Uso di "io" e "tu", "me"e "te"

Prof. Anna
La lingua italiana,   pronomi

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, spesso può capitare di avere dubbi sull’uso corretto di alcuni elementi grammaticali, magari li conosciamo e li riconosciamo, ma non sappiamo esattamente qual è il modo migliore di utilizzarli, in più usi scorretti nella lingua parlata o nelle lingue parlate regionali possono conforderci le idee.

Oggi vedremo quando è corretto usare "io" o "tu" e quando invece bisogna usare "me" e "te".

Buone lettura!

Prof. Anna

I pronomi di prima e seconda persona singolare "io" e "tu" hanno la funzione di soggetto: io non ci vengo; sono io quello che deve scusarsi; tu credi che riuscirò a passare l’esame?; non sarai certo tu a impedirmi di vederla!

I pronomi di prima e seconda persona singolare "me" e "te" si usano invece con la funzione di complemento, per esempio: vieni con me al cinema?; credo in te.

Ci sono però alcuni casi particolari, vediamoli insieme:

• usiamo "me" e "te" nelle esclamazioni formate con un aggettivo e prive di verbo: povero me!; beato te!

• usiamo "me" e "te" nelle comparazioni di ugualianza, subito dopo come e quanto: fai come me; sono deluso quanto te; ma se il verbo è ripetuto si adoperano "io" e "tu": fai come faccio io; sono deluso quanto sei deluso tu;

• usiamo "me" e "te" quando hanno la funzione di complemento predicativo del soggetto, con verbi come essere, sembrare, parere, ma il soggetto è differente: se tu fossi me; se io fossi te.

Mentre se il soggetto è lo stesso si si usano "io" e "tu": io sono sempre io; da un po’ di tempo tu non sei più tu.

Quando il soggetto è lo stesso ma i pronomi sono preceduti da un verbo all’infinito e seguiti da stesso si usano "me" e "te":

voglio restare me stesso; cerca sempre di essere te stesso.

QUANDO TE  VIENE USATO COME SOGGETTO

Perché si dice "tu e io", ma "io e te"?

In alcuni casi il pronome complemento di seconda persona "te" sostituisce la forma soggettiva "tu".

Questo fenomeno è comune nella lingua parlata della Toscana e di altre regioni, è quindi possibili sentire frasi come queste: "te cosa ne pensi?", "l’hai fatta te questa torta?", ma non sono propriamente corrette, nell’italiano standard usare "te" come soggetto è possibile solo quando ci sono due soggetti coordinati e il pronome di seconda persona si trova al secondo posto: io e te partiremo domani.

Se invece il pronome di seconda persona occupa il primo posto, si usa la forma "tu": tu e io siamo molto amici; tu e tuo fratello vi somigliate molto.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Hai ragione te.
    • Hai ragione tu.
  2. Scegli la frase corretta:
    • Fortunata tu!
    • Fortunata te!
  3. Scegli la frase corretta:
    • Cosa faresti se fossi in me?
    • Cosa faresti se fossi in io?
  4. Scegli la frase corretta:
    • Su questo argomento ne so quanto tu.
    • Su questo argomento ne so quanto te.
  5. Scegli la frase corretta:
    • Stasera vieni anche te?
    • Stasera vieni anche tu?
  6. Scegli la frase corretta:
    • Quando dici queste cose non sembri te.
    • Quando dici queste cose non sembri tu.
  7. Scegli la frase corretta:
    • Io e tu siamo molt amici.
    • Io e te siamo molto amici.
  8. Scegli la frase corretta:
    • Preferisco rimanere me stesso che fingere di essere qualcun altro.
    • Preferisco rimanere io stesso che fingere di essere qualcun altro.
  9. Scegli la frase corretta:
    • Te e lo zio Mario siete inseparabili.
    • Tu e lo zio Mario siete inseparabili.
  10. Scegli la frase corretta:
    • Oggi ti sei vestita come me.
    • Oggi ti sei vestita come io.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [81]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. mando scrive:

    l’ultima non l’ho capita

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mando, cosa esattamente non ti è chiaro?
      A presto
      Prof. Anna

  2. carlo scrive:

    Per la prima volta si è cimentato Emmanule di 8 anni, nove su dieci, come prima prova: eccellente! Il papà

    • Zanichelli Avatar

      Caro Carlo, complimenti a Emmanuele, davvero eccellente!
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  3. Maria scrive:

    Cara prof. Anna. Ho fatto questo esercizio a Roma con due amiche. Seguiamo qui un corso italiano e ci divertiamo perfettamente. Grazie e cari saluti
    M a r i a

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  4. Fayrouz scrive:

    Prof.ssa Anna
    La ringrazio molto per tutto quello che sta facendo per tutti noi che impariamo l’italiano*
    Il suo sito è molto interessante, sto imparando delle cose nuove ogni giorno per milgiorarmi.
    Nei quei ultimi giorni ho avuto un dubbio sull’uso di questi pronomi, quindi sono molto contenta di aver ricevuto questo corso.
    Grazie mille
    Fayrouz di algeri

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fayrouz, benvenuta su Intercultura blog e grazie a te per il tuo intervento.
      A presto
      Prof. Anna

  5. Lucia scrive:

    10 🙂

  6. giuseppe scrive:

    Ho fatto 2 errori. Il mio.titolo di studio e quinta elementare, per me molto interessante grazie per l’aiuto Che mi date.

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Giuseppe, benvenuto su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  7. Ana scrive:

    Cara professoressa

    Si dice in italiano (di cortesia): “Posso chiederLe una domanda?” o “Posso chiederLa una domanda?”
    La mia professoressa mi ha detto che si diceva “Posso chiederLe una domanda”, ma io non capisco perche? Verbo “chiedere” e transitivo e con i verbi transitivi pronomi sono mi,ti,lo,la,ci,vi,li,le. Cosi si deve dire “Posso chiedrLa una domanda”?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ana, il verbo “chiadere” è transitivo e quindi regge un complemento oggetto ma la persona a cui si chiede qualcosa viene espressa da un complemento indiretto introdotto dalla preposizione A, quindi la costruzione è “chiedere qualcosa a qualcuno”, ma per quanto riguarda il significato, di solito non si dice “chiedere una domanda” ma è meglio dire “fare una domanda”, quindi il modo migliore per esrpimere questo concetto è “posso farLe una domanda” (= posso fare una domanda a Lei).
      Un saluto
      Prof. Anna

  8. Francesca scrive:

    Gent.ma Prof Anna, ho un dubbio riguardante il complemento di specificazione e il complemento partitivo:
    “La torta è sul tavolo, me NE lasci un po’?”
    “Vorrei avere un briciolo DEL TUO CORAGGIO”
    “Ho colorato con un po’ DI VERNICE”
    Quelli in maiuscolo come sono da considerarsi?
    E’ vero che non rispondono alla domanda “tra chi, tra che cosa”, ma sul libro trovo che il complemento partitivo può dipendere da nomi che indicano quantità, o da avverbi di quantità…
    Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Francesca, quelli da te segnalati sono complementi partitivi, che possono anche essere introdotti dalla preposizione DI e dipendono, come dici tu, da nomi, aggettivi, pronomi o avverbi che indicano quantità.
      Un saluto
      Prof. Anna

  9. Angeles scrive:

    Due errori, si può migliorare… Sono contenta da me stessa.

  10. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Ampio ho lesso il pubblicato e solo ho scelto due frase scorretta, ma vorrei leggerlo ancora più bene, che ho fatto. Purtroppo mi manca il tempo, perché ho più essame medice di subire de cui non sono preoccupata, perché la mia diabetica è sempre stabilmente, ma miei occhi e il mio sangue devono essere esaminate. Fortunatamente non non ho bisogno insulina, ma le comprese e ho celebrato i miei risultati benissimi dei indiganni cardiologhe; il mio cuore è in ottima forma,anche se salta le doppie battute a volta. Ne ho celebrato con un caffè cappuccino con una pasticca. Anche questo sia permesso e spero per un periodo lungo.
    La mia casa diventerà più bella. Ho già un’interiore bianca moderna e tutte.le finestre ottene un frame moderne biance. Non so ancora che porterá il rinnovazione di più, ma sono molto contenta con tutti.
    Con saluti cordiali dal Olanda, dove il Santo Nicolas è arrivato. Cioè un festa per bambini, ma nel frattempo e diventato per il tutto popolo da giovane al anzi.
    Anita

  11. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Ho studiato ancora più bene su questa lezione e ora ho scelto tutte le frase corretta e sono molto soddisfatta del risultato.
    Con saluti cordiali dal Olanda
    Anita

  12. 9!!

  13. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Anche se io abbia scelto solo due frase scorrette, ho trovato nessecario studiare più profondo questa utile lezione e mi ha pagato, perchè ora le ho scelto tutte corrette e sono molto contenta con questo risultato. Che un lezione utile e interessante.
    Con saluti cordiali dal Olanda
    Anita

  14. Giovanni scrive:

    “Io e te” come soggetti, invece di “Io e tu”.

    Non sono d’accordo che la seconda forma debba essere considerata un errore. Anche se la prima si è affermata nell’uso della lingua parlata, è inconcepibile che debba soppiantare la forma più corretta, anzi originariamente la sola corretta, al punto da relegarla ad un errore di grammatica.

    Pertanto è più ragionevole accettarle entrambe come espressioni lecite.

  15. Cara professoressa Anna.
    Complementi per il Suo interassante lavoro!
    Mi chiamo Tadeu Pozzato, abito a Piracicaba in Brasile e impartisco lezioni di italiano da 24 anni.
    Ho una domandina da farLe. In cucina deve esserci del caffè. Questo partitivo “del” è facoltativo ouppure no? Mi scusi, ma la mia grammatica non dice niente riguardo questo partitivo. Grazie di cuore e buon lavoro! Tadeu

    • Zanichelli Avatar

      Caro Tadeu, in questa frase è necessario l’uso dell’articolo partitivo, in quanto si usa proprio con i nomi che indicano non un singolo oggetto ma una quantità imprecisata di qualcosa, come: vino, sale, zucchero, caffè ecc.
      A presto
      Prof. Anna

  16. renata scrive:

    una domanda che mi sta massacrando
    è più corretto usare l’espressione:
    firma anche te
    o
    firma anche tu
    o è indifferente
    grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Renata, è più corretto dire: “firma anche tu”.
      A presto
      Prof. Anna

  17. renata scrive:

    salve,
    riprovo con la mia domanda

    firma anche te
    firma anche tu

    sono ambedue corrette?
    se no perché
    grazie mille

  18. Viv scrive:

    Gentlissima Professoressa buonasera.

    Potrebbe cortesemente sciogliere un mio dubbio sul pronome di cortesia “lei”?

    È corretto dire:
    Signor Rossi la sento raffreddata
    oppure
    Signor Rossi la sento raffreddato?

    Grazie di cuore per la sua disponibilità.

    Viv

    • Zanichelli Avatar

      Cara Viv, per un uomo si usa comunque il maschile, quindi “raffreddato”.
      A presto
      Prof. Anna

  19. Anna scrive:

    Gentilissima prof.ssa,
    quando devo eseguire l’analisi grammaticale delle particelle pronominali, devo completare indicando la persona, il genere e il numero?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, le tue ipotesi sono corrette.
      A presto
      Prof. Anna

  20. Hajar scrive:

    Mi sono trasferita in Francia,e per non dimenticarmi dell’italiano faccio gli esercizi su questo sito.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Hajar, benvenuta su Intercultura blog.
      A presto
      Prof. Anna

  21. elena scrive:

    tutte giuste..ma ragazzi..ste robe le insegnano in prima media eh..

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elena, ottimo risutato!
      Vorrei precisare che questo blog è principalmente rivolto agli stranieri che stanno studiando l’italiano.
      Un saluto
      Prof. Anna

  22. Grazie mille Prof.ssa adesso finito con la confusione!!!!
    un saluto a tutti
    Mario Volpi

  23. Alessia scrive:

    Salve Prof.ssa,

    si dice

    guarda io
    oppure
    guarda me

    in un contesto con il seguente senso:
    tu guarda come sono ridotta e l’altro per compararsi risponde
    a) guarda me (come sono ridotto)
    b) guarda io (come sono ridotto)
    Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alessia, è corretto dire “guarda me”, perché “me” ha funzione di complemento oggetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  24. Paula scrive:

    Gentile prof.

    Alla domanda “Come stai?” e corretto rispondere “Bene, e tu?” o “Bene, e te?”? Sono le due corrette? Perché nelle lezioni ci spiegano la prima risposta ma nel parlato ho sentito che usano “te”.

    Grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Paula, la risposta corretta è “bene, e tu?”, è possibile sentire “bene, e te?” ma si tratta di usi regionali all’interno registri poco controllati.
      A presto
      Prof. Anna

  25. Gentile professoressa Anna.
    Perché in una canzone Peppino di Capri dice “Io e te un grande amore e niente più e non io e tu un grande amore e niente più?
    Grazie e cordiali saluti. Tadeu

    • Zanichelli Avatar

      Caro Tadeu, cito dall’articolo: “Perché si dice “tu e io”, ma “io e te”? In alcuni casi il pronome complemento di seconda persona “te” sostituisce la forma soggettiva “tu”.
      Questo fenomeno è comune nella lingua parlata della Toscana e di altre regioni, è quindi possibili sentire frasi come queste: “te cosa ne pensi?”, “l’hai fatta te questa torta?”, ma non sono propriamente corrette, nell’italiano standard usare “te” come soggetto è possibile solo quando ci sono due soggetti coordinati e il pronome di seconda persona si trova al secondo posto: io e te partiremo domani. Se invece il pronome di seconda persona occupa il primo posto, si usa la forma “tu”: tu e io siamo molto amici; tu e tuo fratello vi somigliate molto.” Spero che il tuo dubbio sia stato chiarito.
      A presto
      Prof. Anna

  26. Antonio scrive:

    Utile.

  27. Appena fatto con mio figlio Damiano Andrea, di poco più che 8 anni e mezzo: 10 su 10!

    🙂

    • Zanichelli Avatar

      Bravissimo Damiano Andrea, è davvero un ottimo risultato!
      Un saluto
      Prof. Anna

  28. Monica scrive:

    Quando ti rivolgi a qualcuno, gli dici “ehi tu!”, “Chi, io?”, “Sì, tu” oppure “Ehi te”, “sì, te”?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Monica, si dice “ehi tu!”, “sì, tu”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  29. Ricordo tu e i cugini che giocavate nel cortile o ricordo te e i cugini che giocavate? Perchè il tu è complemento ma anche soggetto, grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mirella, in questo caso useremo “te” perché ha funzione di complemento, mentre “tu” ha funzione di soggetto.
      A presto
      Prof. Anna

  30. cristiano scrive:

    Tu “zio Mario” è sbagliato, “tu e LO zio Mario” è giusto…
    Non date consigli sbagliati.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Cristiano, hai ragione, grazie per la segnalazione.
      A presto
      Prof. Anna

  31. Emilia scrive:

    Mi piace molto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Emilia, benvenuta su Intercultura blog! Se hai delle domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  32. Emilia scrive:

    Mi piace molto

  33. Andrea scrive:

    Buona sera, vorrei sapere se la frase (va be se lo dici te!) è sbagliata e devi usare il “tu” o si possono usare tutti e due. Grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, è corretto usare “tu” (se lo dici tu!), ma nella lingua parlata e all’interno di un registro poco controllato è possibile che venga usato “te”, ma ti sconsiglio di usarlo in altri contesti.
      Un saluto
      Prof. Anna

  34. Monica scrive:

    ciao, non mi è chiara la prima!!…non è corretta o si usa in termini “gergali”?sento spesso questa espressione, e io stessa la uso comunemente, è la prima volta che mi soffermo su questa espressione, non credevo fosse scorretta, puoi per favore chiarirmi perchè è sbagliata? Grazie!!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Monica, il pronome “tu” ha funzione di soggetto e nella frase “hai ragione tu”, “tu” è il soggetto e quindi è la forma corretta da usare, mentre “te” ha solitamente funzione di complemento. La frase “hai ragione te” non è corretta, ma è possibile sentirla in certe regioni.
      Un saluto
      Prof. Anna

  35. bravi molto esaustivi

  36. Marco scrive:

    Buongiorno prof.ssa ho un dubbio, si dice pensa te oppure pensa tu?
    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, nell’uso attuale la forma “pensa te!” prevale su “pensa tu!” (che è corretto ma meno frequente), molto probabilmente il tono esclamativo di questa espressione la riconduce alle espressioni esclamative formate con un aggettivo in cui si usa “te”: “povero me!”, “beato te!”. L’espressione “pensa te!” è quindi accettata.
      A presto
      Prof. Anna

  37. Andrea r. scrive:

    Vorrei sapere se è corretto usare IO per cominciare una frase un periodo. A me hanno sempre detto di no.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, non è scorretto cominciare una frase con “io”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  38. Gino scrive:

    Usare ” Tu ed io” è anche una forma di cortesia e rispetto verso chi è coinvolto nella questione. Tale forma è usuale in inglese “You and me” e tedesco “Du und ich”.

  39. Rosario scrive:

    Buongiorno Prof.
    Sento spesso dire da molte persone acculturate frasi che a me lasciano un po cosi’ in dubbio, per es. “egli si usera’ di me”
    “lui si usa di me” Secondo me la forma corretta e’: “egli usera’ me” ” Lui usera’ me”
    La saluto cordialmente e La ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rosario, le tue ipotesi sono corrette.
      Un saluto
      Prof. Anna

  40. vorrei una conferma su questa frase = ME ;PERO’,NON MI HAI AVVISATO come dire PAOLO PERO’,NON LO HAI INVITATO….dopo una asserzione del tipo “IO HO AVVISATO TUTTI”

    • però senza punto e virgola,solo una virgola

      • è corretta la frase “me,però, non mi hai avvisato come risposta ad un’altra” io avviso tutti”

      • Zanichelli Avatar

        Cara Osita, la frase è corretta (non la utilizzerei però in registri particolarmente formali). Il pronome (me) viene anticipato nella parte iniziale della frase per mettere in evidenza il complemento oggetto, il complemento messo all’inizio della frase di solito è seguito da un pronome atono (mi), questa costruzione si chiama dislocazione a sinistra.
        Un saluto
        Prof. Anna

  41. attendo,cara prof.Anna,una risposta alla domanda : è giusto scrivere “me,però,non mi hai avvisato….come risposta all’affermazione “io ho avvisato tutti” ?

  42. Marzia scrive:

    La mia domanda… Tu o te in una frase interrogativa…
    Ci sarai te?
    Ci sarai tu?
    Io tendenzialmente uso la prima ma a questo punto non so sua corretto…

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marzia, è corretto usare “tu” quando ha funzione di soggetto, come in questo caso.
      Un saluto
      Prof. Anna

  43. Marzia scrive:

    La mia domanda… Tu o te in una frase interrogativa…
    Ci sarai te?
    Ci sarai tu?
    Io tendenzialmente uso la prima ma a questo punto non so sia corretto…

  44. Claudia scrive:

    Tu rispetto a me o te rispetto a me ?
    Me lo può spiegare ?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Claudia, usiamo il pronome personale “tu” quando ha funzione di soggetto, mentre usiamo “te” quando ha funzione di complemento, quindi è corretto dire “tu rispetto a me”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  45. Marina scrive:

    Grazie prof Anna. Ho letto ed eseguito il test. Fatto tutto corretto, solo 2 risposte ancora in dubbio. La ringrazio x queste lezioni. Grossi dubbi non ne ho. Eventualmente la riconrattero’. Marina

  46. Adele scrive:

    Si dice “dimmi te” o “dimmi tu ” ? E perché ? Grazie. ..

    • Zanichelli Avatar

      Cara Adele, in questo caso è corretto usare “tu” perché ha la funzione di soggetto (dimmi tu).
      Un saluto
      Prof. Anna

  47. Ciao si può dire ti lasci le impronte dietro di te

    • Zanichelli Avatar

      Cara Simona, puoi eliminare il pronome personale “ti”: “lasci le impronte dietro di te”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  48. Sarebbe importante che si stabilisse che la forma disgiuntiva fra pronomi deve usare la forma accusativa, ad es. “o me o te”, “o te o lui” ecc. traendola dalla forma latina. Ad evitare che si dica “o io o tu”, “o tu o lui”. “o io o egli” (!!!)
    Sergio Serra