Ripassiamo l’uso dell’apostrofo

Prof. Anna
La lingua italiana

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi ripasseremo un argomento molto importante, ovvero quando e come si usa lapostrofo in italiano.

Buona lettura!

Prof. Anna

In italiano si ha l’apostrofo quando si presenta il fenomeno dell’elisione.

L’elisione consiste nella caduta della vocale non accentata di una parola di fronte alla vocale iniziale di un’altra parola; nella scrittura l’elisione è segnalata dall’apostrofo.

L’elisione è obbligatoria con:

→ gli articoli determinativi lo, la e le preposizioni articolate formate con essi: l’animale, l’acqua, dell’uomo, dall’opera;

→ l’articolo indeterminativo una: un’amica, un’impresa, un’epoca;

→ gli aggettivi bello e quello: un bell’albero, quell’immagine; l’elisione in questo caso è possibile ma non obbligatoria con i femminili bella e quella;

santo e santa: sant’Anna, sant’Anselmo.

⇒ Nella lingua scritta contemporanea c’è la tendenza a una progressiva riduzione dell’apostrofo. Con l’articolo gli l’elisione è possibile, ma poco frequente, solo davanti a parole che cominciano con la stessa vocale: gl’Italiani (ma gli Americani); mentre con l’articolo le non si ha mai l’elisione (le amiche, le erbe).

L’elisione è prevalente ma non obbligatoria con:

→ la preposizione di, specialmente davanti a una parola che comincia con la i: d’accordo, d’argento, d’improvviso, d’invitare;

→ i pronomi personali atoni lo, la, mi, ti, si, vi, ne: l’incontrai o lo incontrai, l’ospitò o la ospitò, m’avvisò o mi avvisò, ecc.;

→ l’aggettivo questo: quest’anno, quest’ultimo;

→ l’avverbio e congiunzione come seguito dal verbo essere: com’è grande!, com’era bello.

Si ha l’elisione solo in particolari contesti:

→ con l’avverbio di luogo ci, che prende l’apostrofo solo davanti al verbo essere: c’è, c’erano;

→ alcune parole conservano l’apostrofo solo in frasi ormai cristallizzate nell’uso: a quattrocchi, tutt’altro, tutt’e due, tutt’al più, senz’altro, nient’altro, mezz’ora;

→ con la preposizione da, che si elide solo nelle espressioni: d’ora in poi, d’ora in avanti, d’altra parte, d’altronde.

• L’elisione non si produce mai:

→ con i pronomi atoni le, li in funzione di complemento oggetto: le ammiravo, li incontrai, e con il pronome le in funzione di complemento di termine: le affiancherò un tutore;

→ con il pronome personale atono ci (noi, a noi) seguito da vocale diversa da i: ci ama, ci osserva;

→ davanti a i semiconsonantica: di ieri, lo iodio, lo iato.

Ricordiamo che: le forme dell’imperativo presente dei verbi dire, dare, fare, stare, andare si scrivono con l’apostrofo e non con l’accento: di’, da’, fa’, sta’, va’, mentre le forme dell’indicativo presente dei verbi dare, fare, stare e andare si scrivono così: dà, fa, sta, va; così come la forma troncata di poco si scrive con l’apostrofo e non con l’accento: po‘.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la forma corretta:
    • gli Albanesi
    • gl'Albanesi
  2. Scegli la forma corretta:
    • un'amico
    • un amico
  3. Scegli la forma corretta:
    • un bello esempio
    • un bell'esempio
  4. Scegli la forma corretta:
    • c'osserva
    • ci osserva
  5. Scegli la forma corretta:
    • un'opinione
    • un opinione
  6. Scegli la forma corretta:
    • vado da un amico
    • vado d'un amico
  7. Scegli la forma corretta:
    • com'avevo detto
    • come avevo detto
  8. Scegli la forma corretta:
    • daltronde
    • d'altronde
  9. Scegli la forma corretta:
    • sant'Agnese
    • santa Agnese
  10. Scegli la forma corretta:
    • niente altro
    • nient'altro

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [79]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Nadia scrive:

    Bene, solamente ho svagliato una risposta, grazie.

  2. Assia Ali scrive:

    ottimo

  3. Francisco scrive:

    Brava!

  4. Luis scrive:

    Molto bene, ho fato un pieno, anzi ho dovuto studiare. Grazie per questo sito,mi aiuta molto a imparare.

  5. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Questa volta ho risposto tutte le frase corrette come nel recente periodo, che mi piace veramente e anche mi stupisce. Ma sono veramente contenta con questo e il fatto che ho parlato così bene l’italiano. Il mio supermercato avevo avuto una mese italiano e ha promoto ed venduto molti prodotti alimentari italiani ed li ho comprato e mangiato. (Probabilmente l’ha partecipato al miei progressi.ha, ha, ha, ha.) In ogni caso, mi l’ha fatto un piacere ed bene,
    Con saluti cordiali dal Olanda
    Anita

  6. aita scrive:

    Tutte giusteeeeeee

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Aita, continua così!
      A presto
      Prof. Anna

  7. Giovanni scrive:

    Salve Professoressa, le scrivo per sapere se è corretto scrivere: “Chi lo ha detto che…” o “Chi l’ha detto che…”?
    Con l’elisione o senza l’elisione.

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giovanni, sono corrette entrambe, ma è più frequente l’uso dell’apostrofo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  8. HO SVAGLIATO CUASI TUTTI. GRACIE

  9. giuseppe scrive:

    Si puo scrivere “c’hai detto”?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, non si puoi scrivere “c’hai detto” al posto di “ci ha detto” (=hai detto a noi), l’elisione non si produce mai con il pronome personale atono -ci-.
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Giovanni scrive:

    Gentile Professoressa,

    è corretto se scrivo: “Sto iniziando ad avere delle crisi di identità”? Ovvero “di” senza elisione?

    Grazie,
    Giovanni

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giovanni, con la preposizione -di- l’elisione non è obbligatoria.
      Un saluto
      Prof. Anna

  11. Loredana scrive:

    Gentile Prof.ssa Anna,
    si può utilizzare l’apostrofo quando la parola “insegnante” si riferisce al genere femminile? O la parola “insegnante” vale per entrambi i generi, dunque è necessario evitare l’uso dell’apostrofo?
    Un insegnante (m)
    Un’insegnante (f) o Un insegnante (f)?
    Grazie,
    Loredana

    • Zanichelli Avatar

      Cara Loredana, si usa l’apostrofo quando la parola è riferita a una donna (una insegnante=un’insegnante).
      A presto
      Prof. Anna

  12. filippo scrive:

    easy

  13. giuseppe scrive:

    è corretto dire……la insegnante ,la amica etc etc. ?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, non è corretto, con l’articolo -la- l’elisione è obbligatoria, quindi bisogna scrivere: l’insegnante, l’amica.
      Un saluto
      Prof. Anna

  14. Natalia scrive:

    Ciao!, Cara professoressa…. sono Natalia piacere di conoscerla.. ho fatto quest’esercizio e solo mi ho sbagliato in una domanda…. la prima…. ajajajaja.. non ho ancora capito bene questa lezione ma continuo a cercare. Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Natalia, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  15. Gianni scrive:

    Davvero complimenti per questa meravigliosa pagina ma soprattutto grazie per tutte le informazioni grammaticali che condivide con tutti noi

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gianni, benvenuto su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  16. Valerio scrive:

    Nelle forme dell’indicativo presente dei verbi dare, fare, stare e andare lei scrive che si scrivono così: dà, fa, sta, va;
    E’ un errore oppure fa, sta e va si scrivono senza accento?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Valerio, “fa”, “va” e “sta” si scrivono senza accento, “dà” si scrive con l’accento.
      A presto
      Prof. Anna

  17. Joëlle scrive:

    Cara professoressa,
    Quali sono le regole dell’elisione con i numeri ? Per esempio : quarant’amici e/o quaranta amici ?
    Grazzie per la risposta.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Joelle, si produce elisione davanti a parole che iniziano per -a- o per -o-.
      A presto
      Prof. Anna

  18. Grazie ogni tanto fa bene ripassare la grammatica.

  19. Annarella scrive:

    Mi scusi Prof.ssa con la congiunzione che si deve sempre usare il congiuntivo o si può usare anche l’indicativo presente?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Annarella, non è sempre necessario il congiuntivo dopo “che”, dipende dal verbo che precede e da cosa vogliamo esprimere: “penso che tu sia gentile”, “so che tu sei gentile”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  20. Una buona lezione. Grazie
    Edgar

  21. Federico scrive:

    Salve professoressa Anna. Questa é la prima volta che visito il sito della Zanichelli e noto con piacere una vostra partecipazione attiva nel rispondere alle domande poste dagli utenti che unita alla spiegazione delle regole grammaticali rende facilmente recuperabile una vecchia lacuna scolastica. Se posso dare un consiglio aggiungerei qualche esercizio e ne alzerei la difficoltá per rendere tutto ancora più chiaro. State facendo un buon lavoro spero nel mio piccolo di avervi aiutato. Buon proseguimento.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Federico, benvenuto su Intercultura blog e grazie per i tuoi consigli.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  22. Calogero scrive:

    Buongiorno Prof,
    in uno scambio di commenti con una mia amica mi sorge un dubbio: è corretto scrivere “cos’ho lasciato”?
    Oppure bisogna scrivere “cosa ho lasciato”? Probabilmente vanno bene entrambe le forme perché la “h” è atona?
    Grazie mille per l’attenzione.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Calogero, sono corrette entrambe le forme.
      A presto
      Prof. Anna

  23. Stefano X scrive:

    Un’opinione con l’accento e un amico senz’ accento . Io lo trovo un po’ un contro senso . Lei cosa mi risponde a tal questito ??? Saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, davanti a nomi femminili, come “opinione”, l’articolo inderminativo singolare vuole l’apostrofo, mentre davanti a nomi maschili, come “amico”, l’apostrofo non ci vuole.
      A presto
      Prof. Anna

  24. Roberta scrive:

    Io non ho fatto nemmeno 1 errore

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Roberta!
      A presto
      Prof. Anna

  25. gian scrive:

    é più corretto scrivere: ” rivedrai le persone amate che ti staranno attendendo …. ” oppure: “rivedrai le persone amate che ti stanno aspettando …” ?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gian, opterei per il secondo periodo che mi scrivi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  26. sara scrive:

    Gentile professoressa,
    volevo gentilmente chiederle perchè la preposizione ” di ” davanti alla parola ” Occidente” perde la i, visto che dovrebbe perderla nel caso in cui la parola che segue inizi con la vocale atona i. Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sara, l’elisione consiste nella caduta della vocale non accentata di una parola di fronte alla vocale iniziale di un’altra parola, non deve essere necessariamente la stessa vocale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  27. Divertente ed anche istruttivo. Purtroppo ho svagliato due risposte

    • Zanichelli Avatar

      Cara Yolanda, è un buon risultato, continua così!
      A presto
      Prof. Anna

  28. Gentile prof.Ho 87 anni e la mia memoria fa un poco i capricci.Nel caso che io abbia fatto degli errori,vuole essere cosí gentile a corregerli?
    Se io ho fatto degli errori…….

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giorgio, benvenuto su Intercultura blog! Il commento che mi hai scritto è corretto, l’unica correzione che ti faccio è “vuole essere così gentile da correggerli”. Se hai dubbi i domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  29. Giulia scrive:

    Quindi leggendo nelle regole, se io scrivo c’incamminammo dovrebbero essere corretto?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giulia, sì, è corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  30. Simonetta scrive:

    Una domanda, cara Professoressa:
    s’è parlato d’elisioni dopo l’aggettivo dimostrativo al maschile (questo). Ma al femminile l’elisione è obbligatoria o solo consigliata? (quest’immensa o questa immensa?)
    Grazie per la cortese attenzione e buona domenica.

    P.S.: Attenzione! Nel testo vi è sfuggito un “Rocordiamo che”, e la cosa non vi rende certo giustizia, data la perizia nella trattazione dei soggetti esposti! 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Cara Simonetta, anche con il femminile “questa” l’elisione è prevalente, ma non obbligatoria.
      Grazie per la segnalazione.
      A presto
      Prof. Anna

  31. Carissima professoressa il suo articolo è chiarissimo.
    Per quanto mi riguarda avrei solo due domande:
    1) Si scrive “qual è” o “qual’ è” ?
    Alcuni dicono che esistendo qual da solo non si ha elisione; esiste però anche quale e in questo caso si avrebbe elisione e quindi apostrofo? Può risolvere questo dubbio?

    2) Caso pratico: dovendo descrivere il numero, per esempio 81, in decine e unità è più corretto scrivere: “8 decine e una unità” oppure “8 decine e un’ unità”? Secondo me in questo caso “una” non è articolo ma semplicemte il femminile del numero 1 (quale sia poi il sesso dei numero è un’ altra storia…) 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giorgio, con “quale” si ha sempre troncamento (e non elisione) davanti a parole che cominciano per vocale e quindi non si apostrofa mai (qual è, quel era ecc.). L’aggettivo numerale cardinale femminile “una”, così come l’articolo indeterminativo, davanti a vocale tonica generalemnte si elide (un’isola, un’ancora), di fronte a vocale atona si può elidere o no, quindi nel tuo caso è possibile elidere (un’unità) o non elidere (una unità).
      A presto
      Prof. Anna

  32. Sonia scrive:

    Se è per questo si può apostrofare quindi diventando s’è per questo?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sonia, con la congiunzione “se” l’elisione non si produce, quindi la frase corretta è “se è per questo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  33. Annarita scrive:

    Sbagliata solo una!!! Cara professoressa è corretto dire la avviso riferendosi ad una persona oppure è corretto dire l’avviso?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Annarita, sono corrette entrambe le soluzioni, con i pronomi personali atoni (lo, la, mi, ti, si, vi, ne) l’elisione è prevalente, ma non obbligatoria.
      A presto
      Prof. Anna

      • Annarita scrive:

        Grazie mille per la risposta e soprattutto per la celerità!!!

  34. Vorrei una precisazione sulla o con l’hacca o con l’accento . Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, “ho” è la prima persona del presente indicativo del verbo “avere” (io ho), mentre “o” con l’accento (ò) non esiste.
      Un saluto
      Prof. Anna

  35. Dino scrive:

    Hai begl’occhi ( corretto )
    Hai degli occhi belli ( corretto )
    Hai dei begl’occhi ( scorretto )

    Potrebbe essere così ?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Dino, l’aggettivo qualificativo “bello” presenta forme diverse per il singolare e il plurale maschili, a seconda della parola che segue. La scelta segue le stesse regole che valgono per l’articolo determinativo. Con l’articolo “gli” l’elisione è possibile (ma poco frequente) solo davanti a parole che cominciano con la stessa vocale (la -i), quindi la forma “begl’occhi” non è corretta, si dovrà dire “begli occhi”, solitamente poi si usa l’articolo davanti ai nomi, quindi le frasi corrette sono la seconda e la terza.
      Un saluto
      Prof. Anna

  36. Giacomo scrive:

    E’ corretta la scrittura “Consiglio di Istituto” oppure “Studio di Ingegneria”, in luogo della forma apostrofata relativa?

    Io la preferisco, seppure vedo entrambe le forme.

    Grazie anticipate per la risposta. Cordialmente Giacomo.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giacomo, sono corrette entrambe le forme.
      A presto
      Prof. Anna

  37. Renato scrive:

    ho ancora un dubbio sul femminile, forse non ho capito bene…

    per esempio: “Lettera del Assessora” oppure “Lettera dell’Assessora”…

    grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Renato, è corretta la seconda soluzione che mi scrivi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  38. Mi giunge via mail la copia di un pubblicazione che si intitola ” Il giornale dell’Ionio”. Devo confessare che mi suona male, non sarebbe più armonioso “Il giornale dello Jonio” con la i lunga e senza apostrofo?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Grazia, sarebbe più corretto usare la preposizione articolata “dello”, poiché davanti alla semiconsonante i/j si usa l’articolo “lo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  39. Thomas scrive:

    Help!Please!
    Dopo le vacanze si ricomincia.
    Buon ritorno prof.Anna.
    L’aereo tenne quota sopra i tetti a debita distanza.
    Anche se adesso era più difficile indurmi ad affrontarlo. ( problema).
    Qualcosa di una forza inaudita mi spinse all’indietro.
    Una voce mi suonò alle orecchie prima che potessi alzare lo sguardo.prima di alzare lo sguardo.
    Vidi il suo corpo essere trascinato all’interno.
    Dopo essermi arrampicata alla parete e piombata al suo fianco, la collana che gli era al collo mi confermò che fosse proprio lui.
    Non provavo neanche la più minima compassione.
    Mi aggrappai alla corda che abbracciai velocemente.
    La missione alla quale il dottore era stato ingaggiato.
    Riconobbi la stanza nella quale mi ero coricato.
    Era un offesa per o all’etica della scienza.
    Raccontò la storia alla quale era sospettato suo padre.
    Me la strinsi in petto rammentando il giorno in cui mi era stata regalata da mia madre.
    L’odio che provavo si unì alla riluttanza che avevo già scaturito da tempo verso di lui, ovvero, verso l’amico di mia sorella.
    Lanciò una risata forte che andò a ridursi nel suo tipico modo di ridere da asino.
    Mulinò il braccio con la quale stringeva il gelato.
    Mi aveva afflitto le sue pene.
    È l’unica cosa di cui non rimpiangerò mai, l’unica di cui vado fiero.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Thomas, bentrovato! Ecco le tue frasi corrette.
      L’aereo prese quota e sorvolò i tetti, mantenendosi a debita distanza.
      Anche se adesso era più difficile indurmi ad affrontarlo.
      Qualcosa di una forza inaudita mi spinse all’indietro.
      Una voce mi risuonò nelle orecchie prima che potessi alzare lo sguardo.
      Vidi il suo corpo che veniva trascinato all’interno.
      Dopo essermi arrampicata sulla parete e essere piombata al suo fianco, vidi la collana che aveva al collo, che mi confermò che era proprio lui.
      Non provavo neanche la più minima compassione.
      Mi aggrappai alla corda che abbracciai velocemente.
      La missione per la quale il dottore era stato ingaggiato.
      Riconobbi la stanza nella quale (in cui) mi ero coricato.
      Era un’offesa per l’/all’etica della scienza.
      Raccontò la storia per la quale era sospettato suo padre.
      Me la strinsi al petto rammentando il giorno in cui mi era stata regalata da mia madre.
      L’odio che provavo si unì al rifiuto che da tempo avevo per lui, ovvero per l’amico di mia sorella.
      Fece una forte risata che si trasformò nel suo tipico modo di ridere da asino.
      Agitò il braccio con il quale stringeva il gelato.
      Mi aveva afflitto con le sue pene.
      È l’unica cosa che non rimpiangerò mai, l’unica di cui vado fiero.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Thomas scrive:

        Grazie prof.Anna e complimenti a questo blog…lei è davvero un’ancora di salvezza.

        Mi sono reso conto che la penultima frase ho sbagliato a scriverla, in realtà volevo sapere se si poteva scrivere anche in questo modo:
        Era una vittima a cui aveva afflitto le sue pene.
        Grazie ancora.
        Buona domenica.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Thomas, la frase così come la scrivi non è corretta, puoi dire “era una vittima che aveva afflitto con le sue pene”.
          Grazie per il tuo gentile commento.
          A presto
          Prof. Anna

  40. Anna scrive:

    Il dubbio che mi ha portato a questo sito é: si può scrivere cos’hai o si deve per forza scrivere cosa hai visto/fatto/detto ecc?
    Grazie

  41. Il dubbio che mi ha portato a questo sito é: si può scrivere cos’hai o si deve per forza scrivere cosa hai visto/fatto/detto ecc?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, sono corrette entrambe le modalità di scrittura: “cosa hai” e “cos’hai”.

      A presto

      Prof. Anna

  42. Complimenti. Un sito che insegna a scrivere correttamente la lingua italiana.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Francesco, benvenuto su Intercultura blog.
      Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna