Il plurale dei nomi stranieri

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, come si forma il plurale dei nomi stranieri? È un dubbio molto frequente. Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Buona lettura!

Prof. Anna

Come dobbiamo comportarci con i plurali dei nomi stranieri? Rimangono invariati o hanno un plurale particolare?

In che modo formano il plurale i nomi stranieri che terminano in consonante?

Nell’uso prevale la tendenza a lasciare invariati i nomi usati più comunemente, in gran parte di origine inglese, ma non solo:

il film ⇒ i film;

• la brioche ⇒ le brioche.

Nelle parole di origine spagnola o portoghese la s del plurale viene conservata più spesso: i conquistadores, i desaparecidos, le batidas, ma a volte si è sviluppato un plurale italianizzato:

la batida ⇒ le batide;

la pasionaria ⇒ le pasionarie.

I vocaboli entrati da poco in italiano o riservati a un uso specialistico, di qualsiasi provenienza, tendono a formare il plurale secondo le regole della lingua d’origine:

il broker ⇒ i brokers;

il cadeau ⇒ i cadeaux.

Mantengono il plurale originario anche alcuni vocaboli impiegati per lo più al plurale: i fans, i futures, gli aficionados, e nomi plurali inseriti in espressioni stereotipate ormai fissate nell’uso, come Papa Boys o fish and chips.

Osservazioni particolari:

• l’anglicismo jeans (forma abbreviata del plurale blue jeans) si adopera al plurale, ma anche, invariato, al singolare: dei jeans comodi, un jeans comodo;

• la tendenza a lasciare invariati i forestierismi nel plurale è talmente diffusa che anche in alcuni nomi stranieri terminanti in -e, -o ne sono interessati, nonostante il fatto che la loro vocale consentirebbe di trattarli come variabili, ad esempio dal giapponese: il chimono (o kimono) ⇒ i chimono, il kamikaze ⇒ i kamikaze; dal russo: il pope ⇒ i pope.

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio": vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

 1- Il plurale di "lo sport" è: . 2- Il plurale di "il rapper" è: . 3- Il plurale di "il fan" è: . 4- Il plurale di l'iPod è: . 5- Il plurale di "la public company" è: . 6- Il plurale di "il computer" è: . 7- Il plurale di "la boutique" è: . 8- Il plurale di "la chicane" è: . 9- Il plurale di "il bar" è: . 10- Il plurale di "il camion" è:

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [4]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ans Sanna scrive:

    Cara prof. Anna,

    Grazie per le Sue lezioni. Mi sono sempre molto utili.

    Tanti cari saluti dall’Olanda,

    Ans

  2. Cara prof. Anna,
    Complimenti per i suoi interessanti articoli e per gli esercizi, a volte difficili -soprattutto quelli sui verbi-, ma sempre stimolanti. Interessante questo articolo sui nomi stranieri, perché in ogni paese facciamo alcuni errori se non si conosce bene l’altra lingua. Da noi, In Spagna, si dice “un paparazzi”, e voi dite “un murales”, invece di “un mural” (murales è il plurale: los murales). Poi, La prego di scusarmi se a proposito dei nomi stranieri faccio la solita domanda di tutti gli ammiratori della bella lingua italiana: Perché tanti anglicismi nella bella lingua di Dante quando ci sono le parole italiane sinonime? Perché i giornali e la TV si ostinano nell’uso di tanti anglicismi? Perché flat tax invece di tassa sulla casa; perché thriller invece di assassino; black out invece di buio; privacy invece di privatezza o intimità; weekend invece di fine settimana, e via dicendo. Grazie e cordiali saluti.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Enrique, di solito è consigliabile usare il termine italiano, se esiste, spesso però vengono usati termini di origine straniera (soprattutto inglesi) per comodità e perché sono entrati ormai nell’uso comune.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna