WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 15393
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 3
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 631
    [max_num_pages] => 64
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 1
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => 68e76c571ccee7c16c1acd0382348d47
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 15393
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 3
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (15393) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 20, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14909
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-01-17 09:53:34
                    [post_date_gmt] => 2019-01-17 08:53:34
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, che ne dite di un piccolo ripasso?

Cominciamo con le proposizioni causali, se prima però volete rinfrescarvi le idee potete leggere questi articoli:

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/11/29/la-frase-complessa-le-proposizioni-causali-prima-parte/

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/12/13/la-frase-complessa-le-proposizioni-causali-seconda-parte/
                    [post_title] => Test 59 -  Le proposizioni causali
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, che ne dite di un piccolo ripasso?
Cominciamo con un esercizio sulle proposizioni causali.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-59-le-proposizioni-causali
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-07 10:32:34
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-07 09:32:34
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14909
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 4
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14902
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2019-01-10 10:46:41
                    [post_date_gmt] => 2019-01-10 09:46:41
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, buon anno a tutti! Spero che abbiate cominciato al meglio questo 2019. Il blog oggi riprende le sue attività con un articolo dedicato a un uso particolare dei pronomi possessivi, molto frequente nella lingua parlata. Scopriamo insieme qual è.

Buona lettura!
Prof. Anna

I pronomi possessivi differiscono dagli aggettivi possessivi solo per il fatto che, invece di stare accanto a un nome, lo sostituiscono facendone le veci:

→ hai telefonato a tua (aggettivo possessivo) moglie? Anch'io devo telefonare alla mia (pronome possessivo).

In alcuni casi il pronome possessivo sottintende un sostantivo, assume cioè il significato del nome al posto del quale molto frequentemente si trova.

Vediamo quali significati può avere.

Al maschile singolare può indicare:

• il denaro, la proprietà: nell'impresa ho investito del mio; oppure ciò che spetta: a ciascuno il suo;

• un aspetto naturale e spontaneo: avrai anche studiato molto, però devi ammettere che sei brava di tuo a ballare;

• il solo pronome di prima persona plurale (nostro) nell'uso letterario indica l'autore o il personaggio di cui si sta parlando.

Al maschile plurale:

• i familiari, e in particolare i genitori: abito con i miei;

• gli amici, i compagni, gli alleati:  sei dei nostri?.

Al femminile singolare può indicare:

• una lettera (è uso caratteristico dello stile epistolare, sia privato sia commerciale): faccio seguito alla mia dello scorso 10 giugno per confermare la prenotazione;

• un'idea, un'opinione (soprattutto con i verbi dire, esprimere ecc.): anch'io ho diritto di dire la mia su questo argomento;

• la salute (con la preposizione alla): brindiamo alla nostra!;

• le espressioni dalla mia, dalla tua, dalla sua ecc., usate con i verbi essere, stare, schierarsi, sottintendono parte: la legge è dalla sua.

Al femminile plurale:

• le espressioni una delle mie, una delle tue, una delle sue, usate con i verbi fare, combinare, dire, sottintendono marachelle, malefatte, battute di spirito, sciocchezze: Marco ne ha combinata una delle sue;

• l'espressione stare sulle sue significa non dare confidenza.

Nell'esercizio che segue dovrete scrivere nel riquadro il significato del pronome possessivo presente nella frase.

 

 
                    [post_title] => Uso sostantivato dei pronomi possessivi
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, buon anno a tutti! Spero che abbiate cominciato al meglio questo 2019. Il blog oggi riprende le sue attività con un articolo dedicato a un uso particolare dei pronomi possessivi, molto frequente nella lingua parlata. Scopriamo insieme qual è.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => uso-sostantivato-dei-pronomi-possessivi
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-07 10:32:53
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-07 09:32:53
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14902
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 3
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14847
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-12-20 12:16:29
                    [post_date_gmt] => 2018-12-20 11:16:29
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, anche quest'anno è quasi Natale, un anno sta per finire e un altro sta per cominciare. Mi piacerebbe augurarvi buone feste e uno splendido nuovo inizio con questa canzone di Lucio Dalla dal titolo L'anno che verrà.

Tanti Auguri!
Prof. Anna

Lucio Dalla

Lucio Dalla (Bologna, 4 marzo 1943, Montreux, 1 marzo 2012) è stato un cantautore, musicista, attore e compositore. Musicista di formazione jazz, è stato uno dei più importanti e innovativi cantautori italiani.

Anche gli italiani sbagliano

Quest'anno la sua città natale ha deciso di dedicargli, in una via del centro dove lo stesso Dalla abitava, le luminarie natalizie che recitano i versi della canzone L'anno che verrà. Nel testo però c'era un errore di ortografia!  Nel primo verso caro amico ti scrivo così mi distraggo un po', po' era stato scritto con l'accento e non con l'apostrofo. Ai cittadini più attenti per fortuna l'errore non è sfuggito ed è subito stato corretto.

L'anno che verrà

Questa è una delle più famose canzoni del cantautore bolognese, inserita nell'album che porta lo stesso nome del 1979.

Ecco il testo completo, se incontrate parole che non capite, utilizzate il dizionario on line, basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una finestra, cliccando una volta su questa finestra verrà visualizzato il significato della parola.

Caro amico ti scrivo
Così mi distraggo un po'
E siccome sei molto lontano
Più forte ti scriverò
Da quando sei partito
C'è una grossa novità
L'anno vecchio è finito ormai
Ma qualcosa ancora qui non va
Si esce poco la sera
Compreso quando è festa
E c'è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
E si sta senza parlare per intere settimane
E a quelli che hanno niente da dire del tempo ne rimane
Ma la televisione ha detto che il nuovo anno
Porterà una trasformazione
E tutti quanti stiamo già aspettando
Sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno
Ogni Cristo scenderà dalla croce
E anche gli uccelli faranno ritorno
Ci sarà da mangiare e luce tutto l'anno
Anche i muti potranno parlare
Mentre i sordi già lo fanno
E si farà l'amore ognuno come gli va
Anche i preti potranno sposarsi
Ma soltanto a un a certa età
E senza grandi disturbi qualcuno sparirà
Saranno forse i troppi furbi
E i cretini di ogni età
Vedi caro amico cosa ti scrivo e ti dico
E come sono contento di essere qui in questo momento
Vedi, vedi, vedi, vedi
Vedi caro amico cosa si deve inventare
Per poter riderci sopra
Per continuare a sperare
E se quest'anno poi passasse in un istante
Vedi amico mio come diventa importante
Che in questo istante ci sia anch'io
L'anno che sta arrivando tra un anno passerà
Io mi sto preparando
È questa la novità

Ecco la canzone: https://www.youtube.com/watch?v=6-BnI83WbME

Ascoltate la canzone un paio di volte, poi, seguendo il testo, provate a cantarla. È divertente ed è un ottimo esercizio di pronuncia.

Immagine tratta da: https://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cosa%20fare/foto/lucio-dalla-1.4325507

 
                    [post_title] => L'anno che verrà di Lucio Dalla
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, anche quest'anno è quasi Natale, un anno sta per finire e un altro sta per cominciare. Mi piacerebbe augurarvi buone feste e uno splendido nuovo inizio con questa canzone di Lucio Dalla dal titolo "L'anno che verrà".
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => lanno-che-verra-di-lucio-dalla
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-01-28 11:24:53
                    [post_modified_gmt] => 2019-01-28 10:24:53
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14847
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 20
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14816
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-12-13 10:40:42
                    [post_date_gmt] => 2018-12-13 09:40:42
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi completiamo lo studio delle proposizioni causali iniziato un paio di settimane fa.

Buona lettura!

Prof. Anna

ELEMENTI CHE INTRODUCONO LE CAUSALI

Gli elementi che introducono le proposizioni causali sono numerosi. Qualche settimana fa ne abbiamo visti alcuni: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/11/29/la-frase-complessa-le-proposizioni-causali-prima-parte/, oggi ne vediamo altri:

• siccome (=così come) è sempre più frequente nell'uso comune, ha origine comparativa, come a mettere in evidenza che quello che avviene nella proposizione dipendente e nella sua reggente sono consequenzialmente proporzionali. Di solito la causale così introdotta è anteriore alla reggente: siccome non l'ho visto, non l'ho salutato;

• che (anche accentato ché) è (insieme a perché) il funzionale causale più ricorrente nel parlato e nello scritto; presenta la causa come una semplice spiegazione che segue la reggente: fate presto che (ché) perdiamo il treno;

• in quanto (che), inquantoché presentano la causa come proporzionale al suo effetto: non ti hanno promosso, in quanto non hai studiato;tanto più che serve a rafforzare il contenuto della reggente (con un significato esplicativo del tipo anche perché); il costrutto di solito segue la reggente: non ho voglia di venire, tanto più che ho anche mal di testa;

• per il fatto che, per la ragione che, per il motivo che, per via che, grazie al fatto che introducono una proposizione causale di preferenza posposta alla reggente: mi è venuto il raffreddore per il fatto che l'altra sera ho preso freddo;

• quando può introdurre una proposizione temporale con funzione causale col significato di visto che, giacché, dal momento che: quando ti dico che non lo so, non lo so davvero!;come interposto: il costrutto predicativo formato da aggettivo o sostantivo o avverbio o participio passato + come + verbo ha un valore causale: pauroso com'è (=poiché è pauroso) non ci andrà;

• un altro costrutto causale è quello formato da: da + predicativo (spesso rafforzato da quello) + che + essere: Marco, da quel furbacchione che è ( =poiché è un furbacchione), riesce sempre a cavarsela.

PRECISAZIONI SUI MODI VERBALIIl gerundio passato è tipico di questo costrutto quando è implicito: non avendolo visto, pensammo che non sarebbe venuto.L'infinito presente preceduto da per tende più al valore finale che a quello causale, occorre fare attenzione al significato generale del costrutto:  Per i valori causali è più usato l'infinito passato preceduto da per:

-  infinito presente causale: per essere tuo padre, ho il dovere di consigliarti (=poiché sono tuo padre… );

- infinito presente finale: sono qui per parlare con te (sono qui con il fine, con l'intenzione di parlare con te);

- infinito passato causale: sono soddisfatto per avergli finalmente detto la verità.

• causa reale e causa non reale: quando sono presenti due cause oggettivamente possibili e chi parla ritiene una reale (perché) e l'altra non reale (non perché) , quest'ultima ha il verbo al congiuntivo: ti sto ascoltando non perché io non abbia di meglio da fare, ma perché mi interessa quello che dici; è possibile anche usare il condizionale se c'è una sfumatura eventuale-ipotetica: non ci vado, non perché non mi piacerebbe, ma perché non ho tempo.
                    [post_title] => La frase complessa: le proposizioni causali (seconda parte)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi completiamo lo studio delle proposizioni causali iniziato un paio di settimane fa.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-frase-complessa-le-proposizioni-causali-seconda-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-07 10:33:16
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-07 09:33:16
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14816
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 11
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14788
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-12-06 11:18:08
                    [post_date_gmt] => 2018-12-06 10:18:08
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, alcune espressioni provenienti dalla lingua latina sopravvivono in italiano e sono usate nella lingua di tutti i giorni. Vediamole insieme.

Buona lettura!
Prof. Anna

Ecco alcune espressioni latine che si usano frequentemente in italiano, nel parlato quotidiano:

• ad hoc = per questo. Questa espressione è usata per significare che una persona, un oggetto, un mezzo, un argomento sono proprio quelli adatti al caso: ho trovato la persona ad hoc per questo lavoro; questo vestito è stato fatto ad hoc (appositamente) per la cerimonia di stasera;

• alter ego = l'altro me stesso. Significa sostituto o in genere persona che fa le veci di un’altra e ha facoltà di decidere in suo nome:  il direttore è partito e ha lasciato qui il suo alter ego. Può indicare un altro sé, una seconda personalità all'interno di una stessa persona, con caratteristiche nettamente distinte dalla prima. In letteratura, oltre ad esempi celebri come il dottor Jekyll e il suo alter ego signor Hyde, il termine si usa per qualificare un personaggio di un'opera che è psicologicamente analogo all'autore e le cui azioni o pensieri rappresentano quelli dell'autore stesso. A volte con lo stesso termine si qualifica anche il migliore amico di un altro personaggio, spesso del protagonista;

• aula magna = questa espressione si traduce con aula grande e viene utilizzata per indicare le stanze più grandi di un edificio (solitamente di un'università o di un edificio pubblico), dove generalmente vengono svolte le riunioni più importanti: la conferenza si terrà nell'Aula Magna;

• ergo = significa quindi, per ciò, si usa per concludere un ragionamento:  non ha mantenuto la parola: ergo è un bugiardo;

• errata còrrige = si traduce con correggi le cose sbagliate, questa espressione si usa per indicare l’elenco delle imprecisioni, delle sviste e degli errori contenuti in un testo.Nella lista si specifica l'errore che si è commesso e la pagina, riportandone la sua correzione. Generalmente appare alla fine del libro in una delle ultime pagine:  è stato necessario aggiungere un errata corrige;

• forma mentis = si traduce con forma della mente e viene usato infatti per indicare la struttura mentale che determina il modo di considerare e interpretare la realtà e che si forma nell’individuo per indole, educazione, cultura e influenze esterne: la mia forma mentis non mi permette di comportarmi in questo modo;

• habitat = deriva dalla terza persona singolare del presente del verbo habitare che si traduce con (egli) abita. Questa parola viene usata per indicare il luogo in cui determinate condizioni fisiche e ambientali permettono a una specie di sopravvivere, in senso figurato indica un ambiente congeniale alle proprie inclinazioni o ai propri gusti: sono un'attrice, il palcoscenico è il mio habitat naturale;

• idem = significa la stessa cosa, il medesimo elemento, ugualmente, allo stesso modo, pure: io sono stato uno sciocco, e tu idem (=e tu pure);

• in calce = nel calcagno. L'espressione significa in fondo, a piè di pagina, al termine di un testo: è necessario porre l’indirizzo in calce alla domanda;in extremis = nel momento estremo. Questa espressione  inizialmente veniva usata col significato: in punto di morte. Oggi significa all'ultimo momento, poco prima della scadenza: il provvedimento è stato firmato in extremis; 

in flagrante (crimine) = l’espressione deriva dal latino flagrans –antis, participio presente del verbo flagrare che significa ardere: mentre (il delitto) brucia ancora. Viene usata nel linguaggio giuridico per indicare un atto commesso nel momento in cui viene scoperto: cogliere in furto flagrante; viene poi usato a livello figurativo per indicare una azione evidente e manifesta: in flagrante contraddizione; cogliere qualcuno in flagrante (=cogliere qualcuno mentre commette il fatto).

Tratto da:

https://libreriamo.it/scuola/lingua-italiana/10-espressioni-latine-usiamo-ancora-oggi/

https://nuovoeutile.it/latino/

Se volete conoscere altre espressioni latine in uso nella lingua italiana, vi consiglio di leggere anche questo articolo, pubblicato tempo fa sul blog: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2014/04/24/espressioni-latine-di-uso-corrente/
                    [post_title] => Espressioni latine di uso corrente 2
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, alcune espressioni provenienti dalla lingua latina sopravvivono in italiano e sono usate nella lingua di tutti i giorni. Vediamole insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => espressioni-latine-di-uso-corrente-2
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-02-07 10:33:39
                    [post_modified_gmt] => 2019-02-07 09:33:39
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14788
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 14
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14731
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-11-29 10:58:29
                    [post_date_gmt] => 2018-11-29 09:58:29
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, dato che è da un po' di tempo che non lo facciamo, oggi riprendiamo lo studio delle proposizioni subordinate e in particolare delle proposizioni causali.

Buona lettura!
Prof. Anna

Le proposizioni causali indicano la causa, la ragione di quanto avviene nella principale: sono scivolato perché il pavimento era bagnato.

Le causali esplicite possono essere introdotte dalle congiunzioni perché, poiché, giacché, siccome, che, ché, dato che, visto che, dal momento che, in quanto (che), per il fatto che, considerato che ecc.

Nelle causali esplicite il modo verbale può essere:

• l'indicativo (che è il più frequente): visto che non arriva, partirò da solo;

• il condizionale (per dare un valore di eventualità ipotetica, desiderativa o quando ci sono intenzioni attenuative): non andrei con lui perché mi annoierei;

• il congiuntivo (per dare valore potenziale o soggettivo): si sentiva felice del fatto che le avessero (avevano) ritrovato il cagnolino.

Le causali implicite possono avere:

• l'infinito, per lo più passato, preceduto da per, a, per il fatto di: è contento per aver ottenuto la promozione;

• il gerundio  (presente o passato): avendo lavorato tutto il giorno, sono molto stanco;

• il participio passato: finiti i compiti (=poiché avevo finito i compiti), mi sentii soddisfatto.

Approfondiamo ora la funzione e l'uso degli elementi più ricorrenti che introducono le causali (poiché sono abbastanza numerosi, oggi ne vedremo solo alcuni, i restanti li studieremo nel prossimo articolo dedicato alle causali):

• perché è la congiunzione causale per eccellenza, introduce una causa con valore di spiegazione , che, generalmente, viene messa dopo la proposizione reggente: non sono andato in ufficio perché non mi sono sentito bene. Quando perché è a inizio periodo o è un avverbio interrogativo (che introduce una proposizione interrogativa)  o è una risposta a una domanda: ti ho chiesto il libro perché io non ce l'ho (causale); "perché non hai il libro?" (interrogativa) "perché l'ho dimenticato" (risposta = non ho il libro perché… );

• poiché, dal momento che introducono più spesso una causale posta prima della proposizione reggente in quanto rispetto ai fatti della reggente sottolinea il senso di anteriorità della causa da cui tali fatti sono originati: poiché abbiamo finito, ce ne possiamo andare; giacché non è molto usato nella lingua corrente, anch'esso sottolinea l'anteriorità della causa rispetto al fatto espresso nella reggente a cui di solito si antepone: giacché ci siamo, divertiamoci!;

• ora che, adesso che conservano il loro valore temporale e lo aggiungono a quello causale, anche con essi la causale si antepone alla reggente: adesso che lo so, farò un po' più di attenzione;

• visto che, dato che segnalano una causa come una constatazione, un dato di fatto. La causale che introducono è di preferenza prima della reggente: visto che pioveva, ho dovuto comprarmi l'ombrello;

• considerato che, posto che, visto e considerato che hanno il valore di visto che e dato che, ma sono più frequenti in linguaggi speciali, come quello amministrativo: posto che i fatti si sono svolti come il testimone ha dichiarato, l'accusato risulta non avere commesso alcuna infrazione alla legge;

• se introduce un costrutto il cui originario valore condizionale può essere la causa del fatto contenuto nella reggente: scusami se (=poiché) ti disturbo.
                    [post_title] => La frase complessa: le proposizioni causali (prima parte)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, dato che è da un po' di tempo che non lo facciamo, oggi riprendiamo lo studio delle proposizioni subordinate e in particolare delle proposizioni causali.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-frase-complessa-le-proposizioni-causali-prima-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-01-07 10:15:11
                    [post_modified_gmt] => 2019-01-07 09:15:11
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14731
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 26
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14696
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-11-22 10:57:30
                    [post_date_gmt] => 2018-11-22 09:57:30
                    [post_content] => Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, il verbo tenere ha un significato molto ampio e per questo è molto versatile e adatto a formare espressioni di vario genere. Oggi ne vedremo alcune, approfondendone il significato e gli usi.

Buona lettura!

Prof. Anna

Il verbo tenere è un verbo della seconda coniugazione, può essere usato transitivamente o intransitivamente. L'ausiliare è avere in entrambi i casi.

La forma tieni dell'imperativo può assumere in unione con particelle pronominali le forme tiemmi (per tienimi), tienne (per tienine), tiello (per tienilo). Tienti è l'imperativo della forma intensiva o riflessiva tenersi (tienti forte!).

Vediamo insieme alcune espressioni formate con questo verbo:

• tenere qualcosa da conto ⇒ conservare qualcosa con cura: questo orologio ha un grande valore, tienilo da conto!;

• tieni conto di qualcosa ⇒ prendere qualcosa in considerazione, dare il giusto peso a qualcosa: nel conteggio delle spese tieni conto della benzina;tenere qualcosa a mente ⇒ ricordare qualcosa: mi raccomando, tieni a mente l'ora dell'appuntamento;

• tenere il piede in due staffe ⇒ barcamenarsi tra due posizioni tra loro opposte, allo scopo di uscire senza danno da una situazione difficile: Marco non sa se rimanere con sua moglie o continuare la relazione con Lucia, per ora tiene il piede in due staffe;

• tenere la lingua a posto, tenere a freno la lingua ⇒ non parlare, non insultare qualcuno: spesso non sai tenere la lingua a posto e parli a sproposito;

• tenere qualcuno o qualcosa in pugno ⇒ avere qualcuno in proprio potere, essere sicuro di ottenere qualcosa, : i ladri non hanno scampo, la polizia li ha intercettati e ormai li tiene pugno;

• tener in piedi ⇒ mandare avanti, sorreggere con la propria azione o anche solo con la propria presenza: è lui che tiene in piedi la baracca;tenere le distanze ⇒ non entrare in confidenza con qualcuno, mantenere un atteggiamento distaccato: è meglio tenere le distanze da quella persona, non mi ispira fiducia; tenere a bada qualcuno o qualcosa ⇒  tenere qualcuno o qualcosa sotto controllo o sotto sorveglianza  per evitare che si opponga a qualcosa o qualcuno con atti o parole o per guadagnare tempo e potersi difendere meglio: vai pure, li tengo a bada io; tenere d'occhio qualcuno o qualcosa⇒ sorvegliare, controllare qualcuno o qualcosa , spiare, controllarne i movimenti: tieni d'occhio tuo fratello, non voglio che combini qualche guaio;  tenere il broncio, tenere il muso   mostrarsi sdegnoso e taciturno nei confronti di qualcuno da cui si ritiene di aver ricevuto un’offesa o un torto: è una settimana che mi tiene il broncio.
                    [post_title] => I molti significati del verbo "tenere"
                    [post_excerpt] => Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, il verbo "tenere" ha un significato molto ampio e per questo è molto versatile e adatto a formare espressioni di vario genere. Oggi ne vedremo alcune, approfondendone il significato e gli usi.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => i-molti-significati-del-verbo-tenere
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-12-06 11:20:36
                    [post_modified_gmt] => 2018-12-06 10:20:36
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14696
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 88
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14691
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-11-15 11:23:07
                    [post_date_gmt] => 2018-11-15 10:23:07
                    [post_content] => Ripassiamo l'uso degli avverbi mica e manco con il prossimo esercizio.

Se non vi sentite sicuri su questo argomento, vi consiglio di leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/11/08/uso-degli-avverbi-mica-e-manco/

 
                    [post_title] => Test 58- Uso degli avverbi "mica" e "manco"
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-58-uso-degli-avverbi-mica-e-manco
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-11-15 11:23:07
                    [post_modified_gmt] => 2018-11-15 10:23:07
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14691
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14688
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-11-15 11:22:49
                    [post_date_gmt] => 2018-11-15 10:22:49
                    [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo la pronuncia corretta della vocale o all'interno delle parole.

Per non sbagliare, leggete l'articolo relativo a questo argomento: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/10/31/la-pronuncia-della-vocale-o/

 
                    [post_title] => Test 58- La pronuncia della vocale "o"
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-58-la-pronuncia-della-vocale-o
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-11-15 11:22:49
                    [post_modified_gmt] => 2018-11-15 10:22:49
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14688
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14684
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-11-15 11:22:29
                    [post_date_gmt] => 2018-11-15 10:22:29
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi ripassiamo gli argomenti che abbiamo affrontato nelle ultime settimane. Primo tra tutti l'uso del punto e della virgola.

Buon test!

Prof. Anna

Quando si usano il punto e la virgola? Quando non si usano?

Per ripassare questo argomento prima di affrontare il test, vi consiglio di leggere il seguente articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/10/25/la-punteggiatura-il-punto-e-la-virgola/

 
                    [post_title] => Test 58- La punteggiatura: il punto e la virgola
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi ripassiamo gli argomenti che abbiamo affrontato nelle ultime settimane. Primo tra tutti l'uso del punto e della virgola.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-58-la-punteggiatuta-il-punto-e-la-virgola
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2019-01-13 09:36:01
                    [post_modified_gmt] => 2019-01-13 08:36:01
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14684
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 14909
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2019-01-17 09:53:34
            [post_date_gmt] => 2019-01-17 08:53:34
            [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, che ne dite di un piccolo ripasso?

Cominciamo con le proposizioni causali, se prima però volete rinfrescarvi le idee potete leggere questi articoli:

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/11/29/la-frase-complessa-le-proposizioni-causali-prima-parte/

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/12/13/la-frase-complessa-le-proposizioni-causali-seconda-parte/
            [post_title] => Test 59 -  Le proposizioni causali
            [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, che ne dite di un piccolo ripasso?
Cominciamo con un esercizio sulle proposizioni causali.
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => test-59-le-proposizioni-causali
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2019-02-07 10:32:34
            [post_modified_gmt] => 2019-02-07 09:32:34
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14909
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 4
            [filter] => raw
        )

)
Archivi: Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue | Pagina 3