I pronomi combinati

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi studieremo come si formano e quando si usano i pronomi combinati.

Buona lettura!

Prof. Anna

I pronomi mi, ti, ci, vi, si quando sono seguiti da un altro pronome, cambiano in: me, te, ce, ve, se.

Inoltre le (femminile singolare) gli e loro diventano glie-.

Queste forme possono essere seguite dai pronomi lo, la, li, le, ne, dando origine alle seguenti forme: me lo, te la, se li, ce le, ve ne ecc.

Osservare la seguente tabella:

 

+ lo + la + li + le + ne
mi  me lo  me la  me li  me le  me ne
ti  te lo  te la  te li  te le  te ne
gli  glielo  gliela  glieli  gliele  gliene
si  se lo  se la  se li  se le  se ne
ci  ce lo  ce la  ce li  ce le  ce ne
vi  ve lo  ve la  ve li  ve le  ve ne
si  se lo  se la  se li  se le  se ne

Possiamo notare che:

• i pronomi indiretti precedono i pronomi personali diretti (me lo);

• la vocale i di mi, ti, ci, si e vi si trasforma in e, il pronome personale gli prende la vocale e;

• i pronomi combinati si scrivono separati, tranne glielo, gliela, glieli, gliele, gliene.

ATTENZIONE!

⇒ In passato era considerato un errore usare la forma gli alla terza persona plurale, mentre oggi è più usata di loro.

Per esempio: “hai dato da mangiare ai gatti?” “no, non gliel‘ ho ancora dato” ⇒ il pronome personale combinato precede il verbo.

“No, non l’ho ancora dato loro” ⇒ il pronome personale lo precede il verbo, mentre loro lo segue.

Un pronome diretto o indiretto seguito da si riflessivo, impersonale o passivante non cambia forma e rimane al primo posto: mi si offre una grande opportunità; è una bella casa, la si vende senza difficoltà; gli si rivolse con parole sicere.

Qualche esempio:

me lo ha detto (= ha detto questo a me);

te lo ricordo (= ricordo questa cosa a te);

ve lo affido (= affido lui a voi);

glielo dirò (= dirò questa cosa a lui, a lei o a loro)

ve ne ho già parlato (= ho già parlato a voi di questa cosa)

I pronomi personali si possono combinare anche con ci (avverbio di luogo o pronome dimostrativo):

 

+ mi + ti + lo + la + ci
mi ci ti ci
ce lo ce la non esiste
+ vi + li + le + si + ne
vi ci ce li ce le ci si ce ne

Qualche esempio:

vi ci accompagno più tardi (= accompagno voi in quel luogo più tardi);

ti ci vedo (= vedo te, immagino te in quel luogo o in quella situazione);

non ci si crede (= non si crede a questa cosa);

ce li porto (= io porto in quel luogo loro);

– quanti libri ci sono sul tavolo? Ce ne sono due (= sul tavolo ci sono due libri).

 

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Se non vengo, ti lo dico.
    • Se non vengo, te lo dico.
  2. Scegli la frase corretta:
    • Nonostante abbia studiato questa regola molte volte, non me la ricordo mai.
    • Nonostante abbia studiato questa regola molte volte, me non la ricordo mai.
  3. Scegli la frase corretta:
    • Se Maria ha dimenticato la penna, gliela presto io.
    • Se Maria ha dimenticato la penna, ce la presto io.
  4. Scegli la frase corretta:
    • Questa torta è ottima, spero che me la diano ancora una fetta.
    • Questa torta è ottima, spero che me ne diano ancora una fetta.
  5. Scegli la frase corretta:
    • Abbiamo organizzato una festa a sorpresa per Marco, sicuramente lui non gliela aspetta.
    • Abbiamo organizzato una festa a sorpresa per Marco, sicuramente lui non se l'aspetta.
  6. Scegli la frase corretta:
    • Più tardi devo andare in piscina, mi ci puoi accompagnare tu?
    • Più tardi devo andare in piscina, me ci puoi accompagnare tu?
  7. Scegli la frase corretta:
    • Se Natalia non vi ha ancora parlato del mio progetto, ve ne parlo io.
    • Se Natalia non vi ha ancora parlato del mo progetto, ve lo parlo io.
  8. Scegli la frase corretta:
    • Questa festa è proprio noiosa, ce la andiamo?
    • Questa festa è proprio noiosa, ce ne andiamo?
  9. Scegli la frase corretta:
    • Sono sicuro che ce la farai a passare l'esame.
    • Sono sicuro che te la farai a passare l'esame.
  10. Scegli la frase corretta:
    • Ho salutato Alex da lontano, ma lui non se ne è accorto.
    • Ho salutato Alex da lontano, ma lui non se lo è accorto.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [363]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. daniela scrive:

    prof Ana, mi puoi aiutare: io no so distinguire quando nelle frasi devo completare con un pronome diretto o indiretto, lo so che devo demandare ai verbi (Che cosa? nel diretto e a chi? nel indiretto)ma, sempre sbaglio

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela, la scelta del pronome diretto o indiretto non è facile e necessita di un po’ di esercizio, come dici tu è necessario conoscere i complementi che può reggere il verbo, vedrai che col tempo ci riuscirai.
      Un saluto
      Prof. Anna

  2. ho sbagliato soltanto due…cmq devo studiare di piu…hehehe!!!!!!! scopro tante cose interesante ( almeno per me). grazie prof Anna!

  3. Tyrule scrive:

    grande lezioni…grazie prof.Anna

  4. erika scrive:

    buon giorno
    prof ana mi poi aiutare non capisco quasi niente con questi pronomi combinati non lo so quando devo scrivere glielo gliela glieli e gliele grazie erika

    • Zanichelli Avatar

      Cara Erika, “compro un libro a Marco = glielo compro = compro un libro (lo) a lui (gli)”; “compro una borsa a Marco = gliela compro = compro una borsa (la) a lui (gli)”; “compro dei libri a Marco = glieli compro = compro dei libri (li) a lui (gli)”; “compro delle borse a Marco = gliele compro = compro delle borse (le) a lui (gli)”. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  5. erika scrive:

    grazie prof anna.
    fino adesso ho capito,ma di esempio se questa persona non e Marco non e maschile che e feminile Marisa allora i pronomi rimangono cosi e non cambia niente grazie.
    A presto Erika

    • Zanichelli Avatar

      Cara Erika, non ho capito bene la tua domanda, puoi farmi degli esempi?
      Prof.. Anna

      • MAR scrive:

        LEI HA CAPITO CHE ALLA TERZA PERSONA SINGOLARE SI PERDE LA DISTINZIONE FRA MASCHILE E FEMMINILE.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Mar, è così ed è infatti segnalato nell’articolo.
          Un saluto
          Prof. Anna

  6. Maria scrive:

    Cara Prof. sono argentina sto studiando e non capisco cuando devo scrivere glielo, me lo te lo etc. che devo rimpiazzare Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, i pronomi combinati sono formati da un pronome diretto e da un pronome indiretto, quindi hanno funzione di complemento diretto e di complemento indiretto: voglio regalare un fiore (complemento diretto) a Luca (complemento indiretto) = voglio regalarglielo: gli = a Luca, lo = un fiore. L’uso dei pronomi combinati è abbastanza complesso, quindi ti consiglio di leggere con attenzione l’articolo e provare a fare l’esercizio, vedrai che piano piano riuscirai a usarli correttamente. Attenzione: non si scrive “cuando” ma “quando”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  7. Ibrahim scrive:

    potrebbe dirmi quando usiamo ogni una di questi cose ?
    lo la li le ne
    Grazie mille 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ibrahim, ti consiglio di leggere gli articoli su questo blog: “i pronomi personali diretti” e “la particella ne”, qui viene spiegato l’utilizzo di questi elementi gammaticali, se dopo aver letto questi articoli hai ancora dei dubbi, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  8. maria scrive:

    Salve
    Io ho visogno del suo aiuto,io sono qui in Italia da un anno e non so ancora quando si scrive mi o me o quando una parola finisci con ti o te ad es: prestarti o prestarte o se si dice ti do un consiglio o te do un consiglio
    La ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, il pronome che usi nelle frasi che mi scrivi è TI e si scrive così (ti do un consiglio) anche quando si attacca a un verbo all’infinito, quindi: prestarti; quando questo pronome è seguito da un altro pronome (pronomi combinati) TI diventa TE: te lo – te la – te li – te le. Ti consiglio di ripassare gli articoli che riguardano i pronomi personali diretti e indiretti e poi i pronomi combinati.
      Ti segnalo un errore nel tuo commento: si scrive “ho bisogno” e non “ho visogno”.
      A presto
      Prof. Anna

  9. kiara scrive:

    ho bisogno di un aiuto 6 frasi con te n è

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kiara, ti consiglio di ripassare l’uso della particella NE, comunque una frase potrebbe essere: “mi piace questa torta, te n’è rimasta una fetta?”, prova tu a fare le altre frasi.
      A presto
      Prof. Anna

  10. kiara scrive:

    6 frasi con te n é

  11. come è corretto: Mi da due chili di cipolle? Si glili do subito o si gliene do subito? Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Blancafortuna, la forma corretta è: sì, glieli do subito.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Scusi, Prof. Anna.

        nella frase: Mi da due chili di cipolle? (sono cipollE) allora sarebbe (seconodo quello che ho capito )

        si, glielE do subito. = Le cipolle a Me

        Mi può per favore chiarire questa frase?
        grazie mille
        Andrea

        • A me. Ma inttendendo il modo formale.

          Lei o Lui.
          gliele do subito

        • Zanichelli Avatar

          Caro Andrea, la tua ipotesi è corretta, possiamo usare “le” in riferimento a “cipolle” (accordo a senso), ma sarebbe ugualmente corretto dire “glieli” concordando il pronome “li” a “due chili” (accordo grammaticale).
          A presto
          Prof. Anna

  12. Bravo! Prof. Anna!

  13. Alicia scrive:

    Profesoressa Anna,
    tutte le tue spiegazione sono per di più pratiche e utili. Sono argentina, nipote di italiani e sto imparando l’ italiano perché me piace moltissimo.
    ti ringrazio molto.
    cari saluti
    Alicia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alicia, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  14. MI e piacuto veramente moltissiimoo questo esercizii ! Ne ho svagliato solo 1 ! Vi saluto a tutti e vi lascio un forte abbracio !Da Buenos Aires 😀 Amooo Laura Pausini !!

  15. Angelika scrive:

    Buonasera, si potrebbe dire: Mi ti butto nelle braccia? O anche: I bambini si sono buttati nelle braccia della mamma, allora: I bambini le si sono buttati nelle braccia? Tu ti sei buttato nelle braccia della mamma: Le ti sei buttato nelle braccia? Suona strano, è giusto cosi?
    Grazie per il suo aiuto, Angelika

    • Zanichelli Avatar

      Cara Angelica, la costruzione di questa espressione è “buttarsi nelle braccia di qualcuno”, quindi non sono corrette le frasi: “mi ti butto nelle braccia” ma è corretto “mi butto nelle tue braccia”, non è corretto “i bambini le si sono buttati nelle braccia” ma è corretto “i bambini si sono buttati nelle sue braccia” e non è corretto “le ti sei buttatto nelle braccia” ma è corretto “ti sei buttatto nelle sue braccia” o “ti sei buttato nelle braccia della mamma”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  16. Angelika scrive:

    Cara Prof. Anna, Grazie per la Sua risposta. E come sarebbe con l’espressione “avvicinarsi a qualcuno”? Il bambino si è avvicinato troppo al cane : Gli si è avvicinato troppo. O anche: Mi sono avvicinato troppo al cane: Mi gli sono avvicinato troppo? La mia domanda è: come si possono combinare i pronomi riflessivi e i pronomi indiretti. Non trovo una spiegazione da nessuna parte, è proprio una cosa cosi inusuale? Buona giornata e un saluto, Angelika

    • Zanichelli Avatar

      Cara Angelika, non è possibile combinare i pronomi riflessivi con i pronomi indiretti, quindi la frase “mi gli sono avvicinato troppo” è scorretta; ma è possibile farlo con “si”, quindi la frase “gli si è avvicinato troppo” è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  17. Kara scrive:

    Grazie prof Anna non ho sbagliato nessuna risposta.!!!!!

  18. Vorrei sapere se è corretta l’analisi grammaticale di “procurarceli”: voce del verbo procurare, tempo infinito, preceduta da due pronomi personali. Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, “procurarceli” è voce del verbo procurare, modo infinito, seguito dal pronome indiretto “ci” e dal pronome diretto “li”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  19. cara prof.ssa Anna
    Le prego di consigliarmi un sito in cui potrei trovare esercizi sui pronomi combinati e grazie anticipamente

    • Zanichelli Avatar

      Caro lettore, se fai una semplice ricerca su internet, potrai trovare numerosi esercizi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  20. Georg scrive:

    Egregia professoressa,

    ho trovato un caso di pronominalizzazione che non riesco a risolvere da solo.

    La versione non pronominalizzata è “La convinco di questa cosa.” “La persuado di questa cosa” Come si farebbe la pronominalizzazione?

    LA NE convinco? LA NE persuado? Non mi sembrano giuste.
    Grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro GeorG, “la” e “ne” non si possono combinare, quindi in questo caso non è possibile.
      A presto
      Prof. ANNA

  21. Slawomir scrive:

    Egregia professoressa
    non sono sicuro quale forma e megliora:
    Non ci si deve preoccupare di cio.
    oppure
    Non ci se ne deve preoccupare.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Slawomir, la forma corretta è: non ci si deve preoccupare di ciò.
      A presto
      Prof. Anna

  22. Iga scrive:

    Ho una domanda, possiamo fare una frase cosi: Io ti presento ai miei genitiori –> Io gli ti presento (gli-ai miei genitori, ti – te stesso) oppure. Io vi presento ai miei direttori —> Io gli vi presento. E possibile?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Iga, le frasi che mi scrivi non sono corrette, i pronomi si possono combinare solo quando il pronome diretto è di terza persona singolare o plurale (lo-la-li-le), come è scritto nello schema.
      Un saluto
      Prof. Anna

  23. Natasha scrive:

    Prof.Anna,mi può dire per favore tutti i pronomi ??grazie!! <3

    • Zanichelli Avatar

      Cara Natasha, la tua domanda è un po’ troppo generica: quali pronomi ti interessano? Ti consiglio di fare una ricerca sul blog per trovare l’articolo che parla dei pronomi che stai cercando, se poi hai dei dubbi, scrivimi pure.
      Un saluto
      Prof. Anna

  24. maria scrive:

    cara prof. anna, grazie!!!!!!
    auguri!

  25. Iga scrive:

    Egregia professoressa
    non sono sicura quale forma e coretta:
    Per quale motivo… oppure
    Per che motivo….
    Esistono le frasi in cui posso usare per+che?
    Posso dire?
    1. Che facciamo oggi? e Qale cosa facciamo oggi? il senso e lo stesso?
    Qual e la differenza tra che e quale
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Iga, sia “che” che “quale” sono due aggettivi e pronomi interrogativi: “che” è invariabile; come aggettivo equivale a “quale” ma è più comune nella lingua parlata, come pronome si usa solo in riferimento a cose (per riferirsi a persone si usa “chi”). Per esprimere il pronome interrogativo riferito a cose, l’italiano ha a disposizione tre possibilità: che cosa; cosa; che (che cosa è successo?- cosa è successo? – che è successo?). “Quale” varia nel numero (singolare-plurale), ma non nel genere (maschile-femminile); si usa per formulare una domanda sulla qualità (quali progetti hai?) o sull’identità (di questi libri quali preferisci?). Quindi è meglio dire: “per quale motivo…”, è più comune dire “che facciamo oggi?” o “che cosa facciamo oggi?” o “cosa facciamo oggi?”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  26. Iga scrive:

    Egregia professoressa
    non so quando si usa la forma chi?
    Chi e solo un pronome interrogativo oppure anche ralativo?
    Quale frase e coretta?
    Vedo un ragazzo chi mangia.
    Vedo un ragazzo che mangia.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Iga, nella frase che mi scrivi non è corretto usare “chi”, quindi si dice “vedo un ragazzo che mangia”; “chi” è anche un pronome relativo e significa “colui il quale – colei la quale – coloro i quali – qualcuno che”, si usa soltanto al singolare e con riferimento a esseri animati, per esempio: “chi ha superato l’esame potrà ritirare il certificato”, “chi” unisce in sé la funzione di due pronomi diversi: dimostrativo (colui) + relativo (che- il quale): “chi (colui che) non è d’accordo lo dica”, o indefinito (qualcuno) + relativo (che): “c’è chi (qualcuno che) non è d’accordo con questa teoria”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  27. Iga scrive:

    Egregia professoressa
    Si dice:
    Vado in club sportivo oppure vado a club sportivo.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Iga, meglio dire: “vado in un club sportivo”.
      A presto
      Prof. Anna

  28. Prof: Anna

    Mi chiamo Noemi, sono Argentina e studio la lingua italiana perche ho due nepotine. Una domanda quando si usa la particella NE
    Grazie y un abbraccio grande

  29. Prof.Anna non posso capire i pronomi combinati,ma ho sbagliato soltanto due esercisi.-Cosa posso fare ???per aiutarmi.Vivo in Argentina.-Grazie mille Prof.Ana

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Teresa, i pronomi combinati sono abbastanza complessi, è necessario fare molti esercizi per imparare ad usarli correttamente.
      A presto
      Prof. Anna

  30. Diana scrive:

    Proffessoresa Anna, mi sono piaciuto molto il suo blog. Oggi faró l’esame per riuscire il secondo livello! Mi sono stati difficile le particelle Ci e Ne, i pronomi combinati e l’imperativo. Sono cubana. Un saluto, Diana

    • Zanichelli Avatar

      Car Diana, benvenuta su Intercultura blog e in bocca al lupo per il tuo esame!
      A presto
      Prof. Anna

  31. daniela scrive:

    Prof.Anna, come se scrive saluti affetuosi di Anna o saluti affetuosi da Anna e perque? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela, si dice “saluti da Anna”, perché i saluti “provengono” da Anna.
      A presto
      Prof. Anna

  32. daniela scrive:

    Grazie mille!!!

  33. Cara prof.Anna
    Volerci, metterci, si può coniugare in tutti i tempi e modi?
    C’è un libro con queste coniugazioni? Non ho trovato niente su questo.
    Grazie mille
    Saluti
    Maria Helena

  34. Cara prof.Anna

    Comme devo dire: Le ringrazio o La ringrazio (formale per uomo)e per donna? Lo stesso?
    Grazie mille
    Saluti
    Maria Helena

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Helena, è corretto dire: “La ringrazio”, formale per il maschile e per il femminile.
      Un saluto
      Prof. Anna

  35. Cara Prof.Anna
    Io so che ci sono alcuni verbi che usano come ausiliare: ESSERE ed AVERE.Come: È/ha sceso(scendere)- è/ha vissuto(vivere)-è/ha corso(correre)-è/ha finito (finire)
    1-Siamo scesi dall’autobus
    Abbiamo sceso le scale
    2-Sono corso a casa.
    Ho corso un bel rischio.
    3-Il film è finito.
    Ho finito l’università nel 1990.
    AVERE come transitivo e ESSERE come intransitivo, però non lo so come devo fare la domanda usando cosa/chi,ecc.
    Quando devo usare un o l’altro verbo ausiliare.
    Grazie mille.
    Un saluto
    Maria Helena

    • Zanichelli Avatar

      Car Maria Helena, nelle frasi che mi proponi hai usato correttamente gli ausiliari: usiamo “avere” quando il verbo è transitivo, ha cioè un complemento oggetto che risponde alla domanda di “chi? – che cosa?”: “abbiamo sceso” -che cosa?- “le scale”, “ho corso” – che cosa?- “un bel rischio”, “ho finito” – che cosa?- “l’università”; dunque in queste frasi i verbi sono usati transitivamente e ci vuole l’ausiliare “avere” Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  36. maddy scrive:

    Salve prof.Anna volevo chiederle se è corretto scrivere ‘andrea le(a lei ) lo dirà personalmente ‘ o ‘andrea glielo (a lei) dirà personalmente ?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maddy, la prima frase non è corretta, ma è corretto “glielo dirà personalmente”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  37. Laura scrive:

    Salve prof. Anna è corretto dire “Tu ti sei organizzato?”
    Grazie mille
    Laura

    • Zanichelli Avatar

      Cara Laura, non conosco il contesto in cui questa frase è utilizzata, ma, in generale, è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  38. Kyra scrive:

    Gentile professoressa, avrei una domanda (piuttosto lunga, a dire il vero) che riguarda il “gli” utilizzato come pronome per la forma plurale.
    Essendo io un’aspirante scrittrice, il mio dubbio riguarda la lingua scritta, in particolare quella da romanzo. Per esempio, in una frase di questo tipo: le loro debolezze si erano amplificate al punto da non consentir(gli/loro?) più di…
    In poche parole, la frase con “gli” verrebbe così: le loro debolezze si erano amplificate al punto da non consentirGLI più di…
    Mentre la frase con “loro” verrebbe così: le loro debolezze si erano amplificate al punto da non consentire più LORO di…

    Premetto che la parola “più” è necessaria e che la frase è contenuta in un paragrafo informativo e non in un dialogo, dove so che le regole grammaticali legate al parlato dovrebbero consentirmi una maggiore elasticità. Ho provato a cercare in vari siti internet, ma a quanto pare esistono due scuole di pensiero differenti: la prima considera il “gli” sbagliato se utilizzato al plurale (almeno nello scritto), mentre la seconda considera corrette entrambe le forme. Mi piacerebbe quindi chiedere direttamente un parere a un’esperta come lei, in modo da capire quanto potrebbe essere intransigente un editor su un “errore” di questo tipo. La ringrazio molto.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kyra, puoi tranquillamente usare “loro”, come nella frase che mi hai scritto, che è corretta.
      In bocca al lupo!
      Prof. Anna

  39. Carlo scrive:

    Buon giorno prof. Anna
    Quando diciamo “ce ne andiamo” NE sta per (da questo luogo)?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Carlo, la tua ipotesi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  40. Shaimaa scrive:

    Gentile professoressa, avrei una domanda i pronomi combinati non si uniscono in assolutamente nessun caso? non si scrive mai melo mangio, ma me lo mangio?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Shaimaa, non è possibile unire i pronomi combinati, si scrivono separati tranne GLIELO, GLIELA, GLIELI, GLIELE, GLIENE.
      A presto
      Prof. Anna

  41. maria scrive:

    Buonasera, lei puo dirmi un esempio per usare gliene?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, ti faccio un esempio: “se farò una torta, gliene (a lui o a lei- di torta) darò un pezzo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  42. mando scrive:

    grazie infinite gentilissima prof.essa

  43. mando scrive:

    In passato era considerato un errore usare la forma gli alla terza persona plurale, mentre oggi è più usata di loro. non l’ho capita bene

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mando, significa che in passato usare “gli” per esprimere “a loro” non era considerato del tutto corretto, mentre oggi viene usato più frequentemente rispetto all’atra forma per esprimere “a loro” cioè “loro” collocato dopo il verbo, per esempio “non dire a loro la verità” puù essere trasformato in due modi: “non dire loro la verità” e “non gli dire la verità”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  44. Luisa scrive:

    Prof Anna, guardi che c’è un errore nella tabella dei pronomi personali con “ci” avverbio di luogo o pronome dimostrativo.

    Il secondo esempio dovrebbe essere “ti ci” non “ci ti”

    • Zanichelli Avatar

      Cara Luisa, grazie per la segnalazione.
      A presto
      Prof. Anna

  45. marco scrive:

    Salve prof anna e molto interessante il suo sito.la nostra domanda é se per lui si fa glielo porto io il capello. Per lei donna sarebbe glielo porto io il capello o le porto io il capello
    Grazie mille prof anna.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, anche per il femminile si usa “glielo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  46. sean scrive:

    Io non ho capito una cosa..
    perchè in terza persona si utilizza “ci si” (anzichè si ci) mentre nelle altre no?
    esempio:
    Li sopra ci si è seduto il gatto (e non “si ci”)

    mentre è scorretto dire:
    Li sopra “ci ti sei” seduto tu (invece dovrebbe essere “ti ci”)

    perchè si inverte?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Sean, la regola dice che un pronome diretto o indiretto seguito da SI riflessivo, impersonale o passivante non cambia forma e rimane al primo posto: “ci si è seduto”.
      A presto
      Prof. Anna

  47. Jose scrive:

    Non capisco perché é la correta:
    Sono sicuro che ce la farai a passare l’esame.
    Cosa vuol dire “ce” in questo caso?

  48. Rico scrive:

    Alla sua attenzione… Vorrei alcune delucidazioni…

    un argomento si (?) o lo si (?) deve trattare in questo modo…
    L’argomento si (?) o lo si (?) deve trattare in questo modo…
    L’argomento di Storia si (?) o lo si (?) deve trattare in questo modo…
    E’ un argomento che lo si deve trattare in un modo semplice…

    mi ci (o senza ci?) vedo male con questo cappello…
    con questo cappello, mi ci vedo male… è corretta?

    Il mestiere del falegname (si o lo si?) impara con la pratica…
    Un mestiere lo si impara con la pratica… corretta?

    La saluto

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, nelle frasi che mi proproni il pronome “lo” è usato in maniera pleonastica, ovvero grammaticalmente superflua, questo tipo di costrutto, con l’aggiunta del pronome, esiste in italiano e serve a mettere in evidenza questa parte della frase (quella a cui il pronome si riferisce), quindi sono corrette entrambe le opzioni, cioè con il pronome “lo” o senza, ma la costruzione con il pronome è consigliata all’interno di un linguaggio informale, mentre non è corretta la frase “è un argomento che lo si deve trattare in mondo semplice” in questo caso abbiamo già il pronome relativo “che” e quindi bisogna eliminare “lo”: è un argomento che si deve trattare….
      Anche nelle frasi con “ci”, il “ci” è usato in maniera pleonastica, quindi sono corrette entrambe le opzioni (con o senza “ci”), usare “ci” in questo caso serve a rafforzare il significato dell’enunciato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  49. Rico scrive:

    L’ananas,la si o si (?) mangia così… Un’ananas, la si o si (?) mangia così…

    Spero che mi liberi da questi miei dubbi.

    Cordiali saluti

  50. Rico scrive:

    Mi scusi ancora per i miei numerosi dubbi… Spero di non essere stato esagerato con le mie domande…

    I negoziati di pace aperti fra le nazioni, li si dovrebbero/si dovrebbero fortificare con azioni vivaci…?

    I gelati che ho comprato a Francesca, non le (a lei, Francesca) piacciono, è corretta?

    La saluto, professoressa.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, le frasi sono corrette.
      A presto
      Prof. Anna

  51. Rico scrive:

    Quindi, sarebbe meglio non utilizzarli, perché pleonastici… Per cui “ci”, non lo dobbiamo combinare con i pronomi personali?
    “I pronomi personali si possono combinare anche con ci (avverbio di luogo o pronome dimostrativo”…

    La ringrazio, per la sua corrispondenza gentile…

    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, si possono utilizzare, ma con cognizione di causa; “ci” può essere combinato ai pronomi (ti ci, vi ci, ecc.).
      Un saluto
      Prof. Anna

  52. Rico scrive:

    “Le mani le si è messe nelle tasche degli italiani” (cit.). Non avrebbe dovuto dire, l’interlocutore, le si sono messe? E’una frase con il si passivante, non impersonale, giusto?

    “Quando ci(=in quel luogo?) si trasferiva per lavoro fuori dal proprio comune, non (senza il “ci”, perché?) si trovava per dormire che qualche cantina o ripostiglio”.

    Non riesco a capire bene la differenza fra il “ci si” e il solo “si”… Me la (=la differenza) o lo (, che sostituisce l’intera frase?) spiegherebbe?

    Quella persona (è impersonale?), per cui: ci si specchia e non si specchia sempre, giusto?

    Francesco si specchia sempre, giusto?

    I genitori di Lara, ci si specchiano sempre o si specchiano sempre?

    Cordiali saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la frase corretta è quella al plurale, mettere il verbo al singolare fa parte di un registro regionale; mentre per fare una costruzione impersonale con i verbi riflessivi (trasferirsi) si aggiunge la particella CI davanti al SI (ci si trasferiva), mentre nel secondo caso (si trovava) la costruzione non è impersonale ma passivante (qualche cantina o ripostiglio sono i complementi oggetto) e quindi il CI non ci vuole. Ti consiglio di leggere questo articolo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=4024
      Le forma corrette sono “si specchia” e “si specchiano” dal verbo riflessivo “specchiarsi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  53. Rico scrive:

    La ringrazio per le risposte, davvero sempre gentile!

    Cordiali saluti

  54. Rico scrive:

    “Per chi ci si domanda che ci faccio qua” (cit.). E’corretto il “ci si”? Se sì o no, perché?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la frase corretta è “per chi si domanda che ci faccio qui” dal verbo “domandarsi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  55. Rico scrive:

    Perché, per chi si domanda e non ci si domanda che ci faccio qui? Non potrebbe essere un riflessivo impersonale?

    Ci si domandano, è corretto?

    Ci si specchia così, è corretta, perché impersonale, giusto?

    Quello si specchia così, è corretta, perché nella frase c’è un soggetto espresso, giusto?

    I soldi, le aziende, li hanno ricevuti? E’ corretta?
    Le aziende, i soldi, li hanno ricevuti? E’ corretta? Perché non le hanno ricevute? Mi spiegherebbe la regola…

    Ho letto il link della pagina…

    Sempre troppo cortese…

    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, tra le due frasi “per chi si domanda” e “per chi ci si domanda” è corretta solo la prima, in quanto il soggetto è “chi” e quindi non è impersonale, se vuoi usarlo impersonalmente si dice “ci si domanda” ma la frase ha un significato diverso; mentre “ci si specchia” è corretta e anche”quello si specchia” perché, come dici tu, il soggetto è espresso. Nella frase “i soldi, le aziende li hanno ricevuti?” (non si può separare con la virgola il soggetto dal predicato), il pronome diretto “li” è complemento oggetto quindi il participio passato concorda nel genere e nel numero con esso, la regola è spiegata in questo articolo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3388
      Un saluto
      Prof. Anna

  56. Rico scrive:

    La ringrazio.

    I capelli, lui ce li ha! Si utilizza il “ce” o no? E perché?

    I soldi, lui li avrebbe (dovuto o dovuti?) restituire! Penso dovuti, come da regola…

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, anche in questo caso “ce” è usato come rafforzativo, questo è possibile all’interno di un registro informale; è corretto “dovuti”.
      A presto
      Prof. Anna

  57. Rico scrive:

    Cordiali saluti

    Rico

  58. Daniela scrive:

    Buongiorno. Ho un grosso dubbio che mi perseguita…
    In una frase nella quale cisi riferisce/rivolge ad una donna:
    – mi dispiace se non ti ho capita/cercata/invitata
    – mi dispiace se non ti ho capito/cercato/invitato.
    Quale delle due è la forma corretta e perchè?
    Grazie,

    Daniela

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela, in questo caso sono corrette entrambe le forme, infatti l’accordo del participio passato è facoltativo quando abbiamo un pronome atono non di terza persona (in questo caso TI), per un approfondimento ti consiglio di leggere questo articolo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3388
      Un saluto
      Prof. Anna

  59. Rico scrive:

    Quindi, “i capelli lui li ha” è la frase corretta per un registro formale.

    Il “ce” lo dobbiamo usare solo come pronome corrispondente “a noi”, senza l’uso rafforzativo?

    Quel libro l’ho anch’io. Senza il “ce”. E’ corretta la frase?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, per un registro formale dovremmo dire: “lui ha i capelli”; la frase “quel libro l’ho anch’io” è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  60. nahla scrive:

    Salve prof Anna 🙂 miscusi non ho capito quando usiamo gli e si ?? per favore dammi un esempio per capire. la ringrazio
    saluti

  61. elina scrive:

    salve prof Anna , la ringrazio per questo lezione . voglio chiederla un aiuto per favore , c’é un articolo dove posso trovare il trapassato ?
    salute
    Elina

  62. elina scrive:

    questa lezione*

  63. Rico scrive:

    Noi queste somme le abbiamo prese e non li abbiamo presi. Perché le abbiamo prese e non li abbiamo presi?

    Cordiali saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, perché il participio passato “prese” concorda “queste somme”, quindi è femminile plurale.
      A presto
      Prof. Anna

  64. Arno scrive:

    Cara Professoressa Anna, mi spieghi, per cortesia, quale frase è più corretta:
    1) Non ho smesso di amarla;
    2) Non l’ho smessa di amare.
    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Arno, è corretta la frase 1.
      Un saluto
      Prof. Anna

  65. Rico scrive:

    La ringrazio.

    Distinti saluti

    Rico

  66. Ciao prof.Anna,
    Sona argentina,abito a Mendoza,Vorrei dire que questo sitio mi piace molto.E molto interessante e di gran aiuto per me.Grazie mille!!!!
    PS.scusateme per i miei sbaglii,sono tanti!!!
    como debo scrivere,abito in Mendoza o abito a Mendoza?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ester, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  67. Cara profesoressa. Puedo yo recibir sus ejercicios?Gracias

  68. Isabel scrive:

    Prof. Anna,
    Sono argentina. No so come completare con i pronome combinati:
    Io le ho, se vuoi ( a te)_______posso portare in facoltá, ma dovresti ridar________( a me) al piu presto.
    Non cerco a trovare l’acento nel mio computer)

    • Zanichelli Avatar

      Cara Isabel: “io le ho se vuoi te le posso portare in facoltà, ma dovresti ridarmele al più presto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  69. Prof. Anna,

    Come rispondo correttamente la seguente domanda?:

    -Senti, hai già ordinato i dessert per tutti noi?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Elena, risponderai: “sì, li ho già ordinati” o “no, non li ho ancora ordinati”.
      A presto
      Prof. Anna

  70. Tante grazie, Prof. Anna!
    Un’altra domanda: “per tutti noi” non si sostituisce con un pronome o una particella???
    Distinti saluti,
    Maria Elena

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Elena, non si può sostituire.
      A presto
      Prof. Anna

  71. Lien scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Lei ha scritto: ‘Un pronome diretto o indiretto seguito da si riflessivo, impersonale o passivante non cambia forma e rimane al primo posto.’
    Allora, potrebbe spiegarmi perché nell’esercizio la risposta sulla quinta domanda è ‘Abbiamo organizzato una festa a sorpresa
    per Marco, sicuramente lui non se l’aspetta.’ Questo ‘si’ è un ‘si riflessivo’, no? Perché non è ‘… sicuramente lui non la si aspetta.’
    Io ho sempre pensato che il ‘si’ come e presentato nel tabello è un ‘si riflessivo’.
    Grazie!

  72. Lien scrive:

    Grazie per la Sua risposta.
    Ho ancora una domanda. Nella frase
    “Mi si offre una grande opportunità”, mi = un pronome indiretto e si = si riflessivo,
    giusto? Mi potrei dare un esempio con un pronome diretto e un si riflessivo?
    Io ho trovato quel esempio: Lui si cambia la camicia? Sì, se la cambia. (la = un pronome
    diretto e se = si riflessivo, giusto?)
    Ma in quel esempio, ‘Un pronome diretto o indiretto seguito
    da si riflessivo […] non cambia forma e rimane al primo posto’ non è seguito. O quello non è
    un buon esempio? O il mio ragionamento è sbagliato? 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lien, nell’articolo si dice che quando un pronome diretto o indiretto è seguito dalla particella SI non cambia forma (è una bella casa, la si vende senza difficoltà), mentre nella frase: lui si cambia la camicia, se la cambia, il pronome diretto viene dopo la particella SI e infatti quest’ultima cambia in SE; dunque se la particella viene prima del pronme diventa SE, mentre se viene dopo rimane SI.
      A presto
      Prf. Anna

  73. Rico scrive:

    “E’ una bella casa, la si vende senza difficoltà” E’ una bella casa si vende senza difficoltà… La frase senza pronome diretto è sbagliata?

    L’ananas si mangia così. E’ corretta. L’ananas, la si mangia così. E’ sbagliata…

    Qual è la differenza fra tutte queste frasi?

    Distinti saluti

    RIco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, sono corrette sia le forme con il pronome, sia quelle senza; la ripetizione del pronome si usa come rafforzativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  74. emilia scrive:

    gentile professoressa, i verbi riflessivi + i complementi indiretti il pronome indiretto va prima DEL PRONOME RIFLESSIVO?
    es. Maria si presenta a Luigi
    Gli si presenta.
    Maria si beve un bichiere di vino
    Se lo beve.
    C’è qualche regola?
    cordiali saluti
    Emilia Andrelucci

    • Zanichelli Avatar

      Cara Emilia, “si” si trasforma in “se” solo quando è seguito da un pronome diretto (se lo, se la, se li, se le), mentre per esempio con il pronome indiretto “gli” (come il tuo esempio) “si” non cambia segue il pronome invece che precederlo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  75. RIco scrive:

    Le ci vorrebbe una vacanza, è corretta? Gli ci vorrebbe una vacanza, è corretta? Altrimenti come potrei dire? Per lei, ci vorrebbe una vacanza?

    Distinti saluti

    RIco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, le frasi che mi scrivi sono corrette.
      A presto
      Prof. Anna

  76. Lucia scrive:

    Ciao, prof.ssa Anna!

    Non ho capito questo SE… non l’ho mai visto su nessuna grammatica. “Si” non sarebbe un pronome riflessivo? I pronomi combinati non si fanno con i pronomi indiretti e diretti? Ad esempio: me lo, te lo, glielo, ce lo, ve lo, glielo… questo SE LO mi è troppo straneo. Adesso ne sono curiossissima e La ringrazierei veramente molto se me lo potesse spiagare.
    Auguri!
    Lucia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lucia, il pronome personale “si” assume la forma “se” davanti ai pronomi atoni la.le. li. lo e alla particella NE: si lava le mani, se le lava col sapone; mentre si pospone a mi, ti, ci, vi, gli: mi si è rotta la macchina.
      Un saluto
      Prof. Anna

  77. Cara Prof.ssa Anna,

    Mi può dire se la risposta a la seguente domanda è corretta?

    – Sara ha lasciato qui la borsa?

    – No, sicuro che se la è dimenticata in ufficio.

    Un saluto

    Maria Elena

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Elena, la frase che mi scrivi è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  78. roberto scrive:

    Salve Prof, abbiamo un dubbio e stiamo litigando al riguardo:

    “L’ultima volta che ho sentito l’azienda non ce lo avevano”

    Secondo lei quel ce è ridondante o no?

    Secondo me non va utilizzato in quanto nella frase non vuole dire lì, ma non lo avevano nel senso di averlo fatto e la frase sarebbe più pulita senza.
    Grazie
    Roberto

    • Zanichelli Avatar

      Caro Roberto, la particella avverbiale “ci”, unita ad alcuni verbi, indebolisce il proprio significato (qui, in questo luogo) ed è usata come elemento rafforzativo, questo capita ance con il verbo “avere”, quest’uso è più frequente nel registro colloquiale, inquesti casi la particella “ci” è in un certo senso superflua; quindi usarla non è scorretto, ma non necessario, dipende poi appunto dal registro che si vuole usare.
      Un saluto
      Prof. Anna

  79. David scrive:

    Ciao prof.Anna . Io ho visto(siti) i pronomi combinati dopo verbi all’indicativo é corretto? Ad esempio : Vadomene

    • Zanichelli Avatar

      Caro David, si dice “me ne vado”.
      A presto
      Prof. Anna

  80. Ilaria scrive:

    Gentile Professoressa,
    ho un dubbio circa l’uso di alcuni pronomi.
    Alla domanda “Hai regalato dei fiori alla tua fidanzata” io risponderei “Sì, glieli ho regalati”. E’ possibile però rispondere anche “Sì, gliene ho regalati” oppure con “ne” è necessario aggiungere un’espressione di quantità (es: gliene ho regalati MOLTI/ POCHI/ DIECI…)?
    Grazie mille per la disponibilità e l’aiuto.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ilaria, la tua ipotesi è corretta, è giusto “glieli ho regalati”, se invece usi “ne” è meglio aggiungere una quantità.
      A presto
      Prof. Anna

  81. Rico scrive:

    “in questi casi la particella “ci” è in un certo senso superflua; quindi “usarla non è scorretto, ma non necessario/a”, dipende poi appunto dal registro che si vuole usare”. Per capire di più, non avrebbe dovuto scrivere “usarla non è scorretta”, dato che usarla (usare chi?lei); per questo il participio dovrebbe concordare con l’oggetto… o no?

    Cordiali saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, “usarla non è scorretto” = “usare questa particella non è scorretto”, non c’è un participio da concordare.
      Un saluto
      Prof. Anna

  82. Rico scrive:

    La sua risposta:”“usarla non è scorretto” = “usare questa particella non è scorretto”, non c’è un participio da concordare”. Come fare a capire quando “usar-la/lo/li/le deve essere concordato con il participio e quando no? E nell’esempio di sopra, mi farebbe capire meglio? grazie

    Distinti saluti

    Rico

  83. Rico scrive:

    Malgrado la lettura dell’articolo sulla concordanza del participio passato, consigliatomi da lei, non riesco a risolvere tale quesito: La sua risposta:“usarla non è scorretto” = “usare questa particella non è scorretto”, non c’è un participio da concordare”. Come fare a capire quando “usar-la/lo/li/le deve essere concordato con il participio e quando no?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, nella frase “usarla non è scorretto” non c’è un participio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  84. Rico scrive:

    “Mi (= a me) ha minacciato”. Visto che minacciare è un verbo transitivo, non sarebbe più corretto scrivere “Ha minacciato me (=me).

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, nella frase “mi hai minacciato” “mi” non è un pronome indiretto (a me), ma diretto (me).
      A presto
      Prof. Anna

  85. Rico scrive:

    E perché, a volte, il “mi” non corrisponde al “me”, quindi c’è bisogno di indicarlo con il “me”? E come fare a capire, quindi, quando il mi corrisponde “a me” o a “mi”?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la scelta tra pronome tonico (me, te ecc.) e atono (mi, ti ecc.) non è indifferente: se dico “io ti ascolto” faccio una semplice constatazione, se invece dico “io ascolto te” voglio sottolineare che sto ascoltando proprio te, e non altri; puoi capire se “mi” è un pronome diretto (me) o indiretto (a me) solo in base al verbo a cui è collegato, se è transitivo e il pronome funge da complemento oggetto si tratterà di un pronome diretto (mi chiama = chiama me), altrimenti se funge da complemento di termine sarà un pronome indiretto (mi telefona = telefona a me).
      Un saluto
      Prof. Anna

  86. Rolando scrive:

    Gentile prof. Anna grazie per la risposta 100.
    In effetti gli specchietti e gli esempi suggeriti hanno facilitato molto l’arduo compito di far digerire tali forme della nostra lingua a degli studenti che nella loro lingua, il russo, non usano né articoli né proposizioni e si possono permettere di dire “Mama doma”
    per dire quello che in italiano diventa:la mamma è a casa.

  87. Rico scrive:

    “Un colloquio in cui mi si chiedono/ mi si chiede delle opinioni”. E’ un si passivante, per cui è corretta la terza persona verbale ” mi si chiedono”, o no?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la tua ipotesi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  88. samu scrive:

    Grazie prof,

  89. Rico scrive:

    “Mi si è rotto il cellulare”. O “si è rotto il cellulare”. E perché?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, sono corrette entrambe, la differenza è che nella prima frase viene specificato che “il cellulare si è rotto a me”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  90. Giovanni scrive:

    Professoressa, è corretta l’espressione “me le porterei a letto”.
    Voglio dire, l’uso del pronome combinato “me le” nella frase di sopra sta a significare “le porterei a letto con me”, giusto?
    In attesa di una sua risposta, la ringrazio.
    J.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giovanni, la frase che mi scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  91. Rico scrive:

    “E’ uno spettacolo in cui ci si/si scherza e ci si diverte…”. Secondo me, i pronomi combinati “ci si scherza” sono corretti, perché la particella “ci” significa in questo luogo. O è un’aggiunta inutile, visto il pronome relativo “in cui”?
    Mentre per “ci si diverte” è un riflessivo, perciò può aversi la forma impersonale, o no?
    Le particelle “ci si”, dunque si utilizzano quando il verbo è un transitivo pronominale o riflessivo; e quando il verbo è un intransitivo pronominale o riflessivo. Se i verbi transitivi e intransitivi non fossero né pronominali e né riflessivi non possono formare un’espressione impersonale… le mie interpretazioni sono corrette?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, le due forme sono impersonali: “ci si diverte” è corretto perché nella forma impersonale con i verbi riflessivi o pronominali si aggiunge la particella ci e “divertirsi” è riflessivo, mentre non è corretto “ci si scherza” ma bisogna dire “si scherza” perché non è né pronominale né riflessivo, quindi la particella -ci- non è necessaria.
      Un saluto
      Prof. Anna

  92. Rico scrive:

    “Ci si vede” = ci vediamo. Ma il verbo “vedere” non è né un riflessivo e né un pronominale… quindi perché è corretto? Quindi come far a capire quando un complemento di reciprocanza può aversi anche con altri verbi?

    “Un paese in cui ci si vede (= ci vediamo) sempre.” E’ corretto?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, in questo caso si tratta della forma riflessiva reciproca di “vedere”: “vedersi” che significa “incontrarsi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  93. Rico scrive:

    “Un luogo in cui ci si sta bene”. “Un luogo in cui ci si ride molto”. In queste due frasi, i verbi “sta” e “ride” non sono riflessivi e né pronominali… la particella “ci” si usa perché indica “in questo luogo”, quindi i pronomi combinati, in questo caso, “ci si” possono essere utilizzati anche se i verbi non sono riflessivi o pronominali… Giusto?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, non è corretto l’uso di “ci” in queste frasi, “in questo luogo” è già espresso da “in cui”, quindi basterà dire “in luogo in cui si sta bene” e “un luogo in cui si ride molto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  94. Rico scrive:

    “Ci si vede” = ci vediamo. Ma il verbo “vedere” non è né un riflessivo e né un pronominale… quindi perché è corretto? Quindi come far a capire quando un complemento di reciprocanza può aversi anche con altri verbi?
    “Un paese in cui ci si vede (= ci vediamo) sempre.”

    La sua risposta “Caro Rico, in questo caso si tratta della forma riflessiva reciproca di “vedere”: “vedersi” che significa “incontrarsi”.

    Sul dizionario, consultato online, non c’è scritto “forma riflessiva”, quindi dovrei far riferimento alla logica?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, sul dizionario, per esempio “lo Zingarelli”, troverai “vedere” a- verbo transitivo….b- “vedersi” verbo transitivo pronominale: guardare con valore intensivo ( mi sono visto un bel film) c- “vedersi” riflessivo reciproco: incontrarsi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  95. Rico scrive:

    “Non so cosa ci si possa aspettare da lei…”. La frase è corretta? Il soggetto è “ci si”?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, si tratta di una forma passiva.
      A presto
      Prof. Anna

  96. Rico scrive:

    “Un luogo in cui ci si sta bene”. “Un luogo in cui ci si ride molto”. In queste due frasi, i verbi “sta” e “ride” non sono riflessivi e né pronominali… la particella “ci” si usa perché indica “in questo luogo”, quindi i pronomi combinati, in questo caso, “ci si” possono essere utilizzati anche se i verbi non sono riflessivi o pronominali… Giusto?

    La sua risposta “Caro Rico, non è corretto l’uso di “ci” in queste frasi, “in questo luogo” è già espresso da “in cui”, quindi basterà dire “in luogo in cui si sta bene” e “un luogo in cui si ride molto”.

    E la frase “un luogo in cui ci si sveglia/addormenta” il “ci si” è corretto, invece, perché è seguito da verbi pronominali, quindi non è un’aggiunta superflua il “ci”… a differenza dei verbi “stare” e ridere”, non essendo né riflessivi e né pronominali, che non hanno bisogno, anche nella frase “in questo luogo ci si ride”, della particella “ci”. Le mie interpretazioni sono corrette?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, le tue interpretazioni sono corrette.
      Un saluto
      Prof. Anna

  97. Lorenzo scrive:

    Ciao un mio amico ha scritto una frase con scritto : te l’ho do, è giusto o sbagliato? Perché lui insiste dicendo che è giusto ma io dico di no e voglio la tua risposta per esserne certo! Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Lorenzo, la frase non è corretta, bisogna scrivere “te lo do”.
      A presto
      Prof. Anna

  98. Rico scrive:

    “Ci si diverte”. E’ una forma impersonale (che si forma alla terza persona singolare). “Ci si divertono”, alla terza persona plurale, non è corretto? O dobbiamo interpretarlo come si passivante, ma, in questo caso, senza oggetto espresso?

    E la forma “ci si divertono” può essere usata anche come “si divertono in ciò, in questo”? Io non credo perché, lei mi insegna, soltanto mi/ti/vi più “ci” (che può essere avverbio di luogo o pronome dimostrativo) può essere adoperato in questo modo; mentre, “mi si””ci si” “le si” ecc., no.

    Le mie interpretazioni sono corrette?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, “ci si diverte” è una forma impersonale e significa “ci divertiamo”, ma può anche sigificare “lui-lei si diverte con questa cosa”, mentre “ci si divertono” significa “loro si divertono con questa cosa”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  99. Rico scrive:

    “E’ una persona a cui ci si rivolge”.
    “E’una persona a cui ci rivolgiamo”.
    La differenza, nelle due frasi, è tra la forma impersonale e quella personale. Quando è meglio usare l’una o l’altra?

    “Ci si consiglia a qualcuno…” E’ corretta la frase? E perché?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, “a cui ci rivolgiamo” è personale ed essendo prima persona plurale implica che anche il soggetto partecipi dell’azione, mentre “ci si rivolge” è impersonale e non implica necessariamente la partecipazione del soggetto, può significare “a cui le persone si rivolgono”; “ci si consiglia a qualcuno” non è corretta, se vuoi dire “si chiede consiglio a qualcuno” dovrai dire “ci si consiglia con qualcuno”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  100. Regina scrive:

    Gentile Prof. Anna,

    vorrei sapere se è corretto dire “ti presento a Maria” per esempio, oppure “ti presento Maria”? Cercando la traduzione dal tedesco all’italiano il verbo presentare appare come presentare qualcuno a qualcuno e comunque trovo sempre questa frase senza la preposizione “a”. Mi potrebbe chiarire questo, per piacere.
    La ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Cara Regina, le due frasi hanno significati diversi. “ti presento a Maria” significa “io presento te a Maria”, mentre “ti presento Maria” significa “io presento a te Maria”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  101. sisi scrive:

    Si dice: Non ho alcuna idea su cosa regalare a Marta. perchè non posso dire : Non ho alcuna idea su cosa regalerò a Marta?
    La ringrazio in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sisi, sono corrette entrambe le frasi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  102. Rico scrive:

    Caro Rico, “ci si diverte” è una forma impersonale e significa “ci divertiamo”, ma può anche sigificare “lui-lei si diverte con questa cosa”, mentre “ci si divertono” significa “loro si divertono con questa cosa”.

    Per far sì che significhi “lui-lei si diverte con questa cosa”, il verbo deve essere sempre riflessivo o pronominale? Cioè, se non è riflessivo o pronominale non può aversi il significato “lui-lei si diverte con questa cosa”. Giusto?

    “Ci si diverte” “lui-lei si diverte con questa cosa” potrebbe anche significare (lui-lei si diverte…) in questa cosa e su questa cosa? O soltanto con questa cosa?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la tua interpretazione è esatta, ma non avrebbe senso “si diverte su questa cosa”, si dice “divertirsi con qualcosa”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  103. sisi scrive:

    Si dice: Non ho alcuna idea su cosa regalare a Marta. perchè non posso dire : Non ho alcuna idea su cosa regalerò a Marta?
    La ringrazio in anticipo.

  104. Rico scrive:

    Caro Rico, “ci si diverte” è una forma impersonale e significa “ci divertiamo”, ma può anche sigificare “lui-lei si diverte con questa cosa”, mentre “ci si divertono” significa “loro si divertono con questa cosa”.

    Per far sì che significhi “lui-lei si diverte con questa cosa”, il verbo deve essere sempre riflessivo o pronominale? Cioè, se non è riflessivo o pronominale non può aversi il significato “lui-lei si diverte con questa cosa”. Giusto?

    La ringrazio per la pazienza che mi dimostra da tempo…

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, è così per il verbo “divertirsi”, ma la particella -ci- può avere il significato di -con questa cosa- anche con verbi non riflessivi: “ci gioco”=”gioco con questa cosa”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  105. Rico scrive:

    “Il sale, l’ho aggiunto nell’insalata…, lo si deve mettere in questo modo e lo si deve aggiungere così…”. Nella seconda frase, è corretto ripetere due volte “lo si” nella stessa frase?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, sono due frasi diverse perché ci sono due verbi (deve mettere-deve aggiungere), comunque è corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  106. Rico scrive:

    Caro Rico, “ci si diverte” è una forma impersonale e significa “ci divertiamo”, ma può anche sigificare “lui-lei si diverte con questa cosa”, mentre “ci si divertono” significa “loro si divertono con questa cosa”.
    Per far sì che significhi “lui-lei si diverte con questa cosa”, il verbo deve essere sempre riflessivo o pronominale? Cioè, se non è riflessivo o pronominale non può aversi il significato “lui-lei si diverte con questa cosa”. Giusto?

    La sua risposta “Caro Rico, è così per il verbo “divertirsi”, ma la particella -ci- può avere il significato di -con questa cosa- anche con verbi non riflessivi: “ci gioco”=”gioco con questa cosa”.

    Professoressa, io farei riferimento solo al “ci si” (in questo caso che le propongo…, pronome dimostrativo: con questa cosa), pronomi che possono aversi solo con i verbi riflessivi o pronominali o no? Se i verbi non sono né riflessivo e né pronominale, possono significare “con/a/in questa cosa”?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, per avere “ci si” il verbo deve essere riflessivo o pronominale, forse non ho capito bene la tua domanda, prova a farmi un esempio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  107. Branimir scrive:

    Gentile Prof. Anna,
    Nella mia lingua materna (il croato) la seconda persona plurale del verbo si usa per rivolgersi a una o a più persone (cortesia o no). Nella lingua francese e lo stesso: Vous (Paul) avez une jolie maison. Vous (Pierre et Paul) avez une jolie maison. Secondo le regole grammaticali in italiano, si usa la terza persona singolare per esprimere la forma cortesia. La mia domanda e:
    E sbagliato usare ‘voi’ quando vogliamo rivolgersi a una persona (in forma cortesia)? Esempio:
    Lei signora ha una bella casa. Voi signora avete una bella casa.
    Grazie per la risposta.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Branimir, usare il “voi” come forma di cortesia è proprio di un linguaggio molto formale, ormai in italiano è caduto in disuso, però persiste ancora nel meridione, in particolare in Campania e in Sicilia, e molti dialetti dell’Italia del sud.
      Un saluto
      Prof. Anna

  108. emilia scrive:

    gentile professoressa, ho letto di recente questo aforisma “non farti uccidere i sogni da coloro che non ne hanno”. Perché si usa “ne hanno ” invece di ” ce li hanno”
    Grazie mille della sua preziosa precisazione.

  109. Rico scrive:

    Caro Rico, “ci si diverte” è una forma impersonale e significa “ci divertiamo”, ma può anche sigificare “lui-lei si diverte con questa cosa”, mentre “ci si divertono” significa “loro si divertono con questa cosa”.

    Per far sì che significhi “lui-lei si diverte con questa cosa”, il verbo deve essere sempre riflessivo o pronominale? Cioè, se non è riflessivo o pronominale non può aversi il significato “lui-lei si diverte con questa cosa”. Giusto?

    La sua risposta “Caro Rico, è così per il verbo “divertirsi”, ma la particella -ci- può avere il significato di -con questa cosa- anche con verbi non riflessivi: “ci gioco”=”gioco con questa cosa”.

    Professoressa, io farei riferimento solo al “ci si” (in questo caso che le propongo…, pronome dimostrativo: con questa cosa), pronomi che possono aversi solo con i verbi riflessivi o pronominali o no? Se i verbi non sono né riflessivo e né pronominale, possono significare “con/a/in questa cosa”?

    La sua risposta “Caro Rico, per avere “ci si” il verbo deve essere riflessivo o pronominale, forse non ho capito bene la tua domanda, prova a farmi un esempio.”

    Il “ci si” come “ci si” diverte (“lui/lei si diverte con/in/a questa cosa), anche con il verbo scherzare, che non è né riflessivo e né pronominale, può significare con i pronomi combinati “ci si scherza”= lui/lei si scherza con questa cosa?, o no? O solo i verbi riflessivi o pronominali possono essere adattati in questa forma dimostrativa?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la forma “ci si scherza” è corretta e significa “si scherza con questa cosa” e in questo caso è una forma impersonale (si scherza), quindi il “si” si userà nei casi in cui è necessario (riflessivi, pronominali, impersonali, ecc.) mentre il “ci” si può usare sempre quando è sensato farlo; nei casi in cui sono presenti queste due condizioni si potrà usare “ci si”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  110. Rico scrive:

    “Ci si sta spostando, ci si/si sta andando, ci si/ si sta camminando lungo l’estensione del mare…”. Perché nelle due frasi seguenti ” si sta andando” e ” si sta camminando”, il si non è preceduto dalla particella ci, visto che la particella “si” è seguita dal verbo “stare”? Perché nella prima frase c’è “ci si sta”, mentre nelle altre due c’è soltanto “si sta”?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, perché in queste due frasi il complemento di luogo è “lungo l’estensione del mare” quindi la particella -ci- non è necessaria.
      Un saluto
      Prof. Anna

  111. Rico scrive:

    Il verbo “stare” è anche un riflessivo, quindi è corretta la seguente frase “un luogo in cui ci si sta bene” come questa “un luogo in cui ci si sveglia (pronominale) presto…”. Giusto?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, in realtà la particella -ci- in questa frase è superflua perché abbiamo già un complemento di luogo “in cui”, quindi la frase può essere “un luogo in cui si sta bene” la forma “si sta” non è riflessiva ma impersonale, mentre la frase “un luogo in cui ci si sveglia presto” è corretta perché “svegliarsi” è pronominale e in questa frase è impersonale e per rendere impersonali i verbi riflessivi nei quali è già presente la particella si, si aggiunge la particella ci: ci si lava; ci si sveglia; ci si arrabbia.
      Un saluto
      Prof. Anna

  112. Rico scrive:

    Caro Rico, la forma “ci si scherza” è corretta e significa “si scherza con questa cosa” e in questo caso è una forma impersonale (si scherza), quindi il “si” si userà nei casi in cui è necessario (riflessivi, pronominali, impersonali, ecc.) mentre il “ci” si può usare sempre quando è sensato farlo; nei casi in cui sono presenti queste due condizioni si potrà usare “ci si”.

    “Ci si legge”, il verbo non è né pronominale e né riflessivo, ma può significare “si legge con questa cosa”. Giusto?
    “Ci si scherza”, il verbo non è né pronominale e né riflessivo, ma può significare “si scherza con questa cosa”. Giusto?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la tua ipotesi è corretta, comunque potrei usare “ci” con questo significato anche in una forma attiva e personale (senza il -si- ovviamente) “ci leggo il giornale” o “ci scherzo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  113. Rico scrive:

    “Ci si sta spostando, ci si/si sta andando, ci si/ si sta camminando lungo l’estensione del mare…”. Perché nelle due frasi seguenti ” si sta andando” e ” si sta camminando”, il si non è preceduto dalla particella ci, visto che la particella “si” è seguita dal verbo “stare”? Perché nella prima frase c’è “ci si sta”, mentre nelle altre due c’è soltanto “si sta”?

    La sua risposta “Caro Rico, perché in queste due frasi il complemento di luogo è “lungo l’estensione del mare” quindi la particella -ci- non è necessaria.”

    Anche nella prima frase potremmo scrivere “si sta spostando”, senza la particella “ci”, o no?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, rileggendo la mia risposta vorrei riformularla, la questione infatti non è il copleento di luogo a il fatto che queste sono tre forme ipersonali, ma il primo verbo è riflessivo (spostarsi) e gli altri due no (andare, camminare), quindi la prima forma verbale ha bisogno del -ci- per essere impersonale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  114. Rico scrive:

    Caro Rico, la forma “ci si scherza” è corretta e significa “si scherza con questa cosa” e in questo caso è una forma impersonale (si scherza), quindi il “si” si userà nei casi in cui è necessario (riflessivi, pronominali, impersonali, ecc.) mentre il “ci” si può usare sempre quando è sensato farlo; nei casi in cui sono presenti queste due condizioni si potrà usare “ci si”.

    “Ci si legge”, il verbo non è né pronominale e né riflessivo, ma può significare “si legge con questa cosa”. Giusto?
    “Ci si scherza”, il verbo non è né pronominale e né riflessivo, ma può significare “si scherza con questa cosa”. Giusto?

    Quindi possiamo utilizzare i verbi né riflessivi e né pronominali con i pronomi combinati “ci si” solo quando sono impersonali, purché indichino solamente “con/a/in questa cosa”, altrimenti sarebbe un errore adattarli con i pronomi combinati “ci si”. Giusto?

    Ad es.: il verbo “scherzare” non essendo un riflessivo/pronominale, non può costruire la forma impersonale “ci si scherza”, anche se può essere adattato alla forma dimostrativa “si scherza con questa cosa”. Giusto?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, le tue ipotesi sono corrette.
      Un saluto
      Prof. Anna

  115. Rico scrive:

    Il verbo “stare” è anche un riflessivo, quindi è corretta la seguente frase “un luogo in cui ci si sta bene” come questa “un luogo in cui ci si sveglia (pronominale) presto…”. Giusto?

    La sua risposta Caro Rico, in realtà la particella -ci- in questa frase è superflua perché abbiamo già un complemento di luogo “in cui”, quindi la frase può essere “un luogo in cui si sta bene” la forma “si sta” non è riflessiva ma impersonale, mentre la frase “un luogo in cui ci si sveglia presto” è corretta perché “svegliarsi” è pronominale e in questa frase è impersonale e per rendere impersonali i verbi riflessivi nei quali è già presente la particella si, si aggiunge la particella ci: ci si lava; ci si sveglia; ci si arrabbia.

    Il verbo “stare”, leggendo meglio sullo Zanichelli, è un pronominale (sta?rsi v. intr. pron.), per cui, come il verbo svegliare, sarebbe corretta la forma “il luogo in cui ci si sta bene”. Giusto? Altrimenti perché la frase “il luogo in cui ci si sveglia”, malgrado il verbo pronominale “svegliare” è corretta, mentre quella suesposta, no?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, credo però che in questo caso il verbo “stare” non sia alla forma pronominale ma attiva quindi “stare” e dunque è meglio “un luogo in cui si sta bene”, la forma “starsi” non è molto comune, più frequente invece “starsene” per sottolineare l’idea dell’immobilità o della permanenza in una condizione.
      Un saluto
      Prof. Anna

  116. drea scrive:

    Buongiorno Prof. Anna!
    Meno male che mentre studiando ho trovato questo sito.

    Non capisco bene quando si usa “ne” invece di “la/lo” ecc. Per esempio in #7 e #8. Forse non ho capito bene una regola.

    Anche, per capire bene gli/loro, una risposta a questa domanda: “Marcello ha scritto una lettera ai suoi amici?” sarà: “No, non l’ha scritta loro.”

    Grazie mille in anticipo.

  117. Cara Signora , nella TABELLA I PRONOMI COMBINATI : SI + LA dice SA LA inveci SE LA,
    Penso che sia un errore di stampa . Lei puó spiegarmi . Grazie , Cordiali saluti Mara

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mara, grazie per la segnalazione, l’errore di battitura è già stato corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  118. Rico scrive:

    “E’ una bella casa, la si/si/che vende senza difficoltà”.
    “E’ un mestiere, lo si/si/che impara velocemente”.

    Qual è la forma più corretta e perché?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, è corretta sia la forma con -la si- e -lo si-, sia la forma con il relativo, sono solo due tipi di frasi differenti.
      Un saluto
      Prof. Anna

  119. ciao come vi piace questo sito?

  120. Ali scrive:

    Mi ha aiutato molto questo esercizio perche sono uno straniero

  121. Davide scrive:

    Chi parla spagnolo ha più difficoltà a capire come funzionano i pronomi a causa del fatto che in spagnolo si usa introdurre il complemento DIRETTO, se riferito a PERSONE (o cose personalizzate) con una “a”. Quindi, per uno spagnolo, “domandare al verbo” può risultare fuorviante.
    Veo la tele, veo a mi madre.
    Entrambi sono complementi diretti anche in spagnolo, ma se uno spagnolo “domanda al verbo”, ottiene (traducendo):
    ¿Qué veo? = Cosa vedo? => la tele => la vedo (la veo)
    ¿A quién veo? = *A chi vedo? => *A mia madre => *le vedo (le veo).
    Anche in spagnolo questo è un errore (si chiama “leismo”), ma nell’uso è generalizzato, e c’è anche chi sostiene che non è scorretto.
    Il risultato è la difficoltà di capire quando usare la coppia gli/le, e quando invece lo/la/li/le.
    Chi parla spagnolo deve capire il concetto di “diretto” e “indiretto” in astratto, o, altrimenti, usarlo solo per fare esempi che non riguardino persone.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Davide, grazie del tuo interessante contributo.
      A presto
      Prof. Anna

  122. Cara Prof. Anna,

    Mi puoi aiutare: con uso della particela CE (accopiatte)

    grazie!

    Dione

    • Zanichelli Avatar

      Cara Dione, cosa esattamente non capisci? La particella “ci” si trasforma in “ce” quando è davanti a un altro pronome, come viene spiegato in questo articolo. Se hai domande specifiche non esitare a scrivermi ancora.
      Un saluto
      Prof.. Anna

  123. giusy scrive:

    Una mia studentessa mi ha chiesto perche ” prima frase non gliel’ho ancora ridato” seconda frase “ma e ‘ bene che tu gliel’abbia detta” entrambi vanno conl’ apostrofo, ma la terza e quarta frase frase ” No glielo ha dato Cecilia” no gliei ha portati marta ” senza apostrofo.
    Ho trovato un po di difficolta a spiegarle la differenza
    grazie del suo aiuto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giusy, l’elisione (e quindi l’apostrofo) è prevalente con -lo- e -la- quindi è corretta anche la frase “no, glielo ha dato Cecilia”, mentre non avviene mai con -li- e le- quindi è corretto scrivere senza apostrofo -glieli-.
      Un saluto
      Prof. Anna

  124. Non ho capito
    selo
    sela
    seli
    quando si usano?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mohamed, si usano con i vebi riflessivi o pronominali, per esempio: “ricordarsi”: “Lui si ricorda l’indirizzo?” “No, non se lo ricorda”; “Lei si ricorda i verbi pronominali?” “Sì, se li ricorda”; “Loro si ricordano la strada?” “No, non se la ricordano”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  125. Non ho capito
    quando si usano
    selo sela?

  126. Quando sI usano
    selo sela¿

  127. Rico scrive:

    “Auguri a Francesco ‘e te/e a te'”. Quando non utilizzare la preposizione semplice “a”?

    “Sei poco seria e affidabile”. In questa frase l’avverbio “poco” si riferisce anche ad “affidabile”, giusto? Quindi significherebbe poco affidabile, corretto?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, è meglio ripetere la preposizione per ogni complemento che introduce, quindi “a Francesco e a te”; nella seconda frase “poco” si riferisce anche all’aggettivo “affidabile”.
      A presto
      Prof. Anna

  128. laura scrive:

    Quale di queste frasi contiene un verbo di forma riflessiva propria?
    1.presto ci trasferiremo in un’altra città.
    2.dopo il panino ci siamo tutti sdraiati sul prato.
    Nella frase ‘Maria si alzò raggiante perchè era stata scelta dalla giuria’ il si è complemento oggetto o alzarsi è usato in forma pronominale?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Laura, “trasferirsi” è la froma intransitiva pronominale di “trasferire”, e “alzarsi” in questo significato (tirarsi su) è la forma riflessiva del verbo “alzare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  129. stella scrive:

    Cara Prof.Anna
    vorrei sapere se è corretto scrivere “Questo lo abbiamo già detto” oppure “Questo l’ho abbiamo già detto”? Io ho scritto “Questo l’ho abbiamo già detto” in un compito e sto aspettando il voto. E’ urgente. Mi potete rispondere per favore? Grazie attendo ansiosamente la sua risposta.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stella, è corretto “questo lo abbiamo già detto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  130. Rico scrive:

    E’ una bella casa, la si/si/che vende senza difficoltà”.
    “E’ un mestiere, lo si/si/che impara velocemente”.
    Qual è la forma più corretta e perché?

    Prof. Anna dice:
    Caro Rico, è corretta sia la forma con -la si- e -lo si-, sia la forma con il relativo, sono solo due tipi di frasi differenti.

    Perché, quindi, la seguente frase:un mestiere “lo si” impara, è sbagliata?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, infatti la frase non è sbagliata.
      Un saluto
      Prof. Anna

  131. sisi scrive:

    Cara Prof. Anna
    ho letto la frase: L’esperienza universitaria è la prima vera prova impostaci dalla vita. Non capisco questo impostaci. Significa che ci impone la vita? Che tipo grammaticale è questo? perche questo ci è unito alla fine del participio? Me lo potrebbe spiegare per favore?
    Mille grazie
    Sisi

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sisi, la tua ipotesi è corretta, significa “che ci impone la vita”, i pronomi atoni possono formare una sola parola con il verbo alla cui parte terminale si uniscono, se il verbo è all’infinito (vorrei vederti), al gerundio (vorrei ringraziarti mandandoti un regalo) o al participio (grazie per l’attenzione concessami), oppure alla seconda persone singolare o plurale o alla prima plurale dell’imperativo (portami via!).
      Un saluto
      Prof. Anna

  132. sono egiziana e studentessa all’ universita.studio la lingua italiana.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Hend, benvenuta su Intercultura blog, se hai qualche dubbio non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  133. Daniele scrive:

    Cara prof. Anna,
    io non riesco a capire bene questa frase – Se te lo dico io , puoi crederci . MI POTRESTE AIUTARE ????.
    A presto
    Daniele

    • Zanichelli Avatar

      Caro Daniele, la frase significa: puoi credere a questa cosa, se te la dico io. Spero do aver chiarito il tuo dubbio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  134. Daniele scrive:

    Cara prof. Anna,
    io non riesco a capire bene questa frase – Se te lo dico io , puoi crederci . MI POTRESTE AIUTARE ????.
    A presto
    Daniele

  135. Daniele scrive:

    Cara prof.Anna
    Non riesco a fare questa frase : Se te lo dico io , puoi crederci . MI potreste aiutare?
    A presto
    Daniele

  136. lory scrive:

    Cara prof. Anna
    é giusto scrivere: Nella stanza ci sono un letto matrimoniale, una sedia e un comodino…oppure
    Nella stanza c’é un letto matrimoniale ,una sedia e un comodino…
    Mille grazie Lory

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lory, la prima frase che scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  137. Daniele scrive:

    Cara prof. Anna
    Grazie pera avermi aiutato la ringrazio ????

  138. Daniele scrive:

    Grazie per avermi aiutato la ringrazio infinitamente

  139. sisi scrive:

    Cara prof. Anna

    Mi sono un po’ confusa. Si dice : Mi sforzo a studiare o Mi sforzo di studiare. ?
    La ringrazio in anticipo.
    Sissi

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sisi, si dice “mi sforzo di studiare”.
      A presto
      Prof. Anna

  140. sisi scrive:

    Cara Prof. Anna
    sono un po’ confusa
    si dice: è la ragazza più bella che abbia(congiuntivo) mai visto.
    La cosa più importante nella vita è la carriera. nella seconda frase il verbo è in indicativo. Questo è giusto? Non si dovrebbe essere in congiuntivo?

    Mille grazie Sisi

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sisi, si tratta di due costruzioni diverse, nella prima il congiuntivo è il verbo della frase dipendente (la reggente è: “è la ragazza più bella”) relativa introdotta da -che-: la regola dice che se nella frase precedente alla relativa c’è un superlativo relativo, la frase relativa avrà il congiuntivo, per esempio: “Marco è il ragazzo più simpatico che io conosca”; mentre la seconda frase non è una dipendente ma un’unica frase indipendente e quindi il verbo è all’indicativo.
      A presto
      Prof. Anna

  141. Isabelle scrive:

    Grazie per gli esercizi, mi ha aiutato molto.

  142. Stefano scrive:

    Buongiorno prof.Anna,
    Do un libro a lui. Gli do un libro.
    Do un libro a lei. Le do un libro.
    Dai questo libro a lui? Glielo dai?
    Dai questo libro a lei? …… dai?

    Grazie 1000
    Stefano

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, -le- (femminile singolare) e -gli- diventano -glie- quindi: “dai questo libro a lei?” = “glielo dai?”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  143. franco scrive:

    cara .prof.anna . è per mio nipotino . alberello è un diminutivo di albero. grazie . franco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Franco, “alberello” è un diminutivo di albero.
      A presto
      Prof. Anna

  144. DARIO scrive:

    buongiorno,
    vorrei una risposta sul modo corretto in cui si scrive:

    te lo giuro , te l’ho giuro ????

    • Zanichelli Avatar

      Caro Dario, è corretto scrivere “te lo giuro”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  145. Sajad scrive:

    Grazie per questo articolo. è molto usabile!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Sajad, benvenuto su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  146. graciela scrive:

    mi piacerebbe periodo ipotetico

  147. amanda scrive:

    BRAVA PROF ANNA

  148. Vorreasi sapere per cortesia qual è la forma corretta tra le seguenti:
    – Mi faresti un grosso favore se mi anticipi la programmazione..
    – Mi faresti un grosso favore se mi anticipassi la programmazione..

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, è corretta la seconda frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  149. Galinka scrive:

    Cara Anna, è chiarissimo, che “La borsa? L’ho compratA ieri”, ma con ausiliare ESSERE non usiamo i pronomi diretti nel passato prossimo: “Le è successa la storia”. Purtroppo non riesco a trovare questa regola nei libri di grammatica :(. Potrebbe spiegarmi gentilmente quali frasi siano corrette: 1) Le è natO un bambino oppure Le è natA un bambino; 2) Le si è rottO il cellulare oppure Le si è rottA il cellulare. Con stima, Galinka

    • Zanichelli Avatar

      Caro Galinka, nelle frasi che mi scrivi -le- è un pronome indiretto (= a lei) quindi “le è nato bambino” e “le si è rotto il cellulare”, di solito l’ausiliare “essere” appartiene a verbi intransitivi che quindi non hanno un complemento oggetto e di conseguenza non sono hanno un pronome diretto (che funge da complemento oggetto) oppure troviamo l’ausiliare “essere” con i verbi riflessivi e pronominali, in questo caso è necessario concordare il participio con il pronome: “ti sei fatto la barba?” -“no, non me la sono fatta”. Per approfondire quesro argomento ti consiglio questi articoli: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=8360; http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=8305.
      A presto
      Prof. Anna

  150. Galinka scrive:

    Cara Anna, La ringrazio e Le porgo cordiali saluti. Approfittando dell’occasione, vorrei augurarLe Buon Natale e sereno Anno Nuovo! Galinka

    • Zanichelli Avatar

      Cara Galinka, tanti auguri anche a te!
      Grazie e presto
      Prof. Anna

  151. Gent. professoressa, è sbagliato scrivere “te le ridò” invece di “te le testituisco”? Grazie

    • correggo “te la restituisco”

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna Maria, la frase “te le ridò” è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  152. Francesco scrive:

    Quale frase è corretta?
    Quando vengo te lo porto
    oppure
    Quando verrò te lo porto
    oppure
    te lo porterò quando vengo
    oppure
    te lo porterò quando verrò

    • Zanichelli Avatar

      Caro Francesco, le frasi che mi scrivi sono tutte corrette.
      Un saluto
      Prof. Anna

  153. yuchun scrive:

    ciao prof anna, mi potresti spiegare la frase della torta , perche non si puo dire : spero che me la diano un altra fetta . invece di : spero che me ne diano un ‘altra fetta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Yuchun, in questo caso usiamo -ne- perché una fetta è una parte di una torta e -ne- si usa appunto per indicare una parte del tutto, mentre usiamo la-lo-li-le quando si parla del tutto: “vuoi un po’di torta? Sì, ne vorrei una fetta”; “vuoi un po’ di torta? Sì, ma la vorrei mangiare tutta!”. Per ripassare la particella -ne- ti consiglio questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2011/02/10/la-particella-ne/
      Un saluto
      Prof. Anna

  154. Gaia scrive:

    Ciao Prof.Anna mi chiamo Gaia e domani ho la verifica di grammatica sui verbi, i nomi, gli articoli e i pronomi. Potresti per piacere farmi un ripasso generale? Grazie! Scusami se ti ho scritto tardi!

    • Gaia scrive:

      Comunque non ho sbagliato nulla nel test!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Gaia, se mi dici quali sono i tuoi dubbi posso aiutarti.
      Un saluto
      Prof. Anna

  155. Leticia scrive:

    bravi! mi piace questo corso! ho avuto 10 risposte giuste

    • Zanichelli Avatar

      Cara Leticia, ottimo risultato!
      A presto
      Prof. Anna

  156. Marina scrive:

    Ciao , sono Marina

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Marina, benvenuta su Intercultura blog, se hai qualche domanda non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  157. Marina scrive:

    Salve! Volevo chiedere, se è giusto dire “Gliele mando= Le mando i materilali”, rivolgendomi ad una professoressa?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marina, “i materiali” è un nome maschile plurale, quindi la frase corretta è “glieli mando” = “le mando i materiali”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  158. Marisol scrive:

    Non ho sbagliato un colpo! Grazie mille!
    Continuerò comunque con gli esercizi, la pratica è importante!

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Marisol, continua così!
      A presto
      Prof. Anna

  159. Rino scrive:

    10/10
    che bravo che sono:-)

  160. oap scrive:

    prof.Ana.Mi puoi aiutare con le prepozicioni composto e semplice perche no lo so quando nelle frasi devo completare con semplice e che con composto.grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Oap, purtroppo non c’è una regola fissa che ci possa aiutare a scegliere sempre tra preposizioni semplici o articolate; normalmente si usano le articolate perché in italiano il nome è preceduto dall’altricolo, quindi: il libro è sul tavolo, l’acqua è nel bicchiere, vado al cinema, ci sono però tantissime eccezioni: vado a teatro, sono in ufficio, torno a casa; nelle espressioni in cui viene usata la preposizione semplice, troveremo invece quella articolata se il nome è seguito da un aggettivo o complemento di specificazione: sono nell’ufficio del mio capo, torno nella mia vecchia casa, vado al teatro Comunale. Solo con molto esercizio e molta pratica è possibile usare correttamente le preposizioni.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

      • oap scrive:

        prof Ana,
        Grazie per avermi aiutato.

  161. Domitilla scrive:

    Salve prof,
    Ma sulla frase “con te ce l’ho il tempo”
    Si può eludere quel “ce”?
    “Con te l’ho il tempo”

    • Zanichelli Avatar

      Cara Domitilla, sì, in questo caso la particella “ci” ha solo un valore rafforzativo.
      A presto
      Prof. Anna

  162. Profesoressa Anna, saluti. Ho una grande domanda: nell’esecizio 5 la risposta giusta è “…lui non se l’aspetta”, ma se il verbo è ‘aspettarsi’ questo ‘se’ rappresenta un ‘si’ riflessivo certo? Allora, e secondo ciò scritto sopra (Un pronome diretto o indiretto seguito da si riflessivo, impersonale o passivante non cambia forma e rimane al primo posto), dovrebbe essere “… lui non la si aspetta”. Forse non ho capito bene, ma ti ringrazierò molto se puoi chiarirmi questo dubbio. Saluti dal Messico. 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ignacio, quel “si” non è né riflessivo, né passivante, né impersonale, “aspettarsi” è una forma transitiva pronominale con valore rafforzativo, quindi in questo caso “si” può solo precedere il pronome e si trasforma in “se”: se l’aspetta.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  163. cinzia scrive:

    Buongiorno Prof. Anna,
    Ho un quesito a riguardo della posizione del “ci” con altri pronomi. Ad esempio, la frase “lei si è avvicinata a lui” può diventare “lei gli si è avvicinata” ma anche (secondo l’autore dell’esercizio che ho trovato su internet) “lei gli si è avvicinata”. Stessa cosa per “lui si è avvicinato a lei”, può diventare “lui le si è avvicinato” o “lui ci si è avvicinato”. Però poi se abbiamo una frase come “io mi sono avvicinato a lui”, diventa “io mi ci sono avvicinato” e non “ci mi sono avvicinato” come nelle frasi precedenti. Tra l’altro con questa frase non si può usare il pronome indiretto come nelle precedente. Voglio dire, non è possibile dire “io gli mi sono avvicinato” . Lo stesso vale per “io mi sono avvicinata a lei” che non può essere “io le mi sono avvicinata” ma può solo essere “io mi ci sono avvicinata” e anche in questo caso il ci viene dopo. Potrebbe aiutarmi a chiarire? Grazie in anticipo. Cinzia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Cinzia, la particella “si”, in caso di presenza di un altro pronome, si colloca sempre dopo (ci si), mentre “ci”, se il verbo è accompagnato da un pronome clitico, si colloca dopo di questo. Non è possibile abbinare per esempio “gli mi” o “le mi”, ma i pronomi indiretti (tranne -le-) possono essere abbinati solo a “lo-la-li-le-ne-ci” unendosi tra di loro.
      Un saluto
      Prof. Anna

  164. Maria scrive:

    E più corretto dire: mi può tagliare una fetta di pane, o mi puoi tagliare una fetta di pane

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, entrambe le frasi sono corrette, nella prima ti stai rivolgendo a qualcuno in maniera formale, nella seconda in maniera informale, dipende quindi dal contesto e dalla situazione la scelta del registro che è necessario adottare.
      A presto
      Prof. Anna

  165. Ile scrive:

    Prof ANA mi aiuta per favore? Si può dire: io la bambina non gliela porto in piscina?
    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ile, l’anticipazione o la posticipazione di un complemento (la bambina, in piscina), seguito poi da un pronome atono, è un modo dare enfasi ai complementi, questa costruzione è corretta, ma la particella corretta per sostituire il complemento indiretto “in piscina” sarebbe “ci”, che, combinato con “la” (la bambina), diventerebbe “cela”, quindi: “non cela porto”, la frase che mi hai scritto significa invece “io la bambina non la porto a lui o a lei (gli) in piscina”, non so quale significato tu voglia dare alla frase, se il significato è questo, allora la tua frase è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  166. adri scrive:

    salve prof Anna….io ho molti problemi nell’uso (gliene) e non so in preciso quando la devo usare?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Adri, “gliene” è formato da “gli” che significa “a lui” ma quando è combinato può significare anche “a lei” e “ne” che ha varie funzioni che ti consiglio di ripassare con questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2011/02/10/la-particella-ne; combinato a “gli” si usa soprattutto “ne” con valore partitivo e col significato “di questa cosa, di queste cose”; ti faccio qualche esempio sull’uso di “gliene”: “quante mele hai portato a Marco?” “gliene ho portate tre” = “a lui ho portato tre mele” (ne con valore partitivo); “hai regalato dei libri a Marta?” “no, non gliene ho regalato nessuno” “= no, non ho regalato nessun libro a Marta” (ne con valore partitivo); “hai parlato a Lucia di questo problema?” “sì, gliene ho parlato ieri” “=sì, ho parlato a Lucia di questo problema ieri” (ne col significato “di questa cosa”). Spero di aver chiarito il tuo dubbio, se hai altre domande non esitare a scrivermi.
      Un saluto
      Prof. Anna
      A presto
      Prof. Anna

  167. Laura scrive:

    io non mi ho capito quando si uso questo ”se ne”

    • Zanichelli Avatar

      Cara Laura, usiamo “se ne” quando abbiamo “si” seguito dalla particella “ne”: lui se ne è accorto (verbo: accorgersi); lei se ne è andata (verbo: andarsene).
      Un saluto
      Prof. Anna

  168. Marcos scrive:

    Salve,
    nelle mail non so mai se scrivere “La ringrazio” o “Vi ringrazio”
    Mi riferisco ad un mio superiore quindi vorrei essere formale senza sbagliare parola ^^

    Potresti farmi due esempi?

    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marcos, se il destinatario è un tuo superiore dovrai usare “La ringrazio”.
      A presto
      Prof. Anna

  169. Buongiorno, Una dmanda alla Signora Professoressa Anna :

    Per la versione di cortesia, con un pronome raggruppato : posso dire :

    Signora Anna, Gliel’ho già chiesto ieri il numero di telefono ?

    Gliel’ho è giusto ? In maiuscola ? Sentiti rigrziament, nadia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nadia, è corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  170. Boiget scrive:

    Grazie mille !

    Avevo bisogno di un ripasso prima di provare a dare delle spiegazioni alle mie allieve.

    Mi é stato realmente utile.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Boiget, benvenuto su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  171. Annalisa scrive:

    Gentile Prof.ssa Anna,

    Vorrei farLe una domanda riguardo all’uso dei pronomi combinati.

    Nel libro “Grammatica pratica dell’italiano” di Susanna Nocchi (p. 106) c’è scritto:
    “Quando c’è un verbo modale o fraseologico (potere, volere, dovere, sapere, cominciare a , stare per, stare + gerundio, finire di) + infinito, il pronome combinato può andare prima o dopo l’infinito.

    Sinceramente non riesco a capire che cosa c’entri la forma stare + gerundio con i verbi servili e fraseologici elencati.
    Sarebbe così gentile da spiegarmelo? La ringrazio.

    Saluti,
    Lisa

    • Zanichelli Avatar

      Cara Annalisa, i verbi fraseologici i verbi come stare, cominciare, iniziare, continuare, usati davanti a un altro verbo all’infinito o al gerundio, definiscono una particolare modalità di svolgimento dell’azione.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Annalisa scrive:

        La ringrazio per avermi risposto.

        Con la forma “stare + gerundio” i pronomi combinati si mettono solo prima del verbo stare e del verbo al gerundio, es. “Glielo sto portando”. D’altra parte, quando i combinati si usano con il gerundio (senza stare) si uniscono al verbo, es. “prendendoglielo” e non possono essere messi prima del verbo.

        Detto ciò, non riesco a capire come mai la Nocchi scrive che con “stare + gerundio + infinito” (a quanto ne so questa forma è inesistente) i combinati possono essere messi prima o dopo l’infinito”.

        La ringrazio.

        • Zanichelli Avatar

          Cara Annalisa, rileggendo il tuo commento precedente, credo che l’autrice volesse dire che quando c’è un verbo modale o fraseologico seguito da infinito, il pronome combinato può essere posizionato prima (prima però del verbo che regge l’infinito) o dopo l’infinito: “glielo voglio dare” o “voglio darglielo”.
          Un saluto
          Prof. Anna

  172. Zahra scrive:

    Salve prof Anna,
    vorrei chiederla un favore ad aiutarmi a rispondere a questa domanda:
    Lei conosce i miei figli:
    a/ chi teli ha presentati?
    b/ chi li ha prsentato?
    c/ chi glieli hai presentato?
    d/ chi glieli ha presentati?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Zahra, la frase corretta è: “chi glieli ha presentati?”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  173. antonio scrive:

    Caro professore, nella frase《fra loro non c’è nessuno che lavori》’che’ è pronome o avverbio (di luogo); lo chiedo perché a mio nipote sono state date risposte diverse da insegnanti di lettere diversi.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Antonio, in questa frase “che” è un pronome relativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  174. Simonetta scrive:

    Utile, grazie.

  175. cristos scrive:

    buonasera!!e giusto dire (ti do il regalo afinche dagliela) (per esempio a maria)??

    • Zanichelli Avatar

      Caro Cristos, la frase che mi proponi non è corretta, è necessario dire “ti do il regalo affinché tu glielo dia” anche se c’è una ripetizione del verbo “dare”, che si può sostiutire con “consegnare”: “ti do il regalo affinché tu glielo consegni”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  176. Non capisco bene sento molto difficile i pronomi combinati

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rosario, i pronomi combinati sono complicati, è normale che ci siano difficoltà. Se hai dei dubbi specifici riguardo al loro uso non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  177. Irina scrive:

    prof. Anna, mi potrebbe aiutare, per favore, perche non capisco la frase “Ho salutato Alex da lontano, ma lui non se ne è accorto.“ Cosa significa questo “se ne“?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Irina, il verbo “accorgersi” è un verbo intransitivo pronominale e regge un complemento introdotto dalla preposizione “di” (accorgersi di qualcosa, mi accorgo di qualcosa), in questo caso il complemento introdotto da “di” è sostituito dalla particella “ne”: “non se ne è accorto” (=non si è accorto di questa cosa).
      A presto
      Prof. Anna

      • Irenne scrive:

        Le ringrazio, prof. Anna!
        Mi fa piacere imparare con Lei. Buona giornata!

  178. Adriano scrive:

    Grazie per l’aiuto ..Lo dico a te come si scrive? L’ho dico. .oppure lo dico?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Adriano, si dice “te lo dico”.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  179. Pasquale scrive:

    Vorrei una opinione. Rivolgendosi a un donna, dire: IO GLI CONSIGLIO di osservare….. è corretto? Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Pasquale, se ti rivolgi direttamente a lei dovrai dire “io ti consiglio”, se vuoi dire invece “io consiglio a lei” dovrai dire “io le (=a lei) consiglio”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  180. luca scrive:

    Salve,
    come si deve formulare alla prima persona plurale la frase “mi ci devo abituare”?
    Grazie
    Luca

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luca, si dovrà dire “ci dobbiamo abituare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  181. cristos scrive:

    Potrebbe rispondermi se le frasi sono giuste; grazie! 1)mi scusa di averla fatto aspettare 2) mi scusate di avervi fatto aspettare 3) mi scusi che intrevengo ai tuoi affari!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Cristos, le frasi corrette sono: 1- mi scusi di averla fatta aspettare; 2- scusatemi di avervi fatto aspettare; 3- scusami se intervengo nei tuoi affari.
      A presto
      Prof. Anna

      • cristos scrive:

        La seconda frase non potrebbe essere scusatemi di avervi fatti;;grazie!!

        • Zanichelli Avatar

          Caro Cristos, si potrebbe essere anche così.
          Un saluto
          Prof. Anna

  182. GRAZIE MILLE…
    HO AVUTO 2 ERRORE.

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene M.Cristina!
      A presto
      Prof. Anna

  183. Prof Ana, mi poi aiutare? Io non capisco perche la seconda resposta del 9 esercizi dei Pronomi Combinati è sbagliata!
    9. Sono sicuro che te la farai a passare l’esame.

    • Zanichelli Avatar

      Caro José, la forma verbale è “farcela” che significa “riuscire a fare qualcosa”, quindi la frase corretta è “sono sicuro che ce la farai”.
      A presto
      Prof. Anna

  184. Prabh scrive:

    Mi mandi mio risposte giuste

    • Zanichelli Avatar

      Caro Probh, le risposte corrette diventano verdi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  185. Daniele scrive:

    METTERGLIENE :

    ESMEPIO : “Queste sarebbero le gocce , ma quante dovrei METTERGLIENE all’orecchio ? ”

    In questa frase ” METTERGLIENE ” significa : METTERE A LUI / A LEI ( complemento di termine ) DI CIÒ ( pronome dimostrativo ) o DI ESSE ( pronome personale ) ( le gocce )

    • Zanichelli Avatar

      Caro Daniele, “ne” in questo caso sostituisce un pronome dimostrativo (di queste).
      Un saluto
      Prof. Anna

  186. Antigona scrive:

    Salve.mi piace questo corso

    • Zanichelli Avatar

      Cara Antigona, benvenuta su Intercultura blog!
      Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  187. Paride scrive:

    Utile questa precisazione che ho letto.
    ⇒ In passato era considerato un errore usare la forma gli alla terza persona plurale, mentre oggi è più usata di loro.
    Per esempio: “hai dato da mangiare ai gatti?” “no, non gliel‘ ho ancora dato” ⇒ il pronome personale combinato precede il verbo

    Aggiungerei, se non erro, che però il pronome personale combinato segue il verbo (suffisso ?) quando questo è all’infinito.
    Per esempio: “hai dato da mangiare ai gatti?” “no, ma ho intenzione di darglielo subito.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Paride, grazie per il tuo contributo.
      A presto
      Prof. Anna

  188. molto utili
    grazier

  189. anthony scrive:

    portrebbe aiutarmi con questa domanda?
    Scusi Mario, ci ha dato il prosciutto?
    Certo signora,———- ho messo nella busta.
    i pronomi combinati ?
    grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Anthony, la risposta serebbe: “certo Signora, ve l’ho messo nella borsa”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  190. Kebba scrive:

    Sono molto difficili da usarli questi verbi, ma sono anche molto importante di saperli.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Kebba, hai ragione, usare i pronomi combinati non è affato semplice. Ti faccio una correzione, è corretto dire: “questi pronomi sono molto difficili da usare, ma sono anche molto importanti da sapere”.
      A presto
      Prof. Anna