Ripasso comparato delle particelle -ci- e -ne-

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, alcuni di voi mi hanno chiesto di ripassare un argomento che abbiamo già affrontato in passato: l’uso delle particelle ci e ne. Sono due particelle usate molto frequentemente con diversi significati, è importante quindi non conforderle, per questo oggi ve le presenterò insieme, inserite in due tabelle che ne riassumono gli usi e i significati.

Buona lettura!

Prof. Anna

CI
pronome riflessivo di prima persona plurale:

la mattina ci alziamo sempre alle sette

pronome personale diretto di prima persona plurale:

ci accompagna mia madre con la sua macchina

pronome personale indiretto di prima persona plurale:

ci ha promesso che ci manderà una cartolina

particella pronominale che sostituisce un complementi indiretto nella frase col significato di:

⇒ a ciò, a questa cosa:

“chi pensa alla spesa” “ci penso io” (= penso io a questo -alla spesa)

hai creduto a quello che ti ho detto” “sì, ci ho creduto” (= ho creduto a questa cosa – a quello che mi hai detto)

non mi piace questo lavoro, ma mi ci abituerò (= mi abituerò a questo lavoro)

può anche sostituire una frase introdotta dalla preposizione a + un verbo all’infinito, per esempio con i verbi riuscire (a fare qualcosa), provare (a fare qualcosa):

riesce sempre a ottenere quello che vuole, ci riesce con facilità (= riesce con facilità a ottenere quello che vuole)

in ciò, in questa cosa:

credi nella vita dopo la morte?” “no, non ci credo” (= non credo in questa cosa)

su ciò, su questa cosa, su questa persona:

arriverà in ritardo come sempre, ci scommetto (= scommetto su questa cosa)

“posso contare su di lui?” “sì, ci puoi contare” (= sì, puoi contare su di lui)

con questa cosa, con questa persona:

stai bene con lui?” “sì, ci sto bene” (= sto bene con questa persona)

 • particella avverbiale di luogo significa in questo luogo, in quel luogo:

siamo stati bene in quel posto, ci torneremo sicuramente (= torneremo in quel posto)

 ATTENZIONE: se il verbo “credere” è riferito a una persona (credere a qualcuno) “credere a una persona” non useremo ci, ma i pronomi personali: “credi a Luca” “si, gli credo”.

 

NE
particella pronominale che sostituisce un complemento indiretto col significato di:

di ciò, di questa cosa, di queste cose, di questa persona, di queste persone, alcuni verbi a cui si può accompagnare sono: parlare (di qualcosa), discutere (di qualcosa), pensare (qualcosa di qualcuno o qualcosa), sapere (qualcosa di un dato argomento), accorgersi (di qualcosa), intendersi (di qualcosa), essere sicuro (di qualcosa), essere consapevole (di qualcosa), importare (di qualcosa), preoccuparsi (di qualcosa):

non concosco questo attore, ma me ne hanno parlato (= mi hanno parlato di questa persona)

ho comprato questi orecchini, cosa ne pensi (= cosa pensi di questi orecchini)

può sostituire una frase introdotta da di + infinito:

non soffrire per lui, non ne vale la pena (= non vale la pena di soffrire)

può significare da ciò, da questa cosa, da queste cose, da questa persona, da queste persone:

ho cominciato una nuova dieta e ne ho tratto un gran beneficio (= ho tratto beneficio dalla dieta)

 • valore partitivo, soprattutto in presenza di:

numerali: “quanti pomodori hai comprato?” “Ne ho comprati tre(=di pomodori)

quantità: “quanto latte hai usato?” “Ne ho usato un litro(=di latte)

pronomi indefiniti: “quanti libri hai letto?” “Ne ho letti pochi (=di libri), “quanti libri hai letto?” “non ne ho letto nessuno(libro)

 • avverbio di luogo

⇒ significa da lì, da quel luogo, da questo luogo e ha la funzione di complemento di moto da luogo: me ne vado (=vado via da questo luogo)

 ATTENZIONE: nei tempi composti il participio passato concorda con il nome sostituito in base alla quantità espressa: “quante persone sono arrivate?” “ne sono arrivate dieci” (=di persone), “quante persone sono arrivate?” “non ne è arrivata nessuna” (persona).

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio": vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

1- Ho tentato di convincerlo a venire, ma non sono riuscita. 2. Credo che l'appuntamento sia stato rimandato, ma non sono sicuro. 3- Ho visitato Madrid molti anni fa, ma mi piacerebbe . 4- A mio figlio piace giocare con le costruzioni, gioca ogni giorno. 5- Questo vino è ottimo, bevo ancora un bicchiere. 6- "Sai qualcosa di questo argomento?" "No, non so niente." 7- "Mi accompagni tu alla stazione?" "Sì, puoi contare." 8- "Ti intendi di cinema?" "No, non me intendo." 9- Non sarà facile superare questo esame, ma proverò. 10- "Ti sei accorto che ho cambiato taglio di capelli?" "Sì, me sono accorto."

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [36]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. kdela scrive:

    Cara Professoressa Anna
    grazie per questo argomento

    anche per quello di
    (sul?) periodo ipotetico .

    Erano molto utili per me .

    Per caso ho avuto bisogno dei quest i soggetti .

    kdela

  2. eleonora scrive:

    Grazie egli approfondimenti!

  3. GREAT EXRECISES

    • Zanichelli Avatar

      Cara Silvana, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  4. Madeleine scrive:

    mi dispiace ma spesso non funziona il corretore

    • Zanichelli Avatar

      Cara Madeline, se mi indichi quale supporto usi (computer, telefono), quale sistema operativo e quale browser, riusciremo più facilmente a risolvere il problema. Grazie.
      A presto
      Prof. Anna

  5. kdela scrive:

    Ciao la Professoressa Anna

    L’ho ringraziato prima per questo blog-che e’ molto utile.
    Adesso ho fatto l’esercizio e sono riuscita a fare 8 frasi corretti..
    ho stampato le regole e ho un quaderno con alcuni(non ancora tutti) soggetti che lei insegna(va) ( :

    Anche per caso’ ho avuto bisogno del soggetto, argomento, del periodo ipotetico, allora sto studiando e studiando ..

    In ogni caso- La ringrazio moltissimo.
    Lei e’ una brava insegnante,come sa,anche una brava persona.

    A presto ( :

    kdela

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kdela, complimenti, è un ottimo risultato!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  6. Madeleine scrive:

    Questa volta ha funzionato benissimo- e sono contenta perché tutte le mie risposte sono state corrette

  7. emanuel scrive:

    Questi “ci” e “ne” mi impazzisce

    • Zanichelli Avatar

      Caro Emanuel, queste particelle fanno impazzire molte persone che studiano l’italiano, non è facile imparare ad usarle correttamente, è necessario esercitarsi e fare pratica, ma non ti scoraggiare, vedrai che andrà sempre meglio.
      A presto
      Prof. Anna

  8. Leila scrive:

    Ti ringrazio molto di inviare queste esercizi.Sono importanti per imparare la lingua italiana.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Leila, grazie a te per il tuo commento.
      A presto
      Prof. Anna

  9. Peter Herd scrive:

    Cara Professoressa Anna

    Poco a poco riesco a distinguere come usare questi Piccoli
    particelle ci e ne

    Pietro Forno

    • Zanichelli Avatar

      Caro Peter, non è affatto semplice imparare ad usare queste due particelle, ma con l’esercizio e la pratica piano piano tutto diventa più chiaro e naturale.
      A presto
      Prof. Anna

  10. Norma scrive:

    Tante grazie . E stato molto opportuno

  11. alicia scrive:

    chiarissimo!Grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alicia, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  12. Maria Padula scrive:

    Grazie. Molto chiaro.

  13. Enrique scrive:

    Cara prof. Anna.
    Grazie tante per le due tabelle, poichè queste due particelle sono davvero difficili per noi spagnoli. Per me la più complicata e la particella CI, che spesso dimentico nella mia conversazione. Dopo tanti anni a studiare e ascoltare l’italiano a volte penso che la particella CI sia diventata quasi un intercalare abusivo e questo uso mi confonde ancor di più. Sento dire, per esempio: “Ci ho tanti amici, ci ho una casa in montagna, la macchina ce l’ho…” È corretto questo uso così frequente oppure appartiene al linguaggio colloquiale e moderno?
    Grazie e a presto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Enrique, la particella -ci-, unita ad alcuni verbi, indebolisce il proprio significato originario (qui, in questo luogo) ed è usata come elemento rafforzativo, per esempio con il verbo “avere” (come nel tuo esempio) o con i verbi di percezione (non ci vedo, non ci sento), in questi casi -ci- è in un certo senso superflua. Quest’uso è più frequente nel registro colloquiale. Alla fine di questo articolo (http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=1903) troverai alcuni verbi in cui la particella -ci- ha un valore rafforzativo ma è necessaria per conferire un certo significato a quel verbo.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  14. Enrique scrive:

    Cara prof. Anna.
    Le chiedo scusa per i miei due errori nel commento precedente: “poichè” invece di “poiché” e “a studiare e ascoltare” invece di “a studiare e ad ascoltare”.
    Tanti saluti e a presto.

  15. Enrique scrive:

    Grazie mille per i suoi chiarimenti e a presto.

  16. Volevo solo segnalare un errore di digitazione nella frase n. 8 degli esercizi in fondo all’articolo.: un “no” ha preso il posto di un “non”.
    Segnalo ciò affinché non generi confusione in chi sta imparando l’italiano.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Lucio, grazie per la segnalazione.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  17. Luisa scrive:

    Le scrivo per dire che è veramente utile e fare gli esercizi.
    Mi piace molto e grazie a lei.

  18. Cara Professoressa Anna
    La ringrazio por questo argomento, e molto utile.

  19. Graciela scrive:

    Vorrei iscrivirmi, però clicco ma non posso scrivere il mio indirizzo email.
    Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Graciela, ho controllato e sembra funzionare. Prova a ancora e se hai qualche problema ti prego di comunicarmelo, spiegandomi anche cosa succede esattamente e da quale dispositivo stai provando a farlo, in questo modo sarà più semplice risolvere l’eventuale problema.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  20. Cara Anna nella terza frase CI e dopo il verbo tornare.pensavo che dovrebbe essere prima del verbo.puoi spiegarmi? Grazie.maria cristina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Cristina, quando abbiamo un verbo che regge l’infinito, la particella “ci” si “attacca” all’infinito, che perde la vocale finale: “penso di tornarci”, “credo di riuscirci”, “spero di parlarci”, quando abbiamo un verbo servile (dovere, potere, volere) seguito da infinito, la particella “ci” può essere collocata prima del verbo servile oppure può “attaccarsi” all’infinito: “ci devo andare” = “devo andarci”; “ci voglio credere” = “voglio crederci”; “ci posso riuscire” = “posso riuscirci”. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  21. Prof. Anna, sono molto contenta. Sono riuscita a fare il ripasso delle particelle avendo fatto tutti gli esercizi senza errori. Molte grazie. Signora Bardi.

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Maria Cristina!
      A presto
      Prof. Anna

  22. Prof.ssa riAnna, ripasso di continuo l’uso delle particelle. A volte, ancora mi sbaglio. E’ un tanto difficile applicarle sensa errori. LA ringrazio moltissimo. Sra. Bardi

  23. Molto utili questi spiegazioni…..Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Delia, sono contenta che queste spiegazioni siano utili per te.
      Apresto
      Prof. Anna