Discorso diretto e discorso indiretto

Prof. Anna
forme narrative,   La lingua italiana

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi vedremo cosa si intende per discorso diretto e per discorso indiretto e quali sono le regole per passare dall’uno all’altro.

Buona lettura!

Prof. Anna

Per riferire i pensieri o parole  di qualcuno usiamo il discorso diretto, cosidetto perchè riporta direttamente le parole pronunciate, il discorso indiretto, con il quale le stesse parole vengono invece riferite per mezzo di una proposizione subordinata dipendente da verbi come dire, riferire, esclamare, ecc.

Discorso diretto: Marta dice a Fatima: "sei molto simpatica"; mia madre mi chiede sempre: "stai bene?".

Discorso indiretto: Marta dice a Fatima che è molto simpatica; mia madre mi chiede sempre se sto bene.

Come si vede negli esempi, nel primo caso vengono riportate tra virgolette le esatte parole pronunciate (o pensate), nel secondo caso la frase viene trasformata in una subordinata retta dal verbo dire o da un altro verbo dichiarativo o interrogativo (pensare, domandare, chiedere, rispondere ecc.). Se la frase è affermati va<, nel discorso indiretto si trasforma in un’oggettiva, se è interrogativa si trasforma in un’interrogativa indiretta:

 

– Marco dice: "vado a scuola a piedi" → Marco dice che va a scuola a piedi (oggettiva introdotta da che).

– Fatima mi chiede sempre: "Marco è un bravo ragazzo?" → Fatima mi chide sempre se Marco è un bravo ragazzo (interrogativa indiretta introdotta da se).

DAL DISCORSO DIRETTO AL DISCORSO INDIRETTO

Nel passaggio dal discorso diretto al discorso indiretto sono necessari alcuni cambiamenti:

scompaiono i due punti e le virgolette;

quando il verbo della reggente è al presente o al futuro non si ha alcun cambiamento nei tempi passando dal discorso diretto al discorso indiretto:

Marta dice: "me ne vado" → Marta dice che se ne va;

Marta dice: "me ne andai" → Marta dice che se ne andò;

Marta dice: "me ne andrò" → Marta dice che se ne andrà;

Marta dirà: "me ne vado" → Marta dirà che se ne va.

quando il verbo della reggente è al passato, la trasformazione del discorso diretto in discorso indiretto comporta un cambiamento nel verbo della proposizione dipendente:

se il verbo della dipendente è al presente il presente diventa imperfetto:

Luca disse (verbo della reggente al passato): "ho fame" (verbo della dipendente al presente)→ Paolo disse che aveva fame (verbo della dipendente all’imperfetto);

se il verbo della dipendente è al futuroil futuro diventa condizionale passato:

Luca disse: "tra una settima partirò" → Luca disse che tra una settimana sarebbe partito;

se il verbo della dipendente è al passatoil passato diventa trapassato:

Luca disse: "sono andato al cinema" → Luca disse che era andato al cinema.

i pronomi personali e possessivi di prima e seconda persona diventano di terza persona;

le forme verbali di prima e seconda persona diventano di terza persona:

Laura dice a Marta: "io vorrei una giacca come la tua" → Laura dice a Marta che lei vorrebbe una giacca come la sua.

Altri cambiamenti possono essere necessari nei dimostrativi e in altre espressioni che collocano le frasi nello spazio e nel tempo, per esempio:

questo diventa → quello;

qui diventa →;

ora diventa → allora;

oggi diventa → quel giorno;

ieri diventa → il giorno prima;

domani diventa → il giorno dopo.

Laura disse: "domani voglio leggere questo libro" → Laura disse che il giorno dopo voleva leggere quel libro.

La trasformazione degli indicatori temporali (ora, oggi, ieri ecc.) non è necessaria quando la frase è al presente:

Laura dice "ora voglio leggere questo libro" → Laura dice che ora vuole leggere quel libro.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: Mario dice: "sta per piovere"
    • Mario dice se sta per piovere.
    • Mario dice che sta per piovere.
  2. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: Vadim ha detto: "mi dispiace di non essere venuto"
    • Vadim ha detto che gli dispiace di non essere venuto.
    • Vadim ha detto che gli dispiaceva di non essere venuto.
  3. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: mia sorella mi ha detto: "ti porterò un regalo"
    • Mia sorella mi ha detto che mi avrebbe portato un regalo.
    • Mia sorella mi ha detto che mi porterebbe un regalo.
  4. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: mia nonna mi chiede sempre: "hai fame?"
    • Mia nonna mi chiede sempre che ho fame.
    • Mia nonna mi chiede sempre se ho fame.
  5. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: Tina mi chiese: "hai studiato i verbi?"
    • Tina mi chiese se ho studiato i verbi.
    • Tina mi chiese se avevo studiato i verbi.
  6. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: Anna mi ha detto: "Ti penserò molto"
    • Anna mi ha detto che mi avrebbe pensato molto.
    • Anna mi ha detto che ti avrebbe pensato molto.
  7. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: Marta dice sempre a Vadim: "vorrei guidare la tua macchina"
    • Marta dice sempre a Vadim che vorrebbe guidare la sua macchina.
    • Marta dice sempre a Vadima che vorrebbe guidare la tua macchina.
  8. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: Andrea pensò: "devo risolvere questo problema"
    • Andrea pensò che doveva risolvere questo problema.
    • Andrea pensò che dovesse risolvere quel problema.
  9. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: Rosa mi ha detto: "ieri ho visto Luca"
    • Rosa mi ha detto che il giorno prima aveva visto Luca.
    • Rosa mi ha detto che ieri ha visto Luca.
  10. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: mio fratello mi disse: "domani partirò presto"
    • Mio fratello mi disse che il giorno dopo sarebbe partito presto.
    • Mio fratello mi disse che domani partirà presto.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [265]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Maria scrive:

    Cara prof. Anna,
    Primo questo mi ha sembrato difficilissimo ma facendo l’esercizio ho fatto un solo errore ma non lo capisco. No 3: Io preferisco sempre il risposto:”mia sorella mi ha detto che me porterebbe un regalo”. Vorrebbe spiegarmelo?
    Saluti sinceri, Maria

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, quando nel discorso diretto la frase principale è al passato e la dipendente al futuro, nel discorso indiretto il futuro diventerà condizionale passato “avrebbe portato”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  2. Complimenti Prof. Ana, Questo blog è davvero speciale, ci aiuta a capire meglio le regole della lingua italiana e così possiamo imparare con facilità. Sempre scrivi molto chiaro, facile da capire. Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Alìrio, grazie a te per la tua gentilezza!
      A presto
      Prof. Anna

  3. Maria scrive:

    Grazie Prof. Anna per la Sua spiegazione. Adesso capisco perfettamente!

  4. ileana scrive:

    Prof.Anna
    Mi chiamo Ileana,sono contenta di aver trovato questo blog,lo trovo molto interessante.La mia lingua madre è lo spagnolo e comunque la somiglianza delle due lingue l’italiano mi resulta dificile sopra tutto all’ora di scrivere ,non lo mai studiato veramente ma ho promesso a me stessa di studiare ed pratticare insieme a voi,la ringrazio di cuore
    ileana la cubana

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Ileana, benvenuta su Intercultura blog!
      Quando la lingua madre è simile alla lingua che si vuole imparare spesso si può creare un po’ di confusione e si possono avere delle difficoltà, ma sicuramente si hanno anche molti vantaggi, vedrai che con un po’ di studio riuscirai presto a parlare e scrivere correttamente.
      A presto
      Prof. Anna

  5. Cara Profa. Anna,

    Sono molto contenta di aver risposto questi esercizi. Ho imparato molto! Ho fatto degli errori, ma è così che si impara,non è vero?

    Abbracci,
    Genoveva

    • Zanichelli Avatar

      Cara Genoveva, è proprio così che si impara!
      Un saluto
      Prof. Anna

  6. Marta scrive:

    Cara Professoressa:
    Prima ho presso lezione con una persona che non poteva spiegare propriamente il discorso diretto e indiretto. Adesso capisco chiaramente come si fa. Dunque sarebbe buono avere più esercissi per rinforzare il conoscimento.

    Un saluto,
    Marta

  7. renata scrive:

    Gentilissima prof. Anna, ho dato un’occhiata al sito e devo dirle che è veramente fatto bene, anzi benissimo, soprattutto il vocabolario, la pronuncia e il modo in cui è fatto. lo sto proponendo a molti amici stranieri che sono già un livello avanzato, o che capiscono la scrittura. Sarebbe interessante tradurre il procedimento, almeno in lingua inglese, ho fatto anch’io degli esercizi, mi piace molto e lo proporrò anche agli italiani. Grazie, Renata

    • Zanichelli Avatar

      Cara Renata, grazie per il tuo gentile commento.
      Un saluto
      Prof. Anna

  8. Mara scrive:

    “mi dispiace di non essere venuto”
    Premetto che non sono italiana, ma ho sempre creduto che se dovesse dire: “Mi è dispiaciuto di non essere venuto”. Mi può aiutare? Grazie

  9. Mara scrive:

    “mi dispiace di non essere venuto”
    Sbaglio quando dico:”Mi è dispiaciuto di non essere venuto”?
    Premetto che non sono di lingua madre italiana.
    grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mara, non so se ho capito bene la tua domanda ma è corretto dire. “mi è dispiaciuto di non essere venuto” se ci stiamo riferendo a un avvenimento passato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Giusy scrive:

    Cara Prof ho un dubbio…

    “Eppure mai avrei pensato che mi SAREBBE dispiaciuto così tanto”

    oppure…

    “Eppure mai avrei pensato che mi FOSSE dispiaciuto così tanto!”

    Qual’è la forma corretta? Protendo per la prima.. ma nel dubbio?

    Grazie ed un carissimo Saluto Giusy

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giusy, la frase corretta è “mai avrei pensato che mi sarebbe dispiaciuto così tanto”.
      A presto
      Prof. Anna

  11. Giusy scrive:

    dimenticavo… e con il verbo immaginare è corretto?

    “Eppure mai avrei immaginato che mi SAREBBE dispiaciuto così tanto”

    oppure…

    “Eppure mai avrei immaginato che mi FOSSE dispiaciuto così tanto!”

    Grazie ancora Prof.!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giusy, la frase è corretta anche con il verbo “immaginare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  12. Daniela scrive:

    è benissìmo per impare italiano

  13. Daniela scrive:

    è benissìmo per impare italiano, lo ricommendo molto

  14. giorgio scrive:

    Ottimo esercizio,mi ha permesso di capire bene i dialoghi.Per un principiante di scrittura creativa come me.Con mia sorpresa sono riuscito a farli tutti meno il n°8,mi sono fatto fregare dal “questo” e dal “quel”.Grazie Saluti.Giorgio.

  15. Anonimo scrive:

    Questo sito è bello!

  16. Denise scrive:

    grazie per l’esercizio, mi ha aiutato a capire la trasformazione dei verbi quando il verbo reggente non e’ nel presente.Saluti Denise

  17. Dario scrive:

    Gentile Professoressa,
    nell’esercizio n. 3 la frase principale è al passato prossimo e non al passato remoto, sicché mi sembra preferibile usare nel discorso indiretto l’indicativo futuro piuttosto che il condizionale passato.
    Dunque: mia sorella mi ha detto che mi porterà un regalo.
    Cordiali saluti.
    Dario

    • Zanichelli Avatar

      Caro Dario, per esprimere un rapporto di posteriorità se la reggente è al passato (prossimo o remoto) nella subordinata si userà il condizionale passato.
      A presto
      Prof. Anna

  18. Dario scrive:

    Gentile Professoressa, mi ricollego alla sua risposta.
    A mio avviso, se la reggente è al passato prossimo e il fatto futuro è tale anche rispetto a chi lo riferisce, non sussistono preclusioni grammaticali all’uso del futuro semplice. Ad esempio: Fabio mi ha detto: “Partirò domani”; Fabio mi ha detto che partirà domani (G. Pittàno, “La comunicazione linguistica”, Mondadori, 1988, p. 358); qui la trasformazione del discorso diretto in quello indiretto è corretta se Fabio mi ha annunciato oggi la sua partenza: in tal caso infatti l’azione è futura non solo rispetto al passato, ma anche rispetto a me, sicché può essere espressa sia con il condizionale passato sia con il futuro semplice.
    Questa riflessione scaturisce non da un puntiglio tecnico, ma dalla percezione che sovente il futuro semplice conferisce al periodo una maggiore fluidità, come emerge dal raffronto tra queste frasi: a) Monti ha dichiarato che nel 2013 ci sarebbe stata una ripresa economica; b) Monti ha dichiarato che nel 2013 ci sarà una ripresa economica.
    Cordiali saluti.
    Dario

    • Zanichelli Avatar

      Caro Dario, ti ringrazio per aver condiviso la tua riflessione, sono convinta che possa essere utile a tutti i lettori.
      A presto
      Prof. Anna

  19. flavio scrive:

    il gelataio chise ai ragazzi che gusti preferite

    • Zanichelli Avatar

      Caro Flavio: “il gelataio chiese ai ragazzi che gusti preferissero”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  20. Riccardo scrive:

    Dal discorso diretto a quello indiretto per la seguente frase: Mario mi ha chiesto:“posso chiamarti fra una settimana?”, chiedo gentilmente quale delle due soluzioni proposte sotto sia quella corretta.
    1) Mario mi ha chiesto se potesse chiamarmi dopo una settimana.
    2) Mario mi ha chiesto se avrebbe potuto chiamarmi dopo una settimana.

    Buona giornata

    • Zanichelli Avatar

      Caro Riccardo, la frase corretta e` la seconda.
      A presto
      Prof. Anna

  21. Melody scrive:

    cioa tutti,
    potete diremi come posso cambiare discorso diretto

    Li, sugli scaffali piu bassi. Vuoi che ti aiuti a trovare un bel libro con tante illustrazioni?

    in discorso indiretto?

    Grazie miile!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Melody, non so se la domanda è rivolta a un uomo o a una donna, comunque se fosse un uomo sarebbe: “gli ho chiesto se voleva che lo aiutassi a trovare un bel libro”, nel caso fosse una donna devi usare i pronomi femminili.
      Un saluto
      Prof. Anna

  22. grazie dell’aiuto
    by la mora che scotta

  23. Giuseppina scrive:

    Cara prof. Anna mi piace molto il vostro blog. mi ha fatto molto riflettere anke se in italiano sono molto brava,ho preso 8 perciò sono brava,ma non per il fatto che sono brava ma perchè ho messo me stessa,ma comunque non fa mai male studiarla ogni giorno. mi congratulo ancora con lei per l’ottimo blog. Un saluto Giuseppina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giuseppina, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  24. Giuseppina scrive:

    nn riesco mai a capire il periodo dell’analisi grammaticale. me lo potete spiegare x favore???
    un saluto Giuseppina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giuseppina, è un argomento troppo complesso per poterlo spiegare qui, prova a consultare una buona grammatica e in futuro anche su questo blog verrà pubblicato un articolo su questo argomento.
      A presto
      Prof. Anna

  25. Ursula scrive:

    Complimenti, prof.! Sono un’ insegnante della scuola primaria e ” intercultura blog ” mi aiuta molto; prima di spiegare una lezione lo consulto sempre. Grazie mille!

  26. mario scrive:

    leo chiese alla mamma perche gli erano spuntati due fruncoli proprio sulla punta del naso. La mamma, sorridendo.Rispose che si erano rialzati sul nasp per poterlo guardare neglio occhi

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, i tempi verbali sono corretti ma ci sono alcuni errori: – “perché” è scritto con l’accento; dopo “sorridendo” non è corretto il punto, ma ci vuole la virgola: non possiamo separare il soggetto (la mamma) dal verbo (rispose) – “negli occhi” e non “neglio occhi”, ma forse è un errore di battitura come “naso”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  27. Veronica scrive:

    Salve, mi sa dire la frase indiretta dove una bambina invita una sua amica per il suo compleanno. la ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Cara Veronica, potrebbe essere così: una bambina chiede a un amica di andare allla sua festa di compleanno.
      A presto
      Prof. Anna

  28. Baldo scrive:

    Una sera a casa di Susanna e Stefano suonò il campanello. Soppresa! gridò il padre, mentre si infilava una mano nella tasca. Ne tirò fuori un gattino. E’ vostro! disse. Un gatto, papà? chiese Susanna incredula. Avevi sempre detto che volevi un cane. Verissimo, ma cominceremo con un gatto! Dicono tutti che é più semplice. Ma adesso su, tutti a comprare quello che serve per un gatto e una pizza per cena. E il gatto? osservò Stefano non si può lasciare a casa da solo! Certo che no! Convenne il padre e infilò il gattino nella tasca della giacca del figlio.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Baldo, io metterei i discorsi diretti tra virgolette.
      Un saluto
      Prof. Anna

  29. carmine scrive:

    sai cosa mi andrebbe oggi per pranzo

  30. Carolina scrive:

    cara maestra
    mi sono divertita molto e le tue spiegazioni mi sono servite molto
    CIAO !!

  31. Roberta scrive:

    Cara prof.devo trasformare da discorso indiretto in discorso diretto le frasi: 1)Gli domandai,incuriosito,che cosa ci fosse dentro quel grosso pacco. 2) Mi chiesero,preoccupati,da dove arrivassi così stanco.

    Frasi dal discorso diretto al discorso indiretto:
    1)Il mio fratellino mi chiede spesso:-Posso giocare con te?
    2)Tutti affermarono:-Siamo d’accordo con voi!
    3)Qualche volta la maestra ci dice:-Dovreste ascoltarmi di più.
    4)Mi sento spesso chiedere:-Preferisci il mare o la montagna?

    Grazie dell’aiuto. Roberta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Roberta, questo articolo spiega come trasformare il discorso indiretto in discorso diretto e viceversa, ti scrivo comunque un paio di esempi: la tua frase 1- come discorso diretto: gli domandai incuriosito: “cosa c’è dentro quel grosso pacco?”; mentre dal discorso diretto a quello indiretto, frase 1: “il mio fratellino mi chiede spesso di poter giocare com me”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  32. cacca scrive:

    non so dificili

  33. wahiba scrive:

    Salve,
    Vorrei una spiegazione per quanto riguarda la frase num 8
    Andrea pensò: “devo risolvere questo problema” secondo il sito la risposta giusta sarebbe:
    Andrea pensò che doveva risolvere quel problema.
    Ma non dvrebbe essere piuttosto : Andrea penso che dovesse risolvere quel problema??
    Grazie
    Un saluto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Wahiba, hai ragione, c’è un errore nell’esercizio, la frase corretta è: Andrea penso che dovesse risolvere quel problema? Provvederò a correggerlo al più presto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  34. Grazie prof.
    Un saluto 🙂

  35. wahiba scrive:

    Grazie prof.
    Un saluto

  36. wahiba scrive:

    Grazie,
    perché “pensare” regge il congiuntivo quindi “dovesse” al posto di “doveva” ma se fosse un verbo come dire (che non regge il congiuntivo la trasformazione sarebbe cosi:
    Lilly disse: “credo sia partito” diventa
    Lilly disse che credeva che fosse partito
    Un saluto

  37. Yana scrive:

    Cara professoressa, di nuovo ho dei dubbi.
    Come si fa a (ri?)volgere nel discoro indiretto il periodo ipotetico del 1° tipo?
    Le grammatiche dicono che se la proposizione principale è in passato, allora qualsiasi per.ipotetico diventa quello del 3° tipo. Però le stesse grammatiche offrono gli esercizi ad esempio “Un signore ci disse: “Se volete andare in centro, vi conviene prendere l’autobus”” e le chiavi risultano questo: “Un signore ci disse che se volevamo … ci conveniva…” Che regola è? Se il per.ipot. è con i verbi modali, il presente diventa l’imperfetto? Opppure?
    Grazie di cuore in anticipo!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Yana, la regola che citi è infatti corretta, cioè che nel passaggio da discorso diretto a indiretto il periodo ipotetico diventa di terzo tipo, c’è da dire però che nella lingua parlata è sempre più frequente trovare l’imperfetto, forse l’esercizio che hai fatto si riferiva a questo.
      A presto
      Prof. Anna

  38. Stella scrive:

    Prof. Anna:
    Sono argentina, sto imparando l´italiano, e sono felice per avere trovato queso blog.
    Grazie per tutto!A prest
    Stella

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stella, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  39. francesco scrive:

    io vorrei sapere come lui si sarebbe comportato?
    E’ giusto dire così?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Franceso, il periodo che mi scrivi è corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  40. maria scrive:

    salve :prof.Anna
    sono la mamma di due bambine ,una diterza e una di seconda elementare , per me è molto dificile il verbo in italiano ,sono straniera ,parlo sempre una lingua latina , lo spagnolo , mia figlia di terza deve portare al presente tutta una istoria per me è dificilisimo .
    comincia cosi
    Ad Anna più di tutto piaceva peter
    il vervo è piace.
    mi puo agiutare .
    mamma maria

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria: al presente diventa: “Ad Anna più di tutto piace Peter”; se hai altri dubbi non esitare a scrivermi.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  41. Fayrouz scrive:

    Gentile Prof.ssa Anna,
    Sono Algerina e sto imparando l’italiano da un anno, sono al livello B2, ho scoperto il Suo Blog per caso et ne sono molto contenta e sodisfatta anche.
    Ho fatto l’esercizio sul Discorso Diretto/Indiretto dopo aver fatto il corso che è ben fatto,ho fatto uno solo sbaglio sulla frase (8) avevo dimenticato il modo congiuntivo per quanto riguarda l’espressione penso…che.
    La ringrazio per tutte le spiegazioni e per il lavoro che Sta realizando per tutti coloro che vogliono migliorare il loro italiano
    Sinceri saluti
    Fayrouz

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fayrouz, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  42. desiree scrive:

    mi sta bene ho voluto fare il musicista quando non sono che un macelaio

  43. mauro 63 scrive:

    Gentile professoressa, vorrei sapere se è giusto dire: “Chissà se avrebbe fatto qualcosa per i poveri”. Il se vuole sempre il congiuntivo o è possibile, in alcuni casi, usare il condizionale? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mauro, la frase che mi scrivi è un’interrogativa indiretta e in questo caso è corretto usare anche il condizionale .
      Un saluto
      Prof. Anna

  44. claudia scrive:

    cara professoressa sto molto contenta per rispondere bene questo esercizio anche ho una confusione con la domanda al passato, esempio le chiese: hai visto Marco? poso rispondere, le chiese se avesse visto / abbia visto Marco. aspetto la sua risposta grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Claudi, la regola è che se il verbo della dipendente è al passato, il passato diventa trapassato, quindi: le chiese se avesse visto (congiuntivo trapassato) Marco (uso il congiuntivo per sottolineare il valore dubitativo della frase, ma si può usare anche l’indicativo) o le chiese se aveva visto (indicativo trapassato) Marco.
      Un saluto
      Prof. Anna

  45. Tante grazie per tutto, non potevo capire ma adesso è più facile rispondere il mio compito, ma per essempio. se troviamo una frase come “Laura ha ascoltato la musica che le piace” diciamo che “lei aveva ascoltato la musica che le piace”? o che “aveva ascoltato la musica che le piaceva”? o per essempio se una persona é andata da un agente inmobiliario e raconta a suo marito com’é stata la visita, diciamo: “ha detto che la casa é in ottimo stato” o “ha detto che la casa era en ottimo stato”? Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nay, tutti i verbi vanno cambiati, quindi: “aveva ascoltato la musica che le piaceva” e “ha detto che la casa era in ottimo stato”.
      A presto
      Prof. Anna

  46. Sofia scrive:

    Ho un dubbio, cara prof. Come posò trasformare in discorso indiretto questo discoro ripeto:
    La mamma esclamò: – Se non sei stato tu, sará stato tuo fratello!

    Grazie. ofia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sofia: la mamma affermò che non eri stato tu e che sarebbe stato tuo fratello.
      Un saluto
      Sofia

  47. mariq scrive:

    Cara professoressa Ana, io studio l`italiano da un anno e domani ho il compito di controllo sul discorso diretto e indiretto , Per le soui esercizi L`ho capito perfettamente ma non capisco perche 8 e dovesse ma non doveva siccome non c`e SE(congiuntivo)

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mariq, usiamo il congiuntivo perché c’è il verbo “pensare”: penso che + congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  48. fady scrive:

    il primo so po` di la lingua italiana voglio imparare parlare la ligua prima che cosa faccio io e che cosa pensa grazie cara prof ]

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fady, continua seguire il nostro blog; cerca gli argomenti che ti interessano inserendo il nome nella finestra “search” in basso a destra, leggi gli articoli e fai i relativi esercizi, vedrai che avrai presto miglioramenti, se poi hai dei dubbi, non esitare a scrivermi.
      Un saluto
      prof. Anna

  49. fady scrive:

    ma ho studiate tante grammatica

  50. Federica scrive:

    Cara prof. Anna volevo sapere se Laura e indiretto o indiretto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Federica, non ho capito bene la tua domanda, puoi riformularla?
      Un saluto
      Prof. Anna

  51. fady scrive:

    tante grazie prof Anna ti voglio bene molto gentile cara

  52. Lluïsa scrive:

    Cara professoressa, come si trasforma questa frase al discorso indiretto:
    Irma ha chiesto a Paolo:” Mi fai fare un giro in motoscafo? Non mi è mai capitato di andare in giro per mare di notte”
    Tante grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lluisa, “Irma ha chiesto a Paolo se le faceva fare un giro in motoscafo, non le era mai capitato di andare in giro per mare di notte”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  53. Rossana scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    la sua piegazione è molto chiara ma non riesco a trasformare questo discorso:
    “Spero che abbia tutto quello che desidera, signorina”disse la signora Rogers.
    Grazie mille per il disturbo!!
    Rossana

    • Zanichelli Avatar

      Cara Rossana, si può trasformare così: “la signora Rogers disse che sperava che la signorina avesse tutto quello che desiderava”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  54. GUGLIELMO scrive:

    Gentile Professoressa Anna. la prego di dirmi se è sbagliato l’uso dell’indicativo presente nella seguente frase: “Alcune settimane fa IRROMPE sui giornali la notizia che…” – Io sono del parere che, in mancanza del passato prossimo, “IRROMPEVA” sarebbe preferibile anche a “IRRUPPE”. La ringrazio e la saluto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Guglielmo, sarebbe certamente corretto usare l’imperfetto, ma l’indicativo presente spesso è usato nella narrazione dei fatti per dare vivacità al racconto; quest’uso, caratteristico della prosa letteraria e di quella giornalistica, si chiama presente storico; è una questione di scelte stilistiche.
      Un saluto
      Prof. Anna

  55. Jorgelina scrive:

    Cara Prof. Anna,
    la sua spiegazione sul discorso indiretto è molto chiara. Adesso, vorrei sapere come diventano i verbi del periodo ipotetico nel discorso indiretto.
    Grazie mille!!!

    Jorgelina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Jorgelina, il periodo ipotetico nel discorso indiretto si rende con il congiuntivo trapassato e il condizionale passato, per esempio le frasi: “se ho tempo, ti chiamo”; “se avessi tempo, ti chiamerei”; “se avessi avuto tempo, ti avreichiamato” si trasformano tutte in: “mi ha detto che se avesse avuto tempo mi avrebbe chiamato.”
      Un saluto
      Prof. Anna

  56. Beatrice scrive:

    Cara prof.Anna,
    Domani ho la verifica di grammatica sul periodo ipotetico, su alcune subordinate e sulla trasformazione del discroso indiretto a quello indiretto,però non ho capito perchè nella frase: Andrea pensò: “devo risolvere questo problema”
    la risposta corretta è questa:Andrea pensò che dovesse risolvere quel problema. Comunque grazie a questa spiegazione ho capito molto di più!
    Graziee millee
    Beatrice

    • Zanichelli Avatar

      Cara Beatrice, usiamo l’imperfetto congiuntivo (dovesse) perchè c’è il verbo “pensare” che regge il congiuntivo e, poiché è al passato (pensò), quando trasformiamo in discorso indiretto i verbi si trasformano al passato (devo-dovesse).
      Un saluto
      Prof. Anna

  57. Beatrice scrive:

    Dimenticavo più per favore dare delle altri frasi su cui lavorare?
    Grazie mille
    Beatrice

  58. GUGLIELMO scrive:

    Gentile e cara Professoressa Anna, stamani – in una trasmissione televisiva – una psicoterapeuta ha detto “quello che a me preoccupa…”. Poiché non è la prima volta che sento, soprattutto da parte di politici, usare un verbo transitivo con il complemento di termine, chiedo a lei lumi sulla correttezza di tale…abbinamento. Come al solito la ringrazio e la saluto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Guglielmo, in questo caso “a me” è usato come rafforzativo, in quanto il verbo “preoccupare” non reggerrebbe un complemento di termine, ma viene usato spesso nel registro colloquiale come rafforzativo (=per quanto mi riguarda); la frase non è scorretta inserita in un registro colloquiale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  59. Chantal scrive:

    Buonasera Prof. Anna

    Il sito aiuta tantissimo! Grazie mille!

    Ho una domanda; Mi può spiegare perché nel seguente esempio non si usa l’imperfetto “dovevo”? e perché si usa “dovesse”?
    8. Trasforma correttamente il seguente discorso diretto: Andrea pensò: “devo risolvere questo problema”
    Andrea pensò che doveva risolvere questo problema.
    Andrea pensò che dovesse risolvere quel problema.
    Un saluto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Chantal, dopo il verbo “pensare” ci vuole il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  60. Fabiana scrive:

    Cara prof Anna , ho letto la sua esplicazione e più chiare. Ma ho un dubbio per esempio in questa frase
    Franca ordinò Lara : smetti di piangere !
    Come sarebbe con verbo al’ imperativo nel discorso indiretto
    Sono di Argentina e sto imparando la lingua.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fabiana, nel discorso indiretto non si userà l’imperativo ma: “Franca ordinò a Lara di smettere di piangere”.
      A presto
      Prof. Anna

  61. Fabiana scrive:

    Anna. Ho un’ altra domanda in questa frase
    Renzo disse : è in questa casa che vivremo dopo il matrimonio
    Sarebbe così al discorso indiretto : Renzo disse che era in quella casa che avrebbero vissuto dopo il matrimonio.
    Grazie mille
    Un saluto
    Fabiana

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fabiana, la frase che mi scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  62. marco scrive:

    brava prof.anna..esecizio impeccabile

  63. maria scrive:

    Cara Prof. Anna
    Grazie per questo esercizio, aveva un dubbio ma ho letto la spigazione alla stessa domanda e ho capito.

    Un saluto.

    María.

  64. daniela scrive:

    Cara prof. Anna come posso cambiare il discorso diretto al indiretto cquando c’e´il avv( fa).
    .”Marta non sta bane e non potrá venire al concertto”.Marta mi ha detto poco fa che non sta bene e non sarebbe potuta venire …..

    .Non so dove siano i tuoi occhiali!”. Cinque minuti fa le ho detto che non sapevo dove fossero i suoi occhiali………………….

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela: “Marta mi ha detto poco fa che non stava bene e che non sarebbe potuta venire” (il presente diventa imperfetto), la seconda trasformazione è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  65. daniela scrive:

    prof. Anna grazie, ho capito!!

  66. Helena scrive:

    Prof. Anna, vorrei sapere se è giusta la frase: “Sei capace di guidare la macchina?” Dopo la trasformazione -Le ho chiesto se fosse capace di guidare la macchina.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Helena, è corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  67. daniela scrive:

    prof.Anna, é giusta la seguente proposizione dal diretto al indiretto: “Non mi pare che voi abbiate torto; almeno in questa occasione” Rossana ha detto che non le pareva che noi avessimo torto;almeno in quell’occasione.ho una confusione quando nella frase trovo il “che” non mi reso conto se devo mettere un congiuntivo o no

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela, la tua trasformazione da discorso diretto a discorso indiretto è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  68. Buongirno prof-essa
    vorrei sapere se queste frase del discorso indiretto sono corrette
    1- Valeria mi ha detto: «Il tuo arrivo mi farà felice».
    ? Valeria mi ha detto che il mio arrivo l’avrebbe fatta felice.
    2- Gli ho detto: «Ti chiamo stasera».
    ? Gli ho detto che lo avrei chiamato quella sera
    3-«Fra un’ora ci vediamo?».
    ? Mi chiese se dopo un’ora ci saremmo visti.
    se la seconda e terza frasi sono corrette perché hanno trasformato il verbo dal presente al condizionale composto.normalmente la regola dice che si deve trasformare-quando necessario- il verbo dal presente al imperfetto.
    grazie
    khadija

    • Zanichelli Avatar

      Cara Khadija, le frasi che mi scrivi sono corrette e hai giustamente usato il condizionale passato per esprimere un’azione nel futuro.
      Un saluto
      Prof. Anna

  69. salve prof Ann
    Cara prof; se non c é nessun disturbo per favore rispondami su mie domande veramente sto morendo di curiosita’.grazie mille
    scusa per il disturbo
    khadija

  70. daniela scrive:

    Grazie!!!

  71. Graazie cara prof Anna

  72. ilaria scrive:

    cara prof il suo blog mie piaciuto molto però ancora non ho capito se nel discorso indiretto si può mettere il punto !

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ilaria, nel discorso indiretto non si mette il punto esclamativo.
      A presto
      Prof. Anna

  73. federica scrive:

    prof non riesco proprio a trasformare il discorso diretto a quello indiretto adesso ti scrivo il testo diretto pervavore tu scrivimelo in indiretto scrivo poi il signor mccluskey si gira,disegna qualcosa sulla lavagna e ordina:-mickey murphy, per favore, spiega alla classe che cosè questa figura. murphy si alza in piedi, guarda la lavagna ed esclama:- è un disco volante!
    -no,non è un disco volante- replica il signor mccluskey.-è un triangolo isoscele.
    ti prego trasformamelo in discorso indiretto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Federica, “il signor McCluskey……….ordina a Mickey Murphy di spiegare alla classe cos’è quella figura; Murphy si alza in piedi, guarda la lavagna, ed esclama che è un disco volante, il signor McCluskey replica che non è un disco volante, è un triangolo isoscele”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  74. Kekko scrive:

    Grazie prof Anna le sue frasi elle sue spiegazioni mi hanno agliutato molto grazie mille cordiali saluti

  75. Kekko scrive:

    Prof Anna sono sempre kekko le voglio dire se mi può consigliare qualche frase in discorso diretto trasformata poi in discorso indiretto

  76. Carlo scrive:

    diventa ? quello;
    • qui diventa ? lì;
    • ora diventa ? allora;
    • oggi diventa ? quel giorno;
    • ieri diventa ? il giorno prima;
    • domani diventa ? il giorno dopo.
    Laura disse: “domani voglio leggere questo libro” ? Laura disse che il giorno dopo voleva leggere quel libro.
    La trasformazione degli indi

    • Zanichelli Avatar

      Carolo Carlo, la tua trasformazione è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  77. grazia scrive:

    SE si scrive chi parla dopo le parole precise,ci vuole la maiuscola o la minuscola:
    es. – Bella questa penna!- dice Luca
    – Bella questa penna!- Dice Luca
    Quale delle due è coretta?
    Grazia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Grazia, non è necessario usare la maiuscola.
      Un saluto
      Prof. Anna

  78. jennifer scrive:

    care maestre 123456789

  79. jennifer scrive:

    evvero non e necessario mettere la maiuscola

  80. buongiorno, sono una mamma di una bimba di 8 anni. Hanno cominciato il discorso diretto e indiretto a scuola e le frasi problematiche sono queste.
    IL BAGNINO CI CONSIGLIO’ DI RESPIRARE PIU’ LENTAMENTE, e poi
    MIO CUGINO DISSE DI ESSERE ARRIVATO IN RITARDO A CAUSA DELLA NEBBIA.
    Entrambi le frasi l’insegnante ha detto che sono discorsi DIRETTI.
    e mai possibile.

    grazie. M.Lucia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marialucia, i periodi che mi scrivi sono indiretti e non diretti.
      Un saluto
      Prof. Anna

  81. Ciao scrive:

    MI POTREBBE SPIEGARE IL DISCORSO DIRETTO LIBERO.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ciao, il discorso diretto libero è un discorso diretto non introdotto da verbi dichiarativi (come per esempio: dire) o da indicatori grafici.
      Un saluto
      Prof. Anna

  82. Ciao scrive:

    Che differenza c’è tra d diretto e indiretto libero?

  83. Ciao scrive:

    Puo rispondermi entro questa ora?
    Grazie mille prof!!!!!!!!!!!!

  84. Ciao scrive:

    Prof Anna mi può spiegare il discorso diretto libero? Grazie mille:)

  85. dayana scrive:

    Mentre gli facevo vedere il libro che parla della vita di nureyev , il vicino (il signor Amedeo) ha cominciato a suonare un pezzo bellissimo che mi ha zittito.o e Lorenzo siamo rimasti alcuni minuti ad ascoltare.
    Poi quando la musica é terminata , Lorenzo mia lasciato a bocca aperta.
    – Era di Liszt – ha detto.
    Io sulle prime credevo che scherzasse . Poi gli ho chiesto: – Anche tu suoni il piano forte?
    – No , Vivy. Quando abitavo a Firenze suonavo il violino , ma qui non conosco nessuno che possa continuare a darmi lezione. E poi la scuola non va tanto bene. É meglio che quet’anno studi.

    • Zanichelli Avatar

      Mentre gli facevo vedere il libro che parla della vita di Nureyev, il vicino (il signor Amedeo) ha cominciato a suonare un pezzo bellissimo che mi ha zittito. Io e Lorenzo siamo rimasti alcuni minuti ad ascoltare.
      Poi quando la musica é terminata, Lorenzo mia lasciato a bocca aperta.
      – Era di Liszt – ha detto.
      Io sulle prime credevo che scherzasse. Poi gli ho chiesto: – Anche tu suoni il pianoforte?
      – No, Vivy. Quando abitavo a Firenze suonavo il violino, ma qui non conosco nessuno che possa continuare a darmi lezione. E poi la scuola non va tanto bene. É meglio che quest’anno studi.

  86. Ciao scrive:

    Grazie, mi potrebbe fare degli esempi?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ciao, di quali esempi hai bisogno?
      A presto
      Prof. Anna

  87. Anna scrive:

    Buon giorno mi potrebbe spiegare il discorso diretto e indiretto legato???? Grazie in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, sono legati quando sono introdotti dal verbo “dire” o da un verbo dichiarativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  88. ciao scrive:

    Buon giorno mi potrebbe spiegare il discorso diretto e indiretto legato???? Grazie in anticipo, se mi rispondesse a questa domanda risolverebbe i miei dubbi. Grazie ancora e spero di ricevere la risposta al più presto.

  89. ciao scrive:

    Gli esempi del discorso diretto e indiretto legato.
    Grazie 🙂 :)) 😀

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ciao, entrambi sono introdotti dal verbo “dire” o altri verbi dichiarativi, quindi: -Marco disse: “non mi sento bene” (diretto); -Marco disse che non si sentiva bene (indiretto).
      Un saluto
      Prof. Anna

  90. ciao scrive:

    Mi puo fare altri esempi sulla differenza tra discorso diretto libero, legato, normale e indiretto normale, libero e legato?
    Grazie:)

  91. xiangyi scrive:

    sono un cinese, sto studiando l’italiano, per me, la grammatica italiana e’ difficile. ma dopo che ho letto le sue spiegazioni, so come leggere discorso indiretto subito. devo ancora immparare come si usa. grazie mille Prof.Anna.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Xiangyi, benvenuto su Intercultua blog!
      A presto
      Prof. Anna

  92. ciao scrive:

    Posso chiederle una cosa riguardo i tempi verbali: perché in un testo ci possono essere sia il presente sia il passato? Che funzione ha questa alternanza di tempi?
    Sono certa che lei mi saprà rispondere. Grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ciao, in un testo possono esserci vari tempi verbali, dipende da quando è avvenuta l’azione descritta da un verbo e all’interno di un testo possono esserci azioni che avvengono nel passato, nel presente o nel futuro.
      Un saluto
      Prof. Anna

  93. Mercie scrive:

    Prof. Anna
    Posso lei auitare a me perche io non capito tutti.sono Filippine. Mia figlia c’e compiti per fare la frase dal discorso indiretto al discorso diretto.
    1.Chiara chiedi se non sia il caso di avvertire Luca che Paolo è arrivato.
    2.Il vigile ci spiegò che se non fossimo andati via subito ci avrebbe fatto la multa.
    Grazie mille in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mercie: 1- Chiara chiede: “non è il caso di avvertire Luca che Paolo è arrivato”; 2- Il vigile ci disse: “se non andate via subito, vi farò la multa”.
      A presto
      Prof. Anna

  94. Christian scrive:

    Cara Prof. Anna,
    Mi sono ingabbiato in una discussione con una mia amica sull’uso dell’indicativo nel discorso indiretto. Siamo stati invitati a una festa (party) dal nostro amico Mattia. Party che lui pensa che sara’ molto figo.
    Io ho scritto questa frase:
    “Il party che Mattia dice che e’ figo”
    E’ corretta questa frase? La mia amica e’ convinta che io debba usare il congiuntivo e dire ” il party che Mattia dice che sia figo” e che l’indicativo non sia corretto in ogni caso.
    Che ne pensa lei?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Christian, l’uso dell’indicativo è corretto, il verbo “dire” non regge necessariamente il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  95. giusy scrive:

    cara professoressa è giusto scrivere in questa forma?
    Allora,il maresciallo chiede aiuto al soldato.Ma il sodato si rifiuta perche dice di essere debole e poi perchè dovrebbe farlo?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giusy, la frase che mi scrivi è corretta, ma eviterei il punto fermo dopo “soldato” e lo sostiutirei con una virgola e attenta all’accento di “perché”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  96. alex scrive:

    mi è piaciuto molto questo esercizio

  97. Barbara scrive:

    Spiegazione esaustiva e chiarificatrice

  98. Giancarlo scrive:

    Gentile Prof. Anna, nella frase 8 sopra viene usato nel discorso indiretto il congiuntivo presente. Nella proposizione principale troviamo un verbo al passato remoto, nella secondaria (diretta) troviamo un verbo al presente indicativo. Può spiegare l’uso del congiuntivo nel discorso indiretto?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giancarlo, il congiuntivo si comporta come l’indicativo, ovvero nella trasformazione da discorso diretto a discorso indiretto se il verbo della reggente è al passato (pensò) c’è un cambiamento del tempo del verbo della dipendente; se nel discorso diretto è al presente (devo) diventa imperfetto, quindi in questo caso congiuntivo imperfetto (dovesse). Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  99. ciao scrive:

    grazie prof ANNA, ma lei insegna anche in scuole??

  100. Viv scrive:

    Carissima Professoressa, Le chiedo il suo aiuto per aiutarmi a capire quale modo verbale è corretto nelle interrogative dirette.

    A Sei contento che sono finalmente a casa ?
    B) Sei contento che io sia finalmente a casa?

    Quale delle due frasi è corretta?
    Grazie mille per la sua gentilezza.

    Viv

    • Zanichelli Avatar

      Cara Viv, le interrogative dirette non necessitano di un modo verbale particolare, la scelta del modo dipende dal tipo verbo che regge la subordinata, dal tipo di frase e da cosa si vuole esprimere, in questo caso sono corrette entrambe le opzioni, sia l’indicativo e sia il congiuntivo perché “sei contento” è un verbo che esprime piacere e quindi può essere seguito da un congiuntivo, ma non è obbligatorio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  101. Abdoulaye scrive:

    Abdoulaye disse:

    Primo questo mi ha sembrato difficilissimo ma facendo l’esercizio ho fatto solo due errori

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Abdoulaye!
      A presto
      Prof. Anna

  102. stella scrive:

    cara prof. come posso trasformare le frasi interrogative?
    per es.-che bella giornata-esclama Maria -c’è un bel sole cado!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stella, non so se ho capito bene la tua domanda, vuoi trasformare le frasi “che bella giornata, c’è un bel sole caldo!” in interrogative?
      Prof. Anna

  103. anonimo scrive:

    sei bravissima la migliore grazie a te oh preso 10 e lode nella verifica di ita

  104. Viv scrive:

    Gentilissima Professoressa, buon pomeriggio.
    Mi è sorto un dubbio sulle interrogative indirette che non riesco a sciogliere.

    Se trasformo i’interrogativa diretta: “Che cosa vuoi?” in un’interrogativa indiretta, non capisco se la subordinata vuole il congiuntivo o l’indicativo.
    A)Non so che cosa vuoi
    B)Non so che cosa tu voglia

    Sono giuste entrambe o è corretta la regola che dice che “non sapere” vuole il congiuntivo?

    Grazie mille per la sua disponibilità
    Buona giornata
    Viv

    • Zanichelli Avatar

      Cara Viv, le interrogative indirette possono reggere sia l’indicativo sia il congiuntivo quando si vuole sottolineare il valore dubitativo della frase.
      A presto
      Prof. Anna

  105. Digenare scrive:

    Carissima prof. Anna.
    Ho molta difficoltà per capisce discorso diretto e indiretto.
    Principalmente quando passato diventa trapassato.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Digenare, quando il verbo della dipendente è al passato (nel discorso diretto), nel discorso indiretto diventa trapassato: Marco disse: “sono andato a casa” = Marco disse che era andato a casa.
      Un saluto
      Prof. Anna

  106. Digenare scrive:

    Carissima professossera Ana, come facio cambiamento di questa frase per discorso indiretto?
    ¨” mamma, dove hai messo la mia gonna?
    la risposta sarebbe ” ha quiesto a sua mamma, dove aveva messo la sua gonna?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Digenerare: “ha chiesto a sua mamma dove aveva messo la sua gonna”.
      A presto
      Prof. Anna

  107. joanna scrive:

    Ho fatto l’errore nella ottava frase e non riesco a capire perché. P:S Le sue spiegazioni sono molto utili.

  108. alvares scrive:

    buongiorno!
    Vorrei

  109. cara prof. mi piace molto vedere questa pagina su internet mi ha aiutato cosi molto… ma mentre facevo alcuni esercizi mi sono trovato con un dubio con questa frase e non so come resta nel discorso indiretto… “un viaggiatore disse all’altro: penso che nel nostro paese la disoccupazione non finirà mai, anzi raggiungerà livelli altissimi se i nostri politici non si daranno da fere”… vorrei sapere come restarebbe col discorso indiretto, Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fernando, “un viaggiatore disse all’altro che pensava che nel loro paese la disoccupazione non sarebbe mai finita, anzi avrebbe raggiunto livelli altissimi, se i loro politici non si fossero dati da fare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  110. Cara Prof. Ana,

    Non capisco bene perché nella seguente frase, si cambia “devo” per “dovesse”, il mio libro dice que si cambia dal presente indicativo all’imperfetto, perché qui la forma corretta è al passato remoto ?

    Andrea pensò: “devo risolvere questo problema”

    Andrea pensò che doveva risolvere questo problema.
    Andrea pensò che dovesse risolvere quel problema.

    Grazie mille !
    Saluti dal MEssico 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Cara Luzy, “dovesse” è un congiuntivo imperfetto, in questo caso è necessario il congiuntivo perché c’è il verbo “pensare”, quindi “..pensò che dovesse…”.
      A presto
      Prof. Anna

  111. caro professore: ho un dubbio grammaticale. Come si fa il discorso indiretto del P. Ipotetico: “se non puoi restare zitto, vattene”?
    Può essere “ha detto che se non poteva restare zitto, se ne andasse”, o e più corretto dire ” che se non fosse potuto restare zitto, se ne fosse andato? Grazie mille! Vilma.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Vilma, “ha detto che se non poteva restare zitto se ne sarebbe dovuto andare”.
      A presto
      Prof. Anna

  112. eleonora scrive:

    Gentile Professoressa,
    complimenti per il blog molto interessante e abbastanza completo.
    Volevo cheiderle un chiarimento riguardo un esempio da lei riportato sopra. La frase col discorso diretto: Laura disse: “domani voglio leggere questo libro” ?
    lei la trasforma in :Laura disse che il giorno dopo voleva leggere quel libro.
    Utilizza dunque un imperfetto nella dipendente trasfromata perchè nella prima frase al discorso diretto il verbo della dipendente era al presente.
    Tuttavia in questo caso la prima frase: Laura disse: “domani voglio leggere questo libro” sottindende un’azione che verrà svolta nel futuro. In questo caso occorre usare comunque l’imperfetto come ha fatto lei o è possibile usare il condizionale passato? Sono entrambe corrette come frasi o una di queste è errata?

    Laura disse che domani avrebbe voluto leggere quel libro.

    Attendo con ansia una sua risposta,

    Cordialmente,

    Eleonora
    La trasformazione degli indicatori temporali (ora, oggi, ieri ecc.) non è necessaria quando la frase è al presente:
    Laura dice “ora voglio leggere questo libro” ? Laura dice che ora vuole leggere quel libro.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Eleonora, è possibile anche usare il condizionale passato; la trasformazione non è necessaria con la frase al presente.
      A presto
      Prof. Anna

  113. Gilda scrive:

    Gentile Professoressa,
    grazie per il suo lavoro, è molto interessante leggere i commenti e le spiegazioni. Le pongo due domande, per curiosità personale.
    La prima riguarda la seguente frase: Mia madre ha detto “Andrò a Parigi”. Viene trasformata, in un libro di grammatica, in “Mia madre ha detto andrà a Parigi”. Secondo le sue indicazioni, invece, dovrebbe essere “Mia madre ha detto che sarebbe andata a Parigi”. Il dubbio che mi viene è che possano essere entrambe corrette. L’altra domanda è: Francesca disse: “Ero felice” come si deve trasformare nel discorso indiretto? Grazie per le risposte che potrà darmi. Un caro saluto e buon lavoro. Gilda

    • Zanichelli Avatar

      Cara Gilda, per quanto riguarda la prima trasformazione quando il verbo della reggente è al presente non si ha alcun cambiamento nei tempi passando dal discorso diretto al discorso indiretto, mentre quando il verbo della reggente è al passato (come in questo caso) la trasformazione comporta un cambiamento, quindi è corretto: “mia madre disse che sarebbe andata a Parigi”; mentre la seconda trasformazione è: “Francesca disse che era felice”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  114. Gilda scrive:

    Ovviamente nella prima domanda la trasformazione del libro di grammatica è “Mia madre ha detto che andrà a Parigi”, nella trascrizione ho saltato il “che”.

    Saluti

  115. Cara Prof. Anna,
    Complimenti per il blog, mi ha aiutato molto leggere questo suo articolo.
    Io vorrei chiederLe informazione sui tipi di testi in cui vengono usati i discorsi diretti o quelli indiretti. ad esempio se in un determinato tipo testuale è più frequente l’uno o l’altro.
    La ringrazio anticipatamente e resto in attesa di una sua risposta.
    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Jose, in liea di massima nei romanzi il discorso diretto è frequente, mentre per esempio nei saggi non lo è.
      A presto
      Prof. Anna

  116. sabrina scrive:

    Gentilissima prof.ssa Anna mia figlia di 9 anni deve trasformare un testo dalla prima persona alla terza persona, xò viene chiesto anche di portare da discorso diretto a indiretto dove necessario, mi può aiutare?
    1)- Qualche signora mi farebbe la gentilezza – ho detto – di prestarmi un orologio d’oro? Lei?
    2)- Osservino, signori! – ho fatto notare – Come loro vedono, l’orologio non è più riconoscibile. – E’ vero! – hanno detto tutti.
    3)- Ma io – ha soggiunto – lo farò riapparire come era prima!
    4) – Elà, signori, osservino l’orologio ritornato intatto!
    grazie fin da ora dell’aiuto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sabrina, non ho capito bene l’esercizio, non capisco quali parti del discorso sono da trasformare alla terza persona. Puoi chiarirmelo?
      Prof. Anna

  117. Kate scrive:

    Non ho capito bono questo parte della tua esplicazione:

    le forme verbali di prima e seconda persona diventano di terza persona:
    Laura dice a Marta: “io vorrei una giacca come la tua” ? Laura dice a Marta che lei vorrebbe una giacca come la sua.

    se te potrebbe elaborare ulteriormente?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kate, ti faccio un altro esempio: “Paolo dice a Mario: “io (prima persona) vorrei una borsa come la tua (seconda persona)” = Paolo dice a Mario che lui (Paola – terza persona) vorrebbe una borsa come la sua (di Mario – terza persona). Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  118. Silvana scrive:

    Gentile Prof. Anna,
    mi potrebbe dire come si trasformano : l’altro ieri, l’anno prossimo, fra dieci giorni e fino a venti minuti fa, quando si passa dal discorso diretto a quello indiretto.
    Mi è tanto utile il suo blog. Grazie! Silvana

    • Zanichelli Avatar

      Cara Silvana, se il verbo è al presente rimangono uguali, se è al passato “l’altro ieri” è meglio che sia indicato con il giorno (lunedì, martedì ecc.), “fra diesi giorni” diventa “dopo dieci giorni” e “fino a venti minuti fa” diventi “fino a venti minuti prima”.
      A presto
      Prof. Anna

  119. Livia scrive:

    Vorrei sapere se nella frase “La verifica è terminata” il predicato è da considerarsi verbale o nominale. Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Livia, “è terminata” è il passato prossimo della forma intransitiva del verbo “terminare”, quindi è predicato verbale.
      A presto
      Prof. Anna

  120. Florin scrive:

    Buongiorno,
    Io ho un dubbio per l’esercizio 8:
    Ho visto che la risposta corretta è: “dovesse”, ma nelle spiegazioni se il verbo della dipendente è al presente->imperfetto(quindi-doveva-). Probabilmente bisogna aggiungere qualcosa nelle spiegazioni? (congiuntivo imperfetto quando viene usato?).
    Ho visto una spiegazione nei commenti che diceva: quando rege il congiuntivo….cosa vuol dire questo?
    Ringrazio e aspetto sua cortese risposta.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Florin, si usa il congiuntivo imperfetto perché dopo il verbo “pensare” ci vuole il congiuntivo, il tempo è comunque l’imperfetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  121. Stimata Professoressa: non mi è chiaro quando la reggente è al passato, i tempi condizionali nella dipendente come diventano?
    Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Renzo, quando il verbo della reggente è al passato il condizionale presente diventa passato: -Paolo disse: “vorrei un gelato”- Paolo disse che avrebbe voluto un gelato-; il congiuntivo diventa trapassato: Paolo pensò: “è giunto il momento di andare”- Paolo pensò che fosse giunto il momento di andare-. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  122. E i tempi del congiuntivo nella reggente come diventano?

  123. scusa nella dipendente (Il congiuntivo)

  124. Grazie, è stata molto utile la sua spiegazione, ma non mi è chiaro se nella dipendente c’è il congiuntivo al presente, e quando è al congiuntivo imperfetto?
    Grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Renzo, potresti farmi un esempio?
      A presto
      Prof. Anna

  125. Luka scrive:

    Gentile Prof. Anna,
    mi potrebbe dire perche si trasformano in questo modo:

    Elena chiese: “Qualcuno le può prestare il dizionario?”
    Elena chiese se qualcuno potesse prestarle il dizionario.

    Perche si usa congiuntivo imperfetto in discorso indiretto in questa sentenza? Perche no imperfetto regolare (non era un opinione o simile)?.

    Mi è tanto utile il suo blog.
    Grazie! Luka

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luca, sarebbe stato corretto anche l’indicativo imperfetto, nelle interrogative indirette (se potesse prestarle) si può trovare anche il congiuntivo per sottolineare il valore dubitativo della frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  126. lina scrive:

    Si può dire:” come avrei potuto sapere che scherzassi?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lina, userei l’indicativo: “come avrei potuto sapere che scherzavi?”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  127. giulia scrive:

    05/02/2015
    cara professoressa Anna mi è servito molto fare i suoi esercizzi , la cosa che non capisco e che ho imparato divertendomi cosa che per me è assurdo , se devo dire la verità io quando faccio i miei compiti mi scoccio perchè appena vedo la pagina di diario piena mi agito , io sono di 2 media e vado alla MICHELANGELO una vera e propria prigione ,no perchè le prof ti obbligano a fare quello che ti dicono ma perchè assegnano troppi compiti , io entro alle 8.00 e esco alle 14.00 , quasi tutti i giorni la preside ci viene a trovare e ci fa delle domande riqurdo come ci sentiamo ,alla mia preside io le voglio una marea di bene .
    GRAZIE E ANCORA MILLE GRAZIE .
    GIULIA DA BARI SCUOLA MICHELANGELO 2I

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giulia, benvenuta su Intercultura blog!
      Sono contenta che gli esercizi ti siano stati utili.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  128. sonia scrive:

    gentile professoressa,
    vorrei innanzi tutto ringraziarla per il suo prezioso lavoro.
    mi permetto di farle notare che, se non vado errata, secondo la regola in base alla quale “in dipendenza di un tempo passato con domanda, dal presente si passa al congiuntivo”,l’esercizio n.5 (Tina mi chiese: “hai studiato i verbi?”/Tina mi chiese se avevo studiato i verbi),non è corretto. la soluzione avrebbe dovuto essere: Tina mi chiese se avessi studiato i verbi.
    attendo una sua risposta e
    la saluto cordialmente
    sonia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sonia, le interrogative indirette (come: Tina mi chiese se avessi studiato i verbi), possono avere sia l’indicativo sia il congiuntivo, la scelta dipende dal registro linguistico, più o meno formale, il congiuntivo è usato soprattutto per sottolineare il valore dubitativo della frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  129. Paola scrive:

    Ciao una cortesia :la frase diretta: Riccardo rimprovera Tommaso :” Hai imbrogliato! Non gioco più con te” Indiretta come diventa? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Paola, si potrebbe trasformare così: “Riccardo rimprovera a Tommaso di aver imbrogliato e gli dice che non giocherà più con lui”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  130. EMMA scrive:

    CIO PROF ANNA LE SUE SPIEGAZIONI SONO MOLTO UTILI PER TUTTI GRAZIE MILLE

    • Zanichelli Avatar

      Cara Emma, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  131. apo6 scrive:

    su tale discorso si dovrebbe aggiungere per intenderci, che dopo aver letto tutti i commenti e post e quant’altro… non sarebbe stato mai abbastanza lungo, il discorso diretto od indiretto, per apporvene altri.
    In quanto il discorso non potrebbe mai acquistare un senso se avrebbe un termine…

    • Zanichelli Avatar

      Caro Apo6, non ho capito bene le tue considerazioni.
      A presto
      Prof. Anna

  132. apo6 scrive:

    Prof. Anna ovviamente mi riferivo solo all’indiretto!

  133. apo6 scrive:

    Ma a questo punto volevo porre una domanda alla Prof. Anna, su quello che rappresenta il web; può essere esso inteso come il più grande discorso indiretto globale? dove purtroppo mi riferisco ai più giovani, molti discorsi possono a volte essere facilmente fraintesi, perchè proprio troppo indiretti, inventati ad hoc da cervelli eminenti!

  134. assem scrive:

    e troppo difficile

  135. assem scrive:

    è troppo difficile non ho capito niente

    • Zanichelli Avatar

      Caro Assem, se hai un dubbio puoi scrivermi per cercare di risolverlo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  136. Mírian scrive:

    Prof.ANNA!!!
    Ho sbagliato nella 8.

    Quindi non dovrebbe essere la risposta giusta..: Andrea pensò che doveva resolvere questo problema…?
    Certo..? o no?
    Grazie mille!!
    Mírian
    BRASILE—–SLZ(MA)

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mirian, dopo il verbo “pensare” ci vuole il congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

  137. Cara Prof Anna.
    Ho trovato la Sua pagina e la trovo fantastica. Mi e’ stata molto utile.
    Solo che’ alenarmi un po’ di piu’.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Agnieszka, benvenuta su Intercultura blog!
      Continua ad allenarti con noi.
      A presto
      Prof. Anna

  138. *Errata
    Solo che’vorrei alenarmi un po’ di piu’.

  139. Cara Prof. Anna
    Grazie di darmi il benvenuto alla Sua blog.
    Sono la studentessa di secondo anno di italianistica,per questo motivo sto entrando spesso nella Sua blog.Avvolte ho problemma di trasformare il discorso diretto ,quando devo farlo da sola. Magari perche la lingua italiana ho imparato abitando in Italia e parlando con la gente (spesso in dialetto) . Invece adesso quando sono a livello B1 b2 sbaglio ,qualche volta il congiuntivo e condizionale… Mi potrebbe cosigliare qualche pagina con dei esercizi.Perche le regole sono una cosa invece la prattica…

  140. Grazie mille ,Prof. Anna 🙂 A presto.

  141. caccetta scrive:

    oggi a scuola la mia amica livia,vedendomi triste,si e avvicinata

    • Zanichelli Avatar

      Cara Caccetta, non ho ben capito la tua domanda, ma la frase corretta è: “oggi a scuola la mia amica Livia, vedendomi triste, si è avvicinata”.
      A presto
      Prof. Anna

  142. Sergio scrive:

    Ciao, Prof. Anna! Un saluto dalla Russia!
    Si può dire: Andrea pensò di aver dovuto risolvere quel problema?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Sergio, meglio dire “Andrea pensò di dover risolvere quel problema”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  143. Penélope scrive:

    Saluti dal Messico e grazie mille per il contenuto di questo blog, mi aiuta a preparare l’essame che avrò fra un paio di settimane.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Penélope, benvenuta su Intercultura blog e in bocca al lupo per il tuo esame!
      A presto
      Prof. Anna

  144. Sergio scrive:

    Grazie mille, Anna! 🙂

  145. olena scrive:

    buongiorno,

    come trasformare da diretto ad indiretto la frase:

    Saltando coi piedi sul davanzale, Bianca urlò: “Qualcuno ci sta chiedendo aiuto. Non vedi? Chiede di andarlo a salvare!”.

    Ho il dubbio su come trasformare non vedi.

    grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Olena, io non trasformerei “non vedi?”, quindi il discorso indiretto sarebbe “Bianca urlò che qualcuno ci stava chiedendo aiuto e che ci chiedeva di andarlo a salvare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  146. olena scrive:

    mille grazie, professoressa!

  147. Giuliana scrive:

    Cara Prof. Anna ti seguo sempre nelle risposte che dai agli altri ragazzi, a tutti stranieri e italiani che ne hanno bisogno e sei veramente colta e grande. Questo blog è veramente molto interessante e utile. Anch’io ho bisogno di un aiuto da te. Devo trasformare questa frase dal discorso diretto in indiretto:
    – Ci rispose: “In caso di bisogno potete contare sul mio aiuto”.
    Io l’ho trasformata così, ma non so se è giusta:
    Ci rispose che in caso di bisogno potevate contare sul mio aiuto, sono incerta di questa soluzione Perchè altre mie compagne hanno risposto in questo esercizio (poi non corretto in classe)
    Ci rispose che in caso di bisogno potevate contare sul suo aiuto.
    Siccome non riesco a capire quale sia la soluzione giustya per questa frase, ti prego di mandarmi la risposta su quest blog.
    Ti ringrazio molto Prof _Anna e graziew di tutto. Spero che questo mio dubbio serva anche ad altre studentesse. Saluti a te e a tutti quelli che seguono questo Blog, Giuliana, anche se gli amici e in famiglia mi chiamano tuttu Eliana. Ciao a Tutti e buona Mattinata!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giuliana, la frase diventa: “ci rispose che in caso di bisogno potevamo contare sul suo aiuto”.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  148. Giuliana scrive:

    Prof. Anna, sono Giuliana (soprannominata in famiglia e dagli amici Eliana) e mi voglio complimentare per l’aiuto che dai agli italiani e agli stranieri nella lingua italiana. Anch’io ti seguo e dalle domande di altre persone e dalle tue risposte ho imparato molte cose.Sto facendo un corso di italiano e in un esercizio in cui bisogna trasformare una frase da discorso diretto in indiretto ho avuto un dubbio e non so come risolverlo. La frase è: Ci rispose: “In caso di bisogno potete contare sul mio aiuto”. Io l’ho trasformata così: Ci rispose che in caso di bisogno potevate contare sul mio aiuto. Mi chiedo se invece di potevate ci vuole potevamo contare sul suo aiuto. Ti ringrazio anticipatamente per la risposta. Ti saluto, Eliana

  149. valentina scrive:

    prof. Anna è corretto: paola gli chiese:- quando ti rivedrò?-.
    paola ha chiesto quando ti rivedrà.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Valentina, la trasformazione corretta è: “Paola gli chiese quando lo avrebbe rivisto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  150. valentina scrive:

    aspetto al più presto la sua risposta

  151. Cristina scrive:

    Cara Prof. Anna:
    I miei dubbi sono quando passiamo le frasi dal diretto al indiretto e nella frase principale: “Mi ha detto che” o Vi ha detto che….
    Ci sono delle regole per i cambiamenti dei pronomi ? Grazie della Sua risposta.
    Un saluto
    Cristina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Cristina, non ho capito bene la tua domanda, potresti farmi un esempio completo?
      A presto
      Prof. Anna

  152. Saul scrive:

    Cara prof. Anna,
    devo trasformare la seguente conversazione da discorso diretto a quello indiretto. Potrebbe dirmi se ho fatto bene?

    Il cameriere chiede: – Ha scelto qualcosa dal menù?
    Il cliente risponde: – Si, grazie, la vostra specialità del giorno.
    – Perfetto! Porto subito l’ordine in cucina – conclude il cameriere.
    – Dimenticavo – aggiunge il cliente. – Mi porti anche dell’acqua naturale.

    Il cameriere chiede al cliente se ha scelto qualcosa dal menù.
    Il cliente risponde di si, che ha scelto la loro specialità del giorno.
    Perfetto, conclude il cameriere e porta subito l’ordine in cucina.
    Il cliente aggiunge di aver dimenticato di farsi portare anche dell’acqua naturale.

    A presto e grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Saul, è tutto corretto tranne quel “perfetto” che nel modo in cui l’hai scritto risulta ancora discorso diretto, si potrebbe tarsformare così: “il cameriere conclude dicendo che va bene e che porta subito l’ordine in cucina”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  153. Barbara scrive:

    Gentile professoressa Anna, nell’esempio 9: Andrea pensò:«devo risolvere questo problema»la trasformazione giusta è: Andrea pensò che dovesse risolvere quel problema, col verbo al congiuntivo imperfetto. Premetto che mi suona giusto, ma in questo caso non uso l’imperfetto come dice la regola! C’è un motivo? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Barbara, usiamo il congiuntivo perché è necessario dopo il verbo “pensare”.
      A presto
      Prof. Anna

  154. Doriana scrive:

    Buona sera devi trasformare la seguente conversazione da discorso diretto a discorso indiretto .
    Due coccodrilli se ne stavano con le teste a pelo dell’acqua. Uno dei due coccodrilli era Enorme . L’altro era Così Così .
    – Sai che cosa mi andrebbe oggi per pranzo? -chiese il coccodrillo Enorme.
    -No -disse Cosi Così -Che cosa ?
    -Oggi per pranzo -annunciò -mi andrebbe un bel bambino cicciottello e succulento .
    -Io i bambini nn li mangio mai-protestò Così Così – Mangio solo pesce ,io.
    -Oh,oh,oh!-rise il coccodrillo Enorme-Scommetto che se tu vedessi sguazzare là nell’acqua un bel bambinetto cicciottello e succulento proprio adesso,te lo ingolleresti in un sol boccone!
    -No che nn lo farei -disse Cosi Così .-I bambini sono troppo duri e gommosi.
    -Che razza di smidollagini vai dicendo !-replicò il coccodrillo Enorme. -Sono succulenti e gustosi !Il mio piatto preferito .

    • Zanichelli Avatar

      Cara Doriana, prova tu a trasfomare questo discorso diretto in indiretto aiutandoti con le indicazioni fornite nell’articolo, se vuoi poi lo posso correggere.
      A presto
      Prof. Anna

  155. Grazie tante per tutto quello che fate per aiutarci a conoscere la lingua italiana.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Michel, grazie a te per il tuo commento. Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  156. Sunaina scrive:

    I am form Pakistan. Thanks for information.
    Prof. Anna
    Mi spiega questa come faccio due amiche fatto un dialogo anche questo dialogo ćè un diritta o indiretta. Ti prego.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sunaina, benvenuta su Intercultura blog! Non ho capito bene la tua domanda, prova a spiegarmela di nuovo, magari facendomi un esempio.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  157. dino scrive:

    Paola chiede al papà: quanto tempo manca per arrivare a casa?

    non riesco a trasformarla in discorso indiretto. grazie saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Dino, quando il tempo della reggente è al presente non c’è alcun cambio dei tempi passando dal discorso diretto al discorso indiretto: “Paola chiede al papà quanto tempo manca per arrivare a casa”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Mstislav scrive:

        Illustra Professoressa Anna!
        Grazie X 1000! Mi aiuta moltissimo il suo intervento ad approfondirmi nella lingua Italiana. Sono russo, faccio il traduttore per venti anni ma di tanto in tanto sorgono degli interogativi. Lei potrebbe dare una delucidazione a un punto poco chiaro?: come sarebbe corretta la trasformazione dal discorso diretto al discorso indiretto:
        Giacomo mi ha chiesto: «Hai telefonato a Michele?».
        -→ Giacomo mi ha chiesto se avessi telefonato a Michele. oppure:
        Giacomo mi ha chiesto se avevo telefonato a Michele
        e
        Tina mi chiese: “Hai studiato i verbi?”
        Tina mi chiese se avevo studiato i verbi.
        Tina mi chiese se avessi studiato i verbi.

        Con il profondissimo rispetto Mstislav

  158. Beh,è stato interessante la lettura della pagina.
    […]