Buone notizie…

Prof.Giacalone
Civiltà,   Lettura

A volte, il telegiornale è solo causa di stress: un bollettino di incidenti, assassini e catastrofi  finanziarie. Da una parte, ci potremmo sentire fortunati di non essere protagonisti di questi tragici eventi. Dall’altra parte, non possiamo che pensare “ma in che razza di mondo viviamo!? Consapevole del fatto che la realtà non è che parte del possibile, oggi scriverò delle buone notizie, inventate. Spero di suscitare un leggero buon umore. Un telegiornale irreale, ma vorremmo che diventasse realtà! 🙂

Prof. Valerio Giacalone

 

Buonasera, care telespettatrici e cari telespettatori. Benvenuti al Tg-SOS sorriso.  Ecco le principali notizie di questa edizione.

Nelle carceri del nostro paese si avvierà una sperimentazione per produrre energia.  Per sei ore al giorno, i carcerati dovranno pedalare con delle speciali biciclette.  Un carcere potrà così illuminare una città. In più, durante l’esercizio saranno proiettatati video educativi e sarà diffusa musica classica. In questo modo i carcerati potranno sentirsi utili e puntare a una reale integrazione, soprattutto energetica! Gli esperti garantiscono di risolvere così anche la maggior parte dei problemi di insonnia e di aggressività tra i detenuti.

Gli ospedali saranno dotati di piscine, saune, palestre e spazi verdi. Durante la degenza saranno avviati corsi di alimentazione preventiva. I pazienti dovranno essere istruiti sulle malattie psicosomatiche e su quali stili di vita possono far ammalare. Si cercherà di curare anche attraverso l’amore e la gentilezza con maggiore dignità dei pazienti.

Grande rivoluzione nello sport. I salari per tutti i professionisti dello sport saranno fissi. Un pilota di formula uno o un calciatore non potrà guadagnare più di duemila euro al mese. Dopo che avranno terminato la loro attività professionistica saranno adibiti a lavori socialmente utili, per riparare ai danni fatti dai tifosi violenti. I soldi così risparmiati saranno investiti per creare nuovi posti di lavoro

Le spese militari saranno abbassate, seguendo il principio "prima una scuola poi un carro armato", prima la cultura poi la difesa. Perché, se non si conosce, non si sa cosa difendere: si rischia di ubbidire anche quando sarebbe il caso di disubbidire! Le guerre non sono mai giuste… al limite sono "necessarie"!

– Grandi novità anche per l’industria automobilistica. Si costruiranno solo macchine elettriche che non potranno superare la velocità di ottanta chilometri all’ora! Le auto di chi ha appena preso la patente non dovranno superare i sessanta all’ora. Non saranno più prodotte macchine con accelerazione straordinaria: tutte dovranno fare da zero a cento all’ora in almeno trenta secondi. Saranno vietate le pubblicità che mostrano vetture potenti e motorini veloci.
Inoltre le autovetture saranno dotate di un dispositivo, il quale impedirà a chi usa alcol o droghe di mettersi al volante. Si eviterà così che la vita possa andare sprecata in un modo assurdo!   

Il nucleare sarà usato in Italia solo quando si potrà risolvere il problema delle scorie! Per ora, sarà accantonato ogni progetto di nuove centrali! Si darà risalto soprattutto alle energie alternative e al risparmio energetico. Quante volte si accende inutilmente una lampadina? Soprattutto quando non siamo noi a pagare direttamente la bolletta… Nascerà a questo proposito il vigile ecologico che dovrà controllare se si spreca l’energia elettrica!  
 
Aboliti dalla televisione tutti i reality e giochi a premi demenziali! Le notizie dovranno essere scelte e presentate in maniera imparziale, con il solo fine di informare e non di indirizzare faziosamente le opinioni degli ascoltatori! Inoltre metà della pubblicità dovrà avere scopi sociali e non commerciali!

  Per quanto riguarda la politica, una nuova macchina della verità controllerà che chi entra in politica sia onesto, sia interessato alla collettività e non ai propri affari personali! Ma nessuno dei politici italiani si è voluto sottoporre a questa nuova macchina!

Care spettatrici e cari spettatori ci fermiamo qui: è meglio…
Grazie per la vostra gentile attenzione e a presto su Tg-SOS sorriso!
Buona serata e buon proseguimento sulla nostra rete!

 

 

Ora rispondi alle seguenti domande

Guardi spesso il telegiornale ?

Cosa provi quando ascolti il telegiornale

?

Quale di queste notizie immaginarie ti è piaciuta di più e perché?

Quale notizia ti piacerebbe sentire realmente?

Secondo te, è possibile realizzare qualcuno dei miglioramenti immaginati?

 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [11]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Luis scrive:

    Mi ha piacciuto leggere queste notizie, ma in realtá mi sembra vere obiettivi a raggiungere. Sarebbe un mondo perfetto ma irreale. Gli uomini non sono cosi, siamo abbastanza diversi. Beh, possiamo continuare a sognare al meno abbiamo avuto un sorriso. Congratulazioni per questo sito intercultura.

  2. Grazie Luis
    Ricordati che la realtà è solo una possibile realtà ed è possibile che se tutti remiamo nella stessa direzione le cose possano cambiare, magari anche di poco, ma possono cambiare! Sognare non costa niente 😉
    Buona giornata
    Prof. Valerio

  3. Bravo Valerio: curi il contenuto oltre che la forma, proponendo argomenti profondi e interessanti spunti di riflessione.

  4. Grazie Anna
    Sono contento ti sia piaciuto il nuovo articolo!
    Una grande saluto
    Prof. Valerio

  5. laura scrive:

    Che meraviglia questo TG!!pero’ non è vero che è così irreale.. ad esempio il fatto che i politici italiani si siano rifiutati di sottoporsi alla macchina della verita’ mi sembra molto molto verosimile !!!va beh comunque NON SMETTIAMO di sperare mai che le cose possano migliorare! forse cercando di contribuire noi stessi quotidianamente (nel nostro piccolo).
    Complimenti per l’articolo
    Un saluto Laura

  6. Brava Laura!
    Nel nostro piccolo possiamo fare molto per cambiare le cose!Anche senza il G8 o G20 le cose possono migliorare, se tutti quanti noi prendiamo coscienza di chi siamo e dove andiamo! Soprattutto se prendiamo coscienza che le cose che riguardano tutti possono essere risolte da tutti!
    Un caloroso saluto
    a presto
    Prof. Valerio

  7. Daniele scrive:

    Caro professore, il suo programma è davvero interessante. E’ proprio vero che le notizie date dai telegiornali informano soprattutto dei malesseri della nostra società e a volte, opinione del tutto personale, mi sembrano fin troppo crudeli. Ma al mondo accadono anche cose belle, piccole e grandi, e esistono modelli sociali (piccoli mondi) alternativi e positivi. Si potrebbero trasmettere tele-giornali più lunghi e capaci di raccogliere e comunicare in modo effettivo questi messaggi, poiché le persone che guardano la TV sono davvero tante.
    Personalmente credo che estinguere il “Male” sia più difficile che fare del “Bene”. Quindi, parafrasando le sue parole, tanto belle quanto vere: “Se non si conosce, non si sa cosa difendere”, perché non sforzarsi di (far) conoscere di più il “Bene”?

  8. Caro Daniele
    Io ci provo e sono contento che persone come te apprezzino il mio articolo! Ti lascio con un vecchio proverbio che recita: “Chi non fa del bene fa già abbastanza del male”.
    Buon lavoro e a presto
    Prof. Valerio

  9. Izabel scrive:

    Caro professore

    Bravissimo questo articolo .
    Io sono brasiliana,oriunda d’italini e penso che sia una ottima idea”una nuova macchina della verità per controllare chi entra in politica sia onesto e sia interessato alla collettività e non ai propri affari personali! ”
    Nel frattempo,qui in Brasile, molti politici hanno sottoposto a “questa macchina” tutti i giorni,sia per i giornali o TV .Per me,entrambe sono forme di cambiare le cose.
    Se io so che il politico non è onesto e non è interessato alla colletività, anche è la mia responsabità fare qualche cosa per scruderlo del potere .
    Mi scusi per miei errori grammaticali in italiano, perchè sono ancora un’ allieva e questo sito è molto utile per me.
    Congratulazioni per suoi testi,che sono molto perspicaci.
    “Chi fa da sè, fare per tre…”
    Cordiali saluti
    Izabel

  10. Bravissimo!
    Posso tradurlo in portoghese? E farlo circolare qui in Brasile?
    Arrivederci,
    Claudia

  11. Anita scrive:

    Caro Prof. Valerio Giacalone,
    Se un pilota di Formula 1 ha un incidente, che sarà disabilitato per il resto della sua vita, come deve tenuto la sua vita? Che rischio si corre perché si tratta di uno sport pericoloso. Se ha successo per la sua squadra e di marca, come Michael Schuhmacher è stato, egli non è di motivare per questa grande prestazione. Su questa tema ho un idea: Ora si sono giochi della F1 racing realmente e se i designer develupono questi giochi realmente in tutti opzioni, questi giochi o quegli sport non è pericolosi ancora di più e il problema e solvato totale ed ? abbastanza avvincente ancora di più. Una volta ho partecipato ad un concorso di mio provider di telefonia mobile in Olanda e devo dire che sono una donna molto veloce. La prossima gara che participirò, farò con il soprannome Michaela Schumacher (scherzo).
    Ognuno vuole viaggiare presto e confortabile e come Lei vuole fare le macchine guidare con una massima velocità di 100 km/h, anche se sono le distanze in Italia circa 1600 chilometri? Queste sue idee trovo belle, ma come ne vuole realizzare. Credo che vuole un termino più lungo per realizzarle. Ma vostre idee su quelle teme trovo veramente bene e belle e credo che siano di realizzare, ma non saranno fachile.
    Il resto delle idee, trovo più bene,utile e più facile da realizzare.
    Credo anche che avremo un mondo migliore con una società rispettosa per altre persone.
    Per migliore la totale società le trovo bene e belle idee, dappertutto che ricordiamo tutti le vittime della guerra mondiale e la liberazione degli nazionali fascisti in genere in questo periodo e ho anche lasciato un commento sul ultimo articolo sulla questa tema.
    Con saluti cordiali dal Ollanda, anche a prof.ssa Anna
    Anita