La frase complessa: concordanza del participio passato nelle temporali

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Sintassi,   Verbi

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, la concordanza del participio passato crea spesso molti dubbi. Oggi, per concludere il nostro approfondimento sulle proposizioni temporali, vedremo come si concorda in modo corretto nelle temporali implicite.

Buona lettura!

Prof. Anna

La forma implicita della proposizione temporale con il participio passato è di solito piuttosto formale ed esprime la rapida successione dei fatti della temporale e della reggente, per questo spesso la temporale si anticipa: arrivati a casa (=subito dopo essere arrivati), ci riposeremo

http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2018/02/22/la-frase-complessa-le-proposizioni-temporali-posteriorita/

Ma come si concorda il participio passato in questi casi?

• Se si tratta di un verbo intransitivo che richiede l’ausiliare essere e ha lo stesso soggetto della reggente, concorda con il soggetto: Marta, uscita di casa, si diresse verso la macchina (reggente e temporale hanno lo stesso soggetto);

• se si tratta di un verbo intransitivo che richiede l’ausiliare essere ma ha un proprio soggetto, il participio passato concorda con quest’ultimo: Marco, arrivati i suoi ospiti, offrì loro da bere (concordanza con il proprio soggetto);

• se si tratta di un verbo intransitivo che richiede l’ausiliare avere, non concorda e termina in -o: Maria, parlato un po’ con noi (=dopo aver parlato un po’ con noi), tornò a casa;

• se si tratta di un verbo transitivo senza un oggetto diretto non concorda e termina in -o: Natalia, dopo magiato, si riposò un po’;

• se il verbo è transitivo e ha un oggetto diretto espresso, concorda con quest’utlimo: Luca, finiti i compiti, è uscito di casa;

• di uso frequente è il costrutto con participio passato preceduto dalla preposizione a, in questo caso il participio passato concorda con con il sostantivo che segue: arrivammo a cose fatte;

• per marcare la rapidità della successione dei fatti, l’anteriorità della temporale rispetto alla reggente si può esprimere anteponendo il participio passato di un tempo composto al il suo ausiliare e interponendo che: arrivati che furono, cominciarono la riunione. Se il soggetto è diverso a quello della reggente, si mette dopo il verbo: partiti che saranno i tuoi amici, resterai da solo. Questo costrutto è piuttosto ricercato, solitamente si antepone alla proposizione reggente.

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio": vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

1- Le mie amiche, a casa mia, mi raccontarono tutto. 2- Laura, da casa, si accorse di aver scordato le chiavi. 3- Il professore, gli alunni, cominciò a parlare. 4- Mia figlia, un po' con i suoi amici, è rientrata a casa. 5- Marco, i primi mesi nelle nuova città, cominciò ad ambientarsi. 6- Franco, , non è un cattivo ragazzo. 7- Francesco, le scale, attraversò un lungo corridoio. 8- Carlo, le valigie, chiamò un taxi. 9- che avremo, usciremo. 10- Giorgio, sua madre, alzo il volume dello stereo.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Mi piace veramente che tutte le risposte mie sono venute in verde. Vorrei dirLei che io trovi i articoli della scorsa lezione veramente interessante e molto e molto importante per noi donne, perché in Italia é indicato, oppure un uomo fa la stessa professione, oppure una donna. Con questo la lingua italiana sta e suona più bella. IN ollandese sono queste differenze scrisso; così non riusciamo leggere o sentire chi ne fa. con questa la nostra lingua è diventata più povera. Anche l’abitazione alle donne si sono abbassato un po. Una cassiera del supermercato dove faccio le spese mi ed una altra bella donna noi ha chiamato signor, anche se abbiamo detto che non accettiamo questa maniera e siamo andato al suo capo del filialo in ufficio. Questo ha funzionato. Lei ne ha fatto per irritarnoi. Senza questa azione non mai abbiamo avuto un risultato.
    Anche questo ho diviso volentieri con voi e Lei saluto dal mio cuore dalla Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, grazie per il tuo interessante contributo e complimenti per l’ottimo risultato!
      A presto
      Prof. Anna

      • anita scrive:

        Cara Prof.ssa Anna,
        Perché il 8° Marzo è molto importante, non solo per le donne mondiale, avevo voluto scrivere un contributo più grande che io abbia fatto, ma la tema é troppo complesso da scrivere sul tema, ma forse ne faccio ancora nella fortuna. Ne trovo veramente importante per tutti umani. Anche sto cercando un soluzione per il mio IPad, perché forse è meglio comprare un nuovo oppure un Laptop. Stare online è una quasi cosa impossibile, perché sempre devo fare un “login” difficilmente sul internet e sperare che anche questo commento è rimasto e non dovrò scriverò di nuovo. Spero di aver trovato un riperatore chi accetta il mio. Perché non ho una nota in causa ne ho comprato di secondo mano. Anche devo fare un decisione, oppure ne faccio riperarlo o no. Se non è troppo costoso ne farò riparare.
        Anche lo altro smartfone dev’essere sbloccato. Mi sento veramente isolato così, ma cerco un metodo di solvere questo guai. Questo smartfone è anche bloccato, ma me ne la faccio venire qui ancora sul blogg con le sue difficoltà, ma mi succederà ancora grazia alla mia intuizione. Molti cari saluti dalla Olanda
        Anita

        • Zanichelli Avatar

          Cara Anita, spero tu riesca a risolvere al più presto.
          Un saluto
          Prof. Anna

  2. andree scrive:

    Buongiorno Prof.ssa,
    Ho sbagliato la 7 e non capisco bene perché.
    Il verbo scendere è sia transitivo che intransitivo
    e io l’ho pensato così:
    “Marco, sceso le scale, attraversò un lungo corridoio.”
    dove reggente e temporale hanno lo stesso soggetto.
    Sarebbe del tutto sbagliato?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andree, in questo caso il verbo “scendere” è transitivo e ha un oggetto espresso (le scale), quindi è necessario concordare il participio passato con quest’ultimo.
      A presto
      Prof. Anna

  3. Rino scrive:

    Che botto ragazzi!!!
    10/10.
    Ciao!!!
    Grazie Prof. per gli esercizi favolosi.

    • Zanichelli Avatar

      Complimenti Rino, ottimo risultato!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna