La frase complessa – le proposizioni oggettive: indicativo o congiuntivo?

Prof. Anna
congiuntivo,   grammatica,   La lingua italiana,   Sintassi

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi completiamo il nostro studio delle proposizioni oggettive, vedremo quando usare l’indicativo e quando il congiuntivo.

Buona lettura!

Prof. Anna

USO DEL CONGIUNTIVO E DELLINDICATIVO NELLE OGGETTIVE

L’alternanza tra indicativo e congiuntivo nelle oggettive è regolata:

• da un criterio semantico, di significato:

⇒ se vogliamo enunciare un avvenimento certo useremo l’indicativo → sostengo che è colpa tua;

⇒ se vogliamo enunciare un avvenimento presunto o probabile useremo il congiuntivo → penso che sia colpa tua;

• da una scelta di registro: nello scritto e nel parlato formale si tende a usare il congiuntivo secondo il criterio che abbiamo appena spiegato, mentre negli usi informali si ricorre frequentemente all’indicativo al posto del congiuntivo: penso che è colpa tua, penso che avete fatto bene ecc.

Per scegliere tra i due modi verbali più facilmente dobbiamo ricordare che richiedono il congiuntivo i verbi che indicano una volontà, un desiderio, una richiesta, un’aspettativa, un’opinione, una preghiera, un timore.

Vediamo alcuni di questi verbi:

accettare; aspettare; attendere; augurare; chiedere; credere; desiderare; disporre; domandare; dubitare; esigere; fingere; immaginare; lasciare; negare; ordinare; permettere; preferire; pregare; ritenere; sospettare; sperare; supporre; temere; volere.

Vogliono invece l’indicativo i verbi di giudizio o di percezione:

accorgersi; affermare; confermare; constatare; dichiarare; dimostrare; dire; giurare; insegnare; intuire; notare; percepire; promettere; ricordare; riflettere; rispondere; scoprire; scrivere; sentire; sostenere; udire; vedere.

Alcuni verbi richiedono il congiuntivo o l’indicativo a seconda del significato.

Vediamo qualche esempio:

ammettere:

→ vuole l’indicativo quando ha il significato di “riconoscere”: ammetterai che si è comportato male;

→ vuole il congiuntivo quando ha il significato di “supporre”: ammettiamo che mi sia sbagliato;

capire:

→ vuole l’indicativo nel significato di “rendersi conto”: ho capito che era innamorata di un altro;

→ vuole il congiuntivo nel significato di “trovare naturale”: capisco che tu sia preoccupato per l’esame.

 

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Luca ha giurato che non è stato lui a rompere il computer.
    • Luca ha giurato che non sia stato lui a rompere il computer.
  2. Scegli la frase corretta:
    • I miei colleghi mi hanno confermato che la riunione è domani mattina.
    • I miei colleghi mi hanno confermato che la riunione sia domani mattina.
  3. Scegli la frase corretta:
    • Desidero che voi siate felici.
    • Desidero che voi siete felici.
  4. Scegli la frase corretta:
    • Preferisco che tu vieni in macchina con me.
    • Preferisco che tu venga in macchina con me.
  5. Scegli la frase corretta:
    • Luca ha ammesso che voi mi avete mentito.
    • Luca ha ammesso che voi mi abbiate mentito.
  6. Scegli la frase corretta:
    • Ammettiamo che tu sei molto ricco, come spenderesti i tuoi soldi?
    • Ammettiamo che tu sia molto ricco, come spenderesti i tuoi soldi?
  7. Scegli la frase corretta:
    • Mi hanno detto che Marta ha superato l'esame.
    • Mi hanno detto che Marta abbia superato l'esame.
  8. Scegli la frase corretta:
    • Finalmente ho capito che Alex non sia la persona giusta per me.
    • Finalmente ho capito che Alex non è la persona giusta per me.
  9. Scegli la frase corretta:
    • Questa festa è molto noiosa, capisco che tu voglia andartene.
    • Questa festa è molto noiosa, capisco che tu vuoi andartene.
  10. Scegli la frase corretta:
    • Voglio che tutto è pronto in tempo per la cena.
    • Voglio che tutto sia pronto in tempo per la cena.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [103]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Giampaolo scrive:

    Brava Prof Anna! Ottima spiegazione, chiara ed efficace ed ottimi esempi.

  2. Marta scrive:

    Cara Anna: ho un dubbio, la frase (anche se) rechiede l’indicativo oppure il congiuntivo?

    Buon fin the settimana
    Marta

    • Zanichelli Avatar

      Cara arta le proposizioni concessive introdotte da “anche se” reggono l’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  3. Le lezioni sono ottime ; a volte ritengo che una media di 10 esercizi sia un po’ troppo corta !! Lei che ne pensa ?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lia, grazie per il tuo commento, ritengo però che 10 domande siano sufficienti, anche se gli esercizi non sono mai troppi!
      A presto
      Prof. Anna

  4. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Finalmente dulcis in profonda capisco la tema della lezione, in anteriore, perché ho commesso due errori, ma dopo aver’ guardato le frase ancora ho visto la luce, credo la bella testa della canzone “sapore di sale”, si deve la causa! 🙂 :-). Sono contentissima. Anche perché ho perlato con un veterano inglese dalla seconda guerra mondiale. È una esperienza enorme. Gliel’ho ringraziato che lui ha battuto anche per la mia libertà. Ho riconosciuto l’insegna che indossava sul bavero della giacca. Mi è venuto subito la pella d’oca sulla mia faccia. Mi è successo nel periodo del giornata memoria per tutti i veterani a La Haia. Il re ha preso il defilé. Anche ho dovuto pensare agli piloti acrobatici italiani chi siano morti durante il dimostrato a Ramstein in Germania. Ero la quando è successo questo distrasto mortale e l’ho visto sulla tv. Sempre ancora ne trovo di grave enorme. Per questo non ho le parole giusto ancora. Ho sentito il rumore, perché ero seduto nella gardena del pensione.
    Anche questo volevo dividere con voi, perché anche loro siano morti in servo della nostra sicurità e libertà.
    Non mai possiamo dimenticarlo!
    Con saluti cordiali dal Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, grazie per il tuo contributo.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  5. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Di nuova ho studiato ancora sulla lezione ed ora non ho commesso un errore che mi piace e ho trovato di nuovo un’errore linguistico, perché la mia miglior amica era venuta a trovarmi con un vestito appena comprato. Quando ho visto la tasca, mi sono accorgo immediamente il errore. ” Vero Moda’ ne sta scritto. Secondo me, “Vera Moda” è corretta e perché un cambio di nome del negozio sia troppo costoso, non avviso la proprietà. Se vedolo, trovo anche che questo sbaglio riduca alcuna della esclusività del negozio e questo trovo un peccato grande. È un nome italiano ed la moda italiana sta per una esclusività enorme e ha veramente un charisma.
    Credendo che Lei sarebbe d’accordo con me, Lei e tutti i lettori saluto dal mio cuore dal Olanda
    Anita

  6. Francesca scrive:

    Salve a tutti! Vorrei sapere come si fa a scrivere e a pubblicare un libro di italiano per stranieri. Se potete aiutarmi rispontedemi. Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Car Francesca, è una domanda un po’ complessa, bisogna impostare e scrivere il libro e trovare un editore.
      A presto
      Prof. Anna

  7. nunzia scrive:

    Grandeeeeee non ho fatto nessun errore! Grazie prof.Anna

  8. Ysabel scrive:

    Prof.. aiuto! non so com’è un esame di recupero..
    come sono le domande aperte? 🙁

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ysabel, nelle domande aperte non devi scegliere tra risposte che ti vengono proposte, ma devi rispondere tu con parole tue.
      A presto
      Prof. Anna

  9. Un ringraziamento cordiale vorrei inviare alla Prof. Anna per il Suo bel sito Internet per apprendere meglio la lingua italiana.
    Lo consulterò spesso e ne spargerò anche la voce.
    Un saluto affettuoso dalle terra di Svevia nelle vicinanze di Stoccarda (Germania)
    Rino R. Cecconi

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, benvenuto su Intercultura blog, grazie per il tuo gentile commento.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  10. eleonora scrive:

    bellissima pagina!

  11. emilio scrive:

    Gentile Prof.ssa Anna,
    mi riferisco alla frase n.ro 9.
    Se in quella frase io uso il verbo capire con il significato di “rendermi conto”, è comunque scorretto l’uso dell’indicativo? Inoltre, quest’ultima frase, che ho scritto di getto, è corretta? Avrei, obbligatoriamente, dovuto scrivere:…io avessi usato il verbo capire con il significato di “rendersi conto” sarebbe stato scorretto…ecc.? La ringrazio vivamente del blog estremamnte interessante.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Emilio, considerando il senso della frase in questo caso il verbo “capire” ha proprio ill significato di “trovare naturale”, quindi meglio usare il congiuntivo; “se in questa frase uso il verbo capire” è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

      • Ambrogio scrive:

        No ,anche in quella frase può significare rendersi conto ,sono entrambe corrette .Insegni italiano agli stranieri

        • Ambrogio scrive:

          Correggo ,volevo dire che e giusta anche la frase con l’indicativo nel senso di rendersi conto che una persona è preoccupata quindi è valida la proposizione “capisco che sei preoccupato per l’esame” perché non sempre un soggetto mostra i suoi sentimenti o non si comprende il motivo della sua preoccupazione ed in questo casi ci si focalizza sulla percezione della sua emozione

          • Ambrogio scrive:

            Insegno italiano per stranieri

        • Zanichelli Avatar

          Caro Ambrogio, scusa ma non capisco a quale frase ti riferisci, me la potresti ripetere?
          Apresto
          Prof. Anna

  12. Maggie scrive:

    Salve, ho sbagliato la nona domanda e non capisco perche. Capire richiede il congiuntivo? Grazie Maggie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Meggie, in questa frase il verbo “capire” ha il significato di “trovare naturale” quindi è necessario il congiuntivo: “questa festa è molto noiosa, capisco (=trovo naturale) che tu voglia andartene”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Ambrogio scrive:

        Sono.entrambe giuste !!! Se io dico capisco che sei preoccupato.per l’esame è anche un rendersi conto oggettivamente delle sensazioni altrui,quindi mi rendo conto che tu sia preoccupato.per l’esame,conseguentemente è giusta anche la frase “capisco che tu sia preoccupato per l’sesame,enlargements contattarlo al di là del fatto di trovarlo naturale e quindi giustificarlo . Insegno italiano per stranieri

  13. Mi I piacciono moltssimo gli esercizi, le lezioni e le spiegazioni Che date. Pero’ da luglio non ho piu’ ricevuto I vostri messaggi. Aveva te inter rotto per l’estate? E quando ricomincerete?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Paola, grazie per il gentile commento, le attività del blog riprenderanno al più presto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  14. Marta scrive:

    Cara Prof. Anna:
    Quando comminciamo nuovamente le classe? Sono molto ansiosa aspettando le lezzioni.

  15. Regina scrive:

    Grazie del Suo blog. Ne sono molto contenta

    Regina

  16. marifilla scrive:

    Salve Prof. Anna,

    avrei un dubbio su una frase:
    “Ho notato come Marco parli sempre di sport”
    Va bene usare il congiuntivo o bisogna usare l’indicativo? per me con il “come” suona bene il congiuntivo e con il “che” l’indicativo, ma non trovo una regola.
    Per favore potrebbe darmi delle delucidazioni?

    La ringrazio anticipatamente e spero in una sua risposta.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marifilla, l’uso del congiuntivo nella frase che mi scrivi è corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  17. nunzia scrive:

    Cara prof Anna nell’esercizio non ho fatto nessun errore…però non so perché quando parlo mi vengono tanti dubbi…spero di superarla questa cosa!un bacio!

  18. Andrea scrive:

    Buongiorno
    Ho un quesito in merito all’uso del congiuntivo in una frase, e di questo ne sto discutendo con un’altra persona.
    Si dice correttamente (in conclusione, dopo una spiegazione):
    “Resta il fatto che i ragni mi fanno ribrezzo.”
    oppure
    “Resta il fatto che i ragni mi facciano ribrezzo.”?
    Secondo me è corretta la prima.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, è corretta la prima frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  19. Salve Prof Anna.
    In questa frase: “Non ci credo che non lo sai” è accettabile l’uso dell’indicativo, o serve necessariamente il congiuntivo? A me sembra accettabile se l’intento è sottolineare che “io penso che tu lo sappia perfettamente” ma tu fai finta di non saperlo.
    Mentre “Non credo che tu non lo sappia” indica che io penso che tu dovresti saperlo, ma potrebbe essere che tu effettivamente non lo sappia.
    Cordialità

    • Zanichelli Avatar

      Caro Luca, la frase è accettabile in un registro colloquiale e informale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  20. clara scrive:

    Ciao prof Anna Scusa en quseat frase “bisogna tenere presente che la società era divisa in classi sociali” bisogna è principale tenere presente è soggettiva, tengo un dubbio su che la società era divisa in classi sociali, se sia sub oggettiva o soggettiva
    buongiorno

    • Zanichelli Avatar

      Cara Clara, la tua analisi è corretta, “che la società…” è una proposizione oggettiva.
      A presto
      Prof. Anna

  21. Per favore,vorrei sapere se si dice:lasciando che giocasse come meglio credesse,oppure come meglio credeva( come penso)? grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, è corretta la frase: “…come meglio credeva”.
      A presto
      Prof. Anna

  22. marius scrive:

    Marius
    Buongiorno prof. cercando un sito dove io potevo migliorare il mio linguagio sono venuto a conoscenza di questo sito veramente che io gradisco benissimo vorrei intanto sapere se si potessero dare le lezione online io sono africano e proprio un tifoso della lingua italia, questa lezione veramente l’ho capita ma direi che non è stata cosa facile. La ringrazio molto molto per questo. Grazie
    Marius

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marius, benvenuto su Intercultura blog! Su questo blog non si fanno lezioni personalizzate online, ma ogni settimana viene pubblicato un articolo di lingua e cultura italiana con il relativo esercizio, continua quindi a seguirci, il blog riprenderà le sue attività a metà Settembre.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  23. Gianna scrive:

    Buongiorno,
    ho un dubbio circa il verbo “riflettere”: può reggere una proposizione oggettiva? Ad esempio, è corretto scrivere: “L’autore, a questo proposito, riflette che sarebbe difficile attribuire a quella categoria tale attributo”.
    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Gianna, solitamente il verbo “riflettere” col significato di “pensare” regge la preposizione “su”, quindi sarebbe meglio: “…riflette sul fatto che sarebbe difficile…”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  24. Cara prof sostengo di avere una discreta padronanza della lingua italiana (e come! Studiando grammatica latina chi non ha delle solide basi!). Però, a volte mi assillano dei dubbi su quando usare il congiuntivo, e quando l’indicativo in determinate proposizioni infinitive o relative dove il “che” è d’obbligo. Sto scrivendo una tesi economica e non vorrei fare brutta figura. La frase è:
    <>.
    Di tanto in tanto consulto lo Zingarelli 2011 e il Devoti-OLi, Ma…
    Grazie della cortese attenzione.
    Giacomo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giacomo, non mi hai scritto la frase!
      Attendo che tu me la scriva nuovamente.
      A presto
      Prof. Anna

  25. Ting scrive:

    Molto utile, ma con il verbo credere, che ha un significato come federsi, non si puo’ utilizzarlo con congiuntivo? Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ting, infatti il verbo “credere” solitamente è seguito da congiuntivo: “credo che sia giusto”, non so se ho capito bene la tua domanda, in particolare non capisco il verbo “federsi” che in italiano non esiste, forse hai sbagliato a scriverlo, prova a scrivermelo di nuovo.
      A presto
      Prof. Anna

  26. marco scrive:

    Buongiorno. E’ corretto dire: abbiamo finalmente trovato qualcosa che ci piaccia?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, in questo caso puoi usare l’indicativo: abbiamo finalmente trovato qualcosa che ci piace.
      A presto
      Prof. Anna

      • marco scrive:

        posso usare o è obbligatorio? La forma che ho scritto è sbagliata?

        • Zanichelli Avatar

          Caro Marco, il congiuntivo in questa frase non è corretto.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • Ambrogio scrive:

            Certo perché è un’azione oggettiva ,qualcosa di certo , aver trovato e non pensare volere etc quindi si usa l’innovativo presente

          • Ambrogio scrive:

            Inoltre esiste anche ammettere nel senso di riconoscere ed in questo caso bisogna usare l’ndicativo presente ( es .ammetto che mi sono sbagliato ),differentemente dal verbo ammettere nel sensi di tollerare ,nel qual caso si usa il congiuntivo .Es. i genitori Di Lisa non ammettono che lei abbia un comportamento così libertino

  27. Doxos scrive:

    Cara Prof. Anna,
    nella frase che segue, il verbo scrivere richiede l’indicativo, il congiuntivo oppure è una questione di scelta tra le due possibilità, e perché?

    “trovami uno con la sua notorietà a cui non si scrive/scriva di tutto”

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      CaroDoxos, sono possibilil entrambi i modi verbali.
      A presto
      Prof. Anna

  28. Stefano scrive:

    Buongiorno Professoressa

    svolgo una professione in cui la scrittura ha un ruolo importantissimo, sia per la quantità di scritti che vengono prodotti sia per la qualità che gli stessi devono possedere (posto che gli errori grammaticali sono gravi in qualsiasi scritto, nell’ambito giudiziario comportano un disvalore aggiuntivo). Per tali ragioni ho il timore di fare un uso eccessivo del modo congiuntivo, ossia anche in periodi in cui potrei optare per l’indicativo oppure in altri in cui dovrei utilizzare unicamente quest’ultima forma.
    La mia domanda è la seguente: a fronte delle regole da Lei sopra esposte è corretta la frase

    – Tolomeo sosteneva che la terra ERA piatta

    oppure

    – Tolomeo sosteneva che la terra FOSSE piatta? Per quale ragione?

    Approfitto della Sua gentilezza per porLe un ulteriore interrogativo, relativo alla concordanza dei tempi verbali.
    Ove fosse giusta la prima versione, per rendere il concetto secondo cui Tolomeo pensava che la terra fosse piatta e lo sarebbe stata sino alla fine dei tempi, è corretta la forma sopra riportata o è possibile utilizzare anche la seguente:

    – Tolomeo sosteneva che la terra È piatta.

    La ringrazio per l’attenzione.

    Stefano

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, usare l’indicativo in questo caso è corretto ed è corretto il tempo imperfetto.
      A presto
      Prof. Anna

  29. Buongiorno professoressa Anna.
    Lunedì prossimo, augurerei che mi chiarifichi questa domanda.

    Lunedì prossimo, augurerei che mi chiarificasse questa domanda.

    Quale delle due frasi è corretta? Perché? Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Antoine, per quanto riguarda la scelta dei modi e dei tempo verbali la frase corretta è la seconda, infatti, quando nella principale c’è un verbo che esprime volontà o desiderio coniugato al condizionale presente (augurerei), se la subordinata vuole esprimere posteriorità, cioè un’azione che avverrà in un futuro rispetto alla principale, il verbo dovrà essere coniugato al congiuntivo imperfetto. Per ripassare la concordanza dei tempi con verbi che esprimono volontà o desiderio coniugati al condizionale, ti consiglio questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/10/31/la-concordanza-dei-tempi-con-il-congiuntivo-2/. Per quanto riguarda però la frase, io la scriverei cosi: mi augurerei (o meglio: vorrei) che lunedì prossimo mi chiarisse questa domanda.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  30. Laura scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    ho un dubbio: la frase “le chiese se riuscisse a capire” è corretta oppure bisogna utilizzare l’indicativo?

    Buon fine settimana!

  31. Iris scrive:

    Gentile Prof.ssa Anna,
    Vorrei porre due quesiti circa due forme verbali che non mi convincono.
    La prima rigurda la forma verbale “è importante comprendere quanto sia…”: in questa situazione, posso utilizzare il congiuntivo, dato che spesso lo utilizzo per affermare mie impressioni?
    La seconda riguarda la forma “è chiaro che”: In questo caso, essendo una cosa certa, devo utilizzare l’indicativo?
    Purtroppo, trovo difficoltà nel scegliere tra congiuntivo e indicativo quando utilizzo frasi impersonali.
    Grazie anticipatamente per la risposta.
    Cordiali saluti

    • Zanichelli Avatar

      Cara Iris, è corretto sia l’uso del congiuntivo nella prima frase, sia l’uso dell’indicativo nella seconda.
      A presto
      Prof. Anna

      • giorgio scrive:

        Buon Giorno prof,vorrei sapere se queste due frasi sono giuste.
        1)Pensavo che vi avrebbe fatto piacere avere una figura cosi completa.
        2)ho creduto e sperato fino all’ultimo che avrei indossato la vosta livrea.
        Grazie

        • Zanichelli Avatar

          Caro Giorgio, le frasi che mi scrivi sono corrette.
          A presto
          Prof. Anna

  32. simona scrive:

    ” Mi chiedo se sono più belle le domande o le risposte e non so rispondermi.”
    Mi può dire se questa frase è corretta? Grazie mille.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Simona, la frase che mi scrivi è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  33. CLAUDIO scrive:

    E’ più corretto scrivere “Nonostante abbia piovuto per tutto il viaggio, non è stato un viaggio spiacavole” o “Nonostante avesse piovuto per tutto il viaggio, non è stato un viaggio spiacevole”? Che differenza c’è nell’uso del congiuntivo passato e trapassato con una reggente al passato (in questo caso pass.pross)?
    La ringrazio molto e buon lavoro.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Claudio, se vuoi esprimere un rapporto di contemporaneità tra la reggente e la subordinata, è necessario usare il congiuntivo passato (in dipedenza da un passato) “nonostante abbia piovuto”, il congiuntivo trapassato esprime un rapporto di anteriorità rispetto a una reggente al passato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  34. Doxos scrive:

    Salve.

    In questa frase è corretto l’uso del congiuntivo oppure è richiesto l’indicativo, o possono essere utilizzati entrambi, e in questo caso con quali sfumature di significato?

    Sono gli stessi che incitano alla lotta, senza avere la benché minima percezione di cosa stiano parlando.

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Doxos, è corretto usare sia l’indicativo sia il congiuntivo perché si tratta di un’interrogativa indiretta, con il congiuntivo si ha una sfumatura ancor più dubitativa.
      Un saluto
      Prof. Anna

  35. Buonasera Prof. Anna, potrebbe specificarmi le subordinate di questa frase, che non capisco se sono 2 o 3? Sembra che la cosa più preziosa che ci fosse in quella casa fosse un diamante dell’800. Buonasera e grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, “sembra” frase principale; “che la cosa più preziosa fosse un diamante dell’8OO” subordinata di primo grado soggettiva; “che ci fosse in quella casa” subordinata di secondo grado relativa.
      A presto
      Prof. Anna

      • Grazie per la risposta. anche se in certi casi continuo ad avere difficoltà nel distinguere l’oggettiva dalla soggettiva. le faccio pochi rapidi esempi: Mi preoccupa che lui sia arrivato ( che lui sia arrivato=soggettiva): penso che tutto stia andando per il meglio ( che tutto stia andando per il meglio=oggettiva); vedo che stai bene, che stai bene come mai è una oggettiva anziché una soggettiva? Sono sicuro che lui arriverà tra poco, come mai che lui arriverà tra poco è una oggettiva? Almeno così viene riportato su un sito dove ho visto. Grazie e arrivederci.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Stefano, la frase soggettiva ha la funzione di soggetto della reggente. Nel periodo “vedo che stai bene” il soggetto della principale “vedo” è “io” e l’oggetto del “vedere” è “che stai bene” che quindi è una oggettva, così come il soggetto della principale “sono sicuro” è “io” e quindi la frase “che lui arriverà tra poco” non può essere soggettiva. Ti consiglio questi articoli che ti potranno aiutare a distinguere le oggettive dalle soggettive: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2014/06/26/la-frase-complessa-le-proposizioni-oggettive-prima-parte/; http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2015/03/05/la-frase-complessa-le-proposizioni-soggettive/.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • Buonasera Prof. Anna e grazie x i preziosi consigli. Vorrei rapidamente sottoporle questo dubbio inerente al verbo capitare, che solitamente richiede il congiuntivo. Era capitato che non mi avessero ascoltato. Devo usare sempre il congiuntivo se cambio la frase in era capitato che purtroppo non mi avessero ascoltato, o il purtroppo elimina il congiuntivo? Ed è giusto eliminare il congiuntivo se dico erano capitate due occasioni in cui non mi avevano ascoltato? Credo sia come dire c’erano state due occasioni in cui non mi avevano ascoltato. Credo che il verbo capitare sia un pò il simbolo della complessità e ambiguità dell’utilizzo del congiuntivo, in taluni casi, perché non mi pare che esprima dubbi, ipotesi o altre cose, espresse da tanti altri verbi. Infatti, nella frase di inizio messaggio, mi riferisco a un fatto che si è concretizzato realmente, ovvero una occasione in cui delle persone non mi avevano ascoltato; le chiedo quindi come mai il verbo capitare richiede il congiuntivo? Saluti e buone feste.

          • Zanichelli Avatar

            Caro Stefano, i verbi impersonali come “accade, avviene, capita, bisogna, conviene, occorre, pare, risulta, sembra ecc.” seguiti dalla congiunzione “che” reggono una proposizione soggettiva con il congiuntivo. Nella frase “erano capitate due occasioni in cui non mi avevano ascoltato” è corretto usare l’indicativo perché “avevano ascoltato” è il verbo della proposizione relativa introdotta da “in cui” e non il verbo della soggettiva introdotta da “che” (come “era capitato che non mi avessero ascoltato”), la presenza di “purtroppo” non modifica la necessità di usare il congiuntivo nella soggettiva retta da “era capitato”. Per un ripasso generale sull’uso del congiuntivo ti consiglio questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2011/06/16/ripassiamo-il-congiuntivo/.
            A presto
            Prof. Anna

  36. Annamaria scrive:

    La frase: voglio che capisce le regole di grammatica.
    È CORRETTA LA FRASE?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Annamaria, dopo il verbo “volere” è necessario usare il congiuntivo “voglio che capisca le regole”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  37. Annamaria scrive:

    La frase: voglio che capiate le regole di grammatica.
    È corretta la frase?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Annamaria, la frase che mi scrivi (voglio che capiate) è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  38. Marta scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    ho un dubbio su quale tempo utilizzare con il verbo “significare”. Quale delle due frasi è corretta (indicativo o congiuntivo):
    – significa molto per me che voi siete qui
    – significa molto per me che voi siate qui
    Grazie
    Marta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marta, è corretta la frase con il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  39. paola scrive:

    grazie!
    molto chiaro!

  40. Prof.ssa Anna,
    quale delle due frasi è CORRETTA?
    1 è l’unico che ricordo
    2 è l’unico che ricordi

    Martina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Martina, sono corrette entrambe le frasi: la relativa esplicita ha il verbo all’indicativo quando il fatto viene presentato come reale, al congiuntivo quando viene considerato come possibile o desiderato.
      A presto
      Prof. Anna

  41. Giuseppe scrive:

    Gentile prof. Anna le propongo una frase di Falcone: “Il fatto che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così”.

    Premettendo che in questi casi mi “suona meglio” il congiuntivo (anche perchè lo trovo più elegante dell’indicativo), la frase corretta non dovrebbe essere “Il fatto che le cose sono così, non vuol dire che debbano andare così”?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, dopo “il fatto che” è possibile trovare anche il congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

      • Giuseppe scrive:

        Grazie per la risposta.

        Quindi possiamo dire che, così come nelle oggettive e nelle interrogative indirette, la scelta fra indicativo e congiuntivo non dipende dal grado di certezza, ma dalla scelta di un livello stilistico più (congiuntivo) o meno (indicativo) formale, giusto?

        • Zanichelli Avatar

          Caro Giuseppe, le oggettive e le interrogative indirette hanno criteri diversi per scegliere tra indicativo e congiuntivo, alcuni verbi (che vanno poi a formare un’oggettiva) necessitano del congiuntivo, mentre nelle interrogative indirette spesso la scelta dipende dalla sfumatura di significato che vogliamo dare.
          Un saluto
          Prof. Anna

  42. Roberto scrive:

    E’ corretto scrivere la seguente frase:
    “Recupera i fiori prima che vanno al macero.”

    o è più corretto scrivere:

    “Recupera i fiori prima che vadano al macero.”

    Nella prima frase ci troviamo di fronte ad una frase oggettiva di percezione quindi è giusto l’indicativo? (ho certezza che vanno al macero)

    • Zanichelli Avatar

      Caro Roberto, la frase introdotta da “prima che” è una temporale esplicita che esprime anteriorità e ha il verbo al congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

  43. oretta scrive:

    Grazie mille delle precisazioni. Molto chiare.
    Oretta Marcucci

    P.S. Ho risposto a tutto in modo esatto!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Oretta, complimenti per l’ottimo risultato.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  44. Pasquale scrive:

    Grazie per la lezione, ho un dubbio sul verbo contattare in questa frase: – inutile che contattiate se non avete i numeri. – inutile che contattate se non avete i numeri. Quale delle due forme è corretta? La ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Pasquale, in questa frase è sottinteso il verbo “essere”: “(è) inutile che”, con locuzioni impersonali formate da verbo “essere” seguito da un aggettivo o un sostantivo è necessario usare i congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  45. Lara scrive:

    Cara Anna,
    ho un dubbio in questa frase:
    “È chiaro che Ugo si sia dimenticato del nostro anniversario!”
    Si potrebbe usare l’indicativo? Visto che “è chiaro che” indica un’evidenza. E se sì, che differenza di significato comporta?

    E un’altra domanda: nella frase dislocata
    “Che qualcuno ieri sera si sia dimenticato di chiudere a chiave la porta, è ovvio”
    il congiuntivo è obbligatorio per il fatto di essere dislocata? Ma se dico “è ovvio” è anche questa volta un’evidenza. Non lo capisco.

    Grazie mille
    Lara

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lara, con aggettivi che indicano certezza (certo, convinto, chiaro, evidente, ovvio, sicuro) si usa l’indicativo, a meno che non si tratti di una frase negativa. Un verbo che normalmente regge l’indicativo richiede il congiuntivo quando la frase è anteposta alla reggente, come in questo caso.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Lara scrive:

        Grazie mille.

        La frase “È chiaro che Ugo si sia dimenticato del nostro anniversario!” l’ho trovata in un libro di italiano per stranieri di livello C1. Posso considerarlo un errore? Effettivamente, anche a me suonava meglio con l’indicativo.

        Cordiali saluti,
        Lara

        • Zanichelli Avatar

          Cara Lara, dopo “è chiaro” troviamo l’indicativo perché questa locuzione esprime una certezza, una constatazione.
          A presto
          Prof. Anna