WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 15237
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 622
    [max_num_pages] => 63
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => cd42f0422bf6b663148cbc86af8eabf2
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 15237
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (15237) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15219
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-03-07 10:46:55
                    [post_date_gmt] => 2019-03-07 09:46:55
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, magari fosse facile imparare una lingua straniera! Di sicuro non lo è, ma oggi impareremo come si usa  e cosa significa la parola magari.

Buona lettura!
Prof. Anna

È interessante sapere che la parola magari deriva dal greco makàrie che significa "o beato", vocativo di makàrios "beato", infatti in italiano spesso si usa per esprimere un forte desiderio, un auspicio, una speranza. Può avere diverse funzioni grammaticali e altrettanti significati.

Magari può avere funzione di:

• interiezione, in questo caso esprime desiderio, adesione entusiastica o rimpianto. Si può tradurre con le esclamazioni sarebbe bello!, lo spero!, me lo auguro!, in questo caso si usa da solo come risposta a una domanda per manifestare appunto un desiderio: vuoi venire con noi? Magari! (sarebbe bello!),  o un rimpianto: hai superato l'esame? Magari! (sarebbe stato bello, ma non l'ho superato); con tono meno enfatico, nel senso di sì, se possibile:  "Prenoto anche per te?” “Eh, magari"; congiunzione, in questo caso può significare:

→ volesse il cielo che, sarebbe bello che, oh se e introduce una proposizione col verbo al congiuntivo: magari potessi venire anch'io, ma devo lavorare; magari fosse vero!;anche se, quandanche e introduce una proposizione concessiva con il verbo al congiuntivo: lo farò, dovessi magari impiegarci anni (=anche se dovessi impiegarci anni); avverbio con il significato di:

→ forse, probabilmente, eventualmente, semmai: è in ritardo, magari non verrà; (forse non verrà); hai fame? Magari ti preparo qualcosa da mangiare (eventualmente ti preparo qualcosa da mangiare);

→ anche, persino, addirittura: sarebbe magari capace di negare tutto.

 
                    [post_title] => Usi e significati di "magari"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, magari fosse facile imparare una lingua straniera! Di sicuro non lo è, ma oggi impareremo come si usa  e cosa significa la parola "magari".
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => usi-e-significati-di-magari
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-03-07 10:49:19
                    [post_modified_gmt] => 2019-03-07 09:49:19
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15219
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 12
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15177
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-28 10:06:09
                    [post_date_gmt] => 2019-02-28 09:06:09
                    [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo le espressioni e i modi di dire formati con la parola fronte.

Per ripassarli, vi consiglio di leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/02/21/a-fronte-di-fronte-sul-fronte-espressioni-con-la-parola-fronte/
                    [post_title] => Test 60- Espressioni con la parola "fronte"
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-60-espressioni-con-la-parola-fronte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-28 10:06:09
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-28 09:06:09
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15177
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 3
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15175
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-28 10:02:44
                    [post_date_gmt] => 2019-02-28 09:02:44
                    [post_content] => È sempre utile ripassare la coniugazione dei verbi, tanto più se si tratta di verbi non regolari.

Per ripassarli prima del test: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/02/14/coniugazione-dei-verbi-gli-errori-piu-comuni-prima-parte/
                    [post_title] => Test 60- Coniugazione dei verbi: gli errori più comuni 1
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-60-coniugazione-dei-verbi-gli-errori-piu-comuni-1
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-28 10:02:44
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-28 09:02:44
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15175
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15168
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-28 10:02:10
                    [post_date_gmt] => 2019-02-28 09:02:10
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, se avete ancora dei dubbi sugli argomenti trattati di recente sul blog, questa è l'occasione giusta per ripassarli.

Buon test!
Prof. Anna

Nell'esercizio che segue dovrete scegliere quale articolo usare, quale preposizione usare e se quest'ultima deve essere semplice o articolata.

Nel caso in cui l'articolo non sia necessario, bisogna scrivere nessun articolo nello spazio vuoto.

Per ripassare questo argomento prima di fare il test: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/01/31/uso-dellarticolo-davanti-alle-date-alle-ore-ai-giorni/

 

 
                    [post_title] => Test 60- Uso dell'articolo davanti alle date, alle ore, ai giorni
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, se avete ancora dei dubbi sugli argomenti trattati di recente sul blog, questa è l'occasione giusta per ripassarli.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-60-uso-dellarticolo-davanti-alle-date-alle-ore-ai-giorni
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-03-11 10:19:50
                    [post_modified_gmt] => 2019-03-11 09:19:50
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15168
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15152
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-21 10:17:05
                    [post_date_gmt] => 2019-02-21 09:17:05
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, qual è la differenza tra "a fronte", "di fronte", "sul fronte"?  Vediamo insieme il significato di queste e di altre espressioni formate con la parola fronte.

Un saluto

Prof. Anna

La parola fronte può essere sia femminile (la fronte) sia maschile (il fronte).

LA FRONTE

Il sostantivo femminile la fronte significa parte della testa tra le sopracciglia e l'attaccatura dei capelli: fronte ampia, fronte spaziosa, fronte alta, fronte bassa, fronte rugosa.

Vediamo alcune espressioni formate con questa parola:

• di fronte, di fronte a → di faccia, davanti: me lo sono trovato di fronte quando meno me lo aspettavo; davanti a: mettiti di fronte a me; in presenza di: non devi scoraggiarti di fronte a un problema;

• a fronte di → in relazione a, in rapporto a, come conseguenza di: a fronte di questa situazione sono stati presi provvedimenti definitivi;

• a fronte alta, andare a fronte alta, tenere alta la fronte →  con fierezza, non avere nulla di cui vergognarsi, avere la coscienza tranquilla,  ostentare coraggio o spavalderia (come : andare a testa alta): puoi portare il tuo cognome a fronte alta;a fronte bassa → con vergogna, rassegnazione: se ne andò a fronte bassa;

• chinare la fronte → cedere, sottomettersi, umiliarsi davanti a qualcuno: non intendo chinare la fronte davanti a nessuno;

• avere qualcosa scritto in fronte → lasciar trapelare le proprie emozioni: si vede che sei innamorato di lei, ce l'hai scritto in fronte!;

• leggere in fronte a qualcuno → indovinarne lo stato d'animo, il pensiero: gli si legge tutto in fronte, non sa nascondere nulla.

IL FRONTE

Il sostantivo maschile il fronte significa, nel linguaggio militare, la linea lungo la quale le forze belligeranti contrapposte si fronteggiano o sono a contatto: fronte occidentale; fronte orientale; andare al fronte; cambiamento di fronte. Può significare anche coalizione, alleanza di partiti o movimenti politici in vista del raggiungimento di un fine comune: fronte democratico; fronte popolare; fronte di liberazione nazionale.

Vediamo alcune espressioni formate con questa parola:

• sul fronte di → relativamente a un dato settore: nuove misure sul fronte dell'occupazione;

• su due fronti → in due diversi settori: essere impegnato su due fronti;far fronte a qualcuno /a qualcosa → fronteggiare, contrastare un avversario, tenere testa, affrontare una situazione, un impegno, un imprevisto; far fronte a una spesa: affrontarla; far fronte a un impegno: mantenerlo; far fronte a un bisogno: provvedervi con i mezzi opportuni;

• fare fronte comune → unirsi strettamente per una lotta comune, per la difesa di comuni ideali o interessi: non si può più tacere di fronte a questa ingiustizia, bisogna fare fronte comune!.
                    [post_title] => "A fronte", "di fronte", "sul fronte". Espressioni con la parola "fronte"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, qual è la differenza tra "a fronte", "di fronte", "sul fronte"?  Vediamo insieme il significato di queste e di altre espressioni formate con la parola "fronte".
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => a-fronte-di-fronte-sul-fronte-espressioni-con-la-parola-fronte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-03-11 10:20:11
                    [post_modified_gmt] => 2019-03-11 09:20:11
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15152
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15125
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-14 11:21:46
                    [post_date_gmt] => 2019-02-14 10:21:46
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quante volte capita di sbagliare la coniugazione di un verbo o avere dei dubbi al riguardo? Vediamo insieme le forme verbali che di solito fanno nascere incertezze.

Buona lettura!

Prof. Anna

Spesso sono i verbi con una coniugazione irregolare a creare problemi. Nell'apprendere una lingua si è naturalmente portati a regolarizzare ciò che non rientra nelle regole: può accadere al bambino quando apprende la lingua materna e all'adulto quando apprende una seconda lingua. Un'altra categoria di verbi che mette in difficolta è quella dei verbi difettivi, cioè quei verbi che mancano di alcuni tempi, modi e persone verbali.

Ecco alcuni verbi che possono creare difficoltà:

• accedere → è un composto del verbo cedere e quindi la sua coniugazione è come quella del verbo di partenza. Il passato prossimo è io ho acceduto, ma questo verbo è poco usato nei tempi composti.  Alcune persone del passato remoto hanno due forme, entrambe corrette: io accedei/accedetti, tu accedesti, egli accedé/accedette, noi accedemmo, voi accedeste, essi accederono/accedettero;

• aprire → qual è il passato remoto di questo verbo? Aprii o apersi? In passato le due forme venivano usate con uguale frequenza, oggi invece la forma più comune è io aprii,  egli aprì, essi aprirono; benedire → il verbo benedire è un composto del verbo dire, i composti del verbo dire (benedire, maledire, contraddire, disdire, predire, ridire) seguono la coniugazione del verbo dire, quindi io benedicevo, io benedissi. Fa eccezione la seconda persona dell'imperativo, che nel verbo dire è di', mentre nei composti è -dici: benedici, maledici;

• convenire → il passato remoto è convenne o convenì? E qual è il passato remoto dei verbi composti con il verbo venire (avvenire, contravvenire, convenire, divenire, intervenire, pervenire, prevenire, provenire, rinvenire, rivenire, sconvenire, sopravvenire, sovvenire, svenire)? Questi verbi si coniugano come venire, il verbo base. Poiché il passato remoto di venire è venni, venisti, venne, venimmo, veniste, vennero, il passato remoto di un suo composto, come convenire, sarà: convenni, convenisti, convenne, convenimmo, conveniste, convennero;

• coprire → il passato remoto è coprii o copersi? Come per il passato remoto di aprire, anticamente venivano usate tutt'e due le forme; oggi è molto più comune il tipo io coprii, egli coprì. Questo vale anche per i suoi composti: ricoprire, riscoprire e scoprire;cuocere → il passato remoto di cuocere è cossi, cuocesti, cosse, cuocemmo, coceste, cossero. Il participio passato è cotto, in passato si usava la forma cociuto.
                    [post_title] => Coniugazione dei verbi: gli errori più comuni (prima parte)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quante volte capita di sbagliare la coniugazione di un verbo o avere dei dubbi al riguardo? Vediamo insieme le forme verbali che di solito fanno nascere incertezze.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => coniugazione-dei-verbi-gli-errori-piu-comuni-prima-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-03-14 10:41:11
                    [post_modified_gmt] => 2019-03-14 09:41:11
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15125
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 3
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 15054
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-02-07 10:28:34
                    [post_date_gmt] => 2019-02-07 09:28:34
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi ripercorriamo la storia del congiuntivo. Come è nato questo modo verbale tanto affascinante quanto complesso? Scopriamolo insieme.

Buona lettura!
Prof. Anna

UN PO' DI STORIA

Per capire meglio la natura del congiuntivo e i suoi usi mi sembra utile e interessante conoscere la storia della sua nascita e dalla sua evoluzione.

Per fare questo prendiamo spunto da un testo di Valeria Della Valle e Giuseppe Patota: "Viva il congiuntivo!", Mondadori 2017.

Vi ricordo che, se ci sono parole che non conoscete, potete consultare il dizionario on-line: basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra apparirà il significato.

RITORNO AL LATINO

La storia del congiuntivo  è complessa, di una complessità che affonda le radici nella lingua da cui l'italiano deriva: il latino.

Nel latino arcaico il congiuntivo (che raccoglieva l'eredità di due modi verbali della famiglia linguistica indeuropea alla quale il latino stesso apparteneva, ovvero il congiuntivo e l'ottativo) si adoperava soltanto nella frasi semplici: cioè quelle autonome, che non dipendevano da altre frasi e poteva esprimere diverse funzioni e diversi significati, tutti lontani dalla descrizione oggettiva della realtà, affidata al modo indicativo.

Un congiuntivo poteva esprimere di volta in volta, manifestazioni della volontà come esortazioni (Amemus patriam = Amiamo la patria!), divieti (Ne falsum dixeris = Non dire il falso!) e desideri (Utinam verum dicas = Speriamo che tu dica la verità); espressioni di dubbi (Quid dicam? = Che dovrei dire?) e di fatti valutati come impossibili (Ego me Phidiam esse mallem = "Preferirei essere Fidia", dice Cicerone in un suo scritto, ben sapendo di non essere Fidia, il grande scultore greco).

Nel sistema latino, però, questo congiuntivo si confondeva, in particolare nella prima persona, con il futuro, anch'esso derivato dal congiuntivo indoeuropeo. Poiché le due forme, congiuntivo e futuro, si confondevano, i parlanti, per segnalare che il congiuntivo era altra cosa dal futuro e che, lungi da collocare un fatto o una situazione nel futuro, di volta in volta esprimeva volontà, dubbi e fatti valutati come possibili o impossibili, presero l'abitudine di farlo seguire da un secondo verbo all'indicativo: un verbo-bandiera che, a seconda di quello che si voleva comunicare o fare con le parole, esprimesse ordine, desiderio, valutazione di possibilità o impossibilità e così via.

Facciamo un esempio legato all'espressione del comando. In un primo tempo, per dare un ordine a una persona diversa da quella alla quale ci si rivolgeva, si adoperava il congiuntivo: Eat! (= Vada!); in un secondo tempo, a quel congiuntivo si accompagnò un verbo che esprimeva ordine o richiesta, e lo si pospose al congiuntivo: Eat! Postulo!  (= Vada! [Lo] chiedo!); in seguito, il verbo che esprimeva ordine o richiesta fu anteposto al congiuntivo: Postulo! Eat! (= [Lo] chiedo! Vada!); infine, fra quel verbo e il congiuntivo venne inserita una parola che assunse il valore di elemento subordinante (ut = che): Postulo ut eat (= Chiedo che vada), e così l'indicativo del verbo-bandiera divenne il verbo di una frase reggente e il congiuntivo, che originariamente esprimeva semplicemente l'ordine, divenne il verbo di una frase subordinata. Il risultato fu che in latino il congiuntivo entrò in un ambito che originariamente non gli era proprio: quello della frase subordinata, cioè non autonoma, ma dipendente da un'altra frase.

Soprattutto nel latino tardo il congiuntivo si diffuse talmente tanto nelle subordinate che i grammatici finirono col considerarlo il modo verbale di questo tipo di frasi, chiamandolo modus subiunctivus o coniunctivus. In latino subiungere voleva dire "far dipendere da" e coniungere significava "collegare": entrambi i termini rendevano bene la condizione di non autonomia della forma verbale che volevano indicare.

[ … ]

Dei grammatici latini, quelli italiani accolsero non solo la terminologia, ma anche l'idea del congiuntivo, presentandolo come modo tipico della subordinazione.

Testo tratto da: Valeria Della Valle e Giuseppe Patota, "Viva il congiuntivo!", Mondadori 2017.

Prova a rispondere alle domande:

1- Nel latino arcaico in quale tipo di frasi veniva usato il congiuntivo?

2- In italiano il congiuntivo viene usato nelle frasi autonome?

3- Con quale modo verbale si confondeva il congiuntivo?

4- Quali metodi si escogitarono per non confonderlo più?

5- Quale conseguenza ebbero questi metodi?

6- Che cosa accolsero i grammatici italiani da quelli latini?

7- In italiano il congiuntivo è usato con maggiore frequenza nelle frasi autonome o dipendenti?
                    [post_title] => La storia del congiuntivo: dall'autonomia alla subordinazione
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi ripercorriamo la storia del congiuntivo. Come è nato questo modo verbale tanto affascinante quanto complesso? Scopriamolo insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-storia-del-congiuntivo-dallautonomia-alla-subordinazione
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-21 10:23:03
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-21 09:23:03
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15054
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 3
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14992
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-01-31 09:51:11
                    [post_date_gmt] => 2019-01-31 08:51:11
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, uno dei dubbi più frequenti rispetto all'uso l'articolo è quale scegliere davanti alle date, alle ore e ai nomi dei giorni. Facciamo un po' di chiarezza.

Buona lettura!

Prof. Anna

CON LE DATE 

• con gli anni si usa l'articolo determinativo: l'anno è sempre preceduto dall'articolo: il 1970, nel 1700; l'ottanta (o l'80);

• le indicazioni temporali che comprendono mese e giorno sono introdotte da un articolo maschile singolare: il 15 maggio; la lezione del 3 febbraio. 

Nel caso di una data come 11/12/1980, si userà l'articolo l' seguendo la pronuncia della data: l'undici dicembre millenovecentoottanta. Si segue la pronuncia anche con le date che cominciano con 1: il 1/12/1980 (il primo dicembre millenovecentoottanta).

In molti documenti ufficiali viene usato li: Roma, li 25 ottobre. Si tratta di una variante arcaica dell'articolo determinativo maschile i/gli, originariamente la formula era: Roma, li 25 giorni di ottobre. 

Se nell'indicazione temporale è indicato solo il mese senza il giorno o l'anno, l'articolo non si usa: una sera di agosto (ma una sera dell'agosto 1989, nell'ottobre del 2000).

CON I GIORNI

• con i nomi dei giorni non si usa l'articolo quando vogliamo dire che quell’azione si verificherà solo quel determinato giorno della settimana successiva: ci vediamo lunedì (questo lunedì, lunedì prossimo); è partito giovedì (questo giovedì, giovedì scorso);

• con i nomi dei giorni si usa l'articolo determinativo quando vogliamo indicare un’abitudine, qualcosa che si verifica ogni settimana: il mercoledì e il venerdì vado in palestra (= ogni mercoledì e ogni venerdì vado in palestra);

• se i nomi dei giorni sono accompagnati dagli aggettivi scorso o prossimo ci sono due possibilità: si usa l'articolo se l'aggettivo precede il nome: lo scorso lunedì, il prossimo sabato; non si usa l'articolo se l'aggettivo è posto dopo il nome: lunedì scorso, sabato prossimo.

CON LE ORE

• per indicare l'ora si usa l'articolo femminile plurale le (che sottintende ore), tranne per l'una (sottinteso: ora) che può alternarsi con le una.
                    [post_title] => Uso dell'articolo davanti alle date, alle ore, ai giorni
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, uno dei dubbi più frequenti rispetto all'uso l'articolo è quale scegliere davanti alle date, alle ore e ai nomi dei giorni. Facciamo un po' di chiarezza.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => uso-dellarticolo-davanti-alle-date-alle-ore-ai-giorni
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-27 10:27:45
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-27 09:27:45
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14992
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14953
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-01-24 10:37:53
                    [post_date_gmt] => 2019-01-24 09:37:53
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, vi è mai capitato di non riuscire a trovare l'aggettivo adatto per esprimere un giudizio? Lo scrittore Achille Campanile ci dà alcuni consigli al riguardo.

Buona lettura!

Prof. Anna

A volte non è facile formulare giudizi appropriati e trovare gli aggettivi giusti. Lo scrittore  Achille Campanile (Roma, 28 settembre 1899 - Lariano, 4 gennaio 1977) ci fornisce un codice di comportamento nel suo divertente racconto Come visitare lo studio di un pittore in cui il protagonista si trova a giudicare un gran numero di opere e deve trovare gli aggettivi per farlo.

Leggiamo il racconto, se incontrate parole che non capite, utilizzate il dizionario on line, basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una finestra, cliccando una volta su questa finestra verrà visualizzato il significato della parola.

Come visitare lo studio di un pittore

La visita allo studio d'un pittore è una cosa difficile.
Si comincia, di solito, a lodare sventatamente i primi quadri con superlativi; dopo qualche passo, l'incauto, che s'è slanciato a cuor leggero su questa via, deve ripetersi o tentar qualche variante che, a chi udisse senza vedere, farebbe credere trattarsi d'un pranzo. E poiché la buona educazione, e anche il pittore, vogliono un crescendo ammirativo nei giudizi, a un certo punto il visitatore non sa come andare avanti. Se il primo quadro è bellissimo, il secondo splendido, il terzo maraviglioso e il quarto magnifico, come sarà il quinto? Mettiamo che sia sorprendente; al sesto vi voglio vedere. Per via del crescendo, esso non potrà che rientrare nell'ordine del soprannaturale. E dal settimo in poi?
Ecco. L'errore in cui cadono quelli che visitano lo studio d'un pittore, è di cominciare dai superlativi. Bisogna, invece, amministrare con previdenza il patrimonio degli aggettivi, magari cominciando con una certa freddezza. Ma se lo studio è molto fornito neppur questo è sufficiente; si comincerebbe con: "passabile, non c'è male, grazioso, bello", e subito si ricadrebbe nel vicolo cieco dei "bellissimo", eccetera.
Dunque? Dunque, signori, cominciare con apprezzamenti tanto più freddi, quanto più numerosi sono i quadri da esaminare, per aver poi il margine necessario al crescendo. Prima di cominciare il giro si domanda:
"Quanti sono i quadri da vedere? ".
"Quattordici ".
Bene. Per gli ultimi dieci sono a posto. Bisogna trovare gli apprezzamenti per i primi quattro: apprezzamenti freddi, date l'esigenze del crescendo.
Ecco uno
SPECCHIETTO PER QUATTORDICI QUADRI.
. 1 - Così, così.
. 2 - Passabile.
. 3 - Niente di straordinario, ma insomma ci possiamo contentare.
. 4 - Un pochino meglio.
. 5 - Non c'è male.
. 6 - Discreto.
. 7 - Grazioso.
. 8 - Bello.
. 9 - Bellissimo.
10 - Splendido.
11 - Meraviglioso.
12 - Magnifico.
13 - Sorprendente.
14 - Soprannaturale.
E se i quadri sono molti di più? Bando agli scrupoli: cominciare con apprezzamenti sfavorevoli. Ci guadagneranno i superlativi finali.
Mentre ci dirigevamo verso lo studio, ho chiesto al signor Gontrano:
"Quanti quadri? ".
"Un centinaio ".
Ho vacillato. Ma non mi son perso d'animo.
Davanti al primo non dico parola; per avere il vastissimo margine necessario al crescendo, e poiché sono un discreto simulatore, ho dato segni di nausea.
"Si sente male? ", fa Gontrano. "Vuole un vomitativo? ".
"Non occorre ", mormoro. "La vista di questo quadro è più che sufficiente. Mi fa rivoltar lo stomaco".
A mio zio per poco non viene un accidente. Amleto, impassibile, non aveva capito nulla, e Ambrogio dava segni di soddisfazione.
Quanto al signor Gontrano, era allibito. Non gli ho dato il tempo di reagire. Davanti al secondo quadro occorreva attenuare, ma non troppo.
"È passato ", mormoro, " ma anche questo quadro che obbrobrio! ".
Gontrano era livido. Io pensavo: "Un po' di pazienza, amico. Fra poco mi abbraccerai". Ma, dopo cinque o sei quadri, a un mio "puah" di disgusto, scoppia :
"Pezzo di mascalzone, alla porta! ".
Tanto peggio per lui, che così non m'ha sentito esclamare: "splendido, maraviglioso, incantevole". E dire che ero già arrivato all'aggettivo "stomachevole".

(Achille Campanile, da In campagna è un'altra cosa (c'è più gusto))

Approfondiamo il significato di alcuni giudizi presenti nello "specchietto per quattordici quadri":

• così così: significa mediocre, né bello né brutto, spesso è accompagnato da un gesto ondulatorio della mano;

• passabile: significa accettabile, discreto;

• non c'è male: questa espressione significa abbastanza bene: "come stai?" "non c'è male";

• discreto: abbastanza buono, che soddisfa moderatamente, più che sufficiente. Questo aggettivo ha anche altri significati: moderato,  ragionevole, non indiscreto: è sempre discreto nelle sue esigenze; detto di persona riservata, fidata: con lui si può parlare, è molto discreto.

L'autore infine utilizza gli aggettivi: splendido, meraviglioso, magnifico, sorprendente, soprannaturale volendo intendere bello in modo superlativo. Vi vengono in mente altri modi per dirlo ?

Ci sono varie forme di superlativo assoluto, per ripassarle potete leggere questi articoli: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/09/28/precisazioni-sul-superlativo-assoluto-prima-parte/http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/10/05/precisazioni-sul-superlativo-assoluto-seconda-parte/.

Nell'esercizio che segue dovrete scegliere i superlativi corretti dell'aggettivo bello.

 

 
                    [post_title] => Come scegliere l'aggettivo adatto. I consigli di Achille Campanile.
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, vi è mai capitato di non riuscire a trovare l'aggettivo adatto per esprimere un giudizio? Lo scrittore Achille Campanile ci dà alcuni consigli al riguardo.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => come-scegliere-laggettivo-adatto-i-consigli-di-achille-campanile
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-07 10:32:13
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-07 09:32:13
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14953
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 7
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14914
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-01-17 10:05:19
                    [post_date_gmt] => 2019-01-17 09:05:19
                    [post_content] => Il prossimo esercizio è sull'uso sostantivato dei pronomi possessivi.

Per ripassare questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/01/10/uso-sostantivato-dei-pronomi-possessivi/
                    [post_title] => Tet 59- Uso sostantivato dei pronomi possessivi
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => tet-59-uso-sostantivato-dei-pronomi-possessivi
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-01-17 10:05:19
                    [post_modified_gmt] => 2019-01-17 09:05:19
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14914
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 15219
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2019-03-07 10:46:55
            [post_date_gmt] => 2019-03-07 09:46:55
            [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, magari fosse facile imparare una lingua straniera! Di sicuro non lo è, ma oggi impareremo come si usa  e cosa significa la parola magari.

Buona lettura!
Prof. Anna

È interessante sapere che la parola magari deriva dal greco makàrie che significa "o beato", vocativo di makàrios "beato", infatti in italiano spesso si usa per esprimere un forte desiderio, un auspicio, una speranza. Può avere diverse funzioni grammaticali e altrettanti significati.

Magari può avere funzione di:

• interiezione, in questo caso esprime desiderio, adesione entusiastica o rimpianto. Si può tradurre con le esclamazioni sarebbe bello!, lo spero!, me lo auguro!, in questo caso si usa da solo come risposta a una domanda per manifestare appunto un desiderio: vuoi venire con noi? Magari! (sarebbe bello!),  o un rimpianto: hai superato l'esame? Magari! (sarebbe stato bello, ma non l'ho superato); con tono meno enfatico, nel senso di sì, se possibile:  "Prenoto anche per te?” “Eh, magari"; congiunzione, in questo caso può significare:

→ volesse il cielo che, sarebbe bello che, oh se e introduce una proposizione col verbo al congiuntivo: magari potessi venire anch'io, ma devo lavorare; magari fosse vero!;anche se, quandanche e introduce una proposizione concessiva con il verbo al congiuntivo: lo farò, dovessi magari impiegarci anni (=anche se dovessi impiegarci anni); avverbio con il significato di:

→ forse, probabilmente, eventualmente, semmai: è in ritardo, magari non verrà; (forse non verrà); hai fame? Magari ti preparo qualcosa da mangiare (eventualmente ti preparo qualcosa da mangiare);

→ anche, persino, addirittura: sarebbe magari capace di negare tutto.

 
            [post_title] => Usi e significati di "magari"
            [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, magari fosse facile imparare una lingua straniera! Di sicuro non lo è, ma oggi impareremo come si usa  e cosa significa la parola "magari".
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => usi-e-significati-di-magari
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2019-03-07 10:49:19
            [post_modified_gmt] => 2019-03-07 09:49:19
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=15219
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 12
            [filter] => raw
        )

)
Archivi: Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue
In Evidenza