Il presente indicativo

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Ciao a tutti lettori di Intercultura blog, oggi studiamo come si coniuga e quando si usa il presente indicativo.

Buona lettura!

Prof. Anna

I verbi italiani si dividono in tre gruppi o coniugazioni, che si distinguono per la terminazione dell’infinito presente:

 

I CONIUGAZIONE Verbi in ARE parlare
II CONIUGAZIONE Verbi in ERE vedere
III CONIUGAZIONE Verbi in IRE sentire

Il presente si forma togliendo le desinenze dell’infinito (are, ere, ire) e aggiungendo le desinenze del presente indicativo:

Parlare – parl – io parlo

Vedere – ved – io vedo

Sentire – sent – io sento

Molti verbi in IRE presentano il suffisso – ISC – tra il tema del verbo e le desinenze nelle prime tre persone singolari e nella terza plurale.

Capire – cap – io capisco

Ora vediamo come si coniuga il presente indicativo dei verbi regolari.

 

ARE
ERE IRE IRE
parlare vedere
sentire capire
io parlo
io vedo
io sento io capisco
tu parli
tu vedi tu senti tu capisci
lui / lei parla lui / lei vede lui / lei sente lui / lei capisce
noi parliamo
noi vediamo noi sentiamo noi capiamo
voi parlate voi vedete voi sentite voi capite
loro parlano loro vedono loro sentono loro capiscono

 

ATTENZIONE!

Alcuni verbi della I coniugazione terminano in – CARE – e – GARE – e per mantenere il suono duro aggiungono una h nella II persona singolare e nella I persona plurale.

 

Per esempio il verbo giocare:

io gioco; tu giochi; lui / lei gioca; noi giochiamo; voi giocate; loro giocano.

Altri verbi sono: cercare, pagare, pregare etc.

I verbi della I coniugazione che terminano in – CIARE – e – GIARE – perdono la i del tema verbale quando nella desinenza c’è una i.

Per esempio il verbo mangiare:

Io mangio, tu mangi, lui / lei mangia, noi mangiamo, voi mangiate, loro mangiano.

Altri verbi sono: baciare, cominciare, viaggiare etc.

I verbi della II coniugazione che terminano in – CEREe in – GERE – perdono il suono dolce davanti alla vocale o.

Per esempio il verbo leggere:

Io leggo, tu leggi, lui / lei legge, noi leggiamo, voi leggete, loro leggono.

Altri verbi sono: piangere, vincere etc.

Mantengono sempre il suono dolce, aggiungendo una i nella I persona singolare e nella III persona plurale, i verbi tacere, piacere e i suoi composti (compiacere, dispiacere).

Io taccio, tu taci, lui / lei tace, noi tacciamo, voi tacete, loro tacciono

Io piaccio, tu piaci, lui / lei piace, noi piacciamo, voi piacete, loro piacciono

USO DEL PRESENTE

Il presente in italiano esprime azioni che si compiono nel presente o che sono abituali.

Per esempio:

Oggi studio i verbi italiani.

Prendo l’autobus tutte le mattine.

Sopratutto nella lingua parlata, il presente è usato spesso per esprimere un’azione che avverrà nel prossimo futuro.

Parto domani mattina.

Andiamo in centro sabato prossimo?

A volte il presente è usato al posto del passato per dare più efficacia ad un’espressione. In questo caso si parla di presente storico.

Dante Alighieri nasce a Firenze nel 1265.

Nel 1861 l’Italia diventa uno Stato unitario.

Il presente indicativo si usa anche per descrivere azioni che iniziano nel passato e continuano nel presente, si possono esprimere in tre modi:

1verbo + da + periodo di tempo

Vivo in Italia da cinque anni.

Studio a Roma da tre anni.

2è / sono + periodo di tempo + che + verbo

È un anno che studio l’italiano.

Sono tre giorni che non dormo.

3è + da + periodo di tempo + che + verbo

È da dieci anni che conosco Luca.

È da pochi giorni che vivo in questa città.

 

  Esercizio:

Scegli la risposta. Quella corretta diventerà verde.

 

  • 1. Scegli la frase senza errori.
    • Marco e Alex leggiono molti libri.
    • Marco e Alex leggono molti libri.
    • Marco e Alex leggiamo molti libri.
  • 2. Scegli la frase senza errori.
    • Tu studi tutto il pomeriggio.
    • Tu studia tutto il pomeriggio.
    • Tu studie tutto il pomeriggio.
  • 3. Scegli la frase senza errori.
    • Io e Marta pagiamo il tuo caffè.
    • Io e Marta paghiamo il tuo caffè.
    • Io e Marta pagano il tuo caffè.
  • 4. Scegli la frase senza errori.
    • Natalia finisci di lavorare tra poco.
    • Natalia fine di lavorare tra poco.
    • Natalia finisce di lavorare tra poco.
  • 5. Scegli la frase senza errori.
    • Karim viaggia molto spesso.
    • Karim viagga molto spesso.
    • Karim viagge molto spesso.
  • 6. Scegli la frase senza errori.
    • Tu e Lyn dormiate fino a tardi.
    • Tu e Lyn dormite fino a tardi.
    • Tu e Lyn dormete fino a tardi.
  • 7. Scegli la frase senza errori.
    • Lei parle bene l’italiano.
    • Lei parli bene l’italiano.
    • Lei parla bene l’italiano.
  • 8. Scegli la frase senza errori.
    • Loro temiono di non superare l’esame.
    • Loro temono di non superare l’esame.
    • Loro temiamo di non superare l’esame.
  • 9. Scegli la frase senza errori.
    • Vadim mangie troppi dolci.
    • Vadim manga troppi dolci.
    • Vadim mangia troppi dolci.
  • 10. Scegli la frase senza errori.
    • Io e Silvia camminamo nel parco.
    • Io e Silvia camminiamo nel parco.
    • Io e Silvia camminano nel parco.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [73]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. CASSYA scrive:

    INTERESSANTE …. GRAZIE

  2. Nilde scrive:

    Molto buono….grazie,grazie….

  3. Julia scrive:

    quest`idioma bellissimo, sto imparando l´italiano per andare in Italia presto.

  4. Julia scrive:

    Amo quest`idioma bellissimo, sto imparando l´italiano per andare in Italia presto.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Julia buono studio e ti aspettiamo presto in Italia!
      un saluto 🙂
      Prof. Anna

  5. Nessuno errore!!!!!!

  6. nicolò scrive:

    salve … ;D
    da qualche giorno mi sono immerso nella scrittura di un libro. non sto cercando di raccimolare consigli; consultando vari siti, più che altro per le forme di punteggiatura, mi sono accorto che – senza aiuti esterni e tantomeno aver mai letto un solo libro (eccetto quelli di storia a scuola) – avevo già scritto tutto giusto. poi, però, mi sono imbattuto sulla forma verbale “presente storico” e ho provato a leggere un po ovunque, per scoprire cosa mai sia, o almeno come fare a coniugarla. le spiegazioni che ho letto sono collegate tra loro da frasi del tipo “nel latino è presente, ma devi coniugarlo al passato remoto”..
    ora, io le forme verbali le so tutte dalle elementari (credo anche di ricordarle corrette!!) ma se leggo una frase del genere “..il presente storico per dare immediatezza e vividezza al racconto.” ne rimango spiazzato, in quanto sarebbe un effetto che vorrei dare alle mie parole, ma non vedo come il passato remoto possa farlo!! nel mio racconto sto scrivendo in imperfetto, e pensavo andasse benissimo ;D
    ad ogni modo, qui, su questo sito, ho visto che c’è una certa prof.Anna che aiuta la gente (probabilmente stranieri) ad imparare a scrivere/leggere in italiano, ergo chiedo a lei, oh grande santità illustre e di fascino immenso, di illuminare me, semplice 25enne mortale, che non ha mai visto latino!!!!!
    se non risponerà, capirò ;D
    se risponderà, pregasi essere esaustiva ;D ;D

    grazie in ogni caso, arrivederci.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Nicolò, con presente storico si indica un particolare uso del presente indicativo (si coniuga dunque come un normale presente indicativo), sarebbe quindi meglio parlare dell’uso storico del presente.
      Il presente storico si usa soprattutto per dare una maggior efficacia espressiva al racconto, in particolare quando si alterna a forme del passato: “non credevo di potercela fare, tutto mi sembrava piatto e senza senso, quand’ecco che un giorno arriva lei.” In questo caso l’uso del presente mette in evidenza l’immediatezza dell’azione e un maggior coinvolgimento emotivo.
      La scelta del tempo verbale deve tenere conto di quello che si vuole espremere, userò il presente storico per dare immediatezza e vividezza al racconto; userò invece il passato per dare l’dea di un fatto compiuto, lontano nel tempo. L’imperfetto invece descrive un’azione in un determinato momento: “ieri sera leggevo un libro” , l’azione non è quindi finita o compiuta, ma è in corso, è appunto imperfetta. Non c’è un tempo giusto o sbagliato per scrivere un racconto, l’importante è adattare la scelta alle proprie esigenze espressive (non serve conoscere il latino!).
      In bocca al lupo! 🙂
      A presto
      Prof. Anna

  7. elisa scrive:

    qunato è brutta la grammatica italiana con tutti verbi ecccc…

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elisa, ogni lingua ha le sue regole, soprattutto per quanto riguarda i verbi e l’italiano non è più complesso delle altre lingue. Capisco perfettamente che a volte può sembrare complicato e noioso, ma lo studio della grammatica è fondamentale per poter utilizzare al meglio questo indispensabile strumento di comunicazione che è la lingua, che ci serve per poter esprimere al meglio i nostri pensieri.
      Un saluto
      Prof. Anna

  8. Andreina scrive:

    Come stai? molto buono questa web. Io parlo Spagnolo e sto imparando italiano per prendere il Celi 3
    Non so dove scrivere, ma io vogliono materiali sulla formazione del plurale.
    grazie¡

    • Zanichelli Avatar

      Cara Andreina, prova a leggere l’articolo sul nome.
      In bocca al lupo!
      Prof. Anna

  9. ravina scrive:

    scusi professoressa, ma dove posso trovare il passato prossimo del modo indicativo?

    • Zanichelli Avatar

      Cara lettrice, un articolo sul passato prossimo non è ancora stato pubblicato sul blog, ma non ti preoccupare, tratteremo questo argomento al più presto.
      un saluto
      Prof. Anna

  10. besara scrive:

    la lingue l,italiano e olto belle,a me mi piache molto percio io avevi il curso nell lingua italiano

  11. Barbara scrive:

    Gentile Prof. Anna
    Una domanda sulla coniugazione del verbo possedere:
    Dove in Italia si dice posseggo, possiedi, … posseggono e dove si dice possiedo, possiedi … possiedono?
    Grazie e cordiali saluti, Barbara

    • Zanichelli Avatar

      Cara Barbara, “posseggo” è una forma un po’obsoleta, cioè non si usa più molto nella lingua parlata, sono comunque corrette entrambe le forme.
      A presto
      Prof. Anna

  12. Arnoldas scrive:

    Gentile Professoressa, vorrei sapere se “è capitato (è successo)” è una forma impersonale o meno. Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Arnoldas, la forma “è capitato” è impersonale, in realtà il soggetto esiste ed è rappresentato dalla proposizione soggettiva: mi è capitato di vedere questo film: mi è capitato (principale) di vedere questo film (proposizione soggettiva).
      Un saluto
      Prof. Anna

  13. Arnoldas scrive:

    Cara Professoressa, La ringrazio della Sua cortese risposta!

  14. Bella scrive:

    Neanche un errore,evviva sono super felice!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Il solo colore che mi è uscito è VERDE neanche una piccola traccia del così detto colore ROSSO

  15. rebecca scrive:

    cara prof anna io vado in terza elementare e non ho fatto nessun errore!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  16. vittoria scrive:

    siete molto gentili per i bambini che possono e devono imparare anzi hanno il diritto

  17. vittoria scrive:

    io dico che siete molto inteliggente

  18. jasmine scrive:

    salve sono jasmine mi auti uno cosa riesci

  19. egiziana scrive:

    studo l’italiano da un anno
    e questo è molto bene per me grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Egiziana, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  20. egiziana scrive:

    studio l’italiano da un anno
    e questo è molto bene per me grazie

  21. stefania scrive:

    buongiorno professoressa.
    ci stiamo accapigliando sulla coniugazione di un verbo.
    Il verbo è copiare tempo indicativo presente.
    stando alle regole dovrebbe essere:
    COPIARE – COPI + desinenza ovvero io COPI+O tu COPI+I
    quindi viene Copii la seconda persona singolare e questo è quello che mi ricordavo dalle elementari (pensi un po’)
    Però tutti sostengono che mi sbaglio e che si scrive solo COPI.
    Ora, è un verbo in qualche modo irregolare o c’è un’altra regola che non ricordo?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, il verbo “copiare” alla seconda persona singolare dell’indicativo presente è “tu copi”, in generale l’italiano evita le doppie vocali e ne lascia solo una, si comportano così molto verbi, come ad esempio “mangiare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  22. stefania scrive:

    grazie della cortese risposta.
    Saluti
    Stè

  23. wassila scrive:

    Grazie… Nessuno errore

  24. Carmen scrive:

    Grazie!!!!

  25. Gentile cara Anna,
    Ho letto questo esercizi e molto utile.

    Grazie mille.

  26. Ottimo materiale, seguo il blog

  27. ahmed scrive:

    ho fatto tutto corretto.come riesce ad aiutarmi a parlare bene l’italiano,scrivo bene con grammatica pero trovo difficoltà nel lungo linguaggio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ahmed, ottimo risultato, vedrai che con la pratica avrai presto dei miglioramenti anche nella lingua parlata, l’importante è esercitarsi nel parlare.
      A presto
      Prof. Anna

  28. dance scrive:

    prff come posso fare una favola con i verbi al presente indicativo ? :

    • Zanichelli Avatar

      Cara Dance, è sufficiente scriverla con i verbi al presente indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  29. dance scrive:

    prof ti prego aiutami grazie

  30. Anej scrive:

    Molto bene esercizi

  31. VISTO CHE SONO UNA PROF DICO CHE PER I MIEI RAGAZZI SAREBBERO D’AIUTO QUESTE FRASI

    • Zanichelli Avatar

      Cara Prof. Francesca, benvenuta su Intercultura blog e un benvenuto anche ai tuoi allievi!
      A presto
      Prof. Anna

  32. MIEI ALUNNI VISITATE QUESTO SITO

  33. Matteo scrive:

    questo esercizio mi è servito molto per la verifica

    • Zanichelli Avatar

      Caro Matteo, in bocca al lupo!
      A presto
      Prof. Anna

  34. Zero errori. Sììììììììììììììììììì. Evviva. Spero di non fare errori anche in verifica. Ce l’ho domani

  35. Bunny13 scrive:

    nessun errore

  36. Piero Hu scrive:

    Cara Prof, vorrei sapere se esiste una regola per stabilire quali verbi della terza coniugazione richiedano l’infisso -isc- , quali invece no?

    Vengono detti i verbi incoativi per quanto riguarda quelli con -isc- , però non capisco molto bene a che cosa riferisce questo “incoativo”, “il verbo significa l’inizio d’azione”, ma questo vuol dire che per quelli verbi senza -isc-, tutti non sono incoativi?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Piero, non c’è una regola per stabilire quali verbi della terza coniugazione presentano l’interfisso -isc tra la radice e la desinenza. Questi verbi si chiamano incoativi per analogia con i verbi latini in -sco come “senesco” (comincio a invecchiare), che indicano l’inizio di un’azione (dal latino “incohare” cominciare), pur avendo conservato il nome, in italiano questi verbi non hanno più questo valore.
      Un saluto
      Prof. Anna

  37. Anna scrive:

    molto difficile

  38. Anna scrive:

    molto difficile 🙁

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, che cosa in particolare ti ha creato difficoltà?
      A presto
      Prof. Anna

  39. marius scrive:

    ciao ciao a tutti questo sito mi piace molto e su questo ho molto imparato allora tutti fateci un giro. GRAZIE TANTO

  40. clara scrive:

    prof ,un frase con il verbo tradurre nel presente indicativo

    • Zanichelli Avatar

      Cara Susi, “io traduco un testo in italiano”.
      A presto
      Prof. Anna

  41. suzi scrive:

    prof un frase con il verbo trsdurre nel presente indicativo

  42. suzi scrive:

    ‘tradurre’

  43. suzi scrive:

    grazie mile!!!

  44. Paola scrive:

    prof,una frase composita con il verbo produrre nel presente indicativo

    • Zanichelli Avatar

      Cara Paola, “l’Italia produce molto vino”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  45. Paola scrive:

    presto, per favore

  46. susi scrive:

    prof,un frase composti con il verbo produrre nel presente indicativo,per favore

  47. suzi scrive:

    un frase con produre al presente indicativo

  48. suzi scrive:

    “produrre”

  49. Kevin scrive:

    VORREI RINGRAZIARVI PERCHE’ I VOSTRI ESERCIZI SONO VERAMENTE BELLI E UTLI PER ANDARE BENE A SCUOLA. GRAZIE MILLE DA KEVIN

    • Zanichelli Avatar

      Caro Kevin, benvenuto su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  50. Ana Maria scrive:

    Ottimo esercizio

  51. Ciao a tuti, sto studiando molto per venire a Italia e questo sito mi è servito a molto!!!!!! Grazie!!!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Arina, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  52. molto interesante grazie

  53. Monica scrive:

    Finice