Bravo o bene?

Prof. Anna
La lingua italiana,   Lessico

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, capita spesso che ci sia confusione tra queste due parole. Facciamo un po’ di chiarezza sul loro significato e sul loro uso.

A presto

Prof. Anna

Entrambi questi termini esprimono un giudizio positivo (per questo spesso ci si confonde), ma i loro usi sono differenti, vediamoli insieme.

BRAVO

⇒ Significato

Bravo è un aggettivo e significa:

• che compie la propria opera con impegno e abilità: un bravo studente; può essere seguito dalle preposizioni a o in: brava in matematica, bravi a scuola; anche seguito da un verbo all’infinito: bravo a cucinare;

• buono, onesto, di buon cuore: è un bravo ragazzo, brava gente;

⇒ Uso

• si può usare come rafforzativo, sempre preposto al sostantivo: i bambini vanno a scuola, tutti con la loro brava cartella sulle spalle;

• può avere funzione di interiezione, in questo caso esprime soddisfazione, consenso, ammirazione: bravi ragazzi, avete fatto un ottimo lavoro;

• si usa anche come esortazione, incoraggiamento: su, da bravo, prendi la medicina; da bravi, aiutatemi a sparecchiare;

• per indicare lavori, concetti, discorsi particolarmente difficili: chi ci riesce è bravo!; chi ti capisce è bravo!;

• si usa spesso in senso ironico: sei bravo solo a creare problemi; hai speso tutti i soldi? ma bravo!.

BENE

Significato

Bene è un avverbio, e significa:

• in modo buono, giusto: fare qualcosa bene, agire bene, comportarsi bene;

• in modo soddisfacente, pienamente adeguato: lo conosco bene, me ne ricordo bene;

⇒ Uso

• viene usato con valore rafforzativo e intensivo, in questo caso può significare: assai, molto, parecchio: è ben grande! (=è molto grande!); la cosa è ben diversa; ben presto (=molto presto);  proprio, davvero: vorrei ben vedere; certo, sicuramente (con sfumatura polemica): lo credo bene; davanti a espressioni numeriche significa: addirittura, non meno di: pesa ben cento chili!; ti ho aspettato per ben mezz’ora!;

• esprime soddisfazione, consenso, ammirazione, entusiasmo: bene, adesso puoi andare!; bravo!, bene!; bene, bis!;

• si usa per introdurre o concludere un discorso, una conversazione: bene, cos’è successo?; a volte viene ripetuto: bene, bene, sentiamo cos’hai da dirmi; o per tagliar corto: bene, basta così;

• a volte è usato con significato opposto, in senso ironico: andiamo bene!;

• con alcuni verbi ha significati specifici: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/06/20/espressioni-con-lavverbio-bene/;

• con funzione aggettivale è usato per qualificare ceti socialmente più elevati, persone di alto livello sociale (con questo significato si trova sempre dopo il nome): la gente bene, quartiere bene (= quartiere in cui abitano i ceti più elevati), la Roma bene (= le persone che appartengono ai ceti socialmente più elevati della città di Roma, si può usare questa espressione con tutte le città: la Milano bene, la Napoli bene ecc.).

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio": vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

 1- Luca è a giocare a tennis. 2- Lucia aiuta sempre tutti. Che ! 3- Mia sorella suona molto la tromba, io non sono come lei. 4- Mio nonno si mantiene in forma facendo ogni giorno la sua passeggiata. 5- Il mio inglese è pessimo! Non lo parlo .  6- Marco ha perso cinquemila euro al gioco. 7- Questa pasta è cucinata molto . 8- In questa zona si trovano i quartieri della città, 9- A volte mi fai proprio arrabbiare, chi ti sopporta è ! 10- Hai preso degli ottimi voti quest'anno, sei stata davvero molto .

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [3]

Rispondi a Lucia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Mi dispiace, ma non capisco l’uso di bene in questa frase:

    In questa zona si trovano i quartieri BENE della città,

    Aiutatemi , per favore. grazie!

    Inge

    • Zanichelli Avatar

      Cara Inge, la frase significa: “in questa zona (della città) si trovano i quartieri in cui abitano i ceti più elevati”. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  2. Lucia scrive:

    Grazie. E` stato utile e interessante.