Approfondimento: uso della preposizione DA

Prof. Anna
Complementi,   grammatica,   La lingua italiana,   Le preposizioni

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, questa settimana vedremo nello specifico quali usi può avere la preposizione da e quali complementi introduce.

Buona lettura!

Prof. Anna

La preposizione da si riconduce a idee di partenza, di distacco, di origine da un punto di spazio reale o figurato, ha quindi un significato di movimento a partire da un punto, ma ne ha anche molti altri, vediamoli insieme con l’aiuto dei complementi da essa introdotti.

complemento di moto da luogo: siamo partiti da Roma, vengo da Genova, esco dall’ufficio (ma più frequente: esco di casa);

moto a luogo: si usa soprattutto in presenza di un nome di persona, un nome di famiglia o di professione, un pronome personale: andiamo a cena dai nonni (= a casa dei nonni), oggi devo andare dal dottore, vado dal fornaio a comprare il pane;

stato in luogo: sono da Paolo (= sono a casa di Paolo);

moto per luogo: i ladri sono entrati dalla finestra;

agente e causa efficiente: sono stato sgridato dall’insegnante;

causa: tremavo dal freddo (= a causa del freddo);

origine, provenienza: ho appreso la notizia dalla radio;

separazione, allontanamento: mi sono separato da mia moglie;

tempo: da domani comincio a studiare seriamente; si usa anche per indicare un momento della vita passata o futura: da giovane (= quando ero giovane), da piccolo, da grande (= quando sarò grande);

mezzo: ti ho riconosciuto dalla voce;

qualità: un ragazzo dai capelli neri, una donna dalla viva intelligenza;

limitazione: il mio cane è cieco da un occhio;

fine: occhiali da sole, spazzolino da denti;

stima, prezzo: un vestito da duecento euro (= un vestito che costa duecento euro); in correlazione con la preposizione in significa “a partire da”: in quel negozio vendono maglioni da trenta euro in su; in correlazione con la preposizione a assume un valore analogo: avrà dai trenta ai quarant’anni (= avrà un’età compresa tra i trenta e quarant’anni);

modo: mi sono comportato da bravo ragazzo; anche con il significato di “degno di”: mi ha preparato un pranzo da re (= degno di un re); in unione a pronome personale: risolverò il problema da me (= da solo, per conto mio);

predicativo: mi ha fatto da padre.

 

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio": vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

1- Mio fratello è diverso tuo. 2- Mio marito è Torino. 3- Ricordati di passare tabaccheria per comprare i francobolli. 4- Ricordati di passare tabaccaio per comprare i francobolli. 5- Mio marito viene Torino. 6- Ti sei comportato stupido. 7- Domani andiamo insieme dentista. 8- Cosa vuoi fare grande? 9- Oggi vado a casa Marta. 10- Oggi vado Marta.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [27]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Trissino scrive:

    Gentile Prof. Anna,

    vorrei sapere se il complemento di distanza (per esempio nella formulazione “dista da …”) puo’ essere ricompreso nel complemento di separazione/allontanamento.

    Grazie mille
    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Trissino, si tratta di un vero e proprio complemento di distanza (lo aggiungerò alla lista), può riferirsi allo spazio o al tempo: la mia casa dista pochi metri dalla tua, è arrivato a pochi minuti dalla fine.
      Un saluto
      Prof. Anna

  2. Martin scrive:

    Grazie per il chiaramento
    Martin

  3. top scrive:

    Grazie

  4. Leila scrive:

    Sono brasiliana,sto impariando la lingua italiana.I suoi esercizi sono di grande aiuta a me.
    Grazie mille
    Leila

    • Zanichelli Avatar

      Cara Leila, benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  5. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Perche ho fatto troppo errore nella ultima lezione della questa tema, sono tornata a questa lezione ho studiatola bene e non ho commesso un’errore e per la prima volta dopo un assenza cosi lunga, trovo che l’abbia fatta bene. Sono meglio in forma, anche se la mia condizione non è ancora come prima il mio periodo delle malatie, ma tornerò. Sempre devo andare dal dermatologo e venerdì prossimo dal chirurgo per fare un scan per le mie vene nei gambi. Dopo la dermatologa mi parla sulla terapia. Anche sono tornata sui circuiti dello gioco “Real Racing 3” e il mio team boss ha lasciato libera il mio posto laggiu e devo abituirmi un po’ di nuovo, ma i resultati non sono affatto male e sono contenta.
    Con cari saluti a tutti, speciale a Rino,
    Anita dal Olanda.

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Anita, è un ottimo risultato.
      In bocca al lupo per i tuoi esami!
      A presto
      Prof. Anna

  6. Arturo scrive:

    Gentile professoressa Anna!
    Dai numeri ordinali:
    Penso c’ è un’ altra eccezione,
    ventisei – ventiseiesimo. È coretto?
    Grazie
    Arturo dal Austria

    • Arturo scrive:

      Scusa, è sbagliato!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Arturo, “ventiseiesimo” è corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  7. rosanna scrive:

    Gentile professoressa Anna,
    se dico” il macellaio di cui si serve mia madre” è corretto? o sarebbe più appropriato dire “da cui si serve mia madre”?
    In realtà io propenderei per questa seconda poiché non mi pare adeguato un complemento di mezzo come se il macellaio fosse un oggetto….”da cui” lo interpreto come un agente, come se trasformassi in ” da cui è servita mia madre”. Mi dia una dritta.
    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Rosanna, è corretto dire “il macellaio da cui si serve”, in questo caso la preposizione “da” introduce complementi di moto a luogo e di stato in luogo assumendo il significato di “presso” e si usa spesso con i nomi di professioni: “il macellaio presso cui si serve”.
      A presto
      Prof. Anna

  8. Mario scrive:

    ” Sono tornato adesso dal lavoro ” oppure
    ” Sono tornato adesso da lavoro ” …
    Credo sia giusta la prima … In più credo si stia parlando del complemento ” Moto da Luogo ” .

    • Mario scrive:

      P.S sarebbe : “Sono tornato adesso ( da dove ? Dal lavoro / da lavoro )

      • Zanichelli Avatar

        Caro Mario, la tua ipotesi è corretta.
        A presto
        Prof. Anna

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, è corretta la prima frase che mi scrivi.
      A presto
      Prof. Anna

  9. Prof. Anna
    Volevo sapere qual è il senso dell’espressione “È da tanto” usando la preposizione DA
    Grazie mille
    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Caro Joao, nell’espressione “è da tanto” è sottinteso i sostantivo tempo: “è da tanto tempo”, in questo caso “da” introduce un complemento di tempo continuato che risponde alla domanda “da quanto tempo?”, ad esempio: “è da tanto tempo che non ti vedo” = (è passato tanto tempo dall’ultima volta che ti ho visto).
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Prof Anna
    Mi potrebbe aiutare a fare un compito d’italiano? Nell’esercizio devo scrivere un’email per fare un autonoleggio, e non so come scrivere.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Joao, prova tu a scrivere qualcosa. Sarò felice di correggere il tuo testo.
      A presto
      Prof. Anna

  11. Salve Prof. Anna!
    Come sta?
    Ora ho una curiosità.
    Sarebbe corretto se dicessi “Ascolto Laura Pausini da quando avevo 12 anni”?
    E la frase “Mi sono innamorato di te dal momento in cui ti ho conosciuto” è giusta?
    Aspetto la Sua risposta!
    Grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Carp Joao, i periodi che mi scrivi sono corretti.
      A presto
      Prof. Anna

  12. Salve Prof.Anna!
    La frase “Lavoro in un’agenzia turistica dal lunedì al venerdì” è giusta?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Joao, questa frase è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

      • Ma perché in questo caso si usa la preposizione articolata, invece di usare solo la preposizione semplice? Entrambe andrebbero bene?

        • Zanichelli Avatar

          Caro Joao, sarebbe corretto usare anche le preposizioni semplici e dire: “da lunedì a venerdì”.
          Un saluto
          Prof. Anna