Test di ripasso – indicativo o congiuntivo?

Prof. Anna
Congiuntivo,   Grammatica,   Test,   Verbi

Ci vuole l’indicativo o il congiuntivo? Quante volte abbiamo avuto questo dubbio!

Nel prossimo esercizio scegliete il modo verbale più adatto tra questi due, il tempo è generalmente il presente a meno che non ci siano indicatori temporali o verbi reggenti che richiedano il passato. Per un ripasso prima di affrontare il testo, potete leggere questo articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2014/07/03/la-frase-complessa-le-proposizioni-oggettive-indicativo-o-congiuntivo/

Completa il testo inserendo le parole mancanti negli spazi vuoti. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio" per controllare se hai risposto correttamente.

 1- Apprezzo che ieri Maria (venire) a trovarmi. 2- Bisogna che tu (prendere) una decisione subito. 3- Ho scoperto che Luca e Giacomo (essere) cugini. 4- I miei amici mi hanno detto che oggi (essere) il tuo compleanno. 5- Ti sei accorto che (piovere) non da mesi? 6- Tutte le sere aspetto che lui mi (telefonare) prima di addormentarmi. 7- Non pensavo che questo film (essere) così noioso. 8- Noi oggi andiamo al mare, anche se (fare) freddo. 9- Gli studi di diversi scienziati hanno dimostrato che la Terra (girare) intorno al Sole e non viceversa. 10- Mi dispiace che tu oggi non (potere) partecipare alla conferenza. 11- Si dice che mangiare troppi zuccheri non (fare) bene alla salute. 12- Il verduriere mi ha assicurato che queste fragole (essere) freschissime. 13- Da come parli, non sembra che tu (conoscermi) molto bene. 14- Qualsiasi cosa io (dire) ieri, per favore non tenerne conto. 15- Ricordati che Marta non (digerire) le cipolle, quindi non metterle nel sugo di pomodoro.

Prosegui la lettura

Commenti [36]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. kdela scrive:

    Cara Professoressa Anna!
    Come stai questi giorni?
    Grazie per l’esercizio.L’ho fatto quasi senza errori, tranne quella in frase 14 🙁 e un’altra in frase 7,in cui ho scritto: :sarebe stato” .
    Kdela, la tua
    sempre pronta e disposta ad aiutarti con qualsiasi lingua ( ;

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kdela, io sto bene, grazie, anche se devo ammettere che sono giorni molto particolari e non facili.
      E tu come stai?
      A presto
      Prof. Anna

      • Kdela scrive:

        Anche io sto bene;Come hai detto(scritto) non e’ un tempo facile;c’e’ il timore per tutti, prima i vicini e poi per gli altri;siamo qui in Israelenadoriamo il nostro sistema di sanita’, ma le notizie dall’Italia ci fanno essere molto triste.Ci teniamo a voi. Come sempre.
        *Sarei grata di essere corretta nella Grammatica
        Grazie come sempre e ti amo.

        • Zanichelli Avatar

          Cara Kdela, alcune correzioni: “non è un periodo facile”, “le notizia dall’Italia ci rendono molto tristi”. Generalmente il verbo “amare”, usato in modo diretto (ti amo), si usa per esprimere un affetto molto forte e profondo, ad esempio al proprio partner, in questo contesto è meglio usare “ti voglio bene” (si vuole bene a un amico) oppure “con affetto”.
          Un abbraccio
          Prof. Anna

          • kdela scrive:

            Grazie Mille;
            tristi- mi sono accorta di non usare bene(ma qui non si puo’ correggere…)
            ma Grazie per gli altre correzioni;
            lo so l’uso di “ti amo”, ma lo dico con un occhiolino,certamente la mia intenzione e’ “con affetto”.
            Allora , con affetto
            Kdela ( ;

  2. Witold scrive:

    C’è un errore nella terzultima frase “non sembra che tu mi (conoscere) …”
    La soluzione dice “mi conosca” ma il “mi” è già prima del gap

    • Zanichelli Avatar

      Caro Witold, grazie per la segnalazione.
      A presto
      Prof. Anna

  3. La risposta alla domanda n° 13 è errata; il “mi” era già incluso nella domanda.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Lucio, grazie per la segnalazione, l’errore è stato corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  4. Rino scrive:

    15/15.
    Tutto bene?
    mi auguro di sì, un caro saluto.

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Rino, tutto bene, grazie.
      E tu?
      A presto
      Prof. Anna

      • Rino scrive:

        Anche per me Bene, grazie!

  5. giorgio scrive:

    È corretto dire
    1) gli ha fatto una dichiarazione amorosa/d’amore
    2) alle 6 il primo ministro farà una dichiarazione sulle misure di sicurezza
    3) scrive poesie amorose/d’amore/erotiche
    4) questo odore mi stuzzica/stimola l’appetito
    5) ma perché hai comprato questo aggeggio? Hai sprecato i tuoi soldi
    6) è un affare che non ti riguarda
    7) bada ai tuoi affare
    8) l’hanno catturato e l’hanno rinchiuso nella cella
    9) è fautore del centrodestra/del centrosinistra
    10) ho cambiato l’antenna della radio perché non ha preso e non riuscivo ad ascoltare niente
    11) quando arriverai telefonami in modo che io scenda sotto casa. Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giorgio, una correzione: 10) ho cambiato l’antenna della radio perché prendeva e non riuscivo ad ascoltare niente.
      Un saluto
      Prof. Anna

  6. Doxos scrive:

    Cara professoressa Anna,
    nella frase che segue il verbo scatenare va usato all’indicativo o al congiuntivo, oppure i due tempi verbali sono interscambiabili con sfumatura di significato?

    “Qualunque sia il motivo che le scateni/scatena, le guerre sono una sconfitta per il genere umano”

    Grazie mille!
    Doxos

    • Zanichelli Avatar

      Caro Doxos, il verbo va all’indicativo.
      A presto

  7. Giorgio scrive:

    Salute, con l espressioni “non mi interessa che”, “non mi importa che” etc… Dopo il che ci vuole il congiuntivo o l indicativo? Ho letto in molte frasi il congiuntivo, in altre (di meno) l indicativo; lei cosa ne pensa?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giorgio, è necessario il congiuntivo.
      Un saluto

  8. Luana scrive:

    “Chi l avrebbe mai detto (in passato) che io (sempre nel passato, ma in un momento successivo rispetto all’azione espressa nella reggente) avrei lavorato al supermercato (quando nella reggente il verbo è al condizionale passato, per esprimere posteriorità possiamo usare il condizionale passato).

    Corretta?

  9. Rudy scrive:

    Giorno, “È che” vuole l indicativo, vero? mentre “Non è che” il congiuntivo…

    È che sei un bugiardo (il verbo essere esprime realtà, oggettività etc)
    Non è che tu sia un bugiardo (la negazione davanti al verbo essere esprime incertezza)

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rudy, anche quando la frase è negativa è possibile usare l’indicativo.

      • Rudy scrive:

        Ok, ma il congiuntivo non sarebbe scorretto?

  10. Clara scrive:

    1. Non è la prima volta che vengono in macchina
    2. È la prima volta che succede

    …prof, entrambe richiedono l indicativo in quanto, negazione o meno, l espressione “la prima volta” indica comunque qualcosa che è o appena successa (appunto “è la prima volta che succede”[ma prima non era mai capitato]) oppure che è già accaduta in passato (appunto “Non è la prima volta che vengono in macchina” [ma è già capitato che in passato venissero in macchina]).

    P.s l espressione “È capitato che” può reggere il congiuntivo, in quanto è un verbo (intanto impersonale, e solitamente richiedono il congiuntivo) che introduce sì un fatto, ma la cui frequenza e collocazione temporale non sono note, e quindi incerte. Però allo stesso tempo, anche nelle frasi impersonali che esprimono un evento (accade, CAPITA, avviene, succede), si usa il congiuntivo se ci si riferisce ad eventi possibili, e l indicativo ad un evento preciso: “È capitato che ieri ho cambiato idea (certezza, è accaduto realmente, concretamente)”; “Capita spesso che la gente cambi idea (possibilità, incertezza, “la gente può cambiare idea, ma non si come e quando”).

    Corretto?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Clara, è corretto.

      • Clara scrive:

        Di nuovo, prof.

        “Credo che sia la prima volta che dite (e non “diciate”) una cosa del genere”.

        In primis credo sia corretto l indicativo “dite” e non il congiuntivo “diciate” nella subordinata di secondo grado, in quanto “che sia la prima volta”, come subordinata di primo grado, regge nella subordinata di secondo grado l indicativo (l espressione “è la prima volta” indica comunque qualcosa che è o appena successa oppure che è già accaduta in passato).

        Poi vorrei analizzare l intero periodo: “credo”, principale; “che sia la prima volta”, subordinata oggettiva esplicita al congiuntivo; “che dite una cosa del genere”, subordinata soggettiva di secondo grado esplicita, retta dalla subordinata reggente di primo grado “che sia la prima volta” (dico “soggettiva”, in quanto “che sia la prima volta”, come espressione temporale impersonale, regge la subordinata soggettiva esplicita di secondo grado ma all indicativo).

        • Zanichelli Avatar

          Cara Clara, è tutto corretto tranne l’analisi della subordinata di secondo grado che è una relativa.

          • Clara scrive:

            Prof, non capisco perché la subordinata di secondo grado sia una relativa… Forse perché “la prima volta che” equivale a “la prima volta in cui (ecco “cui” relativo); quindi è una subordinata relativa di secondo grado?

          • Zanichelli Avatar

            Esatto.

  11. Giulio scrive:

    è bello che tu sia qui
    non è bello che dica le bugie

    …entrambe le forme richiedono il congiuntivo, vero?

  12. Martina scrive:

    “è mai possibile che siate sempre così volgari (“è mai possibile che ” regge il congiuntivo)?”

    “mi stupisco che diciate certe cose (anche qui ci vuole il congiuntivo, perché “stupire” indica uno stato d animo)”.

    Corretto?

  13. Pierluigi scrive:

    Salute, professoressa; ho letto che l’espressione “Non è che”, in quanto espressione impersonale, regge obbligatoriamente il congiuntivo nella soggettiva dipendente (subordinata). Quindi credo siano corrette le seguenti frasi:
    “non è che il congiuntivo vada evitato”
    “non è che tu ti sia alzato una mattina e abbia detto (sempre tu chiaramente) di volerti candidare al senato, anzi sei stato proposto, il che è diverso!”.

    Tutto corretto?