Benvenuti - Intercultura Blog

Aula di Lingue

Test 64- Concordanza dei tempi con il congiuntivo: l’anteriorità

Prof. Anna
Congiuntivo,   Grammatica,   La lingua italiana,   Test,   Verbi

Nel prossimo esercizio bisogna coniugare il verbo tra parentesi in modo che esprima anteriorità con la reggente.

Ma quali tempi e modi verbali è corretto usare? Ripassiamolo leggendo questo articolohttps://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/09/26/concordanza-dei-tempi-con-il-congiuntivo-lanteriorita/

 

Completa il testo inserendo le parole mancanti negli spazi vuoti. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio" per controllare se hai risposto correttamente.

 1- Ho paura che Marco (offendersi) . 2- Supponi che io non (dire) queste cose, come credi che sarebbe andata tra di noi? 3- Avrei preferito che tu mi (rispondere) prima. 4- Pensammo che loro (arrivare) prima di noi. 5- Mia madre vorrebbe che noi non (discutere) davanti a lei. 6- Fingerò che tu (essere) gentile con me. 7- Mi piacerebbe che tu mi (avvertire) del tuo arrivo. 8- Credevamo che la partita (finire) e ce ne siamo andati. 9- Non avrei mai immaginato che lui (potere) ingannarti. 10- Reputo che tu (lavorare) sodo.

Prosegui la lettura

Commenti [12]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Paola scrive:

    Ho svolto un paio di esercizi.
    Ma in alcune “soluzioni” non c’era una situazione di anteriorita’ : per es. “non avrei mai immaginato che lui POTESSE ingannati” . Per esprimere l’anteriorita’ avevo scritto “AVESSE POTUTO ingannati”. Perché, se l’inganno c’era già stato, …

  2. Riccardo scrive:

    Salve, è giusta la frase ”Ho visto (ieri o nel passato) che l’obiettivo (prima di ieri o in un momento prima del passato) è stato completato”; se non sbaglio in questa frase la subordinata (l’obiettivo è stato completato, che è al passato prossimo passivo) esprime anteriorità rispetto alla frase principale, in quanto quando nella proposizione reggente il verbo è al passato prossimo (ho visto), per esprimere anteriorità possiamo usare il passato prossimo (è stato completato) in questo caso al passivo.

    Corretto?

  3. Francesco (la settimana scorsa) mi ha detto che il suo datore di lavoro (sempre in quella settimana) non voleva insegnare il mestiere a nessuno (contemporanietà).
    Francesco (la settimana scorsa) mi aveva detto che il suo datore di lavoro (sempre in quella settimana) non voleva insegnare il mestiere a nessuno (contemporanietà).
    Francesco (la settimana scorsa) mi ha detto che il suo datore di lavoro (sempre in quella settimana, ma in un momento successivo rispetto all’azione espressa dalla reggente) non avrebbe voluto insegnare il mestiere a nessuno (posteriorità).
    Francesco (la settimana scorsa) mi aveva detto che il suo datore di lavoro (sempre in quella settimana, ma in un momento successivo rispetto all’azione espressa dalla reggente) non avrebbe voluto insegnare il mestiere a nessuno (posteriorità).
    Francesco (la settimana scorsa) mi ha detto che il suo datore di lavoro (prima della settimana scorsa) non aveva voluto insegnare il mestiere a nessuno (anteriorità).
    Francesco (la settimana scorsa) mi aveva detto che il suo datore di lavoro (prima della settimana scorsa) non aveva voluto insegnare il mestiere a nessuno (anteriorità).

    Sono giuste le concordanze?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Federico, le concordanze sono giuste.
      Un saluto

  4. Flavia scrive:

    “Ti è capitato che qualcuno ti abbia mai venerato?”

    …prof, ma non avremmo, rispetto alla concordanza dei tempi, dovuto utilizzare il congiuntivo trapassato nella subordinata (“avesse venerato”)?

    …d’altronde quando nella reggente il verbo è al passato prossimo (“è capitato”), per esprimere anteriorità useremo il congiuntivo trapassato (e non passato).

    In rete si legge: “Il congiuntivo passato si distingue dal congiuntivo imperfetto (direi io per esempio) per il fatto di non poter essere usato in costruzioni dove il verbo della principale è al passato (“è capitato”, mi sembra un buon esempio). Un costrutto introdotto, ad esempio, con pensavo che oppure speravo che richiede infatti il congiuntivo imperfetto (o trapassato)”.

    In sintesi, credo si dica “Ti è capitato che qualcuno ti avesse mai venerato (e non “abbia venerato”)?”; ma se quando nella reggente il verbo è all indicativo presente, per esprimere anteriorità (allora sarebbe corretto) useremo il congiuntivo passato: “Credi che qualcuno ti abbia mai venerato?”.

    Sbaglio o crede che sia corretto il mio ragionamento?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Flavia, il tuo ragionamento è corretto.

  5. Luca scrive:

    “fare conto che” con il senso si “supporre, immaginare” regge il congiuntivo: fai conto che lui non ci sia.

    “Escludere che” regge il congiuntivo, con il senso di “Non riconoscere possibile”: “il medico ha escluso che si tratti di un tumore”. Mentre “Non eslcudere che” con il senso di “Riconoscere come possibile” sempre il congiuntivo: “I miei preferiti sono i bikini a fiori e quest’estate non escludo che me ne vediate indosso uno”.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luca, è corretto.

      • Luca scrive:

        Dimenticavo, anche se non molto comuni come costruzioni, ”non riconoscere possibile che” e ”riconoscere come possibile che” reggono sempre il congiuntivo; d’altra parte ”non riconoscere possibile che” e ”riconoscere come possibile che” hanno il senso di ”escludere che” e ”non escludere che” (quindi gli esempi del primo post).