Test di ripasso: imperfetto o passato prossimo?

Prof. Anna
grammatica,   La lingua italiana,   test,   Verbi

Di seguito un esercizio per ripassare la differenza tra imperfetto e passato prossimo<

 

 

 

Completa il testo inserendo le parole mancanti negli spazi vuoti. Al termine premi il pulsante "Correggi esercizio" per controllare se hai risposto correttamente.

1- L'anno scorso (io-andare) in piscina tutti i giorni. 2- Ti (piacere) il film ieri sera? 2- Quando mi sono sposata (io-avere) trentadue anni. 4- Mentre (io-aspettare) l'autobus, (io-incontrare) Luca. 5- Ieri Carla (essere) molto stanca. 6-Quando (noi-partire) , (esserci) molta nebbia. 7- Da bambino una volta (io-stare) al mare. 8- Da piccolo (io-avere) paura del buio. 9- Da piccolo (io-avere) il morbillo. 10- Mio padre (cambiare) macchina perché la sua (essere) troppo vecchia.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [33]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. RAISA scrive:

    HO FATTO ERRORI,MA LO STESSO SONO CONTENTA…GRAZIE.

  2. Alírio scrive:

    Ciao, questi esercizi sono davvero speciali per cimentare le forme grammaticali, ancor di pìù, per approfondire la conoscenza della lingua italiana.

  3. Roberto scrive:

    Ho fatto degli errori ma, servono per imparare.

  4. Daniele scrive:

    Trovo che nella prima frase sia plausibile l’uso del passato prossimo perché, sebbene si tratti di un’azione che si è ripetuta più volte, il contesto esprime una certa determinatezza temporale (ogni giorno). Del resto, non si direbbe forse “l’anno scorso sono stato ogni giorno in piscina” piuttosto che “ero”? Cosa ne pensate a proposito?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Daniele, solitamente per indicare un’abitudine nel passato si usa l’imperfetto, a volte però la differenza tra l’imperfetto e il passato prossimo è molto sottile e la scelta tra i due può dipendere anche alla sensibilità personale, non è quindi scorretto dire: “l’anno scorso sono stato in piscina tutti i giorni”.
      A presto
      Prof. Anna

  5. Per noi, parlanti stranieri, e’ molto difficile differenziare i tempi passati. Sempre sto in dubbio, per esempio: quando si usa
    qualche volta davanti all’ imperfetto e in alcuni casi davanti al
    passato prossimo. Come spiegare?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Vesna, non sono sicura di aver capito bene la tua domanda, comunque “qualche volta” si può usare sia con l’imperfetto sia con il passato prossimo.
      A presto
      Prof. Anna

  6. elaine scrive:

    com’e la risposta della domanda 2?ti( )il film ieri sera?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elaine, la frase corretta è: “ti è piaciuto il film di ieri sera?”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  7. Elisa scrive:

    Si dice
    “Io sono caduto a terra mentre correvo con la bicicletta”
    o si può dire pure “Mentre correvo con la bicicletta, io cadevo per terra”

    “Ho preso un brutto voto perché non ho studiato” o “perché non avevo studiato nulla”
    grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elisa,
      1- la frase “mentre correvo con la bicicletta, io cadevo per terra” non è scorretta, dipende da cosa tu vuoi esprimere, “mentre correvo con la bicicletta, cadevo” indica due azioni in svolgimento nel passato, invece “mentre correvo, sono caduto” indica un azione nel passato in svolgimento (correvo) interrotta da un’altra azione sempre nel passato (sono caduto);
      2- è più corretto dire: “ho preso un brutto voto perché non avevo studiato nulla” in quanto il rapporto tra le 2 frasi è di anteriorità, cioè “non avevo studiato nulla” è un’azione precedente a “ho preso un brutto voto” quindi è meglio usare il trapassato prossimo “avevo studiato” piuttosto che il passato remoto “non ho studiato nulla”.
      A presto
      Prof. Anna

  8. Bello, ancora non faccio errori con i tempi verbali
    Sono commossa dalla preparazione che mi è stata impartita alle elementari! Mai potrà finire di ringraziare la mia SUPER MAESTRA Suor Clara!!

  9. Buongiorno! Sono italiana e insegno l’italiano in Austria e purtroppo non è facile insegnare l’uso dell’imperfetto e del passato prossimo. Sono sempre alla ricerca di esercizi per i miei alunni perché ne servono tanti per fissare le regole di questi tempi.
    Sono rimasta delusa nel leggere la prima frase di questo esercizio e la soluzione: Andavo in piscina tutti i giorni. Gli stranieri pensano che le azioni ripetute più volte vadano automaticamente espresse usando l’imperfetto ma non sono d’accordo. Con l’imperfetto si viene rimbalzati in un passato un po’ troppo lontano o cambia un po’ il senso. Noi italiani usiamo il passato prossimo anche se parliamo delle vacanze dell’anno precedente. Scusi, ma personalmente in questo caso io userei il passato prossimo.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sabina, la scelta tra imperfetto e passato prossimo spesso non è così netta, ma è necessario dare alcune linee guida, in linea di massima si tende a usare l’imperfetto per un’azione ripetuta nel passato (l’imperfetto non è più “passato” dal passato prossimo) quindi nella frase che tu prendi in esame l’uso dell’imperfetto è corretto ma non sarebbe scorretto usare il passato prossimo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Cara prof. Anna,

    Devo dire che la frase seguente mi ha confusa molto:

    Lei in un primo momento ha accettato l’invito, ma quando ha saputo che al bar c’era anche Marisa non è voluta più venire.

    Nelle soluzioni si dice – “è voluta”. Io ho scritto “voleva”. Perché la mia risposta è sbagliata, me lo può spiegare, per favore?

    Grazie in anticipo!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Aleksandra, in questo caso usiamo il passato prossimo perché l’azione è cominciata e finita nel passato, non ha una durata nel passato come accade quando usiamo l’imperfetto.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Devo contraddirLa. Se quello che dice fosse vero, non sarebbe possibile dire: “Sono stato al bar da solo perché lei non voleva venire.”

        La ragione per cui usiamo il passato prossimo nella frase in questione è che lo scoprire che Marisa sarebbe stata al bar e il non voler andarci sono eventi consecutivi. L’imperfetto significherebbe che lei non voleva andare al bar anche prima di scoprire che ci sarebbe stata Marisa: “Ha saputo che c’era Marisa al bar, ma tanto non voleva andarci.”

        • Zanichelli Avatar

          Caro Tom, non capisco a cosa esattamente a cosa ti riferisci nel dire “se quello che dice fosse vero”. Ti ringrazio se vorrai chiarirmelo.
          A presto
          Prof. Anna

          • Mi pare ovvio: Mi riferivo al commento a cui ho risposto.

  11. clemen scrive:

    ciao io sono una studentesa d’italiano e voglio practicare un po’

    • Zanichelli Avatar

      Cara Clemen, benvenuta su Intercultura blog!
      Se ha dubbi o domande non esitare a scrivermi.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  12. Marika scrive:

    Salve,
    ho un dubbio che mi tormenta. Che differenza c’è tra ‘ Dove eravate la settimana scorsa?’ e ‘Dove siete stati la settimana scorsa?’. Insegno italiano agli stranieri e di fronte a questa domanda mi sono trovata in difficoltà. A volte non so dare una ragione per cui si usa uno o l’altro.

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marika, l’imperfetto conferisce all’azione un’idea di continuità, l’accento viene posto sulla durata dell’azione, mentre se usiamo passato prossimo l’accento viene posto sull’inizio e sulla fine di un’azione nel passato. A volte è d’obbligo usare l’imperfetto o il passato prossimo, ma in alcuni casi la differenza è molto sottile e difficilmente spiegabile, in questo caso in particolare ovviamente nessuna delle due frasi è scorretta.
      A presto
      Prof. Anna

  13. Mi piace

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mohamed, benvenuto su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  14. Questo sito è molto utiale

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mayar, benvenuto su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  15. Marta scrive:

    Grazie mille! questi esercizi mi ha consfuso, é molto difficile imparare la differenza!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marta, non è facile capire la differenza tra imperfetto e passato prossimo, ma con un po’ di esercizio tutto diventa più chiaro.
      A presto
      Prof. Anna

  16. Stella scrive:

    Buongiorno Prof. Anna. Ho ancora problemi con il tempo e il verbo fare al passato. E possibile dire per esempio: ieri ha fatto bello? Grazie per l’aiuto (e degli altri esempi?).

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stella, non è scorretta la frase che mi scrivi ma la userei in un registro informale e colloquale. Con il verbo “fare”, quando ti riferisci al tempo atmosferico, si possono usare gli aggettivi “freddo” o “caldo”: “ieri faceva freddo”, ma si può usare anche il passato prossimo: “ieri ha fatto molto caldo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Salve Professoressa Anna!
        Sono brasiliana e ho già vissiuto 3 anni in Italia.
        Ora sono in Brasile, però vorrei tornare in Italia e fare un Master sull’area d’economia e financia. E per fare questo devo migliorare il mio italiano ed arrivare al livelo B2, ora mi trovo al B1.
        Ci sono più esercizi su passato prossimo ed imperfetto?

        La ringrazio in anticipo!