Preposizione semplice o articolata? (prima parte)

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Le preposizioni

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, dover scegliere se usare una preposizione semplice o una preposizione articolata rappresenta uno dei maggiori dubbi per chi studia l’italiano poiché spesso non esistono regole ben precise e, a seconda delle espressioni, le preposizioni si comportano in modo diverso senza un motivo apparente. Ci sono però delle indicazioni generali grazie alle quali ci si può orientare. Vediamole insieme.

Buona lettura!

Prof. Anna

Analizziamo alcuni casi che ci aiutano a capire quando è corretto usare una preposizione semplice e quando invece è necessario usare una preposizione articolata.

Con i nomi di parentela:

non si usa l’articolo davanti agli aggettivi possessivi mio-mia, tuo-tua, suo-sua, nostro-nostra, vostro-vostra, quindi se dobbiamo usare una preposizione, useremo una preposizione semplice: ho promesso a mia madre che l’avrei aiutata, sono stato a cena da mio fratello;

quando il nome di parentela è alterato o è accompagnato da un aggettivo o nel caso di mamma e papà l’articolo si usa e quindi si userà una preposizione articolata: gli occhi della mia sorellina sono azzurri, ho telefonato alla mia nonna materna;

quando invece i nomi di parentela sono accompagnati dagli aggettivi possessivi al plurale, è sempre necessario l’articolo e di conseguenza la preposizione articolata: vado a pranzo dai miei zii;

con i nomi propri non si usano le preposizioni articolate: questo libro è di Giorgio, siamo a casa di Giulia; è possibile sentire usare l’articolo e quindi la preposizione articolata davanti ai nomi propri, ma si tratta di usi regionali;

quando usiamo la preposizione in per esprimere un complemento di luogo, se è accompagnata da un nome di nazione al singolare, useremo la preposizione semplice: vado in Italia; se il nome della nazione è plurale, useremo la preposizione articolata: vivo negli Stati Uniti da molti anni;

si usa la preposizione articolata davanti ai nomi degli stati, dei continenti, delle isole o gruppi di isole considerati grandi, dei mari, dei fiumi, dei laghi e delle montagne: sono appena tornata dalla Sicilia (considerata una grande isola), sono appena tornata da Cipro (considerata una piccola isola), andiamo a sciare sulle Alpi;

non si usa mai la preposizione articolata davanti ai nomi di città: l’architettura di Roma è molto caratteristica; a meno che il nome di città non sia accompagnato da un aggettivo o complemento di specificazione: l’architettura dell’antica Roma è molto caratteristica;

solitamente quando una preposizione introduce un complemento di fine o di modo è semplice: camera da letto, sono di buon umore, parla a bassa voce, siamo in ansia;

è obbligatoria la preposizione articolata davanti a un infinito sostantivato: nel cadere ho sbattuto un ginocchio.

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio": vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

1- Torneranno Islanda tra pochi giorni. 2- Ho scritto una lettera mio nonno. 3- Ho scritto una lettera mio caro nonno. 4- Il fratello Maria è un mio caro amico. 5- Abbiamo deciso di fare un viaggio Emirati Arabi. 5- Non so dirti se è più bello il mare Sadegna o quello Malta, sono entrambi stupendi. 6- Ho paura, mi sento pericolo. 7- Questo film è ambientato nei quarieri residenziali Londra vittoriana. 8- Andiamo a pranzo  mio cugino. 9- Abbiamo imparato memoria tutta la poesia.10- Questo monumento è dedicato memoria dei caduti di guerra.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [55]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Dressler scrive:

    Se mi ricordo bene si dice “la tua mamma” e “il tuo babbo”. È sempre giusto?
    Grazie e cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Dressler, la tua ipotesi è corretta, con “mamma”, “papà” e “babbo” è necessario l’articolo quando preceduti da un possessivo e di consegnuenza sarà necessario usare la preposizione articolata: “chiedilo alla tua mamma”; ma spesso l’uso o l’esclusione dell’articolo dopo preposizione dipende da preferenze regionali.
      A presto
      Prof. Anna

  2. DESPINA scrive:

    PERFETTO!!!

  3. Non capisco la differenza tra “della Sardegna” e “di Malta” nella frase 5 dell’ esercizio.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Paul, si usa la preposizioni articolata con in nomi di isole considerate grandi (Sardegna) mentre si usa la preposizione semplice con isole considerate piccole (Malta).
      A presto
      Prof. Anna

      • kdela scrive:

        Cara Prof. Anna (e Caro Paul)
        non sapevo la regola che la professoressa ha spiegato-Grazie!(anche a te, Paul,per la domanda).
        Come sempre, l’argomento e’ molto interessante,utile,ricco e istruttivo.
        Stampo la pagina e aspetto per la seconda parte!
        Un Grande Grazie
        kdela

        • Zanichelli Avatar

          Cara Kdela, questa regola è riportata nell’articolo. Presto verrà pubblicata la seconda parte.
          Un saluto e a presto
          Prof. Anna

    • Nel caso delle isole vale la stessa regola anche per le preposizioni semplici : es “amo la Sardegna e amo anche Corfù”.

      • Zanichelli Avatar

        Cara Ivana, il periodo che mi scrivi è corretto.
        A presto
        Prof. Anna

  4. Elena scrive:

    Cara Prof . Ann
    Si dice “ho visto del Vulcano( s’intende il vulcano) soltanto la cima o la vetta? grazie mille. Elena

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elena, è corretto usare sia “cima” sia “vetta”, ma è meglio dire “del vulcano ho visto soltanto la cima (o la vetta)”.
      A presto
      Prof. Anna

  5. angelo scrive:

    Ottimo davvero!

  6. Grazie . professoressa Ana.

  7. Mi è piacuta molto questo esercizio. Piacerebbe di ricevere molti altri per poter imparare e scrivere bene l’italiano.
    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Tania, se vuoi ricevere ogni settimana una notifica quando un articolo viene pubblicato nel blog, è necessario iscriverti, per farlo basta seguire le indicazione che troverai sulla sinistra della pagina; se invece vuoi trovare articoli o esercizi su determinati argomenti, basta cercare ciò che interessa scegliendo un argomento nel menu a tendina sempre sulla sinistra della pagina oppure digitando il nome dell’argomento che cerchi nello spazio in alto “cosa cerchi?”.
      A presto
      Prof. Anna

  8. Rino scrive:

    G.ma Prof.
    Perché: Poi, dopo…?
    Quando una frase potrebbe introdurre congiuntivo e indicativo allo stesso momento: “Se vieni adesso, se venissi adesso” Perché?. (mi capita spesso di svolgere prima gli esercizi, poi leggere la lezione). Mica sarò pigro?
    Mille grazie.

  9. Rino scrive:

    L’aggravarsi delle situazioni sociali;
    Senza una casa, senza un lavoro, complicata assistenza sanitaria ecc.
    portano malinconia
    Molta gente soffre,
    molti stanno male
    non vi sono miglioramenti sociali.
    Ma perché i politici non pensano alla
    serenità dei propri cittadini?
    Infondo sono in Parlamento per decidere
    le sorti e il futuro di coloro i quali
    esistono per dare vita alla vita.

  10. Giorgio scrive:

    Prof.Anna
    ho fatto bene:)gracie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giorgio, molto bene!
      A presto
      Prof. Anna

  11. norma scrive:

    ancora qualche errori ! tuttavia capisco bene … mi sono precipitata
    Tante Grazie Professoressa

    • Zanichelli Avatar

      Cara Norma, qualche errore non è grave. Riprova e andrà meglio.
      A presto
      Prof. Anna

  12. M hamed scrive:

    Ho trouvato i corsi molti interressanti speriamo al futuro di trovare piu di esercisio
    Non capisco della londra vittoriana
    Normaalemente davanti un nome di cita non si usare preposizione artculata
    Grazzie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mhammed, come si dice nell’articolo, se il nome di città è seguito da aggettivo o da complemento di specificazione è necessario usare la preposizione articolata.
      Un saluto
      Prof. Anna

  13. ivana scrive:

    Studio italiano da due anni.Mi piace molto quest blog!Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ivana, benvenuta su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  14. ivana scrive:

    Studio italiano da due anni.Mi piace molto quest blog!Grazie!

  15. yuanyuan scrive:

    Gentile professoressa Anna,
    non riesco a capire ancora perché si dice l’arte del calzolaio invece di l’arte di calzolaio. Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Yuanyuan, riferendoci alla figura del “calzolaio” (il calzolaio) è necessario usare anche l’articolo e quindi la preposizione articolata “del calzolaio”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • yuanyuan scrive:

        Grazie Professoressa Anna.Buona giornata

  16. Mohamed scrive:

    Ciao , Prof. ,
    io non posso capire perchè non mettiamo l’articolo con i nomi sigolari di parentela ? mentre lo mettiamo con i nomi alterati e plurali , ecc…..

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mohamed, l’articolo determinativo non si usa con nomi di parentela singolari, non modificati preceduti da aggettivi possessivi davanti, probabilmente perché non c’è l’esigenza di specificare per mezzo dell’articolo determinativo un parente, essendoci già l’aggettivo possessivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  17. Rino scrive:

    Proprio quello che mi ci voleva!
    1/10.

  18. Stefano scrive:

    Gentile professoressa Anna,
    scrivo per esporre una perplessità e, di conseguenza, l’inettitudine della quale non posso che dolermi.
    Il mio dubbio è se sia possibile utilizzare, anziche la preposizione articolata «delle», separatamente la preposizione semplice «da» seguita dall’articolo determinativo «le».

    Ringrazio anticipatamente e, con l’occasione, le faccio i complimenti per il Suo impegno.
    SB

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, l’uso delle preposizioni articolate è obbligatorio, quindi non è possibile usare “da” separatamente dall’articolo.
      A presto
      Prof. Anna

  19. Enrica scrive:

    Perché dico : a casa a ballare a pranzo….
    E poi: al lavoro al mare. al ladro…
    Qual èa regola? Grazie

  20. ewa scrive:

    Salve perché della Londra Vittoriana ? e una citta e non ci vuole l’articolo …..

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ewa, quando il nome di città è accompagnato da un aggettivo (in questo caso: “vittoriana”) o un complemento di specificazione si usa la preposizione articolata.
      A presto
      Prof. Anna

  21. ewa scrive:

    perché in percolo no al pericolo? e un nome astratto?
    imparare a memoria no alla memoria ?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ewa, solitamente i complementi di modo sono introdotti da preposizioni semplici, come nel caso di “in pericolo”, “di cattivo umore” o “a memoria”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  22. shermi scrive:

    Cose è di+ infinitivo, quale caso usa DI con verbo
    grazie

  23. Charlie scrive:

    Grazie per la lezione utile. Mi è stato insegnato ad usare la preposizione articolata con i nomi di paesi maschili, come “nel Canada”. È corretto?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Charlie, non è corretto usare la preposizione articolata con i nomi di paesi maschili singolari, ma si usa la preposizione semplice: “in Canada”; se il nome della nazione è plurale, useremo la preposizione articolata, ad esempio: “negli Stati Uniti”.
      A presto
      Prof. Anna

  24. Fatto. La scelta multipla è più semplice.
    Grazie Prof. Saluti

  25. Nora scrive:

    Cara Prof. Anna,

    E’ corretto: Vivere/abitare in Sicilia.->(grande isola-senza l’articolo)
    Grazie per la risposta in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nora, è corretto dire “vivere/abitare in Sicilia”.
      A presto
      Prof. Anna

  26. Anita scrive:

    Cara Prof,ssa Anna,
    Mentre ordinare il mio email inbox, mi sono accorta, non aver fatto questa lezione e dopo l’aver letto una volta, ho risposte le domande e solo la 9ª frase è rimetta in rosso e il risultato m’ha fatto orologia. Con cari saluti dalla Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, è sempre utile ripassare argomenti così importanti come la scelta tra preposizione semplice o articolata.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

      • Anita scrive:

        Cara Prof.ssa Anna,
        Sono contenta, che abbia fatto Intuitivamente questo testo. È sempre utile e mi piace farlo, come Lei ha detto. Anche sono sorpresa quando mi accorgo che sappia scrivere sulle diverse teme dalla mia memoria. Ho scritto molto diverse idee nelle notizio del mio IPad, ma ne ho perso dopo i problemi dei internet. Non riscio trasponderli allo USB-stick, ma in Icluod sembra essere da fare, ma come funziona, non capisco. Sono una membra del’unione anziani, e riscio chiedere aiuto sulle diverse teme, ma per i problemi del internet, devo inscrivermi in internetcorso del stesso settore e mi costerò un sacco di soldi e mi sono lamentata su di esso alcune volte, ma senza successo. L’aiuto dello “studente a casa” è più economico è sempre posso telefonarlo e ho il suo telefono numero. Penso di chiederlo.
        Con questo Lei saluto cordialmente dalla Olanda, dove abbiamo celebrato scorso venerdì il compleanno del nostro re e avremo il giorno memoriale alle vittime del secondo guerra mondiale al 4º Maggio ed il 5º avremo il giorno della liberazione. Sempre ne verrá una festa grande
        Anita

        • Zanichelli Avatar

          Cara Anita, allore buone feste!
          A presto
          Prof. Anna

          • Anita scrive:

            Cara Prof.ssa Anna,
            Ho camminato più volte con un inglese alleato e ho ascoltato la sua storia di guerra e questa è stata una grande esperienza. Li ringrazio molto di aver combattuto per la nostra libertà e democrazia e talvolta ho visto alcune lacrime di emozione brillare nei loro occhi attraverso i loro sorrisi. E mi viene sempre la pelle d’oca. Anche spero viene prendere dagli alleati americani nello Jeep dalla seconda guerra mondiale per passeggiare un giro, come hanno fatto in questo periodo dopo questa guerra. Sempre né sono autentici e loro prendono lì e la una donna al bordo e le donne che hanno quella fortuna, siedono fra i soldati in jeep. Mi sembra un esperienza enorme. Quest’anno spero di nuovo sulla opportunità, per questo devo stare su una posta non così occupata nella ruota. L’opportunità è più piccolo, ne ho visto già. Ma ne proverò. Con questo Lei saluto dal mio cuore dalla Olanda
            Anita