Test di ripasso: i pronomi indiretti

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   pronomi,   test

L’uso dei pronomi è sempre particolarmente complicato, quindi è bene ripassarli di tanto in tanto.

 

Completa le seguenti frasi con i pronomi indiretti.

Completa il testo inserendo le parole mancanti negli spazi vuoti. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio" per controllare se hai risposto correttamente.

1- Marta ha scritto diverse volte, ma io non ho ancora risposto. 2- Domani è il compleanno di Luca e io farò un bellissimo regalo. 3- Se i miei amici mi cercano, devi dire che torno più tardi. 4- Se le mie amiche mi cercano, devi dire che sarò a casa alle otto. 5- Marco, posso offrire un caffè? 6- Signor Bianchi, presento mia moglie. 7- I tuoi amici hanno chiesto una mano, ma io ho detto che non posso aiutarli. 8- Non riusciamo a capire bene questa frase, puoi spiegare meglio il significato? 9- Lia è una ragazza molto permalosa, non si può dire nulla. 10- Ieri ho incontrato tuo fratello per strada e ho dato un passaggio.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [22]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Maria scrive:

    ho imparato una parola nuova per me: permalosa!
    Non capisco “non le si puo dire nulla”. Si e un errore?? o qualcosa che non capisco?? Vorebbe spiegarmi prof. Anna?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, l’aggettivo “permaloso” significa: “persona che si offende per parole o atti in sé insignificanti”, quindi “quella ragazza è permalosa, non le si può dire nulla” significa “qualsiasi cosa le si dica, lei si offende”. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  2. ho imparato molto.

  3. Elena scrive:

    Grazie Prof. Anna! I suoi lezioni mi aiutano moltissimo!

  4. Anna scrive:

    Cara prof. ho una domanda: perche’ si dice vado a Malta e vado in Sicilia. Entrambe sono due isole.
    Grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, entrambe sono isole ma Malta è una nazione, mentre la Sicilia è una regione.
      A presto
      Prof. Anna

  5. Vladimir scrive:

    Cara professoressa non capisco bene qual è la differenza tra i pronomi diretti e indiretti, mi potrebbe aiutare? o magari dirmi se Lei ha commento su questo tema?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Vladimir, i pronomi diretti hanno la funzione di complemento oggetto: mangio una mela (una mela=complemento oggetto) = la (pronome diretto che sostituisce “mela-complemento oggetto”) mangio; mentre i pronomi indiretti hanno la funzione di complementi indiretti, cioè introdotti da una preposizione: telefono a Marco (a Marco=complemento indiretto) = gli (pronome indiretto che significa “a lui” e ha funzione di complemento indiretto) telefono. Puoi trovare sul blog gli articoli che spiegano come si usano questi pronomi in maniera più approfondita, con il titolo di “pronomi personali diretti” e “pronomi personali indiretti”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  6. Linda scrive:

    Buongiorno!
    Ho appena trovato questo sito e voglio fare i complimenti
    a Prof.Anna,veramente interessante e utile per noi stranieri.
    Sono qui in Italia da quasi due anni,mi piace tantissimo studiare questa meravigliosa lingua,ma ho una grande difficoltà in parlare dando del LEI.Faccio solo un esempio:
    Le faremo sapere qualche notizia o La faremo sapere qualche notizia? Non so mai quando si usa il La o il Le.
    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Linda, LA è un pronome diretto e quindi lo usiamo quando ha la funzione di complemento diretto, cioè non introdotto da una preposizione: “Signore, La aiuto io?”, il verbo aiutare regge un complemento diretto e quindi usiamo LA, mentre LE è un pronome indiretto e lo usiamo quando ha la funzione di complemento indiretto, cioè introdotto da una preposizione: Le faremo sapere= faremo sapere a Lei, infatti si dice “fare sapere qualcosa a qualcuno”. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  7. Linda scrive:

    Grazie prof.Anna,si, sono riuscita a capire un pò meglio,farò ancora un pò di esercizi che mi saranno di grande aiuto.
    Grazie ancora.

  8. lyubov scrive:

    9- Lia è un ragazza molto permalosa,

    perché UN?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Lyubov, hai ragione, la frase corretta infatti è: “Lia è una ragazza…”; grazie per la segnalazione, l’errore è già stato corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  9. manuela scrive:

    per l’insegnante che ha predisposo questo esercizio: trovo sensato insegnare a studenti stranieri il “codice parlato”, ma ritengo che anche nell’italiano parlato, purchè correttamente, l’uso del pronome LORO non sia affatto superato. nei quesiti 4 e 5 sarebbe più corretto ed elegante usare la formula : DEVI DIRE LORO e non GLI. Io insegnerei la forma corretta, insomma, non quella storpiata. scusi se mi sono permessa

    • Zanichelli Avatar

      Cara Manuela, questo è un test di ripasso, nell’articolo dedicato ai pronomi indiretti vengono spiegate entrambe le possibilità.
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. andree scrive:

    Buona sera!
    Esercizio davvero molto utile. Grazie!
    Ho fatto ancora troppi errori. Quindi…
    Alla prossima volta!

  11. Due errori…sempre con “gli” e “li”… E’ un argomento che non mi è ben chiaro…

    • Zanichelli Avatar

      Cara Tatyana, se hai qualche domanda specifica su questo argomento, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  12. Fulvio scrive:

    Gentile professoressa, ho dei dubbi sull’uso delle forme atone e toniche dei pronomi indiretti.
    Esempio: perchè posso dire
    “Sono a Roma da una settimana e finalmente TI scrivo”
    ma non
    “Sono a Roma da una settimana e finalmente A TE scrivo”?
    E ancora, perchè posso dire:
    “Carla CI prepara la cena”
    ma non
    “Carla A NOI prepara la cena?”

    E’ solo una questione di posizione dei pronomi?

    Grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fulvio, è una questione di posizione del pronome, per esempio, non è corretto “Carla prepara a noi la cena” ma è corretto “Carla prepapara la cena a noi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  13. Anna scrive:

    Buongiorno,
    ho una domanda: com’è corretto (e perchè) “Signora, La/Le consiglio di cercare un altro lavoro.”
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, è corretto: “Le consiglio” = “consiglio a Lei” in quanto la costruzione di “consigliare” è “consigliare a qualcuno” e “Le” significa “a Lei”.
      A presto
      Prof. Anna