Gli avverbi di tempo – approfondimento

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Lessico

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, questa settimana approfondiremo alcuni aspetti dei principali avverbi di tempo, vedremo che possono avere diversi significati a seconda del contesto in cui vengono usati.

Buona lettura!

Prof. Anna

Gli avverbi di tempo servono a determinare il tempo di svolgimento di un’azione, il tempo di svolgimento può trovarsi a una distanza più o meno prossima dal momento in cui si parla o si scrive.

Vediamo insieme quali sono i principali avverbi di tempo e quali sono i loro significati:

ancora:

⇒ esprime la continuità dell’azione nel presente, nel passato e nel futuro:Ieri alle undici di sera Marco era ancora in ufficio;

⇒ in frasi negative indica un’azione che in quel momento non si è ancora verificata: Non sono ancora riuscita a leggere il libro che mi hai prestato;

⇒ può significare di nuovo, un’altra volta: – Provaci ancora!;

mai:

⇒ può indicare fatti che non si svolgono o non si sono svolti, usato in frasi negative o interrogative dubitative: – Non sono mai andato all’estero; – Sei mai stato a casa mia?;

⇒ usato da solo ha la funzione di avverbio negativo, con un significato più forte di –no-: – Lo perdonerai un giorno? – Mai!;

⇒ può essere usato prima del verbo nell’espressione "mai che" con il significato di "non succedere mai" seguita dal congiuntivo: – Pagavamo sempre tutto noi. Mai che offrisse lui!;

⇒ può essere usato in proposizioni interrogative dirette o indirette con funzione rafforzativa accanto a chi, che, quale, perché, come, quando, quanto: –Perché mai te ne sei andato?;

ora, adesso: indicano azioni che si svolgono nel presente o che sono appena terminate; in quest’ultimo caso possono anche essere rafforzati: or ora, proprio ora, proprio adesso: – Siamo tornati proprio ora;

già:

⇒ indica un’azione che rispetto al momento in cui si parla o rispetto ai fatti narrati si è conclusa ed è nel passato:      – Questo film l’ho già visto;

⇒ in proposizioni interrogative o esclamative esprime meraviglia, gioia o rimpianto per qualcosa che sta accadendo, sta per accadere, o è già accaduta: – Buona questa torta! Peccato che sia già finita;

⇒ usato da solo nelle risposte equivale a –-: – Fa freddo oggi, vero? – Già;

ormai:

⇒ in molti casi è sinonimo di già: – Ormai è tardi (è già tardi);

⇒ indica un fatto giunto a maturazione, a compimento,col significato di –giunti a questo punto-: –Ormai non c’è più niente da fare

presto:

⇒ può indicare un fatto avvenuto prima del tempo stabilito (opposto a tardi): – Siamo arrivati presto all’appuntamento e il dottore non era ancora nel suo studio;

⇒ indica anche un fatto che si svolgerà in un immediato futuro: – Ci vediamo presto!

prima, precedentemente, dopo, poi: i primi due indicano fatti che si svolgono anteriormente, gli altri due fatti che si svolgono posteriormente: – Sono arrivato prima di te; Di queste cosa parleremo dopo;

poi può anche significare:

inoltre, per giunta: –Non posso venire stasera e poi sono troppo stanco;

⇒ può avere valore avversativo con il significato di -però-: – Io fossi in te non ci andrei, tu poi fai come vuoi;

allora:

⇒ significa –in quel tempo: -Non immaginavo allora quel che sarebbe successo oggi;

⇒ può essere usato come congiunzione con valore conclusivo con significato di -in questo caso-: –Se vuoi venire, allora preparati;

⇒ può introdurre frasi interrogative indirette o espressioni esclamative per sollecitare una decisione o una risposta: – E allora? Com’è andato l’esame?;

⇒ l’avverbio allora ha assunto progressivamente nel tempo la funzione di sostantivo invariabile con il significato di "quel momento", "quel tempo": le abitudini di allora, la mentalità di allora, per questo motivo la forma "fino ad allora", che è più recente, è più frequente oggi di "fino allora".

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Quando sono andata a svegliarlo, stava allora dormendo.
    • Quando sono andata a svegliarlo, stava ancora dormendo.
  2. Scegli la frase corretta:
    • Ho mai sentito questa canzone.
    • Ho già sentito questa canzone.
  3. Scegli la frase corretta:
    • Loro sono partiti presto di noi.
    • Loro sono partiti prima di noi.
  4. Scegli la frase corretta:
    • Se hai tanto bisogno di soldi, allora cercati un lavoro!
    • Se hai tanto bisogno di soldi, già cercati un lavoro!
  5. Scegli la frase corretta:
    • Quando mai non ti ho aiutato?
    • Quando allora non ti ho aiutato?
  6. Scegli la frase corretta:
    • Dopo tutte le bugie che mi hai detto, ormai non ti credo più.
    • Dopo tutte le bugie che mi hai detto, ancora non ti credo più.
  7. Scegli la frase corretta:
    • Marco è sempre in ritardo, mai che arriva puntuale!
    • Marco è sempre in ritardo, mai che arrivi puntuale!
  8. Scegli la frase corretta:
    • I giovani di precedentemente erano molto diversi da quelli di oggi.
    • I giovani di allora erano molto diversi da quelli di oggi.
  9. Scegli la frase corretta:
    • Non siete ancora venuti a vedere la nostra nuova casa.
    • Non siete già venuti a vedere la nostra casa.
  10. Scegli la frase corretta:
    • Vuoi già andare via? Non è così tardi, restiamo ancora un po'.
    • Vuoi ormai andare via? Non è così tardi, restiamo ancora un po'.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [35]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Patrick scrive:

    Buongiorno, grazie mille per gli esercici…

    Forse una piccola errore : “Siamo tornati propio ora;” e non capisco la

    frase : “– Io fossi in te non ci adrei, tu poi fai come vuoi;” che

    significa : adrei, fai ????

    Cordialmente, Patrick

    • Zanichelli Avatar

      Caro Patrick, grazie per la segnalazione; la frase sarebbe: “io fossi in te non ci andrei”; entrambi gli errori sono già stati corretti; “fai” è imperativo del verbo “fare” che puoi anche trovare con forma apostrofata “fa’”.
      A presto
      Prof. Anna

  2. Segnalo una svista:

    Siamo tornati propio ora.

    Cordiali saluti
    Gea Gaibari

    • Zanichelli Avatar

      Cara Gea, grazie della segnalazione.
      A presto
      Prof. Anna

    • Zanichelli Avatar

      Cara Gea, grazie per la segnalazione.
      A presto
      Prof. Anna

  3. Eti scrive:

    Vorei ringraziarvi all’esercizio che inviato ,
    Lo risulta to tutto verde
    Grazie moltissimo
    Eti

  4. Enzo scrive:

    Semplici,chiari ed efficienti

  5. Rino scrive:

    Carissima Prof. la settima mi sembra errata, dovrebbe chiedere la terza persona singolare, e non la seconda, sbaglio?
    Cordiale saluto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, si tratta di un congiuntivo, che deve essere usato dopo l’espressione “mai che”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  6. Rino scrive:

    …Marco arrivi sempre in ritardo, mai che sei puntuale.

  7. Rino scrive:

    Peccato! mi perdo sempre i vecchi commenti.

  8. Rino scrive:

    Un frase negativa chiede sempre il congiuntivo o anche l’indicativo?
    Es. Non so se domani viene Virgilio; Oppure non so se domani venga Virgilio?
    Grazie Prof.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, dopo “non so se”, che introduce un’interrogativa indiretta, puoi usare sia l’indicativo sia il congiuntivo se vuoi sottolineare il valore dubitativo della frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  9. Ad scrive:

    Buonasera prof. Anna,
    La soluzione data di numero 7 e corretta?
    Saluti da paesi bassi!
    Ad(riano)

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ad, la soluzione è corretta, è quindi corretta la frase col congiuntivo “arrivi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Tanya scrive:

    7. pumtuTale ???? E’ sbagliato?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Tanya, l’errore è già stato corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  11. maria scrive:

    Questa volta un’esercizio facile! Me lo piace di tanto in tanto.

  12. e molto utile

  13. Rino scrive:

    Pardon.
    …Arrivi è una esortazione per cui chiede il congiuntivo; Ok tutto chiaro.
    Grazie Prof.

  14. Myriam scrive:

    Cara Prof. Anna,
    ho un dubbio, forse non ha molto a che vedere con gli avverbi di tempo. Va bene dire : ” è un anno che se ne andato ” o si deve dire “da un anno….” Ti ringrazio della tua risposta.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Myriam, puoi dire “è un anno che se ne è andato” oppure “se ne è andato da un anno”.
      A presto
      Prof. Anna

  15. Enrique scrive:

    Buongiorno Prof. Anna.
    Complimenti per i suoi approfondimenti e per gli esercizi, così interessanti e utili per noi stranieri. Mi sorprende tanto la funzione rafforzativa del pronome MAI, poiché mi sembra contraddittoria nella frase “Perché mai te ne sei andato?” Quindi, è corretto dire “Perché te ne sei andato?” È obbligatorio usare l’avverbio MAI?
    Grazie tante e cordiali saluti.
    Enrique.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Enrique, non è assolutamente obbligatorio usare “mai”, è infatti solo un rafforzativo.
      A presto
      Prof. Anna

  16. Rino scrive:

    I miei migliori Auguri di Buona Pasqua.
    Pace e Serenità. Ciao a Tutti.

  17. Rino scrive:

    Visitate Roma, una bellissima città.
    Ma perchè stiamo sconvolgendo l’intera umanità?
    credo che spetti proprio da noi ripristinarla al meglio, i nostri antenati non conoscevano né droga, né schifezze varie, quindi impegnamoci tutti al meglio.
    Pace a tutti.

  18. Rino scrive:

    Da un professore scrittore, parte la sparata:
    “Hanno ucciso due milioni di morti” mah!
    Un saluto.

  19. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Questa volta non ho commesso alcun errore e possibilmente la causa potrebbe essere che io abbia mangiato gli spaghetti per la prima volta nella mia vita e trovava molto gustoso che non mai l’ho aspettata e ho mangiato veramente bene e mi piace di conviderlo con voi. Con saluti cordiali dal Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Molto brava Anita! Forse gli spaghetti ti hanno aiutato!
      A presto
      Prof. Anna

  20. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Che cosa Lei ha scritto, lo credo anche, perché parlo meglio l’italiano! E vado certamente a preparargli.
    Con saluti cordiali dal Olanda
    Anita

  21. la tass scrive:

    bello e mi serve molto grazie

  22. Niura scrive:

    Cosa sono marcatori temporali de passato per riferisci a momento del futuro?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Niura, non ho capito bene la tua domanda, potresti farmi uun esempio?
      A presto
      Prof. Anna

  23. Nel Purgatorio Dante, al Canto XII° verso 109 scrive : Noi volgemmo ivi le nostre persone – Leggendo l’analisi di un noto Dantista, dice che vi è un ABLATIVO ASSOLUTO. Sinceramente NON riesco a “vederlo”. Sono certo che lei saprà spiegarmelo bene. Grazie mille anche per le mie due precedenti richieste, delle quali mi ha soddisfatto pienamente. Grazie ancora.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Simplicio, l’ablativo assoluto è un costrutto della lingua latina formato dall’unione di un nome (o pronome) e di un participio presente o perfetto, entrambi in caso ablativo, in italiano si traduce utilizzando il gerundio presente per tradurre il participio presente latino, nel verso 109 del Canto XII abbiamo un gerundio: “noi volgendo (e non “volgemmo”) ivi le nostre persone”. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna