Uso improprio di “piuttosto che”

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, negli ultimi anni si è diffuso un uso improprio di piuttosto che che rischia di confondere chi sta imparando l’italiano (ma anche gli italiani stessi). Vediamo di cosa si tratta e come usare piuttosto che in maniera corretta.

Buona lettura!

Prof. Anna

Da qualche decennio si è diffuso l’uso della locuzione congiuntiva piuttosto che col significato disgiuntivo di o, oppure, mentre l’unico significato dal punto di vista etimologico e storico di piuttosto che è quello avversativo, come sinonimo di anziché, invece di.

Facciamo un esempio:

uso erratostasera possiamo andare al cinema piuttosto che a teatro col significato di possiamo andare al cinema o a teatro;

uso corretto stasera possiamo andare al cinema piuttosto che a teatro col significato di stasera possiamo andare al cinema invece di andare a teatro (=stasera possiamo andare al cinema e non a teatro).

Questo fenomeno ha probabilmente avuto origine dalla lingua parlata del Nord Italia, all’interno però di un linguaggio non popolare. Quest’uso errato si è poi velocemente diffuso tra i giornalisti, i conduttori televisivi e i pubblicitari, in seguito lo troviamo anche nella lingua scritta, nei quotidiani e nelle riviste.

È interessante notare come questo fenomeno abbia avuto origine non all’interno delle classi culturalmente più deboli, ma all’interno di quelle culturalmente più elevate. Questo aspetto ha contribuito in qualche modo a legittimare quest’uso improprio: si imita, anche inconsapevolmente, un linguaggio che si ritiene caratteristico di ceti culturalmente più elevati e forse è proprio questa la chiave del successo dell’errore linguistico più diffuso oggi in Italia.

Il motivo fondamentale per cui quest’uso è sbagliato e da evitare è che può creare ambiguità nella comunicazione, alterando il messaggio e creando equivoci.

Per esempio la frase: penso che andrò in vacanza al mare piuttosto che in montangna significa penso che andrò in vacanza al mare invece di andare in montagna (=penso che andrò in vacanza al mare e non in montagna), è chiaro che c’è una preferenza per la prima opzione (al mare) e non una completa equiparazione tra le due opzioni che invece si ottiene attraverso le congiunzioni disgiuntive o, oppure: andrò in vacanza al mare o in montagna, in questo caso una preferenza non è espressa ma solo due possibilità equiparate tra di loro.

Esiste un altro uso improprio di piuttosto che, cioè col significato aggiuntivo di oltre che:

frase scorrettaper fare questo piatto si possono usare vari tipi di pasta: gli spaghetti piuttosto che i maccheroni piuttosto che i fusilli;

frase correttaper fare questo piatto si possono usare vari tipi di pasta:  gli spaghetti oltre che i maccheroni, oltre che i fusilli.

RICAPITOLANDO

La locuzione congiuntiva piuttosto che ha valore avversativo e significa anziché, invece di.

In nessun caso ha valore disgiuntivo col significato di o, oppure e nemmeno valore aggiuntivo col significato di oltre che.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Non so se uscire piuttosto che stare in casa"
    • no
  2. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Preferisco andare in treno piuttosto che in macchina, è più sicuro"
    • no
  3. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Abbiamo deciso di pranzare a casa piuttosto che andare al ristorante"
    • no
  4. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Al mercato si possono trovare vari tipi di verdure: patate piuttosto che pomodori, piuttosto che peperoni"
    • no
  5. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Non so se accettare il suo invito a cena piuttosto che trovare un scusa per non andarci"
    • no
  6. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Credo sia meglio rimanere in silenzio piuttosto che dire sciocchezze"
    • no
  7. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Ho deciso di iscrivermi al liceo linguistico piuttosto che allo scientifico, credo che sarà più interessante"
    • no
  8. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Per me è indifferente se ci incontriamo in centro piuttosto che a casa mia"
    • no
  9. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Perché stasera non andiamo a teatro piuttosto che al cinema? Io lo preferirei"
    • no
  10. Nella seguente frase "piuttosto che" è usato correttamente? "Possiamo scegliere se andare a piedi piuttosto che in bici piuttosto che in autobus"
    • no

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [42]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Prof. Ana, La saluto e la seguo da un po’. Complimenti per il sito. Ho avuto un dubbio nelle domande numero 8 e 10. Non sarebbe SÌ, perché posso usare come sinonimo di PIUTTOSTO = INVECE DI. O sbaglio. La chiedo il suo aiuto.

    Pax,
    José

    • Zanichelli Avatar

      Caro José, la tua domanda è legittima, per quanto riguarda la frase 8 ho usato di proposito il verbo “è indifferente” per fare capire che si equiparavono due possibilità (in centro, a casa mia) e di conseguenza suggerire l’uso di “o, oppure”, se avessi voluto suggerire un uso corretto di “piuttosto che” avrei detto: “sono d’accordo con te, è meglio che ci incontriamo in centro piuttosto che a casa tua” in questa frase viene espressa una preferenza per la prima possibilità, anche nella frase 10 “possiamo scegliere” voleva dare l’idea di varie possibilità aperte e equiparate tra di loro. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  2. Cara Prof.ssa Anna,
    Perche non sono sicura,oppure il mio commento, che abbia scritto con mio altro emailindirrizzi, perche ero svenuto, quando ho clickato sol buttone “publicca”, faccio. con questo indirizzo di nuovo per essere sicura. Questo lezione solo ho letto una volta e ho risposto tutte le domande corrette, che mi piace, perché l’ho capito immediamente. Con saluti cordiali dal Ollanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, complimenti per l’ottimo risultato!
      A presto
      Prof. Anna

  3. kdela scrive:

    Cara Prof. Anna,
    Grazie per l’argomento.Capisco che ci sono persone(come hai detto, anche gli italiani)che sbagliano in questo argomento.
    Da straniera che studiando l’italiano,penso che sia meglio(per me) imparare l’uso corretto di “piuttosto che”[ e non “imparare” anche l’uso scorretto].Allora ho fatto il test qui e sono riuscita delle 9 (risposte giuste) delle10.
    Grazie ancora
    kdela

    • kdela scrive:

      Penso che non ho scritto bene il voto- come si dice 9/10?
      Grazie ( :

      • Zanichelli Avatar

        Cara Kdela, puoi dire: “ho risposto bene a nove domande su dieci”.
        A presto
        Prof. Anna

        • kdela scrive:

          Grazie per la correzione ( :
          kdela

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Kdela, ottimo risultato!
      A presto
      Prof. Anna

  4. LC scrive:

    Grazie – interessante

  5. Rino scrive:

    Ho toppato l’ottava.
    Cordialità.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, mi sembra comunque un ottimo risultato.
      A presto
      Prof. Anna

  6. Rino scrive:

    La soluzione l’ho trovata nel “ricapitolando”
    che asino! non voglio studiare.

  7. Rino scrive:

    Ho letto con ritardo la sua risposta a Josè:
    Mi sarei risparmiato di leggere il riepilogo:-)

  8. Rino scrive:

    Ripassavo i complementi (tantissimi equivocanti).

    Il diametro della terra:
    oggettiva soggettiva, di specificazione; Cosa c’entra?
    Grazie Prof.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, “della Terra” è un complemento di specificazione.
      A presto
      Prof. Anna

      • Rino scrive:

        ok! di specificazione; ma perché oggettiva soggettiva?

        • Zanichelli Avatar

          Caro Rino, cosa intendi per “oggettiva soggettiva”? “Il diametro della Terra” non è una frase perché non c’è un verbo, non può essere quindi né una proposizione oggettiva né soggettiva.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • Rino scrive:

            Leggo:
            1 compl. di specificazione,oggettiva e oggettiva: Il diametro della terra; i tesori dei faraoni; l’amore della gloria.
            Circa la preposizione “di”.
            Grazie per i saluti.
            Ricambio.

          • Zanichelli Avatar

            Caro Rino, forse significa che la preposizione “di” può introdurre una proposizione soggettiva (mi capita di vederlo spesso) o oggettiva (credo di aver agito bene).
            Un saluto
            Prof. Anna

  9. Floriane scrive:

    Buon giorno
    Sto imparando l’italiano. Abito in Francia.

    Non ho avuto problemi perché questo “piuttosto” assomiglia tanto al francese : “plutôt que, au lieu de…”

    Grazie mille !
    Floriane

    • Zanichelli Avatar

      Cara Floriane, benvenuta su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  10. Giovanni scrive:

    Grazie mille per il suo lavoro,
    GIovanni.

  11. Grazie mille per la lezione, usavo la forma corretta ma spesso nei talk show televisivi che ogni tanto seguo dove parlano giornalisti, ministri e laureati vari usano la forma errata…mi stavano influenzando..grazie Prof.

  12. Complimenti e sopratutto grazie Prof. Anna per la realizzazione del sito e per le chiarissime delucidazioni che ha pubblicato.
    Sinceramente provo un grande fastidio quando ascolto in TV professionisti e stimati giornalisti ed esperti che nell’esporre un argomento usano impropriamente la locuzione “piuttosto che”. Secondo me si dovrebbe parlare di più di questo argomento, sottolineandone i vari aspetti come li ha descritti Lei. Sono soddisfatto, ma ne ero certo, di aver risposto esattamente a tutti e dieci i quesiti che Lei ha sottoposto a noi lettori. Grazie ancora e continui così.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Biagio, grazie per il tuo contributo.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  13. Riscontrati per la prima volta questo uso improprio del piuttosto che nel 2006 ad un breve corso di specializzazione tenuto a Borgomanero ( No )all’Istituto formativo Enaip . Ad usarlo in maniera quasi maniacale nel senso scorretto di oppure era il docente stesso. La cosa mi sorprese allora , ma mi ancor di più mi sorprese riscontrare come negli anni a seguire l’ uso sbagliato di tale espressione entrasse a far parte della parlata comune anche in ambienti più acculturati senza che alcuno precisasse o correggesse l’ errore. Non ricordo casi simili prima del 2006 . Non possiedo né diplomi né lauree . Comunque amo la lingua italiana e mi rendo conto del fatto che una buona espressione non dipende per forza da una particolare ricchezza culturale ma piuttosto (senza il CHE) da sensibilità espressiva e comunicativa.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Claudio, grazie per il tuo interessante contributo.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  14. Riscontrai non ” riscontrati” scusate

  15. Altra correzione . Non ” ma mi ancor di più mi sorprese ” ma ” ancor di più mi sorprese ” scusate ancora.

  16. Cara Prof.essa Anna,
    La ringrazio vivamente tutta questa spiegazione sul uso di questo connettore dato che, finora non riuscivo a capire la sua vera natura e il suo vero significato.Questo non vuole dire che lo usassi impropiamente, anzi, non sapevo come usarlo, mi sembrava qualcosa di strano, ma raggionando a poco a poco sulle differenze di entrambi casi, finalmente, l’ho capito.E non è difficile usarlo, ci proverò.
    Le porgo cordiali saluti
    Jose A.

  17. Pierluigi scrive:

    Bella spiegazione, grazie
    purtroppo anche ieri durante un seminario di formazione, la formatrice ha sbagliato per ben 3 volte abusando di tale espressione. Anche in tv i presentatori fanno altrettanto… ormai è un virus 🙁

  18. il fatto che quattro spocchiosi giornalisti abbiano introdotto il PIUTTOSTO CHE congiuntivo non implica che se ne debba consentire l’uso agli italiani; a parere mio anzichè farli continuari a scrivere spropositi sui giornali sarebbe il caso di farli tornare sui banchi di scuola delle scuole elementari.

  19. Utili lezioni anche o soprattutto per i nostri nuovi politici!

  20. Non capisco come mai la stampa, la tv ed altri media, hanno preso, a mio avviso, la pessima abitudine di utilizzare spesso gli articoli al femminile per indicare una parola maschile, ad esempio “La gruppo”, la pallone, la calcio d’ancolo e tante altre cavolate ancora. Ora ho 66 anni, ma ricordo benissimo che da giovane, quando frequentavo le scuole superiori, mettere un articolo femminile davanti ad una parola maschile, era un errore grave, stanno cambiando le cose, o impera l’ignoranza? il primo ignorante, forse, sono io, ma non riesco a capire. Per accertarsi di quanto affermo, basta ascoltare alcuni cronisti e/o commentatori del giro d’Italia di ciclismo, oppure cronache di partite di calcio, trasmissioni sportive in genere, perchè ho notato che proprio nell’ambiente dello spettacolo sportivo si ritrovano maggiormente questi spregi alla lingua italiana.
    Salutoni
    Francesco Ristori

    • Zanichelli Avatar

      Caro Francesco, le parole che mi scrivi vogliono l’articolo maschile ed è un errore usare quello femminile.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  21. Gentile Professoressa.
    Mi vedo costretto ad intervenire, forse non ho ben capito o forse la mia conoscenza dell’italiano ha una lacuna nello specifico.
    Nell’esempio da lei portato come corretto che copio ed incollo:
    “• uso corretto → stasera possiamo andare al cinema piuttosto che a teatro col significato di stasera possiamo andare al cinema invece di andare a teatro (=stasera possiamo andare al cinema e non a teatro).”
    Per le mie conoscenze lei fa un errore, secondo me anche questo esempio è errato, “piuttosto che” e “invece di” non sono affatto sinonimi, “in vece di” significa “al posto di”, “piuttosto che” ha un altro significato, che le esemplifico con questa frase; piuttosto che mangiare questa minestra salto dalla finestra, con il significato che preferisco rischiare di ammazzarmi saltando dalla finestra che mangiare quella, evidentemente poco buona, minestra; se ne deduce che la locuzione “piuttosto che” non sia sostituibile con “invece di”, “invece di mangiare quella minestra salto dalla finestra”, da alle due possibilità, il mangiare la minestra o il saltare dalla finestra, lo stesso peso, il “piuttosto che” sposta il peso tutto da una parte, indica che io non potrei mai mangiare la minestra, anche, se pur di non mangiarla, rischio la vita saltando dalla famosa finestra.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Paolo, “pittosto che” significa “anziché”, “invece di”, indica cioè una preferenza accordata a un elemento rispetto a un altro: “preferisco andare a piedi piuttosto che prendere la macchina”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  22. Zacks scrive:

    salve, ho un dubbio sulla domanda numero 5.
    Nella seguente frase “piuttosto che” è usato correttamente? “Non so se accettare il suo invito a cena piuttosto che trovare una scusa per non andarci”
    non è corretto in entrambi i modi? nel senso, potrei dire “Non so se accettare il suo invito a cena *invece di* trovare una scusa per non andarci” oppure
    “Non so se accettare il suo invito a cena oppure trovare una scusa per non andarci”
    sbaglio o non mi sto rendendo conto di qualcosa?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Zacks, sì, effettivamente questo è un esempio al limite, in un periodo del genere però è più comune utilizzare “o, oppure”, in questo senso non è corretto dare al “piuttosto che” valore disgiuntivo, ma con il valore di “anziché” sarebbe invece corretto usarlo.
      A presto
      Prof. Anna

  23. Raisa scrive:

    Ho sbaggito

    • Zanichelli Avatar

      Cara Raisa, cosa ha sbagliato? Se hai dei dubbi non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna