La posizione dei pronomi personali complemento

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   pronomi

Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, ricevo spesso domande riguardo alla corretta posizione dei pronomi personali complemento: vanno collocati prima del verbo o dopo il verbo? Possono unirsi a un verbo all’infinito? E se ci sono due infiniti? Questa settimana cercheremo di fare chiarezza su questo argomento.

Buona lettura!

Prof. Anna

I pronomi personali che hanno funzione di complemento possono essere tonici (me, te, lui, esso, noi, voi, loro, essi, esse, sè), oppure atoni (mi, ti, lo, gli, la, le, gli, ci, vi, li, le, loro, ne).

La scelta tra un pronome tonico e uno atono è importante: nella frase io ti ascolto viene fatta una semplice constatazione, mentre se uso la forma tonica io ascolto te si vuole sottolineare che sto ascoltando proprio te e nessun altro, quindi l’uso del pronome tonico sposta l’attenzione sul pronome stesso.

Come già sappiamo le forma atone si possono usare solo con funzione di complemento oggetto, complemento di termine e alcuni complementi indiretti (io ci parlo = io parlo con lui); per gli altri complementi indiretti si usano le forme toniche precedute da preposizione.

Vediamo come si posizionano questi pronomi all’interno della frase.

Pronomi tonici: generalmente seguono il verbo parlo con loro, ma se si vuole evidenziarli, è possibile collocarli prima del verbo con loro non ho mai parlato, in questi casi si può anche avere una ripetizione pronominale con loro non ci ho mai parlato.

Pronomi atoni: solitamente precedono il verbo mi piace, ti ascolto. In alcuni casi però seguono il verbo e formano con esso un’unica parola.

I pronomi atoni seguono il verbo:

con un infinito: guardarvi, pensarci, parlargli, mangiarlo ecc. In questi casi il verbo all’infinito perde la vocale finale;

con un verbio al gerundio: guardandovi, pensandoci, parlandogli, mangiandolo ecc.;

con un participio passato, solo se usato in forma assoluta o con funzione aggettivale: trovatolo, non lo lasciò più andare; il libro regalatomi è molto interessante. È raro l’uso del participio con due pronomi: andatosene, scrittoglielo.

con un imperativo, sia affermativo dimmi una cosa, compralo tu, sia negativo non telefonarmi, non ascoltarlo, con l’imperativo negativo è possibile collocare il pronome anche prima del verbo non mi telefonare, non lo ascoltare;

con gli imperativi tronchi dei verbi dare, dire, fare, stare, andare (da’, di’, fa’, sta’, va’) il pronome atono raddoppia la consonante iniziale dammi, dicci, falle, fallo, stammi, vattene. Non raddoppiano la consonante con gli e i suoi composti fagli, digli, diglielo;

con l’avverbio ecco: eccoci qua; eccomi arrivato; eccone un’altra.

Casi particolari:

con i verbi servili dovere, potere, volere, il pronome può unirsi all’infinito che segue o può precedere il verbo servile:

vogliamo parlarti o ti vogliamo parlare

non sa comportarsi o non si sa comportare

non possiamo aiutarlo o non lo possiamo aiutare

dovevo insegliartelo o te lo dovevo insegnare

Se il verbo servile regge due infiniti, esistono tre possibilità: la vorrei poter aiutare, vorrei poterla aiutare, vorrei poter aiutarla.

con i verbi fare e lasciare con valore causativo (che indicano cioè un’azione causata dal soggetto ma non compiuta direttamente da esso), il pronome va obbligatoriamente prima del verbo causativo: le faremo controllare, vi lascio partecipare;

con i verbi sembrare e parere seguiti da un infinito, il pronome va obbligatoriamente dopo il verbo all’infinito: sembra capirlo, pareva crederci.

con i verbi di modo finito la collocazione del pronome dopo il verbo un tempo era comune, oggi invece sopravvive solo negli annunci economici o negli avvisi pubblicitari per rendere la comunicazione più breve e concisa: affittasi, cercasi, vendonsi ecc.

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio": vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

1- Non sembra che tu . 2- Il maglione che , è molto morbido. 3- Il mio computer si è rotto, . 4- Devi lontano. 5- Sembrava , ma forse mi sbagliavo. 6- Hai fatto uno sbaglio, avrei dovuto . 7- Che bella torta! un pezzo. 8- Ora me ne vado, in pace. 9- "Dove sono le mie chiavi?" " !" 10- A Marco piace molto quel vestito, vorrei regalare.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [44]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. kdela scrive:

    Cara Prof. Anna
    Grazie per l’argomento.Come sempre e’ molto utile.Come sempre vado a stampare la pagina.
    A presto
    kdela

  2. Marta scrive:

    Cara Professoressa Anna:
    Ho fatto gli esercizi tutto bene. A dire la verità non capisco niente nessuna dalla spiegazione da voi date. Solo vedo se la risposta fa senso. Sono sbagliata?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marta, se mi spieghi che cosa esattamente non capisci, posso provare a spiegarti meglio.
      A presto
      Prof. Anna

  3. Cara professoressa,

    sono uno studente in Belgio in quinto anno scuola di sera (livello C1/C2). Vorrei riprendere la grammatica, c’è un modo di avanzare che lei può avisare per favore?

  4. Cinzia scrive:

    Salve se ,la mi vecchia ,maestra avesse avuto la sua stessa capacità di spiegare ,così bene ,avrei amato la Grammatica invece di odiarla lungo tutto il mio percorso scolastico.
    Grazie ,Cinzia.

  5. Cara Prof.ssa Anna,
    Ieri ed sta pommeriggio, ho studiato questa lezione solo 20 minuti e non mi sono sbagliata una volta e ieri ho avuto solo un’errore. Mi ho inscritto anche con il indirizzo email che abbia in mio smartfone e con quello ho lasciato alcuni commenti, perché non siano venuti visibile con il messaggio che sia in aspetto per publicare, come sia usato; dunque ne scrivo qui anche, perché vorrei ringraziarLei per la sua spiegazione su queste parole e l’altra tema, su quelle ho esercito bene e così non mai vienerò in confusione di più, che mi piacerà molto.
    Anche questa lezione mi piace così e studiarlo ancora veramente bene.
    Con saluti cordiali a tutti dalla Olanda dove i esperti meteologie aspettano un tempo pericoloso per il traffico
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, complimenti per l’ottimo risultato. Ti faccio qualche correzione,”errore” è maschile e quindi l’articolo indeterminativo non vuole l’apostrofo: “un errore”, meglio dire poi “ho fatto solo un errore”, anche “tema” è maschile e quindi è corretto dire “l’altro tema”.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  6. Rino scrive:

    Tutti corretti.
    Buona Domenica.

  7. Martin scrive:

    Grazie, la lezione é stata molto informativa

  8. Fatto, .ad eccezione di ” Poterviglielo” Ho bisogno di ragionare
    Grazie Prof. Anna

    • Zanichelli Avatar

      Cara Norma, “poterglielo regalare” = “poter regalare quel vestito (lo) a lui (gli)”.
      A presto
      Prof. Anna

  9. Sono insegnante di italiano in Germania e tante volte mi trovo in difficoltà perché mi mancano giusto questo tipo di spiegazioni chiare e precise.
    Grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Regina, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  10. Cara Prof.ssa Anna,
    Per provare, oppure ho studiato abbastanza sul questa lezione, ho risposto le domande senza legerla d avanti e non ho commesso un errore che mi piaccia veramente e credo di poter applicare questo tema correttamente e vado a provarlo.
    Con saluti dal mio cuore dal Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Anita! Anche nel tuo commento hai posizionato i pronomi correttamente. Ti faccio solo qualche correzione: “ho risposto alle domande senza leggerle e non ho commesso nessun errore e questo mi piace molto”.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  11. martina scrive:

    e’ corretta la frase:
    non avendomi iscritta in palestra

  12. Grazie mille per il tuo argomento e blog.Alicia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alcia, benvenuta su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  13. Gentile prof. Anna
    ricorro sempre a Lei quando qualche dubbio mi assale. Per quanto riguarda la posizione dei pronomi atoni/tonici nelle frasi che seguono, cosa mi dice?
    NON RIESCO A SMETTERLA DI PENSARE/ NON RIESCO A SMETTERE DI PENSARLA
    POSSO CONTINUARLA A VEDERE?/POSSO CONTINUARE A VEDERLA?
    POTREI CONTINUARGLI A TELEFONARE../POTREI CONTINUARE A TELEFONARGLI
    Tra l’altro potrei anche staccare il pronome dall’infinito e porlo a inizio frase, o sbaglio?( es.
    GLI POTREI CONTINUARE A TELEFONARE); quale ritiene più corrette delle due citate? come ha visto si tratta sempre di un doppio infinito.
    grazie infinite…. Giuseppe

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, le frasi corrette sono: “non riesco a smettere di pensarla”, “posso continuare a vederla?”; “potrei continuare a telefonargli”, in alternativa i pronomi possono essere collocati prima “la posso continuare a vedere?”, “gli potrei continuare a telefonare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Giuseppe scrive:

        Grazie gentile Prof.
        Mi resta ancora un dubbio:
        Perché allora diciamo frasi come:
        Vorresti lasciarlo andare? (E non vorresti lasciare andarlo) oppure- potresti farmi vedere i compiti? ( e non potresti fare vedermi…)
        Qual è dunque la regola col doppio infinito? Quali le eccezioni?
        Grazie e un caro saluto.
        Giuseppe

        • Zanichelli Avatar

          Caro Giuseppe, per quanto riguarda la collocazione del pronome devi comportarti come se il secondo infinito non ci fosse, quindi sono corrette le seguenti soluzioni: lo vorresti lasciare andare-vorresti lasciarlo andare; mi potresti fare vedere-potresti farmi vedere.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • giuseppe scrive:

            Gentile Prof Anna,

            come mai nella frase “posso continuare a vederla” posizioniamo il pronome sul secondo infinito, mentre nella frase
            “vorresti lasciarlo andare” Lei mi dice di non tener conto del secondo infinito? forse è una domanda banale, ma vorrei capire se in frasi di questo genere “si va solo a senso” o ci sono regole ben precise.
            grazie come sempre.
            Buona domenica
            Giuseppe

          • Zanichelli Avatar

            Caro Giuseppe, la regola vuole che in presenza di “lasciare” con valore causativo il pronome verrà ospitato da questo verbo e non dagli altri, si attaccherà al verbo se il modo del verbo lo permette (come in questo caso: vorresti lasciarlo andare), negli altri caso il pronome precede il verbo causativo (vi lascio andare).
            Un saluto
            Prof. Anna

  14. CLAUDIO scrive:

    Gentile professoressa Anna,
    cosa pensa di queste frasi?

    a) (qualcuno mi offre aiuto)
    – fammi aiutarti !

    Io direi che questa struttura, per quanto grammaticalmente corretta, non si usa. Opterei per ” fatti aiutare! ”

    b) ( un’ amica mi chiede di iscriverla in palestra ed io le rispondo…)

    ” – fammiti iscrivere e poi vedrai che anche tua sorella si iscrivera’…”

    Sebbene forse piu’ corretto ” fammi iscriverti”, è possibile sentire la forma da me indicata nell’esempio?

    La ringrazio

    Claudio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Claudio, è possibile trovare “fammiti+un verbo all’infinito”, si tratta del cosiddetto “dativo etico”, in cui si ha un pronome atono (in questo caso “mi”), sul quale va a cadere, ma soltanto in senso figurato, l’azione, serve per sottolineare la partecipazione del soggetto all’azione.
      Un saluto
      Prof. Anna

  15. Ola scrive:

    Salve prof.essa!
    in questo brano c’è qualcosa che mi confonde,non capisco perché al posto di “io parlo con lui” si possa usare “io ci parlo”?.
    “Come già sappiamo le forma atone si possono usare solo con funzione di complemento oggetto, complemento di termine e alcuni complementi indiretti (io ci parlo = io parlo con lui); per gli altri complementi indiretti si usano le forme toniche precedute da preposizione.”
    Grazie in anticipo.

  16. Franco scrive:

    Gentile prof. Anna , vorrei sapere se l’uso del pronome in questa frase risulta corretto : la speranza e la pazienza non le insegna nessuno se non l’esperienza . grazie in anticipo !

    • Zanichelli Avatar

      Caro Franco, l’uso del pronome “le” è corretto nella frase che mi scrivi.
      A presto
      Prof. Anna

  17. Guido scrive:

    Grazie, non si impara mai abbastanza..anche per quelli di una certa età

    • Zanichelli Avatar

      Caro Guido, benvenuto su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  18. Poets scrive:

    “dovevo insegliartelo o te lo dovevo insegnare”. Non mi sembra coretto “INSEGLIARTELO”! Dev’essere un errore.

    • Poets scrive:

      Gentile Prof. Ana, Le segnalo un’altro errore “sono esistono tre possibilità”.

      • Zanichelli Avatar

        Caro Poets, grazie per la segnalazione.
        A presto
        Prof. Anna

    • Zanichelli Avatar

      Caro Poets, sono corrette entrambe le forme.
      Un saluto
      Prof. Anna

  19. Cara Prof.Anna non riesco a capire il nuoto in plurale come và scritto quali articoli vanno usati in questi casi grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Vebi, il plurale di “il nuoto” (cioè il complesso dei movimenti che consentono di spostarsi nell’acqua e disciplina sportiva) è “i nuoti”, ma solitamente il plurale di questa parola non si usa.
      A presto
      Prof. Anna

  20. marco scrive:

    facile da un bambino di 12 anni

  21. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Anche questa lezione ho visto ancora in mio in box del altro emailaccount è calla curiosità l’ho fatto anche senza guardarla e eccomi: tutte le risposte sono venute in VERDE che mi piace anche questa volta così tanto! Con cari saluti dalla Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Bravissima Anita, ottimo risultato!
      A presto
      Prof. Anna