WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 14684
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 603
    [max_num_pages] => 61
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => ed091c8b77b8c78de4aea5db3d6d0b3a
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 14684
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 0
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (14684) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14691
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-11-15 11:23:07
                    [post_date_gmt] => 2018-11-15 10:23:07
                    [post_content] => Ripassiamo l'uso degli avverbi mica e manco con il prossimo esercizio.

Se non vi sentite sicuri su questo argomento, vi consiglio di leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/11/08/uso-degli-avverbi-mica-e-manco/

 
                    [post_title] => Test 58- Uso degli avverbi "mica" e "manco"
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-58-uso-degli-avverbi-mica-e-manco
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-11-15 11:23:07
                    [post_modified_gmt] => 2018-11-15 10:23:07
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14691
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14688
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-11-15 11:22:49
                    [post_date_gmt] => 2018-11-15 10:22:49
                    [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo la pronuncia corretta della vocale o all'interno delle parole.

Per non sbagliare, leggete l'articolo relativo a questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/10/31/la-pronuncia-della-vocale-o/

 
                    [post_title] => Test 58- La pronuncia della vocale "o"
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-58-la-pronuncia-della-vocale-o
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-11-15 11:22:49
                    [post_modified_gmt] => 2018-11-15 10:22:49
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14688
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14644
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-11-08 10:55:10
                    [post_date_gmt] => 2018-11-08 09:55:10
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi vediamo cosa significano e come si usano due avverbi tipici del linguaggio colloquiale e informale: mica e manco.

Buona lettura!

Prof. Anna

Questi due avverbi sono usati molto frequentemente nella lingua parlata, soprattutto in contesti informali.  Conosciamone meglio i diversi significati e i possibili usi.

MICA

Mica è un avverbio di negazione e significa affatto, per nulla, minimamente.

Ha la funzione di rafforzare la negazione della frase e richiede la doppia negazione quando si trova dopo il verbo: non fa mica freddo oggi.

In particolare rafforza una negazione mediante la quale il parlante tende a escludere un fatto che potrebbe venirgli attribuito come colpa o che potrebbe arrecare a lui qualche danno o dispiacere o fastidio: non l'ho mica detto io! (=non devi pensare il contrario); "Ciao, ti saluto." "Non te ne andrai mica" (=se te ne andassi mi dispiacerebbe molto).

Se mica viene anteposto al verbo, cosa che si verifica in particolare nel parlato familiare,  sostituisce l'avverbio non: mica sono stupido! (=non sono stupido); sono cose vere queste, mica favole (=non favole);

Nell’italiano parlato di area settentrionale, mica si usa senza l’avverbio negativo non anche quando si trova prima del verbo: so mica niente, io! (=non so niente!).

Mica può avere anche il significato di per caso, forse in frasi interrogative o esclamative: non ti sarai mica offeso? (=non ti sarai per caso offeso?).

Espressioni con l'avverbio mica: mica male: significa niente male, esprime un giudizio positivo, favorevole, soddisfazione: mica male questo vino;mica tanto: significa non tanto: "ti sei divertito stasera?" "mica tanto";mica vero: significa non è vero: "si sono comportati tutti male!" "mica vero! Alcuni sono stati bravi".

MANCO

L'avverbio manco significa  nemmeno, neppure, neanche soprattutto nella lingua colloquiale e in contesti informali: non ne ho visto manco uno (=non ne ho visto neanche uno); si usa anche senza la negazione non: manco questo è vero (=nemmeno questo è vero).

Espressioni di negazione con l'avverbio manco:manco per idea: neanche per idea;

• manco per sogno: nemmeno per sogno;

• manco per scherzo: nemmeno per scherzo;

• manco per niente: proprio per niente.

Manco può avere anche funzione di congiunzione  col significato di neanche se, introduce una proposizione concessiva implicita preceduta dalla preposizione a (manco a): non vuole ascoltarci, manco a pregarlo (=neanche se lo pregassimo); oppure esplicita con il verbo al congiuntivo, a volte preceduta da se (manco se): non potevo andarmene, manco se l'avessi voluto (=neanche se l'avessi voluto).

Espressioni con la congiunzione manco:

• manco a dirlo: si usa per introdurre o commentare qualcosa di scontato , di prevedibile, specialmente in maniera ironica: al ristorante, manco a dirlo, non c'era posto!;

• manco a parlarne: significa non se ne parla nemmeno: "mi chiedi se puoi uscire stasera? Manco a parlarne!";manco a farlo apposta: significa come se succedesse apposta, specialmente in maniera ironica: eravamo appena usciti di casa e, manco a farlo apposta, si mise a piovere.
                    [post_title] => Uso degli avverbi "mica" e "manco"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi vediamo cosa significano e come si usano due avverbi tipici del linguaggio colloquiale e informale: "mica" e "manco".
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => uso-degli-avverbi-mica-e-manco
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-11-08 10:55:10
                    [post_modified_gmt] => 2018-11-08 09:55:10
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14644
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 23
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14593
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-10-31 10:28:06
                    [post_date_gmt] => 2018-10-31 09:28:06
                    [post_content] => Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, anche la vocale o, come la e, può avere un suono aperto o chiuso. Come facciamo a sapere come si pronuncia all'interno di una parola? Ecco alcuni consigli per non sbagliare.

Buona lettura!

Prof. Anna

Qualche settimana fa abbiamo visto la pronuncia della e  (http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/10/11/la-pronuncia-della-vocale-e/), oggi vediamo come si comporta la o.

Quando non vi cade l'accento la e e la o hanno sempre un suono chiuso.

Le vocali toniche hanno l'accento grave quando sono aperte (còllo, pèzzo), mentre hanno l'accento acuto quando sono chiuse (gómma, téla); ma non sempre questa differenza viene segnalata graficamente.

Quando non è presente né l'accento grave né l'accento acuto sulla vocale tonica o, ci sono alcune indicazioni che ci possono aiutare.

La o è generalmente aperta:

• quando si trova in fine di parola e porta l'accento (andò, comò);

• in molte parole di origine dotta con l'accento sulla terzultima sillaba (termòmetro, biògrafo);

• nei suffissi -òlo, -uòlo (figliòlo, lenzuòlo);

• nel suffisso -òtto (ragazzòtto, pienòtto);

• quando fa parte del dittongo -- (fuòco, tuòno). Fa eccezione liquóre.

La o è generalmente chiusa:

• nelle parole che finiscono in: -óce (feróce); -ónda (sónda); -ónte (cónte); -óre (amore); -óso (furióso); -pósto (impósto); -zióne (azione);

• nel suffisso accrescitivo -óne (scivolóne).

È bene ricordare che eventuali divergenze nella pronuncia non compromettono la capacità di intendersi perché i casi di possibile confusione sono molto limitati.

Ecco alcuni esempi, pronunciateli ad alta voce, la differenza sarà più chiara:

⇒ botte: -bòtte (plurale di botta, "percossa"); -bótte (recipiente per il vino);

⇒ colto: -còlto (participio passato di cogliere); -cólto (istruito);

⇒ corso: -còrso (abitante della Corsica); -córso (participio passato di correre);

⇒ foro: -fòro (piazza, tribunale); -fóro  (buco);

⇒ fosse: -fòsse (buche); -fósse (congiuntivo imperfetto di essere);

⇒ posta: -pòsta (corrispondenza); -pósta (participio passato di porre);

⇒ rosa: -ròsa (fiore); -rósa (participio passato di rodere);

⇒ volgo: -vòlgo (indicativo presente di volgere); -vólgo (popolo);

⇒ volto: -vòlto (participio passato di volgere); -vólto (viso, faccia).

Pronunce regionali della e e della o

La corretta pronuncia delle vocali aperte e chiuse (che l'italiano eredita in massima parte dal fiorentino) è difficile da apprendere non solo per gli stranieri, ma anche per gli italiani non originari della Toscana: l'alternanza tra vocali chiuse e aperte non è rappresentata dalla grafia e non è riconducibile a regole, se non per chi conosca l'etimologia delle parole in questione. Pertanto, nell'italiano parlato fuori dalla Toscana, la pronuncia delle vocali aperte o chiuse si discosta in maniera più o meno significativa dal modello standard.

Durante l'esercizio pronunciate ad alta voce le parole, vi aiuterà a memorizzarne la pronuncia corretta e a scegliere la risposta giusta.
                    [post_title] => La pronuncia della vocale "o"
                    [post_excerpt] => Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, anche la vocale "o", come la "e", può avere un suono aperto o chiuso. Come facciamo a sapere come si pronuncia all'interno di una parola? Ecco alcuni consigli per non sbagliare.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-pronuncia-della-vocale-o
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-11-15 11:27:40
                    [post_modified_gmt] => 2018-11-15 10:27:40
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14593
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 4
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14544
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-10-25 11:32:28
                    [post_date_gmt] => 2018-10-25 09:32:28
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blogquando si usa il punto? In quali casi non è corretto usare la virgola? Le norme che regolano la punteggiatura sono le meno codificate, esistono però alcune indicazioni che ci aiutano ad usare i segni di interpunzione in modo corretto.

Buona lettura!

Prof. Anna

La punteggiatura (o interpunzione) svolge diverse funzioni nel testo scritto: scandisce il discorso, segnala le pause, indica la tonalità appropriata, evidenzia i rapporti sintattici e di significato tra i componenti del testo.

I segni che si usano nella punteggiatura italiana sono:

⇒ . punto (punto fermo); ⇒ , virgola; ⇒ ; punto e virgola; ⇒ : due punti; ⇒ ? punto interrogativo; ⇒ ! punto esclamativo; ⇒ … puntini di sospensione; ⇒ «» o " " virgolette basse o alte; ⇒ – o — trattino breve o lungo; ⇒ / sbarretta; ⇒ * asterisco; ⇒ () o [] (parentesi tonde o quadre).

Oggi vediamo nello specifico alcuni di questi segni di interpunzione.

 Il punto

Indica una pausa forte, che conclude un periodo o una frase. Se tra le due frasi separate dal punto lo stacco è molto netto, dopo il punto si va a capo e si comincia un nuovo capoverso.

Il punto si usa anche nelle abbreviazioni: per es. (per esempio), sig. (signore); e nelle sigle: D.O.C. "Denominazione di Origine Controllata" (le sigle possono anche essere scritte senza i punti di separazione tra le lettere: DOC). Se la frase si conclude con una parola abbreviata, il punto non viene ripetuto.

• La virgola

Indica una pausa breve e ha un impiego assai ampio.

In particolare si usa:

La virgola e le proposizioni relative:

Quando non si deve usare la virgola:

                    [post_title] => La punteggiatura: il punto e la virgola.
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog,  quando si usa il punto? In quali casi non è corretto usare la virgola? Le norme che regolano la punteggiatura sono le meno codificate, esistono però alcune indicazioni che ci aiutano ad usare i segni di interpunzione in modo corretto.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-punteggiatura-il-punto-e-la-virgola
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-11-12 11:39:40
                    [post_modified_gmt] => 2018-11-12 10:39:40
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14544
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 4
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14524
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-10-18 10:14:26
                    [post_date_gmt] => 2018-10-18 08:14:26
                    [post_content] => Il prossimo esercizio è sui modi di dire con la parola orecchio.

Per ripassarli eccovi l'articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/10/04/modi-di-dire-con-la-parola-orecchio/
                    [post_title] => Test 57- Modi di dire con la parola orecchio-
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-57-modi-di-dire-con-la-parola-orecchio
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-10-18 10:14:26
                    [post_modified_gmt] => 2018-10-18 08:14:26
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14524
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 1
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14537
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-10-18 10:14:03
                    [post_date_gmt] => 2018-10-18 08:14:03
                    [post_content] => Pronunciare correttamente questa vocale è importante, alcune parole sono omografe e si differenziano solo per la pronuncia della "e". Se volete ripassare questo argomento prima di fare il test, eccolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/10/11/la-pronuncia-della-vocale-e/.
                    [post_title] => Test 57 - La pronuncia della vocale "e"
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-57-la-pronuncia-della-parola-e
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-10-29 10:21:40
                    [post_modified_gmt] => 2018-10-29 09:21:40
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14537
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14519
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-10-18 10:13:13
                    [post_date_gmt] => 2018-10-18 08:13:13
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, siete pronti per affrontare il test?

Come di consueto, ripasseremo gli argomenti trattati insieme nelle ultime settimane.

Nel prossimo esercizio dovete scegliere se inserire "ce ne", "ce n'è", "centra", "c'entra". Fate attenzione alle maiuscole.

Se non vi sentite ancora sicuri su questo argomento, vi consiglio di ripassarlo leggendo questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/09/27/come-si-scrive-ce-ne-o-ce-ne-centra-o-centra/

 

Buon test!  ;-)
                    [post_title] => Test 57- "Ce n'è" o "ce ne"? "C'entra" o "centra"?
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, siete pronti per affrontare il test? Come di consueto, ripasseremo gli argomenti trattati insieme nelle ultime settimane. 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-57-ce-ne-o-ce-ne-centra-o-centra
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-10-29 11:22:12
                    [post_modified_gmt] => 2018-10-29 10:22:12
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14519
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14494
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-10-11 11:41:21
                    [post_date_gmt] => 2018-10-11 09:41:21
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, in italiano la pronuncia della vocale e all'interno di una parola può essere problematica. Qual è la pronuncia corretta? È aperta o è chiusa? Ci sono alcune indicazioni generali che ci aiutano in questa scelta. Vediamole insieme.

Buona lettura!

Prof. Anna

In italiano la differenza tra vocali aperte e chiuse non si vede nella trascrizione grafica, poiché lo stesso grafema e rappresenta sia la vocale aperta sia quella chiusa. Quando è necessario distinguere l'apertura della vocale (per esempio in testi tecnici come le grammatiche e i vocabolari o per distinguere le parole omografe), si possono contrassegnare le vocali aperte con l'accento grave (pèzzo) e le vocale chiuse con l'accento acuto (téla).

Quando non vi cade l'accento la e ha sempre un suono chiuso.

Non esistono regole generali per stabilire quando la e tonica (accentata) è aperta o chiusa. Soltanto per alcuni gruppi di parole è possibile dare indicazioni sulla pronuncia della vocale tonica.

La e è generalmente aperta:

• nelle parole che finiscono in -èllo, -èlla (cancèllo, padèlla); -èrio, -èria (critèrio, fèria); -èstro, -èstre, -èstra (palèstra, campèstre, canèstro); maestro e maestra hanno la doppia pronuncia, aperta e chiusa; -èzio, - èzia (inèzia, scrèzio);

• nei gerundi in -èndo, nei participi presenti in -ènte (corrèndo, vedènte);

• quando fa parte del dittongo -- (fièno, sièpe, allièvo, piède). Fanno eccezione i casi in cui il dittongo è compreso in suffissi che vogliono la e chiusa come -ètto, -èzza (armadiétto, ampiézza).

La e è generalmente chiusa:

• nelle parole che finiscono in -éccio (caseréccio, mangeréccio); -éggio (noléggio, contéggio); -ése (paése, bolognése); -ézza (altézza, magrézza); -ménto (miglioraménto, abbigliaménto);

• negli infiniti in -ére con accento sulla desinenza (bére, piacére);

• negli avverbi in -ménte (lentaménte);

• nei diminutivi in -étto, -étta (librétto, animalétto); le parole che finiscono in -etto, -etta ma non sono diminutivi non seguono una regola precisa: brevétto, bigliétto, tétto, ma affètto, aspètto, concètto.

Ci sono casi di parole omografe che si differenziano solo per il timbro della e. Ecco alcuni esempi. Vi consiglio di pronunciarle ad alta voce mentre le leggete, vi renderete conto meglio della differenza.

⇒ accetta: -accètta (indicativo presente del verbo accettare); -accétta (scure, ascia);

⇒ affetto: -affètto (passione); -affétto (indicativo presente di affettare);

⇒ esca: -èsca (congiuntivo presente di uscire); -ésca (per pescare);

⇒ legge: -lègge (indicativo presente di leggere); -légge (norma, regola);

⇒ mente: -mènte (indicativo presente di mentire); -ménte (cervello, ingegno);

⇒ messe: -mèsse (raccolta di cereali); -mésse (plurale di messa, participio passato di mettere);

⇒ pesca: -pèsca (frutto); -pésca (dei pesci);

⇒ tema: -tèma (componimento scritto); -téma (congiuntivo presente di temere);

⇒ venti: -vènti (plurale di vento); -vénti (numero).

Anche mentre svolgete l'esercizio vi consiglio di pronunciare le parole, vi sarà sicuramente d'aiuto.
                    [post_title] => La pronuncia della vocale "e"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, qual è la pronuncia corretta della "e" all'interno di una parola? Quando è aperta e quando invece è chiusa? Alcune indicazioni generali ci aiutano in questa scelta. Vediamole insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-pronuncia-della-vocale-e
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-10-31 10:45:52
                    [post_modified_gmt] => 2018-10-31 09:45:52
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14494
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14468
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-10-04 11:08:33
                    [post_date_gmt] => 2018-10-04 09:08:33
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, aprite bene le orecchie, perché oggi arricchiremo il nostro lessico. Vedremo quali sono i modi di dire che contengono la parola orecchio e qual è il loro significato.

Buona lettura!

Prof. Anna

• aprire le orecchie → prestare la massima attenzione a ciò che si sta per ascoltare; spesso questa espressione viene usata come ammonimento a chi contravviene un ordine impartito: aprite bene le orecchie: non voglio più vedere questo disordine!; a orecchio → riferito a chi suona o canta, farlo senza avere davanti uno spartito o senza conoscere bene il brano che si esegue. In senso lato, riferito a un discorso o simili, parlare per sentito dire o senza conoscenza diretta dell'argomento, oppure improvvisando su un tema cui non si era preparati, regolandosi secondo la situazione che si ha di fronte: suonare a orecchio; cantare a orecchio; andare a orecchio;

• allungare, tendere le orecchie → cercare di ascoltare un discorso altrui, o di carpire informazioni varie, senza farsi notare: tenere le orecchie tese, stare con le orecchie tese;

• avere orecchio → avere un udito molto acuto e in particolare avere grande attitudine a percepire con precisione l'armonia dei suoni o l'intonazione delle note musicali, essere intonato;

• avere l'orecchio fine → sentirci molto bene, avere un udito particolarmente sensibile e sviluppato, anche in senso figurato;

• avere gli orecchi/le orecchie foderate di prosciutto → non sentire o fingere di non sentire, come se si avessero le orecchie coperte da grosse fette di prosciutto che non lasciano passare i suoni;

• essere tutt'orecchi → essere molto concentrati e attenti nell'ascoltare qualcosa, ascoltare con estrema curiosità: parla pure, sono tutt'orecchi;essere duro d'orecchio/d'orecchi/d'orecchie → essere sordo o sentire molto poco, in senso figurato si dice di chi non vuole capire o fa finta di non capire;

• entrare da un orecchio e uscire dall'altro → si dice di cosa udita e subito cancellata dalla memoria; si dice in genere di un consiglio, un suggerimento o simili che la persona cui è diretto ignora completamente, come se gli attraversasse fugacemente il cervello e  ne uscisse senza lasciar traccia: le mie parole gli sono entrate da un orecchio e uscite dall'altro, non mi ha ascoltato minimamente;

• fare orecchie da mercante → fingere di non sentire, di non capire, come i mercanti che udivano solo quello che faceva loro comodo invocando la confusione della piazza del mercato;

• mettere una/la pulce nell'orecchio → insinuare dubbi, sospetti, curiosità: mettere la pulce nell'orecchio a qualcuno; mi hai messo la pulce nell'orecchio;

• anche i muri hanno orecchi → si dice di luogo o ambiente in cui vi siano spie o simili pronte a carpire ogni confidenza o segreto;

• rizzare le orecchie → mostrare un interesse improvviso per un discorso che si sente, e quindi ascoltarlo con estrema attenzione, questa espressione deriva dall'osservazione degli animali, che quando avvertono un pericolo o un rumore sconosciuto rizzano le orecchie per captarlo meglio;sentirsi fischiare le orecchie → un’antica credenza vuole che se qualcuno parla di una persona assente, questa si senta fischiare le orecchie: mi fischiano le orecchie, chissà chi mi sta pensando?;tapparsi le orecchie → rifiutarsi di ascoltare;

• tirare le orecchie a qualcuno → rimproverare qualcuno.
                    [post_title] => Modi di dire con la parola "orecchio"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, aprite bene le orecchie, perché oggi arricchiremo il nostro lessico. Vedremo quali sono i modi di dire che contengono la parola "orecchio" e qual è il loro significato.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => modi-di-dire-con-la-parola-orecchio
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-10-16 09:33:15
                    [post_modified_gmt] => 2018-10-16 07:33:15
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14468
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 16
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 14691
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2018-11-15 11:23:07
            [post_date_gmt] => 2018-11-15 10:23:07
            [post_content] => Ripassiamo l'uso degli avverbi mica e manco con il prossimo esercizio.

Se non vi sentite sicuri su questo argomento, vi consiglio di leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/11/08/uso-degli-avverbi-mica-e-manco/

 
            [post_title] => Test 58- Uso degli avverbi "mica" e "manco"
            [post_excerpt] => 
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => test-58-uso-degli-avverbi-mica-e-manco
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2018-11-15 11:23:07
            [post_modified_gmt] => 2018-11-15 10:23:07
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14691
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 0
            [filter] => raw
        )

)
Archivi: Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue
In Evidenza