WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 14262
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 3
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 590
    [max_num_pages] => 59
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 1
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => f79f8245cd79b8c4249b58857d3cf3df
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 14262
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 3
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (14262) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 20, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13886
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-03-29 09:42:47
                    [post_date_gmt] => 2018-03-29 07:42:47
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ci sono alcune espressioni formate da verbo + nome (senza l'articolo) il cui significato equivale a un altro verbo. Vediamole insieme.

Buona lettura e buona Pasqua!
Prof. Anna

Ecco i casi più comuni relativi ai verbi fare e dare.

FARE

• fare acqua = lasciare uscire o entrare acqua: questa nave fa acqua, se detto di un discorso, un ragionamento, una teoria, un progetto significa  essere pieno di lacune, illogico o irrazionale;

• fare caso = badare, prestare attenzione: non ci ho fatto caso;

• fare colpo = impressionare, suscitare l'attenzione: è una ragazza che fa colpo;

• fare fronte = affrontare, sostenere, resistere: ultimamente ho dovuto far fronte a parecchi imprevisti;

• fare scuola = servire da esempio: le sue idee hanno fatto scuola;

• fare silenzio = tacere: fate silenzio!;

• fare testo = costituire un punto di riferimento fondamentale e indiscutibile: le sentenze della Corte di Cassazione fanno testo.

DARE

• dare carta bianca a qualcuno = concedere a qualcuno la massima autonomia: per fare questo progetto mi hanno dato carta bianca;

• dare fondo a = finire, esaurire, consumare: hanno dato fondo all'eredità paterna;

• dare coraggio = incoraggiare: le tue parole mi danno coraggio;

• dare fuoco = incendiare: stanotte hanno dato fuoco a una macchina vicino a casa mia;

• dare gusto = insaporire, in senso figurato provocare piacere: le spezie danno gusto alle pietanze; vincere questo premio mi ha dato molto gusto;

• dare inizio = iniziare: diamo inizio ai festeggiamenti!;

• dare forza = rafforzare, confortare, sostentere: il vostro incoraggiamento mi dà forza;

• dare fastidio = infastidire: ti dà fastidio la finestra aperta?;

• dare luogo = provocare: le tue parole hanno dato luogo a equivoci;

• dare vita a qualcosa = creare qualcosa, esserne l'artefice: stiamo dando vita a una nuova iniziativa, ma dare la vita (con l'articolo determinativo) a un figlio.
                    [post_title] => "Fare caso", "dare carta bianca". Quando un verbo e un nome equivalgono a un altro verbo.
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ci sono alcune espressioni formate da verbo + nome (senza l'articolo) il cui significato equivale a un altro verbo. Vediamole insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => fare-caso-dare-carta-bianca-quando-un-verbo-e-un-nome-equivalgono-a-un-altro-verbo
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-12 09:30:48
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-12 07:30:48
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13886
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 8
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13869
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-03-22 10:09:45
                    [post_date_gmt] => 2018-03-22 09:09:45
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, spesso ci può essere confusione nell'uso degli aggettivi derivati dalla stessa radice e terminanti in -ista, -istico. Qual è la differenza?

Buona lettura!

Prof. Anna

Il suffisso -ista può avere valore di sostantivo, ovvero formare sostantivi che solitamente indicano persone che svolgono un'attività, seguono un'ideologia o presentano determinate caratteristiche:

• barista (chi serve al banco di un bar);

• femminista (chi sostiene il femminismo);

• ottimista (chi affronta le cose con ottimismo).

Questo suffisso può formare anche aggettivi e le stesse parole che hanno valore di sostantivo possono avere anche un uso aggettivale:

• femminista ⇒ come aggettivo significa del femminismo, delle femministe: il movimento femminista;

• ottimista ⇒ come aggettivo significa che rivela ottimismo: un ragazzo ottimista;

• protagonista ⇒ come aggettivo si usa per l'attore che interpreta la parte principale: l'attore protagonista.

Il suffisso -istico si trova in aggettivi di formazione relativamente recente, usati in collegamento con nomi astratti (quindi: una ragazza ottimista, ma una previsione ottimistica) e significano "relativo a":

• arte ⇒ artistico (relativo all'arte);

• calcio ⇒ calcistico (relativo al calcio).

Questi aggettivi sono spesso connessi con sostantivi formati con -ista:

• automobilista (sostantivo: chi guida un'automobile), automobilistico (aggettivo: relativo all'automobile o all'automobilismo);

• turista (sostantivo: chi fa del turismo); turistico (aggettivo: relativo al turismo).

Il suffisso -istica può formare anche sostantivi, in particolar modo nomi di discipline, tecniche o attività, anche a partire da forme in -ista, -istico:

• saggistico (aggettivo: relativo ai saggi letterari), saggistica (sostantivo: arte e tecnica dello scrivere saggi);

• nutrizionista (sostantivo: chi studia e applica i principi della nutrizionistica); nutrizionistica (sostantivo: disciplina che studia i problemi generali della nutrizione);

• infortunistica (sostantivo: disciplina che studia le cause e le conseguenze degli infortuni sotto l'aspetto giuridico ed economico).

In alcuni casi gli aggettivi formati con il suffisso -ista e quelli formati con il suffisso -istico sono sinonimi:

• femminista / femministico;

• entusiasta / entusiastico;

• socialista / socialistico;

• positivista / positivistico;

• imperialista / imperialistico ecc.

Questi aggettivi sono sinonimi, ma talvolta negli aggettivi in -istico possiamo trovare una sfumatura leggermente dispregiativa, che si potrà dedurre dal contesto.

In caso di dubbi è opportuno consultare il vocabolario.
                    [post_title] => Una ragazza ottimista o ottimistica?
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, spesso ci può essere confusione nell'uso degli aggettivi derivati dalla stessa radice e terminanti in -ista, -istico. Qual è la differenza?
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => un-ragazza-ottimista-o-ottimistica
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-05 10:02:39
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-05 08:02:39
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13869
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 17
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13840
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-03-15 09:34:38
                    [post_date_gmt] => 2018-03-15 08:34:38
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, la concordanza del participio passato crea spesso molti dubbi. Oggi, per concludere il nostro approfondimento sulle proposizioni temporali, vedremo come si concorda in modo corretto nelle temporali implicite.

Buona lettura!

Prof. Anna

La forma implicita della proposizione temporale con il participio passato è di solito piuttosto formale ed esprime la rapida successione dei fatti della temporale e della reggente, per questo spesso la temporale si anticipa: arrivati a casa (=subito dopo essere arrivati), ci riposeremo

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/02/22/la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-posteriorita/

Ma come si concorda il participio passato in questi casi?

• Se si tratta di un verbo intransitivo che richiede l'ausiliare essere e ha lo stesso soggetto della reggente, concorda con il soggetto: Marta, uscita di casa, si diresse verso la macchina (reggente e temporale hanno lo stesso soggetto);

• se si tratta di un verbo intransitivo che richiede l'ausiliare essere ma ha un proprio soggetto, il participio passato concorda con quest'ultimo: Marco, arrivati i suoi ospiti, offrì loro da bere (concordanza con il proprio soggetto);


• se si tratta di un verbo intransitivo che richiede l'ausiliare avere, non concorda e termina in -o: Maria, parlato un po' con noi (=dopo aver parlato un po' con noi), tornò a casa;

• se si tratta di un verbo transitivo senza un oggetto diretto non concorda e termina in -o: Natalia, dopo magiato, si riposò un po';

• se il verbo è transitivo e ha un oggetto diretto espresso, concorda con quest'utlimo: Luca, finiti i compiti, è uscito di casa;

• di uso frequente è il costrutto con participio passato preceduto dalla preposizione a, in questo caso il participio passato concorda con con il sostantivo che segue: arrivammo a cose fatte;

• per marcare la rapidità della successione dei fatti, l'anteriorità della temporale rispetto alla reggente si può esprimere anteponendo il participio passato di un tempo composto al il suo ausiliare e interponendo che: arrivati che furono, cominciarono la riunione. Se il soggetto è diverso a quello della reggente, si mette dopo il verbo: partiti che saranno i tuoi amici, resterai da solo. Questo costrutto è piuttosto ricercato, solitamente si antepone alla proposizione reggente.
                    [post_title] => La frase complessa: concordanza del participio passato nelle temporali
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, la concordanza del participio passato crea spesso molti dubbi. Oggi, per concludere il nostro approfondimento sulle proposizioni temporali, vedremo come si concorda in modo corretto nelle temporali implicite.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-frase-complessa-concordanza-del-participio-passato-nelle-temporali
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-05 10:03:17
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-05 08:03:17
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13840
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 8
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13813
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-03-08 09:47:29
                    [post_date_gmt] => 2018-03-08 08:47:29
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, esistono molti modi di dire che contengono la parola conto. Cosa significa "fare i conti della serva"? E "fare i conti senza l'oste"? Scopriamo insieme il senso di queste e altre espressioni.

In occasione della Giornata internazionale delle donne, vi invito a leggere questo interessante approfondimento sul genere dei nomi di professione, realizzato da Zanichelli in collaborazione con l'Accademia della Crusca: http://www.repubblica.it/cronaca/2018/03/07/news/8_marzo_parole_donna_accademia_crusca_dizionario_zanichelli_editore-190687050/

Buona lettura!

Prof. Anna

Vediamo le più comuni espressioni formate con la parola conto:

• fare i conti in tasca a qualcuno ⇒ interessarsi in modo indiscreto alla situazione economica altrui, alle sue possibilità finanziarie, a quanto guadagna e a quanto spende: non vorrei farti i conti in tasca, ma credo che tu non possa permetterti questa macchina;

• fare il conto (o i conti) della serva ⇒ controllare un conto o una situazione economica fino all'ultimo dettaglio, così come deve fare una domestica che deve giustificare il denaro ricevuto per fare la spesa: con quel poco che guadagno, sono costretto a fare i conti della serva per arrivare a fine mese;

• a conti fatti, in fin dei conti ⇒ significa in conclusione, tutto considerato: in fin dei conti le cose non sono andate male;fare i conti senza l'oste ⇒ prendere una decisione senza aver interpellato la persona più direttamente interessata o dalla quale dipende l’esecuzione di un progetto oppure senza tener conto di fattori importanti o di eventi imprevisti: credo che tu abbia preso una decisione affrettata, hai fatto i conti senza l'oste!;
far conto che ⇒ significa supporre, ipotizzare, far finta: fa' conto che domani piova, cosa facciamo? Andiamo o non andiamo al mare?;tenere conto (tenere conto di qualcosa, di qualcuno; tenere conto che)⇒ valutare, considerare: io vado a casa, tieni conto che è già molto tardi e domani devo svegliarmi presto;rendere conto ⇒ rispondere delle proprie azioni, giustificarsi: di questo non devi certo render conto a me, ma solo a te stesso; faccio quello che voglio, io non devo rendere conto a nessuno;

• rendersi conto ⇒ spiegarsi, capire; acquisire consapevolezza, capacitarsi di qualcosa: mi rendo conto di aver sbagliato;

• fare i conti con qualcuno ⇒ affrontare qualcuno per rimproverarlo di azioni commesse, per chiarire un fatto, per far valere le prorie ragioni: se qualcosa non gli va bene, farà i conti con me;

• fare i conti con qualcosa ⇒ nel fare un progetto, un programma, un calcolo, tenere in considerazione un dato elemento: credo che per una volta ti farà bene fare i conti con la realtà;

• tenere da conto qualcosa ⇒ conservare qualcosa con cura, darle importanza: ti regalo il mio anello, mi raccommando, tienilo da conto;per conto di qualcuno ⇒ da parte di qualcuno: salutalo per conto mio; sul conto di qualcuno ⇒ nei suoi riguardi: cosa avete da dire sul suo conto?;per conto proprio, mio, tuo ⇒ da solo, indipendentemente dagli altri: voglio andare a vivere per conto mio.
                    [post_title] => Espressioni con la parola "conto"
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, esistono molti modi di dire che contengono la parola "conto". Cosa significa "fare i conti della serva"? E "fare i conti senza l'oste"? Scopriamo insieme il senso di queste e altre espressioni.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => espressioni-con-la-parola-conto
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-05 10:03:59
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-05 08:03:59
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13813
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 7
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13765
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-03-01 09:50:09
                    [post_date_gmt] => 2018-03-01 08:50:09
                    [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo l'uso dei suffissi che servono a formare nomi a partire da verbi.

Per ripassare questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/02/08/la-formazione-delle-parole-i-suffissi-terza-parte/

Se avete dubbi o incertezze nel completare l’esercizio, vi consiglio di utilizzare il vocabolario.
                    [post_title] => Test 53- La formazione delle parole: i suffissi (nomi da verbi)
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-53-la-formazione-delle-parole-i-suffissi-nomi-da-verbi
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-01 09:50:09
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-01 08:50:09
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13765
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 9
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13763
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-03-01 09:48:53
                    [post_date_gmt] => 2018-03-01 08:48:53
                    [post_content] => Nel prossimo esercizio dovrete costruire le frasi con grazie in maniera corretta. Per ripassare questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/01/25/grazie-di-o-grazie-per/

 
                    [post_title] => Test 53- Grazie di o grazie per?
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-53-grazie-di-o-grazie-per
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-01 09:48:53
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-01 08:48:53
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13763
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13707
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-03-01 09:48:16
                    [post_date_gmt] => 2018-03-01 08:48:16
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ci dedichiamo al ripasso degli ultimi argomenti trattati sul blog.

Cominciamo con un esercizio sull'uso di no e non.

Per ripassare questo argomento prima di fare il test, potete leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/01/11/no-o-non/

Buon test! ;-)

Provate a inserire no o non nelle seguenti frasi.
                    [post_title] => Test 53- No o non?
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ci dedichiamo al ripasso degli ultimi argomenti trattati sul blog. 
Cominciamo con un esercizio sull'uso di "no" e "non".
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-53-no-o-non
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-15 09:35:50
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-15 08:35:50
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13707
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 12
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13712
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-02-22 09:51:26
                    [post_date_gmt] => 2018-02-22 08:51:26
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana continuiamo il nostro studio delle proposizioni temporali. Come si costruiscono in caso di posteriorità della reggente rispetto alla subordinata? Vediamolo insieme.

Buna lettura!
Prof. Anna

Nelle precedenti settimane abbiamo studiato le temporali in caso di contemporaneità della reggente: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/01/18/la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-1/

e in caso di anteriorità della reggente: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/02/01/la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-2/

oggi vedremo le caratteristiche delle proposizioni temporali in caso di posteriorità della reggente.

FORMA ESPLICITA

In caso di posteriorità della reggente, la temporale esplicita può essere introdotta da:

⇒ dopo che, una volta che solitamente con il verbo all'indicativo: mi sentirò più tranquillo dopo che avrò finito questo lavoro; una volta che sarai arrivato, telefonami;

⇒ le congiunzioni quando, come e la locuzione (non) appena sono impiegate per indicare una rapida successione tra i due avvenimenti: quando lo vedrò, glielo dirò; come lo riconobbi, lo abbracciai.

Quando la circostanza temporale è nel futuro e da chi parla o scrive è sentita come ipotetica, si può avere il congiuntivo passato se nella reggente c'è un futuro (o un presente): questa seconda casa, una volta che tu l'abbia comprata, potrà (può) farti comodo, o trapassato se nella reggente c'è un condizionale passato o un indicativo imperfetto: mi assicurò che questa seconda casa, una volta che l'avessi comprata, avrebbe potuto (poteva) farmi comodo.

Normalmente il rapporto di anteriorità della proposizione temporale viene messo in evidenza dai tempi verbali usati:

Tuttavia con quando e appena si può sentire la necessità di usare lo stesso tempo della reggente per sottolineare la rapida successione dei fatti: quando arriverò, vi telefonerò.

FORMA IMPLICITA

Il costrutto implicito si costruisce con:

⇒ l'infinito passato preceduto da dopo: dopo aver mangiato, faremo una passeggiata;

⇒ il participio passato, anche preceduto da una volta, dopo, subito dopo, appena: finiti i compiti, usciremo a giocare; una volta presa la laurea, che farai?; usciremo dopo mangiato.
                    [post_title] => La frase complessa: le proposizioni temporali (posteriorità)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana continuiamo il nostro studio delle proposizioni temporali. Come si costruiscono in caso di posteriorità della reggente rispetto alla subordinata? Vediamolo insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-posteriorita
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-08 09:48:49
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-08 08:48:49
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13712
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 15
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13681
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-02-15 09:53:17
                    [post_date_gmt] => 2018-02-15 08:53:17
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, vi piacerebbe imparare il congiuntivo cantando?  C'è una canzone che fa al caso vostro, è stata scritta da un giovane professore che, con ironia, spiega come si usa questo modo verbale. Ascoltiamola insieme.

Buona lettura e buon ascolto!
Prof. Anna

Il congiuntivo, si sa, è un modo verbale molto importante, ci permette di esprimere le nostre opinioni, i nostri dubbi, le nostre incertezze. Da alcuni anni però sembra che stia attraversando un momento di crisi:  si usa sempre meno e si usa scorrettamente, non solo dai parlanti comuni, ma anche da giornalisti e politici.

Un giovane professore di matematica ha deciso di lanciare una provocazione e scrivere una canzone che, in modo ironico e originale, spiega l'uso del congiuntivo.

Lorenzo Baglioni ha 31 anni ed è toscano. Da due anni pubblica video di canzoni comiche su YouTube e da circa un anno si è specializzato in canzoni didattiche, quasi tutte su argomenti scientifici. Quest'anno  è stato uno dei cantanti in gara a Sanremo per la categoria “Nuove proposte”.

Leggiamo insieme il testo della sua canzone "Il congiuntivo".

Vi ricordo che, se ci sono parole che non conoscete, potete consultare il dizionario online basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra apparirà il significato.

Il congiuntivo di Lorenzo Baglioni

Che io sia

che io fossi

che io sia stato

oh-oh-oh

Oggigiorno chi corteggia

incontra sempre più difficoltà

coi verbi al congiuntivo

Quindi è tempo di riaprire

il manuale di grammatica

che è molto educativo

Gerundio imperativo

e infinito indicativo

molti tempi e molte coniugazioni ma

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo

e si usa per eventi

che non sono reali

È relativo a ciò che è soggettivo

a differenza di altri modi verbali

E adesso che lo sai anche tu

non lo sbagli più

Nel caso che il periodo sia della tipologia dell'irrealtà (si sa)

ci vuole il congiuntivo

Tipo se tu avessi usato

il congiuntivo trapassato

con lei non sarebbe andata poi male

condizionale

segui la consecutio temporum

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo

e si usa per eventi

che non sono reali

È relativo a ciò che è soggettivo

a differenza di altri modi verbali

E adesso ripassiamo un po' di verbi al congiuntivo

che io sia (presente)

che io fossi (imperfetto)

che io sia stato (passato)

che io fossi stato (trapassato)

che io abbia (presente)

che io avessi (imperfetto)

che io abbia avuto (passato)

che io avessi avuto (trapassato)

che io...vorrei

Il congiuntivo

come ti dicevo

si usa in questo tipo di costrutto sintattico

Il tentativo è quasi riflessivo

descritto dal seguente esempio didattico

E adesso che lo sai anche tu

non lo sbagli più

Ed ora ascoltiamo la canzone!

https://www.youtube.com/watch?v=8bfYQZPLCEA

Non poteva mancare un esercizio sul congiuntivo. Coniugate il verbo tra parentesi al tempo verbale del congiuntivo che vi viene suggerito.
                    [post_title] => Il congiuntivo in una canzone
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, vi piacerebbe imparare il congiuntivo cantando?  C'è una canzone che fa al caso vostro, è stata scritta da un giovane professore che, con ironia, spiega come si usa questo modo verbale. Ascoltiamola insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => il-congiuntivo-in-una-canzone
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-05 10:04:41
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-05 08:04:41
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13681
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 28
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13665
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-02-08 10:01:30
                    [post_date_gmt] => 2018-02-08 09:01:30
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, attraverso il processo di suffissazione si possono formare nomi che derivano da verbi. Quali sono i suffissi che hanno questa funzione?

Buona lettura!

Prof. Anna

Vediamo insieme quali sono i suffissi che servono a formare nomi da verbi e qual è il loro uso specifico:

• - aggiolav-are → lav-aggio, abbordare → abbordaggio;

• - ante, -entecantare→cantante, supplire→supplente;

• - ato, -ito, -ata, -uta ⇒ la parola derivata assume la forma del participio passato, maschile o femminile: ulul-are→ulul-ato, ruggire→ruggito, bere→bevuta;

• - mento⇒ serve a esprimere un'idea verbale: cambi-are→cambia-mento, nutrire→nutrimento;

• -tore (maschile), -trice (femminile)⇒ servono per lo più a formare nomi di persone in relazione a una loro particolare attività: danz-are→danza-tore, danza-trice, giocare→giocatore, giocatrice;

• - zione, -sione ⇒ servono a formare nomi femminili che esprimono l'effetto dell'azione da cui derivano: operare→operazione, in alcuni casi e nel caso dei derivati in -sione, la base è costituita dal participio passato: dividere→diviso→divisione oppure da una forma colta: accensione deriva dal latino tardo accensionem, a sua volta derivato dal verbo latino accendere;

• -ura ⇒ si aggiunge al tema del participio passato del verbo dal quale derivano e di cui indicano il risultato: chiudere→chiuso→chiusura, leggere→letto→lettura;

• - toio, -soio: in genere servono a formare nomi indicanti luoghi con particolari destinazioni, oppure strumenti: essiccare→essiccatoio, rasare→rasoio;

• -ino⇒ in genere serve a formare nomi di mestieri: imbiancare→imbianchino, arrotare→arrotino;

• -torio⇒ in genere serve a formare nomi indicanti luoghi: consultare→consultorio;

• -erìa⇒ serve a formare nomi di luoghi dove si svolge un'attività: fondere→fonderia;

•- ìo ⇒ indica un'azione continuata: calpestare→calpestio, cigolare→cigolio.

Se avete dubbi o incertezze nel completare l'esercizio che segue, vi consiglio di utilizzare il vocabolario.
                    [post_title] => La formazione delle parole: i suffissi (nomi da verbi)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, attraverso il processo di suffissazione si possono formare nomi che derivano da verbi. Quali sono i suffissi che hanno questa funzione?
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-formazione-delle-parole-i-suffissi-terza-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-01 09:40:46
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-01 08:40:46
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13665
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 8
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 13886
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2018-03-29 09:42:47
            [post_date_gmt] => 2018-03-29 07:42:47
            [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ci sono alcune espressioni formate da verbo + nome (senza l'articolo) il cui significato equivale a un altro verbo. Vediamole insieme.

Buona lettura e buona Pasqua!
Prof. Anna

Ecco i casi più comuni relativi ai verbi fare e dare.

FARE

• fare acqua = lasciare uscire o entrare acqua: questa nave fa acqua, se detto di un discorso, un ragionamento, una teoria, un progetto significa  essere pieno di lacune, illogico o irrazionale;

• fare caso = badare, prestare attenzione: non ci ho fatto caso;

• fare colpo = impressionare, suscitare l'attenzione: è una ragazza che fa colpo;

• fare fronte = affrontare, sostenere, resistere: ultimamente ho dovuto far fronte a parecchi imprevisti;

• fare scuola = servire da esempio: le sue idee hanno fatto scuola;

• fare silenzio = tacere: fate silenzio!;

• fare testo = costituire un punto di riferimento fondamentale e indiscutibile: le sentenze della Corte di Cassazione fanno testo.

DARE

• dare carta bianca a qualcuno = concedere a qualcuno la massima autonomia: per fare questo progetto mi hanno dato carta bianca;

• dare fondo a = finire, esaurire, consumare: hanno dato fondo all'eredità paterna;

• dare coraggio = incoraggiare: le tue parole mi danno coraggio;

• dare fuoco = incendiare: stanotte hanno dato fuoco a una macchina vicino a casa mia;

• dare gusto = insaporire, in senso figurato provocare piacere: le spezie danno gusto alle pietanze; vincere questo premio mi ha dato molto gusto;

• dare inizio = iniziare: diamo inizio ai festeggiamenti!;

• dare forza = rafforzare, confortare, sostentere: il vostro incoraggiamento mi dà forza;

• dare fastidio = infastidire: ti dà fastidio la finestra aperta?;

• dare luogo = provocare: le tue parole hanno dato luogo a equivoci;

• dare vita a qualcosa = creare qualcosa, esserne l'artefice: stiamo dando vita a una nuova iniziativa, ma dare la vita (con l'articolo determinativo) a un figlio.
            [post_title] => "Fare caso", "dare carta bianca". Quando un verbo e un nome equivalgono a un altro verbo.
            [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ci sono alcune espressioni formate da verbo + nome (senza l'articolo) il cui significato equivale a un altro verbo. Vediamole insieme.
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => fare-caso-dare-carta-bianca-quando-un-verbo-e-un-nome-equivalgono-a-un-altro-verbo
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2018-04-12 09:30:48
            [post_modified_gmt] => 2018-04-12 07:30:48
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13886
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 8
            [filter] => raw
        )

)
Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue | Pagina 3