Test 83 – Congiuntivi difficili, congiuntivi sbagliati

Prof. Anna
Congiuntivo,   Grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, siete pronti per il consueto ripasso?

Cominciamo con un esercizio sul congiuntivo, qui trovate l’articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2022/03/10/congiuntivi-difficili-congiuntivi-sbagliati/

In bocca al lupo!

Prof. Anna

Completa il testo inserendo le parole mancanti negli spazi vuoti. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio" per controllare se hai risposto correttamente.

 1- Signora, (andare) piano! Questa strada è pericolosa. 2- Vorrebbe che tu gli (dare) una mano a finire questo lavoro. 3- Signore, (fare) pure con comodo, non abbiamo fretta. 4- Preferirei che tu (stare) a casa se hai la febbre. 5- Mi auguro che tutti oggi (fare) bene il tema e che prendano un buon voto. 6- Vorrei che i medici ci (dare) buone notizie. 7- Temo che le cose non (andare) bene tra loro, li sento spesso litigare. 8- Signore, (fare) attenzione al gradino! 

Prosegui la lettura

Commenti [13]

Rispondi a Rino Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Lucia scrive:

    Graze! E` un gioello in italiano: bello di saper usarlo in maniera giusta. 🙂

  2. Rino scrive:

    Ho sbagliato la 5^ l’ho scritta al singolare: Pura svista:-)
    Saliut:-)

  3. Enrico scrive:

    Quando la proposizione dipendente indica un’azione continuata e abituale, anteriore alla principale (che è al presente), si trova l’imperfetto dell’indicativo o del congiuntivo; ad esempio:

    “Dico che non lo sapevo (imperfetto indicativo)”;

    “So che era felice (imperfetto indicativo)”;

    “Credo che avesse ragione (imperfetto congiuntivo)”;

    “Pare che i dogi di Venezia non sapessero acquisire un territorio senza perderne un altro (imperfetto congiuntivo; in quest’ultima frase poi c’è il costrutto imperfetto congiuntivo misto all infinito “acquisire”=”sapessero acquisire”; ma il senso del ragionamento è lo stesso e sempre di congiuntivo imperfetto parliamo, rispetto al ragionamento iniziale; d altronde il verbo sapere è parzialmente modale [servile] perché solo nell’accezione di «esser capace», «essere in grado», come nel nostro caso; e i verbi modali sono verbi (sapere, sapessero) che si combinano con un altro verbo di modo infinito (acquisire) per definire una particolare modalità dell’azione; e nella nostra frase il congiuntivo imperfetto, usato come verbo servile, è usato nella proposizione subordinata, la quale è introdotta da un verbo che nella principale esprime insicurezza (pare).

    È corretto?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Enrico, il tuo ragionamento è corretto.
      Un saluto

  4. Aurelia scrive:

    Buona sera Prof.Anna, ” anche se non lo lasciavano a vedere Elena era consapevole che conducevano vite separate” oppure “anche se non lo lasciassero a vedere Elena era consapevole che conducevano vite separate”qual’è la forma corretta? La ringrazio cordiali saluti.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Aurelia, ora che ho potuto leggere anche il resto, posso consigliarti di usare l’indicativo: “anche se non lo davano a vedere”.
      Un saluto

  5. Mario scrive:

    Buongiorno, l’espressione “Non che” credo voglia il congiuntivo (mentre “che”, senza il “non”, l indicativo, rispetto a questo tipo di struttura), perché neghiamo ciò che viene dopo il “che”.

    Facciamo qualche esempio: “Non che voglia incoraggiarti a mangiare (al presente)”; “Non che lo volessi, comunque (al passato)”; “Mi ricordavo benissimo che prima avevi l altro appartamento al piano di sopra, ma non che fosse questo (al passato)”. Tuttavia “Non che” potrebbe reggere anche il condizionale, se c’è una condizione, anche sottintesa: “Non che qualcuno ruberebbe uno storpio (qualora ne avesse l occasione)”; “Non che potrebbe resistere molto contro Francesco (qualora lo sfidasse)”.

    È giusto il mio ragionamento (e anche le frasi)?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, il tuo ragionamento è corretto e anche le frasi che mi proponi.

  6. Prof, scusi, le riscrivo questa frase, in quanto non ritrovo più l articolo nel quale le avevo scritto:

    “Ti è capitato che qualcuno ti abbia mai venerato? (frase trovata in rete)”.

    …in questa frase, la cui soggettiva esprime anteriorità rispetto alla principale, non dovrebbe esserci il congiuntivo trapassato “avesse venerato” nella subordinata? D’altra parte, quando nella reggente il verbo è al passato prossimo (è capitato), per esprimere anteriorità useremo nella subordinata il congiuntivo trapassato (avesse venerato). Perciò la frase corretta dovrebbe essere: “Ti è capitato che qualcuno ti avesse mai venerato?”.