Congiuntivo esortativo e imperativo con i pronomi

Prof. Anna
congiuntivo,   grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, come prima cosa oggi prenderemo in esame un uso particolare del modo congiuntivo, dopodiché vedremo come si comporta il modo imperativo quando è accompagnato dai pronomi diretti e indiretti.

Buona lettura!

Prof. Anna

CONGIUNTIVO ESORTATIVO

Come già sapete, l’imperativo ha solo un tempo (il presente) e due sole forme (la seconda persona singolare e plurale: ascolta! ascoltate!); ma per le rimanenti persone (esclusa la prima persona singolare che non esiste) l’imperativo prende a prestito le forme del congiuntivo presente.

Ricordiamo che l’imperativo, e quindi anche il congiuntivo esortativo, si usa per dare un ordine o per invitare, pregare o esortare qualcuno a fare qualcosa.

Dunque useremo il congiuntivo esortativo per la terza persona singolare:

signora, mi ascolti!; Professor Rossi, non si arrabbi!

per la prima persona plurale:

adesso, per favore, ascoltiamo la lezione in silenzio!; ragazzi, non perdiamo tempo!

e per la terza plurale:

facciano ciò che vogliono!; ascoltino quello che ho da dire!

 

L’IMPERATIVO E I PRONOMI

Vediamo ora come si comportano i pronomi diretti e indiretti quando incontrano un verbo al modo imperativo:

di solito i pronomi personali complemento si trovano prima del verbo (non lo voglio, le piace molto), ma in alcuni casi, come con l’imperativo, sono posti dopo il verbo e si uniscono ad esso formando un’unica parola.

Vediamo insieme alcuni esempi:

Parla a me!  → Parlami!

Marta, compra il giornale!  → Compralo!

Mamma, prendi la borsa!  → Prendila!

Luca, finisci i compiti! → Finiscili!

Ragazzi, mangiamo le fragole!  → Mangiamole!

Sara, mostrami il tuo disegno!  → Mostramelo!

Prendete un po’ di dolce!  → Prendetene!

È possibile trovare una frase con un pronome diretto e un pronome indiretto, anche in questo caso i pronomi sono posti dopo il verbo all’imperativo, prima il pronome indiretto e poi quello diretto, come nei pronomi combinati:

Natalia, dà il quaderno a tuo fratello!  → Daglielo!

Ragazze, dite a Marco la verità!  → Ditegliela!

Parla a me dei tuoi problemi!  → Parlamene!

Le forme monosillabiche dell’imperativo raddoppiano la consonante quando sono seguite da un pronome:

Da’ a me il regalo!  → Dammelo!

Fa’ a me un favore!  → Fammelo!

Sta’ vicino a lei!  → Stalle vicino!

Di’ a me la verità!  → Dimmela!

Di’ a noi com’ è andata!  → Dicci com’è andata!

ATTENZIONE!

Il pronome gli fa eccezione:

sta’ vicino a lui  → stagli vicino.

Nella forma negativa dell’imperativo è possibile scegliere dove collocare il pronome, per esempio:

non guardare la televisione! → non guardarla!

Oppure: non la guardare!

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Dottor Bianchi, guarda con attenzione questi documenti!
    • Dottor Bianchi, guardi con attenzione questi documenti!
  2. Scegli la frase corretta: mangia una fetta di torta!
    • Mangiane una fetta!
    • Mangiala una fetta!
  3. Scegli la frase corretta: regalate quel libro a Marco!
    • Regalatecelo!
    • Regalateglielo!
  4. Scegli la frase corretta: da' a noi il tuo cappotto!
    • Dacelo!
    • Daccelo!
  5. Scegli la frase corretta: racconta a me la tua esperienza!
    • Raccontamela!
    • Raccontagliela!
  6. Scegli la frase corretta:
    • Signora, vieni domani pomeriggio alla solita ora!
    • Signora, venga domani pomeriggio alla solita ora!
  7. Scegli la frase corretta: di' a lei come sono andate le cose!
    • Digli come sono andate le cose!
    • Dille come sono andate le cose!
  8. Scegli la frase corretta: bambini, lavatevi subito i denti!
    • Lavateveli subito!
    • Lavatevene subito!
  9. Scegli la frase corretta:
    • Professor Neri, si accomodi!
    • Professor Neri, si accomoda!
  10. Scegli la frase corretta: fai a me un regalo!
    • Famelo!
    • Fammelo!

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [80]

Rispondi a Fabio Di Giorgio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Complimenti per il sito !
    Fa sempre piacere ripassare la grammatica italiana, soprattutto quando si è all’estero come me.
    Saluti.
    Luca Mercandetti.

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Luca, un saluto anche a te!
      Prof. Anna

  2. scusi, ma sbagliato tutti… bisogno imparare

    • Zanichelli Avatar

      Cara Iniceia, non ti preoccupare vedrai che con un po’ di esercizio farai meno errori.
      Un saluto
      Prof. Anna

  3. chaimaa scrive:

    salve professoressa la ringrazio tanto per queste spiegazione;io sono Marocchina prima non riesco a capire tante cose ma ora con il vosto sito le cose sono cambiate ;vorrei dirla buon lavoro

    • Zanichelli Avatar

      Cara Chaimaa, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  4. Maria scrive:

    Cara prof. Anna, ho sempre pensato che l’imperativo aveva 5 forme e adesso leggo che l’imperativo a 2 forme e le altre forme sono del congiuntivo. Ho capito bene?
    Un saluto, maria

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, hai capito bene: l’imperativo ha solo un tempo (il presente) e solo due forme (la seconda persona singolare e plurale), per le altre persone prende a prestito le forme del congiuntivo presente.
      A presto
      Prof. Anna

  5. Complimenti, e` un argomento molto interessante, mi e` piaciuto molto, i miei allievi hanno sbagliato poco a risolvere il test perche` hanno imparato bene sia l`imperfetto sia i pronomi(diretti, indiretti e combinati).
    grazie e di nuovo Complimenti per il sito

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Kamal, grazie per il tuo intervento.
      Un saluto
      Prof. Anna

  6. Complimeneti per il sito.Sono Argentina e da 5 anni studio italiano `e credo , come Luca, che `e molto importante ripassare la grammatica.
    Saluti Prof.Anna.
    Silvia

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Silvia, grazie e benvenuta su Intercultura blog!
      Un saluto
      Prof. Anna

  7. elena scrive:

    Cara prof.Anna
    La ringrazio moltissimo per i suoi ottimi consigli durante tutto l’anno. Io ne sapevo tanto ma ho continuato a scoprire questa magnifica lingua italiana. Mi sono permessa d’indicare il suo sito ad un’amica brasiliana che studia , da sola, l’italiano per incoraggiarla . Buone vacanze.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elena, grazie a te per la tua gentilezza.
      Buone vacanze anche a te.
      A presto
      Prof. Anna

  8. marlene scrive:

    Cara prof Anna, sono brasiliana e studio l’italiano da 3 anni nella UFMS.
    Ripassare la grammatica in questo sito mi fa sempre piacere perchè posso praticare di più.
    Grazie per questo sito.

  9. grazie prof. Anna, complementi anche da io. anchio studio italiano da 6 anni ma ancora ci sono tante cose da imparare e il Suo sito mi aiuta tantissimo perche mi da il coraggio di ripassare la grammatica. una cosa difficile per me e’ pronomi diretti e indiretti, gli posso usare ma solo ho imparato e quidi quando voglio insegnargli ci sono dei problemi, la prego di aiutarmi per imparargli bene. la ringrazio ancora per la Sua gentilezza

    • Zanichelli Avatar

      Cara Negar, grazie per il tuo gentile commento, ti segnalo due errori nel tuo commento relativi proprio ai pronomi: è scorretto “quando voglio insegnargli” ma è corretto “quando voglio insegnarli”; così come non va bene “per imparargli” ma “per impararli”, in questi due casi bisogna usare il pronome diretto “li” in quanto è un complemento oggetto: insegnare cosa? i pronomi (=li); imparare cosa? i pronomi (=li).
      Un saluto
      Prof. Anna

  10. Celeste scrive:

    Uno sbaglio 🙁

  11. cara prof,Anna ”se si hanno le conoscenze giuste ,diploma o non diploma fa poca differenza”vorrei sapere come mai c’e’ ”si” in questa frase.grazie in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Abdelmageed, in questo caso la particella “si” è impersonale, la frase ha quindi un soggetto generico.
      A presto
      Prof. Anna

  12. Carissima
    Mi piace rispondere a questo test, ma aveva due errori, dispiace, sto migliorando.

    • Zanichelli Avatar

      Molto bene Inilceia, continua così!
      Un saluto
      Prof. Anna

  13. giorgio scrive:

    Grazie, sono lieto di leggere finalmente con chiarezza la regola del congiuntivo esortativo. Troppi personaggi e politici in TV ci propinano orribili “Ma se ne andassero…” oppure “ma che si sedessero…” ecc. anziché le forme corrette “Ma che se ne vadano..” e “Ma che si seggano…”.

  14. Cara Anna non ho capito :
    Parla a me dei tuoi problemi
    PARLAMENE …. perchè al posto dei tuoi problemi ci si mette NE
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Silvia, il NE in questo caso sostituisce “di questa cosa – di queste cose”, per cui: parla a me di queste cose (dei tuoi problemi).
      Un saluto
      Prof. Anna

  15. Avrei qualche dubbio. Non riesco a trovare degli essempi di verbi irregolari all’imperativo con la particella ne raddoppiata. Lei potrebbe darmi qualcuno?. E ancora, con il verbo essere all’imperativo si può aggiungere la particella ci? Per essempio passare una frase: essere a casa => siicci!
    Grazie mille.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Elisabetta, per esempio con il verbo DARE: danne!; con il verbo FARE: fanne!; con DIRE: dinne!; per quanto riguarda la seconda questione “siicci” non è corretto, ma “siici!” è corretto. Una correzione: nel commento mi scrivi: “Lei potrebbe darmi qualcuno?”, la frase non è corretta, è meglio dire: “potrebbe darmene qualcuno”.
      A presto
      Prof. Anna

  16. oama scrive:

    bravaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  17. oama scrive:

    esercizio

    fai 10 frasi com un verbo impersonale

    • Zanichelli Avatar

      Caro Oama, ti consiglio di leggere l’articolo “la forma impersonale” e poi provare a scrivere le frasi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  18. Matteo scrive:

    Prof.Anna, grazie mille per questo articolo.

    Mi scusi, ho ancora un dubbio.

    “Ascolta, altrimenti dovrò ripetere!
    Ascolta è in questo caso seconda persona singolare (tu, ascolta).
    Quello che vorrei sapere è perché, pur essendo II pers. sing., dice “ascolta” e non “ascolti”. Vedi presente indicativo:
    Io ascolto,
    Tu ascolti
    Egli ascolta

    Come mai si usa “ascolta” che appartiene alla terza persona singolare per riferirsi alla seconda persona singolare?
    —————
    Grazie mille,

    saluti

  19. valentina scrive:

    salve vorrei sapere una cosa,la frase:
    “spero che i vostri sogni diventino realtà” io pensavo fosse imperativo ma sono stata corretta dicendo che invece che è congiuntivo presente.
    è vero? o abbiamo ragione entrambi?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Valentina, si tratta di un congiuntivo presente.
      A presto
      Prof. Anna

  20. Rico scrive:

    Dando del lei al sig. Giacomo…”Vede Giacomo non è così la faccenda… “Veda Giacomo non è così la faccenda”. Qual è la differenza fra, in questo caso, l’indicativo presente e il congiuntivo esortativo? E quale bisognerebbe utilizzare? E perché?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la forma corretta è “vede Giacomo”, cioè l’indicativo, in quanto non si tratta di un’esortazione come nel caso per esempio di: “signora, mi ascolti!”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  21. Rico scrive:

    E’ un congiuntivo esortativo “signora, mi ascolti!”. Dando del lei, usando “guardi”, come punto di inizio in una conversazione (fra un politico e un giornalista), perché dovrebbe essere corretto? visto che non è un’esortazione o un invito a fare qualcosa; diversamente dalla frase “guardi, qui”, in cui è chiara l’esortazione. Quindi non è più corretto utilizzare “guarda”, piuttosto che “guardi”?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, si tratta invece di un invito e quindi è corretto “guardi”, usiamo “guarda” se non diamo del Lei.
      Un saluto
      Prof. Anna

  22. Rico scrive:

    Dando del lei al sig. Giacomo…”Vede Giacomo non è così la faccenda… “Veda Giacomo non è così la faccenda”. Qual è la differenza fra, in questo caso, l’indicativo presente e il congiuntivo esortativo? E quale bisognerebbe utilizzare? E perché?

    La sua risposta “Caro Rico, la forma corretta è “vede Giacomo”, cioè l’indicativo, in quanto non si tratta di un’esortazione come nel caso per esempio di: “signora, mi ascolti!”.

    Il mio dubbio “E’ un congiuntivo esortativo “signora, mi ascolti!”. Dando del lei, usando “guardi”, come punto di inizio in una conversazione (fra un politico e un giornalista), perché dovrebbe essere corretto? visto che non è un’esortazione o un invito a fare qualcosa; diversamente dalla frase “guardi, qui”, in cui è chiara l’esortazione. Quindi non è più corretto utilizzare “guarda”, piuttosto che “guardi”?

    La sua risposta “Caro Rico, si tratta invece di un invito e quindi è corretto “guardi”, usiamo “guarda” se non diamo del Lei.

    Nelle due risposte ci sono indicazioni differenti, quindi qual è la forma corretta da utilizzare?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, le forme corrette sono quelle che ti ho indicato: “vede Giacomo” è un indicativo, la forma si è così cristallizzata; mentre “guardi” è congiuntivo esortativo, in entrambi i casi stiamo dando del Lei.
      Un saluto
      Prof. Anna

  23. Rico scrive:

    L’indicativo del verbo “trovare”: io trovo, tu trovi, egli trova, noi troviamo, voi trovate, essi trovano. Il congiuntivo: che io trovi, tu trovi, egli trovi, noi troviamo, voi troviate, essi trovino… Dunque, dando del lei a una persona… 1.”La pila, la trova in quella ferramenta…” Il verbo “trova” è un indicativo… 2. “La pila, la trovi in quella ferramenta…” nella frase 2, il verbo “la trovi” può essere utilizzato dando del lei a una persona? visto che corrisponde alla terza persona del congiuntivo “che egli trovi”… perché c’è questa differenza: sempre dando del lei a una persona, “guarda, qui” “guarda come terza persona dell’indicativo”, perché al posto di guarda, dovremmo utilizzare “guardi” congiuntivo? Cioè, (stando alla frase)”la trova”(indicativo) è corretto dando del lei a qualcuno, mentre (in relazione alla frase “guarda, qui” (indicativo) non è corretto dando del lei a qualcuno; e così anche per i congiuntivi “la trovi” (in riferimento alla frase) non è corretto dando del lei a qualcuno, mentre “guardi” (in riferimento alla frase) è corretto dando del lei a qualcuno… Qual è la differenza?

    Distinti saluti

    RIco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, non è possibile nella frase 2 usare “la trovi” dando del Lei, perché in questa frase il congiuntivo non sarebbe corretto, non è necessario; usiamo il congiuntivo “guardi” per la terza persona formale perché l’imperativo non ha la terza persona e quindi dobbiamo ricorrere al congiuntivo per le terze persone.
      Un saluto
      Prof. Anna

  24. sayed scrive:

    Buongiorno,

    vorrei chiedere come rispondo a questa frase :

    – Mario , Non …………. a Ali Tardi. (telefonare- telefona-telefoni)

    Mettendo in considerazione che la frase finsice con punto fermo e pare che sia indicativo , ma vedo che la frase esprima dell’imperativo .

    Grazie a Voi .

    • Zanichelli Avatar

      Caro Sayed, “Tardi” dovrebbe essere scritto con la minuscola (tardi), comunque la frase dovrebbe essere “Mario, non telefonare a Ali tardi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  25. Clara scrive:

    Cara Prof. Anna,
    ho una domanda, per favore, al Suo esempio: Fa’ a me un favore. —-> Fammelo!
    È possibile di dire: Fammene uno!?
    Tante grazie. Un saluto
    Clara

    • Zanichelli Avatar

      Cara Clara, la frase che mi scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  26. Cara Prof. Anna,

    Sono straniera e ancora non riesco a capire tante cose, ma vorrei sapere come si usa il pronome quando si usa il Lei in maniera di cortesia (sia maschile o femminile) Ad esempio è corretto : “Vorrei dirle” sia maschile o femminile ? Un saluto e Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, la forma di cortesia Lei si usa sia per il maschile che per il femminile, quindi è corretta la frase “vorrei dirle” rivolto sia a un uomo che a una donna.
      A presto
      Prof. Anna

  27. Rosario scrive:

    Molto bene

  28. Buona sera Prof Anna, come mai l’imperativo non ha la prima persona? Inoltre avrei un dubbio che vorrei chiarire: lei ha scritto che l’imperativo, a parte la seconda persona, nelle restati prende la forma del cong presente. Però se non sbaglio in quinta persona la forma è sempre al prsente.Ascoltate, fate, mangiate etc etc. la ringrazio e attendo risposta, buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, la prima persona non esiste perché si presume che non si diano ordini a se stessi; l’imperativo, come è scritto nell’articolo, ha le seconde persone (singolare e plurale), mentre per le restanti usa le forme del congiuntivo (signora, mi ascolti!), le forme che tu mi scrivi “fate!”, “ascoltate!”, “mangiate!” sono forme dell’imperativo alla seconda persona plurale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  29. roberto scrive:

    Gentilissima prof.,
    torno spesso a darle fastidio ma un´altra questione le porrei vista la sua professionalità, accolgienza e pazienza. Nelle frasi: ” bruci la città e crolli il grattacielo” tratte dalla canzone di Irene Grandi, Bruci la città, i due verbi debbono considerarsi imperativi o come congiuntivi esortativi o possono idifferentemente definirsi o l’uno o l’atro? Situazioni analoghe, di ambiguità per me, sono questi altri tre esempi. i primi due presi dalla grammatica della Treccani on line e l’ altro dalla grammatica di Serianni, Della Valle, Patota.
    Se ne vada immediatamente! Sia buono, mi dia una mano! ( conginutivi per la Treccani)\ Si allontani un attimo ( imperativo per gli autori). Per me i primi due della canzone sono congiuntivi, gli altri imperativi ma avrei qualche problema a dire il perché.
    Nel ringraziala mi auguro di essere stato chiaro. Aspetto con la dovuta impazienza la sua risposta.
    Roberto

    • Zanichelli Avatar

      Caro Roberto, da un punto di vista formale sono tutti congiuntivi esortativi, il congiuntivo esortativo esprime le stesse cose che esprime l’imperativo (un ordine, un’esortazione, un invito) e si usa per quelle persone che l’imperativo non ha.. Per quanto riguarda le frasi “bruci la città e crolli il grattacielo” esprimono principalmente un desiderio, si tratta infatti di un congiuntivo desiderativo che quando è al presente indica che quel desiderio è percepito come realizzabile, mentre quando è all’imperfetto indica un desiderio che ha meno o nessuna probabilità di realizzarsi. Spero di aver chiarito i tui dubbi.
      A presto
      Prof. Anna

      • roberto scrive:

        Cara prof.,
        La ringrazio della risposta e della precisazione sul cong. desiderativo, ma io per primo insegno agli studenti l’imperativo formale, come del resto tutti i libri riportano, e quando scorgo una grammatica italiana o un libro di grammatica o manuale per stranieri, vedo pubblicate tutte le voci verbali dell’imperativo. Allora le vorrei chiedere se è corretto che uno studente impari che da un punto di vista grammaticale venga è un imperativo, studente sia italiano sia straniero.

        La ringrazio

        Roberto

        • Zanichelli Avatar

          Caro Roberto, è necessario spiegare che formalmente come modo verbale l’imperativo manca di alcune persone e che quindi per la terza persona singolare, la prima persona plurale e la terza persona plurale il congiuntivo fa le veci dell’imperativo.
          A presto
          Prof. Anna

          • roberto scrive:

            Quindi si potrebbe dire che la 3°singolare e plurale e la prima plurale formalmente sono dei congintivi ma pragmaticamente, da un p.d,v. dell’ atto comunicativo, sono degli imperativi e per questo si possono sovrapporre nella frase -Se ne vada immediatamente- sia un’analisi formale ( congiuntivo esortativo), sia pragmatica (imperativo). Sarebbe un errore dell’ insegnante quello di non correggere uno studente che dicesse che andarsene, nella frase sopra citata, è un imperativo?.

            La ringrazio di cuore e spero di essermi spiegato al meglio.

            Roberto

          • Zanichelli Avatar

            Caro Roberto, non credo sarebbe un grave errore, perché lo sudente in questione dimostra così di aver capito qual è lo scopo comunicativo di quella forma verbale ma l’insegnante dovrebbe verificare se per lo studente è chiaro che l’imperativo in quanto tale ha solo due forme e per le rimanenti prende in prestito le forme del congiuntivo presente che in questi casi prende il nome di congiuntivo esortativo.
            A presto
            Prof. Anna

  30. Chiedo scusa! vorrei una delucidazione su un dubbio che mi attanaglia. In un commento su fb,ho scritto questa frase, e qualcuno mi ha detto che avrei dovuto usare il congiuntivo (aggiungessi) :”…in effetti Mario, per evitare equivoci, bastava che nella domanda, aggiungevi che non si trattava di una parolaccia offensiva”. volevo sapere quale sarebbe la forma piu corretta. Ringraziando anticipatamente,le porgo i miei saluti.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fabio, dopo l’espressione “basta che” è necessario il congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

  31. Cristina scrive:

    Cara professoressa. Utilissimo il suo blog, la ringrazio. Ho un grosso dubbio. E’ proprio scorretto l’uso dell’imperativo in una una frase come “Voglio che ripeti la domanda”? L’intenzione espressa da questa frase, non potrebbe intendersi come un esplicito ordine, quindi imperativa? So che l’uso del Congiuntivo esortativo “Voglio che tu ripeta la domanda” sarebbe più corretto, ma non mi comunica la stessa perentorietà. Almeno a livello colloquiale (dove tante sottigliezze sono espresse anche dalle espressioni facciali o corporali per esempio) sarebbe proprio un errore da GUANCE ROSSE per la vergogna uscire con una frase del genere? la ringrazio.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Cristina, nella frase “voglio che ripeti”, “ripeti” non è imperativo ma è indicativo, il verbo “volere” tuttavia regge il congiuntivo (che non è un congiuntivo esortativo), quindi, in questo caso, usare l’indicativo al posto del congiuntivo sarebbe un errore.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Cristina scrive:

        Grazie professoressa… molto chiaro e preciso!

  32. Bellissimo sito, complimenti! C’è molto bisogno di difendere la lingua italiana s ricordarne a tutti noi usi e regole. Spesso, tra l’altro, un sito siffatto, risponde a interrogativi causati da una memoria labile… Mi riferisco, in particolare, ai vecchietti come me.
    Continuate così! Buon lavoro e grazie infinite!
    Una nonna che sarebbe molto felice che da adulti i suoi nipotini leggessero e parlassero un buon italiano… perché parlare bene è spiegare bene e capire bene!!!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Nonna Rosa, benvenuta su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  33. Bellissimo sito, complimenti! C’è molto bisogno di difendere la lingua italiana s ricordarne a tutti noi usi e regole. Spesso, tra l’altro, un sito siffatto, risponde a interrogativi causati da una memoria labile… Mi riferisco, in particolare, ai vecchietti come me.
    Continuate così! Buon lavoro e grazie infinite!
    Una nonna che sarebbe molto felice che da adulti i suoi nipotini leggessero e parlassero un buon italiano… perché parlare bene consente di spiegare bene e capire bene!!!

  34. Bellissimo sito, complimenti! C’è molto bisogno di difendere la lingua italiana s ricordarne a tutti noi usi e regole. Spesso, tra l’altro, un sito siffatto, risponde a interrogativi causati da una memoria labile… Mi riferisco, in particolare, ai vecchietti come me.
    Continuate così! Buon lavoro e grazie infinite!
    Una nonna che sarebbe molto felice che da adulti i suoi nipotini leggessero e parlassero un buon italiano… perché parlare bene consente di spiegare bene e capire bene!!! E la comprensione è la base di buoni rapporti interpersonali…

  35. ciao prof Anna,
    sono felice quando scrivo a te la mia domanda e sono piu felice quando ricevo la risposta.
    vorrei sapere una cosa non la capisco da tanto tempo, ( hai dato i soldi ai bambini?). si glieli ho dati … glieli do.
    – hai visto queste donne ? si le ho visto…. glie hai dato le sue cose? si gliele ho date.

    me le correggi per favore.
    grazie

    • anche con il pronome( lei ) se voglio dire ( ho dato il regalo a lei ) posso dire ( glie ho dato il regalo ) e (glielo ho dato). ?
      grazie

      • Zanichelli Avatar

        Caro Omar, se voglio dire “ho dato il regalo a lei” dovrò dire: “glielo ho dato”. “Glielo ho dato” (gliel’ho dato) può significare: “ho dato questa cosa a lui”, “ho dato questa cosa a lei”, “ho dato questa cosa a loro”.
        Un saluto
        Prof. Anna

    • Zanichelli Avatar

      Caro Omar, la risposta corretta alla domanda: “hai dato i soldi ai bambini?” è: “sì, glieli ho dati”; mentre la domanda corretta per la risposta “sì, glieli do” è al presente. Sono corrette le frasi: “hai visto queste donne?”, “sì, le ho viste”; “gli (a lui) hai dato le sue cose?” oppure “gli (a loro) hai dato le loro cose”, “sì, gliele (a lui, a lei o a loro) ho date”. Per ripassare i pronomi combinati, ti consiglio questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2011/03/24/i-pronomi-combinati/.
      A presto
      Prof. Anna

  36. dove e la prof Anna?
    spero che stare bene e non succede male a lei per sempre.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Omar, sto benissimo!
      Grazie per l’interessamento.
      A presto
      Prof. Anna

  37. cara prof. Anna, come sta?
    spero di stare bene.
    e per favore voglio sapere se sono giuste queste frasi o no.
    – mi arrivano tutte le tue parole che mi vuoi dire.
    – mi sono arrivate tutte le tue parole che mi avresti detto.
    – mi e arrivata ogni tua parola che mi avresti detto.
    – mi sono arrivati tanti messaggi.
    – mi e arrivata la tua idea.
    grazie mille e aspetto la sua risposta
    ti voglio bene .

    • Zanichelli Avatar

      Caro Omar, ecco le tue frasi corrette: – mi arrivano tutte le parole che mi vuoi dire; – mi sono arrivate tutte le parole che mi avresti detto; – mi è arrivata ogni parola che mi avresti detto; – mi sono arrivati tanti messaggi; – mi è arrivata la tua idea.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  38. gentile prof.Anna,
    e giusto dire;
    -appena saro laureato ti raccontero.
    – appena mi saro laureato ti raccontero.
    – quando mi saro svegliato mi faro la barba.
    -quando saro svegliato mi faro la barba.
    grazie cara mia.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Omar, è giusto dire: -appena sarò laureato ti racconterò; – appena mi sarò laureato ti raccontero; – quando mi sarò svegliato mi farò la barba.
      -quando sarò svegliato (da qualcuno?) mi farò la barba.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • cara prof,Anna.

        scusa mi tanto se ti chiedo una spiegazione alla differenza fra queste frasi simili. o tutte sono simili e non ce diversita fra le ?
        grazie.

        • Zanichelli Avatar

          Caro Omar, le prime due frasi hanno lo stesso significato, nella prima viene usato l’aggettivo “laureato”, nella seconda il verbo “laurearsi”; nella terza frase il verbo è “svegliarsi”, mentre nell’ultima frase viene usata la forma passiva di “svegliare”, quindi il significato è diverso rispetto alla terza: “quando io sarò svegliato (=verrò svegliato da qualcuno)”.
          Un saluto
          Prof. Anna

          • cara prof Anna.
            quando saro svegliato
            quando mi saro svegliato .
            -ala forma della prima frase forse qualcuno che mi sveglia?
            – e la seconda frase l azione verra senza l aiuto di nessuno?
            scusa mi se non capisco velocemente e mi dispiace che non trovo l occasione di praticare la lingua con nessuno.

          • Zanichelli Avatar

            Caro Omar, bravo, hai capito perfettamente la differenza tra le due frasi.
            Un saluto e a presto
            Prof. Anna