La frase complessa: le proposizioni oggettive – prima parte –

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Sintassi

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi continuiamo il nostro studio della frase complessa, verdremo in particolare le proposizioni oggettive, come si presentano e che cosa esprimono.

Buona lettura!

Prof. Anna

Le proposizioni oggettive sono proposizioni argomentali, cioè espandono uno degli argomenti della frase principale e le oggettive in particolare svolgono la funzione di complemento oggetto; le proposizioni oggettive possono essere esplicite e implicite.

Le proposizioni oggettive esplicite sono introdotte da che e hanno il verbo al modo indicativo: ho saputo che Marco ha cambiato casa, congiuntivo: credo che Chiara sia già partita, o condizionale: penso che una vacanza ti farebbe bene.

In alcuni casi possiamo avere l’omissione del che: penso (che) sia partito; dicono (che) abbia paura.

L’omissione del che è possibile solo quando il verbo della subordinata è al congiuntivo ed è utile per evitare la ripetizione a breve distanza di due che, per esempio: ci sembra (che) sia opportuno che…

Le proposizini oggettive implicite sono introdotte dalla preposizione di e hanno il verbo all’infinito: credo di essermi comportato bene. Questa costruzione si può avere solo se il soggetto della reggente e quello della subordinata coincidono, altrimenti è necessaria la forma esplita: credo che (loro) si siano comportati bene.

Alcuni verbi, come: ascoltare, sentire, vedere, guardare ecc., hanno nella forma implicita l’infinito senza di: sentivo cantare gli uccelli; vedo passare le macchine.

Altri verbi, (come considerare, credere, ritenere, stimare) che normalmente reggono l’infinito preceduto dalla preposizione di (crede di aver sbagliato, ritiene di essere nel giusto) possono reggere l’infinito senza preposizione quando sono accompagnati da un complemento predicativo dell’oggetto: ho creduto opportuno acconsentire alle sue richieste.

ATTENZIONE!

Con i verbi comandare, ordinare, permettere, proibire, vietare, chiedere e con altri ancora di significato analogo, si può avere la forma implicita anche se il soggetto della reggente e il soggetto dell’oggettiva non coincidono: ordinò ai soldati che cessassero il fuoco → ordinò ai soldati di cessare il fuoco.

La proposizione oggettiva può dipendere da:

verbi di significato dichiarativo: affermare, annunciare, comunicare, confessare, dichiarare, dire, giurare, informare, narrare, negare, promettere, raccontare, riferire, scrivere e locuzioni verbali di significato equivalente come dare notizia, dare comunicazione;

verbi che indicano una percezione o un ricordo: ascoltare, dimenticare, percepire, rammentare, ricordare, sentire, udire, vedere e locuzioni verbali di significato equivalente come avere l’impressione, venire alla mente;

verbi che esprimono giudizio, opinione, dubbio: pensare, credere, stimare, ritenere, giudicare, sostenere, reputare, supporre, ipotizzare, sospettare;

verbi che esprimono volontà, desiderio o timore: volere, desiderare, sperare, preferire, ordinare, comandare, permettere, concedere, vietare, impedire, proibire, temere;

la preposizione oggettiva può inoltre dipendere da un nome, per esempio: la paura di incontrarla, la fretta di partire, o da un aggettivo: lieto di conoscerla, capace di ascoltare.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Le proposizioni oggettive possono avere il verbo solo all'indicativo.
    • vero
    • falso
  2. L'omissione del "che" è possibile solo quando il verb dell'oggettiva è al congiuntivo.
    • vero
    • falso
  3. Scegli la frase corretta:
    • Spero che Marta abbia ragione.
    • Spero di Marta avere ragione.
  4. Scegli la frase corretta:
    • Credo che essermi ferito.
    • Credo di essermi ferito.
  5. Scegli la frase corretta:
    • Guardo di passare il treno.
    • Guardo passare il treno.
  6. Scegli la frase corretta:
    • Ritengo giusto aiutare gli amici.
    • Ritengo giusto di aiutare gli amici.
  7. Le preposizioni oggettive possono dipendere anche da un nome o da un aggettivo.
    • vero
    • falso
  8. Scegli la frase corretta:
    • Ho saputo ti sei sposato.
    • Ho saputo che ti sei sposato.
  9. Sarebbe possibile omettere il " che" nella seguente frase: "credo che sia meglio chiedere aiuto"
    • no
  10. Scegli la frase corretta:
    • Considero ingiusto di licenziare quel ragazzo.
    • Considero ingiusto licenziare quel ragazzo.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [10]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Questa volta ho pensato di fare aluni errori, perchè ho devuto studiare intensamente sul questa lezione, ma che non ho aspettato; il contrario è la verità, perché ho compito tutte le frase corrette di nuova, ma devo continuare studiarla, per rimmenarla bene nella memoria mia. Sono veramente felice con il risultato. Ho scritto ancora un contributo interessante sul calcio team Feijenoord e la quartiera in cui si trova il suo stadio n, ma purtroppo non l’ho ancora visto nel lessico sul calcio.
    Spero chè verrà ancora.
    Con saluti cordiali dal Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene cara Anita!
      Un saluto
      Prof. Anna

  2. Robert scrive:

    Quest’anno ho scoperto il lavoro del maestro di scuola “Alberto Manzi”,e il suo programma televisivo “non é mai troppo tardi”.
    Oggi ,a l’inizio del estate,voglio ringraziarvi per la vostra “posta elettronica ‘del giovedi che permette da sviluppare la nostra curiosità sulla lingua Italiana.
    Grazie per il vostro lavoro.
    Buone vacanze à voi, e anche ai vostri studenti.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Robert, grazie a te per il tuo intervento.
      Buone vacanze!
      Prof. Anna

  3. Rico scrive:

    “Credo che Chiara sia già partita”. Io (sogg. sottinteso) che Chiara (compl. ogg.) sia già partita (compl. ogg.). Quindi l’oggettiva è “sia già partita”, perché anticipata dal compl. ogg. “Chiara”? Ho capito bene?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, -io (sogg..sottinteso) -credo (predicato verbale) -questa è la principale- Chiara- (soggetto) -sia già partita (predicato verbale) -questa è la proposizione oggettiva perché l’intera frase funge da complemento oggetto della reggente (-credo -cosa? -che Chiara sia già partita).
      Un saluto
      Prof. Anna

  4. bri scrive:

    buongiorno prof. Ana,
    siccome non sono nativa, ho qualche volta dubbi.
    Ad esempio si deve coniugare un congiuntivo ao un indicativo dopo “considero che le reti sociali servano solo a…” io impiegherei un congiuntivo.
    cordiali saluti.
    Bri

    • Zanichelli Avatar

      Cara Bri, il congiuntivo “servano” è corretto, non capisco se il tuo dubbio riguarda il verbo che dovrebbe seguire la preposizione “a”: “solo a…”, in questo caso il verbo che segue sarà all’infinito
      A presto
      Prof. Anna

  5. Gaetan scrive:

    Cara Prof. Anna,
    nell’esercizio 9, è indicato “9.Sarebbe possibile omettere il ” che” nella seguente frase: “credo che sia meglio chiedere aiuto” => sì.
    Ma la regola dice “L’omissione del che è possibile solo quando il verbo della subordinata è al congiuntivo ed è utile per evitare la ripetizione a breve distanza di due che, per esempio: ci sembra (che) sia opportuno che…”
    Ed nell’esercizio 9 vedo uno solo “che”. Quindi come mai si potrebbe omettere il “che”?
    Grazie mille.
    Gaetan

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gaetan, in questo periodo è possibile omettere “che” perché il verbo della subordinata è al congiuntivo e questa condizione è sufficiente per omettere “che”.
      Un saluto
      Prof. Anna