Gill si presenta

Prof.Giacalone
Famiglia,   La lingua italiana

Ciao! Ecco un brano in cui una ragazza parla di se stessa.

Leggi il testo con attenzione e rispondi alle domande scegliendo tra la risposta quella che secondo te è giusta. Alla fine controlla le risposte esatte.

Se hai qualche commento o domande non avere paura, scrivimi pure: sono qui per te.

 

Buon Intercultura blog

Il prof. Valerio Giacalone

 

 

Ciao Franca,  come stai? Ti scrivo così mi presento e quando ci incontriamo ci conosciamo già un po’. Ti scrivo una email ma non sono molto brava al computer. Sono una ragazza canadese mi chiamo Gill, ho 23 anni e sono figlia unica. La mia famiglia vive a Toronto. Mio padre è direttore di banca e mia madre casalinga. Sono appena arrivata in Italia. Studio e lavoro a Firenze. Studio la lingua italiana da cinque anni. Per tanti motivi mi piace l’italiano: è una lingua molto musicale e ricca di passione. Quando parlo questa lingua mi sento italiana, con tutti i pregi e difetti di questo popolo. È la lingua del sorriso e della comunicazione.

È la lingua della moda, del buon mangiare, del sole, di grandi scopritori e inventori. Mi serve conoscere questa lingua perché viaggio in tutta la penisola. Ho scelto io di venire a vivere in Italia e sono convinta che rimarrò per tutta la mia vita qui perché mi sento di appartenere a questa cultura, anche se ho un po’ di paura per questo cambiamento. Cara Franca non vedo l’ora di incontrarti e sapere qualche cosa di te. Rispondi presto. Un grande bacio, Gill

 

 

 

esercizio livello A1

 

Esercizio: domande di comprensione sulla presentazione

Scegli la risposta. Quella corretta diventerà verde.

Rispondi alle domande

  • 1. Perché Gill ha scelto di venire a vivere in Italia?
    • Perché le piace
    • Perché la madre vive in Italia
    • Perché è stanca del suo paese 
  • 2. Da quanti anni studia italiano?
    • Da 3 anni
    • Da 2 anni
    • Da 5 anni 
  • 3. Il padre di Gill è :
    • Direttore di compagnia assicurativa
    • Vicedirettore d una azienda
    • Direttore di banca
       
  • 4. Gill pensa di rimanere in Italia:
    • Per tutta la Vita
    • Sino a quando non impara la lingua italiana
    • Per 5 anni 
  • 5. Quando parla italiano si sente: 

    • Felice
    • Italiana
    • Imbarazzata

 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [6]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Julia scrive:

    Buon giorno, Professore! Oggi ho letto la lettera di Gill che si presenta. La lettera c’e una proposta- “…Ho scelto io di venire a vivere in Italia e sono convinta ….” Vorrei chiedere, perche IO si scritto dopo HO SCELTO. Pensavo sempre che si usa solo all’inizio- IO HO PENSATO.La ringrazio, Julia.

  2. admin scrive:

    Cara Julia,
    è vero che normalmente in italiano il soggetto precede il verbo.
    Ma è possibile mettere il soggetto dopo il verbo quando si vuole proprio porre l’attenzione sulla persona o la cosa, non sull’azione che compie.
    Pensa a come inizia la bellissima poesia “L’infinito” di Giacomo Leopardi: “sempre caro mi fu quest’ermo colle” (il soggetto è il colle)

    Altri esempi più quotidiani:
    “io ho scelto di venire in Italia” mette in evidenza l’azione di scegliere di venire in Italia
    “ho scelto io di venire in Italia” mette in risalto che la scelta è stata proprio mia, non di un altro, come per dire: “ho scelto io, non tu al posto mio”.

    “Julia ha posto la domanda” è la frase normale
    “Ha posto Julia la domanda” vuol dire che era Julia e non una altra persona

    “Voi partite” registra la partenza
    “Partite voi” vuol dire che partite proprio voi, e non noi o altri.

    La “flessibilità” della sintassi è una caratteristica dell’italiano, che si differenzia da altre lingue più “rigide”. A seconda del senso che si vuole dare alla frase, si cambia opportunamente l’ordine di soggetto, verbo e complementi.

    A presto,
    Giovanni Enriques

  3. ravina scrive:

    Ma la scrita veramente la ragazza? Voglio dire che esiste veramente?

    • Zanichelli Avatar

      Non credo che esista veramente, ma è sicuramente una descrizione molto realistica.
      Prof. Anna

  4. Seanna scrive:

    5/5!!! 😀

  5. pietro scrive:

    La Bella Lingua