Preposizione semplice o articolata? (seconda parte)

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Le preposizioni

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, continuiamo il nostro approfondimento sulla scelta tra una preposizione semplice o una preposizione articolata.

Buona lettura!

Prof. Anna

Le espressioni per le quali è più complicata la scelta tra preposizione semplice e articolata sono quelle che indicano un luogo, in questi casi si osservano dei comportamenti molto diversi e a volte difficilmente giustificabili, vediamoli insime.

Ci sono espressioni di luogo che vogliono la preposizione semplice. L’indicazione generale in questi casi è che si usa la preposizione semplice se il nome che segue la preposizione ha un significato generico mentre si usa la preposizione articolata se il nome è seguito da un aggettivo, da un un complemento di specificazione o da una frase relativa in cui il relativo si riferisce al nome che accompagna la preposizione e che chiarisce e precisa il significato del nome stesso.

espressioni con preposizione semplice a che hanno significato generico: a teatro, a letto, a tavola, a pranzo, a cena, a casa, a scuola, a riva. Queste stesse espressioni, a parte a letto forse perché è intesa come metafora di una condizione o di un’attività più che come un luogo, vorranno la preposizione articolata se il nome è accompaganto da aggettivo, da complementi di specificazione o sono seguite da una frase relativa che specifica il significatodel nome: stasera al teatro della mia città c’è uno spettacolo interessante;  andiamo insieme al pranzo di Natale?; ti ho vista alla cena che ha organizzato Laura;

per quanto riguarda a scuola se vogliamo indicare l’attività svolta in quella scuola useremo ancora la preposizione semplice: a scuola di danza, a scuola di cucina, a scuola di nuoto ecc. perché anche in questo caso si intende più un’attività che un luogo; mentre se indichiamo il nome della scuola o si specifica di quale scuola si tratta useremo la preposizione articolata: vado alla scuola Alessandro Manzoni, l’anno prossimo andrò alla scuola media;

l’espressione a casa rimarrà invariatà anche se seguita da complemento di specificazione: vado a casa di Marco, sono a casa dei nonni, si usa la preposizione articolata quando è specificata la tipologia di casa: alla casa di riposo, alla casa di cura, alla Casa Bianca;

espressioni di luogo introdotte preposizioni articolate formate con a: al cinema, al ristorante, al bar, al supermercato, al mare, al mercato, al matrimonio, al concerto, alla stazione, alla posta, alla partita, all’università, all’ospedale, all’aeroporto, all’osteria. Queste espressioni, anche se formate con preposizioni articolate, hanno un significato generico;

espressioni con la preposizione semplice in che hanno significato generico: in banca, in chiesa, in biblioteca, in ufficio, in piscina, in centro, in montagna, in campagna, in città, in palestra, in edicola, in vacanza, in discoteca, con i nomi di luoghi o negozi che finiscono in -ia: in gelateria, in salumeria, in libreria, in pizzeria ecc.. Anche in questo caso, se il nome è seguito da un aggettivo, un complemento di specificazione o una frase relativa che specifica il significato del nome, sarà necessario usare la preposizione articolata: sono nell’ufficio del mio collega, passeremo il fine settimana nella campagna toscana, Maria lavora nella gelateria in fondo alla strada, siamo andate nella libreria che ci hai consigliato;

espressioni di luogo introdotte dalla preposizione da: questa preposizione è impiegata per introdurre complementi di moto a luogo e di stato in luogo quando è seguita da nomi (propri o comuni) e da pronomi personali, in questi casi ci si riferisce all’ambiente dove una persona abita o lavora e quindi da assume il significato di presso. Useremo la preposizione semplice quando da è seguita da un pronome personale, un nome proprio o un nome di un locale pubblico: stasera vengo da te, andiamo tutti da Marco, abbiamo prenotato un tavolo da “Vito”(nome del ristorante); negli altri casi si userà la preposizione articolata, si usa spesso con i nomi di professioni: dal dentista, dal dottore, dall’avvocato, dal veterinario, dal macellaio; dai miei (genitori) ecc..

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio": vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

1- Bambini, è ora di andare ! 2- Sono andato che mi hai consigliato tu. 3- Vieni con noi? 4- Sono stata tutto il pomeriggio a studiare. 5- Abbiamo fatto una bella passeggiata centro storico della città. 6- Ho iscritto mio figlio scuola di nuoto. 7- Prima di andare miei, devo passare macellaio. 8- Abbiamo festeggiato il mio compleanno pizzeria. 9- Ci siamo conosciuti cena di inaugurazione del ristorante. 10- Marco lavora banca vicino a casa mia.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [17]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Bravissima Prof. Anna
    Sono molto contenta con queste lezione.
    Grazie mille

  2. Rino scrive:

    Ho mancato la quarta e la sesta, pensavo avessi fatto tutto bene.
    La lezione non mi è sembrata difficile, a …

  3. Molto chiaro ed utile! Tante grazzie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Norma, grazie a te per il tuo commento.
      A presto
      Prof. Anna

  4. Giorgio scrive:

    Bravissima Prof. Anna
    buongiorno:)

  5. Cara Prof. Anna:

    Grazie mille.

    Alicia

  6. hahaha…credevo che ricordavo ma…

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alicia, meglio dire “credevo di ricordare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  7. Sono molto contenta co queste lezione.
    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Caro Guy, mi fa piacere che tu sia contenta di questa lezione.
      A presto
      Prof. Anna

  8. Prof. Anna,
    Grazie mille per tutte queste lezzioni.
    Mi hanno aiutato moltissimo!
    Brava!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Rosa Maria, mi fa piacere che queste lezioni ti siano state utili. Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  9. Enrique scrive:

    Grazie tante per l’esercizio così interessante. Le preposizioni italiane sono davvero difficili e, soprattutto, la scelta tra A e IN quando indicano luogo. Su RAI 1 leggo sempre la domenica: “Oggi la messa viene trasmessa dalla chiesa di San ……….., IN Viterbo, Palermo, Rieti…” Ma, non dobbiamo dire “A Viterbo, Palermo…”? Tanti saluti, professoressa Anna.

  10. angelo scrive:

    Ottimo! Chiara e precisa!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Angelo, benvenuto su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna