In giro per l’Italia: Palermo

Prof. Anna
Civiltà,   Geografia,   In giro per l'Italia,   Storia

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, questa settimana proseguiamo il nostro giro per l’Italia e ci fermiamo a Palermo in Sicilia.

Vi ricordo che, se ci sono parole che non conoscete, potete consultare il dizionario on-line: basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra apparirà il significato.

Buon viaggio!

Prof. Anna

Palermo è il capoluogo della Sicilia, è il quinto comune italiano per popolazione e il principale centro urbano dell’Italia insulare.

Palermo è un punto di incontro di culture diverse, che si riflettono nell’architettura, nella cultura e nella gastronomia. La città possiede una storia millenaria che le ha regalato un notevole e unico patrimonio artistico.

UN PO’ DI STORIA

images

Palermo (nome greco che significa "tutto-porto") fu fondata come città-porto dai Fenici intorno al 734 a.C., è sempre stata un nodo commerciale e culturale tra Occidente e Oriente e il più importante punto strategico al centro del Mediterraneo.

Palermo fu poi città greca, in seguito conquistata dai Romani e dai Bizantini. Nel IX secolo musulmani dal Nordafrica invasero la Sicilia e conquistarono Palermo nell’831. Nel periodo musulmano Palermo divenne una città importante nei commerci e nella cultura, la città era famosa perché al suo interno erano presenti più di 300 moschee ed era conosciuta in tutto il mondo arabo. Fu un periodo di prosperità e tolleranza: i cristiani e gli ebrei vivevano in armonia con gli islamici.

La potenza musulmana si indebolì e nel 1071 Palermo fu conquistata dai Normanni, che seppero raccogliere e utilizzare l’eredità culturale araba, greca e romana.

In seguito la città fu coquistata dagli Svevi, dai Francesi e dagli Spagnoli.

PALERMO DA VISITARE

Come si può capire dalla storia di questa città, Palermo è un’amalgama di culture e tradizioni diverse in cui convivono armoniosamente cupole arabe, chiese dal gusto barocco, palazzi in stile liberty, teatri neoclassici, settecenteschi spazi verdi e brulicanti mercati storici, simili ai suq arabi.

Ecco alcuni luoghi di particolare interesse.

LA CATTEDRALE DI PALERMO

Panoramica_Cattedrale_di_Palermo

Nel 1185  viene completata la costruzione della Cattedrale di Palermo. L’immenso edificio religioso consacrato alla Vergine Assunta sorge sul sito occupato precedentemente da una basilica cristiana (604) trasformata dai Saraceni in moschea (831) successivamente riconvertita al culto cristiano dai Normanni (1072).

 

 

CAPPELLA PALATINA E PALAZZO DEI NORMANNI

capellapalatina

Il Palazzo dei Normanni, conosciuto anche come Palazzo Reale, è uno dei principali monumenti cittadini. La fortificazione eretta dagli arabi nel IX sec. fu trasformata e ampliata dai Normanni che ne fecero il centro del loro potere. La cappella Palatina era la chiesa della famiglia reale, è decorata con splendidi mosaici bizantini, considerati tra i più belli di tutta la Sicilia.

 

 

 

 

I MERCATI DI PALERMO

vucciria

I mercati di Palermo hanno conservato il fascino di una cultura che qui ha lasciato segni inconfondibili. I mercati di Ballarò e Vucciria sono quelli più visitati, sulle bancarelle si trovano tutti i colori e i profumi di Palermo e della Sicilia.

 

 

 

 

 

 

PALERMO DA MANGIARE

index

La cucina palermitana è una combinazione straordinaria di ingredienti, sapori e profumi, frutto del passaggio delle innumerevoli civiltà che si sono succedute e che hanno lasciato anche nella cucina il loro segno. Oltre ai gustosissimi dolci come i cannoli e la cassata (nella foto) di derivazione araba, da assaggiare è anche la tipica "cucina di strada" palermitana (cioè gli alimenti già pronti per il consumo, che sono venduti e spesso anche preparati soprattutto in strada o in altri luoghi pubblici), che comprende per esempio le famose arancine (palle di riso impanate e fritte farcite generalmente con ragù, mozzarella e piselli), le panelle (frittelle di farina di ceci), e uno dei cibi preferiti dai palermitani, ovvero il panino con la milza.

Ora prova a rispondere alle seguenti domande:

1- Di quale regione italiana è capoluogo Palermo?

 2- Cosa significa "Palermo"?

3 – Qual è la particolarità di questa città che deriva dalla sua storia?

4- La Cattedrale di Palermo è sempre stata una chiesa cristiana?

5- Quale tipo di decorazione si trova all’interno della Capella Palatina?

6- Come si chiamano i mercati di Palermo più famosi e visitati?

7- Cosa si intende per "cucina di strada"?

8- Se potessi scegliere, quale specialità della cucina di strada palermitana assaggeresti?

9- Palermo in passato è stata un esempio di convivenza tra religioni e culture diverse, cosa ne pensi?

 

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [13]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Molto interessante! Tante grazie.

  2. Cara Prof. Anna!
    Mi piace sempre leggere i Suoi articoli. Sono veramente molto utili anche per i miei corsi d’italiano – i temi sono sempre interessantissimi e le spiegazioni sono facili da capire anche per le persone che non parlano molto bene l’italiano.
    Una cosa che mi piacerebbe molto sarebbe ricevere qualche volta qualche consiglio su come studiare una lingua, allora un po’ la teoria…
    Forse è anche interessante per Lei che io scrivo un blog: È in tedesco e ci sono già molti articoli informativi su “Come studiare una lingua” – non si tratta di una lingua specifica, ma di consigli generali tipo: come studiare la grammatica, come leggere, come imparare vocabolario in modo divertente e efficace. Qualche articolo è anche in italiano! Ho anche scritto un libro sul tema. Vedete che ho veramente una passione per le lingue!
    Tanti saluti,
    Christine

    • Zanichelli Avatar

      Cara Christine, grazie per il consiglio, ne terrò sicuramente conto.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  3. Dalva scrive:

    Carissima Anna,

    grazie mille, mi è piaciuto molto quello che ha
    pubblicato.
    La seguo sempre.
    Con stima,
    Dalva.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Dalva, grazie per il tuo gentile commento.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  4. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Che un bel articolo, che ha scritto; sembra che si migliorerà con questo. Lei trovo molto brava sempre li leggo con più grande interessa così anche questo. Che una storia e istoria e cultura ricca ha Cicilia e Palermo! Penso certamente ne vale la piena di visitare, ma devo farne in inverno, i causa le temperature alte laggiù.
    Saluti cordiali dal Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, la Sicilia è una splendida regione e vale davvero la pena di visitarla.
      Un saluto
      Prof. Anna

  5. Salve, Prof. Anna,
    Non vorrei disturbarLa, ma nell’ultimo paragrafo, Lei ha scritto “Oltre ai gustosissimo dolci come i cannoli e la cassata”. La mia domanda è se si potrebbe scrivere “Oltre ai gustosissimi dolci come i cannoli e la cassata”. Stavo ripassando le concordanze tra nomi ed agettivi, e mi è venuto il dubbio!
    Grazie per il suo Blog, è interessantissimo!!
    Carlos

    • Zanichelli Avatar

      Caro Carlos, si tratta di un refuso che è già stato corretto, grazie per la segnalazione.
      A presto
      Prof. Anna

  6. Cati4 scrive:

    Carissima Anna,che cosa significa in questa frase “suq”:
    brulicanti mercati storici, simili ai suq arabi.
    Non riesco a capirlo.
    Mille grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Cati, con la parola “suq” si intende un mercato in stile arabo, all’aperto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  7. elena scrive:

    Sono appena tornata dalla Sicilia con il mio gruppettino (12) nonne e il suo articolo su Palermo mi ha servito moltissimo ché la guida ci ha fatto fare un giro rpido nella bella Piazza della Cattredrale! ho potuto completareinformazioni . Mi permetto un abbraccio ( sono una già insegnante settantenna.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elena, sono contenta che l’articolo ti sia servito, Palermo è una città davvero affascinante!
      Un abbraccio anche a te
      Prof. Anna