Le proposizioni aggiuntive e le proposizioni esclusive

Prof. Anna
Analisi logica,   Grammatica,   La lingua italiana,   Proposizioni subordinate,   Sintassi

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi vedremo come si formano e cosa esprimono le proposizioni aggiuntive e le proposizioni esclusive.

Buona lettura!

Prof. Anna

Prima dell’estate abbiamo studiato le proposizioni eccettuative, che introducono una limitazione al significato della reggente (https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2022/04/28/proposizioni-eccettuative/ ); oggi invece analizziamo la struttura e il significato delle proposizioni aggiuntive e delle proposizioni esclusive.

LE PROPOSIZIONI AGGIUNTIVE

Questo tipo di proposizioni aggiungono un fatto non particolarmente rilevante (o perché già noto o perché scontato o per altre ragioni) a quanto si dice nella reggente.

Le aggiuntive sono per lo più implicite con il verbo all’infinito introdotto da oltre a e oltre che e oppure dai più letterari di là da, non che, nonché:

  • oltre che arrivare in ritardo, ci avete fatto perdere il treno → tra le due frasi il contenuto più rilevante si trova nella principale (ci avete fatto perdere il treno), è questo il fatto che a chi parla interessa sottolineare, mentre l’informazione contenuta nella subordinata aggiuntiva è meno rilevante e comunque secondaria rispetto all’altra.

Più raramente, almeno nell’italiano contemporaneo, le aggiuntive hanno un verbo finito, in questo caso, quando cioè sono esplicite, richiedono l’indicativo o il condizionale introdotto da oltre che:

  • oltre che siete arrivati in ritardo, ci avete fatto perdere il treno.

Il concetto di aggiunzione viene molto spesso rafforzato nella proposizione reggente con: anche, pure, neanche, neppure, nemmeno: mia madre, oltre che lavorare tutto il giorno, fa anche tanti lavoretti in casa.

Il costrutto introdotto da oltre che, non che, nonché può avere anche il verbo essere sottinteso, in questo caso il predicato è costituito da un participio passato, da un aggettivo o da un sostantivo, questo costrutto si colloca più comunemente prima della reggente:

  • oltre che psicologo, è anche laureato in lettere;
  • è un appartamento spazioso, oltre che arredato con molto buon gusto;
  • nonché stanco, era anche assonnato.

PROPOSIZIONI ESCLUSIVE

Le proposizioni esclusive esprimono una circostanza che viene esclusa e perciò ha valore oppositivo rispetto alla reggente. Possono trovarsi prima o dopo la reggente oppure collocarsi al suo interno.

Le esplicite richiedono il congiuntivo preceduto da senza che, più che non, piuttosto che non:

  • senza che nessuno l’avesse visto, andò a dormire;
  • escludono più che non ammettano.

Le implicite possono avere:

→ l’infinito preceduto da senza, pur senza, anche senza, per non, piuttosto che, più che:

  • lo avevamo offeso senza rendercene conto;
  • piuttosto che studiare esce.

→ il gerundio o talvolta il participio passato costruiti in forma negativa:

  • mi ha aspettata in strada per ore, non spostandosi neanche di un millimetro;
  • non visto da nessuno, andò a letto.

Le proposizioni esclusive hanno spesso il valore di una vera e propria concessiva: andò a quella festa senza che lo avessero invitato = benché non lo avessero invitato.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Il periodo: "oltre a cucinare, ho anche lavato i piatti" contiene:
    • una proposizione aggiuntiva
    • una proposizione esclusiva
  2. Esplicita o implicita?
    • esplicita
    • implicita
  3. Scegli la soluzione corretta:
    • Oltre fare l'attrice, è anche un'ottima cantante.
    • Oltre a fare l'attrice, è anche un'ottima cantante.
  4. Il periodo: "arriverò senza che tu te ne accorga" contiene:
    • una proposizione aggiuntiva
    • una proposizione esclusiva
  5. Esplicita o implicita?
    • esplicita
    • implicita
  6. Il periodo: "è un palazzo bellissimo, per non parlare del suo valore storico" contiene:
    • una proposizione aggiuntiva
    • una proposizione esclusiva
  7. Esplicita o implicita?
    • esplicita
    • implicita
  8. Scegli la soluzione corretta:
    • L'ha fatto senza che glielo permettessi.
    • L'ha fatto senza che glielo permettevo.
  9. Le proposizioni esclusive hanno spesso valore:
    • consecutivo
    • concessivo
  10. Nell'italiano contemporaneo le aggiuntivo sono perlopiù:
    • esplicite
    • implicite

Prosegui la lettura

Commenti [10]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Rino scrive:

    Che disastro! 5 errori su 10.
    Ma proprio malissimo!

    • Zanichelli Avatar

      Forza Rino! Prova a rifarlo, vedrai che andrà meglio.

  2. andree scrive:

    Gentile professoressa,
    grazie per questa lezione che mi ha fatto ripassare quella sul complemento eccettuativo o di esclusione.
    Avevo sbagliato il no 6 . Claro che la locuzione “per non” indichi grammaticalmente un’ esclusione,
    pero al margine del testo ci dà un’informazione “aggiuntiva” sul palazzo, quella mi ha fatto ingannare.
    Cari saluti
    Andree

    • Zanichelli Avatar

      Cara Andree, complimenti, ottimo risultato!
      A presto

  3. Rino scrive:

    5^ e 10^ errate, ma delle altre non sono molto convito, insomma sarei andato per intutito.

  4. Rino scrive:

    Bingo!!!
    Ma ho dovuto riguardare Le sue lezioni.
    Mi devo ancora convincere.
    10/10.

    • Zanichelli Avatar

      Bravo Rino, ottimo risultato!

      • Rino scrive:

        Va meglio sto ripassando la lezione.

  5. Livio scrive:

    “Non vi sto dicendo che (quindi “Non dire che”)” e “Non è che”, come ho scritto in altri post, reggono il congiuntivo:

    “Non vi sto dicendo che dobbiate aiutarli per forza” e “Non è che dobbiate farlo per forza”. Certo, “Non dire che”, rispetto al senso che vogliamo dare alla frase, può reggere anche l indicativo (se vogliamo dare maggior perentorietà e oggettività alla subordinata): “Non vi sto dicendo che dovete aiutarli per forza”.

    Esatto?