Accento su grecismi e latinismi

Prof. Anna
La lingua italiana

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, a volte abbiamo dei dubbi sulla pronuncia di alcune parole: si dice mìmesi o mimèsi? Edìpo Èdipo? Come ci si deve comportare in questi casi?

Buona lettura!

Prof. Anna

La maggior parte dei dubbi dei dubbi sulla posizione dell’accento in italiano riguardano parole dotte (di uso colto, non popolare) di origine greca, ma trasmesse a noi attraverso il latino classico, o più spesso medievale e moderno.

L’accento greco seguiva regole diverse da quello latino. Per alcune parole l’accento coincide in greco e in latino e di conseguenza in italiano non ci sono oscillazioni: Afrodìte, Agamènnone, sfintère. Altre volte (come per le parole zaffiro, Edipo, mimesi)  l’accento greco (mìmesis) contrasta con quello latino (mimésis) . Secondo il linguista Serianni (e anche secondo altri) è preferibile seguire l’accentazione latina, tuttavia esistono usi consolidati che sarebbe assurdo modificare, come ad esempio le pronunce greche Edìpo e accadèmia (e non quelle latine Èdipo e accademìa).

Si ha la pronuncia alla greca:

  • nelle parole che terminano –ìa: filosofìa, liturgìa, parodìa, non fa eccezione alopecìa, che i medici pronunciano anche alopècia;
  •  nei nomi propri che finiscono in –eo: Morfèo, Odissèo, Timèo, ma per alcuni è ugualmente diffusa l’accentazione latina: Epimetèo, Promèteo.

Ci sono parole che mettono in difficoltà la maggior parte delle persone, a causa della tendenza a far risalire l’accento verso l’inizio della parola:

PRONUNCIA ERRATA PRONUNCIA CORRETTA
alcàlino  alcalìno → è un aggettivo di relazione in –ino tratto da alcali, come sale, salino; argento, argentino
càduco cadùco 
codàrdia codardìa → appartiene alla serie dei sostantivi astratti in –ìa come allegrìa, follìa ecc.
cosmòpolita cosmopolìta 
èdile  edìle 
leccòrnia leccornìa
mòllica mollìca
rùbrica rubrìca
sàlubre salùbre
persuàdere  persuadère 
Frìuli Friùli 

 

La parola utensile, invece, ha due accenti diversi a seconda del significato: si pronuncia utensìle quando ha la funzione di sostantivo e utènsile  quando viene usato come aggettivo.

 

Fonte: Luca Serianni, La Grammatica Italiana, 1989, UTET, Torino

 

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la pronuncia corretta:
    • non ho gli utensìli adatti per questo lavoro
    • non ho gli utènsili adatti per questo lavoro
  2. Scegli la pronuncia corretta:
    • èdile
    • edìle
  3. Scegli la pronuncia corretta:
    • leccornìa
    • leccòrnia
  4. Scegli la pronuncia corretta:
    • càduco
    • cadùco
  5. Scegli la pronuncia corretta:
    • sàlubre
    • salùbre
  6. Scegli la pronuncia corretta:
    • mi è arrivata una nuova macchina utensìle
    • mi è arrivata una nuova macchina utènsile
  7. Scegli la pronuncia corretta:
    • Friùli
    • Frìuli
  8. Scegli la pronuncia corretta:
    • codardìa
    • codàrdia
  9. Scegli la pronuncia corretta:
    • persuadère
    • persuàdere
  10. Scegli la pronuncia corretta:
    • rùbrica
    • rubrìca

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [2]

Rispondi a Prof. Anna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Rino scrive:

    Immagino cosa sarebbe potuto accadere se avessi avuto voglia di studiare.
    10/10. Sto arricciando il naso:-)
    Pigrone!!!