La concordanza dei tempi con il congiuntivo 2

Prof. Anna
congiuntivo,   grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, questa settimana l’articolo viene pubblicato di mercoledì, poiché domani è festa; oggi vedremo in che modo bisogna coniugare i verbi al congiutivo nella subordinata quando nella principale c’è un verbo che esprime volontà o desiderio coniugato al condizionale.

Buona lettura!

Prof. Anna

Le regole che abbiamo visto sulla concordanza dei tempi con il congiuntivo nell’articolo precedente non valgono quando nella principale si ha un verbo che esprime volontà o desiderio (volere, desiderare, preferire, ecc.) coniugato al condizionale presente o passato.

Vediamo insieme quali tempi del congiuntivo bisogna usare quando vogliamo esprimere contemporaneità, anteriorità o posteriorità; le regole sono le stesse sia nel caso in cui nella principale ci sia il condizionale presente sia il condizionale passato.

 

FRASE PRINCIPALE FRASE SUBORDINATA RAPPORTO TEMPORALE

preferirei che

avrei preferito che

…tu fossi stato sincero

(congiuntivo trapassato)

anteriorità

preferirei che

avrei preferito che

 …tu fossi sincero

(congiuntivo imperfetto)

contemporaneità

preferirei che

avrei preferito che

 …tu fossi sincero

(congiuntivo imperfetto)

posteriorità

Facciamo qualche altro esempio:

Vorrei che tu studiassi di più → congiuntivo imperfettocontemporaneità e posteriorità.

Vorrei che tu avessi studiato di più → congiuntivo trapassatoanteriorità.

Avrei voluto che studiassi di più congiuntivo imperfettocontemporaneità e posteriorità.

Avrei voluto che tu avessi studiato di più → congiuntivo trapassato anteriorità.

 

Ora vi propongo una breve lettura, un dialogo, in cui troverete parecchie concordanze sia con l’indicativo sia con il congiuntivo; ogni volta che le incontrate provate a valutare se esprimono un rapporto di anteriorità, contemporaneità o posteriorità.

Maria: Sono le otto passate e Luca non è ancora arrivato; credo proprio che si sia dimenticato della cena di stasera e che omai non venga più.

Alex: Non credo. Ho parlato con lui ieri pomeriggio e mi ha detto che lo avevi invitato e che ci saremmo visti a casa tua. Sono sicuro che ha dovuto trattenersi al lavoro più a lungo del previsto. Vedrai che sarà qui a momenti.

Maria: Ho i miei dubbi: anch’io pensavo che fosse ancora al lavoro, ma poco fa gli ho dato un colpo di telefono e un suo collega mi ha detto che era appena uscito per andare in centro. È poco probabile che lo vedremo qui stasera, perciò preferirei che ci mettessimo a tavola.

Alex: Ma no, aspettiamolo ancora un po’. Sono certo che ha avuto un contrattempo e che sta per arrivare. Hanno suonato, dev’essere lui!

Luca: Scusate, mi dispiace di essere così in ritardo, spero che abbiate già cominciato a mangiare.

Maria: No, ti abbiamo aspettato, ma dove sei stato? Perché non ci hai avvertito del tuo ritardo?

Luca: Sono stato davvero maleducato, ma ti assicuro che non è stata colpa mia: ho incontrato un mio vecchio amico che non vedevo da molti anni. Dopo che ero uscito dall’ufficio sono andato in pasticceria per comprare un dolce e, quando l’ho visto, anche se sapevo che era tardi, non ho potuto fare a meno di fermarmi e fare due chiacchere con lui. Quando poi sono risalito in macchina mi sono accorto che avevo dimenticato il dolce!

Maria: Non cambierai mai! Per questa volta ti perdono, ma ora andiamo a tavola.

Ora prova a rispondere alle seguenti domande usando i tempi e i modi più adeguati:

1. Cosa pensa Maria del ritardo di Luca?

2. Cosa ha detto Luca ad Alex il pomeriggio precedente?

3. Di che cosa è sicuro Alex?

4. Cosa pensava Maria?

5. Che cosa le ha detto un collega di Luca?

6. Cosa preferirebbe Maria?

7. Di che cosa è certo Alex?

8. Cosa spera Luca?

9. Chi ha incontrato Luca in pasticceria?

10. Di che cosa si è accorto in macchina?

 

 

 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [59]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Prof. Anna,
    buon giorno!
    Sto studiando il livello C1 e bisogno qualche materiali supplementare sulla forma attiva e passiva dei verbi.
    La Ringrazio,
    Eloídio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Elodio, purtroppo non posso fornirti materiale, prova a fare gli esercizi relativi agli argomenti del livello che ti interessa.
      A presto
      Prof. Anna

  2. Non scrivo quasi mai commenti su internet per il timore di invasioni nei miei siti, ma non posso fare a meno di ringraziare ed esprimere la mia gratitudine ed il mio apprezzamento per gli spunti ed il materiale che ci fornite!!

  3. Gentile Prof.ssa Anna,

    cerco unità didattiche sul giornalismo a livello medio alto, ma non mi riesce di trovare materiale. Avrebbe qualche suggerimento da darmi? La ringrazio per l’attenzione
    assunta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Assunta, purtroppo non so darti un suggerimento preciso, in libreria però si trovano testi molto validi per livelli medio alti.
      Un saluto
      Prof. Anna

  4. maria scrive:

    Grazie Prof. Anna finalmente io comincio a capire la concordanza dei tempi nel congiuntivo!

  5. Salas scrive:

    1- Maria pensa che si sia dimenticato della cena e che non venga più.
    2- Luca ha detto ad Alex il pomeriggio precedente che maria lo aveva invitato e che ci sarebbero visti a casa sua.
    3- Alex è sicuro che Luca ha dovuto trattenersi al lavoro più lungo del previsto.
    4- Maria pensava che Luca fosse ancora al lavoro.
    5- Un collega di Luca le ha detto che era appena uscito per andare in centro.
    6- Maria preferirebbe che ci mettessero a tavola.
    7- Alex è certo che Luca ha avuto un contrattempo e che sta per arrivare.
    8- Luca spera che abbiano già cominciato a mangiare.
    9- Luca ha incontrato un suo vecchio in pasticceria.
    10- Luca si è accorto che aveva dimenticato il dolce.

    vi ringrazio tanto per il vostro lavoro che ci aiuta molto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Solas: la scelta dei tempi è corretta, ci sono solo alcuni errori: 2- …e che si sarebbero visti a casa sua; 6- Maria preferirebbe che si mettessero a tavola; 9- Luca ha incontrato un suo vecchio amico.
      Un saluto
      Prof. Anna

  6. Erika scrive:

    Salve professoressa Anna,
    Mi potrebbe cortesemente spiegare come viene utilizzata la parola “anche”? Ci sono delle regole sul dove deve essere posizionata in una frase?
    Grazie mille
    Erika

    • Zanichelli Avatar

      Cara Erica, “anche” si posiziona prima dell’elemento a cui si riferisce: viene anche mia sorella (riferito a mia sorella); ho studiato storia e anche geografia; vorrei anche un caffè. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  7. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Qui sono miei risposti del test:
    1. Maria pensa, che Luca non venga più, perchè non è arrivato, mentre le otte sono passato, dunque, lui si dev’esarre dimenricato della cena di sera.
    2. Luca ha detto ad Lex questo pommeriggio di essere invitato da Maria e che si sarebbero viati a casa di Maria.
    3. Alex è sicuro che Luca ha devuto a tratenersi al lavoro più lungo del previsto.
    4. Anche Maria pensava, che fosse ancora al lavoro.
    5. Un collega di Luca ha detto ad Maria che lui era appena ucito per andare in centro.
    6. Maria preferirebbe che si mettesero a tavola.
    7. Alex è certo, che Luca ha avuto un contratempo e che Luca era stato in arrivo.
    8. Luca spera che abbiano già comminiciato a mangiare.
    9. Lui ha incontrato un suo vecchio amico che non ha visto da molti anni.
    10. Si è accorto in macchina che aveva dimenticato il dolche.
    La scorsa lessione trovo molto interresante e utile. Ho trovafo difficile, ma me ne ho cavarsela. Spero che abbia usato coretta la frase “ma me ne ho cavarsela” corretta. Ne ho visto in un altro corso e trovavo troppo difficolto ancora, ma ora ho e avro più coraggio.
    Con salutti cordiali dal Ollanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita: 1- Maria pensa che Luca si sia dimenticato della cena; 2- Luca ha detto ad Alex che era stato invitato da Maria e che si sarebbero visti a casa sua; 3- Alex è sucuro che Luca ha dovuto trattenersi al lavoro più a lungo del previsto; 4- è corretta; 5- Un collega di Luca ha detto a Maria che era appena uscito per andare in centro; 6- Maria preferirebbe che si mettessero a tavola; 7- Alex è certo che Luca ha avuto un contrattempo e che sta per arrivare; 8- Luca spera che abbiano già cominciato a mangiare; 9- Luca ha incontrato un vecchio amico che non vedeva da molti anni; 10- Si è accorto che aveva dimenticato il dolce.
      A presto
      Prof. Anna

  8. Anita scrive:

    Grazia mille per le sua correzione, anche questa lezione imparerò fincè che ne ho sotto controlla; questa è veramente necessario. Spero anche che faccio sappere presto di me, perchè volentieri scrivo e parlo tutti corretti, come faccio con mio tedesco e inglese.
    A presto possibile
    Anita

  9. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Proposito, mi sono accorto di chiederLei ch’è il infinito del partizipio “accorto”, come ho usato all’inzio della questa frase. Sto imparando i verbi idiomarici 1 che Lei ha ricommandato a me.
    Grazie mille in antizipio e salutti cordiali dal Ollanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, l’infinito è “accorgersi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Grazie mille, ora posso coniungare e usarla. Sono molto felice sopratutto negli questi giorni che tutto vede festivo.
    Con cordiali salutti dal Ollanda
    Anita

  11. Andrea scrive:

    Prof Anna,
    si può dire al posto di “perciò preferirei che ci mettessimo a tavola” perciò preferirei che ci mettiamo(cong presente)a tavola?

    Grazie mille
    Andrea

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, non si può usare il congiuntivo presente dopo un verbo di volontà o desiderio al condizionale presente, bisogna usare il congiuntivo imperfetto “mettessimo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  12. Andrea scrive:

    Adesso che ci penso si, anche in altri esempi non funziona!
    Grazie mille 🙂

  13. mara scrive:

    spero di non venir messa da parte
    o spero di non essere messa da parte
    venir o essere ?

    oppure
    spero non mi metterai da parte
    oppure
    spero tu non mi metta da parte

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mara, tutte le frasi che mi scrivi sono corrette, le prime due sono passive (per la forma passiva è corretto usare sia “essere” che “venire”); le ultime due attive.
      Un saluto
      Prof. Anna

  14. Eti scrive:

    Scusatemi come dicendo funzionare al congiuntivo presente?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Eti, non so se ho capito bene la tua domanda, “funzionare” al congiuntivo presente si coniuga così: io funzioni; tu funzioni; egli funzioni; noi funzioniamo; voi funzioniate; essi funzionino.
      Un saluto
      Prof. Anna

  15. mara scrive:

    ” ma proprio non vuoi che io resti con il gusto della vittoria?!”

    questa frase è corretta?!!
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mara, la frase che mi scrivi è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  16. melina scrive:

    Buongiorno, volevo togliere un dubbio riguardo la correttezza di questa frase con l’uso del congiuntivo: ‘È evidente che tu non abbia letto’ . Io sostengo che l’uso del congiuntivo passato qui è improprio in quanto non si esprime dubbio, ma certezza….oltre al fatto che mi sembra non ci sia nemmeno concordanza di tempi. Sbaglio?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Melina, il congiuntivo in questo caso non è necessario proprio perché non viene espresso un dubbio ma una certezza, i tempi invece sono corretti.
      A presto
      Prof. Anna

  17. mara scrive:

    Ciao!
    Per favore, potreste rispondermi al più presto possibile?
    vorrei togliermi ancora dei dubbi :)?! Grazie!!!
    E’ corretto scrivere questa frase?!:
    “Luca non voglio che tu rimanga tutto il tempo così davanti alla tv!Quanto vorrei che ti impegnassi,che ridessi con me non di me!”

    in questa frase sono giusti i tempi?
    è giusto passare da un congiuntivo presente ad un imperfetto?

    Grazie mille!!!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mara, la frase è corretta, bisogna però mettere una virgola dopo “Luca”.
      A presto
      Prof. Anna

  18. Stefano scrive:

    Salve e buon anno.

    Io ho dei dubbi riguardanti la concordanza dei tempi di queste 3 forme:

    _Credevo che venisse
    _Credevo che fosse venuto
    _Credevo che sarebbe venuto

    Gentile Prof. Anna, potrebbe spiegarmele con qualche esempio.

    Grazie, cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, nella frase “credevo che venisse” la subordinata (venisse) è contemporanea rispetto alla principale (credevo), entrambe sono al passato (imperfetto); nella frase “credevo che fosse venuto” la subordinata (fosse venuto) è anteriore rispetto alla principale e nell’ultima frase la subordinata (sarebbe venuto) è posteriore rispetto alla principale; ti consiglio di leggere questo articolo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=4258
      A presto
      Prof. Anna

  19. Giulia scrive:

    Proff.ssa Anna mi potete scrivere 10 frasi con il verbo al modo congiuntivo e condizionale per favore? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giulia, posso farti un esempio per ognuno di questi modi verbali: spero che tu STIA bene; VORREI andare in vacanza.
      Un saluto
      Prof. Anna

  20. Vittorio scrive:

    Proff.ssa Anna grazie delle vostre spiegazioni,sto capendo molto di piu anche grazie ai vostri esempi molto piu semplici e comprensibili.volevo chiederle se poteva spiegarmi un argomento che proprio nn capisco:gli intransitivi pronominali(in altri siti nn si capisce nnt) spero che riesca a darmi una spiegazione completa,grazie

  21. graciela scrive:

    me piace molto questo sito..vi ringranzio il vostro lavoro che ci aiuta molto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Graciela, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  22. graciela scrive:

    1- Maria pensa che si sia dimenticato della cena e che non venga più.
    2- Luca ha detto ad Alex il pomeriggio precedente che maria lo aveva invitato e che ci sarebbero visti a casa sua.
    3- Alex è sicuro che Luca ha dovuto trattenersi al lavoro più lungo del previsto.
    4- Maria pensava che Luca fosse ancora al lavoro.
    5- Un collega di Luca le ha detto che era appena uscito per andare in centro.
    6- Maria preferirebbe che ci mettessero a tavola.
    7- Alex è certo che Luca ha avuto un contrattempo e che sta per arrivare.
    8- Luca spera che abbiano già cominciato a mangiare.
    9- Luca ha incontrato un suo vecchio in pasticceria.
    10- Luca si è accorto che aveva dimenticato il dolce.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Graciela, ti faccio alcune correzioni: 2- Luca ha detto ad Alex il pomeriggio precedente che Maria lo aveva invitato e che si sarebbero visti a casa sua; 3- Alex è sicuro che Luca abbia dovuto trattenersi al lavoro più lungo del previsto; 6- Maria preferirebbe che si mettessero (oppure “ci mettessimo”) a tavola; 7- Alex è certo che Luca abbia avuto un contrattempo e che stia per arrivare; 9- Luca ha incontrato un suo vecchio amico (?) in pasticceria. Per ripassare l’uso del congiuntivo ti consiglio questo articolo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=2494
      A presto
      Prof. Anna

  23. Stefano M scrive:

    Buonasera prof. Anna, le volevo chiedere se usare il congiuntivo presente dopo il condizionale presente è vietato solo con i verbi che esprimono desiderio e volontà o è sempre vietato anche con tutti gli altri verbi? Qualora non fosse così potrebbe farmi gentilmente qualche esempio? grazie e buona serata

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, potresti farmi un esempio?
      Prof. Anna

  24. Ermacora scrive:

    Non so se sia l’articolo giusto ma volevo aolo un breve chiarimento sull’uso del congiuntivo: dire “le chiederanno se qualcuno l’ha contattata” anziché “l’avesse/l’abbia contattata” è sempre un errore, giusto?
    La ringrazio molto dell’aiuto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ermacora, la frase introdotta da -se- in questo caso è un’interrogativa indiretta, queste proposizioni possono avere l’indicativo (l’ha contattata) o il congiuntivo per sottolineare il valore dubitativo della frase (l’abbia contattata).
      Un saluto
      Prof. Anna

  25. Luciana scrive:

    Cara prof. Ana

    Ho un dubbio sulla frase

    Qualunque cosa Giulia (decidere*), noi saremo sempre d’accordo

    È correto usare DECIDESSE o DECIDA?XK?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Luciana, è corretto usare il congiuntivo presente “decida”.
      Un saluto
      Prof.Anna

  26. Helfo scrive:

    La frase è questa: Se alcuni alunni si dovessero presentare qui a casa vorreste indirizzarli gentilmente dalla nonna.
    I tempi sono giusti…oppure invece di vorreste è meglio dire vogliate..?
    Grazie…

    • Zanichelli Avatar

      Caro Helfo, i tempi non sono scorretti, ma ci vuole un punto interrogativo alla fine della frase.
      A presto
      Prof. Anna

  27. Ale scrive:

    Buongiorno.
    Il periodo”Se ti fossi impegnato di più, non sarebbero conseguiti risultati così negativi”, è giusto?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ale, la scelta dei tempi e dei modi è corretta, si tratta infatti di un periodo ipotetico dell’irrealtà, ma per rendere più fluida la frase direi: “se ti fossi impegnato di più, non avresti conseguito risultati così negativi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Ale scrive:

        Buongiorno
        La ringrazio per la risposta.Avrei ancora un dubbio sui tempi del seguente periodo.”Ci avevi detto che c’era qualche speranza che potessi rimanere con noi anche l’anno dopo.”
        Io avrei scritto “Ci hai detto che ci sarebbe stata qualche speranza che saresti potuto rimanere con noi l’anno successivo.” Anche se mi pare un po’ pesante.Cosa mi consiglia? Grazie

        • Zanichelli Avatar

          Caro Ale, in dipendenza da un tempo passato (ci avevi detto, ci hai detto) un imperfetto esprime un’azione contemporanea alla reggente, quindi nel primo periodo “che c’era qualche speranza” è contemporanea a “ci avevi detto”, mentre il condizionale passato esprime posteriorità rispetto a una reggente al passato; dipende quindi da quale rapporto tra le frasi vuoi esprimere, se l’ultima frase esprime posteriorità e le prime due sono contemporanee tra di loro, puoi dire: “ci avevi detto che c’era qualche speranza che saresti potuto rimanere con noi l’anno successivo”. Spero di essere stata chiara.
          A presto
          Prof. Anna

  28. Roberta scrive:

    Gentile prof. Anna
    ho un dubbio riguardo l’uso del congiuntivo nella seguente frase: Sarebbe piu’ conveniente che tu ti faccia accompagnare da qualcuno/Sarebbe piu’ conveniente che tu ti facessi accompagnare da qualcuno – presente o imperfetto?
    Grazie
    Cordiali saluti
    Roberta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Roberta, con i verbi che esprimono un giudizio di convenienza, sufficienza, importanza coniugati al condizionale presente nella reggente, per esprimere un rapporto di contemporaneità o di posteriorità nella subordinata è necessario usare il congiuntivo imperfetto, quindi è corretta laseconda frase che mi scrivi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  29. Marco scrive:

    Gentile Professoressa,
    Ho un dubbio. Una persona mi ha scritto una mail ed io le ho comunicato il mio disappunto per il contenuto scrivendole “avrei preferito che tu scrivessi questo piuttosto che quest’altro”. E’ corretto oppure, per esprimere anteriorità, avrei dovuto scrivere “avrei preferito che tu avessi scritto…”.

    La ringrazio.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, per esprimere anteriorità avresti dovuto usare il congiuntivo trapassato “avessi scritto”.
      A presto
      Prof. Anna

  30. Giuseppe scrive:

    Salve. È corretta la seguente frase: “vorrei sapere se tu abbia il mio libro e, nel caso, se potessi restituirmelo”?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, è meglio usare l’indicativo: “vorrei sapere se hai tu il mio libro e, nel caso, se puoi restituirmelo”.
      Un saluto
      Prof. Anna