I complementi indiretti: il complemento di fine o scopo

Prof. Anna
Complementi,   grammatica,   La lingua italiana,   Le preposizioni

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, questa settimana riprendiamo lo studio dei complementi indiretti, cioè quei complementi introdotti da una preposizione, con il complemento di fine o di scopo, che risponde alla domanda: "per quale fine o scopo?".

Buona lettura

Prof. Anna

Il complemento di fine o scopo indica l’obbiettivo, la finalità, lo scopo per cui si compie un’azione o avviene un fatto.

Può essere introdotto dalle preposizioni: per, a, da, in, di; o dalle espressioni: a scopo di, al fine di ecc.

Vediamo nello specifico quando si usano questi diversi elementi che introducono il complemento di fine:

per → l’uso di questa preposizione tende a identificare lo scopo con la causa: sono in città per lavoro (=perché devo lavorare; con l’obbiettivo di lavorare);

a → andare a passeggio (con lo scopo di passeggiare); abbiamo preso proveddimenti a sostegno della scuola (=con l’obbiettivo di sostenere la scuola);

da → di solito sottolinea la proiezione di un fatto verso un obbiettivo: ho studiato da avvocato (=con l’obbiettivo di diventare avvocato); se il fine introdotto da questa preposizione dipende da un sostantivo, viene precisato l’uso (e quindi il fine) dell’oggetto in questione, per esempio: occhiali da sole (occhiali che si indossano con l’obbiettivo ripararsi dal sole), sala da pranzo (stanza che si usa con il fine di pranzare), cane da guardia, tazzina da caffé ecc.;

in → ho dato una festa in suo onore; siamo subito corsi in suo aiuto (con l’obbiettivo di aiutarlo);

di → in espressioni come essere di (servire di): siete stati di grande aiuto; spero che questo ti serva di lezione;

a scopo di, a fine di, in vista di, a fine di (con il fine di) → hanno un preciso significato di finalità: questa non è una società a scopo di lucro, mi sto preparando in vista degli esami, l’ho fatto a fin di bene.

DIFFERENZA TRA IL COMPLEMENTO DI CAUSA E IL COMPLEMENTO DI FINE

Il complemento di fine non va confuso con quello di causa, anche se a volte non è facile distinguerli, perché sono introdotti dalle medesime preposizioni e perché sono due varianti del rapporto di causa-effetto, ma ovviamente diverse tra loro. Vediamo quindi qual è la differenza

La causa si realizza anteriormente o contemporaneamente al suo effetto, per esempio: Luca è felice per il suo nuovo lavoro, abbiamo uno stato d’animo (la felicità) che è l’effetto di una causa (il nuovo lavoro).

Per il complemento di causa: www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/

Mentre il fine è come una causa non ancora realizzata, è sentita come un’aspirazione e come punto terminale dell’azione, è l’obbiettivo per cui si compie un’azione: Luca si prepara per l’esame, in questa frase l’azione (prepararsi) si compie in vista di un obbiettivo (per l’esame).

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Appena li ho chiamati, sono venuti in mio aiuto.
    • Appena li ho chiamati, sono venuti per mio aiuto.
  2. Scegli la frase corretta:
    • A Giovanni piacciono molto le macchine per corsa.
    • A Giovanni piacciono molto le macchine da corsa.
  3. Scegli la frase corretta:
    • Credo che questa esperienza gli sia servita per esempio.
    • Credo che questa esperienza gli sia servita di esempio.
  4. Scegli la frase corretta:
    • Mia sorella studia per ingegnere.
    • Mia sorella studia da ingegnere.
  5. Nella seguente frase: "mi sono allenato per la gara di domani" è presente:
    • un complemento di fine
    • un complemento di causa
  6. Nella seguente frase: "ti ammiro per la tua calma" è presente:
    • un complemento di fine
    • un complemento di causa
  7. Nella seguente frase: "non l'ho mai visto piangere di gioia" è persente:
    • un complemento di fine
    • un complemento di causa
  8. Nella seguente frase: "a quei tempi si combatteva per la libertà" è presente:
    • un complemento di fine
    • un compelemento di causa
  9. Nella seguente frase: "vorrei parlare con lui per un consiglio" è presente:
    • un complemento di fine
    • un complemento di causa
  10. Nella seguente frase: "non mi è partita la macchina per il freddo" è presente:
    • un complemento di fine
    • un complemento di causa

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [44]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Appena aver ricevuto questa lezione, la ho guardato e risposto tutte le frase corrette, che mi piace veramente, ma la guarderò ancora con più attenzione. Sono felice e contenta di ricevere le lezione di nuova sul mio IPad e mio smartfone. Se viene un disturbo sul uno le riscio vedere sempre sull’altro.
    Saluti cordiali a tutti
    Anita dal Olanda

  2. Mimma scrive:

    Complimenti per la cura che date alla grammatica

  3. Cara Anna:
    La domanda quattro mi causa confusione. In questo caso, non capisco la differenza tra per e da.
    “Mia sorella studia per ingegnere.” Io capisco che il fine della sorella è diventare un ingegnere. Non vedo nessuna parola che mi dica con certezza qual, è il fine di diventare ingegnere. Quindi perché si usa da?
    Grazie,
    Marta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marta, usiamo -da- perché viene indicato l’obbiettivo (diventare ingegnere), certo questo succede anche con “per”, ma ci sono delle espressioni che prediligono l’uso di una preposizione piuttosto che un altra, l’ espressioni “studio da” vuole questa preposizione e non -per-, così come i sostantivi sono seguiti da -da- (biglietto da visita, macchina da scrivere ecc.) e non da -per.

      • Cara Anna, quando devo usare le preposizioni “per” e “a” in questo caso?

        • Zanichelli Avatar

          Caro Marcos, la preposizione “per” tende a identificare lo scopo con la semplice causa: “mi ha lasciato il suo orologio per ricordo” (= perché voleva che lo ricordassi); “a” sottolinea il significato direzionale del fine: “si sono presi provvedimenti a sostegno della piccola industria”; “ha qualcosa da dire a sua discolpa?”.
          Un saluto
          Prof. Anna

      • Cara Anna, quando devo usare “a” e “per”? Aspetterò la risposta 😉

  4. Eti scrive:

    Alla scuola sito
    Leggevo un po’ le regole che avete scrito e poi mi salta a alla mente e Capitol le due posibilita .
    Devo alenarsi ancora con l’esercizi.
    Grazie a voi e buona Pasqua
    Eti
    .

  5. Rino scrive:

    L’ho detto io che l’italiano è strano come alcuni Italiani.
    Ho avuto modo di leggere che macchina da scrivere è errato, perché non è la macchina che si deve scrivere, bensì serve PER scrivere, quindi ritengo sia più corretto macchina per scrivere e non DA scrivere.
    Mi scuso per l’intrusione.
    Cordiali saluti.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, la preposizione -da- indica lo scopo per cui l’oggetto viene usato, quindi “macchina utilizzata per scrivere”, per questo si dice “macchina da scrivere”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  6. Rino scrive:

    “All’incirca”, per me è una parola strana: Proviamo ad analizzarla.
    Alla= preposizione articolata, INCIRCA, boh!:-))) forse sostantivo.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, “incirca” è un avverbio e significa “circa, pressappoco”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  7. Rino scrive:

    Ma quando rottamano alcune parole equivoche?
    Quando accorpano alcuni complementi che sono troppi e hanno lo stesso significato? quando accorpano le molteplici congiunzioni che sono una marea e se ne usano quotidianamnte pochi?
    L’Italia è meravigliosa, ma l’italiano molto meno.

  8. Rino scrive:

    Tra FINE e CAUSA, vedo di mezzo lo SCOPO.
    Buon week-end.

  9. Arnoldas scrive:

    Gentile Professoressa Anna,non posso capire perché si dice “dalla mattina alla sera/ da mattina a sera” e si dice solo “dalla sera alla mattina” e non si dice “da sera a mattina” (senza articolo). Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Arnoldas, come ben saprai per l’uso delle preposizioni spesso non ci sono regole precise, l’uso ha stabilito che si dica “dalla sera alla mattina”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Rino scrive:

    Sapevo grazie.
    Sapevo di “all’incirca”, ma di “incirca” proprio no! anche se ci si arriva comunque, ma la parola lascia un tantino a desiderare.
    Miiiiiiii!!!! sto italiano eh?

  11. tami scrive:

    Cara Professoressa! IO sono qui in Italia, da ormai 16 anni e mi vergogno molto, perché ancora faccio tante difficoltà parlare correttamente in italiano, sopratutto ho tante difficoltà con le complementi, preposizioni. Io sono ungherese. HO compreso bene che davanti a verbi con finalità: -ERE- devo mettere sempre a?
    Grazie comunque tantissimo per il suo blog, usufruirò molto volentieri grazie che qualcuno ci pensa a noi………):)

    • Zanichelli Avatar

      Caro Tami, non so se ho capito bene la tua domanda, ma non sempre davanti a verbi che finiscono in -ere- ci vuole la preposizione -a- (intendi davanti al verbo all’infinito?). Per spiegarti meglio prova a farmi un esempio, intanto ti consiglio questo articolo sull’uso delle preposizioni davanti a un verbo all’infinito: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=4401
      A presto
      Prof. Anna

  12. Norma scrive:

    Gli esercizi per l’uso delle preposizioni sono importantissimi!
    tante grazie

  13. ele scrive:

    grazie mille

  14. Luca scrive:

    Salve, nella frase di esempio ” sono in citta’ per lavoro”, il termine “per lavoro” non potrebbe essere interpretato come “a causa o motivo”di lavoro? In tal caso infatti non si tratterebbe di Compl. di fine, bensi’di causa. Grazie per l’eventuale chiarimento

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luca, è possibile intenderlo anche in questo modo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  15. luca scrive:

    Buongiorno Prof.Anna ,sono alle prese con l’analisi logica della seguente frase: ho scelto Firenze per trascorrere le vacanze
    “per trascorrere” si puo ‘ considerare complemento di fine o scopo e “le vacanze” complemento oggetto??
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luca, quando abbiamo un verbo (trascorrere) non si tratta di un complemento ma di una proposizione (una frase) quindi “per trascorrere” è una proposizine finale, mentre “le vacanze” è, come dici tu, un complemento oggetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  16. silvia scrive:

    cara prof.ssa Anna ti chiedo una cosa che riguarda analisi logica
    nell frase mi sembra un problema facile non c’è il soggetto, perché è impersonale oppure come credo io il soggetto sotto inteso è esso.
    Grazie mille!
    silvia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Silvia, il soggetto della frase che mi scrivi è “problema”: “un problema” soggetto, “sembra” predicato, “mi” complemento d termine, “facile” complemento predicativo del soggetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  17. maria scrive:

    Vorrei sapere se è corretta l’espressione:”Invio al fine della prossima dichiarazione dei redditi il certificato notarile di vendita dell’immobile..”
    Temo di aver sbagliato.
    Ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, ti suggerisco solo una modifica: “Invio il certificato notarile di vendita dell’immobile per la prossima dichiarazione dei redditi”.
      A presto
      Prof. Anna

      • maria scrive:

        La ringrazio per questa bella lezione di Italiano,mi servirà. La frase suggerita è lineare e evita un contorcimento inutile.

  18. mario scrive:

    sono in città per lavoro, la preposizione per può essere contestualmente sia la causa che lo scopo?
    grazie mario

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, definirei “per lavoro” un complemento di fine, indica infatti la finalità, lo scopo per cui si compie l’azione (sono in città).
      Un saluto
      Prof. Anna

  19. Preg.ma Prof.ssa Anna, vorrei seguire le sue lezioni allo scopo di non sbagliare più la punteggiatura, con particolare riguardo alle virgole. Se Le è possibile, mi mandi esercizi un pò difficoltosi con cui potere misurare le mie reali capacità. Grazie!

  20. Pietro scrive:

    Buongiorno,
    scrivo per avere un chiarimento su una frase a cui devo fare l’analisi logica. La frase è la seguente:
    “Giovanni e Marco facevano la stessa strada per andare a scuola”.
    Il mio dubbio è riguardo “per andare a scuola”.
    io la analizzerei così:
    Per andare = complemento di fine/scopo
    a scuola = complemento di moto a luogo

    Essendoci un predicato mi chiedo se sia corretto considerare “per andare” come un complemento di fine e inoltre se non sia forse il caso di considerare “per andare a scuola” come un unico complemento.

    In attesa di una vostra risposta vi ringrazio per l’attenzione.
    Pietro

    • Zanichelli Avatar

      Caro Pietro, un complemento non può essere formato da un predicato, quindi “per andare a scuola” è un’altra frase perché c’è un altro predicato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  21. Gabry scrive:

    Esibirsi in serate.
    Esibirsi= predicato verbale.
    In serate= complemento di scopo.
    È giusto?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gabry, “in serate”= complemento di limitazione.
      A presto
      Prof. Anna

      • Gabry scrive:

        Ho un dubbio riguardo ad una frase: ” si esibiva in serate di piazza e per le festività”.
        “In serate” è un complemento di limitazioni e ” per la festività” è un complemento di fine, quindi come mai tra i 2 termini c’è la congiunzione “e”? La congiunzione lega due elementi simili.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Gabry, in questo caso possono essere entrambi complementi di tempo introdotti rispettivamente da “in” e “per”: “si esibiva durante serate in piazza e durante le ferstività”.
          Un saluto
          Prof. Anna

  22. Cara prof.ssa Anna le scrivo per chiarirmi le idee su queste due frasi:

    “Esiste un metodo ottimale per inzuppare un biscotto” In questo caso “per inzuppare un biscotto” è una proposizione finale che coincide anche in complemento di fine?

    “Un operatore di Borsa cileno investe per conto del proprio Paese lo 0,5 del PIL” che complemento è “per conto del proprio Paese”?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alessandra, “per inzuppare un biscotto” è una proposizione finale e non un complemento di fine; “per conto del prorpio Paese” è un complemento di modo.
      A presto
      Prof. Anna

  23. luca scrive:

    Cara Prof.ssa Anna
    quindi se ho capito bene se una azione è accaduta prima il complemento e di causa se dopo e di fine come per esempio
    la frase Gianni prepara lo zaino per andare in palestra. Gianni ha preparato lo zaino prima di andare in palestra perciò e dia causa giusto?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luca, “per andare in palestra” è una frase, quindi non può essere un complemento, si tratta di una proposizione finale, così come la frase “prima di andare in palestra” è una temporale (esprime una relazione di tempo tra reggente e subordinata e non una relazione causale).
      Un saluto
      Prof. Anna