WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 12098
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 512
    [max_num_pages] => 52
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => 8de645c067a852f41c9970ef68760528
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 12098
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (12098) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12078
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-02-16 09:51:09
                    [post_date_gmt] => 2017-02-16 08:51:09
                    [post_content] => Preposizione semplice o articolata? Scegliete quella giusta nel prossimo esercizio.

Per un ripasso: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/02/02/preposizione-semplice-o-articolata-prima-parte/

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/02/09/preposizione-semplice-o-articolata-seconda-parte/

 
                    [post_title] => Test 47- Preposizione semplice o articolata?
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-47-preposizione-semplice-o-articolata
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-02-16 09:51:09
                    [post_modified_gmt] => 2017-02-16 08:51:09
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12078
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12075
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-02-16 09:50:26
                    [post_date_gmt] => 2017-02-16 08:50:26
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, il prossimo esercizio è sull'uso di piuttosto che. Per ripassare questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/01/19/uso-improprio-di-piuttosto-che/
                    [post_title] => Test 47- Uso improprio di "piuttosto che"
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-47-uso-improprio-di-piuttosto-che
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-02-16 09:50:26
                    [post_modified_gmt] => 2017-02-16 08:50:26
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12075
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12072
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-02-16 09:49:44
                    [post_date_gmt] => 2017-02-16 08:49:44
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, dedichiamo questa settimana al ripasso degli argomenti trattati di recente sul blog. Cominciamo col ripassare la posizione dei pronomi personali complemento, per rileggere l'articolo prima di affrontare il test, ecco il link: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/01/12/la-posizione-dei-pronomi-personali-complemento/

Buon test! ;-)

Prof. Anna
                    [post_title] => Test 47- La posizione dei pronomi personali complemento
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, dedichiamo questa settimana al ripasso degli argomenti trattati di recente sul blog.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-47-la-posizione-dei-pronomi-personali-complemento
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-02-23 10:25:49
                    [post_modified_gmt] => 2017-02-23 09:25:49
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12072
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 3
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12049
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-02-09 11:19:58
                    [post_date_gmt] => 2017-02-09 10:19:58
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, continuiamo il nostro approfondimento sulla scelta tra una preposizione semplice o una preposizione articolata.

Buona lettura!

Prof. Anna

Le espressioni per le quali è più complicata la scelta tra preposizione semplice e articolata sono quelle che indicano un luogo, in questi casi si osservano dei comportamenti molto diversi e a volte difficilmente giustificabili, vediamoli insime.

Ci sono espressioni di luogo che vogliono la preposizione semplice. L'indicazione generale in questi casi è che si usa la preposizione semplice se il nome che segue la preposizione ha un significato generico mentre si usa la preposizione articolata se il nome è seguito da un aggettivo, da un un complemento di specificazione o da una frase relativa in cui il relativo si riferisce al nome che accompagna la preposizione e che chiarisce e precisa il significato del nome stesso.

→ espressioni con preposizione semplice a che hanno significato generico: a teatro, a letto, a tavola, a pranzo, a cena, a casa, a scuola, a riva. Queste stesse espressioni, a parte a letto forse perché è intesa come metafora di una condizione o di un'attività più che come un luogo, vorranno la preposizione articolata se il nome è accompaganto da aggettivo, da complementi di specificazione o sono seguite da una frase relativa che specifica il significatodel nome: stasera al teatro della mia città c'è uno spettacolo interessante;  andiamo insieme al pranzo di Natale?; ti ho vista alla cena che ha organizzato Laura;
per quanto riguarda a scuola se vogliamo indicare l'attività svolta in quella scuola useremo ancora la preposizione semplice: a scuola di danza, a scuola di cucina, a scuola di nuoto ecc. perché anche in questo caso si intende più un'attività che un luogo; mentre se indichiamo il nome della scuola o si specifica di quale scuola si tratta useremo la preposizione articolata: vado alla scuola Alessandro Manzoni, l'anno prossimo andrò alla scuola media;

→ l'espressione a casa rimarrà invariatà anche se seguita da complemento di specificazione: vado a casa di Marco, sono a casa dei nonni, si usa la preposizione articolata quando è specificata la tipologia di casa: alla casa di riposo, alla casa di cura, alla Casa Bianca;

→ espressioni di luogo introdotte preposizioni articolate formate con a: al cinema, al ristorante, al bar, al supermercato, al mare, al mercato, al matrimonio, al concerto, alla stazione, alla posta, alla partita, all'università, all'ospedale, all'aeroporto, all'osteria. Queste espressioni, anche se formate con preposizioni articolate, hanno un significato generico;

→ espressioni con la preposizione semplice in che hanno significato generico: in banca, in chiesa, in biblioteca, in ufficio, in piscina, in centro, in montagna, in campagna, in città, in palestra, in edicola, in vacanza, in discoteca, con i nomi di luoghi o negozi che finiscono in -ia: in gelateria, in salumeria, in libreria, in pizzeria ecc.. Anche in questo caso, se il nome è seguito da un aggettivo, un complemento di specificazione o una frase relativa che specifica il significato del nome, sarà necessario usare la preposizione articolata: sono nell'ufficio del mio collega, passeremo il fine settimana nella campagna toscana, Maria lavora nella gelateria in fondo alla strada, siamo andate nella libreria che ci hai consigliato;

→ espressioni di luogo introdotte dalla preposizione da: questa preposizione è impiegata per introdurre complementi di moto a luogo e di stato in luogo quando è seguita da nomi (propri o comuni) e da pronomi personali, in questi casi ci si riferisce all'ambiente dove una persona abita o lavora e quindi da assume il significato di presso. Useremo la preposizione semplice quando da è seguita da un pronome personale, un nome proprio o un nome di un locale pubblico: stasera vengo da te, andiamo tutti da Marco, abbiamo prenotato un tavolo da "Vito"(nome del ristorante); negli altri casi si userà la preposizione articolata, si usa spesso con i nomi di professioni: dal dentista, dal dottore, dall'avvocato, dal veterinario, dal macellaio; dai miei (genitori) ecc..
                    [post_title] => Preposizione semplice o articolata? (seconda parte)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, continuiamo il nostro approfondimento sulla scelta tra una preposizione semplice o una preposizione articolata.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => preposizione-semplice-o-articolata-seconda-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-02-09 11:19:58
                    [post_modified_gmt] => 2017-02-09 10:19:58
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12049
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 15
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 12039
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-02-06 11:36:10
                    [post_date_gmt] => 2017-02-06 10:36:10
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, avete un dubbio sulla lingua italiana e volete subito una risposta? A partire da questa settimana sulla pagina Facebook di Zanichelli potrete scrivermi le vostre domande e risponderò in tempo reale. Vi aspetto giovedì pomeriggio dalle 14:30 alle 17:00.

https://www.facebook.com/zanichelliscuola/

A presto!

Prof. Anna
                    [post_title] => Consulenza linguistica in tempo reale
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, avete un dubbio sulla lingua italiana e volete subito una risposta? A partire da questa settimana sulla pagina Facebook di Zanichelli potrete scrivermi le vostre domande e risponderò in tempo reale. Vi aspetto giovedì pomeriggio dalle 14:30 alle 17:00.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => consulenza-linguistica-in-tempo-reale
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-02-06 11:38:06
                    [post_modified_gmt] => 2017-02-06 10:38:06
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12039
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 4
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 11988
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-02-02 12:40:14
                    [post_date_gmt] => 2017-02-02 11:40:14
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, dover scegliere se usare una preposizione semplice o una preposizione articolata rappresenta uno dei maggiori dubbi per chi studia l'italiano poiché spesso non esistono regole ben precise e, a seconda delle espressioni, le preposizioni si comportano in modo diverso senza un motivo apparente. Ci sono però delle indicazioni generali grazie alle quali ci si può orientare. Vediamole insieme.

Buona lettura!

Prof. Anna

Analizziamo alcuni casi che ci aiutano a capire quando è corretto usare una preposizione semplice e quando invece è necessario usare una preposizione articolata.

• Con i nomi di parentela:

non si usa l'articolo davanti agli aggettivi possessivi mio-mia, tuo-tua, suo-sua, nostro-nostra, vostro-vostra, quindi se dobbiamo usare una preposizione, useremo una preposizione semplice: ho promesso a mia madre che l'avrei aiutata, sono stato a cena da mio fratello; quando il nome di parentela è alterato o è accompagnato da un aggettivo o nel caso di mamma e papà l'articolo si usa e quindi si userà una preposizione articolata: gli occhi della mia sorellina sono azzurri, ho telefonato alla mia nonna materna;

→ quando invece i nomi di parentela sono accompagnati dagli aggettivi possessivi al plurale, è sempre necessario l'articolo e di conseguenza la preposizione articolata: vado a pranzo dai miei zii;

• con i nomi propri non si usano le preposizioni articolate: questo libro è di Giorgio, siamo a casa di Giulia; è possibile sentire usare l'articolo e quindi la preposizione articolata davanti ai nomi propri, ma si tratta di usi regionali;

• quando usiamo la preposizione in per esprimere un complemento di luogo, se è accompagnata da un nome di nazione al singolare, useremo la preposizione semplice: vado in Italia; se il nome della nazione è plurale, useremo la preposizione articolata: vivo negli Stati Uniti da molti anni;

• si usa la preposizione articolata davanti ai nomi degli stati, dei continenti, delle isole o gruppi di isole considerati grandi, dei mari, dei fiumi, dei laghi e delle montagne: sono appena tornata dalla Sicilia (considerata una grande isola), sono appena tornata da Cipro (considerata una piccola isola), andiamo a sciare sulle Alpi;

• non si usa mai la preposizione articolata davanti ai nomi di città: l'architettura di Roma è molto caratteristica; a meno che il nome di città non sia accompagnato da un aggettivo o complemento di specificazione: l'architettura dell'antica Roma è molto caratteristica;

• solitamente quando una preposizione introduce un complemento di fine o di modo è semplice: camera da letto, sono di buon umore, parla a bassa voce, siamo in ansia;

• è obbligatoria la preposizione articolata davanti a un infinito sostantivato: nel cadere ho sbattuto un ginocchio.
                    [post_title] => Preposizione semplice o articolata? (prima parte)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, dover scegliere se usare una preposizione semplice o una preposizione articolata rappresenta uno dei maggiori dubbi per chi studia l'italiano. Ci sono delle indicazioni generali grazie alle quali ci si può orientare. Vediamole insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => preposizione-semplice-o-articolata-prima-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-02-16 09:53:26
                    [post_modified_gmt] => 2017-02-16 08:53:26
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=11988
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 24
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 11887
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-01-26 10:12:59
                    [post_date_gmt] => 2017-01-26 09:12:59
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana riprendiamo il nostro giro per l'Italia visitando uno dei più straordinari monumenti italiani: la Reggia di Caserta.

Buona lettura!

Prof. Anna

La Reggia di Caserta è un palazzo reale, con annesso un parco, che si trova nella città di Caserta, in Campania. È la residenza reale più grande del mondo ed è appartenuta alla famiglia Borbone di Napoli. È una delle mete assolutamente da non perdere in Italia! Scopriamone insieme la storia e le caratteristiche.

Se ci sono parole che non conoscete, vi consiglio di usare il dizionario online: cliccando due volte sulla parola sconosciuta si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra apparirà il significato.

UN PO' DI STORIA

Il palazzo reale di Caserta fu voluto dal Re di Napoli Carlo di Borbone, che desiderava una reggia talmente straordinaria da poter reggere il confronto con quella di Versailles. Anziché costruirla a Napoli, si scelse di costruirla nell'entroterra casertano sia per la bellezza dei paesaggi sia perché era un luogo più sicuro rispetto alla costa, più soggetta ad attacchi via mare.

Del progetto fu incaricato Luigi Vanvitelli, architetto molto noto all'epoca. Il 20 gennaio 1752, proprio il giorno del compleanno del re Carlo di Borbone, venne posata la prima pietra nel corso di una solenne cerimonia, inaugurando così l'inizio dei lavori. Nel 1773 Vanvitelli morì e gli succedette il figlio. La Reggia fu terminata nel 1845.

IL PALAZZO



Il palazzo è il fulcro del complesso monumentale della Reggia di Caserta e rappresenta uno dei massimi esempi del barocco italiano. Un mastodontico capolavoro che si estende per 47.000 metri quadri di superficie. L'edificio è costruito su cinque piani, per 42 metri di altezza, suddiviso in 1.200 stanze. All'interno il lusso e lo sfarzo sono portati all'estremo. Dopo un ingresso tramite un immenso scalone d’onore, il percorso si snoda fra la Sala del Trono (nella foto), la Cappella Palatina, ispirata a quella della Reggia di Versailles, diverse stanze reali e il Teatro di Corte.

IL PARCO



Il parco reale di Caserta ricopre 120 ettari di superficie per 3 km di lunghezza. Molto curato, il parco ospita una serie di suggestive fontane ed enormi vasche d'acqua formate da un fiume artificiale.

Sono presenti diversi stili di giardino, un'area dedicata al giardino all'italiana, che è caratterizzato da una suddivisione geometrica degli spazi per mezzo di filari di alberi e siepi e un'area che ospita un giardino all'inglese che invece accosta elementi naturali ad artificiali, per creare uno spazio che abbia davvero qualcosa di molto naturale.

UNA DIVERTENTE CURIOSITÀ



Nel 1861, con la nascita del Regno d'Italia, alcuni funzionari sabaudi furono incaricati di censire quanto contenuto nella Reggia, trovandosi di fronte al "bidet" e ignorandone la funzione, scrissero: "strano oggetto a forma di chitarra".

Nel 1997 la Reggia di Caserta è stata dichiarata dall'UNESCO partimonio dell'umanità. Nel 2016 è stato il dodicesimo sito museale statale italiano più visitato e, secondo una ricerca condotta dal portale dei musei italiani http://ww.musei-it.com, è il museo più social d'Italia: misurando quanto il pubblico interagisce con le pagine social del museo è emerso che la Reggia di Caserta è prima in Italia per numero di like e di commenti.

Per ulteriori informazioni potete consultare il sito ufficiale: http://www.reggiadicaserta.beniculturali.it/ 

o seguire la pagina social: https://it-it.facebook.com/reggiaufficiale/

LETTURA E COMPRENSIONE

Nel testo sono presenti un certo numero di verbi coniugati al passato remoto (provate a individuarli) e anche nelle domande che seguono. Dove possibile rispondete utilizzando questo tempo verbale, sarà una buona occasione per ripassarlo.

1- In quale regione italiana si trova la Reggia?

2- Chi ne volle la costruzione?

3- Perché si scelse di costruirla a Caserta?

4- Che cosa si celebrò il 20 gennaio 1752?

5- In che anno terminarono lavori?

6- Di quale stile architettonico la Reggia è uno dei massimi esempi?

7- Qual è la differenza tra giardino all'italiana e giardino all'inglese?

8- Perché i funzionari sabaudi descrissero il "bidet" come "strano oggetto a forma di chitarra"?

9- Trova uno o più sinonimi dell'aggettivo "mastodontico".

 
                    [post_title] => La Reggia di Caserta, la residenza reale più grande del mondo
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana riprendiamo il nostro giro per l'Italia visitando uno dei più straordinari monumenti italiani: la Reggia di Caserta.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-reggia-di-caserta-la-residenza-reale-piu-grande-del-mondo
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-02-09 11:21:26
                    [post_modified_gmt] => 2017-02-09 10:21:26
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=11887
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 3
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 11851
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-01-19 11:14:15
                    [post_date_gmt] => 2017-01-19 10:14:15
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, negli ultimi anni si è diffuso un uso improprio di piuttosto che che rischia di confondere chi sta imparando l'italiano (ma anche gli italiani stessi). Vediamo di cosa si tratta e come usare piuttosto che in maniera corretta.

Buona lettura!

Prof. Anna

Da qualche decennio si è diffuso l'uso della locuzione congiuntiva piuttosto che col significato disgiuntivo di o, oppure, mentre l'unico significato dal punto di vista etimologico e storico di piuttosto che è quello avversativo, come sinonimo di anziché, invece di.

Facciamo un esempio:

• uso erratostasera possiamo andare al cinema piuttosto che a teatro col significato di possiamo andare al cinema o a teatro;uso corretto stasera possiamo andare al cinema piuttosto che a teatro col significato di stasera possiamo andare al cinema invece di andare a teatro (=stasera possiamo andare al cinema e non a teatro).

Questo fenomeno ha probabilmente avuto origine dalla lingua parlata del Nord Italia, all'interno però di un linguaggio non popolare. Quest'uso errato si è poi velocemente diffuso tra i giornalisti, i conduttori televisivi e i pubblicitari, in seguito lo troviamo anche nella lingua scritta, nei quotidiani e nelle riviste.

È interessante notare come questo fenomeno abbia avuto origine non all'interno delle classi culturalmente più deboli, ma all'interno di quelle culturalmente più elevate. Questo aspetto ha contribuito in qualche modo a legittimare quest'uso improprio: si imita, anche inconsapevolmente, un linguaggio che si ritiene caratteristico di ceti culturalmente più elevati e forse è proprio questa la chiave del successo dell'errore linguistico più diffuso oggi in Italia.

Il motivo fondamentale per cui quest’uso è sbagliato e da evitare è che può creare ambiguità nella comunicazione, alterando il messaggio e creando equivoci.

Per esempio la frase: penso che andrò in vacanza al mare piuttosto che in montangna significa penso che andrò in vacanza al mare invece di andare in montagna (=penso che andrò in vacanza al mare e non in montagna), è chiaro che c'è una preferenza per la prima opzione (al mare) e non una completa equiparazione tra le due opzioni che invece si ottiene attraverso le congiunzioni disgiuntive o, oppure: andrò in vacanza al mare o in montagna, in questo caso una preferenza non è espressa ma solo due possibilità equiparate tra di loro.


Esiste un altro uso improprio di piuttosto che, cioè col significato aggiuntivo di oltre che: frase scorrettaper fare questo piatto si possono usare vari tipi di pasta: gli spaghetti piuttosto che i maccheroni piuttosto che i fusilli;

• frase correttaper fare questo piatto si possono usare vari tipi di pasta:  gli spaghetti oltre che i maccheroni, oltre che i fusilli.

RICAPITOLANDO

La locuzione congiuntiva piuttosto che ha valore avversativo e significa anziché, invece di.

In nessun caso ha valore disgiuntivo col significato di o, oppure e nemmeno valore aggiuntivo col significato di oltre che.
                    [post_title] => Uso improprio di "piuttosto che"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, negli ultimi anni si è diffuso un uso improprio di "piuttosto che" che rischia di confondere chi sta imparando l'italiano (ma anche gli italiani stessi). Vediamo di cosa si tratta e come usare "piuttosto che" in maniera corretta.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => uso-improprio-di-piuttosto-che
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-02-02 12:41:39
                    [post_modified_gmt] => 2017-02-02 11:41:39
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=11851
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 23
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 11823
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-01-12 12:23:06
                    [post_date_gmt] => 2017-01-12 11:23:06
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ricevo spesso domande riguardo alla corretta posizione dei pronomi personali complemento: vanno collocati prima del verbo o dopo il verbo? Possono unirsi a un verbo all'infinito? E se ci sono due infiniti? Questa settimana cercheremo di fare chiarezza su questo argomento.

Buona lettura!

Prof. Anna

I pronomi personali che hanno funzione di complemento possono essere tonici (me, te, lui, esso, noi, voi, loro, essi, esse, sè), oppure atoni (mi, ti, lo, gli, la, le, gli, ci, vi, li, le, loro, ne).

La scelta tra un pronome tonico e uno atono è importante: nella frase io ti ascolto viene fatta una semplice constatazione, mentre se uso la forma tonica io ascolto te si vuole sottolineare che sto ascoltando proprio te e nessun altro, quindi l'uso del pronome tonico sposta l'attenzione sul pronome stesso.

Come già sappiamo le forma atone si possono usare solo con funzione di complemento oggetto, complemento di termine e alcuni complementi indiretti (io ci parlo = io parlo con lui); per gli altri complementi indiretti si usano le forme toniche precedute da preposizione.

Vediamo come si posizionano questi pronomi all'interno della frase.

Pronomi tonici: generalmente seguono il verbo parlo con loro, ma se si vuole evidenziarli, è possibile collocarli prima del verbo con loro non ho mai parlato, in questi casi si può anche avere una ripetizione pronominale con loro non ci ho mai parlato.

Pronomi atoni: solitamente precedono il verbo mi piace, ti ascolto. In alcuni casi però seguono il verbo e formano con esso un'unica parola.

I pronomi atoni seguono il verbo:

→ con un infinito: guardarvi, pensarci, parlargli, mangiarlo ecc. In questi casi il verbo all'infinito perde la vocale finale;

→ con un verbio al gerundio: guardandovi, pensandoci, parlandogli, mangiandolo ecc.;

→ con un participio passato, solo se usato in forma assoluta o con funzione aggettivale: trovatolo, non lo lasciò più andare; il libro regalatomi è molto interessante. È raro l'uso del participio con due pronomi: andatosene, scrittoglielo.

→ con un imperativo, sia affermativo dimmi una cosa, compralo tu, sia negativo non telefonarmi, non ascoltarlo, con l'imperativo negativo è possibile collocare il pronome anche prima del verbo non mi telefonare, non lo ascoltare;con gli imperativi tronchi dei verbi dare, dire, fare, stare, andare (da', di', fa', sta', va') il pronome atono raddoppia la consonante iniziale dammi, dicci, falle, fallo, stammi, vattene. Non raddoppiano la consonante con gli e i suoi composti fagli, digli, diglielo;

→ con l'avverbio ecco: eccoci qua; eccomi arrivato; eccone un'altra.

Casi particolari:con i verbi servili dovere, potere, volere, il pronome può unirsi all'infinito che segue o può precedere il verbo servile:

vogliamo parlarti o ti vogliamo parlare

non sa comportarsi o non si sa comportare

non possiamo aiutarlo o non lo possiamo aiutare

dovevo insegliartelo o te lo dovevo insegnare

Se il verbo servile regge due infiniti, sono esistono tre possibilità: la vorrei poter aiutare, vorrei poterla aiutare, vorrei poter aiutarla.

→ con i verbi fare e lasciare con valore causativo (che indicano cioè un'azione causata dal soggetto ma non compiuta direttamente da esso), il pronome va obbligatoriamente prima del verbo causativo: le faremo controllare, vi lascio partecipare;

→ con i verbi sembrare e parere seguiti da un infinito, il pronome va obbligatoriamente dopo il verbo all'infinito: sembra capirlo, pareva crederci.

→ con i verbi di modo finito la collocazione del pronome dopo il verbo un tempo era comune, oggi invece sopravvive solo negli annunci economici o negli avvisi pubblicitari per rendere la comunicazione più breve e concisa: affittasi, cercasi, vendonsi ecc.
                    [post_title] => La posizione dei pronomi personali complemento
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ricevo spesso domande riguardo alla corretta posizione dei pronomi personali complemento, questa settimana cercheremo di fare chiarezza su questo argomento.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-posizione-dei-pronomi-personali-complemento
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-01-26 10:14:55
                    [post_modified_gmt] => 2017-01-26 09:14:55
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=11823
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 20
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 11811
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-01-05 16:55:30
                    [post_date_gmt] => 2017-01-05 15:55:30
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, bentrovati! Spero abbiate trascorso buone feste e auguro a tutti voi un buon inizio.

Vorrei cominciare l'anno condividendo con voi un'intervista a un grande linguista scomparso proprio oggi: Tullio de Mauro.

Tullio de Mauro è stato un autorevole linguista, docente universitario, saggista e ministro dell'Istruzione dal 2000 al 2001. Tra le sue opere più importanti la Storia della linguistica dell'Italia unita ( Bari, Laterza, 1963; 1970 ) e Il grande dizionario italiano dell'uso (Torino, UTET, 1999), quest'opera riunisce più di 270.00 vocaboli catalogati secondo l'uso: dalle più comuni alle più rare.

Leggiamo questa interessante intervista in cui de Mauro illustra i risultati dei suoi studi secondo i quali quasi la metà degli italiani alterna l'uso dell'italiano a quello del dialetto.


Se ci sono parole che non conoscete, vi consiglio di usare il dizionario online: cliccando due volte sulla parola sconosciuta si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra apparirà il significato.

Buona lettura!

Che cos'è una storia linguistica?
"È la storia di una comunità che può anche parlare diverse lingue. Tanto più di una comunità come quella italiana dove, a differenza di altri paesi, c'è un marcato multilinguismo. È la masse parlante di cui scrive Ferdinand de Saussure".

È una storia d'Italia sub specie linguistica (sotto l'aspetto linguistico)?
"Possiamo dire così. Non riesco a capire perché gli storici italiani trascurino quest'aspetto. Accade in prevalenza da noi, dove pure è impossibile ignorare il modo in cui le persone si capivano o non si capivano. In fondo uno dei motivi alla base della richiesta di unificazione del paese era proprio la comunanza di lingua. Che poi la comunanza fosse una chimera è un problema sul quale gli storici dovrebbero soffermarsi".

E tanto più dovrebbero soffermarsi sulla formidabile convergenza degli italiani verso l'italiano avvenuta negli ultimi quarant'anni.
"È un fenomeno vistoso che induce a rivedere, almeno su questo versante, un certo pessimismo nelle ricostruzioni della nostra storia recente. Il bisogno di trovare un terreno d'intesa, da Nord a Sud, ha avuto un esito indubbio. E il bisogno l'ha avvertito più la popolazione italiana che non le classi dirigenti. Questo va sottolineato senza populismi".

E però, lei aggiunge, chi diagnosticava la morte dei dialetti deve ricredersi.
"Posso inondarla di cifre?".

Certamente.
"Fino al 1974 la maggioranza degli italiani, il 51,3 per cento, parlava sempre in dialetto. Ora chi parla sempre in dialetto è sceso al 5,4. Ma, regredendo l'uso esclusivo, è andato crescendo quello alternante di italiano e dialetto: nel 1955 era il 18 per cento, oggi è il 44,1. Quelli che adoperano solo l'italiano sono il 45,5 per cento. È vero che i toscani, i liguri e gli emiliano-romagnoli parlano solo in italiano fra l'80 e il 60 per cento e che i lucani, i campani e i calabresi vanno dal 27 al 20 per cento. Ma è vero anche che chi usa solo il dialetto in queste regioni del Sud non supera il 12-13 per cento".

E quest'alternanza quanto incide sulla capacità di comprendersi l'un l'altro?
"In una conversazione, non sempre in maniera programmata, si passa dall'italiano al dialetto e viceversa molto facilmente. Ovviamente rivolgendosi a un interlocutore che il dialetto possa capirlo. Gli inglesi lo chiamano code switching o code mixing. È uno strumento prezioso per arricchire il parlato, migliorando l'espressività".

Lei sostiene che l'acquisizione dell'italiano comune sia stata favorita dalla mescolanza di tanti idiomi.
"Quante più lingue si confrontano tanto più cresce l'esigenza di una lingua comune. L'importante è che l'ambiente sia unitario. È un fenomeno verificabile fin dal Cinquecento a Roma, per esempio, dove affluiscono popolazioni da molte regioni dopo il sacco dei lanzichenecchi. La classe dirigente, cioè la curia, era pan-italiana".

Le donne convergono verso l'italiano prima e più degli uomini.
"Questo accade sia nei contesti familiari, dove le donne rivolgendosi ai bambini prediligono l'italiano, sia fuori da quest'ambiente: lo attestano i dati sulla lettura o quelli sui rendimenti scolastici".

E oltre al multilinguismo cos'è che ha diffuso l'italiano?
"Sono tanti i fattori: l'emigrazione interna, l'affluenza nelle grandi città, radio e televisione. Ma va sottolineato l'alto livello di scolarizzazione che ha portato al diploma secondario il 75 per cento dei ragazzi. Purtroppo questa richiesta di più alta formazione si è arrestata negli ultimi anni ".

In che senso?
"Il numero dei laureati in Italia resta basso rispetto alla media europea e ormai si diffonde la sfiduciata convinzione che una laurea serva a poco, perché molte imprese sembra non abbiano bisogno di alti livelli d'istruzione".

E invece la scuola resta essenziale in questo processo.
"L'italiano ha un congegno più complicato dell'inglese o del francese, richiede un controllo che la scuola può offrire. Ancora oggi una consapevolezza piena la si acquisisce alle superiori, quando queste funzionano bene. Il che non è sempre vero: soprattutto il triennio finale è rimasto molto indietro. I programmi non sono stati aggiornati e l'impianto è troppo segmentato in discipline e poco attento alle competenze trasversali"

[...]

intervista tratta da: http://www.repubblica.it/cultura/2014/09/29/news/tullio_de_mauro_gli_italiani_parlano_anche_in_dialetto-96922903/

LETTURA E COMPRENSIONE

Dopo aver letto il testo provate a rispondere alle seguenti domande:

1- Da quale fenomeno linguistico è caratterizzata la comunità italiana?

2- Quale fu uno dei motivi alla base della richiesta dell'unificazione del Paese?

3- Negli anni '70 la maggioranza della popolazione italiana parlava italiano o dialetto?

4- E oggi?

5- Perché le donne convergono verso l'italiano più degli uomini?

6- Quali elementi hanno contribuito alla diffusione dell'italiano?

7- Rispetto alla media europea, il numero dei laureati in Italia è alto o basso?

8- Perché?
                    [post_title] => Tullio de Mauro: "Gli italiani parlano (anche) in dialetto"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, bentrovati! Vorrei cominciare l'anno condividendo con voi un'intervista a un grande linguista scomparso proprio oggi: Tullio de Mauro.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => tullio-de-mauro-gli-italiani-parlano-anche-in-dialetto
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-01-19 11:14:56
                    [post_modified_gmt] => 2017-01-19 10:14:56
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=11811
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 3
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 12078
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2017-02-16 09:51:09
            [post_date_gmt] => 2017-02-16 08:51:09
            [post_content] => Preposizione semplice o articolata? Scegliete quella giusta nel prossimo esercizio.

Per un ripasso: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/02/02/preposizione-semplice-o-articolata-prima-parte/

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/02/09/preposizione-semplice-o-articolata-seconda-parte/

 
            [post_title] => Test 47- Preposizione semplice o articolata?
            [post_excerpt] => 
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => test-47-preposizione-semplice-o-articolata
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2017-02-16 09:51:09
            [post_modified_gmt] => 2017-02-16 08:51:09
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=12078
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 0
            [filter] => raw
        )

)
Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue
In Evidenza