WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 14233
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 586
    [max_num_pages] => 59
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => a61defc972d9b9e3469ea22071239aeb
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 14233
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (14233) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14205
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-06-07 09:53:12
                    [post_date_gmt] => 2018-06-07 07:53:12
                    [post_content] => Ecco un esercizio sul periodo ipotetico dell'irrealtà.

Per ripassare questo costrutto, vi invito a leggere il seguente articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/03/29/il-periodo-ipotetico-dellirrealta/

 
                    [post_title] => Test di ripasso: il periodo ipotetico dell'irrealtà
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-di-ripasso-il-periodo-ipotetico-dellirrealta
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-06-07 09:53:12
                    [post_modified_gmt] => 2018-06-07 07:53:12
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14205
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 6
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14201
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-06-07 09:51:14
                    [post_date_gmt] => 2018-06-07 07:51:14
                    [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo due tipi di periodo ipotetico: il perido ipotetico della realtà e della possibilità.

Prima di fare il test potete leggere gli articoli dedicati a questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/03/15/il-periodo-ipotetico-della-realta-e-il-periodo-ipotetico-della-possibilita/

Nell'esercizio che segue dovrete coniugare il verbo tra parentesi a seconda del tipo di periodo ipotetico richiesto. Per formare il periodo ipotetico della realtà usiamo in questo esercizio solo l'indicativo presente o futuro.

 
                    [post_title] => Test di ripasso: il periodo ipotetico della realtà e della possibilità
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-di-ripasso-il-periodo-ipotetico-della-realta-e-della-possibilita
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-06-07 09:51:14
                    [post_modified_gmt] => 2018-06-07 07:51:14
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14201
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14197
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-06-07 09:49:19
                    [post_date_gmt] => 2018-06-07 07:49:19
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana vi invito a ripassare alcuni argomenti attraverso una serie di esercizi. Si tratta di argomenti un po' complessi e per questo è utile esercitarsi.

Buon test!

Prof. Anna

Il primo esercizio è sulla concordanza dei tempi quando nella subordinata il verbo è all'indicativo.

Per ripassare questo argomento vi consiglio di leggere il seguente articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/06/01/approfondimento-la-concordanza-dei-tempi-con-lindicativo/

 
                    [post_title] => Test di ripasso: la concordanza dei tempi con l'indicativo
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana vi invito a ripassare alcuni argomenti attraverso una serie di esercizi. Si tratta di argomenti un po' complessi e per questo è utile esercitarsi.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-di-ripasso-la-concordanza-dei-tempi-con-lindicativo
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-06-14 09:32:27
                    [post_modified_gmt] => 2018-06-14 07:32:27
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14197
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14154
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-31 09:23:44
                    [post_date_gmt] => 2018-05-31 07:23:44
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quali sono i casi in cui è veramente necessario usare una parola inglese al posto di una parola italiana? Ecco cosa ne pensa il presidente dell'Accademia della Crusca.

Nell'articolo che segue, tratto dalla rivista IlLibraio.it, troviamo un estratto del saggio "L'italiano è meraviglioso - Come e perché dobbiamo salvare la nostra lingua" di Claudio Marazzini, presidente dell'Accademia della Crusca.

Se ci sono parole che non conoscete, potete usare il dizionario online, cliccando due volte sulla parola si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra vi apparirà il significato.

Buona lettura!

Prof. Anna

Perché oggi è molto più facile sentirsi offrire dello street food anziché del “cibo di strada”? Come mai i politici dichiarano di voler refreshare il Paese se intendono semplicemente “rivoltarlo come un calzino”? Chi teme un competitor e cerca un endorsement non potrebbe aver paura di un “concorrente” o di un “avversario” e aspirare a un “sostegno” o a un “appoggio”?

Questi esempi ci segnalano un’evoluzione preoccupante dell’italiano che negli ultimi anni si sta logorando non solo per il proliferare degli anglismi ma anche per un grave peggioramento delle nostre cognizioni linguistiche. Siamo ormai un Paese dove i fiumi non straripano (una parola perduta!) più, semmai esondano, e i tribunali emettono “ordinazioni” (sacerdotali?) invece che “ordinanze”.

Come presidente dell’Accademia della Crusca, Claudio Marazzini combatte ogni giorno per difendere la nostra meravigliosa lingua e attrezzarla per le sfide del futuro. L’italiano, ci ricorda Marazzini nel saggio L’italiano è meraviglioso – Come e perché dobbiamo salvare la nostra lingua (Rizzoli), ha una storia diversa da quella dell’inglese o del francese – nati con gli Stati nazionali – perché è fiorito ben prima che ci fosse l’Italia: dopo essersi sviluppato nel Medioevo come idioma popolare figlio del latino, si è arricchito splendidamente con la nostra grande letteratura diventando così, fra tutte le lingue, la più colta, raffinata e amata all’estero. Vogliamo dunque ora perdere questo nostro immenso patrimonio di sensibilità e di cultura? In questo libro Marazzini presenta una diagnosi dello stato di salute della nostra lingua e pone le basi per invertire la rotta, appellandosi anche ai politici e alle università, spesso responsabili della dispersione di parole e significati. Allo stesso tempo, passando in rassegna gli errori di ogni genere che si stanno insinuando, ci offre l’opportunità di correggerci e di recuperare le mille e mille sfumature della nostra lingua che forse ci stanno sfuggendo.

Su ilLibraio.it, per gentile concessione della casa editrice, un capitolo, 

Scansare gli anglismi inutili

Anglismi: ma non sono tutti uguali
Ci sono ormai molti libri che elencano parole inglesi affiancandole ai loro bravi sostituti italiani. Sono tutti libri fortunati, a cui arride un certo successo di vendita, perché esiste un pubblico che vuole comprendere il significato delle parole che non conosce, parole straniere come CEO, auditing, backstage, car pooling, car sharing, cluster, compliance, convention, crowdfunding, dress code, endorsement, fake news, fast track, rumour e via dicendo. Il comune utente, magari, gradirebbe non vedere nemmeno quelle parole oscure, che cominciano persino a dargli fastidio. Ma i giornali ne sono pieni, e piene ne sono le conversazioni dell’intellighenzia, tanto per usare una parola russa di moda in altri tempi per indicare il fior fiore degli intellettuali. Il successo della raccolta di firme avviata e conclusa nel 2015 dalla pubblicitaria Annamaria Testa, firme poi consegnate all’Accademia della Crusca per invitare a porre un freno all’eccesso di anglismi, è la prova che questo argomento, almeno in parte, incontra il favore della gente.
Esaminiamo un primo problema. Come si fa a distinguere tra anglismo «utile» e anglismo «inutile»? La cosa più semplice sarebbe senza dubbio una posizione di condanna indiscriminata: potremmo assumere un atteggiamento puristico, e bandire tutte le parole forestiere, senza distinzione; ma non crediamo che questa sia la posizione giusta. Molte parole forestiere sono davvero insostituibili di fatto, se non in teoria, come wi-fi o stent, perché sono parole nuove giunte a noi con il loro contenuto tecnologico o concettuale nuovo. Questa doppia novità le giustifica.

Proviamo a scorrere l’elenco che abbiamo appena fornito nel primo capoverso di questo stesso paragrafo. Non ci sarà difficile verificare quali siano le parole che davvero hanno un contenuto concettuale realmente nuovo, e quali ne sono prive, cioè sono banalissime, tali da non creare problemi in caso di sostituzione. Il CEO, in genere, è un semplice amministratore delegato, che prima si indicava come AD senza problemi di sorta. L’auditing è una semplice «audizione», colorata però di una superiorità che non esiste se non nella mente di chi adopera questo inutile termine per darsi l’aria di tecnocrate. Backstage è il «retroscena», o quello che accade «dietro le quinte»; abbiamo una buona tradizione di teatro, per cui non sarà il caso di accattare parole di scena. Sempre più spesso il cluster è indicato molto pomposamente nei più recenti programmi di convegni, ma in realtà si tratta di una cosa banalissima: è semplicemente un «gruppo» che si riunisce per trattare un argomento specifico in una sessione riservata a quel tema; dunque «gruppo» basta e avanza, ma ovviamente le esigenze della retorica modernizzante operano con forza. In questo caso producono anche una certa confusione, perché cluster è forestierismo già entrato nel linguaggio scientifico italiano per designare un ammasso di stelle. Altrettanto banale è la convention, null’altro che un «raduno» o «congresso», e si può persino rammentare la «convenzione», termine che gli storici adoperano per eventi quali la celebre Convenzione di settembre, l’accordo diplomatico stipulato a Fontainebleau il 15 settembre 1864 tra le delegazioni del Regno d’Italia e della Francia di Napoleone III, l’accordo che prevedeva lo spostamento della capitale da Torino a Firenze.

E ancora: il dress code viene invocato secondo un’etichetta anglosassone, perché quella italiana prevede semplicemente l’«abito scuro», senza indicare il concetto di «codice d’abbigliamento»; e per fortuna la formula «abito scuro» si legge ancora negli inviti del cerimoniale della nostra Presidenza della Repubblica. Non è così, però, negli inviti di certi ambienti della finanza e dell’industria, in cui l’anglofilia è assai più forte. L’endorsement, la cui fortuna è crescente, ha molti equivalenti italiani, come «adesione» e «sostegno»; l’anglismo, in questo caso, rappresenta davvero una soluzione risibile, quasi come lo sono le forme popolari mission e location. Una ricerca nell’archivio elettronico di «Repubblica» permette di reperire endorsement, ancora usato tra virgolette, già nel 1984-85; poi, nei primi anni del nuovo millennio, le virgolette sono cadute e la parola si è diffusa senza freno. Ecco ora le fake news: non sono altro che «false notizie» o «fandonie». Sono sempre esistite, ma dette in inglese appaiono più gigantesche e tecnologiche, almeno agli occhi degli ingenui. Non voglio nemmeno commentare il rumour, che arriva all’inglese dal latino rumor, passando in questo come in altri casi attraverso l’antico francese. L’inglese rumour equivale perfettamente al nostro «voce» (e a «pettegolezzo», «diceria»). Come si vede, non ho commentato né tradotto alcune parole dell’elenco, perché ho scelto di intervenire soltanto sugli anglismi palesemente inutili, oserei dire, anzi, sciocchi. Forse alcuni degli anglismi che non ho discusso potranno sembrare inutili, ma, almeno, la maggior difficoltà di indicare una traduzione soddisfacente vale come prova che in essi vi è comunque qualche elemento di novità, per cui possono essere presi un po’ più sul serio. Questo può essere appunto un modo di distinguere la semplice zavorra dal prestito che riveste qualche interesse intellettuale.

Articolo tratto da: https://www.illibraio.it/anglismi-766694/

• Cosa ne pensate? Credete che si usino troppe parole di origine inglese?

• Pensate che questo fenomeno sia inevitabile?

• Nella vostra lingua madre vengono accolte molte parole straniere?

• Voi le usate spesso?

• Quali usate più di frequente?
                    [post_title] => Anglismi "utili" e anglismi "inutili"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quali sono i casi in cui è veramente necessario usare una parola inglese al posto di una parola italiana? Ecco cosa ne pensa il presidente dell'Accademia della Crusca.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => anglismi-utili-e-anglismi-inutili
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-31 09:23:44
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-31 07:23:44
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14154
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 18
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14168
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-24 09:55:31
                    [post_date_gmt] => 2018-05-24 07:55:31
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, in italiano quando l'accento cade all'interno di una parola di solito non viene segnalato. In alcuni casì però la posizione dell'accento fa la differenza ed è quindi necessario indicarlo. Vediamo quando.

Buona lettura!

Prof. Anna

Esistono diversi casi di parole omografe, cioè scritte allo stesso modo, che si pronunciano in modo diverso a seconda del significato che assumono. In questi casi l'accento può essere presente per distinguere queste parole, ma non è obbligatorio. Conviene segnalarlo solo se nel testo ci sono effettive possibilità di confusione.

Ecco alcuni esempi di omografi con cambio di accento.

Per approfondire il significato delle parole potete consultare il dizionario online: basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra apparirà il significato.

• adùlteri ⇒ coloro che tradiscono il proprio coniuge; adultèri ⇒ tradimenti del coniuge;

• aguzzìno ⇒ chi maltratta o tormenta; agùzzino ⇒ 3° persona plurale del congiuntivo presente del verbo aguzzare (=acuire);

• altèro ⇒ superbo; àltero ⇒ 1° persona singolare del presente indicativo del verbo alterare (=falsificare);

• àmbito ⇒ settore; ambìto ⇒ fortemente desiderato (da ambire);

• àncora ⇒ attrezzo della nave; ancòra ⇒ avverbio;

• benèfici ⇒ aggettivo; benefìci ⇒ plurale del sostantivo beneficio;

• circùito ⇒ linea che delimita, percorso; circuìto ⇒ ingannato, raggirato (da circuire);

• còmpito ⇒ lavoro, incarico; compìto ⇒ educato;

• cònsoli ⇒plurale di console; consòli ⇒ 2°persona singolare presente indicativo del verbo consolare;

• desìderi ⇒ 2°persona singolare presente indicativo del verbo desiderare; desidèri ⇒sostantivo;

• fòrmica ⇒ laminato plastico; formìca ⇒ animale;

• lèggere ⇒ verbo; leggère ⇒ aggettivo;

• lèttone ⇒ della Lettonia; lettòne ⇒ grande letto;

• malèfici ⇒ aggettivo; malefìci ⇒ nome;

• nèttare ⇒ dei fiori; nettàre ⇒ pulire;

• nòcciolo ⇒ della pesca; nocciòlo ⇒ albero;

• pàgano ⇒ dal verbo pagare; pagàno ⇒ aggettivo;

• prèdico ⇒ da predicare; predìco ⇒ da predire;

• prìncipi ⇒ plurale di principe; princìpi ⇒ plurale di principio;

• rètina ⇒ dell'occhio; retìna ⇒ piccola rete;

• rùbino ⇒ 3°persona plurale del congiuntivo presente del verbo rubare; rubìno ⇒ pietra preziosa;

• sèguito ⇒nome; seguìto ⇒ participio passato di seguire;

• sùbito ⇒ avverbio; subìto ⇒ participio passato di subire;

• tèndine ⇒ estremità di un muscolo; tendìne ⇒ piccole tende;

• tràdito ⇒ tramandato; tradìto ⇒ da tradire;

• tùrbine ⇒movimento dell'aria; turbìne ⇒ macchine motrici;

• vìola ⇒ 3° persona singolare del presente indicativo del verbo violare; viòla ⇒ il fiore, il colore, lo strumento musicale;

• vòlano ⇒ dal verbo volare; volàno ⇒ elemento meccanico.

 
                    [post_title] => Quando l'accento fa la differenza
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, in italiano quando l'accento cade all'interno di una parola, di solito non viene segnalato. In alcuni casì però la posizione dell'accento fa la differenza ed è quindi necessario indicarlo. Vediamo quando.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => quando-laccento-fa-la-differenza
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-06-14 09:33:05
                    [post_modified_gmt] => 2018-06-14 07:33:05
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14168
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 23
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14133
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-17 10:20:51
                    [post_date_gmt] => 2018-05-17 08:20:51
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana incrementiamo il nostro vocabolario. Molte sono le espressioni formate con la parola spalle, vediamole insieme.

Buona lettura!

Prof. Anna

Le spalle sono legate a un'idea di forza,  di sicurezza e di responsabilità. Questi significati si ritrovano in molte delle espressioni formate con questa parola.

Vediamole insieme:

• avere la testa sulle spalle → essere una persona responsabile, saggia, razionale, che non si lascia trasportare da impulsi ed emozioni: vorrei incontrare un ragazzo carino, simpatico e con la testa sulle spalle;

• avere le spalle larghe, avere le spalle grosse → essere moralmente forte, essere in grado di sopportare disagi, fatiche, responsabilità, come chi ha le spalle robuste e riesce sopportare carichi gravosi: riuscirà a uscire da questa situazione difficile, ha le spalle larghe;

• avere qualcuno sulle spalle → averne la responsabilità, in particolare  dovere mantenere economicamente qualcuno, in genere la famiglia: ho una famiglia sulle spalle, non posso permettermi di perdere il lavoro;

• vivere, mangiare alle spalle di qualcuno → farsi mantenere da qualcuno, vivere a sue spese, anche sfruttare qualcuno in senso lato: ormai quel ragazzo è adulto, ma vive ancora alle spalle dei suoi genitori;

• voltare le spalle a qualcuno → abbandonare qualcuno nel momento del bisogno, negargli il proprio aiuto: non mi sarei mai aspettato che tu mi avresti voltato le spalle proprio quando mi serviva il tuo aiuto;

• gettarsi qualcosa dietro le spalle, lasciarsi qualcosa alle spalle: non volersi più curare di qualcosa, dimenticarla intenzionalmente: voglio gettarmi dietro le spalle questa brutta storia;

• dietro le spalle, alle spalle → all'insaputa di qualcuno. Si usa in espressioni come parlare dietro le spalle di qualcuno, parlare alle spalle di qualcuno cioè parlare male di qualcuno in sua assenza; agire dietro le spalle (alle spalle) di qualcuno cioè agire in modo che l'interessato non ne venga a conoscenza, ridere dietro le spalle (alle spalle) di qualcuno cioè farsi beffe in sua assenza;

• guardarsi le spalle, guardarsi alle spalle, coprirsi le spalle → difendersi, cautelarsi da eventuali insidie o pericoli, non farsi cogliere impreparati da pericoli imprevisti: guardati sempre le spalle, non sai mai quello che può capitare;

• colpire, assalire, prendere alle spalle → colpire a tradimento, di sorpresa, in maniera imprevedibile;

• con le spalle al muro → nelle espressioni essere con le spalle al muro, trovarsi con le spalle al muro significa essere in una posizione dalla quale non ci si può più muovere, in senso lato trovarsi nell'impossibilità di agire liberamente, non avere alternative. Usato anche nell'espressione mettere qualcuno con le spalle al muro cioè costringerlo a far fronte alle sue responsabilità;

• alzare le spalle, fare spallucce → disinteressarsi di qualcosa, esprimere noncuranza o rassegnazione: davanti alla sua ignoranza non posso fare altro che alzare le spalle;

• fare da spalla a qualcuno→ aiutare qualcuno, sostenerlo; nel gergo teatrale, attore che in una scenetta comica sostiene il comico principale, gli dà l’imbeccata: se hai bisogno di aiuto, ti faccio da spalla.
                    [post_title] => Espressioni con la parola "spalle"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana incrementiamo il nostro vocabolario. Molte sono le espressioni formate con la parola spalle, vediamole insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => espressioni-con-la-parola-spalle
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-31 09:26:17
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-31 07:26:17
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14133
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 20
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14077
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-10 09:46:47
                    [post_date_gmt] => 2018-05-10 07:46:47
                    [post_content] => Esistono una serie di suffissi che servono a formare aggettivi a partire da nomi: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/04/26/la-formazione-delle-parole-i-suffissi-aggettivi-da-nomi/

Nell’esercizio che segue si deve inserire l’aggettivo opportuno. Se avete dubbi, usate il vocabolario.

Provate poi a formare delle frasi con questi aggettivi.
                    [post_title] => Test 55 - I suffissi: aggettivi da nomi
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-55-i-suffissi-aggettivi-da-nomi
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-10 09:46:47
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-10 07:46:47
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14077
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14074
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-10 09:45:58
                    [post_date_gmt] => 2018-05-10 07:45:58
                    [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo quelle parole che hanno significati opposti.

Per ripassare prima di fare l'esercizio potete leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/04/19/parole-che-in-italiano-hanno-significati-opposti/
                    [post_title] => Test 55- Parole che in italiano hanno significati opposti
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-55-parole-che-in-italiano-hanno-significati-opposti
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-10 09:45:58
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-10 07:45:58
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14074
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14072
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-10 09:45:17
                    [post_date_gmt] => 2018-05-10 07:45:17
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ripassiamo gli ultimi argomenti trattati sul blog.

Cominciamo con un esercizio dedicato all'accordo tra soggetto e verbo: l'accordo del verbo se il soggetto è plurimo e se il soggetto è formato da un nome collettivo seguito da un complemento partitivo.

Per ripassare questi argomenti prima di affrontare il test vi consiglio di leggere i seguenti articoli:

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/04/12/problemi-di-accordo-se-il-soggetto-e-plurimo/

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/05/03/problemi-di-accordo-concordanza-a-senso/

 
                    [post_title] => Test 55- Problemi di accordo: se il soggetto è plurimo e concordanza a senso
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ripassiamo gli ultimi argomenti trattati sul blog.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-55-problemi-di-accordo-se-il-soggetto-e-plurimo-e-concordanza-a-senso
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-17 10:23:50
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-17 08:23:50
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14072
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14028
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-03 10:48:00
                    [post_date_gmt] => 2018-05-03 08:48:00
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è corretto dire: "al matrimonio c'era un centinaio di invitati" o "al matrimonio c’erano un centinaio di invitati"? Scopriamolo insieme.

Buona lettura!
Prof. Anna

Quando abbiamo un soggetto formato da un nome collettivo (un centinaio, la maggioranza, un gruppo, una percentuale ecc.) seguito da un complemento partitivo come nella frase al matrimonio c’era un centinaio di invitati possiamo avere due tipi diversi di accordo:

• accordo grammaticale: con il verbo al singolare che concorda con il soggetto della frase (in questo caso un centinaio), questo è l'accordo grammaticalemente più corretto;

• accordo a senso: con il verbo al plurale che si accorda con il complemento partitivo, che ha maggior peso semantico rispetto al nome collettivo: al matrimonio c’erano un centinaio di invitati. Questo costrutto si può avere sia quando il soggetto è anteposto al verbo: al matrimonio c’erano un centinaio di invitati, sia quando il soggetto è posposto al verbo: lavoro dove lavorano la maggior parte degli impiegati pubblici. 


In alcuni casi la concordanza a senso è obbligatoria, ad esempio con le espressioni un po' di e un paio di: arriveranno un po' di persone, mi hanno fatto compagnia un paio di amici.


L'accordo a senso si può avere anche quando il complemento partitivo regge una proposizione relativa. Di norma il verbo della relativa andrebbe al plurale (accordo grammaticale) come ad esempio nella frase questa è una delle cose che mi piacciono di te perché il che (che è il soggetto della relativa) si riferisce all'elemento più vicino (cose). Nell'accordo a senso il verbo, invece di concordare con il partitivo, concorda con il soggetto logico: questa è una delle cose che mi piace di te.

La concordanza a senso è accettabile nel parlato e nello scritto informale, ma sconsigliata, per ragioni di chiarezza, in contesti più controllati.

ATTENZIONE

Non è in alcun modo corretto concordare un verbo al plurale quando il soggetto è un nome collettivo. Ad esempio non è corretta la frase la gente pensano, ma è corretto dire la gente pensa.

Nell'esercizio che segue dovrete concordare il verbo seguendo le indicazioni scritte tra parentesi.
                    [post_title] => Problemi di accordo: concordanza a senso
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è corretto dire: "al matrimonio c'era un centinaio di invitati" o "al matrimonio c’erano un centinaio di invitati"? Scopriamolo insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => problemi-di-accordo-concordanza-a-senso
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-24 10:04:05
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-24 08:04:05
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14028
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 7
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 14205
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2018-06-07 09:53:12
            [post_date_gmt] => 2018-06-07 07:53:12
            [post_content] => Ecco un esercizio sul periodo ipotetico dell'irrealtà.

Per ripassare questo costrutto, vi invito a leggere il seguente articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/03/29/il-periodo-ipotetico-dellirrealta/

 
            [post_title] => Test di ripasso: il periodo ipotetico dell'irrealtà
            [post_excerpt] => 
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => test-di-ripasso-il-periodo-ipotetico-dellirrealta
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2018-06-07 09:53:12
            [post_modified_gmt] => 2018-06-07 07:53:12
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14205
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 6
            [filter] => raw
        )

)
Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue
In Evidenza