La posizione dell'aggettivo qualificativo

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi vedremo come si posizione all’interno della frase l’aggettivo qualificativo.

Buona lettura!

Prof. Anna

Ricordiamo che un aggettivo si dice qualificativo quando specifica una qualità di un nome, può trattarsi dell’aspetto, del colore, della grandezza, della forma ecc.

POSIZIONE DELL’AGGETTIVO QUALIFICATIVO

In italiano l’aggettivo si trova di solito dopo il nome: un libro nuovo; è possibile però anche l’ordine inverso: un bel film.

In genere l’aggettivo che precede il nome ha una funzione descrittiva, mentre quello che segue il nome ha una funzione restrittiva.

Facciamo un esempio, consideriamo queste due frasi:

"andrò ad abitare nella vecchia casa dei nonni"; "andrò ad abitare per un po’ nella casa vecchia";

nella prima frase l’aggettivo vecchia indica una qualità aggiuntiva della casa, infatti togliendolo il significato della frase rimarrebbe sostanzialmente lo stesso, nella seconda si può capire che esiste anche una casa nuova e l’aggettivo vecchia serve a identificare la casa e a distinguerla dalle altre.

La collocazione dell’aggettivo prima del nome è frequente quando l’aggettivo è usato in senso figurato.

Vediamo insieme alcuni esempi nei quali la sequenza aggettivo+nome determina un senso figurato, mentre nome+aggettivo determina un significato letterale dell’aggettivo:

alto: un alto magistrato (=importante) – un magistrato alto (=di statura);

grosso: un grosso scrittore (=importante) – uno scrittore grosso (=di dimensioni, di peso);

vecchio: un vecchio amico (=di vecchia data, che conosco da molto tempo) – un amico vecchio (=di età).

Ecco altri esempi in cui la diversa posizione dell’aggettivo determina un cambiamento di significato:

bello: una bella dormita (=lunga) – una dormita bella – non si può dire-;

buono: essere un buon avvocato (=bravo, esperto); essere un avvocato buono (in questo caso l’aggettivo buono è riferito alla persona e non alla professione);

certo: avere certe informazioni (=alcune); avere informazioni certe (=sicure);

diverso: leggere diversi libri (=parecchi); leggere libri diversi (=di vario genere);

grande: ammirare un grande dipinto (=artisticamente notevole); ammirare un dipinto grande (=di notevoli dimensioni);

nuovo: comprare un nuovo telefono (=un altro, un ulteriore); comprare un telefono nuovo (=non usato);

povero: essere un pover’uomo (=meschino); essere un uomo povero (=non ricco);

• le espressioni alta-bassa pressione e pressione alta-bassa hanno un significato diverso a seconda della posizione dell’aggettivo: la prima si usa in senso meteorologico (sull’Italia arriverà l’alta pressione), la seconda in senso medico (ho sempre avuto la pressione bassa).

In alcune espressioni cristallizzate l’aggettivo posto prima del nome ha sviluppato un significato parzialmente diverso da quello originario:

la bella vita = la vita comoda, agiata;

il gentil sesso = il sesso femminile;

le buone maniere = le maniere educate, cortesi;

il Nuovo Mondo = il continente americano.

Nei seguenti casi l’aggettivo va collocato obbligatoriamente dopo il nome:

• quando è un alterato: una casa piccolina (non: una piccolina casa);

• quando regge un complemento: una casa piena di mobili (non: una piena casa di mobili);

• quando deriva da un participio presente o passato: una commedia esilarante, un edificio ristrutturato (ma ci sono delle eccezioni: un emozionante romanzo);

• quando sono aggettivi di relazione, ovvero aggettivi che derivano da nomi (sole-solare; estate-estivo; elettricità-elettrico) e indicano una relazione con il nome di base: un biglietto aereo (non: un aereo biglietto).

 

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. In quale delle due frasi l'aggettivo "buono" significa "bravo"?
    • Ho consigliato a Luca di farsi vedere da un medico buono.
    • Ho consigliato a Luca di farsi vedere da un buon medico.
  2. In quale delle due frasi l'aggettivo "bella" significa "considerevole"?
    • Ci si sente meglio dopo una mangiata bella!
    • Ci si sente meglio dopo una bella mangiata!
  3. In quale delle due frasi l'aggettivo "grande" sgnifica "notevole"?
    • Quello è proprio un grande libro, se vuoi te lo presto.
    • Quello è proprio un libro grande, se vuoi te lo presto.
  4. In quale delle due frasi l'aggettivo "diverse" significa "di vario tipo"?
    • Mi piace frequentare diverse persone.
    • Mi piace frequentare persone diverse.
  5. In quale delle due frasi l'aggettivo "grosso" significa "importante":
    • Domani ho una riunione per discutere di quel grosso affare che mi hanno proposto.
    • Domani ho una riunione per discutere di quell'affare grosso che mi hanno proposto.
  6. Scegli la frase corretta:
    • Ho comprato una borsa piccolina, ma molto originale.
    • Ho comprato una piccolina borsa, ma molto originale.
  7. Scegli la frase corretta:
    • Non mangio confezionato cibo.
    • Non mangio cibo confezionato.
  8. Scegli la frase corretta:
    • Ho conosciuto un romano ragazzo.
    • Ho conosciuto un ragazzo romano.
  9. L'espressione "la bella vita" significa:
    • una vita comoda, agiata
    • una vita lunga, serena
  10. Scegli la frase corretta:
    • Qualcuno dovrebbe insegnarti le maniere buone, sei proprio maleducato!
    • Qualcuno dovrebbe insegnarti le buone maniere, sei proprio maleducato!

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [52]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. sally scrive:

    Cara prof. Ana,

    sono una ragazza peruviana e grazie a Lei sto migliorando la
    grammatica della bella lingua Italiana.
    Saluti e grazie ancora!
    Sally

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sally, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  2. Monika scrive:

    Molto utile. Mi ci voleva questo. Grazie.

  3. Una lezione interessante! O un’interessante lezione?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Liliana, sono corrette entrambe le forme.
      A presto
      Prof. Anna

  4. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Nonostante che non io abbia commesso nessun errore con questa lezione, trovo necessario e utile per studiarla ancora molto bene e ringrazio ancora una volta, per avermi raccomandato il sito “trecani.it” ; Questo ho salvato “tra i miei preferiti” dal mio ipad, perché ho notato di averlo necessità di più, anche in futuro mi sarà molto veramente utile ed divertente e mi L’ha fatto molto felice e contenta con questo site :).
    Ho cercato alcune parole che io avessi nessecario anche per gli essercizi che siano venuti nella mia mente.
    Anche mi sono ritornate più parole francese nella mia memoria, che io abbia dimenticate e le ho combinate con altre parole nel due o tre frase. Queste combinazione mi ha fatte più ricca mentale, anche se io avessi di andare una via lungo per parlarla francese, se vorrei parlarla come l’ebbi fatta quando ebbi avuto 10 anni, ma trovo inutile di piangere sulla latte versato.
    Con saluti cordiali e embraici forti dal Olanda
    Anita.

  5. Maria scrive:

    Salve a tutti.
    Non sono molto contenta poche’ ho fatto due errori.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, è un buon risultato.
      A presto
      Prof. Anna

  6. maria scrive:

    Senza errori. Sono contenta!
    Bell’ esercizio, grazie Prof. Anna

  7. Martin scrive:

    Non sapevo che posizioni varie dell`aggettivo qualificato hanno significati importanti e relevanti. Non ho capito tutto, ma dal test ho fatto solo un errore. Grazie!

  8. Ana Soares scrive:

    Particolatità utile per chi studia la bella lingua!
    Grazie!

  9. Adriana scrive:

    Molto interessante ed utile!Grazie Prof.Anna

  10. Silla scrive:

    Cara prof.ssa Anna:
    Quanto sono fortunata a trovato quest blog che mi aiuta molto sopratutto sulla grammatica.
    La ringrazio e ho delle domande se mi potrebbe spiegare un po’.
    1)cosa vuol dire ” espressioni cristallizzate ”
    2)quale è la differenza tra “bella ragazza ” e “ragazza bella”
    Grazie in anticipo. : )

    • Zanichelli Avatar

      Cara Silla, le “espressioni cristallizzate” sono frasi o locuzioni che continuano a essere utilizzate perché rimaste nell’uso comune anche se non più in linea con l’evoluzione della lingua; l’aggettivo che precede il nome ha una funzione descrittiva mentre quello che segue il nome ha una funzione restrittiva, le due espressioni che mi scrivi però hanno un significato praticamente equivalente.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  11. Eti scrive:

    Grazie ancora prof. Anna
    Avevo solo due sbagli

  12. vincenzo scrive:

    scusate per i commenti stupidi hahaha comunque questo sito mi ha aiutato molto a migliorare la mia conoscenza della grammatica

  13. Amina scrive:

    Prof. Anna,

    Vorrei sapere qual è la differenza tra dire:

    una persona mora o una persona bruna.

    Grazie mille

    Amina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Amina, hanno lo stesso significato.
      A presto
      Prof. Anna

  14. Amina scrive:

    Professoressa Anna,

    Grazie mille!

    Un saluto

  15. Anna roberto scrive:

    ciao professoressa anna!
    vorrei sapere l’aggettivo di colore “marrone” è variabile oppure non! si dice occhi marrone oppure occhi marroni?
    GRAZIE PER IL SUO AIUTO§

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, l’aggettivo “marrone” è variabile, quindi si dice “occhi marroni”.
      A presto
      Prof. Anna

  16. Piera scrive:

    Interessante ed utile.

  17. Wizzerad scrive:

    Utile anche a me che, sebbene sia italiano, mi trovo spesso a cercare di spiegare l’italiano ad amici stranieri.
    Io, comunque, alleggerirei il carico per i nostri amici stranieri: nei casi “alterato”, “deriva da un participio presente o passato” e “aggettivi di relazione”, la scelta è alcune volte stilistica, spesso derivante dall’uso massiccio quotidiano, e non è possibile stabilire una regola precisa. Ad es, a mio parere, le frasi

    – Tengo un piccolissimo salvadanaio sul comodino.
    – Non c’è dubbio, quella di ieri è stata davvero un’esilarante commedia.
    – Ieri c’è stato un così solare pomeriggio, che siamo tutti andati al mare.

    sono corrette e quotidianamente usate. In generale, i punti “alterato”, “deriva da un participio presente o passato” e “aggettivi di relazione”, che Anna ha proposto, sono da considerarsi ottime linee guida da seguire, seppur si deve tenere a mente che non sono regole rigide.
    Grazie e saluti.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Wizzerad, grazie per il tuo contributo.
      A presto
      Prof. Anna

  18. Martin scrive:

    Molto chiaro. Grazie tante! Come vedi ho usato due aggettivi. Mi auguro che l’abbia fatto bene! Un caro saluto dall’Argentina.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Martin, benvenuto su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  19. Fanli scrive:

    Cara Prof. Anna,
    Grazie mille per questo blog! Ho voluto di trovare qualche regole sul posizione dell’aggettivo per un mese!
    Ma anche ho una domanda, se Le piacerebbe, mi spiega per favore…
    i verbi citati, come “alto”, “grosso”, “vecchio”, “grande”, “buono”, hanno loro i significati diversi sempre, o solo in caso di alcuni nomi?
    C’è un differenze tra “il marciapiede alto” e “il alto marciapiede”? (Vorrei dire che il marciapiede è rialzato)
    Grazie molte anche!
    Fanli

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fanli, non in tutti i casi gli aggettivi cambiano significato in base alla loro collocazione, nell’esempio che mi proponi si tratta sempre di un “marciapiede alto”, si tratta più che altro di una sfumatura di significato: se l’aggettivo è collocato prima del nome (alto marciapiede) ha una funzione descrittiva, ovvero indica una qualità aggiunta al nome che lo segue, mentre quando l’aggettivo è posto dopo il nome ha funzione restrittiva, cioè l’aggettivo serve a distinguere il nome a cui si riferisce per una determinata qualità; in alcuni casi l’aggettivo prima del nome ha un significato figurato, per esempio l’aggettivo “alto” se è seguito dal nome di una carica (magistrato, dirigente ecc.) significa “importante”, ma non assume questo significato con la parola “marciapiede”.
      A presto
      Prof. Anna

  20. Fanli scrive:

    Mi scusi! Volevo dire “Grazie molte ancora!”
    E anche “una differenza”…
    Ho imparato l’italiano per solo un mese, mi perdoni se non parlo bene l’italiano!

  21. Alice scrive:

    Molto interessante????

    Da Alice. ????????????????????????????????????????????????????????????????

  22. pascale scrive:

    Articolo molto utile ma ho trovato a mio parere un errore….
    ‘nella vecchia casa dei miei’ è vero che l’aggettivo indica una quantità aggiuntiva ma ha comunque un valore figurato:la suddetta frase significa : vado a vivere nella casa dove prima abitavano i miei.

    per esprime ‘che vado a vivere nella casa dei miei, la quale è l’unica che hanno ed è anche vecchia, credo si debba riesprimere il sostantivo da aggettivare con un pronome relativo (e dovrebbe valere solo per tutti quegli aggettivi che hanno un valore sia figurato che letterale).

    io direi vado a vivere nella casa dei miei, la quale è vecchia o una frase del genere.

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Pascale, grazie per il tuo interessante contributo.
      A presto
      Prof. Anna

  23. buona sera

    ho appena letto un suo commento ad una domanda postaLe da una ragazza nel 2014.

    Tema: che differenza tra la frase “una bella ragazza” e la frase “una ragazza bella” ?

    Possiamo sostenere che con la prima espressione vogliamo dare sostanza all’aspetto fisico della ragazza mentre con la seconda locuzione diamo un giudizio sulle qualità personali, dell’anima della persona. In definitiva, potremmoavere che “una ragazza bella” non sia necessariamente “una bella ragazza”.

    La ringrazio della Sua attenzione

    • Zanichelli Avatar

      Caro Carlo, la differenza tra le due espressioni è che nella prima espressione si vuole descrivere la ragazza mettendo in evidenza il suo aspetto fisico, nella seconda l’aggettivo posto dopo il nome serve a distinguere la ragazza per la sua bellezza, per qsempio “ho conosciuto una ragazza bella e intelligente”, i due aggettivi (bella e intelligente) la distinguono dalle altre ragazze e quindi la funzione dell’aggettivo in questo caso è restrittiva, ma in entrambi i casi è probabile che si parli dell’aspetto fisico, a meno che dal contesto non si evinca che l’aggettivo “bella” si riferisce ad altre qualità.
      Un saluto
      Prof. Anna

  24. E un buon esercizio che mi piace

  25. Luisa scrive:

    ” Previo chiamate di lavoro all’ultimo , ci sarò all’appuntamento ! ” .

    E’ possibile che in questo preciso contesto la parola ” previo ” assuma il significato di : ” Se riceverò chiamate importanti di lavoro , allora non sarò presente all’appuntamento ” oppure ” Se nessuno mi chiamerà prima dell’appuntamento , in tal caso sarò presente all’appuntamento ” ? . Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Luisa, l’aggettivo “previo” è usato principalmente nel linguaggio burocratico e significa “che è fatto necessariamente prima di un dato atto”, quindi non può avere il significato che ipotizzi.
      Un sauto
      Prof. Anna

      • Luisa scrive:

        Ok , prof . , grazie … Quindi chi mi ha risposto in quel modo , immagino abbia utilizzato scorrettamente il termine ? O quantomeno pensava di dare alla frase , con il seguente termine , un significato diverso ?

        • Zanichelli Avatar

          Cara Luisa, quel termine è stato utiizzato in modo scorretto.
          Un saluto
          Prof. Anna

  26. Viviana scrive:

    ” Ho una visione del mondo più elevata della sua ”
    ” Ho fatto più esperienze di lei ” … Sono esatte le mie frasi ?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Viviana, le frasi che mi scrivi sono corrette.
      A presto
      Prof. Anna

  27. mmm scrive:

    chiaro

  28. Natalia scrive:

    Buongiorno! Sono ucraina e studio l’italiano già da qualche anno. Dopo aver fatto l’esercizio mi è venuta in mente una domanda: ma se in una frase abbiamo, per esempio due aggettivi, in quale ordine devono stare nella frase? Quale deve essere “il numero uno” e quale “il numero due”? Se avete già fatto questo discorso La prego di riferirmi un link dove cercarlo.
    Grazie in anticipo!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Natalia, non c’è una regola per questo, si tratta di una scelta di chi parla o scrive.
      A presto
      Prof. Anna

  29. Gessica scrive:

    Grazie, tutto chiaro.

  30. nino scrive:

    Gentile prof.ssa
    La mia domanda riguarda gli aggettivi qualificativi che a seconda della loro collocazione prima o dopo il nome hanno significato diverso, come grande, alto, grosso, diverso, povero, buono, ecc. Nei libri leggo che la collocazione prenominale comporta l’uso traslato, mentre la collocazione postnominale ci impone di interpretare l’aggettivo nel suo significato letterale.
    La mia domanda è questa: perché tanti di questi aggettivi hanno un senso fisico anche con la collocazione prenominale, come :- grosso serpente, grande casa, grande fiume, una grande città, ecc.?

    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Caro Nino, il fatto che la collocazione prenominale comporti un significato figurato non è una regola rigida a cui attenersi, a volte ciò può accadere e a volte no. Ad esempio l’aggettivo “grosso” può avere come significato figurato “importante”, significato che potrebbe non essere adatto al nome “serpente” e c’è da dire che in genere l’aggettivo che precede il nome ha una funzione descrittiva, indicando una qualità aggiuntiva di quel nome., sarà il contesto in cui l’aggettivo e il nome sono inseriti a suggerici il significato dell’aggettivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  31. federica scrive:

    cosa sono gli aggettivi che hanno posizione obbligatoria e non obbligatoria?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Federica, i casi in cui gli aggettivi vanno collocati obbligatoriamente dopo il nome sono: quando è un alterato: “una casa piccolina” (non: una piccolina casa); quando regge un complemento: “una casa piena di mobili” (non: una piena casa di mobili); quando deriva da un participio presente o passato: “una commedia esilarante”, “un edificio ristrutturato” (ma ci sono delle eccezioni: un emozionante romanzo); quando sono aggettivi di relazione, ovvero aggettivi che derivano da nomi (sole-solare; estate-estivo; elettricità-elettrico) e indicano una relazione con il nome di base: “un biglietto aereo” (non: un aereo biglietto). In tutti gli altri casi la posizione non è obbligatoria ma dipende da cosa si vuole esprimere.

      A presto
      Prof. Anna

  32. José scrive:

    Gentile prof. Anna,
    Ho qualche dubbio rispetto all’uso del participio quando ha la funzione d’aggettivo.

    • Il mio primo dubbio è quando deve usarsi il participio passato (“apprezzata” in “La mia apprezzata professoressa è molto gentile e paziente”) e quando il participio presente (“pesante” in “Non posso sollevare la borsa pesante”)?

    • Esporrò il secondo dubbio con alcuni esempi. Io so che nella frase “La mia apprezzata professoressa è molto gentile e paziente”, il participio “apprezzata” ha funzione d’aggettivo e “è” è il verbo in presente. Anche che la frase “La professoressa è apprezzata dai suoi allievi” è espressa in forma passiva, credo che “è” ha funzione di verbo ausiliare e “apprezzata” ha funzione di participio, come si chiama il tempo verbale della frase? (esempio: “ha apprezzato” è passato prossimo, e “è apprezzato” qual è?). Il mio dubbio è rispetto alla frase seguente: “La professoressa è apprezzata”, qual è la funzione di “apprezzata”? è un aggettivo come in “La professoressa è gentile?” oppure è in forma passiva senza complemento d’agente?

    La ringrazio anticipatamente per le sue risposte.
    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro José, il participio passato esprime un’azione subita passivamente: “apprezzata professoressa” = “professoressa che viene apprezzata”, mentre il participio presente esprime un’azione attiva “pesante” = “che pesa”. Nella frase “la professoressa è apprezzata”, “è apprezzata” è una forma passiva, mentre ha funzione di aggettivo in una frase come: “Marco si ritiene un apprezzato professionista”.
      Un saluto

      Prof. Anna