WP_Query Object
(
    [query_vars] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 14262
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 2
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [static] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [w] => 0
            [category_name] => 
            [tag] => 
            [cat] => 
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [ignore_sticky_posts] => 
            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [posts_per_page] => 10
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 200
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                )

            [primary_table] => ali_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [post_count] => 10
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 590
    [max_num_pages] => 59
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 1
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 1
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => ef99c6cdcde6e780763a4a478f93340e
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

    [query] => Array
        (
            [post_type] => benvenuti
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 14262
                )

            [post_status] => publish
            [orderby] => date
            [order] => DESC
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [paged] => 2
        )

    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  ali_posts.ID FROM ali_posts  WHERE 1=1  AND ali_posts.ID NOT IN (14262) AND ali_posts.post_type = 'benvenuti' AND ((ali_posts.post_status = 'publish'))  ORDER BY ali_posts.post_date DESC LIMIT 10, 10
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14077
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-10 09:46:47
                    [post_date_gmt] => 2018-05-10 07:46:47
                    [post_content] => Esistono una serie di suffissi che servono a formare aggettivi a partire da nomi: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/04/26/la-formazione-delle-parole-i-suffissi-aggettivi-da-nomi/

Nell’esercizio che segue si deve inserire l’aggettivo opportuno. Se avete dubbi, usate il vocabolario.

Provate poi a formare delle frasi con questi aggettivi.
                    [post_title] => Test 55 - I suffissi: aggettivi da nomi
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-55-i-suffissi-aggettivi-da-nomi
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-10 09:46:47
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-10 07:46:47
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14077
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [1] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14074
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-10 09:45:58
                    [post_date_gmt] => 2018-05-10 07:45:58
                    [post_content] => Con il prossimo esercizio ripassiamo quelle parole che hanno significati opposti.

Per ripassare prima di fare l'esercizio potete leggere questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/04/19/parole-che-in-italiano-hanno-significati-opposti/
                    [post_title] => Test 55- Parole che in italiano hanno significati opposti
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-55-parole-che-in-italiano-hanno-significati-opposti
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-10 09:45:58
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-10 07:45:58
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14074
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [2] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14072
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-10 09:45:17
                    [post_date_gmt] => 2018-05-10 07:45:17
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ripassiamo gli ultimi argomenti trattati sul blog.

Cominciamo con un esercizio dedicato all'accordo tra soggetto e verbo: l'accordo del verbo se il soggetto è plurimo e se il soggetto è formato da un nome collettivo seguito da un complemento partitivo.

Per ripassare questi argomenti prima di affrontare il test vi consiglio di leggere i seguenti articoli:

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/04/12/problemi-di-accordo-se-il-soggetto-e-plurimo/

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/05/03/problemi-di-accordo-concordanza-a-senso/

 
                    [post_title] => Test 55- Problemi di accordo: se il soggetto è plurimo e concordanza a senso
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana ripassiamo gli ultimi argomenti trattati sul blog.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-55-problemi-di-accordo-se-il-soggetto-e-plurimo-e-concordanza-a-senso
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-17 10:23:50
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-17 08:23:50
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14072
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 0
                    [filter] => raw
                )

            [3] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14028
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-05-03 10:48:00
                    [post_date_gmt] => 2018-05-03 08:48:00
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è corretto dire: "al matrimonio c'era un centinaio di invitati" o "al matrimonio c’erano un centinaio di invitati"? Scopriamolo insieme.

Buona lettura!
Prof. Anna

Quando abbiamo un soggetto formato da un nome collettivo (un centinaio, la maggioranza, un gruppo, una percentuale ecc.) seguito da un complemento partitivo come nella frase al matrimonio c’era un centinaio di invitati possiamo avere due tipi diversi di accordo:

• accordo grammaticale: con il verbo al singolare che concorda con il soggetto della frase (in questo caso un centinaio), questo è l'accordo grammaticalemente più corretto;

• accordo a senso: con il verbo al plurale che si accorda con il complemento partitivo, che ha maggior peso semantico rispetto al nome collettivo: al matrimonio c’erano un centinaio di invitati. Questo costrutto si può avere sia quando il soggetto è anteposto al verbo: al matrimonio c’erano un centinaio di invitati, sia quando il soggetto è posposto al verbo: lavoro dove lavorano la maggior parte degli impiegati pubblici. 


In alcuni casi la concordanza a senso è obbligatoria, ad esempio con le espressioni un po' di e un paio di: arriveranno un po' di persone, mi hanno fatto compagnia un paio di amici.


L'accordo a senso si può avere anche quando il complemento partitivo regge una proposizione relativa. Di norma il verbo della relativa andrebbe al plurale (accordo grammaticale) come ad esempio nella frase questa è una delle cose che mi piacciono di te perché il che (che è il soggetto della relativa) si riferisce all'elemento più vicino (cose). Nell'accordo a senso il verbo, invece di concordare con il partitivo, concorda con il soggetto logico: questa è una delle cose che mi piace di te.

La concordanza a senso è accettabile nel parlato e nello scritto informale, ma sconsigliata, per ragioni di chiarezza, in contesti più controllati.

ATTENZIONE

Non è in alcun modo corretto concordare un verbo al plurale quando il soggetto è un nome collettivo. Ad esempio non è corretta la frase la gente pensano, ma è corretto dire la gente pensa.

Nell'esercizio che segue dovrete concordare il verbo seguendo le indicazioni scritte tra parentesi.
                    [post_title] => Problemi di accordo: concordanza a senso
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, è corretto dire: "al matrimonio c'era un centinaio di invitati" o "al matrimonio c’erano un centinaio di invitati"? Scopriamolo insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => problemi-di-accordo-concordanza-a-senso
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-24 10:04:05
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-24 08:04:05
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14028
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 7
                    [filter] => raw
                )

            [4] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 14007
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-04-26 10:40:29
                    [post_date_gmt] => 2018-04-26 08:40:29
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana continuiamo il nostro approfondimento sulla suffissazione. Vedremo quali sono i suffissi che servono per formare un aggettivo a partire da un nome.

Buona lettura!

Prof. Anna

La parola base, il punto di partenza per il procedimento di derivazione, in questo caso è un nome, che, unito ad alcuni suffissi, si trasforma in un aggettivo.

I seguenti suffissi hanno la funzione di formare degli aggettivi a partire da nomi:

• - ato ⇒ forma aggettivi che indicano la presenza della qualità indicata dal nome fortuna → fortun-ato, velluto → vellutato;

• - uto ⇒ forza → forz-uto, pancia → panci-uto;

• - ario ⇒ serve per formare aggettivi di relazione: ferrovia → ferrovi-ario, moneta → monet-ario;

per ripassare gli aggettivi di relazione: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2015/03/12/gli-aggettivi-di-relazione/

• - ale ⇒ forma molti aggettivi di relazione: commercio → commerci-ale, vita → vit-ale;

• - are ⇒ forma aggettivi di relazione: popolo → popol-are, salute → salut-are;

• - ano ⇒ per formare aggettivi di relazione: diocesi → dioces-ano, isola → isol-ano; forma aggettivi che indicano gli abitanti di un luogo: Italia → italiano, Roma → romano;

• - ile ⇒ forma molti aggettivi di relazione: primavera → primaver-ile, signore → signor-ile;

• - evole amore → amor-evole, colpa → colp-evole;

• -istico, -astico ⇒ forma molti aggettivi di relazione: arte → art-istico, entusiasmo → entusi-astico;

• -oso ⇒ per aggettivi che indicano presenza o abbondanza di ciò che viene indicato dal sostantivo di base: noia → noi-oso, muscolo → muscol-oso;

• - aneo, -ineocute → cut-aneo, istante → istant-aneo;

• -ino ⇒ per aggettivi con idea di somiglianza a ciò che viene indicato dal sostantivo base: mare → mar-ino, capra → caprino; forma aggettivi che indicano gli abitanti di un luogo: Tunisia → tunisino, Parigi → parigino;

• -iero ⇒ forma aggettivi di relazione: costa → cost-iero, mattina → mattin-iero;

• - ivo ⇒ per aggettivi che indicano qualità, disposizione, capacità: sport → sport-ivo, abuso → abus-ivo;

• - aceocarta → cart-aceo;

• - esco ⇒ forma aggettivi che hanno spesso valore spregiativo: bambino → bambin-esco, carnevale → carneval-esco;

• -ese ⇒ forma aggettivi che indicano gli abitanti di un luogo: Senegal → senegal-ese, Puglia → pugli-ese, Milano → milan-ese;

• - icopanorama → panoram-ico, igiene → igien-ico, a volte il suffisso -ico si sostituisce, invece di aggiungersi, alla parte terminale della base: esotismo → esot-ico, altre volte si ha l'aggiunta alla base dell'infisso -at: problema → problem-at-ico;

• - ificoprole → prol-ifico;

• - iziocredito → credit-izio, impiegato → impiegat-izio.

Nell'esercizio che segue si deve inserire l'aggettivo opportuno. Se avete dubbi, vi consiglio di usare il vocabolario.
                    [post_title] => La formazione delle parole: i suffissi (aggettivi da nomi)
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, questa settimana continuiamo il nostro approfondimento sulla suffissazione. Vedremo quali sono i suffissi che servono per formare un aggettivo a partire da un nome.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => la-formazione-delle-parole-i-suffissi-aggettivi-da-nomi
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-07 15:31:11
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-07 13:31:11
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14007
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 5
                    [filter] => raw
                )

            [5] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13976
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-04-19 10:23:31
                    [post_date_gmt] => 2018-04-19 08:23:31
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, in italiano esistono parole che esprimono più di un significato ed esistono anche parole che esprimoni significati opposti tra loro. Scopriamole insieme.

Buona lettura!
Prof. Anna

L'enantiosemia è il fenomeno per il quale una parola può significare allo stesso tempo una cosa e il suo contrario. Questo fenomeno non compare solo in italiano, ma anche in altre lingue.

Vediamo insieme alcuni esempi di enantiosemia:

• feriale ⇒ questo aggettivo indica sia i giorni o i periodi lavorativi (non festivi) sia quelli relativi alle ferie (cioè il periodo di riposo a cui ha diritto un lavoratore), c'è da dire che con questo secondo significato è usato più raramente. Il significato di "giorno lavorativo" deriva dall'uso liturgico in cui si chiamavano feriali i giorni dedicati alla festa di un santo, cioè tutti i giorni della settimana, tranne la domenica, dedicata al Signore;

• ospite ⇒ indica sia la persona che ospita sia quella che viene ospitata;

• pauroso ⇒ questo aggettivo può significare sia che ha paura sia che incute paura;

• curioso ⇒ significa sia che prova curiosità sia che suscita curiosità;

• alto ⇒ può significare sia elevato verticalmente (alta montagna) sia profondo (alto mare);

• tirare ⇒ significa lanciare via ma anche muovere, portare verso di sé;

• affittare ⇒ può significare sia dare in affitto sia prendere in affitto;

• spolverare ⇒ significa sia togliere la polvere sia cospargere con una sostanza in polvere (spolverare un dolce con lo zucchero a velo);

• sbarrare ⇒ può significare sia chiudere sia, detto degli occhi, spalancare (sbarrare gli occhi per lo stupore);

• cacciare ⇒ questo verbo ha tre significati: allontanare a forza, inseguire un animale per catturarlo e spingere, ficcare con violenza o alla rinfusa (cacciare qualcuno in prigione);

• fuggire ⇒ può significare sia allontanarsi da un luogo o da una situazione sia rifugiarsi presso un luogo o una persona.
                    [post_title] => Parole che in italiano hanno significati opposti
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, in italiano esistono parole che esprimono più di un significato ed esistono anche parole che esprimoni significati opposti tra loro. Scopriamole insieme.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => parole-che-in-italiano-hanno-significati-opposti
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-05-10 09:49:01
                    [post_modified_gmt] => 2018-05-10 07:49:01
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13976
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 22
                    [filter] => raw
                )

            [6] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13946
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-04-12 09:29:04
                    [post_date_gmt] => 2018-04-12 07:29:04
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, come bisogna concordare il verbo se il soggetto è formato da più persone o più elementi? Vediamo insieme qual è l'accordo corretto in questi casi.

Buona lettura!

Prof. Anna

Il predicato non solo si riferisce logicamente al soggetto per le informazioni che ne dà, ma il più delle volte gli si accorda anche morfologicamente, nella persona, nel genere (maschile e femminile) e nel numero (singolare e plurale). Questo accordo avviene in base alle possibilità degli elementi che compongono il predicato (Maria parte, Maria è partita).

Ma come comportarsi in caso di soggetto plurimo?

Una sequenza di soggetti può presentarsi in modi diversi e diverse saranno quindi le modalità di accordo.

• Se uno dei soggetti è un pronome personale il verbo sarà rispettivamente, alla prima o seconda persona plurale, indipendentemente dalla congiunzione che collega i soggetti: io e te siamo cresciuti insieme; tu e Maria siete sempre in ritardo;

• Più soggetti collegati per asindeto (cioè senza l'impiego di congiunzioni, nello scritto con la virgola) o dalla congiunzione e sono seguiti da un verbo al plurale: la balena, il delfino e l'orca sono cetacei. Se i soggetti sono percepiti come unitari dal punto di vista del significato, o l'uno come riformulazione dell'altro, è possibile l'accordo al singolare: lo splendore e la magnificenza dell'opera non può lasciare indifferenti.Se ci sono più soggetti collegati dalla congiunzione  l'accordo è al plurale se il soggetto precede il verbo: né Marco né Luca hanno superato l'esame (in questo caso l'accordo al singolare non è scorretto, ma è più raro); il verbo è invece di solito al singolare se è anteposto al soggetto: non ha superato l'esame né Marco né Luca (anche in questo caso non è scorretto l'accordo al plurale, ma è meno comune).

• Se ci sono più soggetti collegati con la congiunzione o il verbo è al singolare se o ha valore esclusivo (cioè quando collega due elementi che si escludono tra loro): ci andrai tu o tuo fratello?; l'accordo può essere al plurale se la congiunzione o ha valore inclusivo (i due elementi collegati da o non si escludono ma convivono) mi piacciono il vino o la birra.
                    [post_title] => Problemi di accordo: se il soggetto è plurimo
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, come bisogna concordare il verbo se il soggetto è formato da più persone o elementi? Vediamo insieme qual è l'accordo corretto in questi casi.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => problemi-di-accordo-se-il-soggetto-e-plurimo
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-26 10:43:09
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-26 08:43:09
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13946
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 12
                    [filter] => raw
                )

            [7] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13918
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-04-05 10:00:35
                    [post_date_gmt] => 2018-04-05 08:00:35
                    [post_content] => Il prossimo esercizio è sulle espressioni formate con la parola "conto" e su quelle formate da un verbo e un nome senza l'articolo.

Per ripassare prima di affrontare il test potete leggere questi articoli: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/03/08/espressioni-con-la-parola-conto/

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/03/29/fare-caso-dare-carta-bianca-quando-un-verbo-e-un-nome-equivalgono-a-un-altro-verbo/
                    [post_title] => Test 54- Espressioni formate con la parola "conto" e con un verbo e un nome (senza articolo)
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-54-espressioni-formate-con-la-parola-conto-e-con-un-verbo-e-un-nome-senza-articolo
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-05 10:00:35
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-05 08:00:35
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13918
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [8] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13926
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-04-05 10:00:16
                    [post_date_gmt] => 2018-04-05 08:00:16
                    [post_content] => Si dice una ragazza ottimista o una ragazza ottimistica? Per ripassare questo argomento prima di fare il test, vi consiglio il seguente articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/03/22/un-ragazza-ottimista-o-ottimistica/
                    [post_title] => Test 54- Ottimista o ottimistico?
                    [post_excerpt] => 
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-54-ottimista-o-ottimistico
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-05 10:00:16
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-05 08:00:16
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13926
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 2
                    [filter] => raw
                )

            [9] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 13923
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2018-04-05 09:59:59
                    [post_date_gmt] => 2018-04-05 07:59:59
                    [post_content] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi ripassiamo insieme gli argomenti trattati di recente sul blog.

Buon test!

Prof. Anna

Come si concorda il participio passato nelle proposizioni temporali implicite?

Per ripassare questo argomento prima di fare il test, leggete questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/03/15/la-frase-complessa-concordanza-del-participio-passato-nelle-temporali/

Nell'esercizio che segue dovrete formare il participio passato dei verbi tra parentesi e concordarlo correttamente.
                    [post_title] => Test 54- La concordanza del participio passato nelle temporali
                    [post_excerpt] => Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, oggi ripassiamo insieme gli argomenti trattati di recente sul blog.
                    [post_status] => publish
                    [comment_status] => open
                    [ping_status] => open
                    [post_password] => 
                    [post_name] => test-54-la-concordanza-del-participio-passato-nelle-temporali
                    [to_ping] => 
                    [pinged] => 
                    [post_modified] => 2018-04-19 10:24:39
                    [post_modified_gmt] => 2018-04-19 08:24:39
                    [post_content_filtered] => 
                    [post_parent] => 0
                    [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=13923
                    [menu_order] => 0
                    [post_type] => benvenuti
                    [post_mime_type] => 
                    [comment_count] => 8
                    [filter] => raw
                )

        )

    [post] => WP_Post Object
        (
            [ID] => 14077
            [post_author] => 3
            [post_date] => 2018-05-10 09:46:47
            [post_date_gmt] => 2018-05-10 07:46:47
            [post_content] => Esistono una serie di suffissi che servono a formare aggettivi a partire da nomi: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/04/26/la-formazione-delle-parole-i-suffissi-aggettivi-da-nomi/

Nell’esercizio che segue si deve inserire l’aggettivo opportuno. Se avete dubbi, usate il vocabolario.

Provate poi a formare delle frasi con questi aggettivi.
            [post_title] => Test 55 - I suffissi: aggettivi da nomi
            [post_excerpt] => 
            [post_status] => publish
            [comment_status] => open
            [ping_status] => open
            [post_password] => 
            [post_name] => test-55-i-suffissi-aggettivi-da-nomi
            [to_ping] => 
            [pinged] => 
            [post_modified] => 2018-05-10 09:46:47
            [post_modified_gmt] => 2018-05-10 07:46:47
            [post_content_filtered] => 
            [post_parent] => 0
            [guid] => http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/?post_type=benvenuti&p=14077
            [menu_order] => 0
            [post_type] => benvenuti
            [post_mime_type] => 
            [comment_count] => 5
            [filter] => raw
        )

)
Benvenuti – Intercultura blog | Zanichelli Aula di lingue | Pagina 2