WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 12695
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 531
    [max_num_pages] => 54
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => ad436b9375927b22e2d92f7cee3ab594
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 12695
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (12695) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12673
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-05-18 10:10:38
                    [post_date_gmt] => 2017-05-18 08:10:38
                    [post_content] => Anche nel prossimo esercizio dovrete completare le frasi con le forme appropriate dei verbi indicati tra parentesi.
                    [post_title] => Test di ripasso misto sui verbi 3
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-di-ripasso-misto-sui-verbi-3
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-05-18 10:10:38
                    [post_modified_gmt] => 2017-05-18 08:10:38
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12673
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 4
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12668
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-05-18 10:09:51
                    [post_date_gmt] => 2017-05-18 08:09:51
                    [post_content] => L'esercizio che segue è un po' più complicato: bisogna coniugare nelle forme appropriate i verbi all'infinito tra parentesi.
                    [post_title] => Test di ripasso misto sui verbi 2
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-di-ripasso-misto-sui-verbi-2
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-05-18 10:09:51
                    [post_modified_gmt] => 2017-05-18 08:09:51
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12668
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12664
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-05-18 10:09:02
                    [post_date_gmt] => 2017-05-18 08:09:02
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, molte delle domande che mi sottoponete riguardano i verbi, quindi questa settimana sarà interamente dedicata a  un ripasso generale su modi e tempi verbali. Vi proporrò tre esercizi nei quali scegliere la forma verbale corretta, una buona occasione per testare il vostro livello di conoscenza su questo argomento.


Nel prossimo esercizio dovrete scegliere la forma verbale corretta tra quelle proposte.

Buon test!

Prof. Anna
                    [post_title] => Test di ripasso misto sui verbi 1
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, molte delle domande che mi sottoponete riguardano i verbi, quindi questa settimana sarà interamente dedicata a un ripasso generale su modi e tempi verbali.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-di-ripasso-misto-sui-verbi-1
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-05-25 10:24:53
                    [post_modified_gmt] => 2017-05-25 08:24:53
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12664
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12638
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-05-11 10:06:36
                    [post_date_gmt] => 2017-05-11 08:06:36
                    [post_content] => Care lettrici e  cari lettori di Intercultura blog, nella lingua parlata spesso si usano parole o espressioni che servono a esprimere un'emozione, un saluto, un richiamo. Queste parole prendono il nome di interiezioni e si distinguono in interiezioni proprie -che abbiamo gia visto: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2011/09/22/linteriezione/-, interiezioni improprie e locuzioni interiettive. Questa settimana vedremo quali sono le principali interiezioni improprie e alcune locuzioni interiettive.

Buona lettura!
Prof. Anna

LE INTERIEZIONI IMPROPRIE

Le interiezioni servono a manifestare stati d'animo improvvisi e spontanei  (gioia, dolore, sdegno, sorpresa, paura), non hanno legami sintattici con le parole che le precedono o che le seguono.

Le interiezioni improprie sono chiamate così perché perché in origine hanno altre funzioni (sostantivi, aggettivi, avverbi, verbi) e sono secondariamente usate con valore di interiezione. Il numero delle interiezioni improprie è illimitato: quasi ogni parola può essere usata, in un determinato contesto, come interiezione.

Le parole usate come interiezioni improprie possono essere:

• nomi, avverbi, aggettivi o verbi usati per espriemere:incoraggiamento: coraggio!; forza!; su!; suvvia!; andiamo!; avanti!; dai!; via!: Su ragazzi, facciamo in fretta!;

→ apprezzamento: bene!; bravo!; complimenti!; giusto!; esatto!; viva!: Bravo! Hai superato l'esame!;

→ rimprovero: vergogna!; basta!: Basta! Stai veramente esagerando!;

→ rammarico: accidenti!; peccato!: Accidenti! Non trovo le chiavi!;

→ preghiera o attenzione (per aprire una comunicazione): perdono!; pietà!; scusa/scusi!; senti/senta!: Scusa! Non lo farò mai più!;

→ sorpresa: caspita!; perbacco!: Caspita! Che bella macchina che hai!;nomi di animali usati per esprimere giudizi: coniglio! (= persona paurosa, vile); asino!, somaro! (=persona maleducata, ignorante, grossolana); pollo! (=persona ingenua, sciocca);

• parole di varia natura grammaticale usate come saluti: addio, arrivederci, ciao, buondì, buongiorno, buonanotte, ci vediamo, di nuovo (=arrivederci), salve ecc.

LOCUZIONI INTERIETTIVE

Sono così dette perché sono formate da gruppi di parole o da vere e proprie proposizioni, utilizzate sempre con uno specifico significato d'insieme: Dio mio!; per l'amor di Dio!; santo cielo!; per carità!; poveri noi!; mi faccia il piacere!; neanche per sogno!; in bocca la lupo!; che sfortuna!; ora basta! ecc.

INTERIEZIONI E PUNTEGGIATURA

Le interiezioni sono particolarmente usate nella lingua parlata, dove assumono significati variabili a seconda del tono della voce e del contesto in cui vengono pronunciate. Per riprodurre nello scritto l'intonazione delle interiezioni si usa il punto esclamativo (per esprimere disapprovazione, sorpresa, dolore) oppure il punto interrogativo. Se l'interiezione è inserita in una frase, può essere seguita da una virgola e il punto esclamativo si posizionerà alla fine della frase stessa, oppure si può mettere il punto esclamativo sia dopo l'interiezione sia al termine della frase. Se il tono della frase è insieme di meraviglia e di domanda, al punto esclamativo si può unire quello interrogativo (davvero?!).
                    [post_title] => Le interiezioni improprie
                    [post_excerpt] => Care lettrici e  cari lettori di Intercultura blog, nella lingua parlata spesso si usano parole o espressioni che servono a esprimere un'emozione: le interiezioni. Questa settimana vedremo quali sono le principali interiezioni improprie e alcune locuzioni interiettive.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => le-interiezioni-improprie
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-05-11 10:06:36
                    [post_modified_gmt] => 2017-05-11 08:06:36
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12638
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 20
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12597
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-05-04 10:34:30
                    [post_date_gmt] => 2017-05-04 08:34:30
                    [post_content] => Nel seguente esercizio provate a inserire la parola italiana che corrisponde al termine inglese tra parentesi.

Per ripassare questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/04/27/le-parole-straniere-che-potremmo-dire-in-italiano/

 
                    [post_title] => Test 49 - Le parole straniere che potremmo dire in italiano
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-49-le-parole-straniere-che-potremmo-dire-in-italiano
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-05-04 10:34:30
                    [post_modified_gmt] => 2017-05-04 08:34:30
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12597
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12594
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-05-04 10:33:14
                    [post_date_gmt] => 2017-05-04 08:33:14
                    [post_content] => Il prossimo esercizio è sulle proposizioni finali.

Attenzione: in una delle frasi dell'esercizio la congiunzione perché non introduce una finale ma una causale, provate a capire qual è e quindi a scegliere il modo verbale corretto.

Per ripassare qesto argomento prima di affrontareil test: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/04/20/la-frase-complessa-le-proposizioni-finali/

 
                    [post_title] => Test 49 - Le proposizioni finali
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-49-le-proposizioni-finali
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-05-04 10:33:14
                    [post_modified_gmt] => 2017-05-04 08:33:14
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12594
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12590
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-05-04 10:30:52
                    [post_date_gmt] => 2017-05-04 08:30:52
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana la dedichiamo al ripasso degli argomenti trattati di recente sul blog.

Cominciamo con un esercizio sull'uso delle forme di cortesia.


Per rileggere l'articolo dedicato a questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/03/30/forme-di-cortesia/

 

Buon test!

Prof. Anna
                    [post_title] => Test 49 - Le forme di cortesia
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana la dedichiamo al ripasso degli argomenti trattati di recente sul blog. Cominciamo con un esercizio sull'uso delle forme di cortesia.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-49-le-forme-di-cortesia
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-05-11 10:07:27
                    [post_modified_gmt] => 2017-05-11 08:07:27
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12590
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 10
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12548
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-04-27 10:25:44
                    [post_date_gmt] => 2017-04-27 08:25:44
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, la lingua italiana ha sempre accolto nel suo vocabolario parole straniere, questo fenomeno è utile quando si tratta di termini che non hanno un corrispettivo in italiano e che quindi non sono traducibili in maniera efficace, quando invece il termine italiano esiste è consigliabile preferire quest'ultimo.

Oggi vi progongo una lista di termini stranieri (tratta da: http://libreriamo.it/scuola/lingua-italiana/lingua-italiana-le-50-parole-straniere-che-potremmo-benissimo-dire-in-italiano/) usati ormai sempre più frequentemente e accanto il corrispettivo italiano che può essere usato.

Buona lettura!

Prof. Anna

L'articolo che segue è tratto da:http://libreriamo.it/scuola/lingua-italiana/lingua-italiana-le-50-parole-straniere-che-potremmo-benissimo-dire-in-italiano/

Nel linguaggio comune, imperversano neologismi e termini stranieri che man mano stanno sopravanzando nella frequenza d’utilizzo i corrispettivi vocaboli italiani. Se alcune parole come “marketing”, “sport”, “rock”, “browser”, “smog” non trovano un corrispondente efficace nella nostra lingua, ci sono altri termini come ‘workshop’, ‘abstract’, ‘fashion’, ‘light’ di cui ptoremmo far benissimo a meno, utilizzando i loro corrispettivi italiani ‘seminario’, ‘riassunto’, ‘moda’, ‘leggero’. I nostri stessi lettori, spesso, ci fanno notare spesso che preferiscono essere definiti ‘amanti dei libri’ piuttosto che ‘booklovers’.
 
Vi proponiamo una serie di termini stranieri di cui potremmo benissimo fare a meno, in quanto "doppioni"di vocaboli italiani. [...] ABSTRACT                           =  RIASSUNTO APPEAL                                 =  ATTRATTIVA, ATTRAZIONE AUDIENCE                           =  PUBBLICO BIG                                         =  GRANDE BOSS                                      =  CAPO BRAND                                  =  MARCA BREAK                                  =  PAUSA BUSINESS                             =  AFFARI BUYER                                  =  COMPRATORE CASH                                     =  CONTANTI COACH                                 =  ALLENATORE COMMUNITY                      =  COMUNITA’ COPYRIGHT                        =  DIRITTO D’AUTORE DISPLAY                               =  SCHERMO FASHION                              =  MODA FLOP                                     =  FIASCO FOOD                                    =  CIBO GOSSIP                                 =  PETTEGOLEZZO HOTEL                                 =  ALBERGO JOBS ACT                            =  LEGGE SUL LAVORO LIGHT                                  =  LEGGERO MAKE UP                            =  TRUCCO MASTER                              =  SPECIALIZZAZIONE MATCH                                =  PARTITA MEETING                            =  RIUNIONE MISSION                             =  MISSIONE NEWS                                  =  NOTIZIE OPEN                                   =  APERTO PARTNER                            =  COMPAGNO (SOCIO a seconda del contesto) PARTY                                 =  FESTA PREMIER                            =  PRIMO MINISTRO RELAX                                =  RIPOSO TREND                                =  TENDENZA SHOW                                  =  SPETTACOLO SNACK                               =  SPUNTINO STAFF                                 =  PERSONALE TEENAGER                       =  ADOLESCENTE TEAM                                 =  SQUADRA TICKET                              =  BIGLIETTO WEEKEND                        =  FINE SETTIMANA Nell'esercizio che segue dovrete inserire il corrispettivo italiano del termine inglese tra parentesi, dove è necessario anche l'articolo corretto.   [post_title] => Le parole straniere che potremmo dire in italiano [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, la lingua italiana ha sempre accolto nel suo vocabolario parole straniere. Questo fenomeno è utile per termini che non hanno un corrispettivo in italiano, quando invece questo esiste è consigliabile usarlo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => le-parole-straniere-che-potremmo-dire-in-italiano [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-05-18 10:11:35 [post_modified_gmt] => 2017-05-18 08:11:35 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12548 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 26 [filter] => raw ) [8] => WP_Post Object ( [ID] => 12497 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-04-20 10:09:10 [post_date_gmt] => 2017-04-20 08:09:10 [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana approfondiremo un tipo di subordinata molto frequente che nella maggior parte dei casi richiede l'uso del congiuntivo: la proposizione finale. Vediamone insieme le caratteristiche. Buona lettura! Prof. Anna Le proposizioni finali indicano con quale fine viene compiuta o verso quale obiettivo tende l'azione espressa dalla reggente: te lo dico perché tu lo sappia (= te lo dico con l'obiettivo di fartelo sapere). Le proposizioni finali possono essere esplicite o implicite. • Le finali esplicite possono essere introdotte dalle congiunzioni perché e affinché e hanno il verbo al congiuntivo: → perché è la congiunzione più frequente e usuale, la differenza rispetto al perché causale è affidata al diverso modo verbale: il perché causale è seguito da indicativo: non esco perché sono stanco, mentre il perché finale è seguito da congiuntivo: ti aiuto perché tu possa migliorare; → affinché ha esclusivamente valore finale: te lo spiego affinché tu capisca. Le proposizioni finali esplicite possono essere introdotte anche dalle congiunzioni accioché e onde, ma sono di uso letterario o burocratico: si prega di rispettare la fila, onde evitare spiacevoli discussioni. Anche la congiunzione che può introdurre una finale, ma è propria della lingua parlata: telefonami, che parliamo un po'. Il modo verbale usato nelle finali esplicite è il congiuntivo, la scelta del tempo dipende da quello della reggente: → il congiuntivo presente si usa se nella reggente c'è un presente o un futuro o, in certi casi, un passato prossimo: Marta ti chiama (ti chiamerà, ti ha chiamato) perché tu vada con lei; si usa anche in dipendenza da un passato se la relazione del fine si riferisce al presente o al futuro: mi chiamò l'anno scorso perché lo vada a trovare l'anno prossimo; → il congiuntivo imperfetto si usa se nella reggente c'è un passato (anche prossimo): Marta ti chiamava (ti ha chiamato, ti chiamò) affinché tu andassi con lei. Il passato prossimo indica un punto nel tempo più o meno prossimo al presente e per questo possono esserci oscillazioni nella concordanza. • La forma implicita è la soluzione più frequente quando il soggetto della reggente e quello della subordinata coincidono: nuoto (io) per tenermi allenato (io). Il costrutto implicito si usa anche se l'infinito ha un soggetto generico: questo è un posto ideale per fare carriera e, a differenza della maggior parte delle subordinate, le finali possono avere forma implicita anche quando il soggetto della reggente è diverso da quello della subordinata: ho invitato gli ospiti a prendere posto a tavola. Sono introdotte da: → infinito preceduto da per, a, di, che si scelgono a seconda del verbo reggente, in alcuni casi è possibile l'uso indistinto di a o di per: sono andato in biblioteca a (per) prendere il libro, in altri casi non è possibile: ti prego di scusarmi; → le locuzioni al fine di, allo scopo di, in modo di + infinito: sto studiando al fine di superare l'esame. Oltre che da un verbo, le finali possono dipendere da un nome o da un aggettivo: i miei consigli per aiutarti sono stati inutili; un periodo di riposo è indispensabile per guarire. [post_title] => La frase complessa: le proposizioni finali [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana approfondiremo un tipo di subordinata molto frequente che nella maggior parte dei casi richiede l'uso del congiuntivo: la proposizione finale. Vediamone insieme le caratteristiche. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => la-frase-complessa-le-proposizioni-finali [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-05-04 10:36:05 [post_modified_gmt] => 2017-05-04 08:36:05 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12497 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 13 [filter] => raw ) [9] => WP_Post Object ( [ID] => 12482 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-04-13 09:02:06 [post_date_gmt] => 2017-04-13 07:02:06 [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, tra pochi giorni è Pasqua, la principale festività del cristianesimo. In Italia la Pasqua è molto sentita e in tutta la penisola, da Nord  a Sud, viene celebrata con riti e processioni che appartengono a un'antica cultura popolare. Una delle tradizioni più scenografiche e conosciute è quella dello scoppio del carro che si tiene a Firenze. Scopriamone insieme la storia e il significato. Buona lettura e buona Pasqua! Prof. Anna Vi ricordo che se ci sono parole che non conoscete, potete usare il dizionario online: cliccando due volte sulla parola sconosciuta si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra apparirà il significato. Lo scoppio del carro è la più antica tradizione popolare fiorentina. Si svolge ogni anno la domenica di Pasqua. LA STORIA Quest'antica ricorrenza ha origine durante la prima Crociata, comandata da Goffredo da Buglione e indetta per liberare il Santo Sepolcro dalle mani degli infedeli. Pare che il primo crociato a scalare le mura della città santa e a porvi il vessillo cristiano fu Pazzino de’ Pazzi, capostipite della celebre famiglia fiorentina dei Pazzi. In premio ricevette da Goffredo di Buglione tre pietre del Santo Sepolcro. Le tre pietre furono usate per trarne una scintilla di fuoco santo e distribuirlo alle famiglie per riaccendere il focolare domestico. Si diffuse in tal modo a Firenze l'uso di distribuire al clero ed al popolo il fuoco santo come segno della Resurrezione di Cristo. Difatti, dopo il ritorno di Pazzino, ogni Sabato Santo i giovani di tutte le famiglie usavano recarsi nella cattedrale dove accendevano una piccola torcia, avvicinandola al fuoco benedetto che ardeva, per poi andare per la città a portare la fiamma purificatrice in ogni focolare domestico. Il fuoco santo veniva acceso proprio con le scintille sprigionate dallo sfregamento delle tre schegge di pietra del Santo Sepolcro. Con l'andar del tempo lo svolgimento della festa divenne sempre più articolato per cui venne introdotto l'uso di trasportare il fuoco santo con un carro dove, su un tripode, ardevano i carboni infuocati. Non si conosce quando, in sostituzione del tripode, si usarono i fuochi artificiali per lo "scoppio del carro" ma si ritiene che ciò risalga alla fine del trecento. LO SVOLGIMENTO Una torre pirotecnica, chiamata il Brindellone, posizionata su un carro, viene trainata da una coppia di buoi per le strade del centro storico di Firenze e posizionata tra il Battistero e la Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Al culmine della cerimonia, l'arcivescovo accende dall'altare del Duomo un razzo a forma di colomba, o come si dice a Firenze "colombina", che, tramite un meccanismo a fune, percorre tutta la navata centrale della chiesa e raggiunge all'esterno il carro, facendolo scoppiare. L'antica festa ha sempre richiamato una gran folla di turisti, di cittadini e di numerosi contadini della campagna fiorentina che traevano gli auspici per il raccolto: se il "volo della colombina" si svolgeva senza nessun intoppo sarebbe stato un anno fortunato, contrariamente sarebbe stato un anno nefasto. CURIOSITÁI riti legati al Fuoco Santo, simbolo della Risurrezione, sono fortemente legati alla Pasqua. L’accensione spontanea di un fuoco prodigioso avviene ogni anno nella Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme. • Le tre pietre di Pazzino de’ Pazzi sono ancora oggi a Firenze, attualmente sono conservate nella chiesa dei Santi Apostoli e vengono tuttora usate dal vescovo per accendere la miccia della colombina. • Il carro che si utilizza oggi è quello costruito intorno al 1600 da Bernardo Buontalenti, anche se naturalmente è stato ampiamente restaurato, due anni fa prese persino fuoco. • L’ultima volta che la colombina ha fallito la sua missione è stato durante la Pasqua del 1966, anno della terribile alluvione di Firenze. LETTURA E COMPRENSIONE Provate a rispondere alle seguenti domande: 1- Durante quale evento storico ebbe origine questa tradizione? 2- Quale fu l'impresa compiuta da Pazzino de'Pazzi? 3- Per cosa furono usare le tre pietre del Santo Sepolcro? 4- Come viene chiamata la torre pirotecnica posizionata sul carro? 5- Cos'è la colombina? 6- Perché per il popolo è così importante il "volo della colombina"? 7- Cosa simboleggia il Fuoco Santo? 8- Cosa successe a Firenze nel 1966? 9- Ci sono antiche tradizioni legate alla Pasqua nel vostro Paese d'origine?    
 
[post_title] => Lo scoppio del carro a Firenze, un'antica tradizione di Pasqua [post_excerpt] => In Italia la Pasqua è una festa molto sentita. Una delle tradizioni più scenografiche e conosciute è quella dello "scoppio del carro" che si tiene a Firenze la domenica di Pasqua. Scopriamone insieme la storia e il significato. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => lo-scoppio-del-carro-a-firenze-unantica-tradizione-di-pasqua [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-04-27 10:26:48 [post_modified_gmt] => 2017-04-27 08:26:48 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12482 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 7 [filter] => raw ) ) [post] => WP_Post Object ( [ID] => 12673 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-05-18 10:10:38 [post_date_gmt] => 2017-05-18 08:10:38 [post_content] => Anche nel prossimo esercizio dovrete completare le frasi con le forme appropriate dei verbi indicati tra parentesi. [post_title] => Test di ripasso misto sui verbi 3 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => test-di-ripasso-misto-sui-verbi-3 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-05-18 10:10:38 [post_modified_gmt] => 2017-05-18 08:10:38 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12673 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 4 [filter] => raw ) )
Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue
In Evidenza