WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13976
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 3
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 574
    [max_num_pages] => 58
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 1
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => 3a5d6fae0526930ec0fa30a27ddba96f
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13976
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 3
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (13976) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 20, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13425
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-12-07 09:23:22
                    [post_date_gmt] => 2017-12-07 08:23:22
                    [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo i suffissi che servono a formare nomi da altri nomi. Se avete dei dubbi sul significato di una parola, vi consiglio di consultare il vocabolario.

Per ripassare questo argomento potete leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/11/30/la-formazione-delle-parole-i-suffissi-seconda-parte/

 
                    [post_title] => Test 52- La formazione delle parole: i suffissi (nomi da nomi)
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-52-la-formazione-delle-parole-i-suffissi-seconda-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-01 09:39:48
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-01 08:39:48
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13425
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 4
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13422
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-12-07 09:22:47
                    [post_date_gmt] => 2017-12-07 08:22:47
                    [post_content] => Nel prossimo esercizio dovrete inserire l'articolo determinativo singolare corretto (tutto minuscolo) davanti ai nomi stranieri. Per ripassare questo argomento prima di affrontare il test: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/11/16/la-scelta-dellarticolo-con-i-nomi-stranieri/.

 
                    [post_title] => Test 52- La scelta dell'articolo con i nomi stranieri
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-52-la-scelta-dellarticolo-con-i-nomi-stranieri
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-12-07 09:22:47
                    [post_modified_gmt] => 2017-12-07 08:22:47
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13422
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13418
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-12-07 09:22:16
                    [post_date_gmt] => 2017-12-07 08:22:16
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è ora di ripassare gli argomenti trattati nelle ultime settimane.

Cominciamo con un esercizio sui verbi causativi, per ripassarli potete leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/11/09/i-verbi-causativi/.

Buon test!

Prof. Anna

 
                    [post_title] => Test 52- I verbi causativi
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è ora di ripassare gli argomenti trattati nelle ultime settimane. Cominciamo con un esercizio sui verbi causativi.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-52-i-verbi-causativi
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2017-12-14 09:32:47
                    [post_modified_gmt] => 2017-12-14 08:32:47
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13418
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 7
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13343
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-11-30 09:35:01
                    [post_date_gmt] => 2017-11-30 08:35:01
                    [post_content] => Care lettrici e care lettori di Intercultura blog, attraverso il processo di suffissazione si possono formare anche nomi che derivano da altri nomi. Quali sono i suffissi che hanno questa funzione?

Buona lettura!
Prof. Anna

Di solito ogni suffisso ha un utilizzo specifico, ovvero serve a formare parole che hanno un determinato significato.

Vediamo insieme quali sono i suffissi che servono a formare nomi da altri nomi e qual è il loro uso specifico.

• -aio ⇒ per lo più serve a formare nomi di persone che esercitano un dato mestiere: benzina→benzinaio, fiore→fioraio; o di luoghi con una determinata  destinazione o caratterizzazione: pollo→pollaio, ghiaccio→ghiacciaio, grano→granaio;

• -ario⇒ forma nomi che indicano una persona: banca→bancario, missione→missionario, proprietà→proprietario, oppure uno strumento, un utensile: lampada→lampadario, vocabolo→vocabolario;

• -ata⇒ questo suffisso:

-aggiunto a nomi indicanti parti del corpo può indicare azioni svolte tramite queste ultime: mano→manata, occhio→occhiata;

-aggiunto a nomi di oggetti può indicare colpo o offesa inferti tramite questi ultimi: coltello→coltellata, piccone→picconata;

-può formare nomi che indicano il contenuto di qualcosa: cucchiaio→cucchiaiata, secchio→secchiata, forchetta→forchettata. A volte un nome in -ata può assumere sia quest'ultimo significato sia un colpo inferto con qualcosa, ad esempio cucchiaiata può significare, a seconda dei contesti, sia il colpo inferto con un cucchiaio (mi hai dato una cucchiaiata sul braccio) sia il contenuto di un cucchiaio (a metà cottura aggiungere una cucchiaiata di farina), lo stesso vale per palata, forchettata, secchiata ecc;

- serve a formare nomi che indicano un insieme di qualcosa: fiaccola→fiaccolata;

- serve a formare nomi che indicano un atto proprio di qualcuno: pagliaccio→pagliacciata, canaglia→canagliata;

- può avere valore intensivo: onda→ondata, fiamma→fiammata;

- può avere valore temporale: anno→annata, mattina→mattinata, giorno→giornata;

• -aiolo⇒ serve a formare alcuni nomi che indicano un mestiere, un'occupazione, una tendenza: barca→barcaiolo, bosco→boscaiolo;

• -iere⇒ serve a formare nomi che indicano in genere arti o mestieri (femminile -iera): giardino→giardiniere, banca→banchiere, infermo→infermiere, oppure indica uno strumento, un apparecchio: bilancia→bilanciere, candela→candeliere, pallottola→pallottoliere;

•-ista⇒ serve a formare nomi che indicano aderenza a un atteggiamento dottrinale o una professione: animale→animalista, razzismo→razzista, giornale→giornalista, dente→dentista;

•-erìa⇒ serve a formare nomi di luoghi dove si produce o si vende qualcosa; acciao→acciaieria, falegname→falegnameria;

•-ificio⇒ serve a formare nomi indicanti lavorazione, fabbricazione di qualcosa: zucchero→zuccherificio, maglia→maglificio, calzature→calzaturificio;

•-ile⇒serve a formare nomi che indicano spesso una destinazione: fieno→fienile, campana→campanile;

•-iera⇒ serve a formare nomi che indicano strumenti o recipienti zuppa→zuppiera, insalata→insalatiera, o luoghi destinati a qualche specifica funzione: coniglio→conigliera, scoglio→scogliera;

• -eto, -eta⇒ serve a formare nomi che indicano un luogo dove si trovano alcune colture o piante spontanee: agrume→agrumeto, frutto→frutteto;

• -aglia⇒ serve a formare alcuni nomi con valore collettivo: bosco→boscaglia, muro→muraglia. Talvolta ha valore spregiativo: gente→gentaglia (=gente spregevole e volgare), brodo→brodaglia (minestra poco saporita o disgustosa);

•-ame⇒serve a formare nomi con valore collettivo: bestia→bestiame, scatola→scatolame.
                    [post_title] => La formazione delle parole: i suffissi (nomi da nomi)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e care lettori di Intercultura blog, attraverso il processo di suffissazione si possono formare anche nomi che derivano da altri nomi. Quali sono i suffissi che hanno questa funzione?
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-formazione-delle-parole-i-suffissi-seconda-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-01 09:38:56
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-01 08:38:56
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13343
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 23
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13319
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-11-23 09:46:47
                    [post_date_gmt] => 2017-11-23 08:46:47
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ci sono parole che non si incontrano tutti i giorni, ma solo in determinati contesti o registri.  Scopriamone alcune leggendo un divertente racconto. Ma niente paura! Scopriremo insieme anche il loro signifcato.

Buona lettura!

Prof. Anna

Il sagittabondo e la sgarzigliona

Un giorno, un galante sagittabondo decise di tentare un esperimento: si vestì come il peggiore degli sciamannati e uscì di casa, ben deciso a conquistare una bella sgarzigliona. Non appena intravide la predestinata, tuttavia, la mente del gaglioffo si obnubilò e lui commise un errore lapalissiano: le si avvicinò meditabondo, le girandolò intorno e e la stordì con un discorso talmente pleonastico da sembrare artefatto. La fanciulla, trasecolata dall’aspetto bislacco dello smargiasso, dapprima si spaventò, poi lo apostrofò con una bella ramanzina. “Signorina, qui ci troviamo di fronte a un grosso granciporro! Non si lasci ingannare dai miei abiti frusti e venga a cena con me.” La donzella, ammaliata da quel lessico forbito, accettò un pasto luculliano, al termine del quale il nostro amico -solipsista solo in apparenza- lasciò addirittura una generosa buonamano. Come finì? Vattelapesca!

Quante di queste parole conoscevate già? Alcune sono cadute quasi in disuso (quelle in neretto), altre invece sono ancora in uso (quelle in azzurro) in contesti in cui si utilizza un linguaggio più ricercato.

Ecco il loro significato: sagittabondo: che scocca sguardi che fanno innamorare fonte: “Il libro delle parole altrimenti smarrite”, Sabrina D’Alessandro (Rizzoli); sciamannato: dal verbo sciammanare: trattare senza ordine, senza riguardo, sciamannato: disordinato, trasandato; sgarzigliona: fanciulla prosperosa fonte: “Il libro delle parole altrimenti smarrite”, Sabrina D’Alessandro (Rizzoli); gaglioffo: cialtrone, buono a nulla, furfante; obnubilarsi: offuscare, offuscarsi, anche in senso figurato; lapalissiano: che è ovvio, chiaro, scontato; meditabondo: immerso in profondi pensieri; girandolare: andare in giro qua e là senza una meta; pleonastico: che costituisce un pleonasmo ovvero una presenza di parole, in genere pronomi o aggettivi, sintatticamente e logicamente superflue, usate spesso con valore rafforzativo, quindi questo aggettivo ha anche significato di superfluo; artefatto: innaturale, falso; trasecolare: meravigliarsi molto, restare stupefatto; bislacco: stravagante, strambo; smargiasso: chi si vanta a sproposito di aver compiuto o di poter compiere imprese eccezionali; apostrofare: rivolgersi improvvisamente a qualcuno con tono duro, di rimprovero, di sdegno; ramanzina: lungo rimprovero; granciporro: errore, svista; frusto: consumato, logoro, liso; ammaliare: incantare, affascinare; forbito: elegante, curato (detto specialmente del modo di parlare, di un discorso); luculliano: detto di banchetto, pasto, piatto sontuoso, raffinato e abbondante; solipsista: chi è estremamente individualista, soggettivista; buonamano: mancia; vattelapesca: vallo a indovinare, va' tu a saperlo, chissà (esprime incertezza, dubbio). Testo tratto da: https://it.babbel.com/it/magazine/parole-italiano-disuso Dopo aver scoperto il significato di queste parole, provate e rileggere il racconto per comprenderne meglio il senso. [post_title] => Parole che non si incontrano tutti i giorni [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ci sono parole che non si incontrano tutti i giorni. Scopriamone alcune leggendo un divertente racconto. Ma niente paura! Scopriremo insieme anche il loro signifcato. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => parole-che-non-si-incontrano-tutti-i-giorni [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-11-23 09:46:47 [post_modified_gmt] => 2017-11-23 08:46:47 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13319 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 11 [filter] => raw ) [5] => WP_Post Object ( [ID] => 13289 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-11-16 09:43:26 [post_date_gmt] => 2017-11-16 08:43:26 [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, si dice il champagne o lo champagne? Il whisky o lo whisky? Scopriamo insieme quali sono le regole per la scelta dell'articolo con i nomi stranieri. Buona lettura! Prof. Anna La scelta dell'articolo da attribuire ai nomi stranieri in genere avviene secondo le stesse regole che si utilizzerebbero per le parole italiane inizianti con lo stesso suono (non necessariamente con le stesse lettere). Ci sono infatti alcune lettere e alcune combinazioni di lettere (non utilizzate in parole italiane) che a seconda della pronuncia vogliono articoli diversi. Vediamo insieme i vari casi. MASCHILE Useremo: • IL (singolare), I (plurale) ⇒ con i nomi maschili che cominciano con consonante: il film, il computer; ⇒ con i nomi maschili che cominciano con ch+vocale quando la pronuncia è c (dolce): il chador, il chopper; ⇒ con i nomi maschili che cominciano con j quando si pronuncia g (dolce): il jet, il jazz; ⇒ con i nomi maschili che iniziano con w sia quando si pronuncia v: il wafer, sia quando si pronuncia u: il whisky; • LO (singolare), GLI (plurale) ⇒ con i nomi maschili che iniziano con s+consonante: lo strudel; ⇒ con i nomi maschili che iniziano con ch+vocale quando la pronuncia è sc: lo champagne, lo chiffon; ⇒ con i nomi maschili che iniziano con sh (pronuncia sc): lo shampoo; ⇒ con i nomi maschili che iniziano con z: lo zapping; ⇒ con i nomi maschili che iniziano con la semiconsonante i (pronuncia i) che può esprimersi con la lettera y: lo yogurt, lo yoga, o con la lettera j: lo junior; ⇒ con i nomi maschili che iniziano con x, gn e ps; • L' (singolare), GLI (plurale) ⇒ con le parole maschili che iniziano per vocale; ⇒ con le parole maschili che iniziano con la h. Poiché in italiano questa consonante non è quasi mai pronunciata, queste parole sono trattate come quelle che cominciano con con una vocale: l'habitat, l'hamburger. Nelle poche parole straniere pronunciate con la h aspirata si può trovare l'articolo lo: lo Hegel, lo hardware, tuttavia anche in questi casi si sta generalizzando l'uso della forma l'. La parola humor può essere pronunciata all'inglese (con la h aspirata) o adattata in jumor (iumor), in entrambi i casi è richiesto l'articolo lo. FEMMINILE Useremo: • LA (singolare), LE (plurale) ⇒ davanti a parole femminili che iniziano con consonante: la reception; ⇒ davanti a parole femminili che cominciano con ch+vocale sia nella pronuncia c (dolce): la Champions League, sia nella pronuncia sc: la chance; ⇒ davanti a parole femminili che iniziano con sh (pronuncia sc): la sharia; ⇒ davanti a parole femminili che cominciano con j quando si pronuncia g (dolce): la jojoba; ⇒ davanti a parole femminili che cominciano con la semiconsonante i, realizzata  con la y: la yurta o con la j: la juventina; ⇒ davanti a parole femminili che iniziano con la lettera h: la hostess, la holding; ⇒ davanti a parole femminili che iniziano con la w: la west coast;L' (singolare), LE (plurale) ⇒ davanti a parole femminili che iniziano con una vocale. Per qualsiasi dubbio sulla pronuncia o sul genere di una parola straniera è bene consultare il vocabolario. Per i dubbi sull'attribuzione del genere alle parole straniere, vi consiglio questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/06/08/il-genere-dei-nomi-stranieri/ Nel seguente esercizio dovrete scegliere l'articolo determinativo singolare corretto. [post_title] => La scelta dell'articolo con i nomi stranieri [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, si dice "il champagne" o "lo champagne"? "Il whisky" o "lo whisky"? Scopriamo insieme quali sono le regole per la scelta dell'articolo con i nomi stranieri. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => la-scelta-dellarticolo-con-i-nomi-stranieri [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-12-07 09:25:28 [post_modified_gmt] => 2017-12-07 08:25:28 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13289 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 13 [filter] => raw ) [6] => WP_Post Object ( [ID] => 13256 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-11-09 09:10:49 [post_date_gmt] => 2017-11-09 08:10:49 [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi studieremo i verbi causativi, vedremo quali sono, il loro significato e soprattutto come si costruisce un periodo in loro presenza. Buona lettura! Prof. Anna I verbi causativi sono verbi che esprimono un’azione non compiuta dal soggetto, bensì fatta compiere ad altri. LA COSTRUZIONE CAUSATIVA I verbi fare e lasciare seguiti da un infinito possono assumere un valore causativo. Vediamo le seguenti frasi: ⇒ ho fatto mangiare i bambini; ⇒ ho fatto mangiare le verdure ai bambini. In queste due frasi il soggetto grammaticale (io) del verbo causativo mette in moto l'azione che verrà poi compiuta dal soggetto logico (i bambini: sono "i bambini" che compiono l'azione del "mangiare"). La costruzione causativa è composta da due frasi unite tra di loro senza congiunzioni o preposizioni. La prima frase ha come predicato una forma del verbo fare o lasciare e la seconda ha come predicato l'infinito di un altro verbo. Ci sono due soggetti che compiono azioni: il primo mette in moto l'azione del secondo "io (soggetto grammaticale) faccio in modo che qualcun altro (soggetto logico) faccia qualcosa". Ci sono diversi modi per esprimere il soggetto logico: • quando il soggetto logico è espresso, ma non è espresso l'oggetto del verbo all'infinito, il soggetto logico segue il verbo all'infinito senza l'uso di preposizione: ho fatto mangiare i bambini, lascio guidare Maria; • quando sono espressi sia il soggetto logico sia l'oggetto, il soggetto logico è introdotto dalla preposizione "a": ho fatto mangiare la verdura (oggetto) ai bambini, lascio guidare la mia macchina (oggetto) a Maria; • se il soggetto logico è espresso mediante un pronome atono diretto (li faccio mangiare, la lascio guidare), questo stesso, in presenza di un un oggetto diretto, diventa un pronome indiretto (faccio mangiare loro la verdura, le lascio guidare la mia macchina). La frase retta da fare o lasciare può avere anche forma esplicita (soprattutto con lasciare) sempre col verbo al congiuntivo: lascio che Maria guidi la mia macchina. SIGNIFICATO DEI VERBI CAUSATIVI I verbi fare e lasciare possono avere due diverse sfumature di significato. Il soggetto del verbo causativo ordina, impone, comanda oppure permette, dà un'autorizzazione. Il verbo fare può avere entrambe le sfumature di significato: • mia madre mi fa sempre mettere in ordine la mia stanza (=mia madre mi impone di mettere in ordine la mia stanza); • mia madre mi fa uscire la sera (=mia madre mi permette di uscire la sera). Il verbo lasciare ha solo la seconda sfumatura di significato:lasciami entrare! (=permettimi di entrare!). Ci sono diverse espressioni cristallizzate formate con questi verbi: far capire = persuadere; • lasciare stare qualcuno = non disturbarlo; • lascia stare! = smetti di fare quello che stai facendo; • lasciamo stare! = non parliamone più; • lasciare perdere = non curarsi, non preoccuparsi di qualcosa. [post_title] => I verbi causativi [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi studieremo i verbi causativi, vedremo quali sono, il loro significato e soprattutto come si costruisce un periodo in loro presenza. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => i-verbi-causativi [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-02-23 09:32:34 [post_modified_gmt] => 2018-02-23 08:32:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13256 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 33 [filter] => raw ) [7] => WP_Post Object ( [ID] => 13225 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-11-02 08:40:27 [post_date_gmt] => 2017-11-02 07:40:27 [post_content] => Abbiamo visto che molti nomi derivano da aggettivi, questo processo di formazione delle parole avviene aggiungendo all'aggettivo un suffisso (http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/10/19/la-formazione-delle-parole-i-suffissi-prima-parte/ ). Nel prossimo esercizio dovrete individuare l’aggettivo da cui deriva il sostantivo. [post_title] => Test 51- I suffissi (nomi da aggettivi) [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => test-51-i-suffissi-prima-parte [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-03-01 09:37:09 [post_modified_gmt] => 2018-03-01 08:37:09 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13225 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 4 [filter] => raw ) [8] => WP_Post Object ( [ID] => 13219 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-11-02 08:39:48 [post_date_gmt] => 2017-11-02 07:39:48 [post_content] => Quanti significati ha il verbo "toccare"? Ripassiamoli col prossimo esercizio. Per rileggere l'articolo dedicato a questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/10/12/i-molti-significati-del-verbo-toccare/ [post_title] => Test 51- I molti significati del verbo "toccare" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => test-51-i-molti-significati-del-verbo-toccare [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-11-02 08:39:48 [post_modified_gmt] => 2017-11-02 07:39:48 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13219 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [9] => WP_Post Object ( [ID] => 13212 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-11-02 08:39:12 [post_date_gmt] => 2017-11-02 07:39:12 [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana è dedicata al ripasso degli ultimi argomenti trattati sul blog. Vi sentite preparati? Buon test! Prof. Anna Col prossimo esercizio ripassiamo le varie forme del superlativo assoluto. Per rileggere gli articoli dedicati a questo argomento prima di affrontare il test: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/09/28/precisazioni-sul-superlativo-assoluto-prima-parte/; http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/10/05/precisazioni-sul-superlativo-assoluto-seconda-parte/ [post_title] => Test 51- Precisazioni sul superlativo assoluto [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana è dedicata al ripasso degli ultimi argomenti trattati sul blog. Vi sentite preparati? [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => test-51-precisazioni-sul-superlativo-assoluto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-11-09 09:13:12 [post_modified_gmt] => 2017-11-09 08:13:12 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13212 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 11 [filter] => raw ) ) [post] => WP_Post Object ( [ID] => 13425 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-12-07 09:23:22 [post_date_gmt] => 2017-12-07 08:23:22 [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo i suffissi che servono a formare nomi da altri nomi. Se avete dei dubbi sul significato di una parola, vi consiglio di consultare il vocabolario. Per ripassare questo argomento potete leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2017/11/30/la-formazione-delle-parole-i-suffissi-seconda-parte/   [post_title] => Test 52- La formazione delle parole: i suffissi (nomi da nomi) [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => test-52-la-formazione-delle-parole-i-suffissi-seconda-parte [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-03-01 09:39:48 [post_modified_gmt] => 2018-03-01 08:39:48 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13425 [menu_order] => 0 [post_type] => benvenuti [post_mime_type] => [comment_count] => 4 [filter] => raw ) )
Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue | Pagina 3