Concordanza dei tempi con il congiuntivo: l’anteriorità

Prof. Anna
Congiuntivo,   Grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, quali tempi e modi verbali bisogna usare quando la subordinata è anteriore alla reggente? Vediamo insieme tutte le possibilità.

Buona lettura!

Prof. Anna

Tempo fa abbiamo studiato la contemporaneità (https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/05/23/concordanza-dei-tempi-con-il-congiuntivo-la-contemporaneita/), oggi studieremo l’anteriorità.

IL RAPPORTO DI ANTERIORITÀ

Abbiamo un rapporto di anteriorità tra subordinata e reggente quando l’azione espressa nella subordinata è avvenuta prima di quella espressa nella reggente. Il verbo della reggente può essere al presente: credo (oggi) che tu abbia fatto bene (ieri), o al passato: credevo (ieri) che tu avessi fatto bene (prima di ieri). Come è evidente da questi due esempi, il tempo verbale della reggente (credo, credevo) condiziona il tempo verbale della subordinata (abbia fatto, avesse fatto).

Vediamo nello specifico  tutte le possibili combinazioni di tempi verbali che servono a esprimere il rapporto temporale di anteriorità tra reggente e subordinata, quando il verbo della reggente richiede il congiuntivo.

Per la concordanza dei tempi quando il verbo della reggente non richiede il congiuntivo, potete consultare questo articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/06/01/approfondimento-la-concordanza-dei-tempi-con-lindicativo/#comment-34485

PER ESPRIMERE ANTERIORITÀ

Quando nella reggente il verbo è:

• indicativo presente: immagino

• imperativo: immagina

• indicativo futuro: immaginerò

⇒ nella subordinata useremo:

• congiuntivo passato: che sia arrivato

 

Quando nella reggente il verbo è:

• imperfetto: immaginavo

• passato remoto: immaginai

• passato prossimo: ho immaginato

• trapassato prossimo: avevo immaginato

⇒ nella subordinata useremo:

• congiuntivo trapassato: che fosse arrivato

 

Quando nella reggente il verbo è:

• condizionale: immaginerei

⇒ nella subordinata useremo:

• congiuntivo passato: che sia arrivato

• congiuntivo imperfetto: che arrivasse

• congiuntivo trapassato: che fosse arrivato

 

Quando nella reggente il verbo è:

• condizionale passato: avrei immaginato

⇒ nella subordinata useremo:

• congiuntivo imperfetto: arrivassi

• congiuntivo trapassato: fossi arrivato 

 

Altri casi:

⇒ quando nella principale c’è un verbo che esprime volontà o desiderio coniugato al condizionale presente o passato (volere, preferire ecc.) per indicare un rapporto di anteriorità si usa il congiuntivo trapassato: vorrei che tu fossi stato sincero, avrei voluto che tu fossi stato sincero;

l’anteriorità rispetto a un presente o a un futuro può essere espressa con il congiuntivo imperfetto, quando il fatto del passato ha un valore durativo,ovvero esprime una situazione in corso nel passato o abituale nel passato: penso che da bambino fosse felice.

Nel seguente esercizio coniugate il verbo tra parentesi in modo che esprima anteriorità con la reggente.

Completa il testo inserendo le parole mancanti negli spazi vuoti. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio" per controllare se hai risposto correttamente.

 1- Temo che lo spettacolo (finire) da un pezzo. 2- Credevamo che Marta (venire) con te. 3- Preferirei che tu mi (dire) la verità. 4- Farò finta che non (succedere) niente. 5- Avevo sospettato che lui (mentire) . 6- Credo che da bambino lui (abitare) qui vicino. 7- Vorrei tanto che tu (superare) l'esame. 8- Non avrei mai creduto che lui (avere) ragione. 9- Non ero sicuro che Anna il giorno prima (rimanere) a casa. 10- Avrei voluto che tu ne (discutere) prima con me.

Prosegui la lettura

Commenti [37]

Rispondi a Rino Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. andrea scrive:

    Grazie Prof. Anna.
    Lezione molto utile. La concordanza dei tempi remane un osso duro.
    In attesa altre esercizi del genere, cari saluti

  2. Rino scrive:

    Che strage! pochissimi verdi, poi ho riflettuto e
    10/10.

    • Zanichelli Avatar

      Bene Rino, l’importante è il risultato finale!
      A presto
      Prof. Anna

  3. Lucia scrive:

    Come difficile! Se non usi tutti giorni non imparerei mai. Forse ho sbagliato anche in questa frase. 🙂
    Grazie, prof. !

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lucia, è vero, non è semplice scegliere il tempo verbale corretto, ma esercitandosi le cose diventano sempre meno complicate, l’importante è non abbattersi. Se hai dei dubbi, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  4. Martin scrive:

    Sempre di nuovo devo ripettere questi compiti. Grazie per aver dato mi la possibilita‘. Martin

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Martin, continua ad esercitarti e se hai dei dubbi non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  5. alicia scrive:

    Gracie Prof. Anna. Gli esercizi sono itilissimi.

  6. Adriano scrive:

    Cara Anna, vorrei sapere se questa frase e’ corretta: ” Se ci fossero degli impedimenti, me LO faccia sapere quanto prima”. Secondo me la frase è corretta perché quel “lo” è riferito non agli impedimenti bensì alla situazione nel suo complesso e mi sembrerebbe improponibile un “me li faccia sapere “,comunque, visto che la frase mi è stata contestata , vorrei un tuo parere a riguardo. Grazie, Adriano

    • Zanichelli Avatar

      Caro Adriano, il periodo è corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  7. Rinverdire le regole grammaticali, acquisite sui banchi di scuola, è un esercizio che dovremmo fare tutti noi anziani e vecchi, e non solo, per impedire che incappassimo nell’analfabetismo di ritorno.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Aldo, sono d’accordo con te; ti consiglio di riformulare l’ultima parte del periodo in questo modo: ” per non incappare nell’analfabetismo di ritorno”.
      A presto

  8. Aldo scrive:

    “Se non usassi tutti i giorni la consecutio temporum non imparerei mai.”

  9. Aldo scrive:

    Gentile Prof. Anna, su Facebook ho costituito il gruppo “Scrivere correttamente”, affinché potessi rinverdire le regole grammaticali acquisite sui banchi di scuola. Naturalmente, di ciò che scrivo (spero di non scrivere sciocchezze) possono beneficiarne tutti coloro che fossero interessati.
    https://www.facebook.com/groups/328471797355084

    • Zanichelli Avatar

      Complimenti per la bella iniziativa!
      Vado subito a curiosare.
      A presto

  10. giacomo scrive:

    Prof, può dirmi se le frase sono concordate bene?

    1 Volevo vedere (nel passato) cosa (oppure “che” o “che cosa”) sarebbe successo (sempre nel passato, ma in un momento successivo rispetto all’azione espressa nella reggente) (posteriorità).

    2 Volevo vedere (ieri) cosa (oppure “che” o “che cosa”) succedesse (sempre ieri) (contemporaneità).

    3 Volevo vedere (nel passato o ieri ) cosa (oppure “che o “che cosa”) fosse successo (in un momento ancora più passato o comunque prima di ieri) (anteriorità).

    E poi un’ultima curiosità, ma nelle nostre frasi il “che” (cosa, che cosa), il quale dovrebbe fungere da congiunzione tra la principale e la subordinata, non dovrebbe fungere da congiunzione; anche se a me sembra che funga da pronome…

    Giusto?

  11. Andrea scrive:

    Buona serata, nell articolo si legge “l’anteriorità rispetto a un presente o a un futuro può essere espressa con il congiuntivo imperfetto, quando il fatto del passato ha un valore durativo,ovvero esprime una situazione in corso nel passato o abituale nel passato: penso che da bambino fosse felice”.

    Ma io mi chiedo, bisogna utilizzare per forza il congiuntivo imperfetto o anche il trapassato congiuntivo? “Penso che da bambino fosse stato felice”; “Non ricordo che ora fosse stata (invece di “fosse” congiuntivo imperfetto)”, etc? “Non so che cosa avesse mangiato (invece di “mangiasse” congiuntivo imperfetto), etc?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, se il il verbo della reggente è al presente o al futuro si usa il congiuntivo imperfetto e non il trapassato.
      Un saluto

  12. Valerio scrive:

    “forse so perché sei stato licienziato”
    “forse so perché tu sia stato licenziato”
    “ti chiedevo di che colore fossero i capelli”
    (tutte e tre sono delle interrogative indirette)

    Vero?

  13. Diego scrive:

    È corretta la frase “Credo (oggi) che (in passato) sia venuto a vedermi a teatro (anteriorità)”? Quando nella reggente il verbo è all indicativo presente (credo), per esprimere anteriorità nella subordinata useremo il congiuntivo passato (che sia venuto + infinito vedere, in questo caso).

    È corretta?

  14. Vincenzo scrive:

    Preferirei che tu mi avessi detto. Perché “Preferirei che tu mi dicessi” è errato?. Nella reggente abbiamo un condizionale, presente perché usare un congiuntivoimperfetto è errato?
    Grazie

  15. Enrico scrive:

    “Pensavo (ieri) che (il giorno prima) ti avesse dato la carta”; sto esprimendo, con la subordinata oggettiva, anteriorità rispetto alla principale

  16. monica scrive:

    utilissimo! confortante per i risultati, ma un ripasso cui sta sempre…

    • Zanichelli Avatar

      Cara Monica, benvenuta su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto

  17. Maurizio scrive:

    “Avere la percezione che” regge il congiuntivo o l indicativo? in teoria l indicativo (verbi di percezione etc); ma essendo una percezione personale forse anche il congiuntivo.

    Lei che ne pensa?

  18. Roberto scrive:

    “È già tanto (adesso) che (prima) lo abbiano fatto”
    “L’importante è (adesso) che (prima o ieri) lo abbiano portato a casa”

    …entrambe le subordinate, rette da espressione impersonali nelle principali, ammettono il congiuntivo (abbiano fatto; abbiano portato). Ed entrambe le subordinate soggettive esprimono anteriorità rispetto alle azioni espresse nelle principali.

  19. Quando nella principale c’è un verbo che esprime volontà o desiderio al passato remoto (ad esempio, “sperò”), per esprimere contemporaneità e posteriorità useremo il congiuntivo imperfetto; per l’anteriorità, invece, il congiuntivo trapassato:

    1 Tizio sperò che caio ne bloccasse la pubblicazione (contemporaneità e posteriorità);
    2 Tizio sperò che caio ne avesse bloccato la pubblicazione (anteriorità).

    Penso sia corretto…