La scelta dell’ausiliare con i verbi modali

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, a volte, nella formazione del passato prossimo, non è facile scegliere l’ausiliare giusto; la scelta dell’ausiliare nel passato prossimo dei verbi modali dipende da alcune regole. Oggi vedremo insieme in che modo poter scegliere correttamente l’ausialire di un verbo modale.

Buona lettura!

Prof. Anna

Ricordiamo che i verbi modali, o verbi servili, hanno la funzione di “servire”, aiutare, altri verbi; i verbi modali sono dovere, potere e volere e, come abbiamo detto, servono al verbo all’infinito, che di solito li segue, aggiungendo un’idea di possibilità (potere), volontà (volere), obbligo o necessità (dovere).

Come si è detto, la scelta dell’ausiliare nella formazione del passato prossimo di questi verbi è soggetta ad alcune regole:

1 I verbi modali potere, dovere, volere, prendono l’ausiliare del verbo che segue:

DOVERE

– Marco ha dovuto → usato da solo il verbo dovere vuole l’ausiliare avere;

– Marco ha studiatostudiare vuole l’ausiliare avere → Marco ha dovuto studiare;

– Marco è andatoandare vuole l’ausiliare essere → Marco è dovuto andare;

POTERE

– Silvia ha potuto → usato da solo il verbo potere vuole l’ausiliare avere;

– Silvia ha mangiato → il verbo mangiare vuole l’ausiliare avere → Silvia ha potuto mangiare;

– Silvia è partita → il verbo partire vuole l’ausiliare essere → Silvia è potuta partire;

VOLERE

– Maria ha voluto → usato da solo il verbo volere vuole l’ausiliare avere;

– Maria ha letto → il verbo leggere vuole l’ausiliare avere → Maria ha voluto leggere;

– Maria è venuta → il verbo venire vuole l’ausiliare essere → Maria è voluta venire.

ATTENZIONE!

Nel linguaggio corrente è largamente ammesso con i verbi intransitivi che vorrebbero l’ausiliare “essere” l’uso dell’ausiliare “avere”, quindi: “ho dovuto andare”, “avremmo potuto partire” non sono del tutto sbagliati.

2I verbi modali vogliono l’ausiliare avere quando sono seguiti dal verbo essere:

DOVERE

sono forte → ho dovuto essere forte;

POTERE

– non sono presente → non ho potuto essere presente;

VOLERE

sono il primo → ho voluto essere il primo.

3 Se l’infinito è accompagnato da un pronome atono (mi, si, ti, ci, vi) si usa l’ausiliare essere se il pronome precede l’infinito:

DOVERE

– ci siamo svegliati → ci siamo dovuti svegliare;

POTERE

– mi sono cambiato → mi sono potuto cambiare;

VOLERE

– si sono vestiti → si sono voluti vestire.

4- Se l’infinito è accompagnato da un pronome atono (mi, si, ti, ci, vi) si usa l’ausiliare avere se il pronome è dopo l’infinito:

DOVERE

– ci siamo svegliati → abbiamo dovuto svegliarci;

POTERE

– mi sono cambiato → ho potuto cambiarmi;

VOLERE

– si sono vestiti → hanno voluto vestirsi.

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio": vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

1- Non arrivare in tempo. 2- Mario cambiare classe. 3- Natalia e Alex non ascoltarmi. 4- Luca non parlare con me. 5- Non essere sincero con lei. 6- Vi organizzare diversamente. 7- Per il suo compleanno Paolo fare una festa in maschera. 8- Prima di mangiare i bambini si lavare le mani. 9- Ieri incontrarvi per discutere di questa situazione. 10- Mio padre non mi venire a prendere alla stazione.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [64]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Questa volta ho voluto poco tempo di imparare questa lessione, perchè due giorni fa, se ne usato sul tv e ho potuto di sequirne bene e mi ho esercisso direttemente con questa tema e mi sono soppresa sulla maniera positiva, che Lei ne ha spiegato tutti e tutti i opzioni li ho fatti coretti. Mi piace veramente.
    Per essempio: Mia cugina e emigrata in Australia e proma la sua partenza, ho fatto un fofoshooting da lei sul locazione e le immagine sono diventate bellissimi e ora ho voluto di farne più spesso. Paulo, il maestro avevo dovuto punirti, perchè sei stato troppo cattivo.
    Vorrei sapere oppure ho scritto tutti correttamente.
    Salutti cordiali dal Ollanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita: “mia cugina è emigrata in Australia e, prima della sua partenza, ho fatto un fotoshooting (non capisco “da lei sul locazione” forse sognifica “a casa sua”?) e le immagini sono diventate bellissime e ora voglio farne più spesso”; “Paulo, il maestro, avrebbe dovuto punirti perché sei stato troppo cattivo”.
      A presto
      Prof. Anna

  2. Chantal scrive:

    Cara prof.
    esercizio abbastanza difficile! ho fatto 3 sbagli,
    la ringrazio

  3. Chiaro e molto utile!

  4. maria scrive:

    Cara Prof Anna,
    Non l’ho voluto (!) trovare difficile perché la mia insegnante me l’aveva già spiegato una volta. Ma ho dovuto (!) fare attenzione purtroppo!
    Buon fine settimana!
    Maria

  5. Helena scrive:

    Senza errore, ma ho fatto esercizio con molta attenzione. Grazie

  6. elena scrive:

    Cara prof Anna
    Mi dispiace d’insistere su un appunto grammaticale sui verbi modali. Dice:”i verbi modali vogliono l’ausiliare avere quando sono seguiti dal verbo essere” Nell’esercizio la frase sesta:” non ( sono potuto /ho potuto )essere sincero con lei” E la risposta giusta è : non sono potuto essere …come mai ? io ho risposto “ho potuto ” . Grazie per la spiegazione .

  7. elena scrive:

    Elena
    Mille scuse , sono io che ho letto male ( Che testa che ho !! sono una settantenne distratta!!

  8. Pili scrive:

    Ciao a tutti ,anche a me mi dispace ho fatto tre svaglie non era facili ne anche dificili ,sono un po triste
    pili

  9. Gentile Prof Anna,

    Le vorrei fare qualche domanda su dei verbi: correre e vivere.
    In Italiano si dice : ho corso. Si puo anche dire: sono corso a casa. Si dice che nella seconda frase si usa “essere” perche c’e il complemento casa. All’infuori di questo, mi ricordo di avere letto una frase cosi: sono vissuto. Qualche volta la gente dice : ho vissuto. Mi puo spiegare la differenza tra la frase in cui il verbo vivere e coniugato al passato prossimo col verbo essere e quella in cui il verbo vivere e coniugato col verbo avere per favore? oppure se mi sono sbagliato su quello che ho detto, mi puo correggere per favore?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marin, la regola dice che con i verbi transitivi useremo l’ausiliare “avere” e con quelli intransitivi l’ausiliare “essere”; alcuni verbi possono avere entrambi gli ausiliari: “avere” quando sono usati in modo transitivo “ho corso un rischio” (in questo caso “correre” è usato transitivamente, cioè ha un complemento oggetto: “un rischio”), mentre quando sono usati intransitivamente hanno l’ausiliare “essere”: “sono corso a casa”: in questo caso “correre” è usato intransitivamente, infatti non ha un complemento oggetto, ma un complemento indiretto “a casa” introdotto dalla preposizione “a”, un complemento di “moto a luogo” (infatti non si può dire “ho corso a casa”); mentre alcuni verbi tollerano entrambi gli ausiliari senza differenza di significato: ho vissuto = sono vissuto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Anita scrive:

    Cara prof.ssa Anna,
    Ho pensato che “sul locazione” sarebbe conoscuito in italiano, ma è terminologia fotografica in ollandese che ho tradotto direttamente in italiano, che sinifica, sul un bel posto fuori o in una cittá, o in natura, in un bella decorezione, per fare foto molto belli. Ho fatto la fotografa è a volta devo anche spiegare in ollandese la significazione delle parole che se ne diche in questa terminologia. Spero essere stato chiaramente a Lei.Ne avuto parlando constantamente, è detto troppo facile.
    Grazie ancora per la sua spiegazione. Nel fratempo ho l’impressione che so di espirmi più meglio in italiano, nonostante miei errori e spiegarLei l’uno e l’altro, è anche un ben essercizio per me e mi piace veramentw.
    Con cordiali salutti dal Ollanda
    Anita

  11. Sean scrive:

    Cara prof Anna
    Mi chiedo se l’esempio è corretto:
    3- Se l’infinito è accompagnato da un pronome atono…
    VOLERE
    – si sono vestiti ? si sono voluti cambiare.

    Non è “si sono voluti vestiti”?

    Grazie mille per il blog!!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Sean, in effetti c’è un errore, non è “si sono voluti cambiare”, ma “si sono voluti vestire”.
      Grazie per la segnalazione.
      Un saluto
      Prof. Anna

  12. Prof. Anna
    non seguo da molto il Blog ma in brevissimo tempo ho fatto quasi tutti gli esercizi! in questo non ho commesso nessun errore grazie alla sua spiegazione chiara e dettagliata!
    Buona giornata!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Alexis, benvenuto su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  13. Marcela scrive:

    Cara Prof. Anna,

    ieri ho trovato il Suo sito.
    Tra una settimana faccio la prova statale C1.
    Prescrizione ho fatto solo un mese prima.
    Un po ho sottovalutato tempistica.
    Siccome sono Ceca di Praga, é ancora piu difficile 😉

    Grazia Lei ho finalmente capito la scelta dell’ausiliare con i verbi modali. Passando prima Wikipedie con sue divisioni ai verbi copulativi, predicativi ecc.

    Ora esercizio senza errore 😉 Continuero’ ad usare Suo sito

    Grazia di nuovo
    Tanti saluti

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marcela, benvenuta su Intercultura blog e in bocca al lupo per il tuo esame!
      A presto
      Prof. Anna

  14. Cara Prof. Anna

    Per favore: 1- come si fa il passato prossimo con un pronome diretto forte? Esempio per favore.
    2- come si fa il passato prossimo con un pronome indiretto atono e con un pronome indiretto forte?Esempio per favore.
    Grazie mille.
    Maria Helena

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Helena, ti ho risposto a questa domanda:
      Cara Maria Helena, non so se ho capito bene la tua domanda ma:
      pronome diretto atono: li ho chiamati poco fa; diretto tonico: ho chiamato loro poco fa; pronome indiretto atono: gli ho detto la verità; indiretto tonico: ho detto a lui la verità; puoi usare indifferentemente le due forme, la scelta diepende dalle esigenze espressive, è di solito più comune l’utilizzo di quelli atoni, se si vuole però dare rilievo al pronome si useranno le forme toniche. Comunque ti consiglio di leggere questo articolo che riguarda i pronomi diretti con il passato prossimo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3388
      Un saluto
      Prof. Anna

  15. Clara scrive:

    Cara Prof.Anna,
    ho trovato il Suo sito meravigliosa.
    Potrebbe dirmi se le miei frasi sono giusti?
    Mia madre mi ha comprato un libro.
    Mia madre mi è potuta comprare un libro.
    Mia madre ha potuto comprarmi un libro.
    Mille grazie.
    Un saluto
    Clara

    • Zanichelli Avatar

      Cara Clara, le frasi sono corrette tranne la seconda, che andrebbe così modificata: “mia madre mi ha potuto comprare un libro”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  16. Clara scrive:

    Cara Prof.Anna,
    Scusi, non ho letto esattamente. Solo se l’infinito è accompagnato da un pronome atono(mi,ti,…) i verbi modali prendono l’ausiliare essere, quindi da i verbi reflexivi.
    La mia seconda frase è sbagliata, si scrive:
    Mia madre mi ha potuto comprare un libro.
    Tanti saluti
    Clara

  17. Francesca scrive:

    Gentile Professoressa,

    Sono del tutto sbagliate le forme:

    Sono dovuta essere forte
    Non sono potuta essere presente?

    Grazie per la risposta e complimenti per il sito e la cura con la quale segue le discussioni!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Francesca, quando seguiti dal verbo -essere- vogliono l’ausiliare -avere-, quindi è corretto usare -avere- come ausiliare nelle frasi che mi scrivi.
      A presto
      Prof. Anna

  18. Andrea scrive:

    Penso che ti amo. Tante grazie!

  19. Francesca scrive:

    Gentile professoressa,

    Mi serve la spiegazione al perché dico HO VOLUTO e non VOLEVA in questa frase:

    “La signora Pina, prima di uscire, ha voluto lavare il pavimento perché le piace lasciare la casa pulita.”

    L’uso di ‘ha voluto’ è indiscutibile, ma perché si usa uno e non l’altro? Non c’è un avverbio di tempo in questo caso, forse perché c’è l’inciso „prima di uscire“? E se lo faceva ogni volta che usciva?

    Grazie in anticipo della sua risposta!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Francesca, si potrebbe usare anche l’imperfetto ma il significato cambierebbe, in quanto se diciamo “voleva lavare il pavimento” non non sappiamo con esattezza se lo ha fatto oppure no, l’azione non è conclusa; mentre se diciamo “ha voluto lavare il pavimento” si capisce che l’azione si è conclusa, è stata portata a termine.
      Un saluto
      Prof. Anna

  20. Francesco scrive:

    Ho trovato scritto su un testo:”… non capisco come ciò abbia potuto diventare un segno di inimicizia”. Devo imitare questo costrutto?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Francesco, sarebbe più corretto usare l’ausiliare “essere”: “sia potuto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  21. elena scrive:

    ”Per costruire questo nuovo stadio CI SONO VOLUTI dieci anni”. Perché abbiamo messo come ausiliare il verbo essere?Grazie!

  22. Cara Prof.ssa. Anna,
    ho sbagliato 5 e 6, e non capisco perché sarebbero incorrette. Protresti spiegarmi per favore?
    La ringrazio per sua generosità.

  23. Cara Prof.ssa. Anna,
    Scusi per il mio anteriore messaggio. La spiegazione per l’esercizio 5 l’ho trovata. (Modali seguiti da essere, vogliono AVERE). Ma continuo con dubbio in torno al numero 6. Io ho messo: Vi siete dovuti organizzare diversamente. Protresti spiegarmi per favore?
    La ringrazio per sua generosità.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, la tua risposta è quella corretta, la spiegazione la trovi al punto 3. dell’articolo: “se l’infinito è accompagnato da un pronome atono (mi, si, ti, ci, vi) si usa l’ausiliare essere se il pronome precede l’infinito” come in questo caso: vi siete dovuti organizzare. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  24. Galatea scrive:

    Buongiorno prof.ssa Anna,
    ho trovato in un articolo questa frase: “quella che avrebbe dovuto diventare la mia casa”.
    E’ corretta? Oppure la forma corretta è: quella che ‘sarebbe’ dovuta diventare la mia casa? Oppure sono consentite entrambe le forme?
    Grazie Galatea

    • Zanichelli Avatar

      Cara Galatea, la regola generale vuole che il verbo servile prenda l’ausiliare del verbo che regge, che in questo caso è “essere”: “quella che sarebbe dovuta diventare”, ma se il verbo è intransitivo, come in questo caso, è possibile usare sia “essere” che “avere”, quindi è accettabile anche “quella che avrebbe dovuto diventare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Galatea scrive:

        Grazie prof. Anna,
        per aver fugato il mio dubbio. Rimane il fatto che continua a sembrarmi stilisticamente preferibile: sarebbe dovuta diventare la mia casa. Cordiali saluti

  25. andrea scrive:

    Buongiorno.Vorrei sapere in quale modo deve essere espressa una necessità nel passato utilizzando la forma passiva.È corretto dire”questa azione avrebbe dovuto essere stata fatta”?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, è corretto dire: “questa azione avrebbe dovuto essere fatta”, “questa azione doveva essere fatta”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  26. Adriano scrive:

    Cara Anna, il termine “allora”può essere usato tanto per il passato quanto per il futuro? Per es., riferendomi al prossimo anno, posso dire: ” Allora andremo a fare un viaggio in Scozia?”Grazie. Adriano

    • Zanichelli Avatar

      Caro Adriano, “allora” può significare “in quel momento, in quell’istante, in quel tempo” riferito comunque a un momento passato e non futuro, oppure può avere valore conclusivo col significato di “ebbene, dunque”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  27. L’articolo è buonissimo e sana molti dubbio. Sono una studentessa di italiano brasiliana e molti volte ho dubbio di quale asiliare usare nella coniugazione composta dei verbi. Ancora ho dubbio nella scelta dell’ausiliare di tutti verbi. È molto dificile scegliere quando parlo e a volte me sbaglio.

  28. Sono un’ insegnante d’italiano all’estero e questo sito è veramente una fonte preziosa a cui attingere di tanto in tanto per chiarire alcuni dubbi sulla grammatica italiana, specialmente dopo anni di immersione nella lingua inglese. Vi sono veramente grata per il grande aiuto che mi date e vi auguro di sempre ben continuare.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Annamaria, benvenuta su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  29. Alexander scrive:

    Per che si dice come si e’ detto ? E non si ha detto

    • Zanichelli Avatar

      Caro Alexander, quando un verbo è costruito impersonalmente (come in questo caso), l’ausiliare nei tempi composti è sempre “essere”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  30. Prof.ssa., che buon esercizio quello di scegliere l’ausiliare corretto da accompagnare i verbi modali. La ringrazio. Sra. Bardi.

  31. Nunzia scrive:

    ESSERE NUOVO A , NON ESSERE NUOVO A :

    ” Essere nuovo a ” potrebbe significare ” essere privo di esperienza ” , ” non essere abituato ” oppure ” trovarsi per la prima volta di fronte ad una situazione diversa , inconsueta ” ?

    Es : ” Il maestro è nuovo a questo tipo di insegnamento ” … Cioè il maestro non è ” avvezzo ” a quest’insegnamento del tutto nuovo e ci si è imbattuto per la prima volta .

    Al contrario , ” Non essere nuovo a ” potrebbe significare l’inverso , ovvero ” NON essere privo di esperienza ( quindi averne a sufficienza ) , ” essere abituato ” oppure ” NON trovarsi per la prima volta di fronte ad una situazione diversa , inconsueta , ma , invece , esserne assuefatto il più delle volte ” ?

    Es : ” Il senatore dell’ Illinois non è nuovo alle grandi folle da quando ha deciso di correre per la presidenza ” … Cioè il senatore è abituato alle grandi folle e , magari , non le teme neanche …

    Crede sia tutto esatto ?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nunzia, le tue ipotesi sono corrette.
      A presto
      Prof. Anna

  32. Sì dice ” non ha voluto andarsene ” o ” non è voluto andarsene ” … La prima , anche se mi suona male , l’ho letta qualche giorno fa …

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mariachiara, in questo caso l’ausiliare è “avere” perché l’infinito (andarsene) è accompagnato da un pronome atono posto dopo di esso, quando invece il pronome è posto prima dell’infinito l’ausiliare sarà “essere” (non se ne è voluto andare).
      Un saluto
      Prof. Anna

  33. Mino scrive:

    Salve , si dice ” Ho vissuto con numerosi animali ” o ” sono vissuto con numerosi animali ” ? E poi con i verbi ” vivere ” e ” abitare ” vorrei fare questo ragionamento :

    io sono vissuto nel periodo… esempio ( io sono vissuto durante la grande guerra )

    io ho vissuto nel luogo o in quel periodo … esempio ( ” io ho vissuto in Italia per dieci anni ” o , simile a sopra , ” io ho vissuto durante la grande guerra ” ( quindi sia essere sia avere ) .

    io ho abitato in quel luogo … esempio ( ” io ho abitato a Roma, a trastevere precisamente, per dieci anni ” oppure ” io ho abitato in via di boccea ” … va bene ?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mino, tradizionalmente nella lingua piú sorvegliata il verbo “vivere” si coniuga con l’ausiliare “essere” nell’uso intransitivo (sono vissuto durante la guerra) e con l’ausiliare “avere” nell’uso transitivo (ho vissuto momenti di gioia), ma nell’italiano contemporaneo nei tempi composti il verbo “vivere” può essere usato indistintamente sia con l’ausiliare “essere” sia con l’ausiliare “avere”. Il verbo “abitare” ha come ausiliare “avere”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Mino scrive:

        Quindi le mie frasi sono esatte?

        • Zanichelli Avatar

          Caro Mino, le tue frasi sono corrette.
          A presto
          Prof. Anna

  34. Grazia scrive:

    Buonasera, gentilissima professoressa Anna.
    Volevo porre una domanda.
    L’altro giorno discorrendo con un amico ho detto una frase di questo tipo “Sarebbe dovuto stare a casa sua” e mi sono sentita correggere con la forma “Avrebbe dovuto stare”.
    Ma sapevo che il verbo “stare” si declina con “essere”, quindi solitamente seguo la regola generale se devo usare i modali.
    Mi sono sbagliata?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Grazia, sono corrette entrambe le frasi, se il verbo che segue il servile è intransitivo (come “stare”), si può usare come ausiliare sia “essere” che “avere”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  35. Cesira scrive:

    ” mio fratello ha perso i documenti ” o ” mio fratello si è perso i documenti ” … Credo la prima perché è transitivo, la seconda dovrebbe avere un valore transitivo pronominale, ma non sono sicuro …

    • Zanichelli Avatar

      Cara Cesira, è corretta la prima frase che mi scrivi. La forma intransitiva pronominale “perdersi” può significare “smarrirsi”, “scoraggiarsi” (persersi d’animo), “impiegare il proprio tempo in cose futili e poco importanti” (perdersi in chiacchiere), mentre la forma transitiva pronominale “perdersi” significa “lasciarsi sfuggire qualcosa per distrazione o per altri motivi” (mi sono perso l’ultima puntata del telefilm).
      Un saluto
      Prof. Anna

  36. Profssa. Anna, sono stati degli esercizi formidabili. Tante grazie. Sra. Bardi

  37. Antonella scrive:

    Perché si può dire ti saresti dovuto lavare le mani ma anche avresti dovuto lavarti le mani? Posso usare sia il verbo essere che avere anche se lavarsi è riflessivo?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Antonella, in presenza di un verbo riflessivo i verbi servili prendono come ausiliare “essere” se essi stessi assumono la forma riflessiva (ti saresti dovuto lavare le mani); se invece è l’infinito a rimanere riflessivo, il verbo servile mantiene il suo ausiliare “avere” (avresti dovuto lavarti le mani).
      Un saluto
      Prof. Anna