Quando si usa il trattino?

Prof. Anna
La lingua italiana,   ortografia

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, che funzioni ha il trattino e quando va usato? Proviamo a fare chiarezza.

Buona lettura!
Prof. Anna

Distinguiamo prima di tutto due tipi di trattini: il trattino lungo ( — ) e il trattino breve (-).

TRATTINO LUNGO ( o lineetta)

Il trattino lungo può essere usato:

  • dopo i due punti al posto delle virgolette per introdurre un discorso diretto; generalmente se ne adopera solo uno, in apertura: “Mi disse — non correre!”. Il trattino di chiusura compare nei casi in cui al discorso diretto segua una didascalia  (l’indicazione di chi ha parlato ed eventuali commenti del narratore): ” — Sì, sì — promise mio padre e in quello stesso istante si levò e andò alla poltrona” (Svevo, La coscienza di Zeno, 79). Il punto interrogativo, il punto esclamativo e i puntini di sospensione vanno collocati davanti al trattino di chiusura, così come gli altri segni di interpunzione;
  • per isolare un inciso (frase o sintagma che si inserisce in un contesto restandone indipendente) all’interno di una frase: mi sembra — per essere sincero — che questa torta non sia venuta bene.

TRATTINO BREVE

Il trattino breve in particolare si usa:

  • per dividere una parola in sillabe: lu-ma-ca;
  • per separare due cifre (in alternanza con la sbarretta): il 7-8 (o il 7/8) novembre;
  • per segnalare una relazione tra due nomi, perlopiù propri, per indicare un qualsiasi rapporto di relazione: il summit Reagan-Gorbaciov; o nomi geografici: Emilia-Romagna; nord-estnord-ovestsud-estsud-ovest; e, specialmente nel linguaggio giornalistico, anche tra due nomi comuni in relazione reciproca: gli incontri governo-sindacati; le relazioni banca-impresa;
  • per unire una coppia di aggettivi collegati: il primo termine è sempre al maschile, a volte può anche essere abbreviato: spazio-temporale; socio-educativo; il troncamento del primo elemento è molto frequente negli aggettivi etnici che, salvo qualche caso ormai ben stabilizzato come indoeuropeo o angloamericano, prevedono la grafia con trattino: cino-giapponeseafro-cubanoitalo-francesetosco-emiliano. Spesso anche questi composti subiscono, grazie all’ampia diffusione, la fusione dei due elementi e sono registrati nei vocabolari in forma unita come ormai avviene per agroalimentare, socioeconomico, sociosanitario e molti altri;
  • ha la funzione di unire o segnalare un legame tra due parole o parti di parola. In questi casi i dubbi sull’uso del trattino sorgono di fronte a due tipi di parole nuove o non ancora acclimatate nella lingua: i composti da due sostantivi (o aggettivi, verbi, ecc.: giallo-rossopigia-pigia) e i derivati con un prefisso (co-dirigenteanti-nebbia); in generale possiamo dire che che queste formazioni si scrivono univerbate (in una sola parola) quando il composto è stato accolto stabilmente nell’uso, tanto che si tende a cogliere più il suo significato complessivo che quello dei suoi componenti, in caso contrario si scrivono con il trattino o con i due elementi separati. Siamo in un ambito in cui non ci sono norme precise, anche i vocabolari possono dare indicazioni diverse. Nello specifico quindi il trattino ⇒ può separare due parti di una parola composta. I tipi di composti che possono far sorgere il dubbio sulla grafia (con o senza trattino) sono molto numerosi, ma la tipologia più consistente, e in grande espansione nell’italiano contemporaneo, è quella dei composti nome + nome.  Ad esempio le parole formate con un primo nome e un secondo elemento che, attraverso un significato figurato, determina una particolare caratteristica del primo: ad esempio viaggio lampo (un viaggio veloce come un lampo), parola chiave (una parola che apre, fondamentale), riunione fiume (una riunione lunga come un fiume), notizia bombafiglio modello che si scrivono con i due elementi separati, senza trattino, anche se non mancano attestazioni di scrittura con il trattino; oppure quelle il cui significato è la somma delle caratteristiche di tutti e due i nomi del composto, formando così qualcosa di unitario che è reso graficamente dalla presenza del trattino: scrittore-registagiornalista-saggistamisuratore-dosatoreristorante-pizzeria, caffè-concertobambino-soldato; ⇒ il trattino si usa anche davanti o dopo suffissi o prefissi, specialmente se usati in composti occasionali, invece in composti stabili a parola è scritta unita: antifascismo, postatomico, tuttavia l’uso è assai oscillante, possiamo trovare uno stesso composto scritto con o senza trattino.

Fonti:

Serianni, La Grammatica Italiana, Italiano comune e lingua letteraria, UTET, 1989;

Trifone, Palermo, Grammatica italiana di base, Zanichelli, 2020;

https://accademiadellacrusca.it/it/consulenza/il-trattino-quando-usarlo/249

 

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Il trattino breve si usa al posto delle virgolette.
    • Vero
    • Falso
  2. Il trattino lungo si può usare per introdurre un discorso diretto.
    • Vero
    • Falso
  3. Il trattino breve si usa per separare due cifre.
    • Vero
    • Falso
  4. Il trattino lungo si usa per delimitare un inciso.
    • Vero
    • Falso
  5. Scegli la grafia coretta:
    • Vivo in EmiliaRomagna
    • Vivo in Emilia-Romagna
  6. Scegli la grafia corretta:
    • Stasera verranno presentate le iniziative economico-finanziarie.
    • Stasera verranno presentate le iniziative economicofinanziarie.
  7. Scegli la grafia corretta:
    • Il derby Milan Inter è finito in parità.
    • Il derby Milan-Inter è finito in parità.
  8. Scegli la grafia corretta:
    • La prima guerra cino-giapponese cominciò nel 1894.
    • La prima guerra cinogiapponese cominciò nel 1894.
  9. Scegli la grafia corretta:
    • Vorrei leggere la sua autobiografia.
    • Vorrei leggere la sua auto-biografia.
  10. Scegli la grafia corretta:
    • Mi hanno regalato un dizionario italiano-francese.
    • Mi hanno regalato un dizionario italiano francese.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *