Il congiuntivo trapassato

Prof. Anna
congiuntivo,   grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Cari lettori e lettrici di Intercultura blog, oggi completeremo lo studio dei tempi del congiuntivo analizzando la formazione e l’uso del congiuntivo trapassato.

Buona lettura!

Prof. Anna

Il congiuntivo trapassato viene usato, in quanto modo congiuntivo, per descrivere un’azione vista come non obbiettiva, non reale, in quanto tempo trapassato, esprime anteriorità tempor ale rispetto a un momento passato.

 

CONIUGAZIONE DEL CONGIUNTIVO TRAPASSATO

Il congiuntivo trapassato si coniuga combinando le forme del congiuntivo imperfetto degli ausiliari essere e avere con il participio passato del verbo:

 

comprare vendere uscire
io avessi comprato io avessi venduto io fossi uscito-a
tu avessi comprato tu avessi venduto tu fossi uscito-a
lui-lei avesse comprato lui-lei avesse venduto lui-lei fosse uscito-a
noi avessimo comprato noi avessimo venduto noi fossimo usciti-e
voi aveste comprato voi aveste venduto voi foste usciti-e
loro avessero comprato loro avessero venduto loro fossero usciti-e

 

essere avere
io fossi stato-a io avessi avuto
tu fossi stato-a tu avessi avuto
lui-lei fosse stato-a lui-lei avesse avuto
noi fossimo stati-e noi avessimo avuto
voi foste stati-e voi aveste avuto
loro fossero stati-e loro avessero avuto

 USO DEL CONGIUNTIVO TRAPASSATO

Il congiuntivo trapassato di solito viene usato nelle frasi secondarie introdotte da forme verbali al passato di verbi che vogliono il congiuntivo come credere, pensare, sperare, ecc., viene usato per esprimere anteriorità rispetto al momento indicato dal verbo della principale.

Il verbo della principale può essere:

all’imperfetto: volevo (ieri) che tu fossi arrivato (prima di ieri) in tempo;

• al passato prossimo: ho creduto (ieri) che loro fossero già partiti (prima di ieri);

• al passato remoto: pensai (ieri) che lei si fosse offesa (prima di ieri);

• al trapassato prossimo: non avevo pensato (ieri) che tu avessi finito (prima di ieri);

• al condizionale passato: avrei voluto (ieri) che voi vi foste incontrati (prima di ieri) prima.

Possiamo trovare il congiuntivo trapassato anche in una subordinata retta da un verbo al condizinale presente:

• vorrei (oggi) che loro avessero letto (prima di oggi) questo libro.

Il congiuntivo trapassato si usa anche nelle subordinate introdotte da congiunzioni come:

senza che: Marco è venuto senza che nessuno lo avesse invitato;

nonostante: avevo paura dell’esame nonostante avessi studiato molto;

malgrado: malgrado tutti fossimo arrivati in orario, lo spettacolo cominciò dopo più di un’ora;

a meno che: non sarei mai venuto alla festa, a meno che tu non mi avessi invitato;

a condizione che: abbiamo fatto entrare tutti alla festa a condizione che fossero vestiti in maschera.

Anche in questi casi la frase principale ha il verbo al passato.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Ho pensato che mi hanno fatto uno scherzo.
    • Ho pensato che mi avessero fatto uno scherzo.
  2. Scegli la frase corretta:
    • Speravamo che voi vi aveste trovati bene a casa nostra.
    • Speravamo che voi vi foste trovati bene a casa nostra.
  3. Scegli la frase corretta:
    • Pensai che lui avesse capito il motivo del mio gesto.
    • Pensai che lui abbia capito il motivo del mio gesto.
  4. Scegli la frase corretta:
    • Vorrei che tu mi avevi aiutato di più.
    • Vorrei che tu mi avessi aiutato di più.
  5. Scegli la frase corretta:
    • Temevo che vi foste persi.
    • Temevo che vi fosse persi.
  6. Scegli la frase corretta:
    • Non eravamo sicuri che la lettera vi foste arrivata.
    • Non eravamo sicuri che la lettera vi fosse arrivata.
  7. Scegli la frase corretta:
    • Avrei voluto che tu mi avessi trattato da amico.
    • Avrei voluto che tu mi avresti trattato da amico.
  8. Scegli la frase corretta:
    • Ci dispiacque molto che Luca fosse partito senza avvertirci.
    • Ci dispiacque molto che Luca era partito senza avvertirci.
  9. Scegli la frase corretta:
    • Non credevo che Marco fosse potuto comportarsi così.
    • Non credevo che Marco avesse potuto comportarsi così.
  10. Scegli la frase corretta:
    • Pensavo che avresti già lavato i piatti.
    • Pensavo che avessi già lavato i piatti.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [161]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Maria scrive:

    Non molto difficile dopo l’esempi ma usare da sola?? E altra cosa!!Non capisco bene “dispiacque” Vorebbe spiegarmi Prof. Anna?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, di solito quando affronto un argomento per la prima volta preferisco questo tipo di esercizio, che è più semplice, mentre quando faccio il test su argomenti già trattati utilizzo un tipo di esercizio nel quale gli studenti devono scrivere le frasi correttamente da soli, quindi è un po’ più complicato. “Dispiacque” è il passato remoto, terza persona singolare, del verbo “dispiacere”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  2. ines tn scrive:

    Salve prof,
    Nella domanda “09” possiamo usare l’ausiliare essere visto che dopo il verbo servile”potere” c’è un verbo riflessivo.
    grazie e Buon lavoro

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ines, nella frase “non credevo che Marco avesse potuto comportarsi così” usiamo l’ausiliare “avere” perché la particella pronominale “si” è attaccata all’infinito (comportar-si), mentre se la particella precede il verbo servile useremo l’ausiliare “essere”: “non credevo che Marco si fosse potuto comportare così”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  3. Ciao Ana.
    Scusi, ma io ho un dubbio. Nella questione 5, si scrive VI FOSTE PERSI, e nella questione 6 non ho capito perche non si può scrivere VI FOSTE ARRIVATA. Per favore, puoi spiegarmi un pó meglio?

    Grazie.
    Maria Aparecida
    Brasile.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, nella frase “che la lettera vi (= a voi) fosse arrivata” il soggetto è “la lettera” quindi il verbo deve essere coniugato alla terza persona singolare (fosse) e non alla seconda plurale (foste).
      Un saluto
      Prof. Anna

  4. Asia scrive:

    salve e’ giusto usare il congiuntivo trapassato in una frase al presente tipo ” il sole e’ come se già’ l’ avessi visto ” . Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Asia, la tua frase è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  5. Asia scrive:

    Salve prof.Anna grazie per la risposta al precedente dubbio, ne ho un altro che riguarda l uso del passato prossimo e passato remoto , nella frase ” tenne conto dei suoi sentimenti e degli ostacoli che avrebbe incontrato” e’ giusto il verbo al passato remoto ? O è’ preferibile usare il passato prossimo ” ha tenuto”. Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Asia, è corretto usare il passato remoto in questa frase.
      A presto
      Prof. Anna

  6. Asia scrive:

    Salve prof. Anna e’ corretto l uso dei tempi in questa frase ” come ti sentiresti se tuo figlio usasse le stesse parole ogni volta che parla con te” grazie.
    Saluti asia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Asia, la frase che mi scrivi è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

      • Ciccio scrive:

        Io credevo fosse giusto:ogni volta che parlerà con te

        • Zanichelli Avatar

          Caro Ciccio, la frase che mi scrivi è corretta.
          Un saluto
          Prof. Anna

  7. Daniele scrive:

    Troppo facile, ho risposto tra 1 minuto e già finito :O

  8. Matt scrive:

    Buongiorn Prof.,
    è più corretto dire:

    a) non pensavo fosse possibile trasformarsi…, o
    b) non pensavo sarebbe stato possibile trasformarsi?

    Grazie,
    complimenti per il sito.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Matt, entrambi i periodi sono corretti, esprimono però rapporti temporali diversi tra reggente e subordinata: nel primo il rapporto tra reggente (non pensavo) e subordinata (fosse possibile trasformarsi) è di contemporaneità; nel secondo il rapporto temporale tra principale (non pensavo) e subordinata (sarebbe stato possibile trasformarsi) è di posteriorià.
      Un saluto
      Prof. Anna

  9. michele scrive:

    Stò preparando dei test per un concorso ed ho trovato alcune risposte errate esempio: la seconda persona singolare futuro anteriore del verbo constatare la risposta esatta secondo il test é: che tu avessi constatato secondo la grammatica invece la risposta giusta dovrebbe essere: che tu avrai constatato. Sapreste gentilmente darmi la risposta esatta grazie Michele

    • Zanichelli Avatar

      Caro Michele, il futuro anteriore del verbo “constatare” alla seconda persona singolare è: tu avrai constatato (non serve il “che”, non è un congiuntivo), mentre “che tu avessi constatato” è il congiuntivo trapassato.
      A presto
      Prof. Anna

  10. Anastasia scrive:

    Salve, prof. Anna nella frase ” l ‘ apostolo Paolo sorti’ un effetto positivo su…..” Il verbo sortire e ‘ adatto al contesto? , può’ essere usato tranquillamente o forse suona un po’ arcaico.
    Grazie Asia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anastasia, l’espressione “sortire un effetto” è corretta e mi sembra adatta al contesto (anche se non lo conosco abbastanza), non è sicuramente un’espressione colloquiale, ma mi sembra che questo non sia il tuo caso.
      Un saluto
      Prof. Anna

  11. mari scrive:

    Salve! Ho letto questa frase : ‘ …il compito di cercare testi giuridici che AVESSERO potuto consolidare…’ Per un momento ho pensato che ci sarebbe stato bene anche ‘ avrebbero’. Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mari, sarebbe corretto “che avrebbero potuto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  12. Piscida scrive:

    ciao Prof Anna
    Qualle è più corretta…Ero contento che tutti si fossero ricordati del mio compleanno o
    Ero contento che tutti ricordassero del mio compleanno ?
    Un saluto. Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Car Piscida, entrambe le frasi sono corrette, ma nella prima la subordinata: “che tutti si fossero ricordati del mio compleanno” è anteriore rispetto alla principale; mentre nella seconda la subordinata: “che tutti ricordassero il mio compleanno” è contemporanea alla principale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  13. chiariz scrive:

    cara prof anna,
    facendo questo esercizio mi è sorto un dubbio.
    nell esercizio 5 “foste” me lo da giusto e nella 6 no…
    perchè?
    cosa cambia da un esercizio all’altro?
    spero che potrà rispondermi
    cordiali saluti
    chiariz

    • Zanichelli Avatar

      Caro Chiariz, nella frase 5 il soggetto è “voi” quindi “foste” (seconda persona plurale) è corretto; mentre nella frase 6 il soggetto è “la lettera” quindi è corretto “fosse” (terza persona signolare).
      Un saluto
      Prof. Anna

  14. Asia scrive:

    Salve prof. Anna , il mio dubbio e’ nella frase :conosco come la pensano i miei genitori, so che hanno molti pregiudizi nei vostri confronti e questo mi trattiene dal dirgli ….. E’ corretto l uso di dirgli nel linguaggio parlato o è’ preferibile la forma dir loro , grazie mille per la sua disponibilità’ Asia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Asia, sono corrette entrambe le forme.
      A presto
      Prof. Anna

  15. Mario scrive:

    Salve Prof.Anna

    Meglio dire:

    era il più grande regalo che avessi potuto avere ??

    era il più grande regalo che avrei potuto avere ??

    Qual è la differenza ?? corrette entrambe ??

    Grazie tante

    Mario

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, io direi “era il più grande regalo che potessi avere”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  16. Floriana scrive:

    Volevo sapere se la seguente frase è corretta:
    Chiamando allo studio del veterinario ho chiesto: <>:

    • Zanichelli Avatar

      Cara Floriana, la frase che mi scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  17. Asia scrive:

    Salve Prof. Anna la ringrazio per l aiuto che mi da’ nel risolvere i miei dubbi in particolare nelle forme verbali nelle quali ho purtroppo delle lacune …. Le scrivo la frase: Immagina di dover cercare una via in una città’ che non conosci , ti senti piu sicura di arrivare a destinazione utilizzando il navigatore o….. Il verbo senti e’ corretto o è’ preferibile usare sentiresti (condizionale )
    Saluti Asia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Asia, sarebbe preferibile il condizionale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  18. Maria R scrive:

    Buongiorno Prof,
    è corretto scrivere “ho creduto fosse stato più facile riallacciare legami familiari”?
    Grazie per la risposta.
    Un saluto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, la frase corretta dovrebbe essere: “ho creduto che sarebbe stato più facile”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  19. Stefania scrive:

    Gentilissima Prof.Anna,

    volevo ringraziarla tantissimo perchè riesce sempre a togliermi ogni dubbio.
    Le sarei grata se riuscisse a togliermi anche questi:
    “pensai a come sarebbe stato bello vedere quelle città…”(racconto di un viaggio avvenuto) è corretto l’uso di questi due verbi?Possono stare insieme passato remoto e condizionale passato?

    l’uso della virgola dopo la congiunzione “però” è corretta o andrebbe inserita prima?
    “ero in albergo però, quando sono uscita, sono andata subito”.

    Grazie, un caro saluto Stefania

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, entrambe le frasi che mi scrivi sono corrette.
      Un saluto
      Prof. Anna

  20. Visnja scrive:

    Buonasera Prof.Anna,
    Il Trapassato prossimo c’è anche il Trapassato remoto.
    Quando si usa il Trapassato remoto?!
    Grazie tante!
    Visnja

  21. Visnja scrive:

    Cara Prof.Anna,
    grazie mille!

  22. Filippo scrive:

    Cara Prof. è corretta la seguente frase: avrei messo la mano sul fuoco che avessi risposto così e non mi sarei bruciato.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Filippo, è corretto: avrei messo la mano sul fuoco che avresti risposto così e mi sarei bruciato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  23. Piero scrive:

    Buongiorno! Volevo chiedervi se la seguente frase sia o meno corretta:
    Grazie a tizio caio e sempronio per essersi confermati, ancora una volta, i migliori amici che avessi mai potuto avere!!
    Grazie,
    Piero

    • Zanichelli Avatar

      Caro Piero, la frase è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  24. andrew scrive:

    Cara prof, è corretto scrivere:
    Pensavo che un’affermazione del genere non avesse potuto essere mai pronunciata da me invece…

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrew, potresti dire: “pensavo che un’affermazione del genere non potesse mai essere pronunciata da me, invece…”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  25. C’e’ una domanda ,, quale’ la differenza tra il congiuntivo imperfetto e l congiuntivo trapassato
    Gtz in anticipo 🙂

  26. Diego scrive:

    Salve ho un dubbio su questa frase se usare il condizionale o il congiuntivo:
    “Non pensavo che avesse commentato” o “Non pensavo che avrebbe commentato” ???
    Grazie in aticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Diego, è possibile sia il congiuntivo che il condizionale, prima di tutto i due enunciati differiscono per quanto riguarda il rapporto temporale tra le due frasi, il primo con reggente all’imperfetto e subordinata al trapassato esprime un rapporto di anteriorità, mentre il secondo con reggente all’imperfetto e subordinata al condizionale passato esprime posteriorità; per quanto riguarda i modi, quindi la scelta tra congiuntivo e condizionale, il condizionale sottolinea maggiormente un’azione giunta a conclusione, mentre il congiuntivo esprime meglio qualcosa di incerto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  27. Giuseppe scrive:

    Salve! Avrei un dubbio: si dice: “Non avrei creduto che gli italiani del nord fossero stati così chiusi” o “sarebbero stati così chiusi”. La regola vuole il congiuntivo trapassato, ma potremmo usare anche il condizionale passato?

    Grazie!
    Giuseppe

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, dipende dal raporto temporale tra le due frasi, la frase con il condizionale passato nella subordinata ha un rapporto di posteriorità con la reggente, mentre quella con il congiuntivo trapassato ha un rapporto di anteriorità, io userei in questo caso il congiuntivo imperfetto che esprime un rapporto di contemporaneità con la reggente: “non avrei creduto che gli italiani del nord fossero così chiusi”.
      A presto
      Prof. Anna

  28. Elisa scrive:

    Salve.. E’ corretto esclamare in una frase .. E se ieri avrei voluto parlarne,oggi ho pensato bene che non ne vale la più la pena!il condizionale anche se accostato al ”se”e’corretto? Se si ,quale regole grammaticali segue?grazie anticipatamente

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elisa, se+ condizionale è possibile quando “se” introduce una proposizione dubitativa, la frase quindi è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  29. rino scrive:

    Magnifico: 10 su 10
    Cordiali saluti Prof.ssa

  30. Gentile Professoressa Anna,
    ho un dubbio sulla seguente frase:
    “Pensavo venisse anche Marc” oppure “Pensavo che sarebbe venuto anche Marc.”

    Grazie per il tempo che mi dedicherà.

    Un saluto,
    Massimiliano

    • Zanichelli Avatar

      Caro Massimiliano, le frasi sono entrambe corrette, ma esprimono rapporti temporali diversi tra reggente e subordinata, nella prima frase la reggente (pensavo-nel passato) è contemporanea alla subordinata (che venisse -nel passato), mentre nella seconda la subordinata è posteriore rispetto alla reggente “pensavo(nel passato) che sarebbe venuto (nel futuro rispetto al passato), per approfondire questo argomento ti consiglio questi due articoli: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=4258; http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=4306
      A presto
      Prof. Anna

  31. Gentile Professoressa Anna,
    grazie infinite per le delucidazioni. Quindi possono essere entrambe corrette, subordinatamente all’intenzione che si vuole dare.

    Ps. Scrivo, quindi reputo importante il confronto al fine di discernere ogni genere di incertezza.

    A pesto, e grazie ancora!

    Massimiliano

    • Zanichelli Avatar

      Caro Massimiliano, le tue conclusioni sono corrette.
      A presto
      Prof. Anna

  32. Matteo scrive:

    Salve Prof. Anna. Vorrei sapere se questa frase è corretta: “Se tutti i professori fossero come te le scuole sarebbero migliori e si imparerebbe davvero qualcosa”.
    Grazie per il suo aiuto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Matteo, la frase è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  33. concy scrive:

    Mi aiuti sono in difficoltà! !!!!!!

    Era bello se eravamo tutti insieme
    È corretta questa frase?

    Ancora
    Che tipo di costrutto è: non vedo l’ ora

  34. lina scrive:

    Cara prof. Anna, quando parlo al telefono o scrivo messaggi non so mai cosa, come scrivere. Sto provando ad allenarmi con delle lettere commerciali. Vorrei sapere da lei se potrebbe correggermele. Se sì gliele invierò la prossima volta. Grazie.

  35. Rino scrive:

    Gentile Prof. Anna,

    oggi mi è sorto un dubbio sulla correttezza della seguente frase:
    “Potevamo noi escludere che il sospettato non fosse potuto entrare nell’abitazione in quella domenica di agosto?”

    Nel caso fosse corretta, lo sarebbe lo stesso per quanto riguarda la coerenza temporale se sostituissi l’imperfetto della principale con un indicativo presente?

    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, la frase è corretta, nel caso di un indicativo presente sarebbe meglio un congiuntivo passatto (sia potuto entrare).
      Un saluto
      Prof. Anna

  36. Riccardo scrive:

    Il dono più bello che avessimo potuto ricevere è quello di essere ciò che siamo: donne!
    Prof. mi perdoni, Le sembra corretta la frase?
    Grazie in anticipo.
    Riccardo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Riccardo, la frase è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  37. Donato scrive:

    Gentile professoressa, ho un dubbio sulla seguente frase:
    “Si racconta che la paura fosse tale che non osavo pronunciare la parola ‘sogni’. E pare che mio padre abbia tappezzato la casa di cartelli…”

    In particolare il dubbio è questo: è corretto scrivere “abbia tappezzato” o bisognerebbe scrivere “avesse tappezzato”?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Donato, è corretto il congiuntivo passato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  38. Donato scrive:

    Gentile professoressa, ho un dubbio sulla seguente frase:
    “Si racconta che la paura fosse tale che non osavo pronunciare la parola ’sogni’. E pare che mio padre abbia tappezzato la casa di cartelli che dicevano…”
    In particolare il dubbio è questo: è corretto scrivere “abbia tappezzato” o bisognerebbe scrivere “avesse tappezzato”?

  39. stefano scrive:

    Buonasera Prof. Anna, da alcuni giorni seguo questo sito molto istruttivo e penso che, sperando di non disturbare e di avere una sua riposta, ne approfitterò per porle qualche domanda sul congiuntivo. Vorrei chiederle se è corretto dire avrei voluto o avrei preferito che mi ascoltassero di più. La ringrazio in anticipo e la invidio e ammiro per la gentilezza con cui risponde a tutti o tanti che siano. Buonasera

  40. Professoressa Anna, buongiorno.
    Ci siamo già sentiti in merito ad un’altra questioene e il confronto è stato molto utile. Volevo sottoportle quindi un altro quesito.

    ‘Era una ragazza intelligente e coraggiosa, questo lo aveva capito sin dal primo istante, per cui confidò nel fatto che avrebbe compreso anche ciò che non avrebbe mai potuto dirle con le parole. Lentamente piegò il capo, come annuendo.’

    ‘Era una ragazza intelligente e coraggiosa, questo lo aveva capito sin dal primo istante, per cui confidò nel fatto che comprendesse anche ciò che non avrebbe mai potuto dirle con le parole. Lentamente piegò il capo, come annuendo.’

    Posso sussistere entrambe?

    La ringrazio per il tempo che mi dedicherà.

    A presto,
    Massimiliano

  41. stefano scrive:

    La ringrazio tanto Prof. Anna, ero convinto che mi avrebbe risposto! Questo sito e i suoi suggerimenti sono davvero utili! Da un pò di giorni sto cercando di capire l’espressione migliore con non so se rivolto al passato molto remoto. Fatico a capire la differenza dei tempi tra non so se fosse e non so se fosse stato. Grazie ancora, un saluto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, non ho capito bene la tua domanda, se mi fai un esempio potrò darti una risposta più precisa.
      A presto
      Prof. Anna

  42. Professoressa Anna, buongiorno.
    Ho riformulato la domanda senza errori di battitura, più presentabile.

    Ci siamo già sentiti in merito ad un’altra questione e il confronto è stato molto utile. Volevo sottoporle quindi un altro quesito.

    ‘Era una ragazza intelligente e coraggiosa, questo lo aveva capito sin dal primo istante, per cui confidò nel fatto che avrebbe compreso anche ciò che non avrebbe mai potuto dirle con le parole. Lentamente piegò il capo, come annuendo.’

    ‘Era una ragazza intelligente e coraggiosa, questo lo aveva capito sin dal primo istante, per cui confidò nel fatto che comprendesse anche ciò che non avrebbe mai potuto dirle con le parole. Lentamente piegò il capo, come annuendo.’

    Possono sussistere entrambe?

    La ringrazio per il tempo che mi dedicherà.

    A presto,
    Massimiliano

    • Zanichelli Avatar

      Caro Massimiliano, sono corrette entrambe, ma hanno significati diversi, l’uso del condizionale passato serve a posizionare nel futuro l’azione rispetto alla reggente al passato (confidò), mentre con il verbo al congiuntivo imperfetto le azioni sono contemporanee.
      Un saluto
      Prof. Anna

  43. Gentile professoressa Anna,
    grazie infinite. È stata utile, nuovamente. Un punto di riferimento. Probabilmente ci risentiremo.
    Un saluto, Massimiliano

  44. Carla scrive:

    Gentile professoressa,
    le chiedo se è corretta questa frase:” Credo che fosse andato in giro per il mondo”; oppure:” Si dice che avesse viaggiato molto”.
    Il mio dubbio, in definitiva, è questo: si può usare il trapassato del congiuntivo, nelle oggettive e soggettive, in dipendenza da un presente?
    La ringrazio e la saluto cordialmente
    Carla

    • Zanichelli Avatar

      Cara Carla, la regola vuole che, con il verbo della reggente al presente, per esprimere anteriorità venga usato il congiuntivo passato: “credo che sia andato…”, “si dice che abbia viaggiato…”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  45. Carla scrive:

    Gentile professoressa,
    la ringrazio per la tempestività e la chiarezza della sua risposta.
    La saluto cordialmente
    Carla

  46. MARIELLA scrive:

    BUONGIORNO NON SONO SICURA CHE SCRIVERE IN QUESTO MODO SIA CORRETTO:

    DOMANI LA MIA GIULIA COMPIE 9 ANNI ED HA VOLUTO COME REGALO IL “CANTA TU”
    IL MIO DUBBIO, E’ GIUSTO SCRIVERE ED HA VOLUTO ?

    GRAZIE MARIELLA

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mariella, è corretto “ha voluto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  47. Francesca scrive:

    Gentilissima professoressa Anna….
    sono da due giorni attanagliata da un dubbio…senza contare che questo dubbio mi ha portato a discussioni con un amico…..quindi a questo punto ritengo sia necessario un chiarimento da chi ne sa molto di più…..è corretta la frase “se ci fossimo pensate prima avremmo risparmiato un bel pò di soldi”??…..il dubbio è sulla prima parte della frase e cioè “se ci fossimo pensate prima”…..l’altra persona sostiene che la frase doveva essere formulata come “se ci avessimo pensato prima…………”….
    La ringrazio fin da ora se troverà del tempo per rispondermi….cordiali saluti, Francesca

    • Zanichelli Avatar

      Cara Francesca, non è corretto “fossimo pensate”, l’ausialiare del verbo “pensare” è “avere”, quindi è corretto “se ci avessimo pensato”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  48. Francesca scrive:

    La ringrazio infinitamente per la risposta….buona giornata…
    Francesca…..

  49. E’ giusta la frase:”Controlla se sia arrivata?” o è più corretto dire:”Controlla se è arrivata?”..Grazie mille .
    Buonasera

    • Zanichelli Avatar

      Cara Laura, è corretto usare l’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  50. Agnga scrive:

    Buonasera professoressa, volevo chiedere se è giusta questa frase: se fosse stato marco (a lasciare i calzini in giro) avrei raccolto ogni calzino che avesse lasciato.
    Non sono sicuro del modo e tempo del verbo lasciare. Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Agnga, la frase è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  51. È Corretto dire ” non vorrei che tu abbia scritto” grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Norma, la frase non è corretta, dopo un verbo che esprime volontà coniugato al condizionale presente (vorrei) ci vuole il congiuntivo imperfetto: non vorrei che tu avessi scritto.
      A presto
      Prof. Anna

  52. Anna scrive:

    Buonasera prof,
    è corretta la frase come risposta a una domanda:” E se ce l’avessi avuto un transpallet, non te l’avrei dato!
    Grazie in anticipo.
    Saluti

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, la frase è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  53. francesco scrive:

    ho le idee confuse sull’uso della lettera h ad esempio è corretto dire ” tu non hai di questi problemi” o “tu non ai di questi problemi”

    • Zanichelli Avatar

      Caro Francesco, è corretto “tu non hai di questi problemi”, questa è la coniugazione del verbo “avere”: io ho, tu hai, lui-lei ha, noi abbiamo, voi avete, loro hanno.
      Un saluto
      Prof. Anna

  54. Sergio scrive:

    Buongiorno, Prof. Anna.

    “…Poi spegne la luce. Si gira nel letto provando a prendere sonno. Niente da fare. E se Pallina fosse andata direttamente a scuola? Quella è capace di tutto. Magari fa nottata e si fa accompagnare da Pollo alla Falconieri mentre sua madre viene a prenderla da lei…”

    Perché in questa citazione si usa “fosse andata”, ma non “andasse”?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Sergio, se si usa il congiuntivo trapassato si vuole esprimere un’ipoesi irreale, che non si è verificata.
      Un saluto
      Prof. Anna

  55. Luca scrive:

    Gentile Professoressa,

    È più corretto dire: ” non mi sarebbe dispiaciuto se ci fossi stato tu ad abbracciarmi” o è più corretto dire “non mi sarebbe dispiaciuto se ci fossi tu ad abbracciarmi”??
    Grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luca, se vuoi esprimere contemporaneità tra le due proposizioni (cioè entrambe nel passato) è corretta la prima soluzione.
      Un saluto
      Prof. Anna

  56. Barbara scrive:

    Salve prof. Anna,ho fatto wuesta richiesta in varie pagine ma ancira la mia domanda non è stata accettata dalla redazione,in ogni caso penso che la pagina giusta sia questa.è corretto dire ” non avrei mai immaginato che un giorno mi avrebbe fatto stare male ogni volta ( o quasi) che lo avrei messo in pratica” o “non avrei mai immaginato che un giorno mi avrebbe fatto soffrire ogni volta che lo avessi messo in prativa”?

  57. Buongiorno Prof.essa Anna,
    volevo porgerLe gentilmente un quesito. Sotto riporto l’estratto, dove noterà un ‘darebbe della povera pazza’. Cosa ne pensa?

    ‘Ho chiesto a quel mio zio sconosciuto di comunicare a mio il mio indirizzo e telefono, di modo che se avesse avuto bisogno di pulirsi la coscienza, sarei stata lieta di porgergli acqua e sapone.
    Non è importante che questo sia corretto per non ricordo quale dei dieci comandamenti, e nemmeno importa se la maggior parte della gente mi darebbe della povera pazza, ho scoperto di avere un’indole frammista di generosità ed egoismo…’

    Grazie ancora per la risposta.

    Buone vacanze!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Massimiliano, l’espressione “dare della povera pazza” è corretta anche se ovviamente non troppo gentile, invece non capisco “di comunicare A MIO (a chi si riferisce?)” forse c’è un errore, non so cosa si voglia dire, ma così è scorretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  58. Raffaele scrive:

    Penso che se stesse qualche giorno con me sarebbe lui invidioso di me

    • Zanichelli Avatar

      Caro Raffaele, la frase che scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  59. Gentile Proff.essa Anna,
    sì, è un errore di battitura di cui mi sono reso conto rileggendo dopo la sua risposta.
    L’espressione è corretta, ‘dare della povera pazza’, io mi riferivo al tempo usato.

    Grazie ancora,
    Massimiliano

    • Zanichelli Avatar

      Caro Massimiliano, ora ho capito meglio la tua domanda, in questo caso sarebbe meglio usare l’indicativo futuro.
      Un saluto
      Prof. Anna

  60. Giacomo scrive:

    Salve, sa dirmi se la frase “colui che credevo fosse il mio miglior amico” sta bene?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giacomo, la frase che mi scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  61. Giacomo scrive:

    Salve prof, Le vorrei chiedere la frase “colui che credevo fosse il mio miglior amico” è corretta? Grazie

  62. Gentile Proff.essa Anna,
    grazie mille per il consulto. Sempre ottimo. Ne approfitto ancora per chiederle due cosette. Nella prima, mi riallaccio all’ultima domanda fattale: in quel caso quindi, scartando il futuro, è valido il codizionale anziché il congiuntivo.
    Poi volevo chiederle una delucidazione su ‘di’ + articolo. È sempre consentita la preposizione articolata o ci sono delle limitazioni, da cui ne risulta un uso non grammaticalmente corretto.

    Un saluto,
    Massimiliano Bellezza

    • Zanichelli Avatar

      Caro Massimiliano, il congiuntivo in questo caso non sarebbe corretto, si tratta di un’interrogativa indiretta e il condizionale è possibile quando l’interrogativa si presenti come conseguenza di una condizione; per quanto riguarda le preposizione articolate, essendo provviste di articolo, si usano nei casi in cui quest’ultimo si può usare: “questa è una foto di mia madre e questa della mia sorellina”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  63. Gentile Proff.essa,
    gentilissima. Grazie ancora.

    Un saluto,
    Massimiliano Bellezza

  64. Carolina scrive:

    Salve prof.essa Anna,
    Io ho un dubbio su una frase.
    ” Se i supereroi fossero reali, sarebbero come li immaginiamo?”
    Sono incerta sul verbo fossero e sarebbero.
    Potrebbe dirmi cosa ne pensa, grazie.

  65. Giacomo scrive:

    Salve prof, gentilissima, La ringrazio per la risposta, le vorrei chiedere la frase ” colei che credevo essere mia madre ” è corretta? Grazi mille

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giacomo, la frase è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  66. Mario scrive:

    Gentile Professoressa,
    ho ricevuto pareri discordanti sulla correttezza della seguente frase:
    Era convinto che il suo fiuto non l’avesse mai potuto ingannare.
    Secondo lei è corretta? Dal mio punto di vista sì, altri sostengono Che ci vorrebbe il condizionale “avrebbe” ma secondo me snatura il senso della frase.
    Cordiali saluto

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, entrambe le frasi sono corrette, quello che cambia è il rapporto temporale tra la reggente e la subordinata; in questo caso la reggente è al passato quindi nella prima frase la reggente è al passato e la subordinata al trapassato è quindi anteriore rispetto a essa, mentre nel secondo caso la subordinata al condizionale passato esprime un’azione posteriore rispetto all’azione espressa dalla reggente, quindi dipende da cosa vuoi esprimere: se l’azione espressa nella subordinata è anteriore a quella della reggente userai il trapassato, se è posteriore userai il condizionale passato. A presto Prof. Anna

  67. Giacomo scrive:

    Salve gentilissima prof. La ringrazio per aver soddisfatto i miei dubbi. Cordiali saluti, Giacomo

  68. Vorrei gentilmente una vostra risposta su queste due frasi. Qual è quella corretta?

    1. mi ricordai chi ero

    2. mi ricordai chi fossi

    • Zanichelli Avatar

      Caro Maurizio, in questo caso le frasi introdotte da -chi- sono interrogative indirette, queste proposizioni possono avere sia l’indicativo, sia il congiuntivo se si vuole sottolineare il valore dubitativo della frase, quindi entrambe le frasi sono corrette.
      Un saluto
      Prof. Anna

  69. Biagio scrive:

    Salve a tutti e a lei prof, mi trovo di fronte a un dilemma:
    Si dice “era più facile di ciò che sembrava” era più facile di ciò che sembrasse” ??
    Grazie per l’attenzione, saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Biagio, è corretto usare il congiuntivo dopo un comparativo o un superlativo relativo.
      A presto
      Prof. Anna

  70. giovanna scrive:

    Buona sera, Gentile prof. Può dirmi se è corretto dire:ho pensato invece che poteva interessarti poco.grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giovanna, dopo il verbo “pensare” è necessario il congiuntivo, quindi: “ho pensato invece che potesse interessarti poco”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  71. Stefania scrive:

    Buon pomeriggio. Gentile Prof. potrebbe dirmi se questa frase è corretta?
    ” Stamattina, mi hai chiesto se questa sera mi avresti rivista”. Il mio dubbio è se usare avresti o avessi a causa del se che vuole il congiuntivo. Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, la frase che m scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  72. Stefano M scrive:

    Buon pomeriggio Prof. Anna: oggi vorrei porle il seguente dubbio: tempo fa mi rispose dicendomi che era corretto dire avrei voluto che mi ascoltassero di più, ora vorrei che mi illuminasse sulla frase introdotta da sarebbe stato meglio che…Sento sempre e solo dire sarebbe stato meglio che mi avessero ascoltato di più o sarebbe stato meglio che mi avesse dato il numero. In questi casi la subordinata è riferita ad un fatto precendente ovvero anteriore alla reggente, ma è corretto pure se intendo la subordinata contemporanea alla reggente? Ovvero: sarebbe stato meglio che mi ascoltassero di più e sarebbe stato meglio che mi desse il numero. Spero di essermi spiegato correttamemte, ma non è facile… Francamente mi pare suonino male queste due frasi e per questo ho dubbi e mi rivolgo alla sua competenza. Grazie e arrivederci.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, la regola dice che quando abbiamo verbi che esprimono volontà o desiderio coniugati al condizionale (presebnte o passato) la giusta concordanza dei tempi è la seguente: per indicare un rapporto di contemporaneità o posteriorità si usa l’imperfetto congiuntivo, per indicare anteriorità si usa il congiuntivo trapassato. Tenendo in considerazione questa regola ora puoi rivedere i rapporti temporali tra reggente e subordinata nelle frasi che mi hai scritto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  73. Ele scrive:

    É corretto dire: io credevo (oggi) che i loro amici non fossero venuti!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ele, se tra reggente e subordinata c’è un rapporto di contemporaneità, cioè entrambi i fatti sono avvenuti oggi, dovrai dire “credevo che i loro amici non venissero”, è necessario comunque il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  74. Ele scrive:

    In certi casi sono indecisa se mettere il congiuntivo o l’imperfetto! Fossero o Erano…

  75. valentina scrive:

    buongiorno,Proff Anna vorrei gentilmente chemi disse qual e’ la farase corrreta in questi esempi :
    1 Gianni se ne e assunto /assunta/assunti/assunte la responsabilita .
    2 Le tende che Luisa si e comprato/comprata/comprate/comprati.
    3 I libri che antonia se li e comprati/comprata/ se e comprato/se li sono comprato
    4Marco ti sei coprato la pasta ?Me ne sono comprata tanta /comprato tanto/ comprata tanto /comprato tanta.
    se ha un allegato per questi casi la prego che me lo spedisci
    grazie !

  76. Stefano M scrive:

    Saluti a lei, Prof Anna, grazie per la risposta e le regole che mi ha scritto credo di averle recepite bene, solo fatico a spiegarmi e mi suona male dire sarebbe stato meglio (in quell’occasione mentre gli parlavo)che lui mi desse il numero. Mi verrebbe più spontaneo dire sarebbe stato meglio (in quell’occasione mentre gli parlavo che mi avesse dato il numero, però sto esprimendo un caso con subordinata contemporanea e non anteriore alla reggente. Non ho dubbi nel dire sarebbe stato meglio (in quell’occasione) che lui la volta precedente mi avesse ascoltato, così non avrei perso tempo nel ripetere certe cose. Pure in questa frase mi suona male dire sarebbe stato meglio (in quell’occasione) che lui mi ascoltasse, intendendo contemporaneità tra le due frasi. Insomma, non mi viene naturale come nel dire sarebbe meglio che mi ascoltasse…Spero di essermi spiegato meglio, mi scusi se spesso mi ripeto ma non sempre è facile capire o ricordare certi meccanismi e vorrei migliorarmi il più possibile. Arrivederci e grazie per la pazienza.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, anche se non ti suona bene, per esprimere la contemporaneità è necessario usare il congiuntivo imperfetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  77. pass scrive:

    Gentilissima Prof. Anna,
    avrei una domanda sull’uso del trapassato o dell’imperfetto modo congiuntivo, lo porto qui un esempio e la ringrazio in anticipo per l’aiuto.
    La situazione è questa: Una donna vede un’anatra per la strada e le ricorda un parrucchiere, quest’anatra le passa di fianco, la donna la saluta e l’anatra si gira.

    “La donna ha salutato di nuovo, e poi l’anatra si è girata come se fosse stata lui.”
    “Ha salutato di nuovo, e poi poi l’anatra si è girata come se fosse lui.”

    un saluto
    P.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Pass, è corretto usare il congiuntivo trapassato.
      A presto
      Prof. Anna

  78. Daniela scrive:

    Spero d’aver risposto in maniera corretta a tutte le frasi.
    Cordiali saluti e buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela, la correzione dell’esercizio è automatica, le frasi che diventano verdi sono corrette, quelle che diventano rosse non sono corrette.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  79. È giusto dire pensavo che eri con lui…è più giusto dire sencondo me ,pensavo che fossi con lui…datemi risposta grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sonia, è corretto dire “pensavo che fossi con lui”.
      A presto
      Prof. Anna

  80. Buongiorno Prof. Anna,
    ho un dubbio che mi “assilla” da qualche giorno dopo aver ascoltato la nuova canzone di Francesco Renga “Guardami amore”. La stessa inizia con la seguente frase: “Pensavi fosse stato un po’ più facile quello che tutti hanno chiamato vivere …”
    E’ corretto l’uso della forma “pensavi fosse stato”?

  81. Antonella scrive:

    Sarebbe più corretto che i medici e gli endocrinologi informino correttamente . Io avrei scritto ” Sarebbe più corretto che i medici e gli endocrinologi informassero correttamente”. Sbaglio? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Antonella, è meglio usare il congiuntivo imperfetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  82. Andrea scrive:

    per favore un chiarimento, gentile Prof.ssa Anna su queste due frasi; si dice: non mi ricordavo se te lo avessi detto o non mi ricordavo se te lo avevo detto? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, in questo caso l’indicativo è corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  83. meglio dire se mio padre andrebbe via io soffrirei oppure se andasse via

    • Zanichelli Avatar

      Cara Rita, la frase corretta è:”se mio padre andasse via, io soffrirei”.
      A presto
      Prof. Anna

  84. Daniele scrive:

    Buona sera Proff.
    una domanda, è corretto dire ci mancava solo che non mi avresti dato mio figlio o, ci mancava solo che non mi avesse dato mio figlio per il funerale.
    Grazie anticipatamente, un saluto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Daniele, è corretta la frase con il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  85. Chiara scrive:

    Si dice
    Se non ci fosse stato
    Se non ci sarebbe stato

    • Zanichelli Avatar

      Cara Chiara, si dice “se non ci fosse stato”.
      A presto
      Prof. Anna

  86. maria scrive:

    Ciao, come stai?

    Professoressa! Sono brasiliana, sto aprendendo l’italiano, il mio dubbio è:

    Che importanza c’è il congiuntivo nella lingua italiana?

    Aguardo risposta

    Grazie mille!

  87. Fausto scrive:

    Nelle 2 frasi “Ho sempre pensato fosse” ed “Ho sempre pensato che sia” riferito a qsa ancora attuale, cosa è sbagliato e perchè ?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fausto, non è possibile usare il congiuntivo presente in dipendenza da un tempo passato (ho pensato), quindi la frase con il congiuntivo imperfetto (fosse)è corretta ed esprime un rapporto di contemporaneità tra la reggente e la subrdinata.
      Un saluto
      Prof. Anna