Test 21 – la formazione del plurale 1-

Prof. Anna
La lingua italiana,   test

Ripassiamo ora con il prossimo esercizio la formazione del plurale.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Il plurale di "ala" è:
    • ale
    • ali
  2. Il plurale di "allergia" è:
    • allergie
    • allerge
  3. Il plurale di "provincia" è:
    • provincie
    • province
  4. Il plurale di "valigia" è:
    • valigie
    • valige
  5. Il plurale di "buco" è:
    • buci
    • buchi
  6. Il plurale di "nemico" è:
    • nemici
    • nemichi
  7. Il plurale di "addio" è:
    • addii
    • addi
  8. Il plurale di "bacio" è:
    • baci
    • bacii
  9. Il plurale di "euro" è:
    • euro
    • euri
  10. Il plurale di "uovo" è:
    • uovi
    • uova

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [16]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. maria scrive:

    Solo un errore: provincia e io ho pensato provincie. E una ezzezione oppura la regola??
    Saluti cordiali, maria

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, i nomi che finiscono in -cia e -gia (senza l’accento sulla -i) formano il plurale in -ce o -ge se tali sillabe sono precedute da una consonante: provincia – province; freccia – frecce, in -cie e -gie se tali sillabe sono precedute da una vocale: camicia – camicie; valigia – valigie.
      Un saluto
      Prof. Anna

  2. arturo scrive:

    Gentile Professoressa, ho fatto volutamente un errore in riferimento al plurale di euro. La Crusca ha motivato il perché della scelta invariata tra singolare e plurale. Tuttavia siamo soli in questa scelta. Intendo dire che tutte le lingue europee hanno una forma per il singolare e una forma per il plurale. Sarebbe stato opportuno fare così anche nella nostra lingua, magari per eccezione. D’altronde esistono le eccezione… che confermano la regola, come ci hanno insegnato nei giorni felici sui banchi di scuola. O no? Grazie e buon lavoro.

  3. arturo scrive:

    errata corrige: le eccezioni. Il dito oltre l’intenzione…

  4. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Questa volta ho scelto solo la frase no.1 scoretta e penso perchè non conosco la parole ala. Verificerò che significa in mio online translator.
    Mi piaconno veramente i esercizi. Con salutti cordiali dal Ollanda
    Anita

  5. Signora Prof.

    Ho fatto alcuni errori quanto riguarda le parole : buco e addio , e le ho formato cosi : buci, addi, . Quindi, puo spiegare la regola se c’è ? Grazie mille

  6. viviana scrive:

    Gentilissimi sito molto utile. Esiste per caso uno simile in inglese? Grazie saluti

  7. nicola scrive:

    Sono impressionato dalla qualità delle informazioni su questo sito. Ci sono un sacco di buone risorse qui. Sono sicuro che visiterò di nuovo il vostro blog molto presto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Nicola, benvenuto su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  8. Rino scrive:

    Cara Anita:
    Ripassare gli esercici, lubrifica la memoria, vero?
    Questa volta ho risposto bene a tutto.

  9. Rino scrive:

    Prof vorrei chiederLe molte cose, ma quando sono difronte al foglio bianco, mi ci si annebbia la mente.
    Comunque grazie di tutto.
    Un cordiale saluto.

  10. Rino scrive:

    Prof, ma è corretto dire “Accendere” il fuoco?
    Pare che il fuoco sia già acceso; Appropriato sarebbe: Appiccare il fuoco, vero?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, è corretto dire “accendere il fuoco”, mentre l’espressione “appiccare il fuoco a qualcosa” significa “incendiare qualcosa”.
      Un saluto
      Prof. Anna