessario evitare la folla, cioè una: Sfumature di significato Che differenza c'è tra le parole: folla; calca; ressa; carnaio? Un gran numero di persone riunito insieme costituisce una folla. Se l'assembramento è particolarmente fitto e le persone strette le une alle altre si ha una calca. Con ressa si definisce una folla che si muove in maniera disordinata, spingendo e urtando. Se l'insieme numeroso e fitto di persone è semivestito, come una folla di bagnanti su una spiaggia, abbiamo un carnaio, termine che ha una decisa valenza spregiativa. Una delle parole più usate in questo periodo è assembramento. Ma cosa significa esattamente? L'assembramento è un'adunata di persone, specialmente in luogo aperto, per dimostrazioni o spettacoli (fare, proibire, sciogliere un assembramento). In questo triste scenario, che sembra allontanarci gli uni dagli altri, fa capolino una parola che invece ci avvicina; una vicinanza che non è necessariamente fisica, ma è altrettanto confortante, che ci fa sentire uniti anche nella distanza, questa parola è solidarietà. La solidarietà è: Sfumature di significato Che differenza c'è tra le parole solidarietà - fratellanza - carità? Solidarietà è il sentimento di chi si sente legato ai suoi simili da un vincolo di natura morale che lo induce a prestare loro aiuto in caso di necessità, a sentirsi partecipe della loro condizione. Questo sentimento può essere definito anche fratellanza, termine che pone tuttavia l'accento più sul legame di fraternità che lega gli uomini fra loro che non, come solidarietà, sul sostegno materiale e morale che ne può conseguire. Questi stessi sentimenti, considerati in una prospettiva cristiana, si inscrivono nel concetto di carità, che descrive l'amore a cui ogni uomo è tenuto nei confronti del suo prossimo come riflesso e conseguenza dell'amore di Dio. Definizioni tratte da: lo Zingarelli 2020, Zanichelli Editore Se vi vengono in mente altre parole, condividetele con noi! [post_title] => Parole e relazioni ai tempi del Covid-19 [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, in queste ultime settimane abbiamo imparato a conoscere parole legate alla malattia e al virus, ad esempio "epidemia", "pandemia", "quarantena", "focolaio". Ce ne sono altre però che si riferiscono ai rapporti tra le persone e a un nuovo modo di relazionarsi. Queste parole sono altrettanto potenti. Vediamole insieme. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => parole-e-relazioni-ai-tempi-del-covid-19 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-04-23 10:29:02 [post_modified_gmt] => 2020-04-23 08:29:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=16850 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 5 [filter] => raw ) [7] => WP_Post Object ( [ID] => 16820 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-03-19 09:21:53 [post_date_gmt] => 2020-03-19 08:21:53 [post_content] => Ci vuole l'indicativo o il congiuntivo? Quante volte abbiamo avuto questo dubbio! Nel prossimo esercizio scegliete il modo verbale più adatto tra questi due, il tempo è generalmente il presente a meno che non ci siano indicatori temporali o verbi reggenti che richiedano il passato. Per un ripasso prima di affrontare il testo, potete leggere questo articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2014/07/03/la-frase-complessa-le-proposizioni-oggettive-indicativo-o-congiuntivo/ [post_title] => Test di ripasso - indicativo o congiuntivo? [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => test-di-ripasso-indicativo-o-congiuntivo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-03-19 19:05:24 [post_modified_gmt] => 2020-03-19 18:05:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=16820 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 12 [filter] => raw ) [8] => WP_Post Object ( [ID] => 16823 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-03-19 09:20:10 [post_date_gmt] => 2020-03-19 08:20:10 [post_content] => La soggettiva implicita presenta l'infinito con o senza la preposizione di, in molti casi sono possibili entrambe le costruzioni. Nel terzo e ultimo esercizio dovrete scegliere se usare o meno la preposizione di per introdurre la soggettiva implicita o se sono possibili entrambe le costruzioni. Per ripassare questo argomento, leggete il seguente articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2015/03/05/la-frase-complessa-le-proposizioni-soggettive/ [post_title] => Test di ripasso - uso della preposizione "di" nelle soggettive implicite [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => test-di-ripasso-uso-della-preposizione-di-nelle-soggettive-implicite [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-03-19 09:20:10 [post_modified_gmt] => 2020-03-19 08:20:10 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=16823 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [9] => WP_Post Object ( [ID] => 16816 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-03-19 09:18:13 [post_date_gmt] => 2020-03-19 08:18:13 [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, vi va di mettervi alla prova con alcuni esercizi? Il primo è sulla coniugazione dei verbi irregolari e difettivi, il secondo sull'uso del congiuntivo e l'ultimo sull'uso della preposizione di nelle soggettive implicite. Fatemi sapere com'è andata.  ;-) Buon test! Prof. Anna In questo primo esercizio dovrete inserire la forma verbale corretta, se il verbo è difettivo della forma richieste scrivete "non esiste"; si tratta di verbi non del tutto regolari, per ripassarne la coniugazione, potete leggere questi articoli:     [post_title] => Test di ripasso - coniugazione dei verbi: gli errori più comuni [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, vi va di mettervi alla prova con alcuni esercizi? Il primo è sulla coniugazione dei verbi irregolari e difettivi, il secondo sull'uso del congiuntivo e l'ultimo sull'uso della preposizione "di" nelle soggettive implicite. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => test-di-ripasso-coniugazione-dei-verbi-gli-errori-piu-comuni [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-04-08 09:57:11 [post_modified_gmt] => 2020-04-08 07:57:11 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=16816 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 2 [filter] => raw ) ) [post_count] => 10 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 17060 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-04-30 09:39:59 [post_date_gmt] => 2020-04-30 07:39:59 [post_content] => Il complemento di causa e il complemento di scopo possono essere introdotti dalle stesse preposizioni. Riuscite a distinguerli? Scopritelo col prossimo esercizio. Per ripassare entrambi i complementi: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2015/04/09/i-complementi-indiretti-il-complemento-di-fine-o-scopo/https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2020/04/02/i-complementi-indiretti-il-complemento-di-causa/   [post_title] => Test 69- Complemento di causa o di scopo? [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => test-69-complemento-di-causa-o-di-scopo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-04-30 09:39:59 [post_modified_gmt] => 2020-04-30 07:39:59 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=17060 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 702 [max_num_pages] => 71 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => 1 [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => 1 [query_vars_hash:WP_Query:private] => 0b53f6f0520411ff0a9651feb41dfec8 [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )
Archivi: Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue | Pagina 2