Ripassiamo il congiuntivo

Prof. Anna
congiuntivo,   grammatica,   La lingua italiana,   Verbi

Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi ripassiamo un importante modo verbale: il congiuntivo.

Vedremo insieme come si coniuga e soprattutto quando deve essere usato.

Buona lettura!

Prof. Anna

 

Il congiuntivo presenta l’azione espressa dal verbo come incerta, desiderata, dubbia.

Se chi parla presenta un fatto per lui certo e reale usa il modo indicativo, se invece esprime un dubbio, un’ipotesi, un desiderio, una volontà, usa il modo congiuntivo, che è il modo della possibilità, della soggettività e dell’incertezza.

Vediamo prima di tutto come si coniuga il congiuntivo:

ARE

cantare

ERE

vedere

IRE

sentire

IRE

finire

che io canti che io veda che io senta che io finisca
che tu canti che tu veda che tu senta che tu finisca
che lui, lei canti che lui, lei veda che lui, lei senta che lui, lei finisca
che noi cantiamo che noi vediamo che noi sentiamo che noi finiamo
che voi cantiate che voi vediate che voi sentiate che voi finiate
che loro cantino che loro vedano che loro sentano che loro finiscano

 

ESSERE AVERE
che io sia che io abbia
che tu sia che tu abbia
che lui, lei sia che lui, lei abbia
che noi siamo che noi abbiamo
che voi siate che voi abbiate
che loro siano che loro abbiano

Vediamo ora come si coniuga il congiuntivo dei principali verbi irregolari:

ANDARE: vada, vada, vada, andiamo, andiate, vadano;

BERE: beva, beva, beva, beviamo, beviate, bevano;

DARE: dia, dia, dia, diamo, diate, diano;

DIRE: dica, dica, dica, diciamo, diciate, dicano;

DOVERE: debba, debba, debba, dobbiamo, dobbiate, debbano;

FARE: faccia, faccia, faccia, facciamo, facciate, facciano;

POTERE: possa, possa, possa, possiamo, possiate, possano;

RIMANERE: rimanga, rimanga, rimanga, rimaniamo, rimaniate, rimangano;

SALIRE: salga, salga, salga, saliamo, saliate, salgano;

SAPERE: sappia, sappia, sappia, sappiamo, sappiate, sappiano;

STARE: stia, stia, stia, stiamo, stiate, stiano;

TENERE: tenga, tenga, tenga, teniamo, teniate, tengano;

USCIRE: esca, esca, esca, usciamo, usciate, escano;

VENIRE: venga, venga, venga, veniamo, veniate, vengano;

VOLERE: voglia, voglia, voglia, vogliamo, vogliate, vogliano.

USO DEL CONGIUNTIVO

Il congiuntivo si usa prevalentemente nelle frasi subordinate ed è determinato dal verbo della frase principale, dal tipo di subordinata e da certe espressioni che precedono il verbo.

Il congiuntivo in certi casi si usa anche in frasi indipendenti.

 

Vediamo ora quando si usa:

L’uso del congiuntivo in frasi indipendenti:

nelle frasi indipendenti il congiuntivo è usato per esprimere:

un desiderio o un augurio: possiate essere felici per tutta la vita!;

un dubbio o una supposizione: non è ancora arrivato: che abbia perso il treno?;

un’esortazione, un invito: abbia un po’ di pazienza! vada via di qui immediatamente! ( il congiuntivo si usa al posto dell’imperativo nelle terze persone e nella prima plurale);

 

una concessione: abbia pure commesso degli errori, ma è sempre un amico.

L’uso del congiuntivo in frasi subordinate:

si usa in un gran numero di frasi subordinate, vediamo insieme quali sono i verbi che reggono il congiuntivo:

⇒ verbi che esprimono sentimento: temere, piacere, dispiacere, avere paura, sperare, essere contento / felice, vergognarsi:

spero che Marco arrivi presto, sono contento che tu stia bene;

⇒ verbi che esprimono opinione: credere, pensare, ritenere, supporre, avere l’impressione:

credo che loro debbano lavorare di meno, ho l’impressione che tu non dica la verità;

⇒ verbi che esprimono volontà: volere, desiderare, preferire, pretendere, ordinare, ordinare, vietare, permettere:

voglio che tu finisca di mangiare, preferisco che voi veniate da me;

⇒ verbi che esprimono un dubbio: dubitare, non essere sicuro / certo:

dubito che domani ci sia il sole, non siamo sicuri che tu stia bene;

verbi impersonali: basta, conviene, bisogna, occorre, pare, può darsi, sembra:

bisogna che tu studi di più, pare che loro non vogliano venire;

⇒ il verbo "essere" alla forma impersonale + aggettivo, avverbio o nome:

è meglio che voi vi comportiate bene, è impossibile che Marco non voglia venire;

⇒ il verbo "dire" alla forma impersonale:

si dice che Parigi sia una bellissima città;

⇒ il congiuntivo si usa con le espressioni: prima che, senza che, qualsiasi (qualunque), chiunque, comunque:

esco dalla classe senza che il professore se ne accorga; sarò soddisfatta, comunque vada l’esame.

ATTENZIONE!

Quando il soggetto della frase con il verbo all’indicativo è uguale al soggetto della frase con il verbo al congiuntivo non si usa CHE + congiuntivo ma DI + infinito:

credo di essere in ritardo = credo che io sia in ritardo;

mentre i verbi "potere", "volere", "dovere", "preferire", "desiderare" sono seguiti dall’infinito :

non voglio venire;

preferisco uscire con te.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Credo che lui ha molta fortuna.
    • Credo che lui abbia molta fortuna.
  2. Scegli la frase corretta:
    • Preferisco che sceglia tu il film da vedere stasera.
    • Preferisco che scelga tu il film da vedere stasera.
  3. Scegli la frase corretta:
    • Ti telefonerà prima che tu parta.
    • Ti telefonerò prima che tu parti.
  4. Scegli la frase corretta:
    • Penso di avere la febbre.
    • Penso che io abbia la febbre.
  5. Scegli la frase corretta:
    • E' importante che loro capiscano bene le regole.
    • E' importante che loro capiscono bene le regole.
  6. Scegli la frase corretta:
    • So che Giulia stia meglio.
    • So che Giulia sta meglio.
  7. Scegli la frase corretta:
    • Qualsiasi cosa ti dica quell'uomo, non devi credergli.
    • Qualsiasi cosa ti dice quell'uomo, non devi credergli.
  8. Scegli la frase corretta:
    • Sembra che loro non possono venire in vacanza con noi.
    • Sembra che loro non possano venire in vacanza con noi.
  9. Scegli la frase corretta:
    • Ho paura che il regalo non gli piaccia.
    • Ho paura che il regalo non gli piace.

Per la lezione

Prosegui la lettura

Commenti [506]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Cate54 scrive:

    Ciao Anna,
    sono qui di nuovo con le mie domande.
    Ci sono alcune cose che non riesco a capire bene.
    Cioé:
    Ha lampeggiato tutta la notte. oppure:
    É lampeggiato tutta la notte.

    Ha nevicato tutto il giorno.
    É nevicato tutto il giorno.

    Ha vissuto quattro anni in Italia,
    perció parla bene la lingua.
    É vissuto quattro anni in Italia…

    L’uccello ha volato via dall’albero.
    L’uccello é volato via dall’albero.

    Per fortuna non ha piovuto.
    Per fortuna non é piovuto.

    Non ho potuto addormentarmi.
    Non mi sono potuto addormentare.

    Qual é giusto?
    Grazie mille!
    Cate

    • Zanichelli Avatar

      Cara Cate, nei casi che mi proponi è possibile sia l’uso dell’ausialiare “avere” sia di “essere”: ha lampeggiato = è lampeggiato; ha nevicato = è nevicato; ha vissuto = è vissuto; ha piovuto = è piovuto; ho potuto addormentarmi = mi sono potuto addormentare; mentre “volare” richiede un ausiliare diverso a seconda del significato, per esempio: l’aereo ha volato per quattro ore, ma: l’aereo è volato a Londra, quindi: l’uccello è volato via dall’albero.
      A presto
      Prof. Anna

  2. Maria scrive:

    E bene di ripetere una volta il congiutivo. Ho fatto 2 sbagli: frase 4 e 7. Per la frase 4 pensavo che 2 possibilite fossero possibile e per frase 7 non sapevo che qualsiasi domande anche un congiuntivo.
    Sono sempre molto contenta di questa lezione settimanale.
    Grazie!

  3. Atena scrive:

    Gent.ma volevo chiedere se poteva visionare qualche mia relazione per capire se faccio errori grammaticali???oppure se può indicarmi qualche soluzione al caso.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Atena, se vuoi puoi inviarmi le frasi in cui pensi di aver fatto errori o i passaggi di cui sei più insicura.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Davide scrive:

        Scusate prof ma si dice
        Fosse una volta che me ne andasse una giusta
        Sarebbe una volta che me ne andasse una giista

        • Zanichelli Avatar

          Caro Davide, si può dire: “ci fosse una volta che me ne va una giusta”.
          Un saluto
          Prof. Anna

  4. Cara professoressa, sono brasiliana piacio molto la lingua l`italiana, sono iniciante e ringrazio questa bellissima lezione arreverderLa…

    • Zanichelli Avatar

      Ciao Inilceia, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

      • Giovanni scrive:

        Buon giorno professoressa! Io sono straniero, ma sono appassionato dell’italiano! Mi servirebbe sapere quando devo dire: mangiano o mangiono, bevono o bevano, guardano o guardono, cioe, quando devo mettere o o a. Poi vorrei sapere quando si dice guardino, bevino, sentino ecc. Grazie mille in anticipo! Buona giornata!

  5. cara prof.Anna vorrei sapere il significato di ‘permetterselo’ e come si usa grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Abdelmageed, “pemetterselo” viene dal verbo “permettere” nella sua forma riflessiva “permettersi” insieme al pronome diretto “lo”, che funge da complemento oggetto; “permettersi” significa: concedersi qualcosa in particolare se comporta una spesa, prendersi la libertà di fare qualcosa. Per esempio: vorrei comprarmi un computer nuovo, ma non posso permettermelo. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      Un saluto
      Prof. Anna

  6. cara prof.Anna,vorrei sapere se i verbi seguenti chiedere ,dire .domandare reggono il congiuntivo o no .e quando si usano come verbi principali nel corso del trasferimento dal DD al DI ,il verbo della dipendente e’ al congiuntivo.grazie.per conclusione volevo dirle grazie di tutto,lei e’ molto gentile.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Abdelmageed, i verbi che mi proponi non reggono in congiuntivo; nemmeno quando uso il discorso indiretto: Luca dice che sei andato via presto. Spero di aver capito bene la tua domanda.
      A presto
      Prof. Anna

  7. Genoveva scrive:

    Buongiorno Prof. Ana,

    Mi è piaciuto davvero questi tipi di esercizi!!!
    Abbiamo bisogno sempre di essere in contatto con la Lingua Italiana.

    Un Saluto,
    Genoveva

    • Zanichelli Avatar

      Cara Genoveva, un saluto anche a te!
      Prof. Anna

  8. cara prof,Anna questa frase ‘quello che facciamo agli altri saro’ fatto a noi nel futuro e alla resa dei conti pagheremo certamente il prezzo.questa frase l’ho fatta ma sento che c’e’ qualcosa che non va.vorrei sapere se esiste in italiano un proverbio o un modo di dire quello che intendo.grazie in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Abdelmageed, c’è solo un errore nella tua frase cioè “sarò” invece che “sarà” quindi: “quello che facciamo agli altri sarà fatto a noi e alla resa dei conti pagheremo certamente il prezzo”, in Italia per esprimere questo concetto di solito si dice: “non fare agli altri quello che non vorresti essere fatto a te”.
      A presto
      Prof. Anna

  9. Marta scrive:

    Cara professoressa o un dubbio, vorrei sapere come si deve dire
    Magari loro fischino ancora o loro fischiassero ancora.
    Magari loro sentano ancora o loro sentissero ancora
    Magari loro fischino ancora o loro fischiassero ancora.

    Penso che la parola magari in questo caso sia un dubbio quindi si usa il congiuntivo. Ma non sono sicura se si deve usare il congiuntivo presente o imperfetto.
    Grazie per l’aiuto.
    Marta

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marta, dopo “magari” è necessario usare il congiuntivo imperfetto.
      A presto
      Prof. Anna

  10. Ottimi esercizi, ne abbiamo bisogno specialmente quano oltre al globbish siamo sommersi da migliaia di persone e messaggi che strapazzano la lingua italiana.

  11. Zanichelli Avatar

    Cara Patrizia, il congiuntivo si usa dopo i verbi che esprimono sentimento, quindi anche dopo il verbo “piacere” se non c’è identità di soggetto, per esempio: mi piace che tu vada al cinema, quindi non è una questione stilistica, l’indicativo non dovrebbe essere usato; se c’è identità di soggetto, si userà l’infinito: mi piace andare al cinema.
    A presto
    Prof. Anna

  12. io voglio sapere come si usano il verbi.

  13. CINZIA scrive:

    Salve Prof. Anna
    vorrei chiederLe cortesemente come insegnare in modo semplice il Congiuntivo a mio figlio (9 anni IV elementare)
    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Cinzia, posso solo rimandarti all’articolo dedicato a questo argomento.
      Un saluto
      Prof. Anna

  14. miriam scrive:

    Salve Prof., mi può indicare l’opzione giusta fra “non credo che mio figlio abbia degli amici che si drogano” e “non credo che abbia degli amici che si droghino”. Sono molto confusa.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Miriam, possiamo usare l’indicativo nella frase introdotta dal “che” relativo, poiché abbiamo già usato giustamente il congiuntivo nella frase introdotta da “non credo” e quindi non è neccessario usarlo anche nella frase relativa, è corretta quindi la frase: “non credo che mio figlio abbia degli amici che si drogano”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  15. vito scrive:

    le relative sono le più fetenti in assoluto. E’ giusto dire “Non so se ci siano persone che abbiano il suv”? Oppure “che hanno il suv”? E “Mi chiedo se ci siano persone che abbiano il suv”? O “che hanno il suv”? come si fa scegliere il modo corretto da inserire?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Vito, la “colpa” non è delle relative, ma è una questione legata all’uso del congiuntivo: entrambe le frasi sono corrette, useremo il congiuntivo anche nella relativa se vogliamo dare una sfumatura di eventualità o di limitazione, altrimenti possiamo tranquillamente usare l’indicativo.
      A presto
      Prof. Anna

  16. Debora scrive:

    Gent.ma Prof.Anna, quale è l’espressione corretta: Paolo lamenta che Giorgio disubbidisce. Oppure: Paolo lamenta che Giorgio disubbidisca?
    La saluto
    Debora

    • Zanichelli Avatar

      Cara Debora, in questo caso non è necessario usare il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  17. lucy scrive:

    Gentile Prof. Anna:

    Si dice: Mi domandavo come farei a giocare con lei/mi domandavo come avrei fatto a giocare con lei o è necessario usare il congiuntivo in questo caso?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lucy, la frase “mi domandavo come avrei fatto a giocare con lei” è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  18. Daniela scrive:

    Cara Prof. Anna,

    E’ giusto dire: ” sono sicura che ci sia una spiegazione”….?

    Meglio dire: “sono sicura che c’e’ una spiegazione”

    Siccome chi parla esprime certezza credo sia giusta solo la seconda frase: sono sicura che c’e’ …..
    Ma stranamente mi sembra suoni bene anche la prima: son sicura che ci sia…

    Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela, quelo che dici è esatto: è corretta la seconda frase con l’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  19. Ale scrive:

    Buongiorno.
    Mi è sorto un dubbio che mi ha fatto andare in paranoia. xD
    Siccome è inerente all’argomento trattato (congiuntivo) ho pensato potessi chiedere qua, in modo da fugare il mio dubbio.
    Allora: nella frase “Dalla regia mi dicono che Osvaldo DEVE rimediare alla sua scarsa prestazione” è giusto usare il presente, o sarebbe più corretto trasformare il presente in congiuntivo? A me la frase “Dalla regia mi dicono che Osvaldo DEBBA rimediare alla sua scarsa prestazione” suona sicuramente meglio.

    Aspetto la vostra risposta.
    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ale, io non userei il congiuntivo, userei o l’indicativo (dalla regia mi dicono che Osvaldo deve rimediare alla sua scarsa prestazione) oppure il condizionale (dalla regia mi dicono che Osvaldo dovrebbe rimediare alla sua scarsa prestazione); il congiuntivo potrebbe essere usato se nella principale ci fosse un verbo di opinione (dalla regia pensano che Osvaldo debba rimediare alla sua scarsa prestazione).
      Un saluto
      Prof. Anna

  20. Mario scrive:

    Ho più di un dubbio sull’uso del congiuntivo, spero qualcuno possa aiutarmi.

    Si può dire: “di sicuro vogliono evitare che si utilizzino i soldi pubblici”? Perché stando alle regole siamo davanti ad una certezza (cioè che vogliono utilizzare i soldi pubblici) però “a orecchio” mi suona meglio l’utilizzo del congiuntivo “utilizzino” che l’indicativo “utilizzano”. E’ sbagliato quindi l’uso di “utilizzino”? Grazie in anticipo 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, dopo “evitare che” ci vuole il congiuntivo, quindi la frase che mi scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  21. Mario scrive:

    Grazie Prof. Anna della tempestiva risposta. Mi saprebbe dire anche il perché si usa il congiuntivo in questo caso?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mario, “evitare” è uno di quei verbi che seguito da “che” regge il congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

  22. BUongiorno professoressa Anna ho dei dubbi su queste frasi:potrebbe aiutarmi?
    Le hanno rimproverate perchè non (commettere) lo stesso errore.
    Ti do il giornale perchè tu (potere) leggerlo.
    Li ascoltiamo purchè non (parlare ) tutti insieme.
    Queste frasi raggono il congiuntivo,l’indicativo o entrambi?
    La ringrazio in anticipo.Alice.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alice, nelle frasi che mi scrivi ci vuole il congiuntivo: 1- le hanno rimproverate perché non commettessero lo stesso errore; 2- ti do il giornale perchè tu possa leggerlo; 3- li ascoltiamo purchè non parlino tutti insieme.
      Un saluto
      Prof. Anna

  23. Marco scrive:

    Buongiorno!
    Ho un dubbio sul congiuntivo:
    nella frase: “mi piacciono i testi delle poesie anche quando non si capisce bene cosa vogliono dire” è piu corretto usare il congiuntivo: “vogliano dire” ??
    grazie!
    Marco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, è corretto usare il congiuntivo, in questo caso è accettabile anche l’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  24. miri:) scrive:

    gentile prof.io sono un pò incerta sul modo congiuntivo vorrei un trucchetto per memorizzare + veloce per impararlo.
    Grazie in anticipo miri:)

    • Zanichelli Avatar

      Cara Miri, purtroppo non c’è un “trucchetto”, ma vedrai che con lo studio e l’esercizio lo memorizzerai in fretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  25. Maria scrive:

    Hola brava de profesor sei aunque yo no entendía nada de lo que ha dicho, mi amigo que habla a italiano dijo seis brava como profesor y ahora mi amigo me dice todo lo que has escrito en Español

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  26. Maria scrive:

    Yo etendo lo que escribir

  27. Rocio scrive:

    Buongiorno, vorrei sapere come si trasforma una frase con il verbo al congiuntivo alla forma passiva.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rocio, la trasformazione avviene mettendo l’ausiliare “essere” al congiuntivo: “credo che Paolo abbia letto il libro” = “credo che il libro sia stato letto da Paolo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  28. giada scrive:

    🙂

  29. Gianni scrive:

    Salve, ho un dubbio.
    “Nella stagione successiva, i due torneranno insieme. E’ un semplice dato acquisito: come e quando ciò accade non ci viene neanche mostrato.”

    E’ corretto “accade” o ci vuole “accada”?

    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gianni, io userei il futuro: “come e quando questo accadrà”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  30. Daniela scrive:

    Buongiorno Prof.
    L’altro giorno una mia amica mi ha chiesto di salire sul suo cavallo. Io le ho risposto: “No, salici tu!”. Lei sostiene che “salici” è scorretto. Io l’ho sempre usato ma ora mi vengono dei dubbi.
    Grazie. Un saluto. Daniela

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela, “salici” è corretto, infatti la particella “ci” può sostituire un complemento introdotto dalla preposizione “su”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  31. rocco scrive:

    buongiorno a tutti….vorrei che voi mi aiutaste nel risolvere un dilemma grammaticale. Proprio ieri stqvo scrivendo un email alla mia professoreasa ed è sorto in me un dubbio…è piu corretto dire : ” mi chiedevo se bastasse presentare il certificato” oppure “mi chiedevo se basti presentare il certificato”?
    dopo il SE in questo caso ci vuole il congiuntivo o no?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rocco, è corretta la frase: “mi chiedevo se bastasse” usiamo il congiuntivo imperfetto poiché nella principale abbiamo un tempo passato (mi chiedevo).
      Un saluto
      Prof. Anna

  32. Lary scrive:

    Cara Anna,
    qual è il modo corretto di formulare questa frase:
    – I rumors dicono che io sono la tua ragazza
    – I rumors dicono che io sia la tua ragazza

    Grazie,
    saluti

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lary, in questo caso si può usare l’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  33. Emy scrive:

    Cara prof. Io non riesco a capire bene quando si USA il condizionale o il congiuntivo! Ad esempio come si dice “sapevo che quello sarebbe stato” o “fosse stato”?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Emy, usiamo il condizionale passato quando la frase dipendente ha un rapporto di posteriorità rispetto alla principale, dopo il verbo “sapere” non è necessario un congiuntivo, infatti il verbo esprime certezza.
      Un saluto
      Prof. Anna

  34. Giorgio scrive:

    Buon Giorno Prof.Anna,sono nuovo del forum.L
    e faccio i complimenti per le informazioni utili che ho letto.
    Le scrivo perchè ultimamente noto che parlando faccio molti errori grammaticali invertendo congiuntivo con il condizionale e viceversa;tanto da spingermi a prendere ripetizioni.Sfortunatamente in questo momento non lavoro.
    Vorrei che mi indicasse uno o più testi ove poter scavalcare tali lacune che non mi permettono di esprimermi come vorrei…
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Goirgio, mi risulta difficile consigliarti un testo, non so quale sia il tuo livello e le tue reali esigenze; ma intanto posso consigliarti di esercitarti sul nostro blog con i numerosi test sul congiuntivo; vedrai che con un po’ di esercizio presto migliorerai.
      Un saluto
      Prof. Anna

  35. tenanye scrive:

    Buona sera profesoressa: sono Tenanye di centroamerica…ho trovato il duo sitio internet, e me sembra buono….nelle actualitá studio la lingua italiana, ma il uso dell congiuntivo é difile per me…vorrei alcuni consigli per favore .. il proximo lunedí ho un test, La ringrazzio.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Tenaye, ti consiglio di studiare con attenzione tutti i casi in cui il congiuntivo è necessario.
      In bocca al lupo!
      Prof. Anna

  36. Viv scrive:

    Gentilissima professoressa Anna, buonasera. Talvolta l’uso del congiuntivo mi manda in crisi e per la seconda volta mi rivolgo a Lei per un chiarimento. Quali delle seguenti frasi non è corretta? Cortesemente, se è possibile, potrebbe spiegarmi in breve il motivo? La ringrazio per la disponibilità.

    A) Se trovassi qualcuno che sapesse svolgere questo lavoro ne sarei felice.
    B) Se trovassi qualcuno che sappia svolgere questo lavoro ne sarei felice.
    C) Se trovassi qualcuno che sa svolgere questo lavoro ne sarei felice.

    Ancora Grazie.
    Viv

    • Zanichelli Avatar

      Cara Viv, la frase corretta è la C: “se trovassi qualcuno…ne sarei felice” è un periodo ipotetico della possibilità, mentre “che sa svolgere questo lavoro” una proposizione relativa che non necessita dell’uso del congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  37. andrea scrive:

    il se precede solo il congiuntivo?

  38. acci scrive:

    Cara Proffessoressa Anna: c’è una regola per distinguere in una frase è congiuntivo passato o presente? la saluto cordialmente

  39. Michele scrive:

    Gentile Prof. Anna,

    ho accumulato una serie di dubbi sulle seguenti frasi:

    1. le persone pensano che chissà quale losco piano lui sta seguendo (vorrei dare una senso di certezza delle persone: posso usare l’indicativo?)

    2. la vera questione era che cosa la trattenesse a casa
    (corretta?)

    3. sono convinto che sua madre le abbia chiesto di me, e chissà se sapesse cosa rispondere (corretta?)

    4. poi ci fu il viaggio di ritorno, e credo che debba essersi sentita sola (corretta?)

    5.mi chiesi quale fosse il motivo che la induceva a quei sorrisi (corretta?)

    Grazie mille!

    Michele

    • Zanichelli Avatar

      Caro Michele, nella prima frase ci vuole il congiuntivo perché c’è il verbo “pensare”; la seconda è corretta; nella terza frase meglio l’indicativo “sono convinto che sua madre le ha chiesto di me e chissà se ha saputo rispondere”; la quarta e la quinta sono corrette.
      Un saluto
      Prof. Anna

  40. Michele scrive:

    Gentile Prof. Anna,

    la ringrazio. Mi preme notare quanto sia complesso e sfumato l’uso del congiuntivo, ma per questo anche affascinante, e quindi quanto sia prezioso e piacevole il suo aiuto.

    Michele

  41. Stefania scrive:

    Gent.ma Prof. Anna, io ho sempre usato questa frase esortativa ‘Dille che andasse lì!’, ma mi hanno fatto notare che è sbagliato e che dovrei dire ‘Che vada lì!’. A me sinceramente la prima espressione veniva spontanea. E’ quindi sbagliato?
    La ringrazio della risposta.
    Stefania

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, è corretto usare il congiuntivo esortativo, ma presente: “che vada”.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  42. Stefania scrive:

    … dimenticavo, complimenti per il blog!

  43. Rajmund scrive:

    Cara Proffessoressa Anna,
    Lei puo’ spiegarmi se il verbo “ringraziare”regge l’indicativo o il congiuntivo? Ho visto entrambi i modi e non sono piu’ sicuro quale sia la forma corretta?
    Per esempio:
    “Ringrazio a Dio che tu sia (o sei)venuta ieri.
    o
    “Ringrazio a Dio che non ti sia (o sei)successo niente.

    La ringrazio in anticipo.
    Rajmund

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rajmund, attenzione perché “ringraziare” è un verbo transitivo, quindi “ringrazio Dio” (non “a Dio”); “ringraziare” non regge necessariamente il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  44. stefania scrive:

    Grazie Prof. d’ora in poi userò il presente. Buona giornata!

  45. Matteo scrive:

    Salve professoressa Anna, oggi nel parlare ho usato un congiuntivo presente e dopo ripensandoci mi è sorto un dubbio, vorrei il suo parere, le illustro la frase! “cosa ne pensi della questione di quell’azienda che non voglia pagare gli arretrati ai propri dipendenti?”…l’ho usato in maniera corretta?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Matteo, in questo caso potresti usare semplicemente l’indicativo se è un fatto oggettivo, cioè se l’azioneda in questione realmente non paga gli arretrati, in questo caso il congiuntivo non è necessario.
      Un saluto
      Prof. Anna

  46. Dino scrive:

    Ottimo per un veloce ripasso. Non guasta mai!

  47. Stefania scrive:

    Buongiorno Prof. Anna, posso dire ‘mi ha molto deluso’oppure è più corretto dire ‘mi ha molto delusa’? La ringrazio della risposta. buona giornata!

  48. Salve Prof. Anna.
    Nella domanda 4 come mai non sia possibile anche la seconda opzione? Dopo il verbo “pensare” non si dovrebbe usare il congiuntivo? Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Tatyana, poiché c’è identità di soggetto tra reggente e dipedente è molto più comune usare la forma implicita con di+infinito.
      Un saluto
      Prof. Anna

  49. Grazie della risposta Prof. Anna. Mi tolga il dubbio per favore…
    Quindi se dico “Penso DI AVERE la febbre.” Ma se lo dico altrui sarebbe meglio dire “Penso CHE TU ABBIA la febbre”? O anche CHE TU HAI può andare bene?
    Un saluto

    • Zanichelli Avatar

      Car Tatyana, è corretto “penso di avere la febbre” ma se uso il “penso che” devo usare il congiuntivo “penso che tu abbia la febbre”.
      A presto
      Prof. Anna

  50. stefania scrive:

    Buongiorno Prof.ssa Anna, ho un altro dubbio: posso scrivere ‘evidenziando quanto il problema sia delicato’ oppure ‘…quanto è delicato’. Visto che si afferma una cosa certa può andare il congiuntivo o è necessario il presente? La ringrazio per la sua dipsonibilità.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, se non c’è nessuna sfumatura di dubbio o incertezza, puoi usare l’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  51. sara scrive:

    questa tabella del verbo congiuntivo è stata utilissima

  52. loredana scrive:

    Vorrei sapere gentilmente se si dice..vorrei che tuto vada o vorrei che tutto andasse…grazie mille

  53. paola scrive:

    Buongiorno prof.ssa Anna, vorrei sapere quale delle due frasi è corretta:
    – per questo voglio sapere chi sia o per questo voglio sapere chi è?
    grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Paola, non è nessario il congiuntivo, quindi: “per questo voglio sapere chi è”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  54. Mi rispiegate io congiuntivo che non ho capito una mazza. Fatemi 6 righe in cui c’è il trapassato del congiuntivo esprimendo un desiderio che non é stato realizzato nel passato

    • Zanichelli Avatar

      Cara Valeria, l’uso del congiuntivo trapassato per esprimere un desiderio non realizzato o un’ipotesi non realizzata nel passato si inserisce nello studio del periodo ipotetico dell’irrealtà: se+congiuntivo trapassato nella subordinata e condizionale semplice nella principale: se mi avessero invitato alla festa, sarei venuta; è possibile poi trovarlo nella principale pre esprimere un desiderio non realizzato nel passato: avessi fatto quel viaggio da giovane! Troverai sul blog articoli dedicati ai periodi ipotetici e anche a tutti i tempi del congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  55. Marco scrive:

    Scrivo: “…pioggie e vento oggi ma domanici ci vediamo ed è come se ci sia il sole”. Cosa c’è di sbagliato?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, intanto il plurale di “pioggia” è “piogge”, la frase corretta è: “piogge e vento oggi, ma domani ci vedremo e sarà come se ci fosse il sole”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  56. Dana scrive:

    Cara Prof. Anna,
    perché si usa il congiuntivo in questa frase :
    “Leggete testi nei quali la lingua sia usata in maniera naturale”
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Dana, nella frase subordinata relativa “nei quali la lingua sia usata in maniera naturale” il congiuntivo ha valore limitativo, cioè esprime un requisito (sia usata in maniera naturale) relativamente all’oggetto desiderato (la lingua); per approfondire l’uso del congiuntivo nelle frasi relative ti consiglio di leggere questo articolo:
      http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=4895
      Un saluto
      Prof. Anna

  57. Buongiorno Prof,

    vorrei sapere se sia corretta la frase qui sotto formulata:

    “Vi chiederemmo di farci sapere se abbiate necessità immediata di questi articoli e se i programmi che abbiamo impostato possano andare bene o vadano modificati.”

    Grazie e buona giornata
    Alessandro

    • Zanichelli Avatar

      Caro Alessandro, è possibile anche usare l’inidcativo al posto del congiuntivo (avete necessità; possono andare bene; vanno modificati).
      Un saluto
      Prof. Anna

  58. Lilli scrive:

    Buonasera Prof. Anna,
    è corretto dire “le ho chiesto cosa avesse detto Caio” oppure è meglio utilizzare la frase “le ho chiesto cosa ha detto Caio”? Sono corrette entrambe?
    La ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Cara Lilli, è corretto sia l’uso dell’indicativo sia l’uso del congiuntivo, ma userei il trapassato prossimo “le ho chiesto cosa aveva detto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  59. Adele scrive:

    Ho un dubbio
    È corretto: penso che il nostro rapporto non abbia senso” o “penso che il nostro rapporto non ha senso”
    Grazie mille in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Cara Adele, la frase corretta è quella col congiuntivo, il verbo “pensare” infatti vuole il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  60. Stefania scrive:

    Gent.ma Dott.ssa Anna, ho un dubbio: è meglio scrivere ‘i dati pubblicato sulla monografia’ oppure ‘i dati pubblicati nella monografia’?. La ringrazio tanto come sempre. Stefania

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, è necessario scrivere: “i dati pubblicati”.
      A presto
      Prof. Anna

  61. Stefania scrive:

    Buongiorno Prof.ssa Anna, mi scuso per il post precedente in quanto conteneva un refuso. La mia domanda era inerente all’utilizzo di SULLA o NELLA. Le riformulo la domanda: è meglio scrivere ‘i dati pubblicati SULLA monografia’ oppure ‘i dati pubblicati NELLA monografia’?
    La ringrazio molto per la sua disponibilità e pazienza.
    Cordiali saluti
    Stefania

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, sono corrette entrambe le opzioni.
      Un saluto
      Prof. Anna

  62. stefano scrive:

    braviiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  63. Gentile Professoressa Anna,

    La ringrazio di tutto cuore per il suo aiuto.

    Un saluto caro,

    Maria

  64. Maria Strong scrive:

    Il mio commento segue il numero 113. Grazie

  65. Stefania scrive:

    La ringrazio prof. Anna, lei è sempre molto gentile. Buona giornata. Stefania

  66. Patrizia scrive:

    Vorrei sapere qual’e’ la forma grammaticale corretta e da quale regola e’ sorretta :
    Vi invitiamo a contattare
    Vi invitiamo di contattare

    • Zanichelli Avatar

      Cara Patrizia, il verbo “invitare” regge la preposizione “a” quando è seguito da un infinito.
      Un saluto
      Prof. Anna

  67. Marisa scrive:

    Gent.ma Prof. Anna,

    ho un dubbio sull´uso del congiuntivo. Si dice ” Penso che torni domani” oppure “penso che tornerá domani”. Dopo il verbo pensare che é obbligatorio il congiuntivo, ma ho letto che si puó usare anche il futuro. Perché?

    La ringrazio anticipatamente,
    Marisa

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marisa, è possibile usare anche il futuro quando questo indica un’azione posteriore rispetto a quella della reggente (penso che).
      Un saluto
      Prof. Anna

  68. Noemi scrive:

    Salve, Prof. Anna!
    Sto cercando una risposta ad una domanda e così sono arrivata al suo blog; purtroppo non ho trovato la risposta quindi… ecco la mia domanda/dubbio:
    E’ corretto dire “Volevo chiederLe se, durante questo incontro, sia ancora necessaria la presenza di Maria.”? Cioè imperfetto di “volere” nella principale seguito dal condizionale presente nella subordinata.
    Oppure dovrei dire
    “Volevo chiederLe se, durante questo incontro, fosse ancora necessaria la presenza di Maria.” oppure
    “Vorrei chiederLe se, durante questo incontro, sia ancora necessaria la presenza di Maria.”?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Noemi, queste subordinate introdotte da SE sono interrogative indirette, quindi puoi usare anche l’indicativo presente: volevo-vorrei chiederLe se la presenza di Maria è ancora necessaria.
      Un saluto
      Prof. Anna

  69. Noemi scrive:

    Grazie e buona Pasqua!

  70. Rico scrive:

    “Non pensiate che io debba” e “non pensate che io debba”, fra queste due frasi – una con il “pensiate” al congiuntivo; e l’altra con il “pensate” all’indicativo – qual è la differenza? E quando usare l’una o l’altra?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, il congiuntivo nelle frasi indipendenti in questo caso esprime un’esortazione, un invito, quindi “non pensiate che io debba…” significa “non dovete pensare che io debba…”, mentre “non pensate” può essere anche imperativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  71. Anna scrive:

    Buon giorno,Prof. Anna!
    La frase “mi dispiace che io parta” è completamente sbagliata? L’ho trovata in internet a adesso ho un dubbio.
    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, è una struttura che non si usa, quando c’è identità di soggetto è meglio usare l’infinito: “mi dispiace partire”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  72. Rico scrive:

    Sempre gentile!

    La ringrazio!

    Rico

  73. Rico scrive:

    “Mi ascolti un attimo” e “Mi ascolta un attimo”, sono entrambe frasi in cui diamo del “lei”. Nella prima, il verbo è all’imperativo? Quando usare l’una o l’altra?

    Distinti saluti

    Rico

  74. chiara scrive:

    che tempo è che voi andiate?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Chiara, è un congiuntivo presente.
      A presto
      Prof. Anna

  75. Anna scrive:

    Grazie!!!

  76. marifilla scrive:

    Carissima Prof. Anna,

    per favore mi aiuti!
    Ho letto in un libro che la congiunzione purché viene usata con il congiuntivo presente ed imperfetto, ma l’ imperfetto nelle frasi mi stona un po’, io lo userei solo con il presente, Lei cosa mi sa dire? e per favore se si usa con l’imperfetto potrebbe farmi un esempio?

    Grazie in anticipo

    Marifilla

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marifilla, dipende dal tempo dell’azione, se la condizione necessaria (cioè la frase introdotta da -purché) è nel passato, useremo il congiuntivo imperfetto: “ero disposto a perdonarla, purché fosse sincera”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  77. valentina scrive:

    Io domani lo devo studiare per le prove invalsi e ho paura di sbagliarlo … ciao. Valentina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Valentina, in bocca al lupo!
      A presto
      Prof. Anna

  78. Marco scrive:

    complimenti per il suo blog prof. Anna.

    Marco da Milano.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, grazie per il tuo commento.
      A presto
      Prof. Anna

  79. gjergji scrive:

    Prof.Anna
    Complimeti per il suo blog.Io sono albanese e studio nella facoltà di lingue straniere .Non avete idea di quanto mi hai aiutato. Grazie mille.
    Un saluto ..

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gjergji. benvenuto su Intercultura blog e grazie per il tuo commento.
      A presto
      Prof. Anna

  80. sonia sboto scrive:

    PROFESSORE ANNA RIPASSIAMO PIU IL CONGIUTIVO

  81. Rita scrive:

    Prof. Anna, Le chiedo aiuto con questa frase: I giorni d’oggi noi pensiamo che i romani furono i migliori costruttori….furono o siano stati? qual’è giusto?
    Grazie, un saluto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Rita, la frase corretta è: “al giorno d’oggi pensiamo che i romani siano stati…”.
      A presto
      Prof. Anna

  82. Rita scrive:

    Grazie!

  83. Rita scrive:

    Prof

    Grazie per la lezione sul congiuntivo.
    Con riferimento alla sua nota Attenzione

    i verbi “potere”, “volere”, “dovere”, “preferire”, “desiderare” sono seguiti dall’infinito :

    non voglio venire;
    preferisco uscire con te.

    Potrebbe per cortesia fare un esempio per i verbi potere e dovere.
    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Rita: “puoi aiutare tuo fratello?”; “devo andare al supermercato”.
      A presto
      Prof. Anna

  84. Andrea scrive:

    Buongiorno
    avrei una domanda riguardo il Congiuntivo:
    Si può dire “bisogna che io lo chiama”?
    O per lo meno si può dire nella lingua parlata?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Andrea, la frase è scorretta, non si può usare nemmeno nella lingua parlata.
      A presto
      Prof. Anna

  85. Lorenzo scrive:

    Salve Prof. Ho un dubbio amletico: quale tra queste frasi è più corretta? ” aspetto che allunghino” oppure ” aspetto che allungano”. Mi è stato detto che corretta sia quest’ultima, ma vorrei capire il perché.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Lorenzo, è corretto l’uso del congiuntivo, quindi “aspetto che allunghino”.
      A presto
      Prof. Anna

  86. Gentile Professoressa,

    sarebbe possibile cancellare la mia richiesta (n. 19 fatta nel 2011)? è ormai passato molto tempo. La ringrazio infinitamente. Cordiali saluti

  87. Fabio scrive:

    Buongiorno Professoressa Anna.
    Mi sto cimentando a fatica nella traduzione di alcuni fumetti inglesi e mi sono imbattuto in una pagina zeppa di ipotetici congiuntivi a cui non riesco a dare una omogeneità di tempi (passato, trapassato, ecc…) Può aiutarmi gentilmente?
    La scena consiste in un ragazzo che parla di una lancia leggendaria. Ecco il testo:

    …era fatta di legno di tasso e si dice che fosse stata sferrata direttamente nei cuori di naiose e della fiera deirdre… per tenerli insieme anche nella morte. il tasso è l’albero della morte. l’unico adatto a fare una staffa per
    una lancia del genere. Alcuni dicono sia stata la lancia di re
    Pisear e altri che fosse stata rubata nella “terra di sotto”, ma tutti concordano che sia appartenuta al vecchio dio di erin e che fosse un arma piena di rabbia, che bramava sangue di guerrieri.

    HELP!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fabio, la scelta dei modi e dei tempi mi sembra corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  88. Ciro scrive:

    Gentile Professoressa,
    è corretto dire “mi chiedo cosa manca per un grande amore” o si tratta di licenza poetica (visto che è il verso di una canzone)?
    La ringrazio e la saluto cordialmente

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ciro, la frase è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  89. Loris scrive:

    Salve Prof.ssa Anna, molto lieto di leggere di questa pagina. Sono uno studente universitario di Medicina e chirurgia – primo dubbio, sarebbe preferibile scrivere “in Medicina”? – ed accanito sostenitore della Crusca! Tuttavia, alle volte mi capita di cadere vittima di atroci dubbi.
    Quello per cui le scrivo oggi è il seguente: se, nelle subordinate ipotetiche del II tipo (eventualità), sia lecito o meno usare i tempi al passato e, se sì (il mio schema logico non lo esclude), come rendere al meglio la consecutio temporum. Le faccio un esempio: “Mi chiedevo se avessimo la certezza che l’esame SIA(?)scritto” o ” Mi chiedevo se avessimo la certezza che l’esame SARA’ scritto”, quindi se sia preferibile l’uso dell’indicativo futuro in virtù del fatto che esso è retto da un verbo come “avere la certezza” che denota chiaramente una indiscutibilità dell’azione futura e pertanto richiede il modo indicativo.
    Certo che sarà gentile nel rispondere alla mia richiesta d’aiuto, Le auguro una splendida giornata d’estate.

    Loris (pseudonimo)

    • Zanichelli Avatar

      Caro Loris, la frase introdotta da “se” è un’interrogativa indiretta e non un periodo ipotetico, è possibile quindi usare sia l’indicativo (se avevamo la certezza) sia il congiuntivo per sottolineare il valore dubitativo della frase (se avessimo la certezza), per la rase successiva la tua ipotesi è corretta, userei l’indicativo futuro “sarà scritto”.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  90. Rico scrive:

    Di Loris, un lettore: “Mi chiedevo se avessimo la certezza che l’esame SARA’ scritto”. Poiché è un’interrogativa indiretta, non potremmo usare anche il condizionale: “Mi chiedevo se avremmo la certezza che l’esame sarà scritto”. Come dice Lei, “con i verbi chiedere, domandare e non-sapere potremmo utilizzare il condizionale nell’interrogativa indiretta”. Se ho sbagliato… mi farebbe capire meglio?

    Distinti saluti

    RIco

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, nelle interrogative indirette è possibile usare il condizionale per sottolineare che quanto espresso è soggetto a una condizione, per es. “non so cosa avrebbe deciso- se avesse potuto scegliere-“, non è però il caso della frase che mi scrivi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  91. Luca scrive:

    Ho sbagliato solo la frase numero 4

  92. Credo di aver trovato un errore ortografico in questo articolo, ma grazie lo stesso per averlo condiviso

    • Zanichelli Avatar

      Cara Livia, sarebbe utile se tu mi segnalassi l’errore in modo che possa essere corretto.
      A presto
      Prof. Anna

  93. Fosca scrive:

    Gentilissima professoressa Anna, siamo un gruppo di ragazzi ed essendoci sorto un dubbio durante la cena abbiamo trovato questa pagina, vorremmo sapere se la frase
    “Mi ha bloccato su facebook per paura che l’avrei poi preso in giro” è corretta o regge solo il congiuntivo e quindi “mi ha bloccato su facebook per paura che lo prendessi in giro” .
    E anche “temevo che Dino sarebbe venuto alla festa” si può dire in entrambe le eventualità che Dino sia poi venuto o meno alla festa?
    La ringraziamo
    Distinti saluti
    Fosca e amici.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fosca, entrambe le frasi sono corrette; per quanto riguarda l’ultima frase è possibile usarla anche se poi Dino è andato alla festa.
      Un saluto
      Prof. Anna

  94. taty scrive:

    Buona sera, vorrei chiedere una cosa..le espongo il mio dubbio:
    alla domanda cosa vorresti che sapessero,
    è giusto rispondere “che sapessero” o “che sappiano” ?
    secondo me “che sapessero”..ma vorrei un suo parere..
    la ringrazio in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Taty, la risposta sarà: “vorrei che sapessero…”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  95. ciccio scrive:

    Vendendo è una voce verbale espressa al modo congiuntivo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ciccio, “vendendo” è un gerundio presente.
      Un saluto
      Prof. Anna

  96. Gentile Professoressa,
    perché devo usare il congiuntivo in questa frase:
    Cerchiamo una ragazza che sappia usare la macchina da scrivere?
    Potrei anche dire: cerco una ragazza che sa usare la macchina.
    Grazie,
    Chris

    • Zanichelli Avatar

      Caro Christopher, i questo caso il congiuntivo attribuisce alla frase un valore limitativo, cioè esprime un requisito (il saper usare la macchina da scrivere) o una limitazione relativamente all’oggetto desiderato (una ragazza), per approfondire questo argomento ti consiglio di leggere questo articolo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=4895
      A presto
      Prof. Anna

  97. Gentile Professoressa,
    grazie mille per la spiegazione. L’articolo soprammenzionato è bellissimo e dà gli esempi chiarissimi. Più che vado avanti con l’italiano più che scopro come la vostra lingua è complessa, piena di sfumature.
    Nel blog non ho ancora visto un articolo sulla pronuncia. Ho tanta difficoltà a capire quando si usa la “e” aperta e la “e” chiusa. Mi piacerebbe che Lei approfondissi questo argomento in futuro.
    Grazie ancora
    Chris

    • Zanichelli Avatar

      Caro Christopher, nell’ortografia italiana si usano due tipi di accento: l’accento grave si mette sulle E e sulle O aperte e sulle altre vocali accentate (cioè, portò, tradì) e l’accento acuto che si mette sulle E e sulle O chiuse (perché, fégato); grazie per il suggerimento, ne terrò conto.
      A presto
      Prof. Anna

  98. Salvatore scrive:

    Buona sera professoressa Anna,

    È corretta la frase: ” non mi sono accorto se la sedia fosse rotta o no”

    Saluti

    Salvatore

    • Zanichelli Avatar

      Caro Salvatore, “accorgersi” è di solito seguito da “che”, quindi sarebbe più corretto dire “non mi ero accorto che la sedia era rotta”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  99. Cara prof.Anna sul testo non ne ho sbagliata una!Questo sito è molto utile!

  100. Daniela scrive:

    Cara prof. Anna sono nuova ho un dubbio sulla frare ” Siamo stati dei privilegiati ad essere stati illuminati dalla tua luce” grazie mille ciao

    • Zanichelli Avatar

      Cara Daniela, la frase è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  101. MARIA scrive:

    Gentilissima Professoressa,
    oggi mio figlio a scuola ha scritto un invito al Preside e tra le tante cose scriveva così:” I nostri genitori dicono che Lei sia una persona gentile, disponibile e sappia svolgere bene il suo lavoro.” Mi chiedo se abbia usato bene il congiuntivo. Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria, sarebbe stato sufficiente usare l’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  102. Rico scrive:

    “Già che abbia dormito, è importante…”. Nella subordinata di questa frase, ci vuole il congiuntivo? E’ una concessiva?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, ci vuole il congiuntivo perché la reggente è costituita dal verbo “essere”+ un aggettivo (è importante), in questi casi è necessario il congiuntivo (è bello che, è necessario che ecc.).
      Un saluto
      Prof. Anna

  103. Francesca scrive:

    Buongiorno Professoressa,
    Qual è la frase corretta e perché?
    1. Poi qualcuno mi spiegherà perché il film duri più di due ore
    2. Poi qualcuno mi spiegherà perché il film dura più di due ore
    Grazie in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Francesca, è corretta la frase con l’indicativo, si tratta di una proposizione causale introdotta da “perché” e vuole il modo indicativo.
      A presto
      Prof. Anna

  104. Alice scrive:

    Gentile prof, vorrei sapere se questa coniugazione è corretta:

    “Evidentemente, è Necessario che si sollevino polemiche e si scuotano le coscienze, affinché…”

    A parere mio si, mi riferisco in particolare all’utilizzo del congiuntivo in” si scuotano le coscienze”,perché da quel che ricordavo, il congiuntivo si utilizza un’ipotesi, un desiderio, una volontà.
    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Alice, il congiuntivo è corretto perché nella reggente c’è l’espressione “è necessario”.
      A presto
      Prof. Anna

  105. Emanuele scrive:

    Ciao, molto utile, però mi é rimasto un dubbio:
    Come faccio ha trasformare una frase dall’indicativo al congiuntivo ?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Emanuele, la tua domanda non mi è del tutto chiara, puoi farmi un esempio?
      A presto
      Prf. Anna

  106. Rico scrive:

    “Sono venuto non perché volessi farlo, ma perché mi faceva piacere”. E’ una frase causale in cui, prevalentemente, non si utilizza il congiuntivo, ma l’indicativo ad es.: sono venuto perché mi faceva piacere; diversamente dalla frase su esposta.
    In questo caso, perché si utilizza il congiuntivo?, forse per la relazione tra i due perché… Mi farebbe capire meglio?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, usiamo il congiuntivo per esprimere una causa fittizia introdotta appunto da “non perché” e seguita in genere da un’altra causale con il verbo all’indicativo (ma perché mi faceva piacere).
      Un saluto
      Prof. Anna

  107. Stefania scrive:

    Cara professoressa,
    é corretto dire:
    -mi ha chiesto se avrei partecipato al convegno
    partecipazione in un futuro s’intende
    -mi ha chiesto se avessi partecipato al convegno
    partecipazione passata,già avvenuta.
    Ho bisogno di una conferma!
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, le tue ipotesi sono corrette.
      A presto
      Prof. Anna

  108. Luxi scrive:

    Ciao! Per favore, potrebbe aiutarmi:

    Esiste una pastiglia che cura/curi il cancro?
    Non esiste una pastiglia che cura/curi il cancro.

    Hai mai visto una macchina che andava/andasse veloce?
    No ho mai visto una macchina che andava/andasse veloce.

    E corretto utilizzare il congiuntivo?

  109. Pina scrive:

    Vorrei sapere se questa frase é giusta,vorrebbe che andassi con lei ad una lezione di gestualità

    • Zanichelli Avatar

      Cara Pina, la frase è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  110. dante scrive:

    Noto che molte persone di varia scolarità, volendo esortare qualcuno usano il congiuntivo imprfetto anziché il presente. È giusto? (Es.” Che andassero all’inferno! ” anziché ” Che vadano all’inferno!”).
    Grazie. Cordialmente.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Dante, il congiuntivo imperfetto può prendere il posto del congiuntivo presente in una sollecitazione o desiderio.
      A presto
      Prof. Anna

  111. Angi scrive:

    Buongiorno,
    Vorrei chiedere quando si usa(o non) il congiuntivo nei periodo ipotetici.
    Per esempio:
    “Vorrei chiederLe se sia/è possibile che io facessi/ faccio…?”
    “In caso se io sapessi qualche novità te lo avrei detto (?)”

    • Zanichelli Avatar

      Cara Angi, la prima frase non è un periodo ipotetico ma un’interrogativa indiretta (se sia/è possibile), in questo caso è corretto sia l’indicativo sia il congiuntivo se si vuole esprimere il valore dibitativo della frse, mentre la frase “che io facessi/ faccio…” è retta da “è possibile” e ci vuole il congiuntivo, ma presente “che io faccia”, la seconda invece è un periodo ipotetico, sarebbe coretto “se io sapessi qualche novità te lo direi” (possibilità); “se io avessi saputo qualche novità te lo avrei detto-te lo direi”(irrealtà), ti consiglio questi articoli sul periodo ipotetico: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3565; http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3634
      A presto
      Prof. Anna

  112. Ana scrive:

    Buongiorno,
    vorrei sapere quale delle due frasi è corretta:
    “Speriamo che ti piaccia”
    “Speriamo che ti possa piacere”

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ana, sono corrette entrambe le frasi.
      A presto
      Prof. Anna

  113. Giovanni scrive:

    Professoressa, è corretta la frase: “Non venite a dirmi che la preoccupazione principale di questo Paese è la banda larga”. Oppure avrei dovuto usare il congiuntivo presente “sia”?.

    Cordialmente,
    Giovanni

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giovanni, è corretto l’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  114. Rico scrive:

    “Non venite a dirmi che la preoccupazione principale di questo Paese è/sia la banda larga” (cit.).
    “La preoccupazione principale di questo Paese” (principale); “è la banda larga” (subordinata di primo grado), quindi è corretto l’indicativo; “non venite a dirmi” (subordinata di secondo grado).

    Oppure: “La preoccupazione principale di questo Paese” (principale); “non venite a dirmi” (subordinata di primo grado); “è la banda larga” (subordinata di secondo grado). Se cosi fosse il modo verbale dovrebbe essere il congiuntivo “sia”, visto che la subordinata di secondo grado dipende da “non venite a dirmi”.

    Quale mia interpretazione è corretta?

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, una frase per essere tale deve avere un verbo, quindi la principale è “non venite”, “a dirmi” (sub. primo grado), “che la preoccupazione principale di questo Paese è la banda larga” (sub. secondo grado).
      Un saluto
      Prof. Anna

  115. Klaus scrive:

    Si dice “Vorrei che voi abbiate la stessa fortuna”….oppure “vorrei che voi aveste la stessa fortuna”?
    grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Klaus, è corretto “vorrei che aveste…”.
      A presto
      Prof. Anna

  116. Rico scrive:

    “Non venite a dirmi che la preoccupazione principale di questo Paese è/sia la banda larga” (cit.).

    La sua risposta “Caro Rico, una frase per essere tale deve avere un verbo, quindi la principale è “non venite”, “a dirmi” (sub. primo grado), “che la preoccupazione principale di questo Paese è la banda larga” (sub. secondo grado).

    In una frase negativa il verbo, in questo caso “dire”, non dev’essere seguito dal congiuntivo? O la frase non è negativa, ma lo è solo il verbo “non venite” ( e non dire)? Mi farebbe capire meglio? Grazie

    Distinti saluti

    Rico

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rico, la frase negativa è “non venite”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  117. Tommaso scrive:

    La frase che mi mette dubbi è “ora sento se avessero posto” riferito ad una prenotazione ad un ristorante.

    Grazie per la risposta.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Tommaso, si può usare l’indicativo “ora sento se hanno posto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  118. Sandra scrive:

    Prof. Anna,

    Boungiorno ! Mi potrebbe chiarire che tempo è lafraseb”Fosse stata amata”.

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sadra, è una forma passiva di congiuntivo trapassato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  119. Franco scrive:

    Salve professoressa.
    Vorrei abusare della sua disponibilità per risolvere un dubbio sorto dopo una conversazione con un amico.
    Il dibattito verteva sulla seguente frase: “Ti seri messo davanti perché…..” i puntini lasciano intendere l’area della proposizione al centro del nostro dubbio: è più corretto completare il periodo con “io non la vedessi” o con “io non la veda”?
    Le faccio presente che il contesto in cui è stata pronunciata la frase lasciava intendere che colui che ha detto la frase fosse certo che il motivo per cui tale persona si fosse posta davanti all’altra fosse quello di impedirgli di scorgerla.
    Io credo che la forma più corretta sia la prima (“perché io non la vedessi”), anche se a seguito del dibattito ho più che un dubbio.
    Tra l’altro qualcuno ha anche ipotizzato l’utilizzo dell’indicativo, in una frase che poi suonerebbe in questo modo: “Ti sei messo davanti per non farmela vedere” (che non suona nemmeno male a dire il vero). Le sarei inoltre grato se potesse fornirmi anche una spiegazione sull’utilizzo di una forma piuttosto che un’altra in suddetto periodo.Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Franco, la frase corretta è: “Ti eri messo davanti perché io non la vedessi”, usiamo il congiuntivo imperfetto perché il verbo della reggente è al passato; anche la frase “ti sei messo davanti per non farmela vedere”, la prima è una finale esplicita, quest’ultima invece iplicita, con l’infinito.
      Un saluto
      Prof. Anna

  120. michele scrive:

    “Si fa sempre più raro imbattersi in persone che parlano con parole educate dal cuore e che hanno nei modi la gentile delicatezza del pesco”.
    Mi scusi Prof. Anna è corretta questa frase scritta con i verbi declinati con l’indicativo? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Michele, l’indicativo è corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  121. Attilio scrive:

    Cara prof. Anna , questi esercizi mi hanno aiutato a capire bene il congiuntivo . Nel esercizio ho sbagliato solo il numero 4 . Mi ha fatto pensare tanto perché non ho mai sbagliato un esercizio così !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! . Questa spiegazione basta e avanza per prendere un buon voto !!!

    • Zanichelli Avatar

      Molto bravo Attilio!
      A presto
      Prof. Anna

  122. Gentile professoressa si dice correttamente se a me non interesserebbe di te o se a me non interesassi di te? Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Mihaela, la frase corretta è: “se non mi interessasse di te”.
      A presto
      Prof. Anna

  123. Anna scrive:

    Cara Profesoressa,
    mi dica per favore se nella frase “Non so se gli abitanti del vilaggio 20 anni dopo la guerra ricordassero le vittime dell’attentato (del 1943) e visitassero le loro tombe al cimitero) l’uso del congiuntivo imperfetto e’ corretto o no. Grazie
    Anna

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, l’uso del congiuntivo imperfetto è corretto, se parli comunque di un’azione avvenuta nel passato e non nel presente.
      Un saluto
      Prof. Anna

  124. Sarah scrive:

    Buongiorno,
    Parlando mi è appena capitato di dire la seguente frase: “Per favore controlla questi prodotti al negozio, giusto per sapere se ci siano”
    Sono stata corretta, dicendo che la frase giusta è “se ci sono”. Ma la mia era un’ipotesi, non so se la cosa che cerco ci sia o meno al negozio, forse mi sono lasciata ingannare?
    Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sarah, in questo caso è meglio l’indicativo: “…giusto per sapere se ci sono”; nelle interrogative indirette è possibile anche usare il congiuntivo ma per sottolineare il valore dubitativo della frase per es: “non so se ci siano”, “mi chiedo se ci siano”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  125. Salve Prof.Anna
    La ringrazio per l’opportunita’che ci offre di poter migliorare la nostra grammatica(credo che un po tutti ne abbiano bisogno io per primo)Una curiosita’: io ho una cultura medio-bassa spesso faccio fatica ad esprimermi in modo corretto ,stranamente ho superato il questionario senza errori addirittura le risposte per me era scontate pur non conoscendo le regole grammaticali tuttavia ho un buon orecchio e la frase corretta la giudico dal suono….. E’possibile questo secondo lei?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Alessandro, se sei italiano questo è possibilissimo; spesso sentiamo che qualcosa “suona” bene o male ma non conosciamo la regola grammaticale; complimenti in ogni caso per il buon risultato (che non è scontato).
      Un saluto e a presto
      Prof.. Anna

  126. Anna scrive:

    Salve professoressa, ho un dubbio sulla seguente frase:
    ‘Immagino di essere una persona che ha/abbia ….’

    Grazie mille.

  127. Anna scrive:

    In effetti i miei dubbi riguardano tutte queste possibilità:
    -Immagino di essere (come) una persona che ha/abbia scalato una montagna
    -Immaginiamo una persona che ha/abbia scalato una montagna
    -Immagino una persona che ha/abbia scalato una montagna con mille pensieri che gli stravolgono/stravolgano la testa
    -Immagino una persona con mille pensieri che gli stravolgono/stravolgano la testa

    Grazie mille per l’aiuto.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anna, nelle frasi che mi proponi il verbo “scalare” può essere sia all’indicativo sia al congiuntivo, userai il congiuntivo se vuoi dare una sfumatura eventuale alla frase, ma sono corretti entrambi, mentre il verbo “stavolgere” può essere all’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  128. Matteo scrive:

    Buongiorno professoressa!,
    Avrei un dubbio:
    È corretto dire: ” perché non sapevo da dove si passava o ” perché non sapevo da dove si passasse” ?
    E “sapevo a cosa si riferiva” o “sapevo a cosa si riferisse”?
    Molto spesso purtroppo mi viene il dubbio sull’uso dell’imperfetto a dispetto del congiuntivo.. Come potrei ovviare a questo problema?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Matteo, le frasi che ti fanno sorgere questo dubbio sono delle interrogative indirette, la prima introdotta da -da dove- e la seconda da -a cosa-; questo tipo di proposizioni possono avere il verbo all’indicativo o al congiuntivo se si vuole sottolineare il valore dubitativo della frase, quindi sono corrette entrambe le forme.
      A presto
      Prof. Anna

  129. marta scrive:

    Gentile prof.,ho un dubbio per la seguente frase che ho scritto relativamente a un programma…mi piacerebbe andasse in prima serata…tanto che poi l’ho cambiata scrivendo…mi piacerebbe fosse trasmesso in prima serata.mi puo’ risolvere il dilemma onde evitare di incappare nello stesso problema?Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marta, entrambe le frasi sono corrette, sicuramente il verbo “trasmettere” è più specifico.
      A presto
      Prof. Anna

  130. veronica scrive:

    Buonasera Prof.,
    le spiacerebbe dirmi se questa forma del periodo ipotetico è corretta?
    “…nel caso arrivino molte mail, Luca sveglia il reparto competente”
    Congiuntivo presente + indicativo presente? Esiste questa forma?
    Il contesto: le mail arriveranno certamente, forse poche, forse molte.
    Oppure è d’obbligo usare congiuntivo imperfetto + condizionale presente? “nel caso arrivassero… Luca dovrebbe svegliare”

    Grazie mille
    Veronica

    • Zanichelli Avatar

      Cara Veronica, non si tratta di un periodo ipotetico vero e proprio, ma una proposizione condizionale, il verbo può essere al congiuntivo presente, per quanto riguarda la principale io userei o il futuro (sveglierà) o il verbo “dovere” (deve, dovrà).
      Un saluto
      Prof. Anna

  131. Angelo M scrive:

    Gentile Prof.ssa Anna,
    trovo questo blog assolutamente utile.

    Cordiali saluti,
    Angelo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Angelo, benvenuto su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  132. Marco scrive:

    Salve, vorrei sapere se questa frase è corretta:

    Vorrei vedere se a casa di loro facessero quello che hanno combinato a piazza di Spagna!

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, non è corretto “a casa di loro”, ma bisogna dire “a casa loro” ed è meglio “in piazza di Spagna”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  133. Marco scrive:

    Ho un dubbio che mi attanaglia da tempo sul congiuntivo… quando dico per esempio

    Vorrei che voi SIATE o FOSTE? Devo usare il presente o imperfetto? E perché? Grazie!

  134. Ciao scrive:

    Salve…. Grazie della tabella ……Domani ho l’ interrogazione

    • Zanichelli Avatar

      Caro Ciao, in bocca al lupo!
      A presto
      Prof. Anna

  135. Ciao scrive:

    Buonasera prof.ssa , nell’ esercizio ho sbagliato la n 4 e la n 7 . Arrivederla

  136. naima scrive:

    É molto bello e io ho imparato molti verbi mi è stato molto ?aiuto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Naima, benvenuta su Intercultura blog!
      A presto
      Prof. Anna

  137. Raffaele scrive:

    Salve Prof Anna.
    Ho scoperto da poco il vostro blog e sarei felice se lei potesse aiutarmi a risolvere i miei numerosi dubbi sull’uso del congiuntivo e dell’indicativo,leggendo e correggendo,le frasi che le scriverò.
    Mi scuso in anticipo,perchè le scriverò numerose frasi e quindi un messaggio troppo lungo. Le frasi in questione sono le seguenti:

    1-“Penso che un attaccante che ha fatto 20 goal,meriti/merita il posto da titolare”.
    2-“Penso che se un attaccante si impegna/impegni così tanto,voglia/vuole sempre giocare”.
    3-“La gente pensa che tu sei/sia il fidanzato di Giovanna”.
    4-“Vi vedo e penso che siete/siate fratelli”.
    5-“Penso che io non debba dimostrare niente a nessuno/penso di non dover dimostrare niente a nessuno”.
    6-“Lo sai che quando penso che una persona ha/abbia sbagliato,la critico senza problemi”.
    7-“E pensare che questa era la foto migliore/e pensare che sarebbe dovuta essere la foto migliore”.
    8-“E pensare che l’ho anche aiutato”.
    9-“Se penso che la crisi è aumentata/sia aumentata,mi innervosisco”.
    10-“E’ come dire che Abbiati è/sia più forte di Buffon”.
    11-“A prescindere se uno è/sia o meno tifoso della Roma”.
    12-“Erano convinti che la guerra era/fosse necessaria”.
    13-“Non hai la certezza che il prodotto è/sia buono,solo perchè è di marca”.
    14-“Chiunque venisse/venga sorpreso a rubare,verrà punito”.
    15-“Chiunque venisse sorpreso a rubare,veniva punito”.
    16-“Chiunque mangiasse di nascosto,veniva punito”.
    17-“Qualcuno avvisi/avvisasse Michele”.
    18-“Pensavo che dicessi che la pasta fosse/era già cotta”.
    19-“Pensavo che le avresti detto/dicessi che l’amavi/l’amassi”.
    20-“Pensavo che le avresti detto/dicessi che la ami”.
    21-“Anche se mi dicesse “questo jeans è Armani”,comunque lo acquisterei se e solo se mi piacesse”.
    22-“Non farmi credere che ti sei dimenticato/che ti sia dimenticato/di aver dimenticato come si gioca a calcio”.
    23-“Lo sapevo che si pronunciasse/pronunciava così”.
    24-“Bho,io sapevo che si pronunciasse/pronunciava così”.
    25-“Penso che rinnoverà/rinnovi”.
    26-“Penso che avrà rinnovato/abbia rinnovato”.
    27-“A meno che non si trasferisca/trasferirà tra un mese”.
    28-“Puo essere che si trasferisca/trasferirà tra un mese”.
    29-“Ti sembra che ho/abbia la faccia di uno che scherza?”.
    30-“Se Giovanni riuscisse a dimostrarmi che quello che ha detto è/sia vero,non avrei problemi a scusarmi”.
    31-“Peccato che tu sei il primo a comportarti così”.

    Nonostante sappia che verbi come “sapere,dire,capire e ricordare”,richiedono(o richiedano?) di norma l’indicativo,nelle frasi 23 e 24,l’uso del congiuntivo non mi sembra errato.

    Lo stesso penso delle frasi negative e ad esempio,confrontando la frase “non capisco cosa c’è di male” con “non capisco cosa ci sia di male”,oppure la frase “non dico che tu devi perdonarla” con “non dico che tu debba perdonarla”,direi che tutte le frasi,sia quelle con l’indicativo che quelle con il congiuntivo,mi sembrano esatte,anche se tra le frasi con l’indicativo e quelle con il congiuntivo,colgo una sfumatura di significato diversa. Sbaglio a ragionare così?

    Invece,nelle frasi n.25 e n.26,oltre al congiuntivo,è giusto utilizzare il futuro semplice nella prima e quello anteriore nell’altra,nonostante questi ultimi,facciano parte dell’indicativo che esprime certezza?

    Allo stesso modo,nelle frasi n.27 e n.28,è possibile utilizzare sia il futuro semplice che il congiuntivo presente?

    Per quanto riguarda invece le frasi n.7 n.8 e n.29,nonostante nelle frasi sia presente il che unito al verbo “pensare” nelle prime due e il verbo “sembrare” nell’ultima,l’utilizzo del congiuntivo mi sembra errato,come anche nella frase n.31,nonostante la locuzione “peccato che”,regga di norma il congiuntivo. Mi potrebbe spiegare il motivo e se c’è una differenza tra frasi come: “peccato che tu debba andar via” e”peccato che tu sei il primo a comportarti così”, “ti sembra che ho la faccia di uno che scherza” e “sembra che sia tutto apposto” e infine “aspetto il regalo che mi hai promesso” e “aspetto che Luca finisca di fare i compiti”?

    Le chiedo ancora una volta se cortesemente,potrebbe correggere le frasi che le ho scritto,una ad una,al fine di aiutarmi a risolvere i miei dubbi.
    La ringrazio in anticipo e la saluto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Raffaele, il verbo “pensare” vuole il congiuntivo nel significato di “supporre”, mentre vuole l’indicativo nel significato di “essere convinto”, la scelta dipende quindi da cosa vuole comunicare chi parla o scrive, le frasi in cui ho lasciato entrambi le opzioni sono entrambe corrette
      1-”Penso che un attaccante che ha fatto 20 goal meriti/merita il posto da titolare”.
      2-”Penso che, se un attaccante si impegna così tanto, voglia/vuole sempre giocare”.
      3-”La gente pensa che tu sei/sia il fidanzato di Giovanna”.
      4-”Vi vedo e penso che siete/siate fratelli”.
      5-”Penso che io non debba dimostrare niente a nessuno/penso di non dover dimostrare niente a nessuno”. (è corretta sia la forma implicita che la forma implicita)
      6-”Lo sai che quando penso che una persona ha/abbia sbagliato la critico senza problemi”.
      7-”E pensare che questa era la foto migliore/e pensare che sarebbe dovuta essere la foto migliore”.
      8-”E pensare che l’ho anche aiutato”.
      9-”Se penso che la crisi è aumentata, mi innervosisco”.
      10-”E’ come dire che Abbiati è più forte di Buffon”.
      11-”A prescindere dal fatto che uno sia o meno tifoso della Roma”.
      12-”Erano convinti che la guerra era/fosse necessaria”. (sono corrette entrambe, si tratta di una scelta stilistica)
      13-”Non hai la certezza che il prodotto sia buono solo perchè è di marca”.
      14-”Chiunque venga sorpreso a rubare, verrà punito”.
      15-”Chiunque venisse sorpreso a rubare, veniva punito”.
      16-”Chiunque mangiasse di nascosto, veniva punito”.
      17-”Qualcuno avvisi Michele”.
      18-”Pensavo che dicessi che la pasta era già cotta”.
      19-”Pensavo che le dicessi che l’amavi”.
      20-”Pensavo che le avresti detto che la ami”.
      21-”Anche se mi dicesse “questo jeans è Armani”, comunque lo acquisterei se e solo se mi piace”.
      22-”Non farmi credere che ti sei dimenticato/di aver dimenticato come si gioca a calcio”.
      23-”Lo sapevo che pronunciava così”.
      24-”Bho, io sapevo che si pronunciava così”.
      25-”Penso che rinnoverà/rinnovi”.
      26-”Penso che rinnoverà (sono convinto che lo farà nel futuro) / abbia rinnovato (suppongo che lo abbia fatto nel passato)”.
      27-”A meno che non si trasferisca tra un mese”.
      28-”Puo essere che si trasferisca tra un mese”.
      29-”Ti sembra che abbia la faccia di uno che scherza?”.
      30-”Se Giovanni riuscisse a dimostrarmi che quello che ha detto è vero, non avrei problemi a scusarmi”.
      31-”Peccato che tu sei il primo a comportarti così” (indicativo in un registro colloquiale, ma di norma ci vuole il congiuntivo)

      “Lo stesso penso delle frasi negative e ad esempio,confrontando la frase “non capisco cosa c’è di male” con “non capisco cosa ci sia di male”,oppure la frase “non dico che tu devi perdonarla” con “non dico che tu debba perdonarla”,direi che tutte le frasi,sia quelle con l’indicativo che quelle con il congiuntivo,mi sembrano esatte,anche se tra le frasi con l’indicativo e quelle con il congiuntivo,colgo una sfumatura di significato diversa. Sbaglio a ragionare così?” Il tuo ragionamento è corretto, le frasi che scrivi sono interrogative indirette che ammettono sia l’indicativo che il congiuntivo se si vuole dare un valore dubitativo alla frase.
      Per quanto riguarda la frase “aspetto il regalo che mi hai promesso” il verbo “promettere” non è retto dal verbo “aspettare” ma è il predicato della frase relativa introdota da “che” che si riferisce a “il regalo”, per questo non è al congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  138. stefano scrive:

    Buonasera Prof Anna, da quando seguo i suoi consigli ho eliminato diversi dubbi ma parecchi ancora ne ho e spero di scioglierli con le sue risposte sempre precise. Da tempo non capisco se con non so se rivolto al passato sia più adatto congiuntivo o indicativo. Es.non so se fosse venuto o se era venuto? Non so se giocasse o giocava bene? La saluto e le auguro buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, le frasi che mi scrivi sono interrogative indirette rette da “non so”, queste frasi possono avere sia l’indicativo, sia il congiuntivo quando si vuole sottolineare il valore dubitativo della frase; quindi sono corrette entrambe le forme, dipenda da cosa vuoi esprimere e come lo vuoi esprimere (un registro più o meno formale).
      A presto
      Prof. Anna

  139. gio scrive:

    Salve prof!
    Grazie a lei miglioro sempre più la grammatica.Grazie.

    Qual? la frase giusta?
    Pensavi che non ti avessi fatto o avrei fatto l’insalata?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Gio, nelle oggettive possiamo usare il condizionale per le frasi ipotetiche o che hanno sfumature di eventualità, quindi il condizionale è corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  140. David scrive:

    buona sera, volevo sapere qual è la forma corretta: “Non pensate di tornare da sole a casa!” o “Non pensiate di tornare da sole a casa!” (si può usare il congiuntivo esortativo) anche per la seconda persona plurale o va bene solo con la terza singolare e la prima plurale?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro David, in questo caso è corretto anche usare il congiuntivo esortativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  141. David scrive:

    nella frase: “E tu scegli parole che sfiorando le cose, ne rispettino la figura, per non ingannare, per non ingannarsi” è corretto il congiuntivo “rispettino” o va usato l’indicativo “rispettano”?

    • Zanichelli Avatar

      Caro David, in questo caso è solo una scelta stilistica, l’indicativo è comunque corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  142. David scrive:

    grazie, prof. Anna per le risposte che mi ha dato. Volevo chiederle un’altra consulenza. Nella frase “Sapevo che le scale possono scendere e che quegli stessi occhi potevano far male” estratta da uno scritto tutto al passato, posso usare l’indicativo presente “possono”, sottraendolo alle regole della consecutio se considero l’espressione “le scale possono scendere” come un’affermazione valida sempre, a prescindere dal momento in cui si svolge l’azione?
    Ancora grazie,

    • Zanichelli Avatar

      Caro David, è corretto usare il presente indicativo.
      A presto
      Prof. Anna

  143. gio scrive:

    Gentile prof,grazie per le risposte celeri.
    Ho un dubbio fra queste due frasi:
    a)non sapevo che era morto
    b)non sapevo che fosse morto
    Sono entrambe giuste ..la persone è veramente deceduto.
    Grazie
    Al prossimo dubbio.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gio, meglio usare il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  144. Stefano M scrive:

    Buongiorno Prof. Anna, è possibile sapere se è corretto dire sembrava uno che aveva nascosto qualcosa? sul sito answers mi dicono che ci vuole congiuntivo imperfetto nella relativa. Io credo ci voglia indicativo, xkè la frase mi sembra tale e quale a frasi che lei consiglia con indicativo nella relativa, se non ricordo male,tipo pensavo fosse uno che mi stava spiando. Userei congiuntivo nella relativa se dovessi dire pensavo ci fosse uno che mi stesse spiando. Aspetto suoi consigli, grazie e arrivederci.

  145. Stefano M scrive:

    Mi scusi Prof. Anna, ho dimenticato di dire che la frase la intendo come sembrava fosse uno che aveva nascosto qualcosa, e naturalmente utilizzo congiuntivo qualora dicessi sembrava che avesse nascosto qualcosa. Saluti da Stefano.

  146. Morena scrive:

    ciao

  147. Raffaele scrive:

    Gentile Prof. Anna,
    La ringrazio per la disponibilità e per i chiarimenti che mi hanno aiutato tantissimo e se possibile,vorrei ulteriori delucidazioni.
    Nel caso utilizzassi: “avvisasse”,nella frase 17,”pronunciasse” nelle frasi 23 e 24,”trasferirà” nelle frasi 27 e 28 e “sia” nella frase 30,commetterei dei gravi errori?
    Osservando la vostra correzione della frase 18,sono giunto alla conclusione che il secondo congiuntivo(in questo caso fosse al posto di era),non è necessario.
    Allo stesso modo,in frasi come: “sembra che sia un bambino che abbia dei problemi”,potrei sostituire “abbia”,con la terza persona dell’indicativo presente “ha”?
    E se così fosse,se utilizzassi spontaneamente il congiuntivo,per ben “due volte”,sia nella frase 18 che nell’ultima frase che le ho scritto,sbaglierei?
    Come ultima cosa,vorrei dei chiarimenti su un altro dubbio amletico:
    1-Vorrei sapere se fosse/sia/è/sarebbe possibile prendere un appuntamento con voi.
    2-Vorrei sapere se posso/possa/potrei guidare la tua auto.
    In queste due frasi,è possibile l’uso di tutti e tre i modi verbali?
    La ringrazio nuovamente in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Raffaele, “avisasse”, “pronunciasse” non sarebbero corretti; “trasferirà” è accettabile nella frase 38, “sia” nella frase 30 non sarebbe corretto; è corretto l’indicativo nella frase relativa “che ha dei problemi”, nella frase 18 il congiuntivo non sarebbe scorretto, nemmeno nella frase 31. Per quanto riguarda la frase 1 sono corretti i tempi presenti, quindi -sia-sarebbe-è; così come per la frase 2.
      Un saluto
      Prof. Anna

  148. Stefano M scrive:

    Buona sera Prof. Anna, la ringrazio per la risposta e vorrei adesso sottoporle due casi, sperando di non risultare troppo noioso ma mi sento come le donne quando chiedono agli esperti di calcio della regola del fuorigioco!! Scusi per la divagazione ma fatico parecchio a distinguere i tipi di subordinata, pur studiando spesso le pagine di questo blog. Mi spiego meglio: per frasi tipo credo sia uno che gioca bene non ho problemi,il problema è negli altri casi, come distinguere e caropire la differenza tra subordinata soggettiva e oggettiva in particolare. Il secondo caso riguarda il pronome indefinito nessuno che giustamente richiede sempre il congiuntivo prima delle subordinate e in queste 2 frasi dopo nessuno la subordinata è relativa? non avevo nessuno che la potesse guardare; non c’era nnulla che potessi fare. mi scusi ancora e buona serata.

  149. Stefania scrive:

    C.A. Prof.ssa Anna
    Buonasera, necessiterei gentilmente di un chiarimento in merito alla forma magiormente corretta della seguente frase che esprime un invito rivolto ad amici:
    “se questa sera non aveste impegni, potremmo uscire” ovvero ” se questa sera non avete impegni, potremmo uscire”
    In attesa di certamente gradito e pronto riscontro, ringrazio e saluto distintamente

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, è corretta la seconda frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  150. Stefano M scrive:

    Tante grazie Prof. Anna e da un paio di giorni ho un pò più chiara la distinzione tra subordinate oggettive e soggettive e sarò lieto anche di seguire i suoi consigli, buona serata.

  151. Stefano M scrive:

    Prof. Anna ri-buonasera, grazie ancora x i link suggeritimi, vorrei, se possibile, un paio di chiarimenti: nella frase credo che chiara sia già partita, quale sarebbe il complemento oggetto? é sottinteso, forse? vorrei capire la distinzione di queste 2 frasi x capire meglio la funzione del pronome relativo che; credo sia uno che mi sta spiando, e qui non dovrei avere dubbi a usare l’indicativo nella realtivo o anche, e cheido conferma, il congiuntivo qualora volessi dare una sfumatura alla frase e quindi credo sia uno che mi stia spiando. se invece dico, credo ci sia uno che mi stia spiando, anche dopo il secondo che uso il congiuntivo, xkè mi aveva spiegato che mentre ne primo caso ci si riferisce a una persona concreta, nel secondo ci si riferisce a un’ipotesi di persona e da qui il congiuntivo nella relativa. Vorrei solo capire se in questo secondo caso il secondo che è una congiunzione come il primo che o è un pronome relativo che utilizza la solita sfumatura. Spero di essermi spiegato decentemente e la ringrazio anticipatamente, buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, l’enunciato “credo che Chiara sia già partita” è formato da due frasi (due verbi), -credo- che è la principale, -che Chiara sia già partita- che è una subordinata oggettiva perché funge da complemento oggetto della principale; quindi non c’è un complemento oggetto ma una proposizione oggettiva. Le tue ipotesi riguardo l’uso del congiuntivo nelle relative sono corrette, sarebbe comunque corretto anche usare l’indicativo “credo ci sia uno che mi sta spiando”, comunque il secondo -che- è un pronome relativo, il primo -che- è sottinteso (credo che), perché è possibile omettere il -che- quando il verbo della subordinata è al congiuntivo e quando nella principale si trova un verbo di timore o dubbio (-credo- in questo caso).
      A presto
      Prof. Anna

  152. gio scrive:

    Grazie prof Anna.
    Seguo con precisione sia le domande degli utenti sia le sue risposte.Veramente molto utili.Veramente!
    Ogni volta che leggo un libro ,controllo con estrema precisione le frasi;cosa che prima non facevo.
    Spesso mi sorgono dubbi come questi:
    1)incerta se avrebbe o no sacrificato.
    2)immaginava che avrebbe fatto un buon affare.
    Io avrei messo per entrambi il congiuntivo essendo frasi dubbie.
    Come faccio a riconoscere il modo giusto?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gio, la frase “se avrebbe o no sigificato” è un’interrogativa indiretta, queste proposizioni possono avere il verbo sia al condizionale in genere per sottolineare che quanto espresso nell’interrogativa è soggetto a una condizione , o al congiuntivo soprattutto per sottolineare il valore dubitativo della frase; la frase “che avrebbe fatto un buon affare” è una proposizione oggettiva, anche queste frasi possono avere il congiuntivo oppure il condizionale per sottolineare un valore potenziale.
      Un saluto
      Prof. Anna

  153. gio scrive:

    Gentile professoressa Anna,ho visto scritta questa frase:
    Se quando lei sostiene di essere stata con lui fosse invece in palestra.
    E’ giusta?
    Io sapevo che dopo il verbo sostenere seguisse il modo indicativo o condizionale ;quindi diventerebbe :
    se quando lei sostiene di essere stata con lui era invece in palestra”
    Sbaglio?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gio, il verbo al congiuntivo non è retto da “sostenere” (che invecce regge “essere stata”), ma da “se”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  154. David scrive:

    Buona sera Prof. Anna, nella frase che segue, il verbo “potere” va al passato remoto(1) o al congiuntivo imperfetto(2)?
    (1):”Forse tutti quanti abbiamo escluso o non abbiamo mai desiderato che Gesù non poté piangere il dolore per quelli che restavano”
    (2):”Forse tutti quanti abbiamo escluso o non abbiamo mai desiderato che Gesù non potesse piangere il dolore per quelli che restavano”.
    Se vanno bene entrambi (poté – potesse), quale si preferisce?
    Grazie,

    • Zanichelli Avatar

      Caro David, dopo il verbo “desiderare” ci vuole il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  155. gio scrive:

    Gentile prof Anna è giusta questa frase?
    Ho provato più volte a scriverle per dirle che se fosse ancora interessato.
    Dopo il verbo dire io metterei indicativo o condizionale ,sbaglio?
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gio, la frase così non è corretta, o meglio non è completa, infatti manca l’apodosi del perioso ipotetico, la protasi è “se fosse ancora interessato”; se non intendevi formare un perioso ipotetico, non capisco bene il senso della frase “ho provato più volte a scriverle per dirle che…(ero-sono ancora interessato?)” in questo caso sarebbe corretto l’indicativo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  156. Raffaele scrive:

    Salve Prof. Anna,sono ritornato con nuovi dubbi e spero ancora una volta che lei mi aiuti.

    1-Non ho capito perchè siano/sono così scontrosi.
    2-Avevo capito che fosse/era fidanzato,invece non è così.
    3-Dubito che sia/è così.
    4-Non dubito che sia/è così.
    5-Aah,adesso ho capito perchè Pino non attribuisca/attribuisce importanza alla politica.
    6-Aah,adesso ho capito il motivo per cui Pino non attribuisca/attribuisce importanza alla politica.
    7-Non volevo essere così scontroso/non avrei voluto essere così scontroso.
    8-Mi ero dimenticato che era/fosse così faticoso.
    9-Temevo che potesse/avrebbe potuto.
    10-Emiliano ha chiesto a Tino se fosse possibile/sarebbe stato possibile/sarebbe possibile/è possibile avere in regalo una maglietta.
    11-Capisco che/mi rendo conto che Michele abbia/ha più confidenza con Giovanni.
    12-Ognuno faccia/facesse quel che vuole.
    13-Che ognuno faccia/facesse quel che vuole.
    14-Non è che parlavamo/parlassimo male di lui.
    15-Non è vero che abbia/ha tanti soldi.
    16-Non voglio sapere quale sia/qual è il motivo che ti ha/abbia spinto ad agire in questo modo.
    17-Fortuna volle che incontrai/incontrassi.
    18-Non sapevo se volessi/volevo continuare a studiare.
    19-Era chiaro che fosse/era uno scherzo.
    20-Direi che sia il caso di punirlo.
    21-Dobbiamo capire chi sia/è l’intruso.
    22-Dovremmo capire chi sia/è l’intruso.
    23-Non poteva sapere che fosse stato/era stato lui.
    24-A meno che non siano due squadre che abbiano/hanno lo stesso nome.
    25-Non è detto che il problema sono/siano gli alunni.

    Nelle frasi n.1 e n.4,vista la presenza della negazione,il congiuntivo non mi sembra errato.

    Nelle frasi n.5 e n.6,nonostante ci sia “ho capito” che esprime certezza,la frase prosegue con il “non” ed è come se quest’ultimo,mi “suggerisse” di utilizzare il congiuntivo.

    Allo stesso modo,nelle frasi n.2,n.3 e n.19,è come se utilizzando il congiuntivo,il significato della frase,diventasse più dubbio e incerto ed è come se la frase apparisse più corretta grammaticalmente.

    Nelle frasi n.14,n.15,nonostante ci sia la negazione,mi sembra esatto sia l’uso del congiuntivo che l’uso dell’indicativo,anche se spesso,navigando su Internet,nelle frasi dove vi era “non è che”,spesso veniva utilizzato il congiuntivo.

    Nella frase n.20,l’uso del congiuntivo presente non sembra errato e qualora fosse così,vorrei capire la differenza tra frasi come: “vorrei che ti impegnassi di più” e “direi che sia il caso di punirlo”. Perchè nella prima frase,si usa il congiuntivo imperfetto,mentre nella seconda il congiuntivo presente?
    Sono sbagliati i miei ragionamenti?
    In attesa delle vostre correzioni e spiegazioni,la saluto e la ringrazio in anticipo.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Raffaele, 1- è corretto l’indicativo; 2- sono corrette entrambe le frasi; 3 e 4- è corretto il congiuntivo col verbo -dubitare-; 5 e 6- è corretto l’indicativo; 7- sono corrette entrambe; 8- sono corrette entrambe; 9- sono corrette entrambe, il congiuntivo imperfetto stabilisce un rapporto di contemporaneità, il condizionale passato di posteriorità; 10- sono tutte corrette, il condizionale passato stabilisce un rapporto di posteriorità; 11- è corretto l’indicativo; 12_ è corretto il congiuntivo presente; 13- dipende dalla frase reggente; 14- è corretto il congiuntivo; 15- è corretto l’indicativo; 16- sono corrette entrambe le opzioni; 17- è corretto il congiuntivo; 18- è corretto l’indicativo; 19- è corretto l’indicativo; 20- è corretto l’indicativo; 21e 22- sono corrette entrambe le frasi; 23- è corretto l’indicativo; 24- sono corrette entrambe; 25- è corretto il congiuntibo. Il verbo “volere” necessita del congiuntivo, se è coniugato al condizionale presente necessita del congiuntivo imperfetto, come tutti i verbi di volontà o desiderio; ecco perché “vorrei che ti impegnassi”, ma “direi che sia il caso”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  157. Fabiana scrive:

    Buonasera Prof,
    È corretto questa frase ?. Se lei può, potremmo sentirci domani per condividere i punti da discutere e propongo di mangiare qualcosa insieme.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fabiana, la frase è corrretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  158. Fabiana scrive:

    Dunque, riferendosi al giorno dopo non occorreva scrivere “se lei potrà….? Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Fabiana, è corretto anche il presente per riferirsi al futuro.
      Un saluto
      Prof. Anna

  159. Raffaele scrive:

    Salve Prof. Anna,sono ritornato con nuovi dubbi.

    1-Non ho capito perchè siano/sono così scontrosi.
    2-Avevo capito che fosse/era fidanzato,invece non è così.
    3-Dubito che sia/è così.
    4-Non dubito che sia/è così.
    5-Aah,adesso ho capito perchè Pino non attribuisca/attribuisce importanza alla politica.
    6-Aah,adesso ho capito il motivo per cui Pino non attribuisca/attribuisce importanza alla politica.
    7-Non volevo essere così scontroso/non avrei voluto essere così scontroso.
    8-A meno che non siano due squadre che abbiano/hanno lo stesso nome.
    9-Non è che la pasta sia/è più buona della carne.
    10-Non ho detto che ha/abbia ragione.
    11-Dobbiamo capire chi sia/chi è il colpevole.
    12-Dovremmo capire chi sia/chi è il colpevole.
    13-Direi che è/sia il caso di punirlo.
    14-Mi ricordavo che fosse/era fidanzato.
    15-Marco ha chiesto ad Attilio se fosse possibile/sarebbe possibile/è possibile/era possibile avere in regalo una maglietta.
    16-Non è detto che sia/è così.
    17-Non ricordo se lui all’epoca giocava/giocasse a basket.
    18- Sapevo che fosse/era un giocatore forte(su un giornale sportivo,hanno scritto “sapevo che fosse un giocatore forte”,ma non so se l’utilizzo del congiuntivo imperfetto sia esatto).
    19- Non è che a Mariano non va/vada di studiare.
    20-Se avessi saputo che quello fosse/era tuo padre,gli avrei riservato un trattamento di favore.
    21-Non devi mangiare nessun alimento che contenga/contiene lattosio.
    22-Non vorrei che si fosse/si sia offeso.
    23-Dovevo aspettarmelo/avrei dovuto aspettarmelo.
    24-Ognuno faccia/facesse quel che vuole.
    25-Avevamo pensato che ci fosse qualcosa che non andava/andasse.
    26-Pensavo che non foste/sareste usciti.
    27-Ho pensato potesse piacerle/ho pensato che le sarebbe piaciuto.

    Nelle frasi n.1 e n.4,vista la presenza della negazione,il congiuntivo non mi sembra errato.

    Nelle frasi n.5 e n.6,nonostante ci sia “ho capito” che esprime certezza,la frase prosegue con il “non” ed è come se quest’ultimo,mi “suggerisse” di utilizzare il congiuntivo.

    Allo stesso modo,nelle frasi n.2 e n.3,è come se utilizzando il congiuntivo,il significato della frase,diventasse più dubbio e incerto.

    Nella frase n.18,forse è stato utilizzato il congiuntivo,nonostante il verbo sapere esprima certezza,perchè la frase è al passato? E’ sbagliato o è giusto utilizzare il congiuntivo in questi casi?

    Nelle frasi n.12 e n.13,è giusto utilizzare il congiuntivo presente,nonostante la presenza di un condizionale? Se si,che differenza c’è tra le frasi n.12 e n.13 e frasi come “vorrei che fosse”? Perchè è un errore scrivere “vorrei che sia”?

    In attesa delle vostre correzioni e spiegazioni,la ringrazio e la saluto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Raffaele, per alcune frasi ti ho già risposto, altre frasi hanno la stessa costruzione di quelle a cui ti ho già risposto, le altre: 18- meglio “sapevo che era”; 20: è corretto: “se avessi saputo che quello era”; 21: “che contiene”; 22: “che si fosse”; 25: “che non andava”; 26: sono corrette entrambe; 27: sono corrette entrambe.
      Un saluto
      Prof. Anna

  160. Raffaele scrive:

    Salve Prof. Anna,sono ritornato con nuovi dubbi.
    1-Non ho capito perchè siano/sono così scontrosi.
    2-Avevo capito che fosse/era fidanzato,invece non è così.
    3-Dubito che sia/è così.
    4-Non dubito che sia/è così.
    5-Aah,adesso ho capito perchè Pino non attribuisca/attribuisce importanza alla politica.
    6-Aah,adesso ho capito il motivo per cui Pino non attribuisca/attribuisce importanza alla politica.
    7-Non volevo essere così scontroso/non avrei voluto essere così scontroso.
    8-A meno che non siano due squadre che abbiano/hanno lo stesso nome.
    9-Non è che la pasta sia/è più buona della carne.
    10-Non ho detto che ha/abbia ragione.
    11-Dobbiamo capire chi sia/chi è il colpevole.
    12-Dovremmo capire chi sia/chi è il colpevole.
    13-Direi che è/sia il caso di punirlo.
    14-Mi ricordavo che fosse/era fidanzato.
    15-Marco ha chiesto ad Attilio se fosse possibile/sarebbe possibile/è possibile/era possibile avere in regalo una maglietta.
    16-Non è detto che sia/è così.
    17-Non ricordo se lui all’epoca giocava/giocasse a basket.
    18- Sapevo che fosse/era un giocatore forte(su un giornale sportivo,hanno scritto “sapevo che fosse un giocatore forte”,ma non so se l’utilizzo del congiuntivo imperfetto sia esatto).
    19- Non è che a Mariano non va/vada di studiare.
    20-Se avessi saputo che quello fosse/era tuo padre,gli avrei riservato un trattamento di favore.
    21-Non devi mangiare nessun alimento che contenga/contiene lattosio.
    22-Non vorrei che si fosse/si sia offeso.
    23-Dovevo aspettarmelo/avrei dovuto aspettarmelo.
    24-Ognuno faccia/facesse quel che vuole.
    25-Avevamo pensato che ci fosse qualcosa che non andava/andasse.
    26-Pensavo che non foste/sareste usciti.
    27-Ho pensato potesse piacerle/ho pensato che le sarebbe piaciuto.
    28-Ammesso che il Parma vinca/vincesse tutte le partite,non riuscirebbe comunque a salvarsi.

    Nelle frasi n.1 e n.4,vista la presenza della negazione,il congiuntivo non mi sembra errato.

    Nelle frasi n.5 e n.6,nonostante ci sia “ho capito” che esprime certezza,la frase prosegue con il “non” ed è come se quest’ultimo,mi “suggerisse” di utilizzare il congiuntivo.

    Allo stesso modo,nelle frasi n.2 e n.3,è come se utilizzando il congiuntivo,il significato della frase,diventasse più dubbio e incerto. E’ sbagliato il mio ragionamento?

    Nella frase n.18,forse è stato utilizzato il congiuntivo,nonostante il verbo sapere esprime certezza,perchè la frase è al passato? E’ sbagliato o è giusto utilizzare il congiuntivo in questi casi?

    Nelle frasi n.12 e n.13,è giusto utilizzare il congiuntivo presente,nonostante la presenza di un condizionale? Se si,che differenza c’è tra le frasi n.12 e n.13 e frasi come “vorrei che fosse”? Perchè è un errore scrivere “vorrei che sia”?
    In attesa delle vostre correzioni e spiegazioni,la ringrazio e la saluto.

    • stefania scrive:

      secondo me la frase 22 è incerta.
      dipende da cosa si intende per “non vorrei” perché colloquialmente si usa il non vorrei per dire “credo che” quindi in questo caso il congiuntivo ci starebbe…
      es. non vorrei che il firewall l’abbia bloccata
      non si tratta di desiderarlo o non desiderarlo, si tratta di crederlo o non crederlo…

      • Zanichelli Avatar

        Cara Stefania, è corretto usare il congiuntivo imperfetto in dipendenza da un verbo di volontà o desiderio coniugato al condizionale, capisco il tuo ragionamento ma quando dico “non vorrei che” (anche nella modalità che hai presentato) ci si riferisce sempre a qualcosa che, credo che probabilmente sia accaduta, ma non vorrei che fosse accaduta, cioè, per dirlo in parole semplici, si tratta di qualcosa che non ci farebbe piacere, questa sfumatura esiste: “non vorrei che il firewall l’avesse bloccata” (esprimo la possibilità che sia stato il firewall a bloccare qualcosa, e se fosse così, non mi farebbe piacere), “non vorrei che si fosse sbagliato” (esprimo la possibilità che si sia sbagliato e, se così fosse, non mi farebbe piacere).
        Un saluto
        Prof. Anna

  161. michele scrive:

    Professoressa Anna, questa frase è scritta in modo corretto? la ringrazio e le auguro di nuovo serena giornata

    Ogni qualvolta ho visto questo film, ingenuamente, mi son chiesto:

    • Zanichelli Avatar

      Caro Michele, si scrive “ogniqualvolta”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  162. michele scrive:

    Mi scusi professoressa, riscrivo il primo commento, temo sia andato perduto. Questa frase è corretta. La ringrazio

    “Dicono che in ogni uomo, fin dalla nascita, c’è una parte femminile
    Non è esatto, ne ha due”

  163. Servirebbe molto sito .
    Ha servito a me che sono una stupida con i verbi.

  164. Lodovica scrive:

    Buon Giorno Professoressa Anna , La contatto perchè vorrei avere delle Informazioni. Mio figlio è all’ultimo anno , della Scuola Primaria , ha difficoltà nei verbi. Vorrei concentrarmi quest’estate ad un percorso di potenziamento ( Grammatica ) in quanto ci sono delle evidenti lacune! Per favore può consigliarmi…La ringrazio per la sua gentilezza!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ludovica, non conoscendo le difficoltà di tuo figlio posso solo consigliarti di chiedere consiglio alle maestre che lo seguono.
      Un saluto
      Prof. Anna

  165. Marco scrive:

    Buona sera spett.Le Anna, mi sono casualmente imbattuto nel suo blog perché ho il seguente problema: leggo spesso per motivi professionali le leggi che scrivono a Roma e che pubblicano…faccio molta fatica a capire perché non riescano a coniugare nemmeno un congiuntivo correttamente ovvero mi imbatto spesso nella seguente forma verbale:

    “Nel caso in cui le ditte HANNO ottenuto l’autorizzazione”

    Invece di:”nel caso in cui le ditte ABBIANO ottenuto l’autorizzazione”.

    Secondo Lei sono io troppo esigente?Sono io che sbaglio a coniugare?

    Grazie per la disponibilità’

    Le sarei molto grato (non essendo un assiduo lettore del suo blog e non me ne voglia) se potesse rispondermi anche alla mail che Le ho indicato.

    Cordialità’

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, non sei troppo esigente, la frase che mi scrivi è corretta con il congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

  166. julia scrive:

    Buonasera prof, le chiedo qual`e` il modo verbale da usare: `se avete/aveste trovato delle chiavi siete pregati di rivolgervi ai sig.ri Rossi”
    Grazie per la sua attenzione

    • Zanichelli Avatar

      Cara Julia, è corretto “se avete”, attenzione -qual- si scrive senza apostrofo.
      A presto
      Prof. Anna

  167. claudia scrive:

    Prof. Anna, Lei spiega che il congiuntivo si usa nelle frasi di dubbio, incertezza,etc. quando invece si ha certezza si usa l’indicativo. Però, mi chiedo, nella frase: scegli quella corretta:
    Penso di avere la febbre.
    Penso che io abbia la febbre
    quella esatta è la prima.Il mio dubbio sorge nel momento in cui dico “penso” di avere la fretta, quindi non sono sicura, e di conseguenza dovrei usare il congiuntivo e dire “penso che io abbia la febbre”
    La ringrazio anticipatamente per la spiegazione.
    Claudia

    • Zanichelli Avatar

      Cara Claudia, quando c’è identità di soggetto tra la reggente e la subordinata si preferisce la forma implicita con l’infinito (perso di avere la febbre).
      Un saluto
      Prof. Anna

  168. Silvia scrive:

    Gentile prof.Anna,
    il mio dubbio è che in certi casi coi verbi “penso, credo” si possa usare anche l’indicativo. Per es. mi suonano corrette entrambe le frasi:

    -Penso che sia una brava persona.
    -Penso che è una brava persona.

    Con i verbi di opinione non vedo così sbagliato l’uso dell’indicativo, perché non si può stabilire il grado di certezza, diciamo, che c’è dietro a un’opinione. Il “penso, credo, etc” potrebbe voler dire “lo penso davvero, ne sono convinto”, e quindi esprimere certezza.

    E sempre restando su questo tema, anche se “penso di avere la febbre” suona meglio di “penso che ho la febbre”, quest’ultimo non mi sembra sbagliato, o no? (Si è sempre il discorso di usare l’indicativo e non il congiuntivo…).

    Mi può illuminare?

    Grazie infinite

    • Zanichelli Avatar

      Cara Silvia, dopo “penso che” è necessario il congiuntivo, “pendo di avere la febbre” è una frase corretta perché quando c’è identità di soggetto tra principale e subordinata è preferibile la forma implicita con l’infinito, mentre non è corretta la frase “penso che ho la febbre”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  169. Silvia scrive:

    Grazie, aggiungo una postilla…

    -Credo mi stia ammalando.
    -Credo di starmi ammalando.

    Quando c’è un verbo con ausiliare, la regola cambia? Perché da quello che si è detto dovrebbe essere sbagliata la prima frase e corretta la seconda, eppure mi suona abbastanza male. Forse però è solo l’abitudine…Grazie ancora e scusi per le domande un po’ banali, ma a volte mi vengono dei dubbi di questo genere, inoltre penso che la grammatica a scuola non sia studiata abbastanza (i miei ricordi risalgono alla prima media…).

    • Zanichelli Avatar

      Cara Silvia, il verbo “stare” non è un ausiliare; comunque sono corrette entrambe le frasi, nella prima la subordinata è esplicita (congiuntivo) nella seconda implicita (infinito), quest’ultimo caso è possibile se cìè identità di soggetto tra reggente e subordinata (in questo caso -io-).
      Un saluto
      Prof. Anna

  170. luciana scrive:

    Vorrei sapere se questa frase è giusta oppure no grazie:
    “Non sappiamo se arriverebbe in tempo”

    • Zanichelli Avatar

      Cara Luciana, la frase che mi scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  171. Bruno scrive:

    Gentilissima prof.ssa Anna, uno dei miei dubbi sull’uso del congiuntivo:

    È corretto dire: Volevo sapere (soggetto = io verbo = indicativo imperfetto) se fosse necessario……(se + congiuntivo) o si deve invece continuare ad usare l’indicativo anche dopo il se?
    Grazie infinite!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Bruno, si tratta di un’interrogativa indiretta e quindi anche l’uso dell’indicativo è corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  172. Floriana scrive:

    Cara prof si dice: non so se potesse essere lei o non so se potrebbe essere lei .. Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Floriana, in questo caso la frase introdotta da -se- è un’interrogativa indiretta e quindi l’uso del condizionale presente è corretto, anche perché la frase mi sembra si riferisca al presente e non al passato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  173. MariaL scrive:

    Buongiorno,
    sto scrivendo la tesi e mi è sorto un dubbio… in parte credo di aver trovato la risposta nella conversazione, ma non sono convinta e soprattutto non capisco per quale motivo mi suoni decisamente meglio l’uso del congiuntivo piuttosto che dell’indicativo.
    ecco la frese:

    “Ero sicura che si potevano/potessero attirare molti studenti a cui avrei voluto dedicare le mie attenzioni…”

    l’indicativo mi suona davvero male, non so se ciò sia dovuto a un mio errore, oppure a una qualche lieve sfumatura nel significato..
    grazie!

  174. Stefano M scrive:

    Salve Prof.Anna, è corretto solo ieri sera ho pensato che poco prima avesse capito male oppure si può dire anche ieri sera ho pensato che abbia capito male? grazie e buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, non è corretto in questo caso usare il congiuntivo passato, ma è corretto il congiuntivo trapassato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  175. Stefano M scrive:

    MI scusi, volevo anche chiederle se è corretto solo stavo pensando che avesse capito male oppure è ok pure stavo pensando che abbia capito male? grazie e buona serata.

  176. Stefano M scrive:

    Salve prof. Anna, la ringrazio per le sue risposte sempre chiare ed esaurienti e mi scusi se qualche volta ripeto le domande…Ho salvato tanti link di questo sito e a volte mi capita di vedere in ritardo qualche risposta e poi ho sempre tanti dubbi, a prescindere…Oggi sarò rapidissimo, e vorrei chiederle di illuminarmi con il verbo preferire. Ho questi dubbi: preferisco una persona che mi dica cosa pensa piuttosto di una persona che mi dica cosa non pensa; preferisco le persone che mi dicono o che mi dicano quello che pensano. Insomma credo abbia inteso la natura del mio dubbio. Nessun dubbi invece quando il che è subito dopo il preferisco… Saluti e buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, nelle frasi relative, come quelle che mi proponi, il congiuntivo viene usato se la frase ha un valore limitativo: in questo genere di frasi il congiuntivo esprime un requisito o una limitazione relativamente all’oggetto desiderato. Immaginiamo una frase nella quale il soggetto desideri qualcosa; se l’oggetto del desiderio è chiaro e il soggetto è sicuro di volerlo, la frase relativa avrà il modo indicativo e l’oggetto potrà essere preceduto da un articolo determinativo: – voglio comprare il vestito che ho visto ieri in quel negozio-, – cerco il libro che stavi leggendo l’altro giorno -, -preferisco le persone che mi dicono la verità -. Se invece il soggetto della frase desidera qualcosa, ma pone delle limitazioni, dei requisiti o delle condizioni, troveremo facilmente il congiuntivo. Se l’oggetto desiderato è un sostantivo spesso è preceduto dall’articolo indeterminativo: – Voglio comprare un vestito che sia economico, – cerco un libro che sia avvincente e divertente allo stesso tempo-, -preferisco una persona che mi dica cosa pensa-. Spero di aver chiarito il tuo dubbio.
      A presto
      Prof. Anna

  177. silvia g. scrive:

    gentile prof. anna
    qual è la frase corretta secondo Lei
    Bisognava che ti allenassi meglio oppure
    bisognava che ti fossi allenato meglio?
    non mi è sempre chiaro quando un imperfetto indicativo regge un imperfetto o un trapassato congiuntivo
    grazie e buona serata

  178. Bruno scrive:

    Gentilissima Prof.ssa Anna buon giorno,
    Sono impegnato nella lettura del romanzo di J. Joyce Ulysses e perciò sto leggendo i libri di critica/recenzione del medesimo romanzo, scritti da commentatori italiani.
    Ho visto che quando si riferiscono al romanzo non apostrofano l’articolo: trovo sempre “lo Ulisse” o “nello Ulisse” (un esempio da Umberto Eco: “Se si seguono le varie revisioni dello Ulisse”). Qual’è la regola in questo caso?
    Grazie infinite! Bruno Leone

    • Zanichelli Avatar

      Caro Bruno, solitamente usiamo “lo” se il nome dell’opera che segue è in lingua straniera “lo Ulysses”, la regola rimane comunque la medesima, infatti è corretto in ogni modo dire “l’Ulisse”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  179. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Mi piace, che Lei abbia consigliato questa lezione, che non mai abbia visto e l’ho guardato e studiato lungo, e rimangola su questa posta particolare che ho creato per le lezione che voglio studiare ripertamente, perché mi sono accorto che devo studiarla di nuova, perché dopo un periodo lungo l’ho dimenticato per un maggior parte. Laggiù ho anche le oltre lezione su questa tema installato, in questo modo le trovarò facilmente Solo mi sono sbagliato la frase 3, perché entrambi le frase mi pare possibile. Questo lezione studio ancore molto bene e poi risponderò le domande della lezione nuova. Mi sembra meglio. Prossimo Venerdì vedrò il mio medico della famiglia e poi posso chiedergli anche sull medicina nuova per i miei intensini, perché non credo di aver’ prescritto la dosa correttamente e vuoglio essere sicura sulle case da cui ho i miei dubbi e in ogni caso il mio piede sinistra si vede meglio di nuova, da cui sono contenta. Questa accumulo di liquidi e via oggi è spero che rimanga così.
    Con saluti cordiali dall’Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, sono contenta che il tuo piede stia piano piano guarendo!
      A presto
      Prof. Anna

  180. Fabio scrive:

    Salute prof.Anna,

    il mio dubbio è sulla correttezza (magari non è bellissima da sentire) della consecutio temporum nella seguente frase ” è come sei voi andaste dal vostro datore di lavoro e gli dite:”…..” ” …..

    Grazie per il prezioso supporto!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Fabio, la frase corretta è: “è come se voi andaste dal vostro capo e gli diceste”.
      A presto
      Prof. Anna

  181. Rino scrive:

    Penso che io abbia la febbre, perché non va bene?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Rino, la frase è corretta, ma quando abbiamo lo stesso soggetto nella principale e nella subordinata (in questo caso -io-) è più comune trovare la forma implicita: “penso di avere la febbre”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  182. pina scrive:

    Ciao, vorrei sapere se si dice .. ha raccontato come la sua famiglia in questo momento “abbia fatto” delle scelte importanti o …”ha fatto”…
    grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Pine, le oggettive introdotte da “come” reggono per lo più il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  183. Francesco scrive:

    Preg.mo Prof. ANNA,
    Le chiedo cortesemente di poter verificare
    il seguente periodo : ” Non voglio parlare
    di me…vorrei che oggi tu sorrida “.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Francesco, la frase corretta è: “non voglio parlare di me…vorrei che tu oggi sorridessi”, quando nella reggente si ha un verbo che esprime volontà o desiderio coniugato al condizionale (vorrei) per indicare un rapporto di contemporaneità o posteriorità si usa il congiuntivo imperfetto (come nel tuo caso: sorridessi), per indicare un rapporto di posteriorità si usa il congiuntivo trapassato.
      A presto
      Prof. Anna

  184. Mattia scrive:

    Gentilissima professoressa Anna,

    Quale delle due forme è corretta?

    – Mi piace che siete allegri
    – Mi piace che siate allegri

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mattia, meglio usare il congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

  185. didi scrive:

    Salve prof,leggendo una frase mi è venuto un dubbio.Si dice “l’amore è qualcuno che ti chiede (o che ti chieda?)se hai mangiato.”grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Didi, in realtà sono corrette entrambe le frasi, se usi il congiuntivo vuoi sottolineare il calore eventuale della frase, l’indicativo invece presenta l’azione come obbiettiva.
      Un saluto
      Prof. Anna

  186. Sofia scrive:

    Secondo lei è qual’è il modo più facile per imparare tutte queste regole

    • Zanichelli Avatar

      Cara Sofia, il modo migliore è sicuramente farne esperienza, quindi esercitarsi e provare a usarle nel parlato e nello scritto, senza paura di sbagliare. Attenzione, “qual è” si scrive senza apostrofo.
      A presto
      Prof. Anna

  187. Stefano M scrive:

    Buonasera Prof.Anna, avrei una questione da sottopore alla sua sempre cortese e gentile attenzione, nonchè pazienza: preferisco una verità che fa male ad una bugia che illude. Seguendo il suo discorso di un precendente messaggio, in questo caso uso indicativo xkè mi riferisco a un qualcosa di certo. Se invece pongo una condizione o requisito è corretto dire preferisco una verità che faccia male ad una bugia che illuda? Spero di aver capito, grazie e buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, la tua ipotesi è corretta, il congiuntivo sottolinea anche il valore eventuale della frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  188. Stefano M scrive:

    Buongiorno Prof. Anna, mi scusi se è un peirodo che pongo troppe domande ma dia pure precedenza agli altri utenti. il dubbio che ho oggi è se è più corretto dire le offerte di lavoro sono rivolte a persone che hanno o che abbiano determinati requisiti? La ringrazio e la saluto cordialmente.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano. sono corrette entrambe le frasi, dipende dalla sfumatura che il parlante vuole attribuire alla frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  189. Paolo scrive:

    Buongiorno, volevo porre la seguente domanda:
    sempre piu’ spesso si sentono espressioni del tipo:
    “che lo facesse / che telefonasse / che lo dicesse, ecc. ” (riferito a persone che dovrebbero fare qualcosa ).
    Mentre a me sembra piu’ corretta la forma:
    “che lo faccia / che telefoni / che lo dica, ecc.”
    Sono giuste entrambe le forme?
    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Paolo, come dici tu, è più corretto usare il congiuntivo presente, ma negli italiani regionali a volte si può trovare il congiuntivo imperfetto per esprimere una sollecitazione, questa forma non corrisponde all’italiano standard, ma è assai diffusa.
      Un saluto
      Prof. Anna

  190. Stefano M scrive:

    Cordialissima Prof Anna, sarebbe possibile sapere che tipo di subordinata è quella di questa frase? preferisco che una persona ci metta l’anima. credo si tratti di un’oggettiva o soggettiva solo che fatico ancora a distinguerle, mentre decisamente più agevole è ricooscere le relativa… La saluto, la rimgrazio e le auguro buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, si tratta di un’oggettiva.
      Un saluto
      Prof. Anna

  191. giovanna scrive:

    Buon giorno prof,ho un dubbio.questa frase è corretta o devo usare il congiuntivo.?”tu vivi nei miei sogni e ti auguro di realizzare i tuoi.”grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Giovanna, la frase che mi scrivi è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  192. Stefano M scrive:

    Prof. Anna, un cordiale saluto. Grazie per le sue risposte, sempre molto preziose. Potrebbe per favore farmi due esempi con la frase le offerte di lavoro sono rivolte a persone che hanno/abbiano determinati requisiti, così per capire meglio la differenza tra indicativo e congiuntivo? Mille grazie e buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, entrambe le frasi sono corrette e possono essere usate negli stessi contesti, ma usando il congiuntivo si sottolinea ulteriormente che l’oggetto cercato o desiserato è soggetto a determinati requisiti o limitazioni.
      Un saluto
      Prof. Anna

  193. Nur scrive:

    penso di aver fatto un errore nella seguente frase:
    “…forse sarebbe piu’ contento se qualcuno gli spiegasse che e’ per il bene della comunita’…”
    potete per favore aiutarmi a capire se l’utilizzo dei congiuntivi in questa frase e’ corretto o meno?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Nur, l’utilizzo del congiuntivo è corretto, si tratta di un periodo ipotetico della possibilità (forse sarebbe piu’ contento se qualcuno gli spiegasse), anche l’utilizzo degli altri modi verbali è corretto. Per approfondire questo argomento ti consiglio il seguente articolo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3565.
      A presto
      Prof. Anna

  194. Stefano M scrive:

    Buonasera Prof Anna, grazie per la risposta precendente e mi trovo davvero molto bene su questo sito, e trovo molto interessanti anche tutti gli altri argomenti, e non solo quelli inerenti alla lingua italiana. Oggi sarò più rapido che mai e le chiedo se è corretto dire ci lamentiamo che uno stato vada male. Userei il congiuntivo perchè esprimo uno stato d’animo, ma attendo il suo consiglio. Grazie e buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, con il verbo “lamentarsi” (mi lamento del fatto che) userei il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  195. Stefano M scrive:

    Buonasera Prof Anna, lei è sempre molto gentile e la ringrazio per le risposte recenti. Vorrei sapere, però, se in tutti i casi col verbo lamentare è meglio l’indicativo, oppure se in taluni casi è d’obbligo il congiuntivo. Leggo spesso frasi tipo: si lamentavano che facessi domande, si lamentavano che andasse in rovina la gente che non la pensava come loro. Anche in questi casi farei meglio ad usare indicativo, se non ho capito male? Non avrei dubbi, invece, nel dire non andava bene che facessi domande, ma aspetto sua conferma. Grazie e buona serata.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Stefano, è corretto usare il congiuntivo dopo “lamentarsi”, non considerare la mia risposta precedente.
      Un saluto
      Prof. Anna

  196. Jonathan scrive:

    Salve Prof. Ho una domanda io uso molto il congiuntivo presente Vengano es: “se loro vengano ” ” non so se vengano “…etc è un errore ? Grazie in anticipo

    • Zanichelli Avatar

      Caro Jonathan, le frasi che mi scrivi non sono corrette, nella prima è coretto il congiuntivo imperfetto se vuoi fare un periodo ipotetico della possibilità (ma dipende da cosa vuoi esprimere): “se loro venissero” o trapassato per un periodo ipotetico dell’irrealtà: “se loro fossero venuti” o l’indicativo per un periodo ipotetico della realtà: “se loro vengono”, per ripassare i periodiipotetici ti consiglio questi articoli: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3565; http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3634. Non so cosa vuoi esprimere ma se è una constatazione è corretto l’indicativo: “non so se vengono”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  197. giovanni scrive:

    se si vuole fare una modifica

    se si volesse fare una modifica

    quale delle due è corretta

  198. Simone scrive:

    Si può dire “come se sia” ? Ad esempio “vivi ogni momento come se sia l’ultimo”. Secondo me è sbagliato, ma l’ho sentito in una canzone, che per l’esattezza dice “vivi ogni momento, come se l’ultimo sia”.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Simone, l’utilizzo del congiuntivo presente non è corretto, è necessario usare il congiuntivo imperfetto: “come se fosse”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  199. Antonio scrive:

    Utile esercizio.

  200. Buongiorno,

    è più corretto dire:

    “non mi interessa come sei abituata” o utilizzare il congiuntivo “non mi interessa come tu sia abituata?”

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Alessandro, le proposizioni oggettive introdotte da “come” (come in questo caso) hanno solitamente il congiuntivo, ma la frase con l’indicativo non è scorretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  201. TiziaCaia scrive:

    Avevo un dubbio. Si può dire “come se non si sapesse chi vincesse”?

    • Zanichelli Avatar

      Cara TiziaCaia, è meglio dire “come se non si sapesse chi vincerà”.
      A presto
      Prof. Anna

  202. Valentina scrive:

    Gentile professoressa,
    nel romanzo che sto terminando di leggere, mi sono imbattuta in questa frase:”Non so quali sono i tuoi piani e non insisterò per saperli ma, se ti va, abito qui vicino e potresti venire a fare colazione. ”
    Secondo lei non sarebbe più corretto : Non solo quali siano i tuoi piani..ecc ?
    Grazie, saluti

  203. nico scrive:

    Gentilissima Anna, qualche giorno fa è stato approvato la bozza del nuovo codice degli appalti. All’art. 31 c’è scritto: “il RUP è nominato con atto formale del soggetto responsabile dell’unità organizzativa, che deve essere di livello apicale, tra i dipendenti di ruolo addetti all’unità medesima, dotati del necessario livello di inquadramento giuridico in relazione alla struttura della pubblica amministrazione ….. Non mi è chiaro chi deve essere di livello apicale, il “soggetto responsabile dell’unità organizzativa” o i “dipendenti di ruolo addetti all’unità medesima” ? Grazie mille!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Nico, direi “il soggetto responsabile dell’unità organizzativa”.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • nico scrive:

        Quindi, se ho capito bene, il livello apicale è riferito al responsabile dell’unità organizzativa e non alla categoria (livello) del RUP. Grazie professoressa!

        • Zanichelli Avatar

          Caro Nico, direi di sì.
          A presto
          Prof. Anna

  204. genny2705 scrive:

    ‘La vera differenza la fa se si spera o si teme di essere trattati per come si tratta’
    È corretta come frase?
    La ringrazio.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Genny, non userei il verbo “fare” ma semplicemente il verbo “essere”, “la vera differenza è se…”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  205. Pia scrive:

    Vorrei sapere se con il congiuntivo si potesse usare l’aggettivo qualcosa.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Pia, “qualcosa” è un pronome, è possibile usarlo in una frase con il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  206. Valentina scrive:

    Buongiorno,
    Ho un dubbio se nella frase che segue su debba usare il congiuntivo o sia corretto lindicativo:

    SE TI DICONO……non zarebbe corretti6dire se ti dicessero?

    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Valentina, sono corrette entrambe le frasi: qualla con l’indicativo esprime un’ipotesi reale, quella con il congiuntivo un’ipotesi possibile.
      Un saluto
      Prof. Anna

  207. Raffaella scrive:

    Buongiorno,
    Se sto parlando al presente, ma uso “come se” mi viene istintivo usare il congiuntivo al passato. Vorrei capire se è corretto o no.
    “E, come se stia per fare la cosa più naturale del mondo, si rimette in macchina” o “E, come se stesse per fare la cosa più naturale del mondo, si rimette in macchina”.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Raffaella, dopo “come se” ci vuole il congiuntivo imperfetto o trapassato se si vuole esprimere un’azione passata.
      A presto
      Prof. Anna

  208. Una buona idea questo sito

    • Zanichelli Avatar

      Caro Komla, benvenuto su Intercultura blog, se hai dubbi o domande non esitare a scrivermi.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • Enrico scrive:

        Ciao prof. Anna
        Ho un dubbio nella frase seguente:
        Siete rimasti male che io (sia o sono) andato a cena con loro !!

        • Zanichelli Avatar

          Caro Enrico, puoi usare l’indicativo.
          Un saluto
          Prof. Anna

  209. Chiara scrive:

    Si può dire: “mi sembra che domani c è lezione”.
    O si deve usare esclusivamente il congiuntivo? “Mi sembra che domani chi sia lezione”
    Grazie.

  210. Agnieszka scrive:

    Buongiorno,
    Mi potrebbe dare la risposta se sia giusta la frase :

    “vorrei chiederVi gentilmente a che ora si svolgesse l’esame?”

    Grazie in anticipo Agnieszka

    • Zanichelli Avatar

      Cara Agnieska, la frase corretta è: “vorrei chiedervi gentilmente a che ora si svolge (oppure “si svolgerà”) l’esame”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  211. Chiara scrive:

    Buonasera Prof.ssa!
    Mi domandavo se con il verbo “credere” fosse possibile utilizzare il modo indicativo in luogo del congiuntivo. Lei cosa mi dice a riguardo? Saluti, Chiara

    • Zanichelli Avatar

      Cara Chiara, è possibile usare solo l’indicativo futuro per esprimere un’azione nel futuro: “credo che arriverà presto”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  212. marco scrive:

    Buongiorno. Sono in contesa con un mio amico. Per me è corretto dire”prima che possa parlargli passera ‘ molto tempo” per lui”prima che potrò…” chi ha ragione?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, è corretto usare il congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

  213. Ada scrive:

    Finalmente una lezione completa sull’uso del congiuntivo assassino. O vittima?

  214. Gaia scrive:

    Buongiorno Anna,
    volevo chiederle un chiarimento su una frase: posso dire “Ci sono delle cose che vorresti che togliessi?” ?
    Basterebbe dire “che io togliessi” o è necessario cambiare la forma dei verbi
    La ringrazio molto

    • Zanichelli Avatar

      Cara Gaia, è corretto sia “che togliessi” sia “che io togliessi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  215. Giulio scrive:

    Buongiorno ho dei dubbi nell’uso del congiuntivo per due frasi .
    Volevo sapere se per favore mi potete aiutare a capire quale delle due è esatta.

    “Troviamo il punto che divide il ferro in due parti uguali” dal mio punto di vista è corretta la frase, tuttavia una persona che conosco mette in dubbio “il divide con il divida.

    Analogo discorso nella frase

    “tracciamo una linea sul retro del paraurti che indica la posizione del danno” o indichi ?

    Vi ringrazio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giulio, il congiuntivo nelle frasi relative si usa quando il soggetto della frase desidera qualcosa, ma pone delle limitazioni, dei requisiti o delle condizioni, il congiuntivo quindi esprime un requisito o una limitazione relativamente all’oggetto desiderato.
      Se l’oggetto desiderato è un sostantivo spesso è preceduto dall’articolo indeterminativo, quindi nella prima frase è corretto usare l’indicativo, ma sarebbe corretto anche il congiuntivo se la parola “punto” fosse preceduta dall’articolo indeterminativo, nella seconda frase è corretto usare il congiuntivo ma è possibile trovare anche l’indicativo. Per aprofondire l’uso del congiuntivo nelle frasi relative ti consiglio questo articolo: http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2013/03/14/il-congiuntivo-nelle-frasi-relative/.
      Un saluto
      Prof. Anna

  216. Spett.le prof. Anna, qual è la forma corretta:
    “Un uomo di colore impegnato in una rissa è andato bene che qualcuno non ha sparato” o “non abbia sparato”?
    Grazie. Cordiali saluti.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Cristian, in questo caso è corretto il congiuntivo, la frase corretta sarebbe: “un uomo di colore coinvolto in una rissa: gli è andata bene che qualcuno non (gli) abbia sparato”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  217. Gentile Prof.sa,
    per favore come si deve dire:
    – risulta pacifico che Mario Rossi può richiedere …
    – risulta pacifico che Mario Rossi possa richiedere …
    Grazie molte
    Giuseppe

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giuseppe, userei il congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

  218. Buonasera Prof.ssa Anna le chiedo se sia corretta la frase:
    “ho scoperto che esistessero gli tsunami quando in una delle puntate, dopo un terremoto, comparve dall’orizzonte un’onda anomala….all’epoca credevo fosse una fantasia…mah…!!!!…
    Forti emozioni…
    Sono stato bacchettato, e vorrei capire se ho commesso errori grammaticali lievi o imperdonabili. …Ringraziandola per la sua certa è cortese risposta, le porgo cordiali saluti.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Valerio, non userei il congiuntivo “esistessero”, ma l’indicativo “esistono” e “comparve all’orizzonte”, per il resto la frase è corretta.
      A presto
      Prof. Anna

  219. Buonasera, ho un dubbio linguistico, è corretto dire:”speriamo che non ci rispondino adesso…..”.
    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Cara Claudia, la forma del verbo corretta è: “che non ci rispondano”.
      A presto
      Prof. Anna

  220. Gent.ma Prof.ssa Anna,
    ho un forte dubbio su una frase che un collega mi ha riferito durante un colloquio; Mi disse: “non avrei mai pensato che sarebbe diventato magistrato”.
    Io gli ho obiettato che, in questo caso, fosse più giusto il congiuntivo, cioé: “non avrei mai pensato che fosse diventato magistrato.
    Secondo lei, quale è il modo verbale più giusto?
    La ringrazio e la saluto cordialmente.
    Eusebio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Eusebio, in questo caso si vuole esprimere un azione futura (sarebbe diventato) rispetto a un’altra che avviene nel passato (non avrei mai pensato) e quindi l’uso del condizionale passato è corretto che serve proprio ad esprimere posteriorità in dipendenza da un tempo passato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  221. Annalisa scrive:

    Dubbio:
    “Per non dimenticare come si fa…” o “per non dimenticare come si faccia…”.
    Grazie!

    • Zanichelli Avatar

      Cara Annalisa, l’indicativo in questo caso è corretto.
      Un saluto
      Prof. Anna

  222. Carlo scrive:

    Buona sera prof. Anna, mi saprebbe dire per cortesia se le due seguenti frasi sono corrette entrambe o solo la seconda?
    “Quando torni cosa pensi che potrebbe essere importante trovare in casa e che ora non hai?”
    “Quando torni cosa pensi che possa essere importante trovare in casa e che ora non hai?”.
    Ringrazio in anticipo e auguro buon Ferragosto.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Carlo, i modi e i tempi verbali sono corretti in entrambe le frasi, ma non ne capisco il significato (trovare in casa e che ora non hai?).
      A presto
      Prof. Anna

  223. Nik scrive:

    Gentile Prof. Anna,
    vorrei dissolvere il seguente dubbio: è grammaticalmente corretto dire “Penso che potrebbe sembrare…(eccetera)” oppure “Penso che possa sembrare…(eccetera)” oppure entrambe sono entrambe corrette? Perchè?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Nik, entrambe le frasi sono corrette, se si usa il condizionale si sottolinea il valore ipotetico della frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  224. Gianluca scrive:

    Ragazzi mi date la certezza matematica che venite al raduno?
    Questa la frase incriminata,non si doveva ( o poteva) usare “veniate” in luogo di “venite”?Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Gianluca, in questo caso è corretto usare l’indicativo e non il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  225. salva scrive:

    Questa frase è corretta?Comunicare alle famiglie,periodicamente , i risultati inerenti al profitto raggiunto, nonchè anomalie comportamentali che potessero nuocere alla personale crescita educativa ed alla vita scolastica

    • Zanichelli Avatar

      Caro Salva, sarebbe meglio usare il congiuntivo presente “possano”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  226. cira scrive:

    interessante

  227. Giusy scrive:

    Ultimamente mi erano sorti tant.mi dubbi sull’uso corretto del verbo con il famoso Se. Grazie ho imparato che debba fare un ritorno allo studio

  228. È giusto : Non vedevo l’ora di provare che si sbagliasse

  229. Vorrei sapere se è corretto scrivere : Penso che certa gente ha il dono dell’ubiquità …oppure Penso che certa gente ha il dono dell’ubiquità

    • Zanichelli Avatar

      Cara Enrica, dopo il verbo “pensare” è necessario usare il congiuntivo: “penso che certa gente abbia il dono dell’ubiquità”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  230. Katia scrive:

    Salve,
    È giusta la frase “mi accorgo sempre più di quanta ignoranza ci sia in giro”? O sarebbe meglio mettere l’indicativo presente “c’è”?
    Grazie.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Katia, sono corretti entrambi i modi verbali.
      Un saluto
      Prof. Anna

  231. Buonasera Professoressa,
    Leggo su un sito internet la seguente frase:
    “Cerchiamo partner che vogliano integrare il nostro know how alle proprie soluzioni”
    E’ giusto usare usare l’espressione “vogliano” in questa frase? non è più giusto utilizzare “vogliono”?

    Saluti

  232. Anita scrive:

    Cara Prof.ssa Anna,
    Per caso ho visto questa lezione e l’ho studiata un po’ e mi era chiara presto, quindi ho compieto le domande.
    Solo ho scelto la 6º frase scorretta, ma pensavo che Giulia fosse la 3º persona singolare, quindi questa frase “So che Giulia stia bene”, è corretta secondo me, ma la frase mi è venuto in rosso. Sono sorpresa da. Forse Lei mi spiegarebbe il mio sbaglio.
    Con cari saluti dal Olanda
    Anita

    • Zanichelli Avatar

      Cara Anita, la frase corretta è “so che Giulia sta meglio”, in questo caso usiamo la terza persona singolare del presente indicativo “sta” e non il congiuntivo “stia” perché dopo il verbo “sapere” è corretto usare l’indicativo e non il congiuntivo.
      A presto
      Prof. Anna

  233. Stefania scrive:

    Chissà chi volesse una mamma come te

    • Zanichelli Avatar

      Cara Stefania, in questo caso userei il condizionale: “chissà chi vorrebbe una mamma come te” per sottolineare il valore dubitativo della frase.
      Un saluto
      Prof. Anna

  234. Mauro scrive:

    Gent.ma ho un dubbio improvviso:
    Si invitano, pertanto, coloro che hanno maturato o abbiano maturato le giornate?
    Ringrazio in anticipo.
    Mauro

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mauro, le frasi sono entrambe corrette, l’uso del congiuntivo in questa frase, che è una relativa, assume un valore limitativo, cioè esprime un requisito o una limitazione (il requisito in questo caso è: che abbiano maturato le giornate).
      Un saluto
      Prof. Anna

  235. Maria scrive:

    Si dice: “tra le due non so chi è più bella” oppure “tra le due non so chi sia più bella”? O sono entrambe forme corrette?

  236. Sono soddisfatto di me stesso. Mi sono cimentato nella prova del congiuntivo qui sopra, le ho azzeccate tutte. Deve tenere presente che ho solo la licenza elementare, però essendo molto anziano forse influisce non poco il vissuto. Una cosa mi è stata rilevata tempo fa da un amico e cioè: quando scrivo la parola – QUI – tendo ad accentarla, mi si dice che è sbagliato; è vero? Grazie della risposta.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Simplicio34, ti faccio i miei complimenti per l’ottimo risultato.
      Su “qui” e su “qua” l’accento non si mette.
      Un saluto e a presto
      Prof. Anna

  237. Marco scrive:

    Gentile Anna sono corrette le seguenti frasi?
    1-non.so che tipi di dolci tu preferisca
    2-Mi sembra che la torta.sia riuscita bene
    3-marco pensava che il suo amico lo.aiutasse
    4-Era necessario che tu partissi
    5-Dubito che Maria arrivasse/o sia arrivata in tempo
    6-non ho capito cosa tu voglia/volesdi da me
    7-Speravamo che finissi I.compiti in tempo
    Grazie!!!!!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, le frasi che mi scrivi sono corrette, di seguito le opzioni giuste: 5- dubito che Maria sia arrivata in tempo; 6- non ho capito cosa tu volessi da me.
      Un saluto
      Prof. Anna

  238. Sergio scrive:

    Ciao Anna,
    Per queste frasi è’ meglio usare il congiuntivo presente o imperfetto?
    Dobbiamo andare a casa e mi piacerebbe che qualcuno ci accompagni.
    Dobbiamo andare a casa e mi piacerebbe che qualcuno ci accompagnasse

    Non e’ che sia particolarmente soddisfatto.
    Non è che fossi particolarmente soddisfatto

    Grazie mille

    • Zanichelli Avatar

      Caro Sergio, la frase corretta è “mi piacerebbe che qualcuno ci accompagnasse” perché quando abbiamo un verbo che esprime volontà o desiderio al condizionale nella frase reggente, nella subordinata avremo il congiuntivo imperfetto per esprimere anteriorità o posteriorità (http://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2016/12/01/il-condizionale-nelle-frasi-indipendenti/), nel secondo caso invece sono corrette entrambe le frasi, la prima (congiuntivo presente) si riferisce al presente, la seconda (congiuntivo imperfetto) invece al passato.
      Un saluto
      Prof. Anna

  239. Marco scrive:

    Buonasera Anna.Parlando di.congiuntivo spesso.nei.libri.base della.lingua italiana si.incontra la frase”stesse zitto”, ma ho letto che e”sbagliato….e”.corretto dire “Stia.zitto”.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, il congiuntivo imperfetto può prendere il posto del congiuntivo presente in una sollecitazione o un’esortazione, questo accade soprattutto negli italiani regionali centromeridionali, è preferibile però usare il congiuntivo presente.
      Un saluto
      Prof. Anna

  240. Gentile Anna, armato della sola licenza elementare, le chiedo un altro aiuto ( il 1° l’ho fatto il 27 u.s.), le chiedo in che casi va scritto QUEI o QUEGLI. A me parrebbero equivalenti. Sia paziente, me lo spighi. Grazie

  241. grace scrive:

    Sto aspettando che ci assumano.
    Sto aspettando che ci assumono.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Grace, è corretta la frase col congiuntivo: “sto aspettando che ci assumano”.
      A presto
      Prof. Anna

  242. Mac scrive:

    Una bella esercizio

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mac, sono contenta che ti sia sembrato un bell’esercizio.
      A presto
      Prof. Anna

  243. Mattia scrive:

    Salve, recentemente mi hanno fatto sorgere un dubbio sentendo dire la frase “Non è colpa mia se mi sentirei più rappresentata da un sasso piuttosto che da certi elementi”. Ora, io credo che la frase sia sbagliata e che davanti il se ci vada sempre il congiuntivo o l’indicativo, nonostante il fatto che, considerando il periodo nel suo complesso, dire “Non è colpa mia se mi sentissi rappresentata da un sasso…”. Effettivamente “suona” male in entrambe le forme. Che succede a questo punto? Si va avanti col congiuntivo nonostante suoni male all’orecchio? O altrimenti, non è possibile che sia sbagliata l’impostazione della domanda? Grazie anticipatamente e scusi l’eventuale ignoranza.

    • Zanichelli Avatar

      Caro Mattia, la frase non è sbagliata, in questo caso siamo in presenza di una proposizione soggettiva introdotta da “se” e il verbo può essere al condizionale. Ci sono altri casi in cui il “se” può essere seguito da condizionale, per esempio quando introduce un’interrogativa indiretta: “non so se sarei capace di farlo” oppure quando introduce una proposizione dubitativa: “vedi se potrebbe aiutarmi”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  244. Giac scrive:

    Buonasera, prof. Anna.
    Mi è sorto un dubbio leggendo una discussione su Facebook.

    Domanda: Questo è il mio disegno, che ne pensate?
    Risposta: Penso che è bellissimo!

    Di solito con il “penso” si usa il congiuntivo, ma in questo caso tale verbo è stato usato per richiamare la domanda e, probabilmente (in modo errato), come sostituto di “secondo me”. Quindi, in questo caso, non è giusto utilizzare il presente?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Giac, alcuni verbi possono avere sia il congiuntivo sia l’indicativo con sfumature diverse di significato, il verbo “pensare” è seguito da indicativo quando significa “essere convinto”, mentre è seguito da congiuntivo quando significa “supporre”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  245. silvio scrive:

    se avesse vinto il si ,oppure se avrebbr vinto il si

  246. Marcia scrive:

    Ciao. Mah si dice trovo che le regole andrebbero rispettate o si dice trovo che le regole vadano rispettate.?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Marcia, sono corrette entrambe le frasi.
      Un saluto
      Prof. Anna

  247. Viola scrive:

    Salve, cosa succede però quando il soggetto della frase con l’indicativo e il soggetto della frase con il congiuntivo coincidono e la frase si riferisce al passato?
    “In quel periodo credo che stavo leggendo la Divina Commedia”.
    “In quel periodo credo che stessi leggendo la Divina Commedia”.
    “In quel periodo credo di star leggendo la Divina Commedia”.
    Grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Viola, generalmente quando il soggetto della reggente e della subordinata è lo stesso si preferisce la costruzione implicita di+infinito, ma “stare+gerundio” tendenzialmente non si usa all’infinito, quindi o cambiamo costruzione “in quel periodo credo di aver letto la Divina Commedia” oppure usiamo la forma esplicita “credo che stessi leggendo”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  248. Gentilissima professoressa,
    Solamente oggi ho avuto la fortuna di incontrarLA mentre frugavo nel web alla ricerca del congiuntivo.
    Grazie.
    Mi consideri Sua fedelissima lettrice

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Antonietta, benvenuta su Intercultura blog! Se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  249. Carissima professoressa Anna,
    Non no messo la virgola prima di :mentre.
    Mi perdoni..
    Ancora grazie

    • Zanichelli Avatar

      Cara Maria Antonietta, la virgola in questo caso non è obbligatoria.
      Un saluto
      Prof. Anna

  250. Gent.ma prof Anna
    recentemente ho scritto la seguente frase: “… leggendolo, mi par d’intendere che vertesse al…”.
    Dovevo mettere :” che verta”, vero?
    Grazie! Buona domenica.
    Anna 🙂

    • Zanichelli Avatar

      Cara Annalisa, se ti riferisci a un’azione che avviene nel presente è corretto il congiuntivo presente.
      Un saluto
      Prof. Anna

      • si trattava di un mio intervento riguardo un articolo scritto giorni prima, ne deduco che avrei dovuto usare il presente.
        Grazie

  251. Francesco scrive:

    Salve, si dice “ora si spiega il perché tu abbia fatto ciò” o “ora si spiega il perché tu hai fatto ciò”? Qual è la regola da seguire in questo caso? Grazie!

  252. Semmai ce l’avessero mai avuta o
    Semmai ce l’abbiano mai avuta

    • Zanichelli Avatar

      Caro Caruso, meglio il congiuntivo imperfetto ed eviterei la ripetizione di “mai”.
      A presto
      Prof. Anna

  253. Ella scrive:

    “è frustrante il fatto ch’io non riesca a togliermelo dalla testa sebbene ABBIA/AVESSI conosciuto tante persone”

    • Zanichelli Avatar

      Cara Ella, è corretto: “sebbene abbia conosciuto”.
      A presto
      Prof. Anna

  254. mi puoi coregere queste quasi?
    1)nell’ipotesi che qualcuno di voi non posa essere presente alla consegna delle pagelle, vi avviso che potete ritirarle in segreteria
    2)Nel caso le mie foto siano venute male, mi potresti mandare qualche copia delle tu?
    3)Qualora tu desiderassi venire in viaggio con noi, accertati che il tuo passaporto non sia scaduto
    4)Se non era danneggiata dalle piogge acide, la Selva Nera sarebbe tra gli ambienti naturali più pittoreschi d’Europa
    5)Se arrivi prima tu, tienimi un posto vicino a te

    • Zanichelli Avatar

      Cara Itfrancescapa, la 4 non è corretta, è necessatio dire: “se non fosse danneggiata dalle piogge acide”. Le altre frasi sono corrette.
      Un saluto
      Prof. Anna

  255. Gentile professoressa, la frase ” non ci credo ma dicono che funziona lo stesso ” è corretta?
    Grazie per la cortese risposta
    Caterina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Caterina, la frase che mi scrivi è corretta.
      Un saluto
      Prof. Anna

  256. Posso sapere se questa frase è corretta?
    ” Direi che molti abbiano bisogno di ripassare le più semplici regole grammaticali”

    • Zanichelli Avatar

      Cara Morena, nella frase che mi scrivi il congiuntivo non è necessario, meglio usare l’indicativo “direi che molti hanno bisogno di ripassare”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  257. Teresa scrive:

    Accade nella vita che ci si appassiona ad un’ idea e che si voglia impegnarsi per realizzarla.

    • Zanichelli Avatar

      Cara Teresa, meglio usare il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  258. Teresa scrive:

    Gentile prof.ssa vorrei sapere se è corretto l’ uso dell indicativo del verbo appassionare nella frase che segue.O bisognerebbe scrivere appassioni?
    “Accade nella vita che ci si appassiona ad un’ idea e che si voglia impegnarsi per realizzarla.”

  259. nico scrive:

    Una lezione molto interessante dalla quale ho appreso molti spunti per correggere i miei errori grammaticali!

    • Zanichelli Avatar

      Caro Nico, se hai altri dubbi non esitare a scrivermi.
      A presto
      Prof. Anna

  260. Manuela scrive:

    Buona serata! Vorrei sottoporle una mia curiosità linguistica: é più corretto dire :” Credo che si DEBBA conoscere i segni” o :”Credo che si DEBBANO conoscere i segni”? Grazie. Manuela

    • Zanichelli Avatar

      Cara Manuela, la frase corretta è la seconda.
      Un saluto
      Prof. Anna

  261. marco scrive:

    non è giusto dire;penso che io abbia la febbre?

    • Zanichelli Avatar

      Caro Marco, la frase che mi scrivi è corretta, però quando la reggente e la subordinata hanno il medesimo soggetto (come in questa caso) è più comune trovare la forma implicita: “penso di avere la febbre”.
      Un saluto
      Prof. Anna

  262. MICHELA scrive:

    LORO PENSAVANO CHE POTEVANO RICANDIDARSI A BREVE. E’ CORRETTO?

    • Zanichelli Avatar

      Cara Michela, il verbo “pensare” è seguito da indicativo quando significa “essere convinti”, quindi in questo caso è corretto usare l’indicativo, per quanto riguarda l’uso dei tempi verbali, il tempo della dipendente all’imperfetto indica un rapporto di contemporaneità con il verbo della reggente anch’esso all’imperfetto, per esprimere posteriorità si sarebbe dovuto usare il condizionale passato: loro pensavano che si sarebbero potuti ricandidare a breve, quest’ultima soluzione sarebbe stata più corretta, in quento “a breve” indica un tempo futuro.
      Un saluto
      Prof. Anna

  263. Vicky scrive:

    Gentilissima Prof, potrebbe aiutarmi, ho un dubbio. Esempio: Io esco senza una giacca e prendo freddo, è corretto dire-
    Se io metessi la giacca non sentirei/non prenderei il freddo?
    Grazie mille!

    • Vicky scrive:

      Mi scuso, ho trovato un’altra cosa che non capisco, magari mi potrebbe chiarire anche questa.

      Se devo dire “Facciamo finta che…” dopo è corretto usare il verbo al congiuntivo oppure all’indicativo?

      Ho sentito due canzoni e nella prima si usava l’indicativo “Facciamo finta che io sono un re / Che questa è una spada e tu sei un soldato / Facciamo finta che io mi addormento / E quando mi sveglio è tutto passato…”,

      nella seconda invece il congiuntivo “Ombretta Colli – Facciamo Finta Che”

      E un’altra cosa, mi scuso per tante domande.
      Perché si dice “Spero che mi sono spiegato” e non “Spero che mi sia spiegato”? E’ perché parlo di me e non di un’altra persona?

      Grazie di nuovo.

      • Zanichelli Avatar

        Cara Vicky, se la frase è affermativa è possibile trovare l’indicativo, ma se la frase è negativa è meglio il congiuntivo “faccio finta che non sia mai successo”. Per quanto riguarda il secondo dubbio, il verbo “sperare” vuole il congiuntivo quindi la frase con l’indicativo non è corretta, ma è corretta “spero che mi sia spiegato”, quando abbiamo lo stesso soggetto nella reggente e nella dipendente, come in questo caso (io), è comune usare la forma implicita con l’infinito: “spero di essermi spiegato”.
        Un saluto
        Prof. Anna

    • Zanichelli Avatar

      Cara Vicky, la frase che mi scrivi è corretta, si tratta di un periodo ipotetico della possibilità, per ripassare questo argomento ti consiglio il seguente articolo: scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/03/15/il-periodo-ipotetico-della-realta-e-il-periodo-ipotetico-della-possibilita/.
      Un saluto
      Prof. Anna

  264. Fei scrive:

    Salve Anna,
    mi occupo di traduzioni giuridiche. Nelle frasi che iniziano con il “se” è meglio utilizzare il congiuntivo presente o il congiuntivo imperfetto?
    Un esempio: “Se il tribunale decida nel senso della sostituzione, il nuovo soggetto acquisirà il diritto di richiedere …”.
    Grazie.

  265. Cris scrive:

    Ciao,
    forse non è capito tutto ma ho un dubbio.
    Qui vedo che “⇒ il congiuntivo si usa con le espressioni: prima che, senza che, qualsiasi (qualunque), chiunque, comunque”

    ma doppo vedo che questa è la frase corretta: “Ti telefonerà prima che tu parta.”
    Invece io pensavo che era questa: ” Ti telefonerò prima che tu parti.”

    Aiutooo!
    Grazie mile.
    Cris

    • Zanichelli Avatar

      Caro Cris, “parta” è la seconda persona singolare del congiuntivo presente del verbo “partire”, mentre “parti” è la seconda persona singolare dell’indicativo presente del verbo “partire”; è corretta la frase con il congiuntivo.
      Un saluto
      Prof. Anna

  266. Cristina scrive:

    Signora Anna salve,mi imbatto a caso in questo sito perché sto cercando informazioni specifiche riguardo l’uso del congiuntivo e trovo scritto:
    Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi ripassiamo un importante modo verbale: il congiuntivo.

    Vedremo insieme come si coniuga e soprattutto quando deve essere usato.

    Buona lettura!

    Prof. Anna

    Ma non si dovrebbe scrivere: …vedremo insieme come si coniughi ….e soprattutto quando dovrebbe essere usato.
    Credo sia un congiuntivo e non un presente il modo verbale che più si addica a questa frase.
    Discorso ipotetico: si avanza l’ipotesi o comunque si parte dal presupposto che si sappia presumibilmente coniugare il verbo al congiuntivo e contestualmente si sappia usarlo ed inserirlo nella frase.
    Le scrivo proprio per porle una domanda : potrebbe essere cambiato qualcosa riguardo l’uso del congiuntivo da 30 anni a questa parte?..forse l’impostazione attuale delle frasi non richiede più l’uso rigido del congiuntivo?
    Ho letto domande simili alla mia tra i suoi lettori e spesso vedo come risposta che non si debba usare il congiuntivo ma l’indicativo.Es.: Paolo lamenta che Giorgio disubbidisca!
    Lei suggerisce l’indicativo, ma io non sono d’accordo e credo che possa essere il congiuntivo la forma verbale più adatta perché il senso della frase è che Paolo lamenta che Giorgio(presumibilmente)disubbidisca! essendo l’obbedienza o la disobbedienza un valore non assoluto e non uguale per tutti.
    Ci sono altri innumerevoli esempi qui abbastanza simili..
    Grazie
    Cristina

    • Zanichelli Avatar

      Cara Cristina , le frasi introdotte da “come” e “quando” sono interrogative indirette, questa tipologia di subordinate possono avere l’indicativo, il congiuntivo (usato soprattutto per sottolineare il valore dubitativo della frase) e il condizionale, per sottolineare che quanto espresso nell’interrogativa è soggetto a una condizione (anche sottintesa). Il verbo “lamentare” non necessita del congiuntivo, non esprime di per sé un dubbio, un’ipotesi, un desiderio o una volontà, ma in questo caso significa “segnalare, denunciare qualcosa di negativo”, usare il congiuntivo non è però scorretto se si vuole conferire alla frase una sfumartura dubitativa
      Un saluto
      Prof. Anna