La frase complessa: le proposizioni interrogative dirette

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi continuiamo il nostro studio della frase compessa, in particolare vedremo le proposizioni interrogative dirette,ovvero le frasi che contengono una domanda diretta.

Buona lettura!

Prof. Anna

Nella lingua parlata le interrogative dirette sono caratterizzate da un’intonazione ascendente fino all’ultima sillaba della parola; nella lingua scritta sono segnalate dal punto interrogativo: "hai già mangiato?".

Spesso, sia nel parlato che nello scritto sono introdotte da elementi grammaticali interrogativi (chi, che, perché, dove, quando ecc.). Il soggetto a volte si trova dopo il verbo o anche alla fine della frase: "è arrivato Luca?".

TIPI DI INTERROGATIVA

Interrogativa totale→ una interrogativa si dice totale quando la richiesta di informazione riguarda l’intero contenuto della frase e quindi le risposte possibili sono -sì-, -no- , -non lo so-. Per questo tipo di frase non c’è bisogno di nessun elemento introduttivo: "mi presti la tua matita?" (-sì-, -no-).

Interrogativa parziale→ si dice paziale una interrogativa in cui la richiesta di informazione è limitata a un solo elemento del suo contenuto, questo elemento viene indicato dalla parola interrogativa (un aggettivo, un pronome o un avverbio) che introduce la frase (chi, che, quale, perché, quando, dove, come ecc.): "dove vai?".

Interrogativa disgiuntiva→ è formata da due o più possibilità di risposte alternative, anche questo tipo di frase è aperto a poche possibili risposte: "sei stato al mare o in montagna?".

IL MODO VERBALE DELLE INTERROGATIVE

Il modo verbale più frequente è l’indicativo: "quale vestito preferisci?"; molto frequente è anche il condizionale per fare domande, con una sfumatura di sorpresa, meraviglia o disapprovazione, su un fatto probabile o ipotetico: "tu cosa faresti?".

Il congiuntivo si può usare in domande di tipo dubitativo: "sento dei rumori, che sia il vento?".

In alcuni casi in cui si esprimono reazioni di meraviglia o di rifiuto si può usare l’infinito, che, proprio perché non ha né tempo né persona, concentra tutta l’attenzione sull’azione: "ora devi metterti a studiare" "studiare io? Oggi non ne ho voglia"; "io mangiare questa roba? Non credo proprio!".

LE FRASI INTERROGATIVE NEL PARLATO

La frase interrogativa è molto frequente nella lingua parlata, le interrogative presentano infatti una ricca varietà espressiva, spesso la frase è introdotta da elementi che servono a esprimere meraviglia o sorpresa: -e-, -e che-: "e tu che ci fai qui?"; "e che, vorresti avere ragione?"; oppure da elementi che esprimono contrarietà: -ma-: "ma che dici?"; o che servono per richiamare l’attenzione: -che-: "che, mi faresti un favore?".

L’avverbio -mai- può trovarsi dopo l’elemento introduttivo e sottolinea la particolare partecipazione emotiva del soggetto:

– "come mai sei arrivato così tardi?"- "quando mai avrei detto queste cose?"- "che cosa avrò mai fatto di tanto grave?".

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. "Dove andiamo stasera?" Questa interrogativa è:
    • totale
    • parziale
    • disgiuntiva
  2. "Sei stanco?" Questa interrogativa è:
    • totale
    • parziale
    • disgiuntiva
  3. Scegli la frase corretta:
    • "Hanno bussato alla porta. Che è il postino?"
    • "Hanno bussato alla porta. Che sia il postino?"
    • "Hanno bussato alla porta. Che sarebbe il postino?"
  4. Scegli la frase corretta:
    • "Cosa vorresti per regalo?"
    • "Cosa voglia per regalo?"
  5. "Sono vecchie o nuove queste scarpe?" Questa interrogativa è:
    • totale
    • parziale
    • disgiuntiva
  6. "Ma quando finirà questa storia?" Questa interrogativa esprime:
    • meraviglia
    • contrarietà
  7. Scegli la frase corretta:
    • "Ballare io? Lo sai che non sono capace"
    • "Ballo io? Lo sai che non sono capace"
  8. "E questo cos'è?" Questa interrogativa esprime:
    • meraviglia
    • contrarietà
  9. Scegli la frase corretta:
    • "Mai perché ti sei arrabbiato?"
    • "Perché mai ti sei arrabbiato?"
  10. "Torni per cena?" Questa interrogativa è:
    • totale
    • parziale
    • disgiuntiva

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Rino scrive:

    L’ultima sbagliata per distrazione.

  2. Rino scrive:

    Lezione non molto difficile:-)

  3. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Nonostante che io trovi quasta lezione non così semplice, ho risposte tutte le domande correttamente e mentre ho risposto le frase 6 e 8 intuitivamente, perché mi non è chiara la differenze fra meraviglia e contrarietà anche se ho guardato la lezione ancora alcune volte. Volentieri la guarderò e studio ancora molto bene, perché trovo più interessante e utile quando un lezione è un po’ più difficile. Anche questo mi piace veramente.
    Con saluti cordiali dal Olanda a tutti
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, “meraviglia” significa “stupore” cioè sono stupito, meravigliato da qualcosa, mentre “contrarietà” significa che non approvo del tutto qualcosa, sono contrario.
      A presto
      Prof. Anna

  4. thanassis scrive:

    Ho sbagliato solo la che forma interrogativa e,ho fatto solo 2 errori,grazie per il test.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Thanassis, ottimo risultato!
      A presto
      Prof. Anna

  5. emanuel scrive:

    Meraviglia!!!

  6. E’ stato un esercizio molto buono., per ripassare una serie di temi anche . La ringrazio Professoressa. Sra..Bardi