WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13976
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 2
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 574
    [max_num_pages] => 58
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 1
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => 2cfe7bec1cb5c02ad88c0d83c982a3f4
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13976
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 2
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (13976) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 10, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13707
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-03-01 09:48:16
                    [post_date_gmt] => 2018-03-01 08:48:16
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ci dedichiamo al ripasso degli ultimi argomenti trattati sul blog.

Cominciamo con un esercizio sull'uso di no e non.

Per ripassare questo argomento prima di fare il test, potete leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/01/11/no-o-non/

Buon test! ;-)

Provate a inserire no o non nelle seguenti frasi.
                    [post_title] => Test 53- No o non?
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ci dedichiamo al ripasso degli ultimi argomenti trattati sul blog. 
Cominciamo con un esercizio sull'uso di "no" e "non".
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-53-no-o-non
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-15 09:35:50
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-15 08:35:50
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13707
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 10
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13712
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-02-22 09:51:26
                    [post_date_gmt] => 2018-02-22 08:51:26
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana continuiamo il nostro studio delle proposizioni temporali. Come si costruiscono in caso di posteriorità della reggente rispetto alla subordinata? Vediamolo insieme.

Buna lettura!
Prof. Anna

Nelle precedenti settimane abbiamo studiato le temporali in caso di contemporaneità della reggente: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/01/18/la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-1/

e in caso di anteriorità della reggente: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/02/01/la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-2/

oggi vedremo le caratteristiche delle proposizioni temporali in caso di posteriorità della reggente.

FORMA ESPLICITA

In caso di posteriorità della reggente, la temporale esplicita può essere introdotta da:

⇒ dopo che, una volta che solitamente con il verbo all'indicativo: mi sentirò più tranquillo dopo che avrò finito questo lavoro; una volta che sarai arrivato, telefonami;

⇒ le congiunzioni quando, come e la locuzione (non) appena sono impiegate per indicare una rapida successione tra i due avvenimenti: quando lo vedrò, glielo dirò; come lo riconobbi, lo abbracciai.

Quando la circostanza temporale è nel futuro e da chi parla o scrive è sentita come ipotetica, si può avere il congiuntivo passato se nella reggente c'è un futuro (o un presente): questa seconda casa, una volta che tu l'abbia comprata, potrà (può) farti comodo, o trapassato se nella reggente c'è un condizionale passato o un indicativo imperfetto: mi assicurò che questa seconda casa, una volta che l'avessi comprata, avrebbe potuto (poteva) farmi comodo.

Normalmente il rapporto di anteriorità della proposizione temporale viene messo in evidenza dai tempi verbali usati:

Tuttavia con quando e appena si può sentire la necessità di usare lo stesso tempo della reggente per sottolineare la rapida successione dei fatti: quando arriverò, vi telefonerò.

FORMA IMPLICITA

Il costrutto implicito si costruisce con:

⇒ l'infinito passato preceduto da dopo: dopo aver mangiato, faremo una passeggiata;

⇒ il participio passato, anche preceduto da una volta, dopo, subito dopo, appena: finiti i compiti, usciremo a giocare; una volta presa la laurea, che farai?; usciremo dopo mangiato.
                    [post_title] => La frase complessa: le proposizioni temporali (posteriorità)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana continuiamo il nostro studio delle proposizioni temporali. Come si costruiscono in caso di posteriorità della reggente rispetto alla subordinata? Vediamolo insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-posteriorita
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-08 09:48:49
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-08 08:48:49
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13712
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 15
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13681
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-02-15 09:53:17
                    [post_date_gmt] => 2018-02-15 08:53:17
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, vi piacerebbe imparare il congiuntivo cantando?  C'è una canzone che fa al caso vostro, è stata scritta da un giovane professore che, con ironia, spiega come si usa questo modo verbale. Ascoltiamola insieme.

Buona lettura e buon ascolto!
Prof. Anna

Il congiuntivo, si sa, è un modo verbale molto importante, ci permette di esprimere le nostre opinioni, i nostri dubbi, le nostre incertezze. Da alcuni anni però sembra che stia attraversando un momento di crisi:  si usa sempre meno e si usa scorrettamente, non solo dai parlanti comuni, ma anche da giornalisti e politici.

Un giovane professore di matematica ha deciso di lanciare una provocazione e scrivere una canzone che, in modo ironico e originale, spiega l'uso del congiuntivo.

Lorenzo Baglioni ha 31 anni ed è toscano. Da due anni pubblica video di canzoni comiche su YouTube e da circa un anno si è specializzato in canzoni didattiche, quasi tutte su argomenti scientifici. Quest'anno  è stato uno dei cantanti in gara a Sanremo per la categoria “Nuove proposte”.

Leggiamo insieme il testo della sua canzone "Il congiuntivo".

Vi ricordo che, se ci sono parole che non conoscete, potete consultare il dizionario online basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra apparirà il significato.

Il congiuntivo di Lorenzo Baglioni

Che io sia

che io fossi

che io sia stato

oh-oh-oh

Oggigiorno chi corteggia

incontra sempre più difficoltà

coi verbi al congiuntivo

Quindi è tempo di riaprire

il manuale di grammatica

che è molto educativo

Gerundio imperativo

e infinito indicativo

molti tempi e molte coniugazioni ma

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo

e si usa per eventi

che non sono reali

È relativo a ciò che è soggettivo

a differenza di altri modi verbali

E adesso che lo sai anche tu

non lo sbagli più

Nel caso che il periodo sia della tipologia dell'irrealtà (si sa)

ci vuole il congiuntivo

Tipo se tu avessi usato

il congiuntivo trapassato

con lei non sarebbe andata poi male

condizionale

segui la consecutio temporum

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo

e si usa per eventi

che non sono reali

È relativo a ciò che è soggettivo

a differenza di altri modi verbali

E adesso ripassiamo un po' di verbi al congiuntivo

che io sia (presente)

che io fossi (imperfetto)

che io sia stato (passato)

che io fossi stato (trapassato)

che io abbia (presente)

che io avessi (imperfetto)

che io abbia avuto (passato)

che io avessi avuto (trapassato)

che io...vorrei

Il congiuntivo

come ti dicevo

si usa in questo tipo di costrutto sintattico

Il tentativo è quasi riflessivo

descritto dal seguente esempio didattico

E adesso che lo sai anche tu

non lo sbagli più

Ed ora ascoltiamo la canzone!

https://www.youtube.com/watch?v=8bfYQZPLCEA

Non poteva mancare un esercizio sul congiuntivo. Coniugate il verbo tra parentesi al tempo verbale del congiuntivo che vi viene suggerito.
                    [post_title] => Il congiuntivo in una canzone
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, vi piacerebbe imparare il congiuntivo cantando?  C'è una canzone che fa al caso vostro, è stata scritta da un giovane professore che, con ironia, spiega come si usa questo modo verbale. Ascoltiamola insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => il-congiuntivo-in-una-canzone
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-05 10:04:41
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-05 08:04:41
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13681
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 15
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13665
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-02-08 10:01:30
                    [post_date_gmt] => 2018-02-08 09:01:30
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, attraverso il processo di suffissazione si possono formare nomi che derivano da verbi. Quali sono i suffissi che hanno questa funzione?

Buona lettura!

Prof. Anna

Vediamo insieme quali sono i suffissi che servono a formare nomi da verbi e qual è il loro uso specifico:

• - aggiolav-are → lav-aggio, abbordare → abbordaggio;

• - ante, -entecantare→cantante, supplire→supplente;

• - ato, -ito, -ata, -uta ⇒ la parola derivata assume la forma del participio passato, maschile o femminile: ulul-are→ulul-ato, ruggire→ruggito, bere→bevuta;

• - mento⇒ serve a esprimere un'idea verbale: cambi-are→cambia-mento, nutrire→nutrimento;

• -tore (maschile), -trice (femminile)⇒ servono per lo più a formare nomi di persone in relazione a una loro particolare attività: danz-are→danza-tore, danza-trice, giocare→giocatore, giocatrice;

• - zione, -sione ⇒ servono a formare nomi femminili che esprimono l'effetto dell'azione da cui derivano: operare→operazione, in alcuni casi e nel caso dei derivati in -sione, la base è costituita dal participio passato: dividere→diviso→divisione oppure da una forma colta: accensione deriva dal latino tardo accensionem, a sua volta derivato dal verbo latino accendere;

• -ura ⇒ si aggiunge al tema del participio passato del verbo dal quale derivano e di cui indicano il risultato: chiudere→chiuso→chiusura, leggere→letto→lettura;

• - toio, -soio: in genere servono a formare nomi indicanti luoghi con particolari destinazioni, oppure strumenti: essiccare→essiccatoio, rasare→rasoio;

• -ino⇒ in genere serve a formare nomi di mestieri: imbiancare→imbianchino, arrotare→arrotino;

• -torio⇒ in genere serve a formare nomi indicanti luoghi: consultare→consultorio;

• -erìa⇒ serve a formare nomi di luoghi dove si svolge un'attività: fondere→fonderia;

•- ìo ⇒ indica un'azione continuata: calpestare→calpestio, cigolare→cigolio.

Se avete dubbi o incertezze nel completare l'esercizio che segue, vi consiglio di utilizzare il vocabolario.
                    [post_title] => La formazione delle parole: i suffissi (nomi da verbi)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, attraverso il processo di suffissazione si possono formare nomi che derivano da verbi. Quali sono i suffissi che hanno questa funzione?
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-formazione-delle-parole-i-suffissi-terza-parte
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-03-01 09:40:46
                    [post_modified_gmt] => 2018-03-01 08:40:46
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13665
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 8
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13647
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-02-01 09:49:13
                    [post_date_gmt] => 2018-02-01 08:49:13
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana vedremo come si comportano le proposizioni temporali quando l'evento della reggente è anteriore a quello della subordinata.

Buona lettura!
Prof. Anna

Due settimane fa abbiamo studiato le proposizioni temporali che hanno un rapporto di contemporaneità con la reggente: http://lalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/01/18/la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-1/

Vediamo ora quali sono gli elementi che introducono questo tipo di temporali e quali modi verbali è necessario utilizzare quando l'evento della reggente è anteriore.

FORMA ESPLICITA

La proposizione temporale esplicita può essere introdotta da:

• prima che, avanti che (poco comune). Il verbo è al congiuntivo presente o imperfetto: andiamo a casa prima che faccia buio, si ha l'indicativo quando prima che significa appena: ti chiamo prima che posso;finché, sinché, fino a che, sino a che, fin quando, fino a quando, al momento in cui. In questi casi viene messo in evidenza il punto nel tempo in cui , sopraggiungendo il fatto della reggente, la circostanza temporale ha termine.

Il modo verbale può essere l'indicativo o il congiuntivo se la circostanza ha valore ipotetico: lo aspetteremo finché arriverà, lo aspetteremo finché arrivi. L'indicativo se la circostanza è reale: lo ho aspettato finché è arrivato, o il condizionale se la circostanza è virtuale: decisi che lo avrei aspettato fin quando non sarebbe arrivato.

IL NON INTENSIVO

Le congiunzioni finché, sinché, fino a che, sino a che, fin quando, fino a quando possono essere accompagnate da non (finché non, fino a quando non ecc.) che dà un valore intensivo: lo aspetteremo finché non arriverà, lo ho aspettato fino a quando non è arrivato.

Il non intensivo non si può utilizzare se finché ha il significato di per tutto il tempo chepotete stare fuori finché c'è il sole .

Naturalmente il non è necessario quando la reggente è negativa: non ci andrò finché non mi chiameranno.

FORMA IMPLICITA

La forma implicita può avere l'infinito presente o passato preceduto da prima di: prima di partire verrò a salutarti.

La forma implicita può essere introdotta da fino a con infinito, in questo caso si aggiunge al valore temporale una sfumatura consecutiva: mangiò fino a star male.
                    [post_title] => La frase complessa: le proposizioni temporali (anteriorità)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana vedremo come si comportano le proposizioni temporali quando l'evento della reggente è anteriore a quello della subordinata.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-2
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-02-21 10:04:56
                    [post_modified_gmt] => 2018-02-21 09:04:56
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13647
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 19
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13605
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-01-25 09:30:51
                    [post_date_gmt] => 2018-01-25 08:30:51
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, spesso ci sono dei dubbi sulla preposizione da far seguire a "grazie". Si dice "grazie di" o "grazie per"? "Grazie" può reggere una frase? Una frase come "grazie di aiutarmi" è corretta?

Scopriamolo insieme.

Buona lettura!

Prof. Anna

Grazie è una parola che può sintetizzare un'intera frase. Proviene dall'espressione verbale rendere grazie a qualcuno. 

Si usa per ringraziare, per esprimere la propria gratitudine: tante grazie!, mille grazie!, grazie di cuore!.

Grazie di o grazie per?

Grazie regge un complemento indiretto che può essere introdotto sia dalla preposizione di sia dalla preposizione per: grazie dell'aiuto; grazie per l'aiuto. Entrambi i costrutti sono corretti. Nell'espressione grazie di tutto è corretto usare di, mentre si usa per se la frase continua: grazie per tutto ciò che hai fatto per me.

Se la parola grazie è seguita dalla preposizione a significa per merito di, con l'aiuto di: tutto è andato bene grazie a te, ha ottenuto quel lavoro grazie a una raccomandazione.

Grazie può reggere una frase?

Grazie può anche essere l'elemento che regge una proposizione subordinata causale con il verbo all'infinito introdotta da di: grazie di essere venuto, o da per: grazie per essere venuto. Notiamo che in queste frasi il tempo verbale è l'infinito passato, questo perché ci si riferisce a un evento passato e quindi si esprime la propria gratitudine per qualcosa che è già avvenuto.

Capita però, soprattutto in contesti di lavoro o burocratico-amministrativi, di incontrare frasi come: grazie di inviarmi i documenti, in questo caso la parola grazie è seguita da un infinto presente, la frase si riferisce a un evento futuro, che non è ancora avvenuto (vi ringrazio se mi invierete documenti). È corretto questo costrutto?

Le frasi costruite con grazie + infinito presente, che si riferiscono quindi a un evento che deve ancora accadere, in italiano non sono corrette, vengono (erroneamente) utilizzate per comunicare qualcosa rapidamente e in  maniera concisa. Questo tipo di frasi possono essere sostituite da proposizioni ipotetiche: grazie per inviarmi i documenti può diventare: vi ringrazio anticipatamente se vorrete inviarmi i documenti oppure vi sarò grato se mi invierete i documenti.

                    [post_title] => Grazie di o grazie per?
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultua blog, spesso ci sono dei dubbi sulla preposizione da far seguire a "grazie". Si dice "grazie di" o "grazie per"? "Grazie" può reggere una frase? Una frase come "grazie di aiutarmi" è corretta? Scopriamolo insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => grazie-di-o-grazie-per
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-02-28 09:33:47
                    [post_modified_gmt] => 2018-02-28 08:33:47
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13605
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 14
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13579
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-01-18 09:46:25
                    [post_date_gmt] => 2018-01-18 08:46:25
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi riprendiamo il nostro approfondimento sui diversi tipi di proposizioni. Le temporali esprimono una relazione di tempo tra subordinata e reggente. Vediamone insieme le caratteristiche.

Buona lettura!
Prof. Anna

Le proposizioni temporali indicano le circostanze di tempo in cui si svolgono i fatti espressi nella proposizione principale.

Si distinguono tre categorie di rapporti temporali:

• contemporaneità: gli eventi della reggente e della subordinata sono contemporanei;

• posteriorità: l'evento della reggente è posteriore a quello della subordinata;

• anteriorità: l'evento della reggente è anteriore rispetto a quello della subordinata.

Oggi vedremo le temporali che hanno un rapporto di contemporaneità con la reggente.

Le temporali possono essere espicite o implicite.

FORMA ESPLICITA

Le temporali esplicite possono avere l'indicativo, il congiuntivo o il condizionale a seconda degli specifici significati: realtà, ipotesi, eventualità.

Le temporali che esprimono contemporaneità rispetto alla reggente possono essere introdotte da: quando, come, appena, non appena, mentre, nel momento che, intanto che, tanto che, al tempo che (in cui), nell'istante che (in cui) ecc.

Il verbo è per lo più all'indicativo perché solitamente si indicano circostanze reali, la collocazione della temporale è in genere prima della reggente: mentre mangio, guardo la televisione; quando lo vedrò, glielo dirò. In quest'ultimo esempio non c'è vera e propria contemporaneità, tuttavia i fatti sono in così rapida successione da sembrare contemporanei.

Si usa il congiuntivo se la circostanza temporale collocata nel futuro si presenta con valore ipotetico o concessivo, soprattutto con appena e non appena, meno frequente con quando: glielo dirò non appena tu lo voglia.

Vediamo nello specifico gli elementi che introducono le temporali che esprimono un rapporto di contemporaneità:

• quando: è la congiunzione temporale per eccellenza, può introdurre rapporti di contemporaneità, anteriorità e posteriorità. Per più specifiche determinazioni temporali può essere anche preceduta da una preposizione: di, a, per, da (da quando, a quando): quando sei pronto, andiamo; non la sento da quando è partita. La congiunzione quando può essere rafforzata da ecco, per sottolineare la concomitanza tra le azioni espresse dalla reggente e dalla subordinata: stavo iniziando a mangiare, quand'ecco che squilla il telefono, è possibile avere anche una subordinata implicita con infinito: quand'ecco squillare il telefono;

• che: la congiunzione che può introdurre significati temporali, la temporale introdotta da che segue sempre la reggente: sono arrivata che (=mentre) stavate uscendo;

• mentre: la congiunzione mentre sottolinea la durata dell'azione contemporanea al fatto della proposizone reggente e per questo non ammette i tempi perfettivi (come il passato prossimo o il passato remoto). La collocazione rispetto alla reggente può variare: mentre studia ascolta la radio; ascolta la radio mentre sudia;

• come, appena, non appena: la rapidità della successione che queste congiunzioni sottolineano è tale che i fatti, pur essendo anteriori, appaiano contemporanei a quelli della reggente: appena lo vide, lo riconobbe; come lo guardavo, arrossiva.

FORMA IMPLICITA

Le temporali implicite possono avere:

• l'infinito preceduto dalle preposizioni articolate:

→ nel: richiede lo stesso soggetto nella temporale e nella reggente ed è come se collocasse il fatto di quest'ultima all'interno della circostanza temporale, che solitamente si antepone: nel salutarti, mi sono commosso;

→ al: richiede generalmente un soggetto diverso e indica vicinanza tra i fatti della temporale e della reggente: al calar del sole rientrammo a casa;

→ col: indica che i fatti della reggente e della subordinata si corrispondono in fatto di durata ne tempo: questo vino migliora coll'invecchiarsi;

→sul: indica che l'azione della reggente e quella della subordinata sono contemporanee solo in modo approssimativo: arrivò sul far della sera (l'arrivo e la sera non coincidono perfettamente);

• l'infinito preceduto dalle locuzioni prepositive: nel momento di, all'atto di, prima di, nel punto di ecc: prima di partire ti chiamo;

• il gerundio presente: cucinando (= mentre cucino) ascolto la radio.
                    [post_title] => La frase complessa: le proposizioni temporali (contemporaneità)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi riprendiamo il nostro approfondimento sui diversi tipi di proposizioni. Le temporali esprimono una relazione di tempo tra subordinata e reggente. Vediamone insieme le caratteristiche.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-1
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-02-21 10:03:28
                    [post_modified_gmt] => 2018-02-21 09:03:28
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13579
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 23
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13564
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-01-11 10:01:00
                    [post_date_gmt] => 2018-01-11 09:01:00
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi vedremo quando usare non e quando usare no. Conoscete la differenza tra questi due avverbi o no?

Buona lettura!

Prof. Anna

Sia non sia no sono avverbi di negazione, ma si usano in maniera diversa. Ti piace o non ti piace? Ti piace o no? No, non mi piace.

NO

Nella frase ti piace o no? l'avverbio no non solo ha la funzione di negazione, ma sostituisce un'intera frase negativa, in questo caso è usato al posto della frase non ti piace? (ti piace o no? = ti piace o non ti piace?). L'uso di no evita la ripetizione del verbo preceduto da negazione.

L'avverbio no può sostituire non solo una frase (e quindi un verbo), ma anche un sostantivo (o un aggettivo o un participio), nella frase le lezioni sono aperte a studenti e no l'avverbio no sostituisce non studenti, nella frase entrarono tutti, invitati e no, il no sostituisce non invitati.

NON

L'avverbio non non ha questa funzione riassuntiva, ovvero non può sostituire né una frase né un sostantivo né un aggettivo, ma la sua funzione è quella di trasformare in negativa una frase affermativa o di negare un termine. Il non è sempre anteposto al verbo.


Quando si risponde a una interrogativa totale come ad esempio ti piace? abbiamo più possibilità: o rispondiamo per esteso usando il non e ripetendo il verbo (non mi piace) o usiamo la negazione no che equivale a una proposizione negativa, oppure, per conferire più forza alla negazione, è possibile usarli entrambi: ti piace? No, non mi piace.

Provate a inserire no o non nelle seguenti frasi.
                    [post_title] => No o non?
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi vedremo quando usare "non" e quando usare "no". Conoscete la differenza tra questi due avverbi o no?
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => no-o-non
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-01-25 09:34:20
                    [post_modified_gmt] => 2018-01-25 08:34:20
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13564
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 15
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13472
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-12-21 09:24:43
                    [post_date_gmt] => 2017-12-21 08:24:43
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ormai è tradizione condividere con voi una canzone, una poesia, un testo per augurarvi buon Natale.

Quest'anno ho scelto una bella e significativa canzone di Renato Zero, uno dei cantautori italiani più apprezzati e popolari.

Auguro a tutti un felice Natale

Prof. Anna

Ecco il testo, se incontrate parole che non capite, utilizzate il dizionario on line, basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una finestra, cliccando una volta su questa finestra verrà visualizzato il significato della parola, se avete ultreiori dubbi, non esitate a scrivermi.

Buon Natale 

di Renato Zero

E arriverà Natale,
 anche quest’anno arriverà,
 Natale per chi resta, per chi va.
 Natale da una lira,
 Natale ricco o no.
 Bambini per un giorno, per un po’.
 Vorrei che il tuo Natale
 risplendesse dentro te,
 che soffri e stare al mondo sai cos’è.
 Per te che non hai storie
 da raccontare ormai.
 Le fate son drogate,
 malati i sogni tuoi!
 Vorrei dire buon Natale
 e dividerlo con te.
 Con te che hai perso la speranza
 e hai paura come me.
 Un tempo non lontano
 i doni appesi tutto intorno al camino,
 nessuno violentava,
 quel sogno che per mano ti portava.
 Giocavi allo sceriffo
 e per te un buono non era un fesso.
 E il bersaglio era finto.
 Non era un uomo steso sul cemento.
 E non c’erano i brutti,
 quel giorno lì erano d’accordo tutti.
 Sia chi ha gli occhi lunghi,
 la pelle nera o i capelli biondi!
 Natale da una lira,
 Natale ricco o no.
 Bambini per un giorno, per un po’.
 Perché non fosse una parola il bene,
 perché ogni bomba diventasse pane.
 Io vorrei che almeno un giorno
 quella cometa facesse ritorno!
 E un campo di battaglia desse grano
 per quella morte con la falce in mano.
 E al ventre di una donna, il suo bambino,
 e breve o lungo ad ognuno il suo destino!
 Vorrei dire buon Natale
 finché c’è chi ascolterà!
 Finché si farà l’amore,
 finché un uomo pregherà!

Ed ecco la canzone: https://www.youtube.com/watch?v=6We1F8qx9Mk

Dopo averla ascoltata, provate anche a cantarla, è un ottimo esercizio di pronuncia!
                    [post_title] => Vorrei dire buon Natale...
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ormai è tradizione condividere con voi una canzone, una poesia, un testo per augurarvi buon Natale. 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => vorrei-dire-buon-natale
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-01-11 10:09:53
                    [post_modified_gmt] => 2018-01-11 09:09:53
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13472
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 14
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13454
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2017-12-14 09:31:22
                    [post_date_gmt] => 2017-12-14 08:31:22
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, il verbo stare ha un significato molto ampio e per questo si presta bene a formare un gran numero di espressioni e modi di dire.

Buona lettura!

Il verbo stare è molto versatile, può avere diversi significati a seconda del contesto in cui si trova e delle locuzioni in cui è inserito.

Vediamo quali sono le espressioni di uso più frequente formate con questo verbo.

• sta sulle sue ⇒ è molto riservato, scostante, non dà confidenza: conoscerti a fondo non è facile, stai sempre sulle tue;stare addosso a qualcuno ⇒ assillarlo, incalzarlo, opprimerlo: il mio capo mi sta sempre addosso, crede che io sia uno scansafatiche;

• non sta né in cielo né in terra ⇒ detto di cosa assurda, priva di senso: Luca se n'è andato senza salutare nessuno, è un comportamento che non sta né in cielo né in terra;

• stare a cuore ⇒ importare molto: sono preoccupato per te, la tua salute mi sta molto a cuore;stare sulle spine ⇒ essere in ansia, in apprensione, in agitazione: sono sulle spine, oggi mi comunicheranno i risultati dell'esame di inglese;

• sta in me, sta in te ecc. ⇒ dipende da me, da te ecc.; toccare, spettare (+a sta a me, +in sta in me): sta in voi se accettare o no queste condizioni;

• tutto sta ⇒ l'essenziale è (+ a, +in seguiti da infinito, + che seguito da congiuntivo): tutto sta nel convincerlo (= l'essenziale è convincerlo);

• fatto sta che, sta di fatto che ⇒ si usa per appoggiare, rafforzare un'affermazione: puoi dire quello che vuoi, ma sta di fatto che la situazione peggiora;

• stare allo scherzo ⇒ accettare uno scherzo senza risentirsene: Maria è molto permalosa, non sa stare agli scherzi;

• starci ⇒ (+a seguito da infinito) accettare, acconsentire (si usa in un registro colloquiale): ci state a fare una gita tutti insieme?;ci sta che ⇒ è possibile, è accettabile, è verosimile che (usato in un registro colloquiale): dopo quello che le hai detto, ci sta che se la sia presa.
                    [post_title] => Espressioni con il verbo "stare"
                    [post_excerpt] => Il verbo "stare" è molto versatile, può avere diversi significati a seconda del contesto in cui si trova e delle locuzioni in cui è inserito. Vediamo quali sono queste espressioni. 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => espressioni-con-il-verbo-stare
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-02-08 10:25:00
                    [post_modified_gmt] => 2018-02-08 09:25:00
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13454
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 9
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 13707
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2018-03-01 09:48:16
            [post_date_gmt] => 2018-03-01 08:48:16
            [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ci dedichiamo al ripasso degli ultimi argomenti trattati sul blog.

Cominciamo con un esercizio sull'uso di no e non.

Per ripassare questo argomento prima di fare il test, potete leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/01/11/no-o-non/

Buon test! ;-)

Provate a inserire no o non nelle seguenti frasi.
            [post_title] => Test 53- No o non?
            [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ci dedichiamo al ripasso degli ultimi argomenti trattati sul blog. 
Cominciamo con un esercizio sull'uso di "no" e "non".
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => test-53-no-o-non
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2018-03-15 09:35:50
            [post_modified_gmt] => 2018-03-15 08:35:50
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13707
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 10
            [filter] => raw
        )

)
Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue | Pagina 2