Venezia, la città galleggiante

Prof. Anna
Civiltà,   In giro per l'Italia,   La lingua italiana,   Lessico,   Lettura

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, le vacanze sono finite, ma nulla ci vieta di viaggiare con la fantasia, o, se ne abbiamo la possibilità, di visitare i tanti luoghi di interesse storico, artistico e naturalistico, che l’Italia ha da offrire. Ho pensato quindi che potesse essere interessante proporvi dei testi che parlano di questi luoghi, per avere informazioni utili, per approfondire la conoscenza dell’Italia e della sua cultura, per imparare nuove parole e, ovviamente, per mettere alla prova la vostra abilità di comprensione di un testo.

Se ci sono parole che non conoscete, consultate il dizionario on-line: basta cliccare due volte sulla parola e si aprirà una piccola finestra, cliccando una volta su questa finestra apparirà il significato.

Buona lettura!

Prof. Anna

Venezia è una delle città più belle del mondo: è la città sul mare. Infatti si sviluppa su si circa cento piccole isole di sabbia, al centro di una laguna. A venezia ci sono 177 canali e più di 400 ponti che li oltrepassano.

Venezia è il capoluogo del Veneto, regione che si trova nel Nord-est dell’Italia.

Venezia è famosa per la bellezza dei palazzi e delle chiese. Il giro in gondola nei canali è la gita romantica per eccellenza, ma è anche molto costosa.

Ogni angolo di Venezia ha una fascino unico, basta avere tanta voglia di camminare!

Un tempo Venezia era una città molto importante. Era la capitale della Serenissima, cioè la Repubblica veneziana, uno degli stati italiani più potenti. La sua flotta di navi dominava tutto il mar Mediterraneo.

Oggi Venezia vive soprattutto di turismo, arte e spettacolo. Le aziende e le banche si sono spostate nelle vicine città di terraferma, come Mestre e Padova, dove i trasporti sono più semplici.

Venezia è sempre piena di gente che proviene da tutto il mondo che ne ammira la bellezza. Ci sono numerose manifestazioni culturali, come il Festival Internazionale del Cinema e la Biennale dell’arte.

SPOSTARSI A VENEZIA

A Venezia non ci sono automobili. Le strade si chiamano calli e sono riservate ai pedoni. I mezzi di trasporto sono i vaporetti, le gondole e i motoscafi.

L’acqua porta però problemi di inquinamento e di umidità. Inoltre, l’alta marea ogni tanto inonda la città: a Venezia questo fenomeno si chiama acqua alta. Spostarsi, con l’acqua alta, diventa molto difficile. In alcune zono di grande passaggio vengono montate delle passerelle su cui camminare, senza bagnarsi. La soluzione migliore è comunque procurarsi degli stivali di gomma! 

CHE COSA VEDERE

Sul Canal Grande si trovano alcuni palazzi bellissimi, come Palazzo Grassi, la Ca’ Foscari e la Ca’ Rezzonico (-ca’- è un’abbreviazione e significa -casa-). Prendendo il vaporetto puoi ammirare questi monumenti dalla prospettiva migliore.

All’inizio del Canal Grande si trova piazza San Marco, la grande piazza centrale di Venezia. La piazza è dominata dalla basilica di San Marco e dal suo Campanile, monumenti unici che ospitano molte opere d’arte.

Di fianco alla basilica si trova il palazzo Ducale, la sede del governo della città. Nelle sue sale ci sono famosi dipinti di Tintoretto, Tiziano e Veronese. Dietro al palazzo puoi vedere il famoso Ponte dei sospiri, chiamato così perché conduceva i condannati a morte al patibolo.

Testo tratto da: Anna Ferrari e Cinzia Medaglia, Il bel paese. Corso di civiltà italiana, Zanichelli, Bologna, 2011.

Rispondi alle seguenti domande:

1- Dove si trova Venezia?

2- Che cosa significa che Venezia è una "città sul mare"?

3- Perché la maggior parte delle aziende e delle banche si sono spostate nelle vicine città di terraferma?

4- Che cos’era la Serenissima?

5- Di quali attività vive principalmente Venezia?

6- Cosa sono le calli?

7- Qual è il singolare della parola "calli"? Per scoprirlo consulta il dizionario on-line.

8- Con quali mezzi ci si sposta a Venezia?

9- Dopo aver consultato il dizionario on-line, spiega qual è la differenza tra vaporetto e gondola.

10- Quando c’è l’acqua alta come si organizza la città per non fare bagnare i pedoni?

11- Qual è la piazza più importante di Venezia?

12- Perché il Ponte dei sospiri si chiama così?

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [22]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. maria scrive:

    Bellissimo e molto interessante. Spero ricevere piu di questo!
    GRazie Prof. Anna

  2. Marta scrive:

    Grazie Anna per la descrizione fatta su Venezia. Vorrei porre tre domande:
    1 Questa laguna è acqua de mare?
    2 Come si ha formatto questa laguna?
    3 se le isole sono di sabbia come hanno potuto fare delle costruzione edilizie?

    Cari saluti dal Canada
    Marta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marta, la laguna di Venezia è una laguna del Mare Adriatico settentrionale e si forma nell’800 a.C. circa da un precedente ambiente fluvio-palustre (di acqua di fiume e di paludi); il centro storico di Venezia sorge in mezzo alla laguna omonima, su un totale di centodiciotto isolette, consolidate nei secoli grazie a palificazioni in legno, che ne hanno permesso l’urbanizzazione.
      Un saluto
      Prof. Anna

  3. Isabel scrive:

    Mi è piaciuto tantissimo leggerlo!!!!
    Grazzie…

    • Zanichelli Avatar

      Cara Isabel, grazie per il tuo commento!
      A presto
      Prof. Anna

  4. Victor scrive:

    Mi piace. Un bel articolo. Grazie!

  5. Christinw scrive:

    Bellissimo articolo, mi piace molto. Spero veramente che facciate un “giro d’Italia” inserendo articoli di altre città e regioni – sarebbe veramente una buona idea. Grazie anche per tutti gli altri articoli, da maggior parte molto molto utili!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Christinw, grazie per il tuo commento e vedrai che ci saranno altri articoli di questo genere.
      A presto
      Prof. Anna

  6. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Sono impressionata sul modo che Lei ha scritto su la bella città al mare la Venezia. Ho diversi cartoline delle persone che hanno passato le vacanze la e ne trovo anche una città bellissima e spero di vederla in realtà una volta. Una parta di Amsterdam pare un po’ a Venezia, perché L’ ha anche canale e questa parte è anche divisa in isole piccole e ha anche diversi mezzi di trasporto sull’acqua, ma le belle gondole veneziane, non ho mai visto laggiù.
    In quasi tutti regi di Olanda abbiamo molte fiume e diversi mezzi di trasporto sull’acqua
    In regio dove abito, abbiamo anche molte fiume e le vecchie gente sappiano anche ch’è acqua alta. Mi ricordo se quando un’uomo ha camminato sulla strada con i sui gambe dei pantaloni troppo corte in questo periodo sia stato di vergognarsi, di camminare così in pubblico. Le gente hanno detto: “Ehi, sia l’alta acqua in questo luogo”? Più tardi in quello periodo n’è diventato un espressione comune per dire:”C’ è l’acqua alta in luogo”. In quello periodo se era l’acqua alta, gli uomini sempre camminano con le gambe dei pantaloni arrotolato in alto per rimenare i pantaloni secchi. Così l’espressione è nato, ma non mai ne sento ancora di più. Quasi tutte le cose siano cambiato. I Veneziani avranno anche le sue espressione sull’acqua alta, credo io.
    Con saluti cordiali dal Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, grazie per il tuo interessante contributo.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  7. ?lina scrive:

    Grazie mille!!! Mi è piacuto tanto!

  8. souzana scrive:

    1 -venezia ci trova nel Nord-est dell’Italia.
    2 – Venezia è una “città sul mare” segnifica che venezia e una isola.
    3 – la maggior parte delle aziende e delle banche si sono spostate nelle vicine città di terraferma perché dove i trasporti sono più semplici.
    4 – ???????
    5 – l’attività vive principalmente Venezia: Festival Internazionale del Cinema e la Biennale dell’arte.
    6- le calli sono le strade
    7 – il singolare delle parola calli e calle
    8 – ci si sposta in venezia con i vaporetti, le gondole e i motoscafi.
    9 –
    10 – Quando c’è l’acqua alta La soluzione migliore è comunque procurarsi degli stivali di gomma
    11 -piazza san marco
    12 – Ponte dei sospiri si chiama così perché conduceva i condannati a morte al patibolo.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Souzana, ti faccio alcune correzioni: 1 – Venezia si trova nel Nord-est dell’Italia; 2- Venezia non è un’isola, ma è una città che si sviluppa su si circa cento piccole isole di sabbia, al centro di una laguna; 2- la maggior parte delle aziende e delle banche si sono spostate nelle vicine città di terraferma dove i trasporti sono più semplici; 4- così era chiamato la Repubblica veneziana; 5- oggi Venezia vive soprattutto di turismo, arte e spettacolo; 7- il singolare delle parola calli è calle; 8 – ci si sposta a Venezia con i vaporetti, le gondole e i motoscafi.
      A presto
      Prof. Anna

  9. souzana scrive:

    GRazie Prof. Anna

  10. Claudio scrive:

    Venezia è stata governata da mercanti che facevano molti “affari” con il Medio Oriente. Decadde sostanzialmente quando gli Ottomani gli sbarrarono la strada, e venne inoltre “scoperta” l’America dagli iberici, e, a cascata, da inglesi, francesi e olandesi… In un mondo globalizzato è forse meglio abbandonare i vecchi stereotipi ideologici e vedere anche la storia in maniera più globale.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Claudio, grazie per il tuo contributo.
      A presto
      Prof. Anna

  11. Un gran bell’articolo, ricco di aneddoti e che mette in evidenza le differenze tra Venezia e qualsiasi altra città del mondo.
    Complimenti.

  12. bellissimo!

  13. jahangir scrive:

    scusa io non lo so la risposta della domanda 7 e 9

    • Zanichelli Avatar

      Caro Jahangir, 7: “calle”; 9: vaporetto: battello a vapore di ridotte dimensioni, motonave di piccole dimensioni usata come mezzo pubblico di trasporto su laghi, lagune o comunque su brevi tragitti; gondola: barca lunga, piatta, sottile, tipica della laguna veneta.
      A presto
      Prof. Anna

  14. jahangir scrive:

    me lo potete dire grazie mille

  15. Molto bueno tutto il materiale offerto. Molte Grazie: Complimenti¡¡¡¡¡