Concordanza tra il soggetto o l'oggetto e il predicato

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, nella lezione di oggi cercheremo di chiarire un dubbio molto frequente, ovvero: nella coniugazione dei tempi composti quando il participio passato concorda con il soggetto o con il complemento oggetto?

Buona lettura e auguro a tutti voi un Buon Natale e un Felice Anno Nuovo 

Prof. Anna

Nella coniugazione dei tempi composti (per esempio il passato prossimo), il participio passato può rimanere invariato (ho mangiato una mela), oppure concordarsi, a seconda dei casi, col soggetto (Maria è andata a casa) o col complemento oggetto (Marco ci ha salutati). Per scegliere il tipo di accordo, bisogna fare attenzione all’ausiliare richiesto dal verbo.

Prima di tutto è necessario chiarire bene che cosa si intende per verbo transitivo e per verbo intransitivo.

• Sono transitivi i verbi che possono avere un complemento oggetto: Vadim (soggetto) canta ( verbo) una canzone (complemento oggetto); Luca (soggetto) legge (verbo) un libro (complemento oggetto).

• Sono intransitivi i verbi che non possono avere un complemento oggetto: Laura (soggetto) ride (verbo).

Alcuni verbi, normalmente intransitivi, possono essere usati transitivamente quando hanno per complemento oggetto un sostantivo che è legato al verbo da uno stretto rapporto di significato: 

vivere una vita avventurosa; piangere lacrime amare; dormire sonni tranquilli.

Altri verbi possono essere usati transitivamente o intransitivamente, cambiando così di significato:

Alcuni esempi:

uso transitivo uso intransitivo
Laura ha bollito le uova. L’acqua bolle.
Il mese prossimo cambierò lavoro. La settimana prossima il tempo cambierà.
La radio ha comunicato notizie sul traffico. Spesso genitori e figli non riescono a comunicare.

 

 Dopo aver chiarito questo punto vediamo l’accordo del participio passato con il soggetto:

 

verbi con: ausiliare avere transitivi il participio rimane invariato Luca ha visto una mostra; Laura ha vinto un premio.
ausiliare avere intransitivi il participio passato rimane invariato Marco ha telefonato a Gianni; Carlo ha parlato con me.
ausiliare essere intransitivi il participio passato si accorda con il soggetto in genere (maschile-femminile) e in numero (singolare-plurale) Sono andata al cinema; siamo usciti insieme.
ausiliare essere riflessivi il participio passato si accorda con il soggetto in genere e numero I bambini si sono vestiti; Marta si è svegliata.
ausiliare essere passivi il participio passato si accorda con il soggetto in genere e numero Il premio è stato vinto da Manuel; la torta è stata fatta da noi.

 

 Ora vediamo l’accordo del participio passato e il complemento oggetto:

 

L’accordo è obbligatorio: ausiliare    avere Quando prima del passato prossimo c’è un pronome di terza persona (lo, la, li, le) oppure ne.

Hai visto i miei amici? No, non li ho visti.

Hai comprato le scarpe? Sì, le ho comprate.

L’accordo è facoltativo: ausiliare avere Quando prima del passato prossimo c’è un pronome di di prima o di seconda persona (mi, ti, ci, vi). Marco mi ha visto oppure Marco mi ha vista.
L’accordo è poco diffuso: ausiliare essere Quando ci sono verbi riflessivi il participio può concordare con l’oggetto. Natalia si è tagliate le unghie (ma è più comune l’accordo con il soggetto: Natalia si è tagliata le unghie).

 

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase senza errori.
    • Siamo arrivato tardi all'appuntamento.
    • Siamo arrivate tardi all'appuntamento.
  2. Scegli la frase senza errori.
    • Questa gonna è molto bella. Dove l'hai comprato?
    • Questa gonna è molto bella. Dove l'hai comprata?
  3. Scegli la frase senza errori.
    • Quanti biglietti sono stati venduti?
    • Quanti biglietti sono stato venduto?
  4. Scegli la frase senza errori.
    • Marco mi ha salutati da lontano.
    • Marco ci ha salutati da lontano.
  5. Scegli la frase senza errori.
    • Ho visto dei libri interessanti e li ho comprati.
    • Ho visto dei libri interessanti e l'ho comprato.
  6. Scegli la frase senza errori.
    • L'altra sera Laura si è annoiata.
    • L'altra sera Laura si è annoiato.
  7. Scegli la frase senza errori.
    • Questi spaghetti sono ottimi. Come li hai cucinato?
    • Questi spaghetti sono ottimi. Come li hai cucinati?
  8. Scegli la frase senza errori.
    • Io e i miei fratelli siamo nato in Italia.
    • Io e i miei fratelli siamo nati in Italia.
  9. Scegli la frase senza errori.
    • Non trovo più i miei occhiali. Dove li hai messi?
    • Non trovo più i miei occhiali. Dove li hai messo?
  10. Scegli la frase senza errori.
    • Il problema di geometria era molto difficile. Tu come l'hai risolta?
    • Il problema di geometria era molto difficile. Tu come l'hai risolto?

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [194]

Rispondi a lavy Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Andie scrive:

    Buon Natale e Felice Anno Nuovo. Il suo lavoro é molto importante per noi gli studenti. Tante grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Tanti Auguri anche a te e grazie!
      Un sauto
      Prof. Anna

  2. Delia scrive:

    Buon Natale e Felice Anno Nuovo!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Delia, Buone Feste anche a te!
      Prof. Anna

  3. kiki scrive:

    Signora Le auguro un anno felice e pieno di soddisfazioni!

    Vorrei chiedere q.sa. Quando abbiamo imperativo, per quanto riguarda le parole monosylabe che si uniscono con un pronone indiretto, so che prendono due consonanti. Per esempio: dammi ecc.
    Ma, quanto abbiamo q.ste parole all’ imperativo e un pronome diretto? Per esempio scriviamo: da’ la lettera – dalla oppure fa’la doccia – falla? Raddopiamo il consonante anche con i pronomi diretti? Grazie tanto!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Kiki, la consonante viene raddoppiata anche con i pronomi diretti, per esempio: falla, dallo, dillo, ecc.
      Auguro un fantastico 2011 anche a te!
      Prof. Anna

  4. kiki scrive:

    Grazie tantissimo signora!

  5. lavy scrive:

    Prof Anna,
    La prego ditemi si esiste anche una lezione con la concordanza dei tempi, ho cercato sul sito senza risultato .

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Purtroppo per ora in questo blog l’argomento della concordanza dei tempi non è ancora stato affrontato, ti consiglio di consultare una buona grammatica.
      Un saluto
      Prof. Anna

  6. è corretto dire: “Dove andrà ad abitare Mario e la sua famiglia”? O si deve dire “Dove andranno ad abitare Mario e la sdua famiglia”?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Angelo, è corretto dire: “dove andranno ad abitare Mario e la sua famiglia”.
      A presto
      Prof. Anna

  7. fritz scrive:

    Ho alcuni dubbi riguardo l’uso corretto di c’è e ci sono.
    In un libro di testo ho trovato il seguente esempio:
    Al pianterreno c’é l’atrio, la segreteria e la sala dei professori.
    Visto che sono ben tre i locali al prianterreno, perchè si è preferito utilizzare c’è?
    Sarebbe stato possibile usare c’è anche se uno dei tre elementi della lista fosse stato al plurale? Es.: C’é l’atrio, i laboratori e la biblioteca.
    Mille grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fritz, nell’esempio che mi proproni si sarebbe potuto usare anche “ci sono”, ma se uno dei tre elementi fosse stato plurale non sarebbe stato possibile usare “c’è”.
      A presto
      Prof. Anna

  8. Angelo scrive:

    Nella frase: ” (Voi) Siete sicuri di partecipare alla gita scolastica? ” c’è un predicato verbale o un predicato nominale?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Angelo, “siete sicuri” è un predicato nominale: il predicato nominale è costituito dal verbo ESSERE + un aggettivo o un nome, la voce del verbo ESSERE si ciama “copula”, l’aggettivo o il nome unito al verbo ESSERE si chiamano “parte nominale”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  9. Angelo scrive:

    Grazie per la rapidità e la cortesia.
    Saluti.

  10. Giacomo scrive:

    Buongiorno,

    in una frase come “l’unica cosa che conta sono i risultati”, il verbo “essere” concorda con cosa? È corretto “l’unica cosa che conta è i risultati”?
    La ringrazio molto
    Saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giacomo, nella frase che mi scrivi “i risultati” è il soggetto, quindi il verbo “essere” concorda con il soggetto che è plurale e quindi: “i risultati sono l’unica cosa che conta”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  11. iris scrive:

    Salve signora vorrei chiedere perchè sopra lei ha scritto con la “N” composti

    • Zanichelli Avatar

      Cara Iris, è un errore, si scrive “composti”; l’errore è già stato corretto, grazie per la segnalazione.
      Un saluto
      Prof. Anna

  12. chouvet scrive:

    buongiorno,
    alla domanda “hai fatto vedere le nostre foto ai ragazzi”, la riposta è “No, ancora non gliele ho fatto vedere” o “fatte vedere”? Mi sembra che fatto è giusto, perché “le” (le foto) è complemento di vedere, e no di fare.
    sono di Francia, imparo l’italiano. Nel francese, il participio de Faire è invariabile prima di un infinitivo (les photos que je leur ai fait voir).
    Grazie,

    • Zanichelli Avatar

      Caro lettore, “no, non gliele ho fatte vedere” è la frase corretta, il participio passato deve concordare con il pronome diretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  13. Filippo scrive:

    È visibile una frattura del secondo e terzo metacarpale; questa frase e’ corretta; il computer consiglia di sostituire e’ visibile con sono visibili perché non c’è concordanza.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Filippo, la frase che mi scrivi è corretta, ma, se le fratture sono due, puoi usare anche “sono visibili”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  14. Giulia scrive:

    Cara professoressa,

    Ho un dubbio riguardo queste due frasi:

    Le mele che ho comprato / le mele che ho comprate

    La concordanza in questo caso dovrebbe essere facoltativa però trovo che la seconda frase suoni davvero male in italiano! Vivo da molti anni in Belgio e, siccome in francese la concordanza con il complemento oggetto in questo tipo di frase è corretta, ho quasi il dubbio che sia un francesismo?? Da due anni do lezioni di italiano a dei francofoni e proprio l’altro giorno mi sono trovata di fronte a un dilemma: le foto che ho fatto o le foto che ho fatte? Ho corretto lo studente dicendo che la prima frase era corretta. Ciononostante, un dubbio mi ronza per la testa da qualche giorno… Può dirmi lei fino a che punto è facoltativa la concordanza quando il CO precede il passato prossimo con ausiliare avere? O in quale caso sia decisamente scorretta?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giulia, per quanto riguarda l’accordo del participio nei tempi composti dei verbi transitivi (quelli che richiedono l’ausiliare “avere”), la grammatica consente di stabilire la concordanza del complemento oggetto anteposto al verbo quando la proposizione principale e quella subordinata relativa sono unite dal pronome relativo “che”. Quindi, sarebbe giusto dire: “le foto che ho fatte”. Tuttavia, quest’impiego non è proprio del linguaggio quotidiano, essendo riservato al registro formale e scritto o a quello erudito, anche se nella lingua parlata; perciò la frase non è scorretta ma è necessario spiegare in quali contesti si può trovare questo tipo di concordanza e che in linea di massima nel linguaggio comune si tende a non concordare il participio passato con il relativo “che”.
      A presto
      Prof. Anna

  15. Mario scrive:

    Cara Prof. Anna,
    Mia figlia Emma frequenta la seconda elementare e l’altro giorno ha scritto la seguente frase: “… e alla fine mamma e papà mi hanno sgridata”.
    La maestra, con mia sorpresa, ha corretto la frase in : “… e alla fine mamma e papà mi hanno sgridatO”.
    Essendoci l’ausiliare avere ed essendo il passato prossimo preceduto dal pronome “mi” l’accordo dovrebbe essere facoltativo, e allora perché correggerlo come se fosse addirittura sbagliato? Personalmente trovo preferibile la frase di mia figlia ma vorrei spiegarle almeno che si può scrivere in entrambi i modi. O sbaglierei?
    Grazie sin d’ora della cortese risposta.
    Mario

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, quello che dici è giusto: l’accordo è facoltativo e quindi non scorretto; ti consiglio di chiedere spiegazioni alla maestra.
      Un saluto
      Prof. Anna

  16. Mario scrive:

    Grazie Prof. Anna per la risposta.
    Vedrò di parlarne con la maestra qualora si riverificasse una simile correzione.
    Cordiali saluti
    Mario

  17. gianmaria scrive:

    ok

  18. gianmaria scrive:

    grazie

  19. marco scrive:

    Gentile prof. Anna ho un dubbio sulla concordanza maschile/femminile in questa frase:
    “Questo libro è stata la mia ossessione al liceo”. Le chiedo:
    è corretto? Ed è scorretto dire invece “Questo libro è stato la mia ossessione al liceo”?
    la ringrazio molto
    un saluto cordiale
    Marco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, quando il verbo ESSERE è usato in funzione di copula è possibile sia l’accordo con il soggetto (questo libro è stato la mia ossessione al liceo) sia l’accordo con il noe del predicato (questo libro è stata la mia ossessione al liceo), quindi le frasi sono entrambe corrette.
      A presto
      Prof. Anna

  20. francesca scrive:

    Cara prof Anna,
    è corretta la frase ” I Promessi Sposi sono un romanzo storico”oppure ” I Promessi Sposi è un romanzo storico”.
    cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Cara Francesca, quando il soggetto della frase è costituito da un titolo (di romanzo, di film, ecc.) costituito da un sintagma nominale al plurale, il soggetto si accorda al singolare e non al plurale: “I Promessi Sposi è un romanzo storico”, ma è comunque possibile trovare l’accordo al plurale: “I Promessi Sposi sono un romanzo storico”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  21. Lello scrive:

    Gentile prof. Anna,

    ho un dubbio circa l’individuazione di tutti i soggetti in questa frase:

    ” L’associazione Alfa, Omega e Gamma, nonchè il gruppo teatrale cittadino, si recheranno al campo sportivo martedì sera. ”

    Che le associazioni Alfa, Omega e Gamma siano dei “soggetti” è innegabile. Ma lo è anche il gruppo teatrale? Il mio dubbio nasce dalla constatazione che pure la parola “nonchè” (di prevalente uso burocratico) può valere come congiunzione “e”… dunque se il mio ragionamento fosse giusto l’uso delle virgole avrebbe stavolta ben poca importanza.

    Mi rendo forse conto di aver posto la domanda in una sezione sbagliata del sito, ma, dopo “avervi navigato in lungo in largo” in modo per me me poco fruttuoso, ho preferito rivolgermi a lei da qui.

    Certo di rapida e soddisfacente risposta, ringrazio di cuore in anticipio.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Lello, anche il “gruppo teatrale” è soggetto della frase.
      A presto
      Prof. Anna

  22. antonio scrive:

    Buonasera.
    Purtroppo non posso concordare con la risposta fornita al quesito n° 23.
    In quel caso la forma singolare non solo è corretta, ma è del tutto obbligatoria in quanto il soggetto stesso, “una frattura”, è comunque singolare a prescindere da quante parti abbia coinvolto.
    L’utilizzo della voce verbale al plurale è possibile solo volgendo al plurale anche il soggetto (“si sono verificate LE FRATTURE del secondo e terzo metacarpale”) oppure ripetendolo più volte (“si sono verificate LA FRATTURA del secondo metacarpale e QUELLA del terzo metacarpale”).
    Saluti.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Antonio, forse la mia risposta è stata poco chiara e incompleta, intendevo dire che la frase con il verbo al singolare è corretta; ma che sarebbe stato eventualmente possibile volgerla al plurale, volgendo al plurale sia il verbo sia il soggetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  23. Cara prof. Anna
    a proposito di concordanza tra verbo e complemento, mi piacerebbe sapere se “a me ha colpito” è corretto.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Enzo, la frase che mi scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • antonio scrive:

        Perché mai “a me ha colpito” sarebbe una forma corretta? “Colpire” è un verbo transitivo, pertanto regge il complemento oggetto, non di termine. La forma corretta è “mi ha colpito”.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Antonio, hai ragione.
          Grazie per la segnalazione.
          A presto
          Prof. Anna

  24. Corinne scrive:

    Buongiorno Prof.Anna è giusto dire:
    “Nè Marco nè Luigi è andato al cinema”
    “Sia Marco sia Luigi sono andati a pranzo al ristorante”
    “Marco e i suoi amici sono andati a pescare”
    “Uno dei due andrà alla finale del torneo”
    Sono corrette le concordanze?
    Grazie e Buona Giornata.
    Corinne

    • Zanichelli Avatar

      Cara Corinne, sono tutte corrette tranne la prima, quindi: né Marco né Luigi sono andati al cinema.
      A presto
      Prof. Anna

  25. Marino scrive:

    Cara Prof. Anna,
    non ho ben chiaro…
    “Noemi, sono felice di averti conosciuto/a?” elntrambe le forme sono corrette??
    e ancora: “io sono felice” pred nominale, di cui sono è copula.
    “io sono stato a parigi” pred verbale con tempo passato prossimo?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marino, entrambe le forme sono corrette, anche le analisi che fai delle frasi che seguono sono corrette.
      A presto
      Prof. Anna

  26. amedeo scrive:

    Chiederei la cortesia di illuminarmi sulle seguenti espressioni, per quano ne so dovrebbero essre entrambe valide.

    1) Cultura di tipo enciclopedico
    2) Cultura di tipo enciclopedica

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Amedeo, l’aggettivo concorda con “tipo”, quindi sarà: “di tipo enciclopedico”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  27. Letizia scrive:

    Cara prof. Anna, innanzitutto la ringrazio per la creazione di questo thread, che sarà utile per me e per tanti altri.
    La mia domanda è questa, partendo dal presupposto che il parlante è di sesso femminile, analizzando le 2 frasi:
    – Mario mi ha sposata
    – Mario mi ha insegnato la samba.

    Considerando che entrambi i verbi “sposare” e “insegnare” sono verbi transitivi ed entrambe le frasi presentano il pronome “mi”, come mai nel primo caso sembra accettata la concordanza al femminile e nel secondo caso no?

    Grazie mille in anticipo!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Letizia, nell aprima frase “mi” è un pronome diretto “Mario ha sposato me” e quindi il participio passato puà concordare, mentre nella seconda “mi” è un pronome indiretto “Mario ha insegnato la samba a me” e per questo motivo non concorda.
      A presto
      Prof. Anna

  28. Rico scrive:

    “Elemosinare gli accattoni”, questo verbo potrebbe essere usato sia transitivamente e sia intransitivamente. In questo caso non sarebbe un errore utilizzarlo transitivamente? Non sarebbe stato meglio usarlo così: “Elemosinare agli accattoni”?: con la particella “agli”, alla frase, diamo valenza intransitiva?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, direi che il modo migliore per esprimere questo concetto è: “fare le elemosina agli accattoni”.
      A presto
      Prof. Anna

  29. rino scrive:

    Ottimo dieci su dieci

  30. Rico scrive:

    Si è bevuto/a una bibita. A prescindere da chi l’abbia bevuta (un uomo o una donna). In questa frase il participio si accorda con l’oggetto; è corretta, la mia ipotesi?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, non c’è concordanza con l’oggetto, ma con il soggetto, quindi: “Maria si è bevuta una bibita”, “Marco si è bevuto una bibita”, si tratta infatta di una forma pronominale.
      A presto
      Prof. Anna

  31. Rico scrive:

    Si è bevute le bibite,A prescindere da chi l’abbia bevuta (un uomo o una donna). E’ corretta la frase? E’ una forma passiva o passivante? Penso più la prima, perché c’è il participio passato…

    Distinti saluti

    RIco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la frase non è corretta, il participio deve concordare col soggetto e non con l’oggetto.
      A presto
      Prof. Anna

  32. Suwen scrive:

    Gentile Prof. Anna,
    ho una domanda sulla concordanza del verve ESSERE, a causa che nella lingua cinese non abbiamo la coniugazione dei verbi.

    1. come nella questione n°17, Lei ha risposto che il soggetto è “i risultati”, quando vedo una frase “L’unica cose che conta ______ i risultati”, come mai il soggetto non può essere “l’unica cosa”?

    2. la mia proprio domanda è la frase “L’argomento centrale di molte conversazioni, spesso animate, al bar, in ufficio, in famiglia SONO le cronache, i fatti, in personaggi dello sport.”

    in qst frase, il soggetto non è “argomento centrale” ? (singolare) come mai si usa SONO?

    se Lei mi dicesse che il soggetto era “le cronache, i fatti…”, avrei il dubbio di distinguere il soggetto della frase.

    Grazie mille! un saluto dalla Cina!!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Suwen, nella frase “l’unica cosa che conta sono i risultati” “i risultati” è il soggetto “sono l’unica cosa” è il predicato nominale che è costituito dal verbo “essere” + un aggettivo o un nome (in questo caso un nome), la voce del verbo “essere” si chiama copula, l’aggettivo o il nome sono la parte nominale, stesso discorso per “l’argomento centrale… SONO le cronache, i fatti, in personaggi dello sport”, “le cronache, i fatti, in personaggi dello sport” è il soggetto, “sono l’argomento centrale” è il predicato nominale. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  33. Arianna scrive:

    Salve, io a dirla tutta sono italiana, ma c’è una questione che ogni volta mi manda nel pallone: quando chi compie l’azione e chi la riceve sono di sesso opposto come funziona?
    Alcuni esempi:
    – se chi chiama è femmina e chi parla è un maschio: “lei mi ha chiamata” o “lei mi ha chiamato”?
    – se chi invita è un maschio e chi parla è una femmina: “lui mi chiamato” o “lui mi ha chiamata”?

  34. Rico scrive:

    Visto che sul mio libro non ci sono/non c’è né il racconto e né il dialogo… Io utilizzerei “non ci sono” perché i soggetti della frase sono ” il racconto” e “il dialogo”. Ho ragione?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la tua ipotesi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  35. Rico scrive:

    “La ringrazio per la sua gentilezza e disponibilità dimostratemi/dimostratami”. In questo caso il participio passato “dimostratemi” si accorda ai sostantivi “gentilezza e disponibilità”, quindi è corretto “dimostratemi”, o no? Il pronome atono si collega quando a un participio? E qual è la regola di accordo, in questo caso?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, l’accordo è corretto, il pronome atono si può “attaccare” al participio passato quando questo ha la funzione di subordinata, come in questo caso: “dimostratemi”=”che mi soso state dimostrate”, oppure “una lettera consegnatagli”=”una lettera che gli è stata consegnata”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  36. Rico scrive:

    “Gli asparagi mi piacciono/mi piace mangiarli”. Il soggetto è “gli asparagi”, quindi il verbo è al plurale “piacciono” che concorda con il soggetto. E’ giusto?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, nella frase “Gli asparagi mi piace mangiarli” il soggetto di “piacere” è “mangiare” e “asparagi” è il complemento oggetto: “mangiare gli asparagi piace a me”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  37. Gentile Prof.Anna, volevo sottoporle questo quesito.
    Tempo fa, il noto fumetto “Dylan Dog” è uscito in edicola con il titolo “Una affezionata clientela”. So che non era obbligatoria la forma “Un’affezionata clientela”, ma mi chiedo: c’entra per caso il fatto che il titolo sia un’anastrofe, e che quindi sarebbe dovuto essere “Una clientela affezionata”?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giorgio, non credo sia questo il motivo, si tratta semplicemente di una scelta dell’autore.
      Un saluto
      Prof. Anna

  38. Rico scrive:

    “Siamo ancora in pochi a cui piace/piacciono lenticchie e fagioli…”. I soggetti “lenticchie e fagioli” devono essere preceduti dal verbo “piacciono”. Giusto?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la tua ipotesi è esatta.
      A presto
      Prof. Anna

  39. Rico scrive:

    Caro Rico, nella frase “Gli asparagi mi piace mangiarli” il soggetto di “piacere” è “mangiare” e “asparagi” è il complemento oggetto: “mangiare gli asparagi piace a me”.

    Anche un verbo di qualsiasi modo e tempo, in questo caso “mangiarli”, può fungere da soggetto in una frase?

    Distinti saluti

    Rico

  40. Rico scrive:

    “Potrebbe esserci qualcuno che l’ha/abbia mandata…”. Non sarebbe più corretto utilizzare il modo verbale congiuntivo, visto che il verbo è preceduto da “qualcuno”?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, si tratta di una relativa, quindi si potrebbe usare il congiuntivo se nella subordinata relativa il congiuntivo indica una limitazione o un requisito: cerco qualcuno che si intenda di moda; Marco è l’unico che possa aggiustarmi la macchina.
      Un saluto
      Prof. Anna

  41. Guido scrive:

    Gentile professoressa,

    nelle seguenti frasi é corretto scrivere:
    Un weekend non é/sono nient’altro che due giorni
    Un anno non é/sono che 365 giorni.
    Due giri di pista sono/é un km.
    Un giro é/sono 400 m.

    Buone feste

    Guido

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giudo, il vebo si accorda al soggetto, quindi per tutte le frasi il verbo è al singolare, tranne che per “due giri di pista sono un km”.
      A presto
      Prof. Anna

  42. Diego scrive:

    Buongiorno, se è vero che il participio passato nei verbi intransitivi con ausiliare avere è sempre invariabile, come mai sul dvd del dizionario Zingarelli ci sono anche le forme femminili e plurali del p.p. per questi verbi ?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Diego, potresti farmi degli esempi?
      A presto
      Prof. Anna

  43. Angelo scrive:

    Gentile prof. Anna,

    ho un dubbio circa l’esattezza della seguente frase: “Ci sono altri modelli disponibili..a breve pubblicheremo anche quelli”. Avrei dovuto dire “..a breve pubblicheremo anche queste”? Grazie per l’attenzione

    • Zanichelli Avatar

      Caro Angelo, la frase che mi scrivi è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  44. Tahiche scrive:

    Salve!

    Se non ho capito male(è da poco che sto studiando italiano), nella frase “Non ti sei portata il pranzo al lavoro”, il participio si accorda con il soggetto perché il verbo é riflessivo (portarsi).
    Il mio dubbio sarebbe con la frase “Non te lo sei portato (il pranzo) al lavoro”. In questo caso, il participio si accorda con l’oggetto per la presenza del pronome “lo”? Quale sarebbe la regola concreta per questi casi?

    Complimenti per il sito e tante grazie per le spiegazioni!

    Tah

  45. Ornella scrive:

    nella frase: “i miei nonni dicono che questi anni sono per me i più spensierati della mia vita” “sono” è predicato verbale oppure con “i più spensierati” diventa nominale?

    grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ornella, è un predicato nominale: verbo essere + aggettivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  46. Rino scrive:

    Questi spaghetti sono ottimi. Come li hai cucinati?

    NECESSITA per forza il punto o andrebbe bene anche la virgola?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, sarebbe corretta anche la virgola.
      Un saluto
      Prof. Anna

  47. Guido scrive:

    Gentile Prof Anna,

    nelle seguenti frasi é corretta la concordanza dei verbi?

    1)é stato quel maschiaccio di tua sorella a rovinarci la festa oppure é stata quel maschiaccio di tua sorella a rovinarci la festa.

    2)Non l’avrei mai voluta comprare quel bidone di una macchina, oppure non l’avrei mai voluto comprare quel bidone di una macchina.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Guido, grammaticalmente sono corrette le ultime due frasi, ma le prime due non sono del tutto scorrette, potrebbe trattarsi di una concordanza di senso, che cioè privilegia elementi che si rifanno al significato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  48. Guido scrive:

    Grazie per l’aiuto!!!

  49. Giovanni scrive:

    Gentile Professoressa Anna, mi saprebbe dire se, nella frase che segue, devo utilizzare il plurale o il singolare?

    “Una folta schiera di musicisti italiani che tanto appassionano (o appassiona?) il popolo americano.”

    Grazie,
    Giovanni

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giovanni,in realtà sono corrette entrambe le frasi, sarebbe grammaticalmente corretta la frase col verbo al singolare (se il “che” si riferisce a “folta schiera”); ma si può avere anche una “concordanza a senso” ovvero ci si allontana dalle norme grammaticali che regolano la concordanza tra le parti variabili del discorso, privilegiando elementi che si rifanno al significato (al senso, appunto) della frase, questo è possibile nel caso di un soggetto collettivo (schiera) che regge un complemento partitivo (di musicisti italiani), in questo caso il verbo può essere al plurale e accordarsi col partitivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  50. Laleh scrive:

    Cara Prof. Anna
    avevo un dubbio, se io sono una femmina quale delle seguenti frasi è giusta da dire? e perchè?
    1- il film mi è piaciuto
    2- il film mi è piaciuta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Laleh, la frase corretta è “il film mi è piaciuto” in quanto “il film” (maschile) è il soggetto del verbo “piacere”, la costruzione è “il film è piaciuto a me”; mentre, se il soggetto fosse femminile, il participio passato sarebbe concordato al femminile: “la torta mi è piaciuta” (=la torta è piaciuta a me).
      A presto
      Prof. Anna

  51. Caterina scrive:

    Cara prof ho avuto un diverbio con un amico a proposito di una frase…io donna scrivo: ” mi hai cancellato da Facebook”..lui mi corregge dicendo che avrei dovuto scrivere “cancellata”…dal mio punto di vista è corretta anche la mia frase…secondo il suo punto di vista???

    • Zanichelli Avatar

      Cara Caterina, sono corrette entrambe le frasi.
      A presto
      Prof. Anna

  52. piero scrive:

    Per cortesia vorrei sapere se il plurale di unghia, è unghia oppure unghie. GRAZIE

    • Zanichelli Avatar

      Caro Piero, il plurale di “unghia” è “unghie”.
      A presto
      Prof. Anna

  53. Diego scrive:

    Salve,
    è corretto scrivere “la particolarità della casa è le finestre” ?
    essendo il soggetto la particolarità, oppure il predicato nominale deve essere declinato allo stesso modo e quindi sono le finestre?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Diego, è corretto scrivere: “la particolarità della casa sono le finestre”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  54. Diego scrive:

    Grazie per la risposta ma non sono d’accordo, penso che seppur brutto dal punto di vista della forma, siano corrette entrambe, il soggetto dalla frase non é “la particolarità “?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Diego, “le finestre” è il soggetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  55. Vilma scrive:

    Questi gruppi di esercizi sono interesantísimi.

  56. Federico scrive:

    Buongiorno,
    Sono capitato su questa pagina, per il seguente dubbio
    La seguente frase è corretta?
    “a chi non bastassero i pennarelli, può trovarne altri nel cassetto.”
    A me sembrerebbe più corretto
    “a chi non bastasse i pennarelli, può trovarne altri nel cassetto.”

    • Zanichelli Avatar

      Caro Federico, è corretta la prima frase che mi scrivi.
      A presto
      Prof. Anna

  57. luca scrive:

    Gentile prof.,

    è corretto “Ciao Laura, ti ha chiamato/cercato tua suocera” oppure “Ciao Laura, ti ha chiamata/cercata tua suocera”?

    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luca, sono corrette entrambe le forme.
      A presto
      Prof. Anna

  58. Ema scrive:

    salve!
    Professoressa Anna,ho um serio problema di concordanza anche in portoghese, penso che il mio caso sia clinico!
    Ema

  59. Silvana scrive:

    Non so perché, io volevo sapere un’altra cosa

    • Zanichelli Avatar

      Cara Silvana, cosa volevi sapere?
      A presto
      Prof. Anna

  60. Giuseppe scrive:

    Salve, ho un dubbio: in caso di predicato nominale formato da sostantivo, il verbo va concordato con il soggetto o la parte nominale? Esempio: la globalizzazione è stata/o un fenomeno importante. La globalizzazione (soggetto) è stata un fenomeno (predicato nominale), il verbo (è stata/o) va al femminile (concordato con il soggetto) o al maschile (concordato con la parte nominale)? Spero di essere stato chiaro. Grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, con il verbo “essere” in funzione di copula è possibile l’accordo sia con il soggetto sia con il nome di predicato, quindi entrambe le frasi sono giuste. La stessa cosa vale per i verbi copulativi: “il Parlamento è sembrato (o è sembrata) la sede opportuna per discutere il problema”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  61. Doxos scrive:

    Cara Prof. Anna,
    ho letto questa frase: “Il cancro sono le mafie”.
    In questo caso il soggetto (il cancro) è singolare mentre il verbo è espresso in forma plurale (sono).
    Altro esempio: “il problema sono le regole”
    Vorrei avere una spiegazione in proposito.
    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Doxos, nelle frasi che mi scrivi i soggetti sono “le mafie” e “le regole”, per questo il verbo è al plurale.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Doxos scrive:

        Ah, ecco…mi era sorto questo dubbio.
        Chiedo scusa per la banalità della domanda.
        Grazie mille!!

        • Zanichelli Avatar

          Caro Doxos, la tua domanda non era banale, nessuna domanda lo è.
          A presto
          Prof. Anna

  62. enrico scrive:

    va bene?

  63. jessica scrive:

    Buongiorno Prof Anna.
    Cosa ci sonp differenza completo diretto e completto indiretto.ti ringrazio!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Jessica, i complementi diretti sono chiamati così perché si legano direttamente al verbo, cioè senza l’ausilio di una preposizione (mangio un panino), i complementi indiretti sono chiamati così perché si legano indirettamente al verbo, cioè per mezzo di una preposizione (vado a casa).
      Un saluto
      Prof. Anna

  64. Lory scrive:

    Cara Prof. Anna,
    La frase ” Le ho dato 10 Euro ” é corretta.
    Ma PERCHÈ non dico ” Le ho dati 10 Euro”? Il participio non deve essere concordato quando uso il verbo avere e il passato prossimo con i pronomi diretti? É forse una particolarità del verbo DARE?

    Grazie della risposta e complimenti per i sito!!

  65. elena scrive:

    è giusto scrivere
    la gente continuasse a sposare
    invece di
    la gente continuasse a sposarsi
    o
    la gente si continuasse a sposare

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elena, nella prima frase manca il complemento oggetto (sposare chi?).
      Un saluto
      Prof. Anna

  66. Gentile Prof. Anna,
    la regola generale è che il participio passato si accorda con genere e numero del soggetto quando l’ausiliare del tempo composto del verbo principale è il verbo essere. Le chiedo: ciò è valido anche se si usa il Lei come forma di cortesia rivolta a un maschio? Per esempio si dirà: Professor Rossi in quale laboratorio è andato oppure è andata ad approfondire il suo più recente argomento di ricerca?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Bruno, per quanto riguarda l’accordo con eventuali aggettivi o participi passati di solito l’accordo si fa a seconda del sesso dell’interlocutore: “Lei, signor Rossi, è molto buono”; “Signor Rossi, lei è invitato alla cena”; “Signora Rossi, lei è invitata alla cena”. Se però l’allocutivo è in forma di pronome atono, il participio può accordarsi al femminile anche se ci si riferisce a un maschio: “Professore, l’ho sentita parlare alla conferenza di ieri”.
      Nell’uso più formale e ricercato l’accordo è al femminile (è abbastanza raro): “Signor Rossi, lei è invitata alla cena”. Quando si usa Ella, l’accordo al femminile è obbligatorio: “Ella, Signor Rossi, è invitata a cena”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  67. Ludovico scrive:

    ” Una parte dei soldi ce l’ha i miei nonni ” oppure ” Una parte dei soldi ce l’hanno i miei nonni ” ?

    Avrei fatto questo ragionamento : nella prima frase ( ” Una parte dei soldi ce l’ha i miei nonni ” ) possiamo parlare della ” concordanza grammaticale ” ( di fatto la più corretta in questo caso ) , la quale richiederebbe un accordo al singolare quando c’è un soggetto collettivo ( Una parte ) che regge un partitivo ( Dei soldi ) .

    Nella seconda frase ( ” Una parte dei soldi ce l’hanno i miei nonni ” ) , invece , possiamo parlare della ” concordanza a senso ” ( soluzione accettabile ) , la quale concorda con il soggetto logico ( che dovrebbe essere ” dei soldi ” ) .
    E’ giusto , prof . ?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ludovico, “i miei nonni” è il soggetto della frase (non “una parte” e nemmeno “dei soldi”), quindi il verbo sarà alla terza persona plurale (i miei nonni hanno una parte dei soldi).
      Un saluto
      Prof. Anna

  68. Giovanni scrive:

    Gentile Professoressa Anna,
    Circa la concordanza soggetto-verbo, è corretta la seguente frase con il verbo essere al plurale (sono pura poesia) anziché al singolare (è pura poesia)?
    “Il profumo e il sapore dell’olio sono pura poesia.”
    Come al solito, la ringrazio in anticipo.
    Giovanni

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giovanni, il verbo al plurale è corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  69. Buongiorno alla Signora professoressa Anna.

    Mi permetta una domanda : Si dice preferibilmente : In sala d’aspetto c’é Gianni e Piero OPPURE In sala d’aspetto ci sono Gianni e Piero ?

    Siccome sono al plurale (Gianni e Piero) opterei per il plurale ma non “suona” bene. 🙂

    Grazie mille, Nadia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nadia, quando due o più soggetti sono uniti dalla congiunzione “e” il verbo è al plurale.
      A presto
      Prof. Anna

  70. Doxos scrive:

    Nella seguente frase il verbo “valere” dovrebbe andare al singolare in quanto sia il guardarti negli occhi che il vederli sorridere farebbe riferimento alla parola emozione, che è singolare.
    Nel caso però in cui l’emozione si riferisca solo al guardarti negli occhi, mentre il vederli sorridere è altra azione, potremmo usare “valgono”?

    l’emozione di guardarti negli occhi e vederli sorridere vale/valgono un tesoro

    Se formulo poi la frase in questo modo, scambiando nella sequenza “vedere” con “l’emozione”, qui andrebbe bene solo il plurale?
    Vedere sorridere i tuoi occhi e l’emozione di guardarli vale/valgono un tesoro

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Doxos, nel primo periodo se “vederli sorridere” è retto dalla parola “emozione”: “l’emozione di guardarti negli occhi e di vederli sorridere” il verbo sarà al singolare, nel secondo periodo invece il verbo può essere al plurale.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Doxos scrive:

        In realtà il dubbio mi è venuto proprio facendo riferimento al caso in cui “vederli sorridere” non sia retto dalla parola “emozione” (per quanto così com’è formulata la frase, sembra sia retto), potendo pure intendere che la parola “emozione” regga solo “guardarti negli occhi”.
        Grazie mille!

  71. Romolo scrive:

    “Una parte delle donne che diventa uomo” “Una parte delle donne che diventano uomini”

    Credo siano esatte entrambe le opzioni … Anzi se non sbaglio nella prima frase abbiamo la ” concordanza grammaticale ” , mentre nella seconda frase abbiamo la ” concordanza a senso ” . Cosa ne pensa ? Credo che la prima frase sia esatta , sia nello scritto che nel parlato ; per quanto riguarda la seconda , penso sia una soluzione accettabile se usata in un contesto non formale …

    • Zanichelli Avatar

      Caro Romolo, le tue ipotesi sono esatte.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  72. Ale scrive:

    Salve nel caso di ‘Ci hanno espulso’ è corretto o è “Ci hanno espulsi”? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ale, sono corrette entrambe le frasi, in presenza di pronomi atoni con funzione di complemento diretto diversi da “lo-la-li-le” (in questo caso “ci”) l’accordo è facoltativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  73. Ottima lezione. Completa e comprensibile.

  74. Grazia scrive:

    Gentilissima professoressa Anna, vorrei chiederle un parere in merito alla seguente frase: “Mi piace il caffè, il rum e i sigari”.
    Considerato che è una lista di elementi di cui l’ultimo plurale, non sarebbe più corretto dire: “Mi piacciono il caffè, il rum e i sigari” o ancora “”Mi piace il caffè, mi piace il rum e mi piacciono i sigari”?
    Grazie e buona serata,

    Grazia.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Grazia, se ci sono due o più soggetti collegati per asindeto (tramite la virgola) il verbo è coniugato al plurale.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Grazia scrive:

        La ringrazio! Avrei un’altra domanda, nel caso in cui il primo elemento sia un verbo all’infinito.
        Faccio un esempio: “Mi piace fumare, il rum e i sigari”, tra l’altro frase trovata in un libro pubblicato.
        In questo caso l’unica ipotesi possibile non sarebbe “Mi piace fumare, mi piace il rum e mi piacciono i sigari”?
        Perché: “Mi piacciono fumare, il rum e i sigari” mi pare scorretta o sbaglio?

        • Zanichelli Avatar

          Cara Grazia, si potrebbe dire: “mi piace fumare, mi piacciono il rum e i sigari”.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • Grazia scrive:

            Grazie mille!
            Però mi permetta un’ultima domanda… se fossero tutti verbi all’infinito varrebbe la stessa cosa?
            “Mi piacciono fumare, bere e giocare d’azzardo” o “Mi piace fumare, bere e giocare d’azzardo”?

          • Zanichelli Avatar

            Cara Grazie, in questo caso il verbo dovrebbe essere singolare: “mi piace fumare, bere e giocare d’azzardo”.
            A presto
            Prof.Anna

      • Grazia scrive:

        Gentilissima professoressa Anna, avrei un’altra domanda, nel caso in cui il primo elemento sia un verbo all’infinito.
        Faccio un esempio: “Mi piace fumare, il rum e i sigari”, tra l’altro frase trovata in un libro pubblicato.
        In questo caso l’unica ipotesi possibile non sarebbe “Mi piace fumare, mi piace il rum e mi piacciono i sigari”?
        Perché: “Mi piacciono fumare, il rum e i sigari” mi pare scorretta o sbaglio?

  75. lidia scrive:

    troppo elementare Watson!

  76. Antonio scrive:

    Gentile Professoressa Anna,
    mi chiamo Antonio e desidero chiederLe quale delle due frasi sottostanti è corretta:

    1) Lo stipendio se lo sono stabilito loro.
    2) Lo stipendio se lo sono stabiliti loro.

    A dire il vero ho il sospetto che siano corrette entrambe. Ma è solo un sospetto…
    Le chiedo, cortesemente, di spiegarmi anche la motivazione della risposta.

    Grazie
    Antonio

  77. Giulio scrive:

    Salve, si dice

    La fossilizzazione è uno dei più grandi nemici
    O
    La fossilizzazione è una dei più grandi nemici?

    E poi

    La fossilizzazione è stata un grande problema

    O

    La fossilizzazione è stato un grande problema.

    Me lo spiegherebbe ? Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giulio, l’unica frase scorretta è la seconda, in quanto il pronome “uno” si riferisce al sostantivo “problema” che è maschile. La terza è l’ultima frase sono entrambe corrette poiché quando il verbo “essere” è seguito dal nome del predicato o da un complemento predicativo, la concordanza può essere sia con il soggetto sia con l’elemento predicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • giulio scrive:

        Di nuovo, ma ”problema” non fa parte della terza frase e della quarta ? Nella seconda non c’è la parola ”problema”…

        • Zanichelli Avatar

          Caro Giulio, sì, hai ragione, ma il ragionamento non cambia perché anche il sostantivo “nemico” è maschile.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • giulio scrive:

            Salve, se ho capito bene, funzionerebbe cosi:
            -La fossilizzazione è UNO dei più grandi nemici (perché ”uno” è maschile e si collega con ”NEMICI” che è maschile,anche s’è plurale; alla fine è come se dicessimo ”un nemico”)
            ma anche ”La fossilizzazione è UNA delle più grandi nemiche (perché ”una”,femminile, si concorda con ”NEMICHE”,anche se plurale; alla fine è come se dicessimo ”una nemica”). Qui è possibile una doppia concordanza: sia al maschile sia al femminile, in quanto ”nemico” è di genere variabile. In più ”uno” (o ”una”) deve concordare con il sostantivo che segue (nemico, problema etc.).

            Se invece dicessimo:
            -La fossilizzazione è UNO dei più grandi problemi (qui è tutto regolare; tutto concorda).
            Ma non potrei dire: ”La fossilizzazione è UNA dei più grandi problemi ( sempre perché il pronome deve concordare con il sostantivo che segue e non con il soggetto, credo d’aver capito; e qui non si può fare; non si potrebbe dire ”UNA PROBLEMA” perché non concorda col sostantivo; il soggetto non c’entra nulla con la concordanza).

          • Zanichelli Avatar

            Caro Giulio, “uno” è maschile perché il sostantivo che lo segue è maschile (nemico, nemici): “uno dei più grandi nemici” significa “uno fra gli altri grandi nemici”, così come “una” è femminile perché “nemiche” è femminile: “una delle più grandi nemiche” significa “una fra le altre grandi nemiche”; come giustamente dici, non sarebbe corretto dire *una dei più grandi problemi perché “problema” è maschile e invariabile (cioè è solo maschile) e quindi è necessario dire “uno dei più grandi problemi”, mentre “nemico” è variabile, ovvero ha il maschile e il femminile (nemico, nemica).
            Un saluto
            Prof. Anna

          • giulio scrive:

            Grazie prof, di tutto; ora ho capito.
            Quindi è giusto il mio ultimo ragionamento? Quello del 21 agosto 2020 alle 12.54…

          • Zanichelli Avatar

            Caro Giulio, sì, è corretto.
            Un saluto
            Prof. Anna

  78. Scrittore scrive:

    Salve, non so se mi ha già risposto in un altro post, ma perché si può dire sia “la fossilizzazione è una nemica pericolosa ” sia “la fossilizzazione è un nemico pericoloso “? Allora posso anche dire “il pilota è un avversario letale ” sia “il pilota è un’avversaria letale ” o no? Ho letto che il nome del predicato, se è un sostantivo e non un aggettivo (il quale allora concorderebbe col soggetto per forza),può o meno concordare col soggetto; come ho fatto io con la frase del pilota…

    • Zanichelli Avatar

      Caro Scrittore, sì, ti ho già risposto, mentre la frase “la fossilizzazione è un nemico pericoloso” è plausibile perché il termine “nemico” usato al maschile, non concordato con “la fossilizzazione”, ha un significato generico, potresti ribaltare la frase (un nemico pericoloso è la fossilizzazione), mentre la stesso significato generico non si ha usando il femminile, che nel caso della frase “il pilota è un’avversaria” è scorretto (avversaria) perché “il pilota” è maschile.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • scrittore scrive:

        Grazie, ma che intende per significato generico?

        • Zanichelli Avatar

          Probabilmente non mi sono espressa bene, intendo dire astratto.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • Scrittore scrive:

            Buon pomeriggio! Credo d’aver capito che cosa lei intende per ”…perché il termine “nemico” usato al maschile, non concordato con “la fossilizzazione”, ha un significato GENERICO, ASTRATTO”…

            Visto che la teoria ci insegna che ”quando la parte nominale è formata da un nome di genere variabile, esso si accorda con il soggetto nel genere e nel numero”, io avrei fatto questo ragionamento:

            Nella frase ”la fossilizzazione è un/una nemico/a pericoloso/a” c’è, senza ombra di dubbio, il nome del predicato (in questo caso ”nemico/a”) che è variabile; quindi, osservando la teoria, e mettendola in pratica, è preferibile, o tuttavia è sicuramente e grammaticalmente corretto, scrivere ”la fossilizzazione è UNA NEMICA PERICOLOSA (grammaticalmente corretta e appunto dove il nome del predicato si accorda col soggetto nel genere e nel numero, come la teoria c’insegna)”…

            Però visto che la grammatica ha molte eccezioni e visto che il termine “nemico”, usato perlopiù in questi contesti al maschile (anche se io lo preferisco sempre al femminile in questa frase), quindi non concordato con “la fossilizzazione”, ha un significato GENERICO, allora possiamo anche scrivere ”la fossilizzazione è UN NEMICO PERICOLOSO”, perché, se oltretutto la scrivessimo al contrario (”Un nemico pericoloso è la fossilizzazione”), intanto ci sarebbe accordo fra il soggetto e il nome del predicato solo nel numero (anche nella frase predefinita, quella non capovolta, è sempre presente quest’accordo: ”la fossilizzazione è un nemico pericoloso”) ; e quindi, grammaticalmente, potrebbe andare bene; in più ”un nemico pericoloso” (scritto al maschile), nella frase, darebbe l’idea di un termine, di un nome che non ha necessità, per essere espresso e compreso, di collegarsi ad alcun genere (maschile o femminile che sia), si, va bene, si appoggia al ”maschile”, ma che sia, relativo ai termini che seguono (”la fossilizzazione”, nella nostra frase), appunto generico, neutrale. Nel senso potrei dire anche ”un nemico pericoloso è il mondo” oppure ”un nemico pericoloso è la peste” o ”un nemico pericoloso è l’indifferenza delle persone”. Insomma, dove appunto ”un nemico” (in generale e soprattutto nella nostra frase principale ”la fossilizzazione è un nemico pericoloso”) è usato in modo generico, astratto, non definito, non collegabile in senso lato, INDIPENDENTE e che sicuramente è entrato a far parte dell’immaginario collettivo come scelta principale, fra nemica e NEMICO, in certi costrutti e in certe frasi. Spero d’essermi spiegato.

            Nonostante tutto, da ”purista grammaticale”, e che si rifà sempre e soprattutto alle regole della grammatica italiana, preferisco scrivere:

            ”La fossilizzazione è UNA NEMICA PERICOLOSA”; perché mi rifaccio alla regola: ”quando la parte nominale è formata da un nome (”nemico”, sostantivo) di genere variabile (”nemico”,”nemica”; che ha sia il maschile sia il femminile), esso si accorda con il soggetto ( ”fossilizzazione”) nel genere e nel numero (”fossilizzazione”, femminile singolare; ”una nemica pericolosa”, femminile singolare)”.

            SPERO SIA TUTTO GIUSTO, COSI’ DA CHIUDERE IN BELLEZZA!
            Qui chiudo: tutto giusto, prof?

          • Zanichelli Avatar

            Caro Scrittore, è tutto giusto.
            Un saluto
            Prof. Anna

  79. Claudio scrive:

    Sera, si dice
    i vanadium sono stati un gruppo musicale
    o
    i vanadium è stato un gruppo musicale?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Claudio, la prima frase è corretta, ma è corretta anche la seconda.
      Un saluto
      Prof. ANNA

      • Claudio scrive:

        ah, grazie! Ma quindi “i vanadium è considerato plurale? e quindi concorda col verbo al plurale ( loro sono); pensavo fosse sottinteso “il gruppo musicale i vanadium è stato un gruppo musicale”

        • Zanichelli Avatar

          Caro Claudio, se specifichi “il gruppo musicale” allora è corretto usare il singolare e spesso l’uso è oscillante, ovvero anche se non viene specificato puoi trovare sia il plurale sia il singolare.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • Claudio scrive:

            Ok, allora scriviamo o ”il gruppo musicale ”i Vanadium” è stato un complesso musicale”;

            …o ”I Vanadium sono stati un complesso musicale”;

            …o (con il nome iniziale sottinteso ”il gruppo musicale”) ”I Vanadium è stato un complesso musicale (dove il verbo ”è stato” in realtà s’accorda al sottinteso, iniziale, ”Il gruppo musicale” che tende ad oscillare [ovvero che non viene sempre specificato], e il quale probabilmente viene ”assorbito” dalla parola ”i Vanadium”; insomma è come se ”il gruppo musicale” ci fosse nella frase e funzionasse da soggetto, ma è appunto sottinteso; chiaramente questo discorso vale solo per quest’ultima frase)”.

            Stessa cosa per quest’altro nome che scriveremo in questi tre modi:
            -”Il gruppo musicale i Beatles è stato un complesso musicale”
            -”I Beatles sono stati un complesso musicale”
            -”I Beatles è stato un complesso musicale” (dove il verbo ”è stato” in realtà s’accorda al sottinteso, iniziale, ”Il gruppo musicale” che tende ad oscillare [ovvero che non viene sempre specificato], e il quale probabilmente viene ”assorbito” dalla parola ”i Beatles”; insomma è come se ”il gruppo musicale” ci fosse nella frase e funzionasse da soggetto, ma è appunto sottinteso;chiaramente questo discorso vale solo per quest’ultima frase)”.

            Tutto giusto?

          • Zanichelli Avatar

            Caro Claudio, è tutto giusto.
            A presto
            Prof. Anna

  80. Luigi scrive:

    Salve, nelle frasi col predicato nominale è corretto dire che, apparte casi speciali, il soggetto deve concordare, nel genere e nel numero, col nome del predicato?
    Es. Il treno è un ottimo veicolo( concordanza nel genere e nel numero col nome del predicato [ soggetto “treno” + sostantivo”veicolo”,nome del predicato, + “ottimo” aggettivo, che si collega anche al nome “veicolo” e al soggetto ” treno”]). E non “il treno è un’ottima veicola ” etc.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luigi, sì, il tuo ragionamento è corretto, ma nel caso il soggetto e il nome del predicato abbiano un genere diverso, la concordanza può essere sia con il soggetto, sia con l’elemento predicativo: “la tua partenza è stata un duro colpo”; “la tua partenza è stato un duro colpo”.
      A presto
      Prof. Anna

      • luigi scrive:

        Cara prof., grazie mille!
        Ma per quanto riguarda ”…il soggetto e il nome del predicato abbiano un genere diverso, la concordanza può essere sia con il soggetto, sia con l’elemento predicativo” potrebbe farmi altri esempi? Più che altro questo tipo di concordanza, o col soggetto o con l’elemento predicativo, mi sembra piuttosto rara.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Luigi, al contrario, è abbastanza comune: “questo esame è stato una grande sfida”, “questo esame è stata una grande sfida”; “il suo arrivo è stato una sorpresa”, “il suo arrivo è stata una sorpresa” ecc.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • luigi scrive:

            Credo d’aver capito. Per quanto riguarda i suoi esempi , avrei potuto scrivere anche:
            -L’esame è una grande sfida.
            -Il suo arrivo è una sorpresa.

            …Dove in tutti e due i casi i soggetti (esame, arrivo) non concordano ”forzatamente” con i nomi dei predicati per vari motivi: 1- perché le parti nominali (sfida, sorpresa; sostantivi) sono formate da nomi di genere ”non variabile” (quindi che hanno un solo sesso, un solo genere; non esiste ” il sfido” o ” il sorpreso” etc; di conseguenza queste precise parti nominali devono per forza concordare con il soggetto solo nel numero; come negli esempi da me riportati in cui c’è concordanza di numero ”esame”,singolare, ”sfida”,singolare; ”arrivo”,singolare,”sorpresa”,singolare; ma non concordanza di genere: ”esame” ,maschile, ”sfida”, femminile; ”arrivo”, maschile, ”sorpresa”, femminile). Altri esempi al singolare:
            -Paolo è un bambino (perché di genere variabile;concordanza col soggetto dall’inizio alla fine sia nel genere sia nel numero).

            -Paola è una bambina(perché di genere variabile;concordanza col soggetto dall’inizio alla fine sia nel genere sia nel numero).

            -Roma è il centro della civiltà (qui c’è solo concordanza nel numero[roma,singolare, centro, singolare], ma non nel genere[roma, femminile, centro,maschile]).

            -Tullia e Luigi sono sospesi (dove la copula, come per tutti i casi, si accorda sempre col soggetto, in questo caso plurale ”sono”, perché sarebbe ”loro sono”; ma se vi sono più soggetti di genere diverso, quello maschile ha la prevalenza, come in questo caso).

            Al plurale:

            -Gli esami sono grandi sfide (o delle grandi sfide); dove c’è concordanza solo nel numero (esami, plurale; sfide, plurale); ma non nel genere( esami, maschile, sfide,femminile). Anche qui è giustamente forzata questo tipo di concordanza, senza la quale non potremmo esprimere certi concetti e senza la quale limiteremmo di molto i nostri discorsi con le persone, spero d’essermi spiegato.

            – i loro arrivi sono sorprese ( delle sorprese); dove c’è concordanza solo nel numero ( arrivi,plurale; sorprese,plurale); ma non nel genere( arrivi,maschile,sorprese,femminile). Anche qui è giustamente forzata questo tipo di concordanza, senza la quale non potremmo esprimere certi concetti e senza la quale limiteremmo di molto i nostri discorsi con le persone, spero d’essermi spiegato.

            …Quando invece le parti nominali sono formate da un nome o un aggettivo di genere variabile (quindi che passano dal maschile al femminile modificando la desinenza; quindi che hanno sia genere maschile sia femminile, i cosiddetti nomi mobili), allora esse si concordano con il soggetto sia nel genere sia nel numero:

            -La fossilizzazione è un nemico pericoloso ( c’è concordanza nel genere e nel numero dal soggetto ”fossilizzazione”,passando per il sostantivo ”nemico”, all’aggettivo ”pericoloso”).

            -La fossilizzazione è una nemica pericolosa ( c’è concordanza nel genere e nel numero dal soggetto ”fossilizzazione”,passando per il sostantivo ”nemica”, all’aggettivo ”pericolosa”).

            -Paolo è un professore esperto ( stessi ragionamenti come per le prime frasi)
            -Francesca è una professoressa esperta ( stessi ragionamenti come per le prime frasi).

            …Quando si tratta di un AGGETTIVO, il predicato nominale concorda con il soggetto SEMPRE nel genere e nel numero (anche perché credo che la maggior parte degli aggettivi abbia sia il maschile sia il femminile, quindi variabili):

            – La fossilizzazione è nemica( qui nemica funge da aggettivo e non da sostantivo,credo) ; ma non diremmo mai ”la fossilizzazione è nemico ” o” IL fossilizzazione è nemico o nemica”, perché come abbiamo detto il soggetto deve concordare, nel genere e nel numero, con l’aggettivo ( relativo al nome del predicato), il quale proprio perché è variabile ci permette di trovare sempre delle soluzioni in frasi o contesti difficili.

            – ”Le fanciulle erano pie”; ma anche, cambiando però genere e numero, ”i fanciulli erano pii”. Tuttavia con gli aggettivi dev’esserci sempre concordanza.

            -”Il pranzo era saporito” ( ma non ” il pranzo era saporitA” o ”la pranzo era saporito” etc.)

            -”la cena era saporita” ( ma non ”la cena era saporitO” etc.).

            Altri esempi ma con SOSTANTIVI di genere non variabile:

            -Il tulipano è un fiore

            -La rosa è un fiore.

            Certo, nel primo caso c’è concordanza (esempio non voluto, è stato un caso; più che altro ho scelto ”fiore” per fare un esempio di nome di genere non variabile [anche perché non esiste ”fioro” o ”fiora”], sia nel genere sia nel numero (tulipano, maschile singolare, fiore, maschile singolare). Mentre nel secondo caso c’è solo concordanza nel numero (rosa, singolare, fiore, singolare) , ma non nel genere (rosa, femminile, fiore maschile).

            -Marco e Carlo sono nipoti di Angela (stesso ragionamento relativo alla frase, al singolare, del ”tulipano”)

            -Anna e Lisa sono NIPOTI di Angela ( non possiamo dire ”Anna e Lisa sono [al femminile plurale] NIPOTE di Angela).

            Tutto giusto ?

          • Zanichelli Avatar

            Caro Luigi, tutti i tuoi ragionamenti sono giusti. Solo una precisazione, hai scritto: “La fossilizzazione è un nemico pericoloso ( c’è concordanza nel genere e nel numero dal soggetto ”fossilizzazione”,passando per il sostantivo ”nemico”, all’aggettivo ”pericoloso””, in realtà la concordanza del genere non c’è, “fossilizzazione” è femminile, mentre il sostantivo “nemico” e l’aggettivo “pericoloso” sono maschili.
            Un saluto
            Prof. Anna

  81. marco scrive:

    Salve, si dice ” cerco di venirti incontro” o ”cerco di andarti incontro”
    e poi, ”cerco di venirgli incontro” o ”cerco di andargli incontro (forse più questa”.

    e perché?

  82. luigi scrive:

    *Prof, dal momento che non potevo più risponderle in un determinato post e siccome, per distrazione, avevo scritto male una cosa, ci tenevo a dirle che in realtà volevo scrivere ciò:

    -La fossilizzazione è un nemico pericoloso ( NON c’è concordanza nel genere, MA solo nel numero; ”fossilizzazione (femminile)”, ”nemico (maschile)” non concordanza nel genere; ma concordanza solo nel numero ”fossilizzazione (singolare)”, ”nemico (singolare)”.

    …Io avevo scritto :“La fossilizzazione è un nemico pericoloso ( c’è concordanza nel genere e nel numero dal soggetto ”fossilizzazione”,passando per il sostantivo ”nemico”, all’aggettivo ”pericoloso”); quest’ultimo ragionamento va bene per la frase tutta al femminile ”La fossilizzazione è una nemica pericolosa” (dove c’è concordanza nel genere e nel numero dal soggetto ”fossilizzazione”,passando per il sostantivo ”nemica”, all’aggettivo ”pericolosa”).

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luigi, ora è chiaro.
      A presto
      Prof. Anna

  83. Ludovica scrive:

    ‘’La mafia è una montagna di bugie’’
    Qui la parte nominale è formata da un nome di genere non variabile (montagna è solo femminile) e quindi il nome del predicato, come la teoria c’insegna, s’accorda con il soggetto (mafia) solo nel numero (mafia è singolare; montagna è singolare= concordanza nel numero). Ma allora perché il soggetto e il nome del predicato concordano anche nel genere (mafia femminile; montagna femminile)? Forse perché ‘’montagna’’, proprio perché ha solo il femminile, non può far altro che concordare, al di là della teoria, col soggetto, il quale è altrettanto al femminile?
    Anche nella frase ‘’il tulipano è un fiore’’ (fiore è invariabile) c’è concordanza, inizialmente, seguendo al teoria, solo nel numero (tulipano singolare; fiore singolare= concordanza nel numero); però, in più, proprio perché anche qui ‘’fiore’’ ha solo, invece, il maschile, non può far altro che concordare, al di là della teoria, col soggetto, il quale è altrettanto maschile?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ludovica, è proprio così, ti sei risposta da sola in modo corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  84. CONCORDANZA GRAMMATICALE O A SENSO:
    1- c’era un mare di bicchieri sulla tavola
    2- c’erano un mare di bicchieri sulla tavola
    3- c’era un sacco di gente
    4- c’erano un sacco di gente
    5- c’era un sacco di persone
    6- c’erano un sacco di persone

    • Zanichelli Avatar

      Caro Alessandro, ti consiglio di leggere questo articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/05/03/problemi-di-accordo-concordanza-a-senso/ e provare a fare tu stesso questa distinzione. Sarò lieta di correggerti se lo vorrai.
      A presto
      Prof. Anna

      • Grazie dell’articolo, e credo d’aver capito:

        1- c’era un mare di bicchieri sulla tavola (accordo grammaticale; il verbo ”c’era” concorda nella persona con il soggetto ”un mare”)

        2- c’erano un mare di bicchieri sulla tavola (accordo a senso; il verbo ”c’erano” concorda col soggetto logico, cioè l’elemento più importante dal punto di vista del significato ”bicchieri”)

        3- c’era un sacco di gente (accordo grammaticale; il verbo ”c’era” concorda nella persona con il soggetto ”un sacco”)

        4- c’erano un sacco di gente (accordo a senso; il verbo ”c’erano” concorda col soggetto logico, cioè l’elemento più importante dal punto di vista del significato ”gente”)

        5- c’era un sacco di persone (accordo grammaticale; il verbo ”c’era” concorda nella persona con il soggetto ”un sacco”)

        6- c’erano un sacco di persone (accordo a senso; il verbo ”c’erano” concorda col soggetto logico, cioè l’elemento più importante dal punto di vista del significato ”persone”)

        7- luca è uno di quelli che sanno sempre come cavarsela ( qui il verbo ”sanno” concorda con il partitivo ”di quelli”; accordo grammaticale; anche se non ho ben capito se ”quelli” è soggetto o altro)

        8- luca è uno di quelli che sa sempre come cavarsela ( qui il verbo ”sa”, invece di concordare con il partitivo, concorda con il soggetto logico ”luca”; anche qui non ho ben capito quale sia il soggetto grammaticale: ”quelli” forse?)

        9- una delle città che mi piacciono di più è palermo ( accordo grammaticale; dove il verbo ”piacciono” concorda col partitivo ”delle città”, anche qui non ho capito se ”delle città” è il soggetto o altro)

        10- una delle città che mi piace di più è palermo ( accordo a senso; dove il verbo ”piace” concorda col soggetto logico, il quale credo sia ”palermo”)

        dalla 7 alla 10 ho qualche dubbio sui soggetti grammaticali e quelli logici…

        • Zanichelli Avatar

          Caro Alessandro, i miei commenti:

          1- c’era un mare di bicchieri sulla tavola (accordo grammaticale; il verbo ”c’era” concorda nella persona con il soggetto ”un mare”)
          Corretto;

          2- c’erano un mare di bicchieri sulla tavola (accordo a senso; il verbo ”c’erano” concorda col soggetto logico, cioè l’elemento più importante dal punto di vista del significato ”bicchieri”)
          Corretto;

          3- c’era un sacco di gente (accordo grammaticale; il verbo ”c’era” concorda nella persona con il soggetto ”un sacco”).
          Corretto;

          4- c’erano un sacco di gente (accordo a senso; il verbo ”c’erano” concorda col soggetto logico, cioè l’elemento più importante dal punto di vista del significato ”gente”).
          Non corretto: “gente” è un nome collettivo ed è singolare, quindi è corretto dire “c’è un sacco di gente”;

          5- c’era un sacco di persone (accordo grammaticale; il verbo ”c’era” concorda nella persona con il soggetto ”un sacco”).
          Nel caso dell’espressione “un sacco” si rischia di creare fraintendimenti utilizzando l’accordo grammaticale, ovvero “c’era un sacco di persone” potrebbe anche significare “c’era un sacco pieno di persone” o ancora di più in una frase come “c’è un sacco di cose” (invece di “ci sono un sacco di cose”) e quindi in questo specifico caso, per evitare ambiguità, è meglio usare l’accordo a senso;

          6- c’erano un sacco di persone (accordo a senso; il verbo ”c’erano” concorda col soggetto logico, cioè l’elemento più importante dal punto di vista del significato ”persone”).
          Corretto;

          7- Luca è uno di quelli che sanno sempre come cavarsela ( qui il verbo ”sanno” concorda con il partitivo ”di quelli”; accordo grammaticale; anche se non ho ben capito se ”quelli” è soggetto o altro).
          Il verbo concorda con il relativo “che” che sostituisce il partitivo “di quelli” (di quelli i quali sanno), è un accordo a senso;

          8- Luca è uno di quelli che sa sempre come cavarsela ( qui il verbo ”sa”, invece di concordare con il partitivo, concorda con il soggetto logico ”luca”; anche qui non ho ben capito quale sia il soggetto grammaticale: ”quelli” forse?).
          Il verbo “sa” concorda con il soggetto che è il pronome relativo “che” che sostituisce “uno”, quindi si tratta di un accordo grammaticale;

          9- una delle città che mi piacciono di più è Palermo (accordo grammaticale; dove il verbo ”piacciono” concorda col partitivo ”delle città”, anche qui non ho capito se ”delle città” è il soggetto o altro)
          Il verbo concorda con il partitivo “delle città” rappresentato nella frase dal relativo “che”, quindi si tratta di accordo a senso;

          10- una delle città che mi piace di più è Palermo ( accordo a senso; dove il verbo ”piace” concorda col soggetto logico, il quale credo sia ”palermo”)
          Il verbo concorda con il soggetto che è il pronome relativo “che” che sostituisce “una”.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • Nella 10 v’è un accordo grammaticale, vero?

          • Zanichelli Avatar

            Sì, esatto Alessandro, non l’avevo specificato.
            Un saluto
            Prof. Anna

  85. Rocco scrive:

    Esercizio. Scrivi delle frasi col nome del predicato:
    1-Mario è un carabiniere / Maria è una carabiniera (corrette)
    2-Filippo è brutto / Carla è brutta (corrette)
    3-Laura è un’insegnante / Gianni è un insegnante (corrette)
    4-Giulia è straordinaria / Giulio è straordinario (corrette)
    5-I computer sono importanti / le donne sono importanti (corrette)
    6-I computer sono oggetti importanti / le penne, per scrivere, sono oggetti importanti (corrette)
    7-Le ragazze sono stupende / i ragazzi sono stupendi (corrette)
    8-Le ragazze, Giulia e Laura, sono ormai delle signorine / I ragazzi, Franco e Carlo, sono ormai dei signorini (corrette)
    9-La fiducia in se stessi è la chiave della vittoria (corretta)
    10-La fiducia in se stessi è un ottimo lasciapassare al livello lavorativo (corretta)
    11-Le mele, le pere e i kiwi, al mattino, sono un’eccellente colazione (corretta)
    12-Le mele, le pere e i kiwi, al mattino, sono delle eccellenti colazioni (corretta grammaticalmente, cioè come concordanze etc., ma la numero 11 rende meglio l’idea)
    13-Le mele, le pere e i kiwi sono degli ottimi frutti (corretta)
    14-Le mele, le pere e i kiwi sono dei frutti (o frutti senza ‘’dei’’) (corretta)
    15-Le mele, le pere e i kiwi sono una frutta squisita (corretta)
    16-Le mele, le pere e i kiwi sono delle frutte squisite (corretta, ma la 15 credo renda meglio l’idea)
    17-Le mele, le pere e i kiwi sono delle frutta squisite (credo sia corretta anche questa, ma, anche qui, meglio la 15)
    18-La frutta, al mattino, è un’ottima colazione (corretta)
    19-Le frutta, al mattino, sono un’ottima colazione (credo sia corretta, ma la 18 rende meglio l’idea)
    20-Le frutte, al mattino, sono un’ottima colazione (credo sia corretta, ma la 18 rende meglio l’idea)
    21-Le frutte, al mattino, sono delle ottime colazioni (corretta grammaticalmente, cioè come concordanze etc., ma la 18 rende meglio l’idea)

    Che ne dice?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rocco, alcune correzioni: 4.- è meglio dire “a livello lavorativo”; la parola frutto ha un doppio singolare e un doppio plurale, con significati diversi: il singolare maschile “frutto” indica un singolo prodotto di una pianta (questo frutto è maturo), il singolare femminile “frutta” indica l’insieme dei frutti che si mangiano (la frutta fa bene), il plurale maschile “frutti” si usa con il significato di “prodotti della pianta” (un albero carico di frutti), il plurale femminile “frutta” (le frutta) è di uso non comune e letterario, indica un “insieme di frutti”, quindi: 16- Le mele, le pere e i kiwi sono (dei) frutti squisiti; 17-Le mele, le pere e i kiwi sono frutta squisita; 19 e 20 – I frutti, al mattino, sono un’ottima colazione (anche se è meglio usare la forma “frutta”, che indica l’insieme dei frutti), la 21 a questo punto la escluderei perché non ha senso usare il plurale “ottime colazioni” se si sta parlando della colazione in senso generale e non di uno specifico numero di colazioni.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Rocco scrive:

        Grazie.
        Quindi eccetto le frasi che mi ha segnalato, le altre sono tutte corrette?

  86. Prof. Anna,
    gradirei un chiarimento sull’uso del predicato verbalesingolare/plurale
    esempi:
    i frati sono GENTE a cui si fa ricorso…SI PUO’ DIRE?
    i polacchi non sono GENTE ragionevole… SI PUO’ DIRE?
    i cristiani sono GENTE ragionevole… SI PUO’ DIRE?
    dato che posso dire:
    gli affreschi del Beato Angelico sono UN BELLISSIMO ESEMPIO dell’arte rinascimentale”
    PENSO DI SI, MA NON ME LO SPIEGO E MI SUONA STRANO.
    Mi aiuta a districarmi in questo puzzle? Grazie mille! Carlo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Carlo, nei primi tre esempi che mi proponi sostituirei la parola “gente” con la parola “persone” (sono persone a cui si fa ricorso; sono persone ragionevoli); mentre l’ultimo periodo che mi scrivi è corretto, la parte nominale (un bellissimo esempio) in questo caso può essere singolare, anche se il soggetto è plurale (gli affreschi), perché indica una categoria omogenea in cui gli affreschi vengono inseriti (un esempio dell’arte rinascimentale), ma sarebbe corretto anche se fosse plurale (sono dei bellissimi esempi), avrebbe una sfumatura di significato leggermente diversa. Spero di aver chiarito i tuoi dubbi.
      A presto
      Prof. Anna