Test 61- La frase scissa

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Sintassi,   test

Il prossimo esercizio è sulle frasi scisse. Per ripassare questo argomento, potete leggere il seguente articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2019/03/14/la-frase-scissa/

Nell’esercizio che segue troverete delle frasi semplici, partendo da queste dovrete formare la frase scissa corrispondente. L’elemento da mettere in evidenza (quello che si troverà nel primo segmento della frase) è scritto in corsivo: il gatto miagola → è il gatto che miagola. In questo esercizio le frasi scisse cominciano con la minuscola. La costruzione è esplicita a meno che non sia richiesta quella implicita. Nel caso in cui ci siano due possibilità per formare la frase scissa, sceglietene una.

Completa il testo inserendo le parole mancanti negli spazi vuoti. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio" per controllare se hai risposto correttamente.

 1- Mia sorella studia filosofia: 2- Mi fido di te: 3- Abbiamo incontrato Luigi stamattina: 4- Ci siamo visti lunedì scorso: 5- Detesto arrivare in ritardo: 6- Sono a dieta da due settimane: 7- Marco ha ragione: (costruzione implicita) 8- Diciamo queste cose con convinzione: 9- Apprezzo le piccole cose: 10- Giulia compie gli anni oggi: (costruzione implicita)

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [2]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ho fatto esattamente tutti gli esercizi, ma quando sono andato a verificare sono risultati tutti errati. Volete sapere il motivo? Ho iniziato tutte le frasi con “È” (maiuscola come dovrebbe essere ad inizio frase) mentre la soluzione data all’esercizio era con “è” minuscola!
    Sarebbe opportuno modificare il programma della correzione per ammettere come soluzioni esatte sia “È” che “è”.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Lucio, nell’articolo ci sono le indicazioni per svolgere l’esercizio, tra queste c’è anche l’invito a cominciare le frasi con la lettera minuscola.
      A presto
      Prof. Anna