Test 14 – il congiuntivo nelle frasi dipendenti

Prof. Anna
Congiuntivo,   Grammatica,   La lingua italiana,   Test,   Verbi

Ripassiamo con questo esercizio l’uso del congiuntivo nelle frasi dipendenti.

Buon test!

Prof. Anna

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Cerchiamo qulacuno che saprebbe usare bene il computer.
    • Cerchiamo qualcuno che sappi usare bene il computer.
    • Cerchiamo qualcuno che sappia usare bene il computer.
  2. Scegli la frase corretta:
    • Caso mai tu non ti senta bene, chiamami immediatamente.
    • Caso mai tu non ti senti bene, chiamami immediatamente.
    • Caso mai tu non ti sente bene, chiamami immediatamente.
  3. Scegli la frase corretta:
    • Affronterò questa situazione, a patto che tu mi stia vicino.
    • Affronterò questa situazione, a patto che tu mi starai vicino.
    • Affronterò questa situazione, a patto che tu mi stai vicino.
  4. Scegli la frase corretta:
    • Nel caso che tu non potresti venire, avvertici per tempo.
    • Nel caso che tu non possa venire, avvertici per tempo.
    • Nel caso che tu non potrai venire, avvertici per tempo.
  5. Scegli la frase corretta:
    • Potremmo andare a vedere questo film, a meno che tu non l'abbia già visto.
    • Potremmo andare a vedere questo film, a meno che tu non l'abbi già visto.
    • Potremmo andare a vedere questo film, a meno che tu non l'hai già visto.
  6. Scegli la frase corretta:
    • Risolverò questo problema senza che nessuno ne dovrà soffrire.
    • Risolverò questo problema senza che nessuno ne debbi soffrire.
    • Risolverò questo problema senza che nessuno ne debba soffrire.
  7. Scegli la frase corretta:
    • Ti presto questo libro affinché tu lo legge.
    • Ti presto questo libro affinché tu lo legga.
    • Ti presto questo libro affinché tu lo leggi.
  8. Scegli la frase corretta:
    • Sei una persona molto responsabile, nonostante tu sia molto giovane.
    • Sei una persona molto responsabile, nonostante tu sii molto giovane.
    • Sei una persona molto responsabile, nonostante tu sei molto giovane.
  9. Scegli la frase corretta:
    • Prima che tu te ne vada, devo farti vedere una cosa.
    • Prima che tu te ne vai, devo farti vedere una cosa.
    • Prima che tu te ne vadi, devo farti vedere una cosa.
  10. Scegli la frase corretta:
    • Laura non ci sarà, non perché non vogli venire, ma perché non si sente bene.
    • Laura non ci sarà, non perché non voglia venire, ma perché non si senta bene.
    • Laura non ci sarà, non perché non voglia venire, ma perché non si sente bene.

Prosegui la lettura

Commenti [29]

Rispondi a Riccardo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Maria scrive:

    Solo l’ultimo falso e non capisco perche la seconde parte della frase non domanda il conjunctivo. Vorebbe spiegarmi prof. Anna?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, nella prima frase c’è il congiuntivo perché è introdotta da “non perché” che vuole il congiuntivo, mentre la seconda è introdotta solo da “perché” che invece vuole l’indicativo e non il congiuntivo.
      Complimenti per il tuo impegno, vedrai che farai molti progressi.
      A presto
      Prof. Anna

  2. Sono veramente contenta perchè non ho fatto neanche um errore.- La concordanza dei verbi in italiano, mi risultano abbastanza difficile.- Perciò mi piace vedere che, da poco a poco, e con la sua inestimabile aiuta, sto migliorando.- Tante grazie.-

  3. Lorenzo scrive:

    non ho fatto nessuno errore 🙂

  4. In genere non lo sbaglio, ma ogni tanto c’è qualche situazione dove non mi so decidere. Per esempio:
    Un treno parte per Roma. (ok)
    Cerco un treno che parta per Roma. (ok)
    C’è un treno che parte/parta per Roma? (?)

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fabrizio, sono corrette sia la frase con l’indicativo sia quella col congiuntivo, il congiuntivo “che parta” attribuisce alla frase una sfumatura dubitativa.
      Un saluto
      Prof. Anna

  5. eletta scrive:

    tutti verdi . !!!! sono contenta perche da quando vivo a roma, sono toscana, faccio un po’ di confusione

  6. Salve, sono sempre Alessandro; abbiamo capito che si può dire, rispetto al congiuntivo nelle relative, “Vorrei un marito che fosse ben pulito e che avesse i denti bianchi”, “Voglio un marito che sia ben pulito e che abbia i denti bianchi”; oppure “Voglio il marito che è ben pulito e che ha i denti bianchi”… Ma allora possiamo anche dire “Vorrei il marito che è ben pulito e che ha i denti bianchi”? Certo, in quest’ultima frase, se dovessi esprimere lo stesso concetto, adottarei allora la forma “Voglio il marito che è ben pulito e che ha i denti bianchi”. Ciononostante le volevo chiedere se fosse accettabile o meno la frase con il condizionale presente nella reggente e l’indicativo presente nelle subordinate relative? D’altronde ho capito che nella prima frase desidero “un marito in generale, ma che abbia certe caratteristiche (allora è corretto il congiuntivo); nella seconda stesso discorso, e cioè che desidero “un marito in generale, ma che abbia certe caratteristiche (allora il congiuntivo è corretto); nella terza invece desidero proprio “quel preciso marito che ha proprio quelle caratteristiche, in quanto l’ho visto con i miei occhi”; ragion per cui, relativamente a quest’ultimo ragionamento, credo che la frase con il condizionale presente nella principale e l indicativo presente nelle subordinate sia sì corretta, ma non stilisticamente armoniosa. D’altra parte gli articoli (o determinativi od indeterminativi) prima delle relative, anche se non è sempre certo, possono aiutarci nella scelta del tempo nelle stesse relative appunto…

    Potrebbe esser corretto?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Alessandro, userei in ogni modo l’articolo indeterminativo: “Voglio un marito che è ben pulito e che ha i denti bianchi”, in realtà per rendere tutto più semplice e scorrevole si potrebbe non usare una subordinata: ” “Voglio il marito ben pulito e che ha i denti bianchi”; in ogni modo è corretto il periodo con il condizionale e il presente nella relativa “Vorrei un marito che è ben pulito e che ha i denti bianchi”.
      Un saluto

      • Ok; mentre in queste due frasi: “Vorrei un marito che fosse ben pulito e che avesse i denti bianchi” e “Vorrei un marito che sia ben pulito e che abbia i denti bianchi”, ho letto che “Se nella reggente figura il condizionale presente di un verbo indicante volontà, desiderio, opportunità (come volere, desiderare, pretendere, esser conveniente e simili;…), la dipendente si costruisce col congiuntivo imperfetto più spesso che col congiuntivo presente” (L. Serianni, cit., p. 562). La costruzione più opportuna sarà pertanto, in tal caso, quella che vede il congiuntivo imperfetto all’interno della proposizione subordinata e quindi, nello specifico: “Vorrei un marito che fosse ben pulito e che avesse i denti bianchi (quella con il congiuntivo presente però non è comunque scorretta: “Vorrei un marito che sia ben pulito e che abbia i denti bianchi”).

        Corretto?

        • Zanichelli Avatar

          Caro Alessandro, corretto.

          • Salve, di nuovo, professoressa. Credo d’aver capito totalmente la differenza e la scelta fra il congiuntivo presente o il congiuntivo imperfetto nelle relative. E’ un ragionamento un po’ lunghino, ma cui tengo tantissimo.

            Congiuntivo: imperfetto o presente nelle relative.

            Alcuni quesiti riguardano l’impiego del congiuntivo presente o imperfetto all’interno di proposizioni subordinate relative. Il primo quesito chiede infatti quale uso sia corretto tra ‘’Vorrei un paese in cui non ci sia più cattiveria” e “Vorrei un paese in cui non ci fosse più cattiveria’’.

            Luca Serianni precisa che, ‘’Se nella reggente figura il condizionale presente di un verbo indicante volontà, desiderio, opportunità, la dipendente si costruisce col congiuntivo imperfetto più spesso (non c’è nessun giudizio di preferibilità, solo un’oggettiva costatazione di frequenza d’uso) che col congiuntivo presente” (L. Serianni, cit., p. 562). La costruzione ‘’più opportuna e comune’’ sarà pertanto, in tal caso, quella che vede il congiuntivo imperfetto all’interno della proposizione subordinata relativa, e quindi nello specifico: “Vorrei un paese in cui non ci fosse più cattiveria’’.

            D’altra parte, secondo me, per quanto riguarda il tempo da utilizzare, la proposizione relativa è particolarmente slegata dalla consecutio temporum.

            Facciamo un esempio: ‘’Servirebbe una panchina dove ci si possa / potesse sedere’’; ‘’Servirebbe una panchina dove ci si potesse sedere’’, non dico che sia scorretta, ma è incoerente, perché il verbo della reggente (‘’servirebbe’’, nonostante indichi ‘’necessità e occorrenza’’, alla stregua quindi dei verbi indicanti volontà, desiderio, opportunità e simili) implica che l’evento della relativa sia presente o futuro, non passato. La scelta migliore perciò è il congiuntivo presente: ‘’Servirebbe una panchina dove ci si possa sedere’’; perché lo stato dell’essere è presente, come indica il condizionale presente (con una proiezione nel futuro). Oppure nella frase “Vorrei un paese in cui non ci fosse più cattiveria’’, la presenza del condizionale ‘’vorrei’’ (nonostante indichi ‘’volontà’’) nella proposizione reggente non richiede tassativamente l’uso del congiuntivo imperfetto nella proposizione relativa dipendente: questa proposizione, infatti, è particolarmente svincolata dalla consecutio temporum. Perciò potremmo scrivere anche “Vorrei un paese in cui non ci sia più cattiveria’’ (anche qui lo stato dell’essere è presente, e con una proiezione nel futuro).

            Certo, nella costruzione della relativa ‘’vorrei X che’’ (‘’vorrei qualcuno che’’) agisce il modello della completiva ‘’vorrei che X’’ (‘’vorrei che fosse’’).

            Insomma, la preferenza sempre più marcata per il congiuntivo imperfetto in quest’ultimo tipo di proposizione in dipendenza dal condizionale (anche di verbi non di desiderio, opportunità, necessità) si trasmette anche all’altro tipo (la relativa), senza, però, che ci sia una ragione sintattica per questo. Si noti che la preferenza per il congiuntivo imperfetto nella completiva è a sua volta dovuta al modello del periodo ipotetico, nel quale il condizionale presente è di norma associato proprio al congiuntivo imperfetto (vorrei che tu fossi < vorrei se tu fossi; mi aspetterei che tu venissi < mi aspetterei se tu venissi). Di conseguenza, Se consideriamo questi passaggi, è prevedibile che il senso ipotetico rimanga percepibile anche nella relativa dipendente da un condizionale.

            In sintesi, facendo un altro esempio: "Guarderei volentieri un film che abbia come protagonista Al Pacino" è la forma attesa per la relativa al presente; mentre "Guarderei volentieri un film che avesse come protagonista Al Pacino" è una forma che ricalca il periodo ipotetico del secondo tipo (è come se dicessimo ‘’se ci fosse un film con al pacino come protagonista, lo guarderei volentieri’’), ma che, rimanendo nel costrutto della proposizione relativa, indica che la qualità del film (avere come protagonista Al Pacino) riguarda il passato, e ciò sarebbe è un po' bizzarro, rispetto alla reggente, che è al condizionale presente.
            A riprova di questa ricostruzione osserviamo che cosa succede se sostituiamo l'indicativo al congiuntivo nella proposizione relativa: ‘’Guarderei un film che abbia come protagonista…’’ è del tutto equivalente (ma più formale) a ‘’Guarderei un film che ha come protagonista…’’; mentre ‘’Guarderei un film che avesse come protagonista…’’ è equivalente a ‘’Guarderei un film che aveva come protagonista…’’.

            Tuttavia, non mi spingerei fino a definire sbagliato il congiuntivo imperfetto nella proposizione relativa retta da un condizionale: vero è, infatti, che il modello del periodo ipotetico è forte e che molti parlanti attribuiscono all'imperfetto, per via di questo modello, un maggiore grado di ipoteticità, nella relativa, rispetto al presente.

            Stabilito che la ragione della preferenza per l'imperfetto nella completiva non è di natura semantica, non è comunque facile stabilire quale sia la ragione effettiva. Un fattore determinante è, appunto, certamente il modello del periodo ipotetico, che induce il parlante ad associare meccanicamente il condizionale presente al congiuntivo imperfetto.
            Dopo tutto, la lingua è fatta di percezione: non ci sono strutture obbligate per natura, ma soltanto strutture alle quali gruppi di parlanti assegnano concordemente gli stessi significati; e finché si potrà scegliere tra il presente e l'imperfetto, però, propenderei ancora per il presente; oltre a essere la forma sintatticamente attesa, si noti, il presente, oltretutto, evita l'ambiguità tra ‘’Guarderei un film che avesse (= 'eventualmente ha')’’ e ‘’Guarderei un film che avesse (= 'aveva')’’.

            Al contrario, sebbene non si possa definire errato il congiuntivo presente in dipendenza da verbi di desiderio, opportunità, necessità al condizionale, questa scelta è rischiosa perché verrebbe giudicata come errata dalla maggioranza dei parlanti.

            D’altro canto la frase "Vorrei un'auto che avesse il cambio automatico" è sintatticamente non giustificata. Infatti la proposizione relativa è indipendente dalla consecutio temporum, per cui l'imperfetto al suo interno indica proprio un evento o uno stato passato. La frase così costruita, quindi, lascia intendere che il parlante voglia adesso un'auto che in passato aveva il cambio automatico: una vera bizzarria; pertanto La costruzione più attesa è "Vorrei un'auto che abbia il cambio automatico" (o anche, in un contesto più colloquiale, ‘’che ha il cambio automatico’’; non certo ‘’che aveva il cambio automatico’’). Ovviamente, su questa frase agisce l'influenza della costruzione discussa sopra ‘’vorrei che + congiuntivo imperfetto’’ (vorrei che la mia auto avesse…), ma in questo caso il modello è fuorviante e va tenuto distinto da questa costruzione con una relativa.

            Infine, entrambe le costruzioni (congiuntivo presente e imperfetto nelle relative rispetto ad un condizionale presente nella reggente) credo fortemente che siano esatte; ma con due leggere, ma notevoli, sfumature: visto che i parlanti sentono come più appropriato il congiuntivo imperfetto in quasi tutti i casi, compreso questo, il congiuntivo imperfetto si può considerare accettabile; di contro la norma della consecutio, comunque, vige ancora, e per cui, in un contesto formale, è meglio costruire la frase con il congiuntivo presente (“Vorrei un marito che fosse ben pulito e che avesse i denti bianchi (piu’ che accettabile); “Vorrei un marito che sia ben pulito e che abbia i denti bianchi” (attestata e corretta).

            Sono certo che sia corretto, almeno spero…

          • Zanichelli Avatar

            Caro Alessandro, davvero un ottimo ragionamento.

          • Sono contento che sia corretto il mio ultimo ragionamento; e se non le dispiace, vorrei condividerne un ultimo (il quale sarebbe poi il continuo).

            Siamo d’accordo sulla scelta tra il congiuntivo imperfetto e il presente (scelta corretta) nelle relative, “rette” da un condizionale presente (esprimente o meno “volontà”, “desiderio”, etc ) nella reggente.

            Ma al condizionale passato come ci comporteremmo? mi sono fatto un’idea…

            Esempio:

            “Avrei voluto una macchina che avesse/abbia avuto il cambio automatico”.

            Considerando che il condizionale passato equivarrebbe, usando un po’ di fantasia, all imperfetto indicativo (“volevo) o, talvolta, al trapassato prossimo (“avevo voluto”), opterei, nella relativa, per il congiuntivo imperfetto, dando alla frase un aspetto durativo nel passato. D’altronde il congiuntivo passato farebbe riferimento ad un evento sì passato, ma concluso. In questo caso, la differenza tra queste due forme sta nell’aspetto: con il congiuntivo imperfetto si indica uno stato od un’abitudine, anche nel desiderio e nella volontà di aver voluto qualcosa; mentre col congiuntivo passato viene illustrato un evento ben determinato nel passato e terminato, e quindi non durativo. D’altro canto, per quanto concerne la relativa, il congiuntivo imperfetto “avesse”, con un po’ di fantasia, equivarrebbe all’imperfetto indicativo “aveva”; viceversa, il congiuntivo passato “abbia avuto”, per una questione di significato e di logica, si avvicinerebbe non tanto al passato prossimo “ha avuto”, quanto al trapassato prossimo “aveva avuto”.

            Insomma scriverei “Avrei voluto una macchina che avesse il cambio automatico”; frase che, per aiutarci nella comprensione, potrebbe trasformarsi in “Volevo una macchina che aveva il cambio automatico”.
            Chiudo dicendo che la proposizione relativa è indipendente dalla consecutio temporum, come ben sappiamo; ma non possiamo non considerare il tempo passato (“Avrei voluto”) in quella che è la principale.

            D’altra parte non avremmo mai potuto scrivere “Avrei voluto una macchina che abbia il cambio automatico, sarebbe una vera e propria bizzarria: i tempi esistono e come tale vanno considerati.

            Ora si che è completo…

          • Zanichelli Avatar

            Caro Alessandro, è esatto.

  7. Riccardo scrive:

    In dipendenza delle espressioni “non c’è dubbio che” e “non dubito che” è preferibile il congiuntivo o l’indicativo? Io credo l’indicativo, anche se il congiuntivo non è del tutto scorretto, visto che, rispetto alle espressioni suddette, molte persone ne fanno largo uso. Bisogna chiarire però che la presenza del dubbio porta al congiuntivo (dubito che sia vivo), l’assenza del dubbio porta all’indicativo (non dubito che è cosi); d’altronde è la solita differenza tra frase affermativa (l’esistenza del dubbio) e frase negativa (la mancanza del dubbio). Ragion per cui io andrei tranquillo con l’indicativo negli altri casi negativi: Non c’è dubbio che fra due minuti è qui anche lui; E’ fuori dubbio che ci sto. Oltretutto in rete ho letto che le nostre espressioni (“non c’è dubbio che” e “non dubito che”) con la negazione, appunto, esprimono assoluta certezza: Non dubitare che, essere sicuro che: non dubiti che verrò a trovarla. In altre parole, la scelta fra l’uso del congiuntivo o dell’indicativo nelle subordinate dipendenti, rispetto ai nostri esempi, è relativamente aperto, e dipende, per me, fortemente dall’intenzione comunicativa del soggetto; e va detto, però, che in situazioni come queste, nella scelta tra indicativo e congiuntivo, l’elemento della soggettività del parlante o dello scrivente può giustificare l’alternativa a quanto è ritenuto più logico, tradizionale, diffuso. Perciò potremmo dire ‘’Non dubito che Luigi è rientrato a casa in orario (= Sono certo che; esprimendo assoluta certezza, e proprio perché io che parlo presento un fatto come se per me fosse definitivamente certo e reale, allora il modo indicativo per me è la soluzione naturale)’’ ma anche ‘’Non dubito che Luigi sia rientrato a casa in orario (se invece voglio comunque sottolineare l’elemento della soggettività [e di come sia soggettiva la mia certezza], della partecipazione emotiva anche nell’ambito di una cosa data per certa [non dubito, sono certo]; allora può essere anche stilisticamente più raffinato scegliere il congiuntivo, che è il tipico modo della soggettività, oltre che dell’incertezza e del dubbio)”. In soldoni, entrambe le scelte, indicativo e congiuntivo, sono corrette, anche se preferisco l’indicativo in questo caso…

    Va bene prof?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Riccardo il tuo ragionamento è corretto.

      • Riccardo scrive:

        Anche in questa frase “Non metto in dubbio che”, credo che siano giusti sia l indicativo sia il congiuntivo; rispetto a tutto il discorso suddetto:

        “Non metto in dubbio che è stato lui (sono certo che)”;

        “Non metto in dubbio che sia stato lui (se invece voglio comunque sottolineare l’elemento della soggettività, e di come sia soggettiva la mia certezza; della partecipazione emotiva anche nell’ambito di una cosa data per certa, allora può essere anche stilisticamente più raffinato scegliere il congiuntivo, che è il tipico modo della soggettività, oltre che dell’incertezza e del dubbio)”.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Riccardo, i verbi (o le costruzioni impersonali) che esprimono sentimenti e stati mentali richiedono il congiuntivo.

          • Riccardo scrive:

            Scusi, ma l ampio ragionamento che ho fatto, con il quale era d’accordo, direbbe il contrario; o meglio, rispetto alla sfumatura che vogliamo dare, entrambe le soluzioni (indicativo e congiuntivo) dovrebbero essere corrette. Le ricondivido il mio ragionamento:

            “In dipendenza delle espressioni “non c’è dubbio che” e “non dubito che” è preferibile il congiuntivo o l’indicativo? Io credo l’indicativo, anche se il congiuntivo non è del tutto scorretto, visto che, rispetto alle espressioni suddette, molte persone ne fanno largo uso. Bisogna chiarire però che la presenza del dubbio porta al congiuntivo (dubito che sia vivo), l’assenza del dubbio porta all’indicativo (non dubito che è cosi); d’altronde è la solita differenza tra frase affermativa (l’esistenza del dubbio) e frase negativa (la mancanza del dubbio). Ragion per cui io andrei tranquillo con l’indicativo negli altri casi negativi: Non c’è dubbio che fra due minuti è qui anche lui; E’ fuori dubbio che ci sto. Oltretutto in rete ho letto che le nostre espressioni (“non c’è dubbio che” e “non dubito che”) con la negazione, appunto, esprimono assoluta certezza: Non dubitare che, essere sicuro che: non dubiti che verrò a trovarla. In altre parole, la scelta fra l’uso del congiuntivo o dell’indicativo nelle subordinate dipendenti, rispetto ai nostri esempi, è relativamente aperto, e dipende, per me, fortemente dall’intenzione comunicativa del soggetto; e va detto, però, che in situazioni come queste, nella scelta tra indicativo e congiuntivo, l’elemento della soggettività del parlante o dello scrivente può giustificare l’alternativa a quanto è ritenuto più logico, tradizionale, diffuso. Perciò potremmo dire ‘’Non dubito che Luigi è rientrato a casa in orario (= Sono certo che; esprimendo assoluta certezza, e proprio perché io che parlo presento un fatto come se per me fosse definitivamente certo e reale, allora il modo indicativo per me è la soluzione naturale)’’ ma anche ‘’Non dubito che Luigi sia rientrato a casa in orario (se invece voglio comunque sottolineare l’elemento della soggettività [e di come sia soggettiva la mia certezza], della partecipazione emotiva anche nell’ambito di una cosa data per certa [non dubito, sono certo]; allora può essere anche stilisticamente più raffinato scegliere il congiuntivo, che è il tipico modo della soggettività, oltre che dell’incertezza e del dubbio)”. In soldoni, entrambe le scelte, indicativo e congiuntivo, sono corrette, anche se preferisco l’indicativo in questo caso…”

          • Zanichelli Avatar

            Caro Riccardo è chiaro che in questo casi, come hai sottolineato, la scelta tra i due modi verbali è una scelta personale che dipende dal registro linguistico, dallo stile, dal contesto e quindi entrambi sono corretti.

        • Riccardo scrive:

          Forse la presenza della negazione («non») fa sí che si usi piú spesso il congiuntivo che l’indicativo (al di là del criterio certezza/incertezza che non è sempre discriminante nella scelta tra indicativo e congiuntivo e non bisogna quindi prenderlo come una regola assoluta). Anche perché, se le parole hanno un senso, “Non metto in dubbio che…” Esprime certamente un sentimento od uno stato mentale, ma non può esprimere incertezza; semmai esprime assoluta sicurezza! ciò non toglie che la sintassi richieda ugualmente l uso del congiuntivo, ma non per i motivi tradizionali: e cioè l espressione da parte della reggente di un dubbio, ecc. Si può tutt’al più assimilarlo (nel senso di considerarlo simile) al caso in cui la reggente esprime una negazione; un po’ come dire “Io nego che si metta in dubbio che sia stato lui”.

          Spero d essere stato chiaro…

  8. Gianluigi scrive:

    “Non è perché” regge il congiuntivo;
    “È perché” regge l indicativo;

    …”Non è perché siano troppo deboli”;
    …”È perché siete intrappolati qui con noi;

    D’altronde “Non è perché” nega l esistenza di un’azione. Mentre “È perché” implica l esistenza di un’azione.

    E poi una conferma rispetto a questa frase: “Pensate che sono morte tante persone”, qui l indicativo è corretto perché “pensate” ha il significato di “comprendete”, “rendetevi conto” che sono morte tante persone. Diversamente “Pensate che siano morte tante persone?” il congiuntivo è corretto, perché vogliamo esprimere un dubbio, una perplessità oppure un’esitazione.

    Spero sia tutto corretto…

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gianluigi, tutti i tuoi ragionamenti sono corretti.

  9. Rocco scrive:

    “Essere quasi sicuri che” può reggere il congiuntivo, giusto?

    “Sono quasi sicuro che sia vivo”

  10. Mirko scrive:

    “Dove” con il significato di ” Nel caso in cui, qualora, se, ove” introduce una frase ipotetica con il verbo al congiunt.: “Dove non ti convenisse la mia proposta, agirai diversamente”; “Dove fosse possibile, vorrei trascorrere una piacevole serata in compagnia”. Mentre in una relativa al passato, preceduto da un sostantivo, il pronome relativo “dove” con il senso di “in cui”: “Cercavamo un luogo dove (in cui) fosse possibile conciliare le necessità di tutti noi” (in questa relativa il congiuntivo imperfetto, in relazione al passato, ha valore finale). Al presente, sempre come relativa: “Cerco un paese in cui sia possibile garantire la sicurezza di un individuo” (valore finale).