Test 52- La scelta dell’articolo con i nomi stranieri

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   test

Nel prossimo esercizio dovrete inserire l’articolo determinativo singolare corretto (tutto minuscolo) davanti ai nomi stranieri. Per ripassare questo argomento prima di affrontare il test: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/11/16/la-scelta-dellarticolo-con-i-nomi-stranieri/.

 

Completa il testo inserendo le parole mancanti negli spazi vuoti. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio" per controllare se hai risposto correttamente.

1- chalet; 2- windsurf; 3- haute couture; 4- hard disk; 5- account; 6- shock; 7- pochette; 8- kit; 9- e-mail; 10- jodel.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [4]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Roberta scrive:

    .Sforzavo di o a ricordare?
    .Cosa c’era ancora che non mi aveva detto?
    .Ho iniziato a farle cambiare idea.
    .Ne sta passando delle brutte.
    .Tutte le mie teorie, che fino a quel momento mi erano sembrate sensate, divennero patetiche.
    .Non sembrava che ne stesse passando delle brutte.
    .Erano pronte a uscire qualora non fossi stata più legata.
    .Ero soltanto una matta di cui liberarsi.
    .Mi cacciò con la stessa ostinazione con cui mi aveva fatta entrare.
    .Mi chiedevo fino a quanto quando avrei resistito.
    .Negli anni o nel passar degli anni.
    .Non riuscivo ancora a capacitarmi a quella verità tanto assurda.
    .la mia lunga carriera di dottorato.
    .Il preludio di quella lunga seduta fu snervante.
    .Nonostante lo spiccato scetticismo sopra il suo volto riuscii a raccontare tutto sin dall’inizio.
    .Alla fine avrebbe dato una spiegazione logica a tutto ciò.
    .Alzava lo sguardo pronto per ascoltarmi ancora.
    .Mi aveva reso dipendente delle cose…
    .Ero finita, addirittura, nel credere ai fantasmi.
    . Non l’avevo sentita così abbattuta dall’ultima volta che ero scappata.
    .Avrei dovuto passare per la camera di Mary e starmene per un po’.
    .sarei dovuta essere chiara dal primo momento se non lo avrei voluto perdere.
    .mi ha detto il posto dove il quale ho trovato sua figlia.
    .ma presto ne tornai cosciente.

    .l’autobus deragliò in collisione con l’auto che a sua volta sdridette su due ruote facendo testa e coda, mentre ( l’autobus) la prima si ribaltava coinvolgendo l’altra corsia.

    Spero in un suo aiuto.
    Roby

    • Zanichelli Avatar

      Cara Roby, ecco le tue frasi corrette.
      . Mi sforzavo di ricordare?
      . Cosa c’era ancora che non mi aveva detto?
      . Ho iniziato a farle cambiare idea.
      . Sta passando un brutto periodo.
      . Tutte le mie teorie, che fino a quel momento mi erano sembrate sensate, divennero patetiche.
      . Non sembrava che stesse passando un brutto periodo.
      . Erano pronte a uscire qualora non fossi stata più legata (non ho capito il significato di questo periodo).
      . Ero soltanto una matta di cui liberarsi.
      . Mi cacciò con la stessa ostinazione con cui mi aveva fatta entrare.
      . Mi chiedevo fino a quando avrei resistito.
      . Negli anni.
      . Non riuscivo ancora a capacitarmi di quella verità tanto assurda.
      . La mia lunga carriera di dottorando.
      . Il preludio di quella lunga seduta fu snervante.
      . Nonostante lo spiccato scetticismo che gli si leggeva in volto, riuscii a raccontare tutto sin dall’inizio.
      . Alla fine avrebbe dato una spiegazione logica a tutto ciò.
      . Alzava lo sguardo pronto per ascoltarmi ancora.
      . Mi aveva reso dipendente delle cose…
      . Avevo finito, addirittura, col credere ai fantasmi.
      . Non l’avevo sentita così abbattuta dall’ultima volta che ero scappata.
      . Avrei dovuto passare per la camera di Mary e starmene lì per un po’.
      . Sarei dovuta essere chiara dal primo momento se non lo avessi voluto perdere.
      . Mi ha detto il nome del posto dove ho trovato sua figlia.
      . Ma presto ne tornai cosciente.
      . L’autobus deragliò entrando in collisione con l’auto che, a sua volta, finì su due ruote facendo testacoda, mentre l’autobus si ribaltava coinvolgendo l’altra corsia.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Roberto scrive:

        Cerco di riformulare la frase correttamente: l’emozioni erano pronte a uscire qualora non fossi più abbagliata dalle paure.
        La frase: ho insistito a farle cambiare idea. è riferito a una donna vero?
        Il verbo : lo avevo…riferendosi a un maschio si può anche mettere l’apostrofo?
        Esempio: l’avevo avvertito.
        GRAZIE DI TUTTO.
        Lei è davvero generosa.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Roberto, il primo periodo puoi formarlo in questo modo: “le emozioni sarebbero uscite nel momento in cui non fossi più stata paralizzata dalle paure”; il periodo “ho insistito a farle cambiare idea” è riferita a una donna; è corretto scrivere: “l’avevo avvertito”.
          Un saluto

          Prof. Anna