Le forme implicite: il participio presente e passato

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi studieremo il participio che, insieme all’infinito e al gerundio, fa parte dei modi indefiniti, cioè che non definiscono la persona a cui si riferiscono.

Buona lettura!

Prof. Anna

Il participio può essere presente o passato.Vediamo insieme come si formano e quali sono le loro funzioni.

FORMAZIONE DEL PARTICIPIO PRESENTE

Per formare il participio presente bisogna sostiutire le desinenze dell’infinito (are-ere-ire) con le desinenze anteenteente:

 

CONIUGAZIONE 1°-ARE

amare

2°-ERE

contenere

3°-IRE

agire

PARTICIPIO PRESENTE amante contenente agente

– alcuni verbi della terza coniugazione formano il participio presente con la desinenza –iente, per esempio: dormire – dormiente; ubbidire – ubbidiente ecc.

FUNZIONI DEL PARTICIPIO PRESENTE

Il participio presente può avere valore nominale, si coniuga come gli aggettivi a due desinenze, cioè la desinenza –e per il maschile e femminile singolare (amante) e la desinenza –i per il maschile e femminile plurale (amanti). Quando ha valore nominale pò essere usato come aggettivo: “una musica rilassanteo come sostantivo: “l’insegnante“. Con valore di aggettivo, può avere il comparativo e il suoperlativo: invadente – più invadente – invadentissimo.

• L’uso del participio presente con valore verbale è molto raro, lo troviamo principalmente nel linguaggio giuridico-burocratico. Quando viene usato con valore verbale, può sostituirsi ad una proposizione relativa introdotta dache: un certificato comprovante = un certificato che comprova; una scatola contente libri = una scatola che contiene libri.

FORMAZIONE DEL PARTICIPIO PASSATO

Conosciamo già la formazione del participio passato, che abbiamo studiato per la formazione dei tempi composti (passato prossimo – trapassato prossimo ecc.). Rivediamola insieme.

Nelle forme regolari il participio passato si forma sostituendo le desinenze dell’infinito (are-ere-ire) con quelle del participio passato atoutoito.

 

CONIUGAZIONE 1°-ARE

amare

2°-ERE

contenere

3°-IRE

agire

PARTICIPIO PASSATO amato contenuto agito

 

Il participio passato può avere valore nominale e si coniuga come gli aggettivi a quattro desinenze (amato-amata-amati-amate). Può essere usato come aggettivo (un appartamento ammobiliato) o come sostantivo (uno sconosciuto ha bussato alla porta).

Il participio passato con valore verbale serve per formare i tempi composti (ho studiato; avevate deciso).

Può inoltre essere usato per realizzare la forma implicita di alcune proposizioni subordinate e indica anteriorià temporale rispetto al tempo indicato nella principale (come il gerundio composto o l’infinito composto);  può formare:

una proposizione temporale: uscita di casa, Maria ha preso l’autobus = dopo che era uscita di casa, Maria ha preso l’autobus; come si vede, il participio passato indica anteriorità (era uscita) rispetto al verbo della principale (ha preso);

una proposizione relativa: la ragazza morsa da un serpente ora sta bene = la ragazza che era stata morsa da un serpente ora sta bene → il participio passato ha valore passivo con i verbi transitivi (morderemorsa = che era stata morsa), ha un valore attivo con i verbi intransitivi (arrivarearrivato = che era arrivato). 

una proposizione causale: rimproverato dall’insegnante, lo studente uscì sbattendo la porta = poiché era stato rimproverato dall’insegnante, lo studente uscì sbattendo la porta;

una proposizione concessiva: seppure rimproverato dall’insegnante, lo studente rimase impassibile = seppure fosse stato rimproverato dall’insegnante, lo studente rimase impassibile.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la corretta frase corrispondente: "ho sentito un rumore proveniente dal giardino dei vicini"
    • Ho sentito un rumore poiché proveniva dal giardino dei vicini.
    • Ho sentito un rumore che proveniva dal giardino dei vicini.
  2. Scegli la corretta frase corrispondente: "partita Roberta, ho cambiato casa".
    • Dopo che Roberta è partita, ho cambiato casa.
    • Dopo che Roberta era partita, ho cambiato casa..
  3. Scegli la corretta frase corrispondente: "spaventati dai rumori, i ladri fuggirono".
    • Poiché erano stati spaventati dai rumori, i ladri fuggirono.
    • Poiché erano spaventati dai rumori, i ladri fuggirono.
  4. Il participio presente di "cantare" è:
    • cantente
    • cantante
  5. Scegli la corretta frase corrispondente: "giunto davanti alla porta, si accorse di non avere le chiavi".
    • Dopo che era giunto davanti alla porta, si accorse di non avere le chiavi.
    • Dopo che era stato giunto davanti alla porta, si accorse di non avere le chiavi.
  6. Scegli la corretta frase corrispondente: "Laura, tornata a casa, ha fatto una torta".
    • Laura, dopo che era tornata a casa, ha fatto una torta.
    • Laura, dopo che tornava a casa, ha fatto una torta.
  7. Scegli la corretta frase corrispondente: "Finalmente è stata scoperta l'identità della persona uccisa la settimana scorsa".
    • Finalmemente è stata scoperta l'identità della persona che era uccisa la settimana scorsa.
    • Finalmente è stata scoperta l'identità della persona che era stata uccisa la settimana scorsa.
  8. Scegli la corretta frase corrispondente: "Marta, guarita, è tornata a casa".
    • Marta, dopo che era guarita, è tornata a casa.
    • Marta, dopo che è guarita, è tornata a casa.
  9. Scegli la corretta frase corrispondente: "Quel libro venduto all'asta è molto antico".
    • Quel libro che è stato venduto all'asta è molto antico.
    • Quel libro che è venduto all'asta è molto antico.
  10. Il participio presente di "ubbidire" è:
    • ubbidente
    • ubbidiente

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [119]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. maria scrive:

    solo 2 errori 3 e 5. Grazie Prof. Anna

  2. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Come sempre trovo questo articolo interessante è utile. Ho studiato e fatto il test con piacere ed con la intuizione mia e ho risposto solo la frase 9 scoretta. Volentieri studierò ancora sulle regelo e parole come “rimproverato”, (credo è provato di nuovo), “sbattendo” e “impassibile”, ma se leggo queste frase, credo che lo studente si dev esaere arrabbiato enorme, inrece di ringraziiare la isegnante. Con l’aiuto sel tradutore online, spero di farcela. Se non, Lei demanderò ancora.
    Graziamille ancora e Lei saluto cordialmebte dal Ollanda
    Anita

  3. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Nel frattempo, ho capito le frase sulla insegnante è lo studente e trovo tutte le frase nella lessione più bella e cosi impro di espirmi in meno parole chiara. Ancora sono impressionara dell’articolo dei treni e ho alcune immagine della Stazione Centrale che sia riconstruito e ne vorrei mandarle a Lei con la storia mia. Anche ho molto da fare, ma farò ancora.
    Con salutti cordiali
    Anita dal Ollanda

  4. Yana scrive:

    Salve, professoressa!
    Lei potrebbe fare degli esempi dell’uso dei pronomi (riflessivi, ogg.diretto, ogg.indiretto e ne partitivo) e spiegare la regola?
    È vero che è meglio evitare l’uso dei participi presenti se non si è sicuri che esistano? Cioè non ogni participio presente costruito su qualsiasi verbo suona bene agli orecchi italiani?

    (Chiedo scusa per off-topic, orecchi in questo caso devono essere gli orecchi o le orecchie? Qual è la regola?)

    Grazie in anticipo, mi fa sempre piacere leggere i suoi post!

  5. Yana scrive:

    Cioè intendevo i pronomi con i participi:)

  6. Helena scrive:

    C’è sempre da imparare. Anche se è tutto chiaro il ripasso aiuta tutti. Grazie

  7. Andrea scrive:

    Cara Prof. Anna,

    Le faccio i miei complimenti per questo blog, e’ veramente utile. Pero’ leggendo questo articolo mi e’ sorto un piccolo dubbio. La frase “Dopo che era uscita di casa, Maria ha preso l’autobuse” potrebbe anche essere scritta “Dopo essere uscita di casa, Maria ha preso l’autobus”? Ad essere sincero la proposta che ho fatto io e’ la forma che piu’ spesso uso nella vita quotidiana, ora spero solo che sia corretta, senno ho detto solo una cavolata. Grazie in anticipo!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, la frase che mi scrivi è corretta, infatti, quando c’è identità di soggetto, è più comune e più facile usare la forma implicita.
      Un saluto
      Prof. Anna

  8. Antonino scrive:

    Vorrei sapere anche con esempi pratici quali sono le regole quando si utilizza di un verbo (es. essere) il:
    Passato prossimo;
    Trapassato prossimo;
    Trapassato remoto.

    Ringrazio in anticipo per la risposta data.

  9. Fulvio scrive:

    Gentile Professoressa,
    si dice: “Non ti ho dimenticato” oppure “Non ti ho dimenticata”?
    Saluti.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fulvio, con i pronomi diretti atoni non di terza persona, quindi MI, TI, CI, VI, l’accordo del participio passato con il pronome non è obbligatorio ma abbastanza diffuso, quindi entrambe le frasi sono corrette; ti consiglio di leggere questo articolo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3388
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Fulvio scrive:

    Gentile Professoressa,
    ho ben due piccoli dubbi sui quali vorrei una parola definitiva.
    1-Si dice “La sveglia è suonata” o “La sveglia ha suonato”?.
    2-Come spiegherebbe la presenza della particella NE nella parola ANDARMENE.
    Grazie mille.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fulvio, il verbo suonare può essere sia transitivo, e allora regge l’ausiliare “avere”: “la sveglia ha suonato”, ma nel significato di “dare un segnale, dare l’ora”, se usato intransitivamente regge l’ausiliare “essere”: “la sveglia è suonata”, quindi sono corrette entrambe le opzioni; nell’espressione “andarsene” la particella “ne” sostituisce un avverbio di luogo e significa “da qui, da questo luogo”, quindi l’espressione significa “andare via da questo luogo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  11. Daphne scrive:

    Buongiorno Prof.Anna

    Sono brasiliana e seguo il vostro sito ogni tanto per un ausilio.

    Avrei un dubbio riguardo alla coniugazione di un verbo messo in un certo modo: Se voglio dire “….prova lo stesso questo farmaco” Riferendomi ad un’amica la quale ho intimità.

    Secondo mio marito, italiano, dovrei usare “provA” e non “provI”. Ma non riesco a capire come mai si usa questa coniugazione e non sono riuscita a trovare nel vostro sito dove si spiega questa situazione verbale.

    La ringrazio tantissimo,
    Daphne.

  12. Sara scrive:

    cara prof Anna,
    Questo sito è molto utile e il test mi è stato d’aiuto,
    Grazie di tutto anke se certe domande del test nn mi sembrano corrette

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sara, quali domande non ti sembrano corrette?
      A presto
      Prof. Anna

  13. Francesca scrive:

    Gent.ma Prof. Anna, ho un dubbio colossale.
    Nella frase: “Le regole si rispettano”, “le regole” è:
    Compl.ogg, come farebbe pensare il fatto che il verbo è impersonale, e quindi il soggetto è assente;
    o Soggetto, come farebbe pensare il fatto che risponda alla domanda: di chi/che cosa si dice “si rispettano”?
    La ringrazio.
    Francesca

    • Zanichelli Avatar

      Cara Francesca, nella frase “le regole si rispettano”, “si rispettano” è una forma passiva formata con la particella “si”; quindi significa “le regole sono rispettate”; quindi “le regole” è soggetto: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=4671.
      Un saluto
      Prof. Anna

  14. Francesca scrive:

    Grazie, Anna, e complimenti per il suo splendido ed utilissimo blog!
    Francesca

    • Zanichelli Avatar

      Cara Francesca, grazie per il tuo gentile commento.
      A presto
      Prof. Anna

  15. Mattia scrive:

    10/10 😀

  16. Cara professoressa Anna,
    vorrei congratularmi con lei per questo sito molto interessante.
    Volevo dale un consiglio:
    metta degli esempi in modo che possiamo capire meglio.
    ????????????

  17. ilaria scrive:

    ciao

  18. emanuele scrive:

    uu bellissimmo grazie

  19. emanuele scrive:

    grazie prof

  20. GRAZIE scrive:

    PROF.SALUTI

  21. Giulia scrive:

    Cara professor anna,
    come si destingue dal gerundio presente al gerundio passato?

  22. Chiara scrive:

    Cara professoressa anna,
    Questo sito mi aiuta tanto ad aiutare!!!

  23. Cara prof. Anna, io frequento la 1 media e avrei bisogno di alcune informazioni sui climi Europei…non li capisco 🙁
    GRAZIE MILLE : D. Ciao ciao

    • Zanichelli Avatar

      Caro lettore, avrai sicuramente risposte più accurate se consulti un libro di geografia.
      A presto
      Prof. Anna

  24. greta scrive:

    sei bravissima

  25. Rico scrive:

    A un professore… “Domanda sulla sintesi allegatale o allegatole?”): in questo caso, “la sintesi”(sogg.?) richiede l’accordo del participio, quindi “allegatale”? O richiede l’accordo con “le”(lei), il professore? E se fosse stata una professoressa?
    La sintesi che le ho inviato o ho inviata? Inviato, giusto?

    Distinti saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, deve concordare con “sintesi” e quindi “allagata” e “che le ho inviato”.
      A presto
      Prof. Anna

  26. cara prof.ho bisogni di imparare il participio i verbi benissimo e il gerundio l’articolo aiutami.GRAZIE MILLE ciao <3

  27. Rico scrive:

    Mi farebbe capire meglio il perché “allegatale” (perché i pronomi atoni oggetto lo, la, li, le obbligano di accordo, giusto?) e “che le ho inviato” (perché mi rivolgo con il lei, a un professore e non una professoressa, nel qual caso… avrei dovuto scrivere “inviata”, giusto?)

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, io scriverei solo “la sintesi allegata”, mentre è corretto “che le ho inviata” sia per un maschile che per un femminile, infatti “le” è un pronome indiretto “a lei” non è un pronome oggetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  28. Rico scrive:

    E se avessi scritto “La sintesi che le ho allegata” (al posto di sintesi allagatale), sarebbe stato corretto?
    E la sintesi inviatale (al posto di “sintesi che le ho inviato”), sarebbe stato corretto?

    Distinti saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, sarebbe corretto “la sintesi che ho allegato” mentre è corretto “inviatale” perché il verbo “inviare” regge un complemento introdotto da “a” (inviare a qualcuno”) quindi “inviare a lei” = “inviatale”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  29. Rico scrive:

    Perché in un commento mi ha scritto che andrebbe bene “che le ho inviato”; mentre, in un altro, “che le ho inviata”? Quindi qual è la forma corretta fra le due?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, forse mi sono sbagliata, ma la forma corretta è: “che le ho inviato”.
      A presto
      Prof. Anna

  30. Rico scrive:

    Caro Rico, io scriverei solo “la sintesi allegata”, mentre è corretto “che le ho inviata” sia per un maschile che per un femminile, infatti “le” è un pronome indiretto “a lei” non è un pronome oggetto. Quindi “che le ho inviato” a un professore; mentre “che le ho inviata” a una professoressa, giusto?

  31. Rico scrive:

    Poiché non mi ha risposto…
    <>. Quindi “che le ho inviato” a un professore; mentre “che le ho inviata” a una professoressa, giusto?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, “che le ho inviato” sia che tu la mandi a un professore sia a una professoressa, il participio passato non concorda con il destinatario.
      Un saluto
      Prof. Anna

  32. Rico scrive:

    Anche se non sarebbe un errore usare “che le ho inviata” (specie in modo formale), o no?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la frase non è counque corretta perché il participio passato (con ausiliare avere) concorda col pronome solo quando questo è diretto, mentre “le” è un pronome indiretto e quindi non è necessario concordare.
      A presto
      Prof. Anna

  33. Federico scrive:

    Xo nn ci sono scritte le eccezioni!!!

  34. Rico scrive:

    “Era una fortezza, dopo è diventata/diventato un castello”. Io direi è diventata, visto che, il verbo nella forma passiva, si accorda al soggetto, o no?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la concordanza “è diventata” è corretta, ma non si tratta di una forma passiva, infatti “diventare” è intransitivo è non è possibile fare il passivo dei verbi intransitivi, si tratta di un semplice passato prossimo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  35. Rico scrive:

    “La quarta concezione del linguaggio, che è quella che abbiamo chiamata del caso…” In questo caso l’autore avrebbe potuto scrivere anche “avrebbe chiamato”? visto che, come lei mi insegna, non è una forma passiva, quindi essa non si dovrebbe accordare al soggetto, o sbaglio?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, è corretto sia concordare che non concordare.
      Un saluto
      Prof. Anna

  36. Rico scrive:

    “La partita l’abbiamo persa, ma (noi) avremmo dovuto/a vincerla”. In questo caso, visto che il participio preceduto dall’ausiliare avere non si concorda, perché non è una forma passiva…, il verbo “dovuto” rimane invariabile, o no? O dobbiamo concordarlo con vincerla= vincere (transitivo) e la(= la partita, complemento oggetto).

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, il participio in questo caso non concorda.
      Prof. Anna

  37. Rico scrive:

    “La ringrazio per la vivacità con cui ha agito nel leggere e correggere la mia relazione”. Siccome “correggere” è un verbo riflessivo, bisognerebbe scrivere “correggermi”, o no? E’ un errore grave non utilizzare il pronome atono?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, esiste anche la forma attiva “correggere”, quindi non è un errore.
      Un saluto
      Prof. Anna

  38. Rico scrive:

    “La partita l’abbiamo persa, ma (noi) avremmo dovuto/a vincerla”. In questo caso, visto che il participio preceduto dall’ausiliare avere non si concorda, perché non è una forma passiva…, il verbo “dovuto” rimane invariabile, o no? O dobbiamo concordarlo con vincerla= vincere (transitivo) e la(= la partita, complemento oggetto).

    La sua risposta “Caro Rico, il participio in questo caso non concorda”.
    Perché non concorda?

    Distinti saluti

    RIco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, il participio passato nel passato prossimo non concorda quando l’ausiliare è avere.
      Un saluto
      Prof. Anna

  39. Rico scrive:

    “Perché impossibilitato, non sono stato presente…”. E’ scorretta la congiunzione “perché”, visto che il participio “impossibilitato” già significa (poiché ero stato impossibilitato) o no?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, non è scorretta, aiuta a chiarire meglio il senso della frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  40. Rico scrive:

    “La partita l’abbiamo persa, ma (noi) avremmo dovuto/a vincerla”. In questo caso, visto che il participio preceduto dall’ausiliare avere non si concorda, perché non è una forma passiva…, il verbo “dovuto” rimane invariabile, o no? O dobbiamo concordarlo con vincerla= vincere (transitivo) e la(= la partita, complemento oggetto).
    La sua risposta “Caro Rico, il participio in questo caso non concorda”.
    Perché non concorda?

    La sua risposta “Caro Rico, il participio passato nel passato prossimo non concorda quando l’ausiliare è avere.”

    L’idea, l’ha potuta manifestare… In questo caso il participio concorda perché “l'” è un pronome che funge da complemento oggetto…Giusto?
    E se fosse così “l’idea, l’avrebbe potuta manifestare…” In questo caso “l'” è sempre un pronome che funge da complemento oggetto, quindi l’accordo non è scorretto o no? O quando è preceduto da un condizionale, il participio non si concorda, ma con altri tempi verbali (passato prossimo, trapassato prossimo ecc.) sì?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la tua ipotesi è corretta, la frase “l’idea, l’avrebbe potuta manifestare…” è corretta, non capisco invece la domanda successiva, puoi farmi alcuni esempi?
      Un saluto
      Prof. Anna

  41. alessia scrive:

    2 errori, grazie prof. Anna

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Alessia.
      A presto
      Prof. Anna

  42. Rico scrive:

    “La partita l’abbiamo persa, ma (noi) avremmo dovuto/a vincerla”. nella seconda frase il participio “dovuto” non concorda. Mentre in quest’altra “l’idea, l’avrebbe potuta manifestare”, il participio concorda…Perché? E qual è la differenza, visto che nelle due frasi suesposte siamo in presenza rispettivamente di due condizionali passati e di due particelle “la” ( in “vincerla”) e “l'”(in “l’avrebbe”)?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la differenza è nella posizione del pronome, nella prima frase e dopo il participio “attaccato” all’infinito (vincerla), mentre nella seconda precede il participio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  43. Rico scrive:

    La partita l’abbiamo persa, ma (noi) avremmo dovuto/a vincerla”. In questo caso, visto che il participio preceduto dall’ausiliare avere non si concorda, perché non è una forma passiva…, il verbo “dovuto” rimane invariabile, o no? O dobbiamo concordarlo con vincerla= vincere (transitivo) e la(= la partita, complemento oggetto).

    La sua risposta “Caro Rico, il participio in questo caso non concorda”.

    La mia domanda “Perché non concorda?”

    La sua risposta “Caro Rico, il participio passato nel passato prossimo non concorda quando l’ausiliare è avere.”
    L’idea, l’ha potuta manifestare… In questo caso il participio concorda perché “l’” è un pronome che funge da complemento oggetto…Giusto?
    E se fosse così “l’idea, l’avrebbe potuta manifestare…” In questo caso “l’” è sempre un pronome che funge da complemento oggetto, quindi l’accordo non è scorretto o no? O quando è preceduto da un condizionale, il participio non si concorda, ma con altri tempi verbali (passato prossimo, trapassato prossimo ecc.) sì?

    La sua riposta “Caro Rico, la tua ipotesi è corretta, la frase “l’idea, l’avrebbe potuta manifestare…” è corretta, non capisco invece la domanda successiva, puoi farmi alcuni esempi?”

    La mia domanda, dopo la sua risposta “La partita l’abbiamo persa, ma (noi) avremmo dovuto/a vincerla”. nella seconda frase il participio “dovuto” non concorda. Mentre in quest’altra “l’idea, l’avrebbe potuta manifestare”, il participio concorda…Perché? E qual è la differenza, visto che nelle due frasi suesposte siamo in presenza rispettivamente di due condizionali passati e di due particelle “la” ( in “vincerla”) e “l’”(in “l’avrebbe”)?

    La sua risposta “Caro Rico, la differenza è nella posizione del pronome, nella prima frase e dopo il participio “attaccato” all’infinito (vincerla), mentre nella seconda precede il participio.

    Professoressa, io non faccio riferimento alla posizione del pronome, ma alla concordanza del participio in una frase, mentre nell’altra, no, che riporto: “La partita l’abbiamo persa, ma (noi) avremmo dovuto/a vincerla”. nella seconda frase il participio “dovuto” non concorda. Mentre in quest’altra “l’idea, l’avrebbe potuta manifestare”, il participio concorda…Perché? E qual è la differenza, visto che nelle due frasi suesposte siamo in presenza rispettivamente di due condizionali passati e di due particelle “la” ( in “vincerla”) e “l’”(in “l’avrebbe”)? Perché in una il participio concorda, mentre nell’altra, no?

    La ringrazio per le correzioni.

    Distinti saluti
    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, è proprio la diversa posizione del pronome che determina l’accordo, se messo prima del participio questo concorda: l’idea, l’avrebbe potuta manifestare; se messo dopo no: l’dea, avrebbe potuto manifestarla.
      Un saluto
      Prof. Anna

  44. Rico scrive:

    “Malgrado lui abbia cambiato la password, analizzato con l’antivirus il pc, contattato il provider e sim.” . Nelle frasi succedenti la prima, è sottinteso “abbia” + “analizzato e contattato”. Quindi è corretto il participio senza l’aggiunta del congiuntivo. Giusto?

    E se scrivessi “malgrado lui abbia cambiato la password, aver analizzato con l’antivirus il pc, aver contattato il provider…”, sono sbagliate le frasi all’infinito passato, giusto? O, forse, così è corretta “malgrado lui abbia cambiato la password, aver analizzato lui con l’antivirus il pc, aver contattato lui il provider”. Così le frasi sono corrette, giusto?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, come dici tu è sottinteso l’ausiliare “abbia” ed è corretto sottintenderlo in questo caso (solo se è stato usato prima e quindi si capisce che è la stessa forma anche per gli altri participi), ma non è corretto usare l’infinito “avere” perché ci vuole il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  45. Rico scrive:

    “Questo fatto è ancora più scandaloso/scandalizzante”. Scandaloso:aggettivo, scandalizzante:participio (che scandalizza) usato come aggettivo. Entrambi li possiamo utilizzare indifferentemente?

    La ringrazio

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, sì, si possono usare praticamente in maniera equivalente.
      Un saluto
      Prof. Anna

  46. Tommy scrive:

    Gent.ma Professoressa,
    avrei un dubbio sul participio passato all’inizio di una frase.
    Nel mio lavoro registriamo tutto il materiale che ci viene consegnato da altri, per poi restituirlo di nuovo alle persone che ce l’hanno consegnato.
    Su una tabella per comodità registriamo:
    materiale consegnato a noi dal sig. ( e sotto su una tabella scriviamo)

    consegnate le sigarette;
    date tre sigarette alla paziente;
    consegnati i carica batterie;
    consegnate due cinture;
    consegnati due beauty-case;
    consegnata la penna;
    consegnati 20 euro ecc.

    Questi modi sono giusti o bisogna dire solo “consegnato” senza nessuna concordanza con il complemento oggetto,( cosiddetto participio assoluto) e se sono giusti perché?

    Es: consegnato le sigarette;
    dato tre sigarette alla paziente;
    consegnato i carica batterie;
    consegnato due cinture;
    consegnato due beauty-case;
    consegnato la penna;
    consegnato 20 euro ecc.

    Faccio un esempio più chiaro: ammettiamo che una sig.ra mi consegna dei soldi e io trascrivo sul registro per comodità:
    “consegnati 20 euro”;
    abbreviando la frase quando potrei scrivere : la signora…. mi ha consegnato venti euro.

    un grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Tommy, io concorderei in ogni caso il participio con l’oggetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  47. marco scrive:

    Gentile professoressa,

    ho dei dubbi su come definire dei participi passati nell’analisi del periodo. Ad esempio nel passo:

    Fa che il triste albero sepolto, di cui porto la cupa ombra sul volto come una maschera di sole spento, non getti le sue foglie morte al vento.

    In questo caso i participi sepolto, spento e morte individuano delle relative implicite oppure no?

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, in questo caso i participi hanno funzione di aggettivi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  48. Ugo scrive:

    Ho forti dubbi che la frase “Dopo che Roberta è partita, ho cambiato casa” sia errata. Se il passato prossimo è – anche – il tempo delle azioni concluse in un passato indefinito, la subordinata è equivalente alla seguente frase “successivamente alla partenza di Roberta”. Ne deriva che la frase contestata indica una sequenza temporale esaurita senza fornire indicazioni sulla distanza delle azioni dal momento della narrazione. La frase indicata come corretta è invece maggiormente connotata sotto il profilo ora accennato. Dunque credo che siano esatte entrambe le frasi ancorché leggermente diverse in ordine alla valenza temporale.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ugo, la frase non è scorretta in generale, ma all’interno dell’esercizio è meno corretta dell’altra, l’esercizio è fortemente correlato all’articolo nel quale veniva spiegata la funzione temporale del participio, ovvero l’anteriorià temporale rispetto al tempo indicato nella principale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  49. alice scrive:

    complimenti…. davvero molto chiaro e utile! ancora complimenti

  50. Sergio scrive:

    Buongiorno, proff. Anna.
    Qual è la frase corretta?

    I miei amici volevano che io andassi con loro al parco.
    I miei amici volevano che io venissi con loro al parco.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Sergio, in questo caso è corretto usare il verbo “andare”.
      A presto
      Prof. Anna

  51. Stefano scrive:

    Salve mi può dire per piacere se avvolti nella frase ” i panni avvolti nel telo sono umidi” è participo o aggettivo. Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, in questo caso ha la funzione di aggettivo.
      A presto
      Prof. Anna

  52. Vittorio scrive:

    Sera sig anna…mi potrebbe aiutare..sono in crisi…come potrebbe dirsi in italiano per esempio…nessuno mi ha chiesto il mio numero di telefono…nonostante questo sarebbe dovuto essermi stato chiesto?? E corretto? ??

    • Zanichelli Avatar

      Caro Vittorio, puoi dire: “nessuno mi ha chiesto il mio numero di telefono, anche se qualcuno avrebbe dovuto chiedermelo” .
      Un saluto
      Prof. Anna

  53. Eti scrive:

    Buona sera cara Anna, vorrei chiedere da te per favore di mandarmi esercizi del trapassato prossimo
    Ancora di piu per praticare in oltre. (Devo saperlo con occhi chiudi).
    Le ringrazio molto
    Eti

  54. Carlotta scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    mi servirebbe sapere cos’è l’identità di soggetto e come viene usata nella grammatica italiana
    La ringrazio
    Carlotta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Carlotta, solitamente si parla di identità di soggetto tra la frase reggente e quella subordinata, questo significa che le due frasi hanno lo stesso soggetto, per esempio: “credo che andrò a letto”: sia la reggente (credo) sia la subordinata (che andrò a letto) hanno lo stesso soggetto (io); quando c’è un’idetità di soggetto è possibile e di solito più comune usare la forma implicita con l’infinito:”Laura ha deciso che verrà con te” (forma esplicita), “Laura ha deciso di venire con te” (forma implicita). Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  55. Marti scrive:

    Cara prof.ssa Anna
    Mi servirebbero degli attributi costituiti da un participio passato/presente
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marti, per esempio: un libro entusiasmante (participio presente), un maglione colorato (participio passato).
      Un saluto
      Prof. Anna

  56. Robert scrive:

    Grazie Prof. Anna. Molto claro e utile.

    Due errori piccolissimi:

    “sostiutirsi” dopo “• L’uso del participio presente con valore verbale è molto raro”

    “Finamlemente” domanda numero 7.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Robert, grazie per la segnalazione.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  57. CARLO scrive:

    Gent.le prof.ssa Anna,
    ritengo che una ripassatina alla grammatica italiana vada sempre fatta, la ns lingua madre non è semplice.

  58. Alessio scrive:

    Ammazza ho fatto solamente 1 errore al Ultima domanda

  59. Roberta scrive:

    Buongiorno,
    Seguo il Suo blog e lo trovo utilissimo. Leggendo questa lezione non ho capito perche’ la frase -La ragazza morsa dal serpente, ora sta bene-equivale a -che era stata morsa- e non a -che e’ stata morsa.
    Grazie.
    Cordiali saluti
    Roberta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Roberta, sarebbe corretto anche esplicitare il participio nel modo in cui hai proposto (che è stata morsa), in quanto, quando il participio passato viene usato per realizzare la forma implicita di una proposizione subordinata, indica anteriorià temporale rispetto al tempo indicato nella principale, quindi vanno bene entrambi i tempi (era stata morsa; è stata morsa).
      A presto
      Prof. Anna

  60. Chiara scrive:

    Grazie prof Anna , io ho 10 anni e non avevo capito ma grazie a te ho capito

    • Zanichelli Avatar

      Cara Chiara, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  61. Federica scrive:

    Ciao
    Oggi la maestra di mia figlia ha fatto fare l’analisi di questa frase:

    La città è cresciuta

    Mia figlia ha scritto è cresciuta. Voce del verbo crescere mod indic tempo passato prossimo….
    La maestra ha corretto dicendo che “cresciuta” ha valore di aggettivo
    Non capiamo
    Ci spieghi
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Federica, a me sembra che si tratti del passato prossimo indicativo del verbo “crescere”, è vero poi che il participio passato può avere valore di aggettivo, come per esempio nella frase “sembra un ragazzo già cresciuto”. Credo sia necessario chiedere chiarimenti alla maestra.
      Un saluto a entrambe
      Prof. Anna

  62. andrea scrive:

    buongiorno
    la frase subordinata “…per sostenere gli arti fratturati” contiene il participio passato “fratturati” che io ho considerato come participio con funzione di aggettivo. La mia professoressa sostiene invece che abbia la funzione di subordinata relativa. Chi ha ragione? La ringrazio anticipatamente
    Andrea

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, spesso è difficile, in assenza dell’ausiliare, stabilire se un participio ha valore verbale o nominale. Ci troviamo davanti a un participio con valore verbale se regge complementi, o un’intera frase, quindi dipende anche se la frase che mi scrivi è completa così come l’hai scritta o se, per esempio, il participio è seguito da un complemento, in questo caso avrebbe funzione verbale e sostiutirebbe una subordinata relativa.
      Un saluto
      Prof. Anna

  63. Katy scrive:

    I loved this lesson

  64. ottimo

  65. grazie

    • grazie e la prima volta che studio italiano

      • Zanichelli Avatar

        Cara Rosa, benvenuta su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
        Un saluto e a presto
        Prof. Anna

  66. Dopo ammirato o dopo aver ammirato ? Ho letto dopo ammirato il tramonto del sole….

    • Zanichelli Avatar

      Cara Geswalda, è corretto dire: “dopo aver ammirato”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  67. La lezione è stata molto bene

    • Zanichelli Avatar

      Caro Lamin, benvenuto su Intercultura blog. Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  68. giorgio scrive:

    1)finiti gli esami andrò in vacanza. 2)arrivato presto mi sono costretto ad aspettare di più per la appuntamento 3)chiuse le scuole regoleremo di andare al mare. Sono giuste le frasi; grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giorgio, una correzione: “l’appuntamento” e non capisco il significato del verbo “regoleremo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • giorgio scrive:

        Organizzeremo

        • Zanichelli Avatar

          Caro Giorgio, allora è corretto dire “ci organizzeremo per andare al mare” oppure “organizzeremo una vacanza al mare”.
          Un saluto
          Prof. Anna